venerdì 5 agosto 2022

La follia

(...non ho ancora risposto ai vostri numerosi contributi in calce al post precedente: purtroppo ero impegnato in Commissione sulla riforma del processo tributario, un tema che non appassionerà molti di voi, tranne quelli che sanno di che si tratta perché ci hanno avuto a che fare - per colpa loro o dell'amministrazione! Si stava verificando uno strano paradosso: i partiti "europeisti" stavano mantenendo un comportamento velatamente ostruzionistico rispetto a questa riforma, che come ora tutti sanno - perché gliel'ho spiegato io:


è prevista dal PNRR [il famigerato milestone M1C1-35 necessario per la rata di dicembre 2022], in un tanto sospetto quanto convulso conato di portare in approvazione la delega fiscale, un provvedimento che invece:

  1. non era richiesto dal PNRR (sfido chiunque a dimostrarmi a quale milestone corrisponda e quale rata sarebbe bloccata dal rinvio di questa approvazione);
  2. non aveva tempi tassativi di lavorazione, non essendo un decreto legge, ma anzi, essendo un disegno di legge di iniziativa governativa, che quindi per prassi parlamentare non sarebbe decaduto nella legislatura successiva (cose che invece accade ai disegni di legge di iniziativa parlamentare);
  3. non registrava né aveva registrato un'ampia maggioranza, come confermato dalle parole del Signor Presidente del Consiglio dimissionario, prof. Draghi, che nella sua penultima allocuzione al Senato ebbe a dire: "Le riforme del CSM, del catasto, delle concessioni balneari hanno mostrato un progressivo sfarinamento della maggioranza" (qui). Lo "sfarinamento" della maggioranza sulla delega fiscale (=catasto) implicava che questa delega non rientrasse nel perimetro descritto dal Signor Presidente del Senato per gli atti che potevano essere lavorati a Camere sciolte: "l'attività legislativa dell'Assemblea e delle Commissioni, secondo la prassi parlamentare, sarà limitata all'esame di atti dovuti, quali i disegni di legge di conversione dei decreti-legge e gli atti urgenti connessi ad adempimenti internazionali e comunitari, come gli atti di attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, nonché eventuali disegni di legge sui quali si registra un ampio consenso [non sfarinato, NdCN]." (qui)

Certo, per i volenterosi carnefici dell'Europa approvare una delega fatta dalla sinistra e comprensiva di una riforma del catasto che, per quanto sminata, noi non volevamo, e al contempo farci fallire un obiettivo PNRR, esponendoci alle ritorsioni della Commissione, avrebbe significato fare filotto! Avrebbero dato a noi la colpa del loro fallimento nel raggiungere un "mailston" PNRR e delle imposte volute da loro!

Purtroppo qualcuno stava sorvegliando, e in che modo questa sorveglianza si sia concretizzata lo saprà solo chi accederà ai capannelli "gold" del prossimo goofy (quelli senza cellulare e per i soli follower conosciuti). In ogni caso, ha funzionato, come dimostrano certi scleri:


puerili e disinformati (i disegni di legge di iniziativa governativa non decadono ed è interesse della prossima maggioranza riformare rapidamente il fisco, ma non alla piddina), cui è stato agevole e divertente rispondere:


Sparare sulle ambulanze - e io a Misiani voglio bene! - è il bello della campagna elettorale!

Lo si vede anche in altre dinamiche, che dimostrano fra l'altro come Lastampa competente si stia rapidamente schierando con i nuovi potenti pro tempore. Guardate ad esempio questo capolavoro informativo del dott. Cimmarusti:


dove "poi sostenuto anche" va tradotto in "presentato prima", perché quell'emendamento in effetti era abbastanza trasversale, come potrete verificare qui, e in particolare era anche mio, con la significativa differenza che io, sapendo che razza di imbecilli possono essere gli economisti "puri", li avevo esclusi dal novero di quelli che possono giudicare su una materia così complessa e specialistica come quella tributaria. Fa sorridere l'inchino del Sole 24 Ore a Fratelli d'Italia, come fa sorridere che certi giornali continuino a non riconoscere il nostro lavoro. Una disonestà intellettuale che dovrebbe darvi un segnale preciso, ed è solo per questo che ve la evidenzio. A me non interessano certo le bandierine: a me interessa che le cose si facciano, e questo richiede, come ci siamo spesso detti, che chi lavora lo faccia nell'ombra, visto che il buonsenso ha nemici potenti. 

Tuttavia, il fatto che non abbia potuto lavorare personalmente ai vostri suggerimenti, né abbia potuto rispondergli, non significa che essi siano andati persi. Rischiano di andare persi quelli di chi non ha fatto come dicevo io, cioè non li ha messi come commenti al post, per il semplice motivo che io non sono la vostra segretaria e se vi ho chiesto di mettere le proposte in un post c'è un motivo semplice: che così potevo girare a chi di dovere un unico link, anziché mille email o whatsapp. Non c'è amicizia che tenga: nessun mio amico vale più del mio tempo quando il mio tempo è vostro, perché mi serve per realizzare vostri obiettivi. Non ho tempo di dire le cose più di una volta.

Il post è stato girato al coordinatore del Dipartimenti sen. Siri che ha incaricato alcuni nostri tecnici, con cui sono in contatto, di selezionare le proposte migliori. E se sapeste chi sono questi tecnici (ogni tanto li vedete in televisione, senza sapere che sono nostri tecnici), e foste in grado di apprezzarne la qualità (il che presupporrebbe una certa preparazione), sareste molto fieri di quello che siamo riusciti a costruire qui: una community di persone sensate, in grado di formulare proposte di una qualità tecnica tale da poter essere considerate utili, innovative, meritevoli di sostegno dall'élite tecnica del Paese. Perché qui c'è anche l'élite tecnica del Paese.

Ora, la domanda cui volevo portarvi è questa: perché? Che cosa spiega la qualità di questa community?

E la risposta è semplice: perché da qui è sempre stata tenuta lontana la follia...)


Ieri stavo guidando verso una spiaggia, da dove domani ripartirò verso il mio collegio, quando travedo la notifica di una persona che ammiro e stimo (in buona compagnia: la vostra): "Mi spieghi?"

Una richiesta così insolitamente imperativa da parte di una persona normalmente molto rapida nella comprensione dei fenomeni suscitava un certo sgomento. "Oddio!" mi veniva da pensare: "Non sarà entrata anche lei in modalità 'Radames discolpati!' per via di qualche bufala fatta circolare in rete dalla solita gentaglia? Non potrei sopravvivere alla delusione...".

Immediatamente chiamo, e mi viene rappresentata questa situazione: pare che un tweet in cui lo scorso anno Claudio Borghi ipotizzava come data per le elezioni il 20 settembre 2022 sia il fulcro di un delirio complottista-vittimista di cui qui vi produco una diapositiva:


Quindi sì, in effetti le cose stavano un pochino come pensavo io, con una qualificazione in più, però: questa persona, molto lucida, mi descriveva la galassia anti come un verminaio di persone ambiziose e rissose, da cui le poche voci preparate e oneste si stavano rapidamente distanziando (con l'eccezione di qualche ingenuo), e inseriva questo episodio nel contesto di un suo tentativo di salvare qualche uomo di buona volontà dalle seduzioni delle fetecchie, tentativo per esperire il quale aveva bisogno di una interpretazione autentica del tweet di Borghi.

Ussignùr...

La mia risposta è stata in bagnaiano cortese, perché a quella persona voglio troppo bene, e suonava più o meno così: ma che spiegazioni vuoi che diamo alla feccia che solo nel 2020 ha capito che qualcosa non andava? Piccoli borghesi egoisti cui correva il 27 e che quindi se ne fottevano di quanto stava accadendo al prossimo loro, con una totale mancanza non solo di carità cristiana, ma anche di razionalità umana? Non è mica colpa nostra se noi siamo intelligenti e loro sono cretini! Tanto per fare un esempio, qui abbiamo spiegato nel 2012 che i 5 Stelle erano una forza di conservazione del sistema e nel 2016 che si sarebbero alleati col PD. Per averlo fatto siamo stati aggrediti dai pochi (ma pessimi) fra i sullodati cretini che già allora partecipavano al Dibattito senza evidentemente capirlo (la grande massa, percepita più che reale, all'epoca non c'era), i quali ci accusavano di "dividere il fronte", perché (pensa un po'!), bisognava unire le forze "antisistema" (cioè i gatekeeper!) e fare " er partito" o "er CLN".

Tutto già visto, rivisto, stravisto, con gli stessi protagonisti e gli stessi risultati (nulli). Un esempio ex multis qui:


Non so più come dirvelo: è tutto già successo, e questo eterno ritorno somiglia ormai drammaticamente a quello della peperonata, cibo che non concilia la digestione e quindi la lucidità di certi intellettuali.

Dietro le mie previsioni, come dietro quella di Borghi, come dietro altre previsioni di Borghi di cui non avete avuto traccia perché non era tatticamente opportuno renderle pubbliche ex ante (come ad esempio quella del 7 ottobre 2020, secondo cui Mattarella sarebbe andato al bis dopo aver proposto Draghi come premier per bruciarlo) non c'è alcuna condivisione nei tenebrosi recessi di un potere luciferino: c'è del semplice buonsenso, e peraltro, se posso, nonostante io stimi tantissimo Claudio e mi affidi spesso e volentieri alla sua visione, questa volta gli è andata di culo, perché se non fosse scoppiata la guerra la sua previsione sarebbe drammaticamente fallita, e a votare ci si sarebbe andati a giugno scorso (2022, ovviamente), come a Chigi chiunque a marzo vi avrebbe potuto confermare (e i motivi oltre a essere piuttosto ovvi non sono ignoti ai lettori di Dagospia).

Quindi il buon Claudio viene accusato di partecipare a oscuri complotti per via di una sua previsione  (voto a settembre 2022) che non si sarebbe realizzata proprio in conseguenza di una sua previsione che invece si è realizzata (Draghi bruciato da Mattarella), ma che alla fine si è rivelata corretta per l'intervenire di un fatto (l'invasione dell'Ucraina) che nessuno poteva prevedere!

Non è bellissimo?

Io vorrei capire che cosa passa per la testa degli "anti", ma non sono uno psichiatra e dubito che mi ci raccapezzerei. Posso solo provare compassione e solidarietà umana per questi poveretti intossicati dal grillismo: non è colpa loro se si fanno strumenti di quel potere che pretendono di combattere. E anche questa è una vecchia storia, non trovate?

Domine, dimitte illis, non enim sciunt quid faciunt.

Le radici cristiane del Dibattito...

Forse è meglio se vi spiego che cosa passava per la nostra testa, segnatamente rispetto al tema "data  delle elezioni". Atteso che un anno dopo quando glielo avevo detto (in compagnia di Siri e di pochissimi altri) tutti avevano capito che questa esperienza di maggioranza logorava il nostro consenso, violentandoci nei nostri principi, credo fosse sufficientemente evidente che:

  1. sarebbe stato piuttosto difficile fare una campagna elettorale in antagonismo col PD mentre si provava a governare con lui;
  2. il potere di interdizione del 5 Stelle verso l'ipotesi elettorale si sarebbe progressivamente sfarinato (anche lui) per poi crollare di botto al conseguimento dell'agognata pensione (che tra l'altro sono du' spicci, per loro precisa volontà!);
  3. aggiungo che come vi dissi a gennaio l'arrivo della recessione avrebbe spinto i migliori a defilarsi per non subirne il costo reputazionale.

Ci voleva molto altro per capire che le elezioni sarebbero state anticipate?

Se era ovvio in un mondo molto diverso, quello del 2019, tant'è che ve lo avevo anticipato qui:


nello stesso post in cui vi annunciavo il prossimo sfarinamento dei 5 Stelle:


tanto più ovvio diventava in un mondo "post pandemico", dopo i tragici eventi che ci avevano costretto ad accettare un'alleanza per noi innaturale, dalla quale era sufficientemente evidente che ci saremmo sciolti appena si fosse attenuata la retorica delle emergenze!

Quindi i cretini che ci chiedevano di far cadere Draghi non avendo noi i numeri per farlo e loro un pallottoliere per verificarli avrebbero però dovuto capire che Draghi sarebbe caduto da solo, per motivi oggettivi, tutti qui anticipati e descritti (in particolare, il bisogno di difendere la sua reputation da eventi di cui oggettivamente non aveva responsabilità, perché in tutta onestà anch'io che posso dimostrare di averli visti arrivare avrei grosse difficoltà a gestirli nel contesto attuale, con questa burocrazia, con queste regole...). E se avessero capito questa ovvietà, si sarebbero dati da fare per organizzarsi, per raccogliere le fottute firme, che sono sempre le stesse, dagli anni '50, se avessero avuto le capacità non politiche, ma umane per farlo. Perché quello che manca a queste persone, quello che ha spinto, in un accesso di comprensibile umana stizza la persona che ieri ho chiamato a definirle un verminaio, non è la capacità politica: è la qualità umana. Dio ci ha dato due orecchie ma soltanto una bocca perché ascoltiamo il doppio e parliamo la metà, pare abbia detto Epitteto. Ecco: loro dovrebbero intanto partire da lì, dalle fottute basi, dai manuali, non solo quelli di macro, ma anche e soprattutto quello di Epitteto, il primo manuale.

Capisco tutto.

Capisco la disperazione. Capisco la violenza che ci è stata fatta. Capisco l'apprensione per quello che ci attende, dopo che sono stati sdoganati comportamenti che esulano dal perimetro della Costituzione. Lo capisco e l'ho denunciato.

Ma non posso capire la perdita di lucidità, né il suo duale: la maniacale ricerca di un lucido luciferino disegno in vostro danno, quando questo disegno non c'è, non è consapevolmente assunto e vissuto, e non lo è perché per distruggervi non c'è bisogno di alcuna pianificazione: basta lasciarvi fare!

Da questa follia mi sono sempre guardato e da essa ho sempre purgato il mio blog, a costo di farmi dare del "divisivo" e del nemico del popolo perché non volevo unirmi a degli scappati di casa. Quali? Sempre gli stessi, se ci fate caso! Che chi si è svegliato con la punturina non lo capisca ci sta. Ma che non lo capiate voi, voi che avete visto le mirabilia degli scappati di casa nel prequel di quanto sta succedendo, ecco, questo sinceramente non posso perdonarvelo. Soprattutto, non posso perdonarlo a quelli fra voi che un minimo di cultura storica e politica dovrebbero averla.

Il mio motto resta: divisi si vince!

Finora ha funzionato, e motto che vince non si cambia. Fate quindi attenzione a quelli cui volete "unirvi". Qui vi è stato spiegato come funziona. Un lavoro simile non era mai stato fatto da nessun progetto di divulgazione. Se lo avete capito bene, se non lo avete capito amen. Le cose andranno come devono andare, cioè, come credo abbiate capito, come dico io (e non perché io abbia il potere di influenzarle da qualche oscura stanza dei bottoni, ma semplicemente perché anche se parlo molto, vi assicuro che prima ascolto il doppio)!

Ne parliamo dopo il 26, e intanto meditate: argomenti ne avete.

Io torno al programma.

21 commenti:

  1. Purtroppo sembra che non avesse previsto l'avvento dei social.
    Altrimenti ci avrebbe dato una sola mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non ho previsto che aprendo un blog sarei diventato senatore. Ma non mi interessava diventare senatore. Cerco però di farlo al meglio. Non ho capito l'osservazione, però...

      Elimina
    2. Colpa mia, col passare degli anni mi esprimo sempre peggio - forse anche perchè espatriato da quasi due decenni ormai...
      Mi riferivo a Dio nella citazione attribuita ad Epitteto ovviamente! Non a lei che, le previsioni, le azzecca sempre :)

      Un saluto e grazie ancora per tutto il suo lavoro.

      Elimina
  2. Molti pensano che twitter sia il mondo in cui si sviluppano queste onde di "dissenso".
    Nella vita reale, che frequento molto più di quella digitale :) , parlando direttamente con le persone si ottengono risultati più esaltanti e la ragione prende il sopravvento.
    Sto aprendo gli occhi ad un po' di persone. Mi hanno proposto di "aggredire" su tik tok i più giovani per spiegare loro alcune cose. Non so se sono in grado di farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Twitter è il mondo in cui si arginano queste onde di dissenso. Frequentarlo è utile per capire come partono certi "spin", non per capire il Paese.

      Elimina
    2. Tik Tok? Aprire gli occhi?
      Lascia perdere chi non vuole ascoltare, le scuole serali sono totalmente inutili in particolare per quelli che sono nel salone del festino con l'aranciata e lo strobo (per la maggior parte basta lavoro+famiglia felice e va benissimo tutto, ecco perché i risvegli improvvisi con la punturina).

      Elimina
  3. Un post che andrebbe scolpito nella pietra a eterna memoria. Grazie prof.

    RispondiElimina
  4. Per me la frase più importante di questo post ed è anche l'argomento su cui stavo in questi giorni "meditando" è "avrei grosse difficoltà a gestirli nel contesto attuale, con questa burocrazia, con queste regole." La mia paura è che vincendo le elezioni il CDX si trovi davanti ad un compito proibitivo in autunno; è vero che bisogna fare tutto il possibile per cambiare questa situazione ma forse i PDdini stanno facendo tutto il possibile per perdere e poi presentarsi come i salvatori della patria. In bocca al lupo per tutti noi e per lo sforzo enorme che ci attende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto ci penso anch'io, ma vi assicuro che non funziona così. In politica si corre per vincere. Poi mi dirai che il PD vince anche quando non corre (vero), ma io posso farti notare che mediamente loro non capiscono prima quello che succederà dopo. Vuoi un esempio eclatante? Il giubilo di Letta per l'approvazione in Europa del bail-in, la cui applicazione ha fatto perdere al PD le elezioni del 2018. Quindi è piuttosto difficile attribuire loro una grande astuzia strategica.

      Elimina
  5. nei toni esasperati si percepisce chiaramente la sofferenza prof, ma questi sono tempi biblici, forse addirittura (speriamo) irripetibili. tutti coloro che hanno combattuto e continuano a combattere, nessuno escluso, han dovuto farlo individualmente. è stato un privilegio percorrerli insieme a lei. grazie prof.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io mica sono esasperato! Se sapeste chi è veramente esasperato sareste sorpresi. Io ormai non mi aspetto più molto da certe dinamiche e dalle persone che le animano.

      Elimina
  6. che poi il 20 settembre?... io in quarant'anni che voto(tutto l'arco costituzionale) sic!..di martedi' non ho mai votato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente perché Claudio non ha guardato il calendario prima di dare la data, che era ovviamente indicativa. Con il diritto alla pensione che matura il 23 era logico aspettarsi una data intorno al 20.

      Elimina
  7. Mi sembra incredibile ma ad Agosto 2022 sono costretto a dire un FACCIAMO COME, ed è il "facciamo come gli elettori di sinistra ed in particolare del PD", visto che da loro abbiamo molto da imparare. Questi elettori, nonostante le porcate perpetrate dal PD e dai suoi satelliti politici, fatte al grido di CE LO CHIEDE (IMPONE) L'€UROPA! Il giorno delle elezioni, dopo essersi turati il naso, essersi infilati un dito nel culo e poi portato in bocca fingendo che avesse il gusto di cioccolato, si presentano allineati e coperti ai seggi a votare per l'ASinistra, perché sanno che è l'unico modo per far perdere le elezioni dalla destra.
    Oggi noi siamo nella PRIVILEGIATA posizione di poter votare senza turarci il naso e metterci un dito nel culo, perché abbiamo dei rappresentanti politici che da anni ci spiegano come stanno le cose, cosa succederà e perché, e ci fornisco le motivazioni delle scelte politiche intraprese.
    Fatta questa premessa, o si capisce che per far perdere l'ASinistra €uropeisa bisogna votare a destra, oppure come dicono in Abruzzo "IN CULO SI, IN TESTA NO", che vuol dire che tutto quello che non ci entra in testa dolcemente, ci entra in culo violentemente!

    RispondiElimina
  8. In effetti riflettevo poco tempo fa come una recente testata giornalistica abbia tra le sue fila persone viste ai goofy, come spettatori.
    Grazie e lei e a loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che c'è una testata giornalistica che ha fortemente attinto dai contributori a questo blog e dai soci di a/simmetrie, perché questo blog (e a/simmetrie) sono stati e sono un importante laboratorio culturale.

      Elimina
  9. I cretini non si sono organizzati per raccogliere le firme non solo perché non pensavano che ci sarebbero state elezioni anticipate ma anche perché dicevano che, secondo il disegno luciferino, non ci avrebbero fatto votare alla scadenza naturale della legislatura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, questa poi era la cosa più patetica, e come sempre voglio farvi notare che il cretino lo riconosci dall'incoerenza interna: "Fate cadere Draghiiiiih tanto dopo non ci faranno votareeeeh!" Cioè? In che senso? Posto che far cadere Draghi fosse un obiettivo (qualcuno ce lo chiedeva) mi sembra chiaro che non fosse un obiettivo personale ma politico, e quindi lo scopo era appunto di andare a elezioni. Ma se sei convinto che il complotto demoplutosatanistamassonico non ti manderà a votare, se sei convinto che "tanto sò tutti uguali, è tutto un magna magna", se sei così certo che tanto non cambierà niente, è proprio in quel caso che invece dovresti volerti tenere Draghi, perché fra le sue doti ha anche quella di godere di un'ottima reputazione internazionale. Quindi, nel non cambiare nulla, si sarebbero almeno ritardate le aggressioni dei nostri amici iMercati.

      Ma la verità è che in questa storia non conta quello che ragliavano i cretini: conta quello che desiderava il protagonista.

      Elimina
  10. Io da umile somaro come nel 2019 il signor marattin si mise a creare panico , ci si mette anche adesso per la legge delega... in entrambi in casi mi ha fregato perché non capisco il motivo di tale panico... però me la fa una volta la seconda no...

    RispondiElimina
  11. Un po' mi spiace per i leghisti di seconda fascia che saranno trombati sonoramente in favore di alcuni fratelli d'Italia, che hanno semplicemente scelto il partito giusto (sbagliato) 5 anni fa :-(

    RispondiElimina
  12. Avendo due occhi ed una sola bocca leggo il doppio di quello che penso e dico, ho letto con il solito piacere e stavolta mi resta anche una sensazione di ottimismo, di speranza, con la s minuscola. Realizzo come al solito che sono contento che tu esista, che tu ci sia, rende il mondo in una qualche misura migliore, che avrai il mio voto pure non richiesto, ma non avevo e non ho mai avuto dubbi al riguardo, che mi spiace di non averti dimostrato altrimenti che ti voglio bene ma ognuno fa quello che può e che riesce a fare, comunque mi fa piacere dirtelo.
    “Le cose andranno come devono andare…cioè come dico io”, quindi ci siamo? Si vede il traguardo seppure in lontananza? Ne verremo fuori?
    Ps
    Hai detto di stimare questa collettività, non ambisco a tanto, so però che mi rispetti e questo, credimi, basta ed avanza.
    Un giorno ti stringerò la mano.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.