MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 27 febbraio 2014

Tradimento e redenzione

...che poi, per lo stesso motivo per il quale non ci sono free lunch, non c'è nemmeno il male assoluto. Guardate ad esempio da un tradimento quante cose belle possono venire fuori: questa è una, e questa è un'altra (più nota).

Io ve lo dico sempre: un giorno avremo tutti bisogno della misericordia di Dio.

In proporzioni variabili.




(...e ora quelli che vogliono sentirsi tanto fichi parlando di cose che di base non capiscono, quelli che non hanno capito che questa non è una tragedia dell'economia, ma dell'intelligenza, chissà come scalpitano! L'Illinois, in effetti, è terra ferace di teste di cazzo di ogni forma - per lo più ogivale - e di ogni età. Voi, invece, ascoltate se vi va, e se non vi va, soprattutto, non fate finta che vi vada: siate voi stessi, sempre...)

43 commenti:

  1. Da qualche tempo in Italia durante i governi largamente intesi come 'reazionari' hanno aperto inspiegabilmente alla legalizzazione. Cos'è cambiato? Una nuova sensibilità socioculturale?

    «Can Marijuana Save The Republican Party?»

    Forse questo non ha a che fare con l'economia. O forse no. O è l'indotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi sono sempre chiesto cosa si saranno mai fumati i piddini per essere come sono....

      Elimina
    2. sicuramente. e non solo loro. ma mi faccio ogni tanto delle domande sulle mutazioni culturali, e politiche, e sulle mode

      di quale sacco è la farina e di chi son schiavo, forse c'è un altro filo culturale che s'interseca a quello economico

      è interessante l'epidemiologia delle droghe, com'era ad esempio per l'eroina che ha tagliato le gambe ad una generazione in un determinato contesto sociopolitico

      Elimina
    3. Sai che questa osservazione mi fa pensare a una cosa che non avevo mai messo in relazione con i nostri tempi?

      Elimina
  2. «Can Marijuana Save The Republican Party?»

    Eureka!..

    adesso ho capito tutti questi recenti "Dio c'é" del prof ....
    utilizzava un vecchio codice oramai in disuso ..... il codice intendo!

    (quelli un poco più vecchi dovrebbero capirla...almeno credo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il codice: Dio c´é
      Ottima!!
      Che ricordi!
      Gualberto
      (sto scrivendo con l´account della mogliera)

      Elimina
    2. ...hai paura di Giovanardi e ti nascondi dietro a tua moglie?

      Elimina
  3. Consiglio la versione diretta da ‪Karl Richter‬:
    https://www.youtube.com/watch?v=aPAiH9XhTHc
    Tutti grandi interpreti, il violino è straordinario e ‪Richter‬ nella lettura di Bach non ha eguali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce ne siamo tolti uno di mezzo...

      Elimina
    2. Mi dispiace....cosa non ti è piaciuto?

      Elimina
    3. Se Richter era spesso ottimo all'organo (anche se con la tendenza al "tutto legato" dell'epoca) , come direttore nella mia umile opinione risentiva decisamente troppo della mediamente pessima prassi esecutiva bachiana della prima metà del novecento. Ho una sua passione secondo Matteo scarsamente ascoltabile, e quella secondo Giovanni quasi peggio. Con i concerti grossi di Handel se l'è cavata meglio....

      E comunque, decisamente abbiamo e avremo bisogno della misericordia divina

      Elimina
    4. Sicuramente conosci il fenomeno della sinestesia, la relazione profonda che c'è tra  suoni e colori, tra suoni e forme, tra  spazio musicale e  ritmo pittorico. Mozart vedeva il colore del tono musicale e Kandinskij  sentiva i suoni delle forme e dei colori.

      Qualcuno ha teorizzato l'esistenza dell'Orecchio Assoluto che permette di assaporare il gusto sonico di ogni accordo.  Quando  udito e vista diventano tutt'uno la musica  diventa viva. Ci si immerge totalmente in essa sospendendo ogni giudizio fino a farla diventare un esperienza "totale". Ovviamente a questi livelli non c'è niente di oggettivo, non si può che parlare di esperienza assolutamente personale, è l'intensità che la rende speciale.
      Credo che sospensione del giudizio e "impersonalità" siano la porta verso la vera arte,  sia per il fruitore che per l'artista.  Verdi, per esempio, sul quale già abbiamo avuto degli scambi,  dava alla sua musica un intensità che diventa rumore e questo era dovuto alla presenza troppo marcata  di un Io che sottraeva armonia alla composizione.

      Nel brano proposto da Alberto il movimento cromatico del violino si sposta su toni di un giallo più metallico. Il colore viene disteso nello spazio sonoro accelerandone il ritmo in modo da suscitare una emozione di vitalità che, però, è solo di superficie, tremula e non profonda. anche la voce ha la stessa impostazione, i suoi  blu  sono articolati nel movimento ma non si riesce a dare profondità ai toni. La composizione risulta slegata, le forme sonore si tengono insieme solo dall'intento interpretativo di ognuno che, però, a sua volta tende a separarle.
      https://www.youtube.com/watch?v=BBeXF_lnj_M

      Nel brano diretto da Richter il violino è di un giallo zafferano quasi oro, carico di spiritualità. I colori del soprano si muovono su una gamma dal viola al blu, tra la profondità dell'oltremare e la vivacità del blu di cobalto. L'intera composizione è equilibrata e organica tesa a mettere a nudo la profonda spiritualità del brano.
      https://www.youtube.com/watch?v=aPAiH9XhTHc
       


      Elimina
    5. Sinestesia, tutte le teste si porta via...

      Tornando da Parigi ti porto dell'assenzio e del laudano. Enjoy responsibly...

      Elimina
  4. "non c'è nemmeno il male assoluto"

    "un giorno avremo tutti bisogno della misericordia di Dio"

    L'avevo detto che lei maestro non deve puntare al ministero dell'economia o alla presidenza della repubblica, la berretta cardinalizia je dovrebbero dà!

    Lei c'ha ragione al 1000%!!

    Solo un appunto sulla misericordia: ne abbiamo bisogno in ogni istante della nostra vita, non solo nell'ultimo.

    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si vede che non sei del mestiere. Prima di quel giorno basta un prete. Ti ricordo che sette non è solo il numero per il quale moltiplicare l'incremento del prezzo della valuta estera onde ottenere quello del prezzo della benzina alla pompa (adesso non mi andare al post su Say, non distrarti, rimani sul pezzo). Sette è anche il numero dei sacramenti, frai quali ce n'è uno che in teoria serve proprio a evitare che in articulo mortis ci sia un eccesso di domanda di misericordia (ti ricordo peraltro che l'elasticità di offerta della misericordia divina in teoria è infinita - curva orizzontale - ma siccome per stimare questo parametro prima bisogna crepare, gli economisti hanno preferito restare nel dubbio).

      Morale della favola: nun me rompe er cazzo (la solita morale).

      Elimina
    2. Rattle rattle rattle ... non era mia intenzione pestarle i "sonagli", volevo solo farle un complimento (... e quindi pestarle i sonagli, ehm).
      Ad ogni modo, per evitare casini mi scanso di 10 metri prima di dirle [tono di voce sostenuto]: "E' vero che basta un prete prima dell'ultimo istante, ma proprio perché i sette sacramenti - in, particolare quello della riconciliazione o confessione che dir si voglia - sono il frutto della misericordia!"

      Comunque, il parametro ha già avuto una stima perfettissima.

      P.s.: ha ragione, non sono del mestiere, ne parlo come semplice utente... all'ingrosso ;-)

      Elimina
  5. O forse l'oppio è la religione dei piddini...

    RispondiElimina
  6. Salve a tutti ,
    prendo spunto per due domande da autodidatta :
    Questa qua sotto è una 'rappresaglia'per un tradimento? Se si è giusta ?

    Baffetto pare abbia scritto nel suo ultimo librello che 'più Europa' non serve per uscire dalla crisi,
    è forse in cerca di redenzione?

    Grazie di nuovo al Prof. Bagnai per i suoi sforzi .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse vorrebbe "più mondo"!
      Ed un parlamento mondiale dove imbucarsi, non sia mai che un giorno non tanto lontano cominciamo a marciare tutti, spranghe alla mano, incazzati verso Bruxelles....

      Elimina
  7. Lievemente fuori tema: quando un uomo con la maledizione della conoscenza incontra degli uomini in preda all'effetto Dunning–Kruger, l'uomo con la maledizione della conoscenza ti esce er Piotta.

    Lo so, è difficile (anche per noi beati, nun te penzà...) ma la ricetta è quella giusta: «Paradoxically, improving the skills of participants, and thus increasing their metacognitive competence, helped them recognize the limitations of their abilities.» (il pdf qui).
    Daje, insisti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi la secolare, disincantata, icastica saggezza romana ha saputo condensare la frase "ti esorto a non cadere vittima dell'effetto Dunning-Kruger" in un più sbrigativo ma altrettanto efficace "nun t'allarga'", la frase che un ragiognere che vuol fare l'economista prima o poi rischia di farsi dire da chi economista lo divenne suo malgrado. E tu, che sei un tipo sveglio, come al solito hai capito tutto.

      Elimina
    2. Sì, l'effetto D–K sembra la scoperta dell'acqua calda, non per niente nel 2000 hanno vinto il premio Ig Nobel (da leggersi: ignoble) per la psicologia.

      Ma ho voluto ricordarlo nuovamente perché come recita il sito del premio stesso: la ricerca improbabile è ricerca che [prima] fa ridere le persone e poi le fa pensare. Dopotutto la saggezza popolare ci tramandava (o almeno così ho letto da qualche parte) cose del tipo: per intrappolare un ragno basta metterlo all'interno di un cerchio di sale. Quindi è sempre bene verificare.

      Apologo: meglio un Ig Noble che prestigiose, ma false, teorie controintuitive che causano morti (vedi alla voce: austerità espansiva).

      Elimina
    3. Ho visto il tradimento a causa del D-K, ma la redenzione? Eh perché mi é partito un "unfollow" automatico

      Elimina
    4. 'tacci... Correttore, quattro righe e novantasette link.m'hai fatto perde' 'na mezz'ora... ma ne è valsa la pena ;-)
      oh, prof, come la metteranno "quelli" con i casi come questo in cui l'offerta crea piacere e si ostina a non creare domanda?

      Elimina
  8. La seconda è bellissima. In confronto la tragedia dell'intelligenza è una farsa.

    RispondiElimina
  9. Caro Prof,
    cosa pensa del fatto che più passa il tempo e più Bach viene suonato veloce? In realtà è una tendenza che vale per tutti gli autori ma per Bach in modo particolare. Non è affatto una libera scelta interpretativa. Tutte le esecuzioni di 30 o 40 anni fa e oltre erano più lente ( cioè suonate correttamente) tutte le esecuzioni contemporanee invece sono col pedale dell'acceleratore. E' una cosa insopportabile che da ai nervi, ovviamente si suona più veloce solo perché ci si è stancati di ascoltare quei brani... e si rimedia al proprio tedio accelerando banalmente il tempo! Bravi, idea geniale! Che interpreti geniali! Ma io dico che se uno è stufo di sentire un brano è meglio che non lo suoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti dicessi quello che penso non ti piacerebbe. Se avessi ascoltato quello che Eduardo Hubert mi diceva in classe di musica d'insieme a proposito del secondo tempo della 525 non l'avresti capito. Perché non te ne vai a fare un giro su Come Don Chisciotte? Qui siamo democratici, non espelliamo la gente, come Grillo, la mandiamo a fare in CDC...

      Cazzo, questo è un blog di professionisti, non di fottuti dilettanti! Tu cosa suoni oltre al campanello? Non vorrei scadere nel minossismo, ma un minimo di discografia (che sarebbe il CV dei musicisti) dovete esibirla prima di esprimervi.

      Una siciliana è una danza, ci siamo?

      Bach aveva meno tempo da perdere di me, pensa un po'...

      Elimina
    2. ,"la siciliana è una danza ci siamo?"
      Dio mio...anche la sarabanda è una danza...comunque oltre il campanello suono l'oboe. Salutame a soreta!:) ( detto simpaticamente e senza offese)

      Elimina
    3. @SilvanoS ...ma non eravate tutti metallari? Sorpresa! Pure Bach!

      Elimina
    4. @diego

      Presenterò appena si sveglia, grazie! Ieri ha fatto tardi, un po' preoccupata dal nuovo orientamento demand side dell'Unione Europea, che l'ha esortata a fare gli straordinari.

      Ecco, allora visto che parliamo la stessa lingua mettiamola così: è una danza in quattro, non in dodici, e (indipendentemente dal simpatico vibrato, sul quale non sono talebano), il tactus a 29 mi sembra un po' sottovalutato (o, da te, sopravvalutato).

      Se uno ti sta chiedendo pietà, come minimo dovrebbe anche non farti perdere tempo.

      Elimina
    5. Salvo che Nostro Signore non ha il medesimo concetto di "tempo" che noi comuni mortali!...
      Ma scendendo sulla terra il punto è un altro, l'accelerazione del tempo nelle esecuzioni contemporanee non riguarda solo la siciliana in questione, ( nel qual caso forse sarebbe una libera questione di interpretazione di stile) ma praticamente la totalità del barocco ( in parte riguarda anche il repertorio classico-romantico ma in quel caso i margini per mettersi a correre sono decisamente inferiori...ecco perché ad essere particolarmente massacrato è il barocco), dunque se quasi tutti gli esecutori moderni si mettono ad accelerare i tempi rispetto alle esecuzioni di 30 anni fa ed oltre come minimo mi chiedo: perché? E qualche dubbio mi viene...
      PS
      la versione di Karl Richter è sublime, non solo per la scelta del tempo ( da non sottovalutare!), e nonostante quel suono brahmsiano che oggi, per fortuna, non s'usa più, mi convince più dell'altra!

      Elimina
    6. perdoni, prof, una seria richiesta di spiegazione. Trovato cos'è il tactus (unità di misura del tempo... corrispondenza con battito del polso umano... ecc). non trovo spiegazione per "tactus a 29"... faccio ipotesi, ma...
      mi aiuta?

      Elimina
    7. 29 pulsazioni al minuto. Il metronomo a 60 fa un "tic" ogni secondo. Quello a 120 ne fa due al secondo. Quello a 29 ne fa uno ogni 2 secondi e spiccioli. Richter tiene la semiminima puntata più o meno a 29.

      Elimina
    8. :-) grazie, ci ero andato vicino allora. mi frenava un po' il concetto di bradicardia.

      Elimina
  10. Quanto mi faccio schifo a non sapere il tedesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fortunato! Ecco la "versione italiana", italiana in tutti i sensi, una versione sovranista, sento già i sonagli...

      Elimina
    2. Bravo il pianista... Usa bene il pedale...

      Elimina
    3. beh, "italiana in tutti i sensi"... pronuncia Pietà, sopra tutto la T, come se fosse una inglese...

      Elimina
    4. @alflig: dicevo italiana perchè canta Sara Mingardo (veneziana), sulla trascrizione di un bolognese naturalizzato romano (Respighi). Se la pronuncia ti sembra un po' inglese potrebbe essere perchè ha cantato troppi Messiah ;-)
      @prof: potrebbe essere fatto tutto con il pedale a una corda ?

      Elimina
  11. Ho optato per ascoltarmi God sent no sign, che pensando ai piddini mi torna bene comunque....

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.