MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 27 febbraio 2014

Un petit exercice

Le crin
L'écrin
L'écran
Le crâne


(...on voyage pour apprendre...)

(...si vede che stasera non ci sono economisti...)




Et un palindrome:

élu par cette crapule

(...Berlusconi...)

(...Erick santo subbito...)



Une contrepéterie:

Un métier, professeur!

Un fessier prometteur!



Une autre:

Je vous laisse le choix dans la date.

Je vous laisse un doigt dans la chatte.

10 commenti:

  1. le crin c'est a dir lo porc ? in dialetto locale , pure francofono
    senza essere sbranato ,lapidato e poi scorticato ancora vivo
    ma se con il denaro in realtà si paga solo l'energia ( in tutti i sensi .... ) allora il denaro documenta l'energia potenziale e per giustificare la massa di denaro bisogna che l'energia consumata sia sempre tanta , ma se questa si riduce per tanti motivi la massa di denaro perde valore , se fossi un ing assocerei il denaro all'entropia .

    RispondiElimina
  2. L'ultima è di livello prof. Come sa, sono rapido su certi argomenti e molto più lento in altri (beato io...)

    RispondiElimina
  3. Peter North...La chatte...Stiamo volando altissimo qui! E' un piano per svegliare altre coscienze vero prof? Ora se si googla un North o une chatte ci si ritrova a scoprire le vere cause della crisi eeeeuropea. Proletari di tutto il mondo uniti in nome della chatte. Triangolo contro trilateral!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono anche gatte bianche...

      Tiède et blanc était le sein.
      Toute blanche était la chatte.
      Le sein soulevait la chatte.
      La chatte griffait le sein.

      Les oreilles de la chatte
      Faisaient ombre sur le sein.
      Rose était le bout du sein,
      Comme le nez de la chatte.

      Un signe noir sur le sein
      Intrigua longtemps la chatte ;
      Puis, vers d’autres jeux, la chatte
      Courut, laissant nu le sein.

      Elimina
  4. Prof,
    vorrei farle una domanda di carattere tecnico.
    Nel momento in cui si passa da Euro a Lira, i conti correnti vengono automaticamente convertiti. Tutti gli Euro depositati nei conti a quel punto che fine fanno ? Non potrebbero essere presi dall stato ed utilizzati come enorme stock di valuta estera per ammortizzare eventuali problemi?

    Ad esempio ripianare i debiti verso il sistema Target2 delle nostre banche, ripagare i debiti emessi sotto diritto diverso da quello italiano, etc ?

    Ha un senso o ho detto una bischerata ?

    Potrebbe aver senso subito prima dell'uscita sfruttare gli attuali bassi tassi sui BOT per accumulare stock di valuta pregiata e riserve auree ?
    Quando saremo usciti, gli stranieri che hanno comprato i BOT si ritroveranno con le Lire, oltretutto pagate ad un tasso d'interesse notevolmente inferiore a quella che sarà l'inflazione.
    In altre parole, nel momento in cui i nostri governanti decidono di uscire,dispongono di un informazione privilegiata che possono sfruttare sui mercati per ripagarci di un po' dei danni subiti. Consideriamo che una parte dei nostri BOT se li compreranno la Germania e la BCE, quindi sarebbe una specie di rimborso.

    RispondiElimina
  5. Se i cc bancari fossero come il deposito di zio paperone, avrebbe senso, ma essendo i conti un dato elettronico, basta semplicemente scrivere,, "£" invece che "€",dopo la cifra che v'è sul conto(spero che si chiamerà lira, altrimenti bisogna anche aggiornare le tastiere dei computer). Sul discorso dell'inflazione non mi pronuncio, perchè sto scappando a prendere l'ombrello (le previsioni danno "forti temporali")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il discorso dell'inflazione non mi riferisco alle previsioni apocalittiche dei filo-euro. Mi riferisco al tasso d'inflazione di un economia sana ed in crescita. Tasso che è sicuramente superiore allo 0,6% attuale.

      Elimina
    2. A me piacerebbe che la nuova valuta si chiamasse Talento.

      Il talento italiano è unico, ed è (uso il presente perchè sono fiducioso che ce ne sia ancora tanto) la cosa più bella che abbiamo, e che nessun altro ha.

      Elimina
  6. "La disoccupazione è al 12,9%. Cifra allucinante, la più alta da 35 anni. Ecco perché il primo provvedimento sarà il JobsAct #lavoltabuona". A scriverlo, su Twitter, è il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2014/02/28/_10157037.html

    Riassunto delle puntate precedenti:

    - novembre 2013: Renzi risponde: uscire dall'euro sarebbe un disastro
    http://www.youtube.com/watch?v=JvRIfaK__1c

    - gennaio 2014 UBS Europe outlook 2014: "“Unfortunately, Italy has failed to adjust its relative unit labor costs, which are too high given that past wage increases were not in line with productivity gains. In fact, the International Monetary Fund (IMF) estimates that a depreciation of 10% is necessary to fix the competitiveness issue.
    Although measures to address it are a key priority of Renzi, he will likely face an uphill battle”.

    - 27 febbraio 2014: Ieri il nostro simpatico Presidente del Consiglio Matteo è stato ricevuto dal FMI (Fondo Monetario Internazionale). Questa è la dichiarazione rilasciata da Gerry Rice (responsabile dell’ufficio comunicazione del FMI) al termine dell’incontro: “High unemployment is obviously a pressing issue in Italy, and labor market reforms are key, in particular a flexible labor market contract with gradually increasing protection. So we look forward to further implementation in the period ahead”.
    http://www.imf.org/external/np/tr/2014/tr022714.htm)

    RispondiElimina
  7. l'istituto di ricerca economica tedesca ha pubblicato i dati dove si evince che la Germania è il paese dell'eurozona col più alto indice di GINI. Codesto indice misura la concentrazione di ricchezza in una nazione. Altre notizie interessanti from Germany. La Germania è uno dei paesi dove la gente muore di più per infezioni ospedaliere e ha avuto una notevole emorragia di cervelli tra il 1996 e il 2011. Il sogno tedesco continua......................

    RispondiElimina