MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

sabato 7 marzo 2015

QED 44: Varoufake e gli 00740



Paris, le 12 juin 1942.

A M. Darquier de Pellepoix.

Paris.

Monsieur,

J'ai l'honneur de présenter à votre haute et bienveillante attention l'exposé suivant :

Garde assermenté, au cimetière du Père-Lachaise, nous avons parmi nous un nommé Elia Kougel, Juif 100 p. 100, sans aucune référence militaire, sans avoir jamais figuré sur les listes de classement des emplois réservés ; il a été nommé alors que les Français mutilés de 1914-1918, continuent à « sécher » sur lesdites listes précitées.

Comment se fait-il aussi que cet individu ait été assermenté avant d'être naturalisé ? Sa naturalisation serait aussi le fait d'influence que vous connaissez, de l'ancien régime. En tout cas, sa présence dans l'administration est des plus suspectes. Son aplomb insolent, tant dans le cimetière qu'au dehors, est un défi révoltant ; ayant déclaré un jour à haute voix : « Les Juifs en connaissent plus long que les Français. » II a été appelé plusieurs fois à l'hôtel de ville pour sa situation de Juif, mais il est toujours retombé sur ses « pattes ». Par suite de quelles influences occultes ?

Il s'était fait octroyer la Carte du combattant, par fraude sans doute, mais on la lui a tout de même retirée.

En attendant, ce cas ne peut s'éterniser, son dossier doit être riche en surprises. Il serait ridicule que les uns aillent de l'avant pour se laisser étrangler par derrière.

En conséquence, je viens vous demander qu'une enquête sévère soit faite sur cet individu, qui occupe un emploi dans l'administration et qui ne lui est pas dévolu.

Dès maintenant, il s'agirait de savoir de quelle autorité il est exempt, d'après lui, de porter l'insigne « Juif ».

Croyez, monsieur Darquier de Pellepoix...





73 years later...







Non credo ci sia dimostrazione più evidente del fatto che la Grecia è un paese occupato. Tsipras è il Pétain di questo tristo regime di Vichy, e Varoufakis, l'esperto di teoria dei giochi che non sa bluffare nemmeno avendo in mano un poker d'assi, è il simpatico Céline di questo tristo regime, condividendo con lo scrittore la propensione alla delazione, e anche una certa arte di dire tante parole per non dire in fondo nulla se non che la guerra è brutta (signora mia!), e che i poveri stanno peggio dei ricchi e hanno diverse priorità. Tonnellate di pagine riassumibili in un profilo twitter, così come qua sotto avete tonnellate di parole riassumibili in un "So what?":




D'altra parte, che finisse così, con la delazione spicciola, potevamo anche immaginarcelo, noi. Abbiamo visto quali persone frequentasse questo genio della finanza (e già questa era una garanzia). Abbiamo visto quali importanti e prestigiosi intellettuali ed economisti italiani hanno creduto in lui, da Iodice a Fugazzi (chi? Appunto!).

Noi naturalmente non sapevamo nulla, noi, no, certo, non essendo noi parte di una rete internazionale che si sta adoperando per cambiare le cose e le cambierà (sono a Parigi per turismo, va da sé), e quindi dare retta a noi, che non sappiamo nulla, capiamo che non si potesse fare, anche quando abbiamo detto come al solito prima di ogni altro tutto quello che c'era da dire (e tutto quello che potevamo dire) sul simpatico Pétain.

Ma anche senza sapere nulla, ciò che era evidente non poteva non essere visto. E l'evidenza era quella che dall'inizio di questo blog ho cercato di porre, inutilmente, alla vostra attenzione: la menzogna genera violenza, e nel caso del grecuzzo de cujus quella forma particolarmente odiosa e devastante di violenza che è la delazione. Una violenza che lacera il tessuto sociale già dilaniato oltre il concepibile ed il sopportabile di un paese che è da due secoli riserva di caccia dei nostri cugini alemanni, ai quali Varoufake promette lo scalpo dei suoi fratelli.

Ma attenzione: Varoufake (copyright Vulcanelios) non sguinzaglia i suoi 00740 (definizione di Rockapasso) per mero caso.

Lo fa perché ha mentito fin dall'inizio, perché fin dall'inizio ha disconosciuto il ruolo dell'euro nella crisi del suo paese, perché fin dall'inizio, per convinzione, e non per i motivi tattici che i "fuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuurbi" gli attribuiscono, ha difeso l'euro, cioè la menzogna.

Il risultato non poteva essere che questo: il fomentare la guerra fra poveri, sulla base del frame autorazzista "castacriccacorruzioneevasione" che non spiega nulla in Grecia come non spiega nulla da noi, perché indica un problema che alla crisi preesisteva, e che sarà uguale dopo la crisi, oltre a non essere particolarmente più grave che in tanti altri paesi, né drammaticamente rilevante e risolutivo dei pretesi problemi di finanza pubblica del paese (e ve lo dice un tedesco, anzi due), che poi erano ab origine problemi di finanza privata (e ve lo dice un portoghese che lavora per i tedeschi).

Ma queste cose le sapete già, per voi sono banali...

E allora, però, tenetene conto: soffermatevi sulla miseria umana di chi, arrampicandosi sugli specchi, cerca contro ogni evidenza di difendere il sistema. Sulla miseria umana, insisto. Perché per essere disposti a credere in Varoufake, cioè nell'euro (ovvero nella sua riformabilità a botte di pugni sul tavolo) non basta essere poco accorti: occorre essere disposti a passare su qualsiasi cadavere pur di non ammettere di aver sbagliato.

Persone così abiette sono pericolose, come pericoloso, in tutta evidenza, è il loro effimero idolo.

Ora mi crederete, spero. Ma laddove non intendiate farlo, non preoccupatevi: va bene così. A Buchenwald forse ci finirò io, ma potreste anche finirci voi. Io cosa sta succedendo lo vedo (e ve l'ho dimostrato). Molti di voi no (perché qui ce ne sono di piddini, oh, quanti ce ne sono!). Saetta previsa vien più lenta. Del resto, Modigliani finì al MIT, e i bandieristi ad Auschwitz.

Attenti a credere al regime!

Ah, naturalmente: buona fortuna!



(...e attenzione, perché se il buon giorno si vede dal mattino, dopo gli ortotteri e i delatori arriveranno gli impodenti: stessa menzogna, stesso fallimento: tre facce, una razza di...)

40 commenti:

  1. Che poi la teoria dei giochi sarebbe anche giusta, l'unica cosa che non hanno capito gli EconomistiIntellettualiDiSinistraItaliani, è che il gioco lo stavano facendo le ISTITUZIONI, aka TROIKA aka FMI-BCE-UE, che per il caso greco possiamo sicuramente ricondurre al famoso tresette col morto (greco).

    RispondiElimina
  2. Sbaglio o l'istituzione del 117 in Italia nacque più o meno dagli stessi presupposti? Favorire le segnalazioni anche anonime di presunti comportamenti scorretti alla GdF. Non mi sembra si sia rivelata l'arma decisiva nella lotta all'evasione in Italia. In ogni caso, ripeto in questo spazio il mio commento di allora: uno Stato che si affida alla delazione è uno Stato che ammette palesemente di non essere in grado di garantire il rispetto della legalità, che dovrebbe essere sua prerogativa esclusiva. Dopodichè, anche l'intenzione di fomentare una guerra tra poveri per giustificare interventi che limitino la libertà dei cittadini, non è assolutamente da escludere. Questo secondo aspetto è, a mio modesto avviso, molto più grave del primo perché fatto con l'intenzione di reprimere i propri concittadini.

    RispondiElimina
  3. Varufake.........
    To-morrow, and to-morrow, and to-morrow,...................................
    it is a tale told by an idiot, full of sound and fury, signifying nothing.

    RispondiElimina
  4. Da quando ho chiaro a cosa serva tutto questo (finto) rigore fiscale gli evasori mi risultano più simpatici e il trattore che mi fa il conto su un pezzo di carta mi appare un po' come un "resistente". (Io ero uno che chiedeva la ricevuta pure dal bujaccaro). L'idea di Varifakis è inattuabile e inutile, quanto ai grillini e podemos i primi ora sono no euro (fuori tempo massimo magari e co sta cosa del referendum che...)gli spagnoli staremo a vedere ma temo il prof. Abbia ragione. Oltretutto Grecia o Spagna, mi sa che gli unici che avrebbero un minimo di potere contrattuale per discutere uno smantellamento concordato saremmo noi e il fatto che cincischiamo così ci rende come italiani responsabili anche nei confronti degli altri più piccoli e più ricattabili. Nel frattempo i piddini al governo preparano il terreno per il grande esproprio in arrivo (limitazioni all'uso del contante, controllo sui conti correnti privati, fatturazioni elettroniche alla PA e split payment dell'IVA... Ecc ecc) non si muove euro che l'amministrazione non lo sappia e ne intercetti una parte. Tanta efficienza da parte di un amministrazione che per decenni ha sonnecchiato... Perché? Forse perché si stanno rivelando per quello che sono, i grandi gabellieri per conto dell'impero; uno sceriffo di Nottingham al cubo.

    RispondiElimina
  5. Obbrobbbrio per il delatore Cèline, che tuttavia un posto di rilievo nella storia della letteratura ce l'ha. Mentre il grecuzzo de cujus un posto l'avra pure lui, ma nel IX cerchio dell'Inferno, in compagnia del conte Ugolino e di Giano di Maganza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che sulla delazione ci sono dubbi (vedi link). Il resto lo dico solo per far incazzare Marco Basilisco (Erick purtroppo non legge l'italiano, altrimenti mi toglierebbe il saluto).

      Elimina
    2. Meno male. Mi ero trattenuto a stento, non riuscivo a farmi una ragione che desse credito al santino.

      Elimina
    3. E' vero. Tutto è incerto ("a priori non"), tranne la maldicenza. E Tartre c'ha messo del suo. Per fortuna che almeno Trotsky c'ha visto (letterariamente) giusto. Marco Basilisco potrà tirare un sospiro di sollievo

      Elimina
  6. Facendo una breve riflessione ho capito quale è stato il vero successo di Trippas e la sua orchestra. Avendo potuto ridenominare la Troika come ISTITUZIONI, hanno rilanciato il made in Grecia con la Ridenominazione di Origine Controllata e Garantita (R.O.C.G.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche lui si sta rivelando un gran figlio di troika.

      Elimina
  7. Questa estate si va in vacanza in Grecia, e paga tutto Varoufakis!

    RispondiElimina
  8. Un'alba dorata attende la Grecia, e noi con essa. Me ne dolgo, ma nessuno potrà dire che non era stato avvertito.

    RispondiElimina
  9. Prof. Bagnai, è qualche tempo che seguo il suo blog in silenzio e in modestia ... per capire. Ho letto i suoi libri che mi hanno dato molte risposte e ........ che mi hanno terrorizzato!! Come insegnante delle superiori ho iniziato a parlare di questi problemi ai ragazzi, tutti affetti da un opprimente senso di insicurezza e impotenza che non sanno spiegarsi. Ora anche loro, che sono il nostro futuro, iniziano a comprendere .... e questo è già un passo importante. Se son fiori fioriranno. Buona giornata e buon lavoro.

    RispondiElimina
  10. "impodenti" ma anche im-PUDE-nti



    P.s.: 00740 è ottima, purtroppo denuncia il fatto che SAR Rodelinda II è ggiovane da molte primavere (come il fatto di averla capita lo rivela del sottoscritto del resto…)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo sempre sostituirlo con 00730, anche se nessuno sa cosa sia, e sicuramente non sarà una bella sorpresa... Comunque non nascondo i miei 51 anni, anzi ne vado fiera. Quando ero ventenne il cavaliere nero mi ignorava per fare la corte alle donne mature, da qualche tempo sono finalmente rientrata nel target...

      Elimina
    2. Tutto arriva a chi sa aspettare...

      Elimina
    3. Dipende... devi aspettare la cosa giusta per te, altrimenti potresti aspettare inutilmente. Ma io lo sapevo come sarebbe finita. O iniziata?

      Elimina
    4. Tesoro, se leggi nei miei occhi c'è scritto "fine pena mai". Quindi non è finita, per te c'è una vita...

      Elimina
    5. O Signur, ho attizzato una querelle famigliare... da cui prudentemente mi sfilo.

      P.s.: comunque complimenti a SAR, non avevo mai conosciuto una signora che si AGGIUNGE degli anni... :-)

      Elimina
  11. Orrendo. Chi si presta a questo schifo, merita tutto. Chi lo ha inventato, vedete voi.

    RispondiElimina
  12. ....Minkia che ideona quella di sguinzagliare la milizia di poveracci su altri poveracci. Io credo che farebbero bene a non dimenticare che, a meno che non porti una divisa, uno che fa quel lavoro in genere viene definito un "infame"... ed agli infami non è che venga riservato un trattamento particolarmente gradevole. Mah......privatizzazione, mercato, efficienza......che figata la vita da schiavi. Sono nauseato

    RispondiElimina
  13. Se Vakoufake avesse implementato questa "strategia" ai fini (reconditi) del Greecexit, direi che sta prendendo per i fondelli la UE. Invece, purtroppo, sta prendendo per i fondelli il suo popolo. La lotta all'evasione è una cosa seria, non la si può lasciare nelle mani di delatori improvvisati, con una metodologia petainista. Tra l'altro, a chi gioveranno gli equivoci e gli errori "valutativi" che inevitabilmente ci saranno e che colpiranno non già i ricchi ma i presuntamente percepiti tali, visto che l'invidia è zelante consigliera?

    RispondiElimina
  14. Aggiungo la nonchalance con cui è stata pubblicata la notizia sui principali quotidiani italiani e la totale indifferenza con cui è stata letta dagli italiani.

    RispondiElimina
  15. La cosa paradossale è che ciò dovrebbe piacere a chi spera nella morte dello stato. In che tempi stiamo vivendo? Forse in quelli in cui muore il diritto ancor prima di qualsiasi altra cosa.

    RispondiElimina
  16. Concordo con la tua analisi parola per parola. Nel profondo so che hai ragione e lo hai ampiamente dimostrato, voglio illudermi che alla fine arriverà un colpo a sorpresa anche se non esiste alcunché che lo faccia presagire. Buon week-end

    RispondiElimina
  17. Il discorso di Vakoufake nel video,mi sembra quei corsi di retraining per ringalluzzire venditori porta a porta.

    RispondiElimina
  18. "Stabilito tutto questo, si favorì anche la delazione; questo mezzo barbaro che
    permette di moltiplicare gli atti arbitrari così abituali presso tutti i
    tiranni, fu approvato all'unanimità e con entusiasmo.
    Fu stabilito che ad ogni soggetto che avesse mosso accuse contro un altro
    sarebbe stata ridotta della metà la pena quando fosse risultato colpevole.
    Il che non impegnava minimamente nessuno; chi denunciava un altro, infatti,
    ignorava totalmente quale sarebbe stata l'entità della punizione che avrebbero
    dovuto dimezzargli, per cui era molto facile punirlo come si voleva e
    convincerlo che in ogni caso ci aveva guadagnato.
    Si stabilì e si rese pubblico che la delazione sarebbe stata accolta senza prove
    e che bastava l'accusa di un soggetto qualsiasi per essere immediatamente
    segnati."
    D.A.F. de Sade, le 120 giornate di Sodoma

    "Da ogne bocca dirompea co' denti
    un peccatore, a guisa di maciulla,
    sì che tre ne facea così dolenti.

    A quel dinanzi il mordere era nulla
    verso 'l graffiar, che talvolta la schiena
    rimanea de la pelle tutta brulla.

    «Quell' anima là sù c'ha maggior pena»,
    disse 'l maestro, «è Giuda Scarïotto,
    che 'l capo ha dentro e fuor le gambe mena.

    De li altri due c'hanno il capo di sotto,
    quel che pende dal nero ceffo è Bruto:
    vedi come si storce, e non fa motto!;

    e l'altro è Cassio, che par sì membruto.
    Ma la notte risurge, e oramai
    è da partir, ché tutto avem veduto»"
    Inferno, Canto XXXIV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai evocato in me la pietosa scena dei delatori del Girone del Sangue , nella trasposizione cinematografica di Pier Paolo Pasolini

      Elimina
  19. Aggiungere odio è l'ultimo ingrediente per completare la ricetta.
    Poi si mette tutto in forno e si aspetta...fino al botto.
    Vero fack he

    RispondiElimina
  20. Dilettante, deve imparare a multare oltre a quelli che non emettono scontrino anche chi non lo prende o lo butta troppo presto come succede nella nostra società avanzata,

    RispondiElimina
  21. Ripostata stamattina la foto nel gruppo Fbook irriducibile alla ragione e quasi tutto inneggiante a Varouf...uffa.

    Non oso andare a leggere i peana a suo favore, le giustificazioni e le fini analisi, cioè la Varouvacchate che penso siano già state scritte, tanto più che ho espresso il sospetto che la sinistra voglia incrementare l'odio sociale.

    Naturalmente mi riferivo alla sinistra GRECA, eh eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Odio sociale: un concetto del ventennio che evidentemente gira con le sue gambe!

      Elimina
  22. Verrofake si può dire o il blog non è adatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande definizione! Considerando che è il ministro delle finanze di uno dei PIGS. Però visto che il suo paese lo sta vendendo sarebbe meglio la versione femminile... e così abbiamo santificato anche l'ottomarzo...

      Elimina
    2. @ Marco S.

      Ma non perde/perdi occasione...

      Neppure io, se, da sventurata, rispondo.


      L'8 marzo è una festaccia.

      "Lotto(in)marzo, aprile, maggio, giugno...

      Elimina
    3. Cara Gertrude, ogni lasciata è persa!

      Elimina
  23. Gent.mo Professor Bagnai,

    per la nostra causa può essere utile questo video realizzato da Povia?

    https://www.youtube.com/watch?v=K-ecOmENIhM&t=19

    Maria Ester

    RispondiElimina
  24. In uno stato sovrano pagare le tasse é un dovere del cittadino chi non lo fa é un ladro. In uno stato occupato non pagare le tasse é un atto rivoluzionario chi non le paga é un patriota. Dipende tutto dal tipo di stato che vuole Tsipras

    RispondiElimina
  25. Oggi leggo che VarouFake ha minacciato, nel caso il piano greco non venisse accettato, di indire un referendum sull'euro. Siamo in pieno repertorio dei Fake?

    RispondiElimina
  26. Prima o poi unilateralmente o in maniera controlla l'euro zona si smantellerà , a me dispiace che Tsipras e il suo Ministro dell'economia non vogliano accettarlo e desta almeno a me preoccupazione un futuro governo Greco monocolore di Alba Dorata al 50% con annesse camicie brune , perché il rischio concreto è questo alla faccia di chi ha ripetuto a pappagallo che si era entrati in Europa per non farsi più la guerra!

    RispondiElimina