domenica 19 aprile 2020

Il paese più colpito

Ieri, a pranzo, ascoltavo distrattamente il Gr su Radio3.

"La pandemia nel mondo conta oltre 150.000 vittime. Gli Stati Uniti il paese più colpito. Il Presidente Trump è accusato dai governatori democratici di fomentare le proteste contro il lockdown. La Casa Bianca rassicura: avremo 65.000 decessi, meglio del previsto. In Spagna superati i 20.000 morti, nel Regno Unito oltre 14.000 vittime."

(la mia memoria è scarsa, ma il podcast lo trovate qui).

Insomma, #hastatoTrump, ma questo, ormai, si sa, quasi non varrebbe la pena di dirlo. Eh, poveri statunitensi, mandati al macello da un leader irresponsabile...

La previsione di 65.000 decessi è impressionante: noi dolorosamente oltre i 23.000, e, purtroppo, la Spagna ci sta raggiungendo di gran carriera.

Ma...

Per quanto la previsione possa essere plausibile, e senz'altro interessante, a modo suo, dato che non è confrontabile con un dato effettivo mi è venuta la curiosità di andare a cercare quest'ultimo dove sapevo di poterlo trovare: alla Johns Hopkins University. Ora, le cose stanno così: negli Usa le vittime finora sono 38.664. Quindi, secondo Trump, ci sarà quasi un raddoppio prima della fine dell'epidemia. Speriamo che non vada peggio. In Spagna finora 20.043, in Italia 23.227 (dati di ieri).

Eh, sì: gli Usa sono il Paese che ha contato più vittime, quindi il più colpito...

Bè...

Ricordo a me stesso che gli Usa contano 329.311.764 abitanti, l'Italia 60.359.546 abitanti, la Spagna 47.198.000. E quindi le vittime sono finora: lo 0.01% della popolazione Usa, lo 0.04% della popolazione italiana e lo 0.04% della popolazione spagnola. Voglio dire che sono poche? Assolutamente no. Si tratta di una catastrofe di proporzioni innegabili. Voglio dire che se e quando gli Usa saranno colpiti come l'Italia e la Spagna, le sue vittime arriveranno a 329.311.764 x 0.0004 = 131.725 (il doppio di dove ritiene che si arriverà Trump).

Sarò più chiaro.

Ho capito che bisogna comunque veicolare l'idea che #hastatoTrump, ma descrivere come paese "più colpito" quello dove ci sono stati più morti semplicemente perché ci sono molti ma molti più abitanti (per la precisione: oltre il quintuplo) è senz'altro corretto (certo, ci sono stati più morti!) ma... ci aiuta a capire?

Secondo me no, e infatti io i media non li capisco. Ad esempio, sto ancora cercando di capire quella storia del tasso di disoccupazione "come nel 1977", per non parlare delle varie inflazioni che schizzano negli anni '90 et similia...

Credo che morirò senza capirlo, ma almeno, visto che sono in un paese "meno colpito", anche perché il contagio qui era impossibile (me lo hanno detto i detentori della verità "a due cifre"), sono ragionevolmente sicuro del fatto di non morire di coronavirus.

Siate prudenti e, soprattuttissimo, pazienti, perché di pazienza ce ne vuole veramente tanta ma tanta tanta tanta...

163 commenti:

  1. Stimato Prof, "ogni limite ha la sua pazienza " cit.

    RispondiElimina
  2. E io che pensavo che il paese più colpito fossero gli Stati Uniti d'Europa.

    RispondiElimina
  3. Posso umilmente dare un piccolo suggerimento? solo una cosa piccola piccola ecco , pubblicizzare che i dottori stanno curando e ci riescono e che le rianimazioni stanno tornando alla normalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questo credo sia noto, non mi pare che venga nascosto.

      Elimina
    2. Più interessante, forse, il confronto clinici-epidemiologi, cioè tra chi fa e chi sa (di sapere).

      Elimina
    3. che poi, se si riferisce a Burioni, non è neppure epidemiologo. E' virologo e immunologo ... quindi non si capisce proprio perché debba mettere becco su una materia che non è la sua!
      Fermo restando che gli esperti della materia (e Burioni NON lo è) possono supportare i decisori politici nelle LORO scelte.

      Elimina
  4. https://www.worldometers.info/coronavirus/

    Qui i dati di tutto il mondo aggiornati live...
    Ci sono i dati assoluti, le percentuali, i tamponi fatti...

    RispondiElimina
  5. Pensi a sopravvivere, la sua dipartita sarebbe una gran perdita! Lunga vita, senatore!

    RispondiElimina
  6. facevo un po' di conti... mi risulta lo 0.038% per l'Italia, lo 0.044% per la Spagna e lo 0.048% per il Belgio...
    I numeri sono comunque strani. Qualcuno ha esaltato il modello svedese che si traduce nello 0.134% di infetti rispetto alla popolazione... ma nessuno fa notare che in Russia, dove hanno attuato la chiusura totale dei confini (rassistiiiih), il valore è inferiore di cinque volte, lo 0.025%.

    Caro Senatore... buona serata e grazie infinite per la sua costante opera di divulgazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamoci rientrare anche il concetto di approssimazione...

      Elimina
    2. Pero' i media internazionali sono cosi' approssimati che l'Italia per molte, troppe settimane è stata descritta come il paese più colpito al mondo...e come tale viene ancora considerata dall'opinine pubblica mondiale. Credo dunque che non sia de tutto inutile ricordare a tutti che ad oggi il paese più colpito al mondo è il Belgio, seguito dalla Spagna...à la guerre comme à la guerre...

      Elimina
    3. Bisognerebbe anche vedere come gli altri paesi registrano i casi, quanti tamponi fanno ecc...
      Una statistica uniforme non esiste.
      Per dire, nello Yemen hanno un solo caso di covid-19, in Burundi 5, in Nicaragua 10, Botswana 20 ecc.
      Anche perché credo che in moltissimi stati il coronavirus è il loro ultimo problema.

      Elimina
  7. Menomale che, proprio su questo argomento, con il mio piddino preferito ci ho litigato ieri in videochat. La sua accusa era più o meno: "non accetterei mai se #Gonde dovesse accettare gli aiuti finanziari offerti da Trump; è un sadico pazzo, VEDI ANCHE COME STA GESTENDO LA PANDEMIA, IN USA CI SONO NUMERI DA CAPOGIRO"!
    A questo punto ho cercato di fargli presente che percentualmente gli Usa hanno di gran lunga meno casi e decessi di noi. Niente non c'è stato verso.
    Adesso spiego il "menomale tale discussione è avvenuta proprio ieri".
    Tutte le volte che con il mio piddino preferito parliamo di #Gonde, di economia, di Europa e di tutti gli argomenti soliti trattare qui, vengo da esso additato come l'uomo che "usciva Bagnai", con la motivazione che i miei argomenti sono solo pedissequa ripetizione delle teorie del Prof.
    Non gli è mai sfiorata l'idea che potessero essere solo pedissequa osservazione dello stato di fatto delle cose che ci circondano!
    Bene, stasera gli farò leggere il post, facendogli presente quanto sia assolutamente adornato da due bei fantastici paraocchi il suo faccino.
    Grazie prof. e buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché vi ostinate a parlare con persone che non sanno fare le divisioni? Pensate che sia prudente? Ma come sono fatte? Mangiano con la forchetta? Si lavano, questi subumani? Io veramente boh...

      Elimina
    2. They live. Qualcuno è stato paziente mentre gli spiegavamo l'economia, hanno perfino finto di capire qualcosa. Ci hanno tollerati quando criticavamo la gestione de iMigranti, anche se mai potranno ammettere che il buonsenso di Salvini è uguale al loro. Provate però a mettergli davanti le contraddizioni de iVirologi e la necessità di un pensiero politico su come gestire l'epidemia e li vedrete schiumare come cani rabbiosi: vi faranno pagare ogni ferita inflitta al loro eguccio fragile negli anni.

      Elimina
    3. Luca Iuculano.
      Ma lasciarli nel loro brodo no?
      Tanto uno capisce se vuole, ovvero se è costretto a capire.
      La gran parte dei tedeschi, verso la fine della seconda guerra mondiale, ancora non capiva che la Germania si stava schiantando.
      Subito dopo lo hanno capito.
      Con grande rammarico di chi lo aveva capito anni prima e purtroppo ci è andato di mezzo.

      Elimina
  8. Ha ragione, quanta pazienza che ce vò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma tanta tanta... Ma l'hai visto stasera quello che "il MES è a fondo perduto" e "la Bce non stampa moneta"? Ma come? Ma cosa!? Ma è tollerabile che si venga informati così sulla normale meccanica delle basi della nostra convivenza civile?

      Elimina
    2. Per i cialtroni della tv il mar dei sargassi è sicuramente più credibile! Questo è il livello! Che amarezza. Ma per fortuna abbiamo Lei che ci da speranza.

      Elimina
  9. https://www.worldometers.info/coronavirus/#countries

    Qua sono sempre aggiornati

    Ci sono anche i casi per milione di abitanti.
    Interessanti le statistiche dei tamponi effettuati per milione di abitanti:
    In italia per ora il doppio degli Usa e il triplo di Francia e Regno Unito

    RispondiElimina
  10. Sì ma la gente mica è scema... O no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laggente pensano che la banca centrale non emette moneta. Quindi laggente sono abbastanza poco accorti, diciamo così, e comunque nella distrazione possono rifilarti di tutto. Io sono stato scosso dal mio torpore perché ho sentito dire "Ciamp" e quindi mi sono immediatamente chiesto: "Vediamo mò questo che si inventa...".

      Elimina
  11. qui https://www.worldometers.info/coronavirus/#countries i dati ordinabili per colonna.
    I paesi più colpiti in rapporto al numero di abitanti, escludendo i microstati, sono l'europeissimo Belgio (490 decessi per milione di abitanti) e la teutonicissima Spagna (437), poi veniamo purtroppo noi (391) tallonati malla macroniana Francia (302). Gli USA sono molto indietro con 120.

    RispondiElimina
  12. Prudente e paziente, da E-lettore a Lettore.

    RispondiElimina
  13. C'è da capire cos'è accaduto al nord d'Italia, dove abito io (Toscana) non c'è alcuna pandemia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti.
      Oltre che pubblicare la quotidiana tabella multicolor con la triste conta dei morti, perché non dicono a la ggente che l'incidenza in Lombardia è di 1,21 morti per mille abitanti, mentre la Toscana è 0,17 (per i diversamente matematici -perché l'apparenza inganna- la prima ha SETTE VOLTE i deceduti della seconda ogni mille abitanti)? O magari l'Umbria in cui vivo, dove l'incidenza è di 0,07 morti ogni mille abitanti? (Cioè in Lombardia ci sono DICIASSETTE VOLTE i morti che in Umbria).
      Per non parlare poi della Sicilia (0,04 per mille, TRENTA volte di meno): ora la capiamo un po' meglio la ritrosìa dello stare ai domiciliari, piuttosto che farsi una SANA passeggiata lungo la spiaggia, dei nostri amici siciliani?
      Da cosa dipende questa differenza?
      Nemmeno fosse una distribuzione di Poisson con lambda=1!
      Ci sarà pure qualche scienziato interessato a studiare tale fenomeno, o no?
      Oppure è irrilevante saperlo e magari mi sbaglio io ad essere curioso?
      Tralascio ogni commento sulla conta dei "positivi" in quanto "statisticamente" inutile.

      Elimina
    2. Se dobbiamo considerare il puro dato empirico, probabilmente esiste un fattore climatico ambientale (temperature,umidità,inquinamento). Anche il continente africano e l'America latina e più in generale l'emisfero australe, sembrano relativamente più al riparo rispetto all'emisfero settentrionale. Questo forse ci da qualche speranza per questa estate...

      Elimina
  14. Molti quotidiani meritano solo di chiudere, così come molto ciarpame televisivo. Preferisco seguire le dirette twitter e Facebook : mi arricchiscono e mi rilassano, non come i talk pollaio che sembrano i circenses del tempi dei gladiatori. Mi piacciono le persone normali, competenti e sincere che non devono fare salti mortali per completare ragionamenti per forza complessi. Quindi ascolto volentieri persone del calibro dei prof. Bagnai, Borghi, Rinaldi e mi fido molto anche delle competenze dell'on. Siri.

    RispondiElimina
  15. Questo è il primo tempo, mentre nel secondo dicono che nei paesi "unionisti" come gli USA la mortalità è inferiore proprio perchè a differenza della realtà europea, loro c'hanno la cabina di regia che se ne frega dei governatori. Ad ogni stagione la sua versione.

    RispondiElimina
  16. Un VIRUS…” LEOPARDIANO “ !
    Quanti, superata la comune deformante vulgata scolastica del Genio di Recanati, approfondiscono lo spessore del suo Pensiero, s’incontrano con due punti centrali sui quali val la pena riflettere, soprattutto nel quadro globale di questa tragica e dolorosa pandemia.
    1.L’uomo ha a che fare con una Natura Potente,Prepotente, Minacciosa, Insidiosa, Madre-Matrigna. Una Natura del tutto inconsapevole, che non si rende conto di quel che fa,che non è per nulla finalizzata all’ uomo, al suo benessere e tanto meno alla sua felicità. Cade dunque l’Antropocentrismo, come pure il tradizionale secolare Geocentrismo.Bellissima,per esempio,la Scena Quarta dell’ Operetta “ Il Copernico “, con il Sole che dialoga con Copernico :
    “COPERNICO. Illustrissimo Signore.SOLE. Perdona, Copernico, se io non ti fo sedere; perché qua non si usano sedie. Ma noi ci spacceremo tosto. Tu hai già inteso il negozio dalla mia fante. Io dalla parte mia, per quel che la fanciulla mi riferisce della tua qualità, trovo che tu sei molto a proposito per l'effetto che si ricerca.COPERNICO.Signore, io veggo in questo negozio molte difficoltà…SOLE . Le difficoltà non debbono spaventare un uomo della tua sorte. Anzi si dice che elle accrescono animo all'animoso. Ma quali sono poi, alla fine, coteste difficoltà?COPERNICO . Primieramente, per grande che sia la potenza della filosofia, non mi assicuro che ella sia grande tanto, da persuadere alla Terra di darsi a correre, in cambio di stare a sedere agiatamente; e darsi ad affaticare, in vece di stare in ozio: massime a questi tempi; che non sono già i tempi eroici. La Terra si è creduta sempre di essere imperatrice del mondo: e per verità, stando così le cose come sono state per l'addietro, non si può mica dire che ella discorresse male; anzi io non negherei che quel suo concetto non fosse molto fondato. Che vi dirò poi degli uomini? che riputandoci (come ci riputeremo sempre) più che primi e più che principalissimi tra le creature terrestri; ciascheduno di noi se ben fosse un vestito di cenci e che non avesse un cantuccio di pan duro da rodere, si è tenuto per certo di essere uno imperatore; non mica di Costantinopoli o di Germania, ovvero della metà della Terra, come erano gl'imperatori romani, ma un imperatore dell'universo; un imperatore del sole, dei pianeti, di tutte le stelle visibili e non visibili; e causa finale delle stelle, dei pianeti, di vostra signoria illustrissima, e di tutte le cose " !(segue parte seconda )

    RispondiElimina
  17. (seconda parte)2.L’Uomo non è Imperatore, crollano gli Imperi, e la Storia è, in sostanza, racconto del Nulla ! L’ Uomo una sola cosa può fare : riunire in “ social catena “ tutta l’umanità, infelice e disgraziata . Leopardi però non si fa illusioni. Nell’ esergo infatti alla celebre poesia “ LA GINESTRA , egli ci avverte in perfetto greco: “Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι µᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς…
    Il resto della poesia,una immensa visione del Tutto-Nulla. Da contemplare. Attoniti.
    “A queste piagge
    Venga colui che d'esaltar con lode
    Il nostro stato ha in uso, e vegga quanto
    E' il gener nostro in cura
    All'amante natura. E la possanza
    Qui con giusta misura
    Anco estimar potrà dell'uman seme,
    Cui la dura nutrice, ov'ei men teme,
    Con lieve moto in un momento annulla
    In parte, e può con moti
    Poco men lievi ancor subitamente
    Annichilare in tutto.
    Dipinte in queste rive
    Son dell'umana gente
    Le magnifiche sorti e progressive.
    ….E quell'orror che primo
    Contra l'empia natura
    Strinse i mortali in social catena,
    Fia ricondotto in parte
    Da verace saper, l'onesto e il retto
    Conversar cittadino,
    E giustizia e pietade…
    …Sovente in queste rive…Seggo la notte; e sulla mesta landa
    In purissimo azzurro Veggo dall'alto fiammeggiar le stelle,
    Cui di lontan fa specchio Il mare, e tutto di scintille in giro
    Per lo vòto Seren brillar il mondo.
    E poi che gli occhi a quelle luci appunto,
    Ch'a lor sembrano un punto,
    E sono immense, in guisa
    Che un punto a petto a lor son terra e mare
    Veracemente; a cui
    L'uomo non pur, ma questo
    Globo ove l'uomo è nulla,
    Sconosciuto è del tutto; e quando miro
    Quegli ancor più senz'alcun fin remoti
    Nodi quasi di stelle,
    Ch'a noi paion qual nebbia, a cui non l'uomo
    E non la terra sol, ma tutte in uno,
    Del numero infinite e della mole,
    Con l'aureo sole insiem, le nostre stelle
    O sono ignote, o così paion come
    Essi alla terra, un punto
    Di luce nebulosa; al pensier mio
    Che sembri allora, o prole
    Dell'uomo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho ben capito cosa c'entri ... ma comunque grazie di cuore: è sempre delizioso sperdersi in quelle fantastiche e spaesanti visioni del Poeta!

      Elimina
  18. Ritengo che alla base dell'odio contro Trump da parte di tutti i "media" americani (escluso FOX e pochi altri) che poi attraverso CNN si espande nei nostri media, ci sia anche la norma del "cap" a 10.000 dollari di deduzioni fiscali .
    E' una cosa poco nota ma la perdita di deduzione fiscale e' stata particolarmente sentita da tutti i milionari (in dollari) .
    Non so per quale ragione ma i democratici (mi pare anche Sanders o la Warren, milionari , per inciso ) hanno fortemente criticato questa soluzione.
    Senatore , lei maneggia l'econometrica come nessuno mai vidi nel passato: e' mia opinione che valga la pena analizzare l'effetto dell'approccio "Trumpiano" alla ristrutturazione fiscale USA che non e' solo abbassamento delle tasse per le aziende. Potrebbe essere utile anche a noi . Per dopo . Se si vuole ripartire le idee di Vincenzo Visco vanno buttate via .

    RispondiElimina
  19. Molti dei decessi fino ad oggi sono dovuti a cure non adeguate.
    In base alle conoscenze odierne probabilmente sarebbe andata diversamente https://m.youtube.com/watch?v=wEs7kK_DbQo&feature=share

    RispondiElimina
  20. infatti basta moltiplicare i nostri decessi per 5 e abbiamo una stima di quelli americano. La matematica non e' un'opinione, anche se per qualcuno forse si...

    RispondiElimina
  21. Caro professore, innanzitutto grazie per i post e le dirette di questi giorni. Fra tutta la spazzatura che si trova in questo periodo su tv, giornali e social a proposito dell’epidemia, il modo in cui vengono presentati e commentati i numeri dei bollettini da settimane a questa parte è la cosa che più mi fa innervosire. Due sono le possibilità: o chi si occupa di questi articoli e servizi non ha cognizione alcuna di geografia e algebra elementare, oppure è in malafede e utilizza questi numeri in modo strumentale. Pur avendo piena coscienza dell’ignoranza diffusa in quelle due materie, è chiaro che dobbiamo far prevalere nettamente la seconda possibilità. Cosa dire dello scempio fatto a proposito della Lombardia, facendo continuamente confronti privi di senso con le altre regioni sulla base di numeri privi di una qualsiasi relazione tra loro. Non so se ci rendiamo conto, io sono lombardo, abito in provincia di Lecco, 40 km da Bergamo, confine esteso su tutta l’estensione da nord a sud, eppure qui grazie a Dio quanto successo finora non è nemmeno paragonabile a quanto accaduto a Bergamo. Abbiamo parecchi casi e purtroppo anche numerose vittime, ma in proporzione molto meno di Bergamo. I nostri ospedali di provincia hanno retto e anzi hanno potuto dare un supporto fondamentale proprio a quelli di Bergamo, con decine e decine di pazienti che sono stati trasferiti qui. E questi cialtroni in malafede, che sono loro i veri seminatori d’odio e discordia, passano il tempo a paragonare quanto accade in Lombardia con quello che succede nelle altre regioni, come se il virus fosse la stessa cosa dappertutto e dimenticando almeno di pesare il numero di abitanti. Robe da gazzetta del virus, così si commenta questa disastrosa epidemia, come se fosse un campionato di calcio, ovviamente ognuno secondo il proprio tifo o la squadra amica. Churchill d’altra parte diceva proprio questo degli italiani, che perdono le partite di calcio come se fossero guerre e perdono le guerre come se fossero partite di calcio, di sicuro c’è solo che finora la guerra la stiamo perdendo e anche malamente.

    RispondiElimina
  22. Tra l'altro, quei dati sono il tasso di mortalità, ma sarebbe altrettanto interessante valutare il tasso di letalità.
    Ma qui si aprirebbe il vaso di Pandora, tipo tamponi inaffidabili, tamponi inquinati all'origine, ecc.

    RispondiElimina
  23. Il senatore in realtà è un pigro, la sua ormai è una politica a risparmio energetico: si limita ad affermare il contrario dell'"avversario" del momento. Va in automatico: il Governo o media non organici alla Lega dicono "bianco", allora lui si ingegna ad argomentare in favore del "nero". Nessuna costruzione originale, va a traino, e in più su questioni marginali. La Lega non detta più l'agenda come ai bei tempi. Belli davvero. E divertenti. l'epoca A.Covid.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il senatore non sarà l'unico peccatore ma ha l'aggravante di voler far passare il suo vizio per virtù. A breve dovrà necessariamente riposizionarsi su politiche più "giorgettiane", o almeno ingoiarle con virile disciplina. Allora abbandonerà la banale opposizione "a specchio riflesso" e abbraccerà una narrazione più raffinata per cercare di mantenere un ruolo nel partito.

      Elimina
    2. @serendippo Ciao sciapetto! Sono solo due anni che dici questa scemenza, te lo ricordi? “Bagnai isolato!”, e ho parlato a piazza S. Giovanni. “Bagnai non conta niente!”: responsabile economico della Lega. “Bagnai sconfitto!”: Matteo mi chiede di intervenire su Conte… Certo, prima o poi le cose andranno come dici tu. Nel lungo periodo però, quando tu non ci sarai. Che tristezza non poter godere della tua vittoria! Chi non fa a patti colla realtà fa la vita che si merita: una vita di merda! Solidarietà!

      Elimina
  24. La cosa più comica che ho udito ripetere fin da piccolo dai cosiddetti economisti è il loro assioma più sacro - la cosiddetta 'legge' della domanda e dell'offerta -.
    Ma in effetti gli “economisti” ignorano la questione del potere che ha da sempre retto il mondo e che lo fa tuttora.
    Solo per fare un piccolo esempio tra migliaia ci sono voluti 1600 anni per regolare (più o meno) il rapporto gold/silver (sulla cui dicotomia est-ovest è nato mezzo capitalismo finanziario) sulla base della loro famosa “legge”.
    Qundo gli Spagnoli razziarono il Nuovo Mondo si portarono dietro 60440 tonnellate di argento e inondarono l'Europa di argento, ma fissarono a 13,3:1, poi 14 e poi 15 fino a oltre il 1600 il rapporto, che avrebbe dovuto essere di circa 50:1.

    “As a rule political economists do not take the trouble to study the history of money; it is much easier to imagine it and to deduce the principles of this imaginary knowledge.” diceva Alexander Del Mar, che non a caso è stato sepolto per un secolo dai corsi Universitari e posti Universitari per polli di allevamento e c'è voluto Mundell per almeno parlarne qualche anno fa.

    Far scomparire Del Mar è come far scomparire Shakespeare dalla storia del teatro. Ma anche per altri è stato così, - il babbione non deve sapere, deve credere - magari a un Morderchai Levi, un ciarlatano da fiera che ha scritto un quintale di idiozie e che per avere almeno un pezzo di carta si era comprato la tesi a Jena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che barba, che noia... Anche Del Mar, come gli austriani, riciccia ogni tanto... Un po' di Auriti ne hai? Moneta a debito? E su, via, questo è un posto per professionisti, caro...

      Elimina
  25. Molto probabilmente il paese più colpito è ancora Cina.

    RispondiElimina
  26. ma la curva dei contagiati americani ha la stessa inclinazione di quella italiana e spagnola ??? perche' se e' diversa l'amministrazione trump aveva un vantaggio temporale che poteva sfruttare in maniera diversa senza negare la realta'

    RispondiElimina
  27. Io vorrei conoscere gli spacciatori di certi giornalisti.... Sono convinto che quando la roba è cosí bona non fa nemmeno troppo male.

    RispondiElimina
  28. Ma le basi della matematica quando uno diventa giornalista vanno a finire giù per le scale di cantina... Questi sono strillo i agli angoli delle strade...

    RispondiElimina
  29. a rai tre si fidano d' un burioni che parlava di rischio 0 ,infatti o,o4 di mortalità è un dato gravissimo per una malattia visto che quelle sanitarie sono statistiche espresse non in 1/100 ma 1/10000(come ricordo da un testo di Carlo Cipolla)

    RispondiElimina
  30. Non ci sono dubbi che i dati e l'interpretazione dei dati sono tutte evidentemente SPINNATE e faziose. Però conosco più di una persona tecnicamente preparata che se pe beve,nonostante tutto, e che non batte ciglio "per non fare polemica". L'educazione ha sostituito l'istruzione da troppo tempo, tristemente. È difficile non farsi prendere dallo sconforto. Ma la rabbia è tanta ed è un ottimo motore. Grazie di tutto come sempre!

    RispondiElimina
  31. I numeri dei decessi nel 2019 sono ancora più rivelatori: 2,8 milioni negli USA e 630.000 in Italia. L'incidenza del COVID-19 è quindi trascurabile. L'esperienza italiana dell'asiatica nel 1957 e della Hong Kong nel 1969 conferma questo fatto (nessun provvedimento di quarantena in entrambi i casi).

    RispondiElimina
  32. Mi sa che ogni ragionamento sui numeri di questo disastro sarà meglio lasciarlo a indagini serie che speriamo si riesca a fare in futuro; al momento mi pare che i numeri sugli infetti, sui malati ma anche sui decessi siano difficilmente comparabili tra regioni diverse e momenti differenti all'interno di uno stesso stato, figuriamoci tra stati differenti. Sul fatto che chi pubblica i dati sui media spesso non sia in grado di capirli e comunicarli non penso ci siano dubbi. La seconda notizia del Corriere online in questo momento, ad esempio, è: "In Italia calano i morti (23.660) e i ricoveri in terapia intensiva"; cioè si mette a commento del calo dei morti giornalieri il numero di morti totali, che per definizione non può far altro che aumentare. Francamente, io non credo che queste imprecisioni siano espedienti utilizzati per dimostrare che hastatotrump (o Johnson, o Putin, o Salvini...): no, secondo me nella maggior parte dei casi proprio non ce la fanno. Poi, se gli sembra che i numeri possano servire a dire che hastatotrump, certo non si tirano indietro ma immagino che anche sulla (poca) stampa amica di Trump il modo di trattare i suoi avversari non sarà tanto diverso. Anche per gli strafalcioni di certi professoroni (i quali, almeno loro, dovrebbero farcela...o no?) documentati su questo blog cercherei la motivazione nel voler illudere sé stessi piuttosto che nel desiderio di ingannare i lettori.

    RispondiElimina
  33. Per quanto riguarda gli Stati Uniti c'è anche da rilevare un'analogia col nostro Paese, mi riferisco ovviamente alla distribuzione territoriale dei contagiati. Nello Stato di New York, al 19 aprile si sono registrati 236.000 casi di contagiati da coronavirus, pari a circa un terzo del numero totale dei contagiati negli U.S.A.

    RispondiElimina
  34. Di cifre sbagliate se ne scrivono tante, come quelle pubblicate giorni fa circa l' elevato tasso di mortalità, poi smentite sul sole 24 ore da Becchi e Zibordi.
    Trump in questo momento potrebbe essere considerato una voce fuori dal coro, se non altro per il modo in cui ha affrontato l'emergenza.
    Comunque dai dati pubblicati anche attraverso i calcoli dei vari lettori del blog si evince che il tasso di mortalità sia importante ma forse non così grave da giustificare questo clima da Stato di Polizia
    Dopo tre quattro mesi dalla scoppio della Pandemia, si rincorrono voci alterne attraverso le quali scienziati rivendicano delle finte evidenze solo quando c'è da censurare (vedi Montanari)
    Adesso ha parlato anche un premio Nobel, Montagner sulla provenienza di questo virus e sulla sua pericolosità.
    In questo momento non è sicuramente il caso di aprire polemiche sulla dannosità di questo virus, ma spero che in futuro, ad acque calme si aprirà un dibattito serio anche circa la veridicità di ciò e circa le responsabilità oggettive di chi ha provocato questa emergenza
    Marco S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma qui non si è aperta nessuna polemica. Una cosa che uccide è pericolosa. Lo è anche il cancro, e lo è anche il cancro della democrazia.

      Elimina
  35. Professore, a proposito dell'articolo di Giavazzi e Tabellini da lei citato ieri sera le vorrei chiedere una cosa.

    L'articolo è stato pubblicato il 24 marzo su voxeu.org, io me l'ero perso, ma è normale visto che visito quel sito di tanto in tanto per leggere quello che (non) penso (citando De André).

    Ma come mai lei ne parla solo ora?
    Non era meglio buttare l'asso prima dell'eurogruppo?
    Non poteva portare acqua al suo mulino 20 giorni fa?

    Sicuramente c'è una ragione ma non la colgo. Grazie se vorrà rispondere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parliamo solo ora? Solo oraaaah!? Sono 5 anni che ne parliamo e dallo scoppio della crisi abbiamo SEMPRE detto che la soluzione era la BCE!

      Elimina
    2. Oddio nooo, scusi professore, non mi sono spiegato io.
      Mi riferivo all'articolo non alla soluzione....

      Dicevo questo... se l'articolo è del 24 marzo, forse se avessimo saputo prima che G&T avevano preso questa posizione (loro, che sono tra gli econimisti più embedded...) poteva servire nella comunicazione.

      L'eurogruppo è stato il 9 aprile: poter dire anche prima dell'eurogruppo "guardate che lo dicono anche G&T che il MES è una strxxx..." poteva rafforzare la posizione.
      Tutto qua.

      Grazie comunque, che lei risponda ai commenti è qualcosa di commovente, non ho parole.

      Elimina
  36. Una sola domanda Professore: spesso e volentieri, quando qualcuno lamenta la situazione di sudditanza dell'Italia nel contesto internazionale, il piddino di turno ci ricorda che "abbiamopersolakuerrah".
    Salvo poi rimuovere il fatto che un'altra nazione vide truppe ostili invadere proprio territorio attraversando il Reno da ovest e l'Oder da est...

    Fermo restando che la storia si può sempre riscrivere, la Germania odierna è si un gigante economico dai piedi d'argilla perché dipendente dall'export e dalla compressione salariale(come lei ama ripetere, "nel resto del mondo non sono coglioni, anche se loro lo pensano") ma un criceto a livello militare.

    Possibile che nessuno, specialmente nell'anglosfera (Fatico a considerare la Francia una "potenza vincitrice"1), non li rimetta al loro posto con la decisione richiesta? Agli USA conviene un'Italia in macerie che si getta nelle braccia cinesi?

    RispondiElimina
  37. Direi che i media, ma anche certi "responsabili" governativi, hanno contribuito ad un clima di sospetto e caccia all'untore che ormai e' presente nei cittadini. E sara' dura debellarlo dai nostri rapporti quotidiani, e' questo che a me pesa.

    RispondiElimina
  38. Non so per quanto tempo la popolazione riuscirà ad essere paziente...

    RispondiElimina
  39. A parte la gretta propaganda mediatica pro e contro qualcuno, già da qualche giorno riflettevo su quale rilevanza potesse avere la densità di popolazione per kmq (fonte Wikipedia):
    Italia 200
    Lombardia 423
    Veneto 267
    Emilia Romagna 199
    Cina 147
    Hubei Province 308
    USA 34
    State of New York 416
    UK 271
    Germania 232
    Belgio 351
    Spagna 92





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, certo che se la soluzione è il distanziamento, la densità in qualche modo è un parametro sensato, anche se ovviamente va preso con tutte le evidenti cautele.

      Elimina
    2. Sono andata a controllare la densità media per km quadro di alcune grandi città. Pur con le dovute cautele dovute al fatto che i censimenti non sono frequentissimi, sembra che il centro di Parigi abbia circa 20.000 abitanti per km quadro, ad Hong Kong sarebbero invece, ma in tutta la penisola, circa 8.000 abitanti per km quadro.
      Non ho spinto oltre la ricerca: anche se le cifre fossero inesatte in eccesso, qualsiasi ipotesi di "distanziare" gli esseri umani in alcuni luoghi è priva di realtà. Provate a pensare a Città del Messico, Mumbay, Delhi, alcune metropoli africane.....

      Elimina
    3. Forse sarebbe necessario utilizzare un dato più raffinato. Ad esempio l'Istat produce uno strumento che si chiama "grado di urbanizzazione" (https://www.istat.it/it/archivio/137001).
      Ad ogni modo, con il solo ausilio dell'esame di statistica e senza tanti calcoli, se è vero che le epidemie si sviluppano in maniera gaussiana, non erano necessari grandi esperti per capire che neutralizzare i primi casi è fondamentale. Poi quando si entra in fase esponenziale, tutti abbiamo sotto gli occhi ciò che accade.

      Elimina
  40. eh , mentre pazientiamo godiamoci un altro simpatico episodio della serie " la guerra fra i poveri , eddaieeee" https://m.youtube.com/watch?v=BG2a5xi3jnU&feature=emb_logo&time_continue=221
    eh ? come si intitola l'episodio? ogni limite ha una pazienza o ogni pazienza ha un limite ,boh ? ecchissenefrega non rompere il cazzo , smammare , intanto io ti multo , poi tu , se credi , dai un senso alla tua vita , hahaha ... tu , solve et repete , hahaha

    RispondiElimina
  41. Merkel: la Germania sarà solidale ma entro i limiti dei trattati europei.

    RispondiElimina
  42. https://www.corriere.it/economia/finanza/20_aprile_20/perche-arrivata-l-ora-lanciare-btp-perpetuo-c6fea7a6-82d7-11ea-86b3-8aab0c7cf936_amp.html

    Ma si sono impazziti??

    RispondiElimina
  43. Non so se possa essere considerato off topic, ma non credo, vista la gravità dell'episodio. Il racconto viene da una mia cara amica:
    "ieri durante una passeggiata sulle nostre solitarie colline, ci è capitato di passare nei pressi ma a grande distanza! 500/600mt, di un capannone (sperduto tra i boschi).
    Ci hanno visto e da lontanissimo ci hanno urlato "non si può andare in giro"
    Noi ci siamo allontanati velocemente e abbiamo deciso di nasconderci dentro un fosso... E abbiamo fatto bene: perchè ci hanno inseguito (!) e cercato... Abbiamo sentito le voci che ci cercavano da dentro il fosso... Ce ne siamo stati silenziosi e immobili (compresa mia figlia piccola) per 1 ora mezza e poi con l'adrenalina a mille siamo usciti e siamo scappati lontano sul crinale e corsi a casa...(distante solo 2/3 km).
    Siamo arrivati a casa basiti, scioccati, spaventati da cosa è diventato questo mondo... Come le cose stanno precipitando!"
    Il racconto mi ha sconvolto, perchè mi ha fatto ripensare ai racconti dei miei genitori e conoscenti, di quando si nascondevano nei fossi per scampare alle retate dei nazifascisti.
    A me sembra che la misura sia stracolma, la follia dilaga e abbiamo ormai sconfinato nel regime autoritario, in cui molte persone fanno a gara per emulare e se possibile superare la smania totalitaria che pervade il Governo e che ha trasformato le forze dell'ordine e i cittadini stessi in cani rabbiosi.
    E il delirio della "App Immuni"? Domanda: la App dovrebbe essere utilizzata solo dai contagiati o da tutti indifferentemente??? E poi cosa significa "limitare i movimenti di chi non ce l'ha"? Ma che scherziamo???
    E il braccialetto per gli anziani? No, ma non vogliamo tatuare loro direttamente loro un bel codice a 6 cifre sul braccio?
    A me sembra che si stia perdendo completamente la testa, o comunque che il progetto "grandefratellista" stia procedendo ad una velocità impressionante, sotto l'accelerazione garantita dal virus.

    RispondiElimina
  44. Intanto nel Paese piu' colpito ho gia' ricevuto lo Stimuls check, direttamente depositato nel conto corrente! Siccome siano una famiglia di due adulti ed un bambino abbiamo percepito, senza richiederlo, ben $2900! Non solo, lo stipendio mi entra ancora e se l'employer ha difficolta' a pagarti lo stipendio ci pensa il programma PPP (Paycheck Protection Program) che paga gli employers a fondo perduto se e solo se mantiene il livello occupazionale pre-crisi e lo stesso livello salariale! Mi sa che il Paese piu' colpito e' anche il Paese piu' Socialista, o forse la FED non e' la BCE?

    RispondiElimina
  45. O.T. Il prete umiliato stamattina a Gallignano di Soncino (CR), don Lino Viola è lo stesso che celebrò il mio matrimonio nel lontano 1994. Poiché l'ho perso di vista e so che il vescovo di Cremona non l'ha difeso, vorrei esprimergli tutta la mia solidarietà umana e cristiana. Non meritava quel trattamento da polizia sovietica e mi congratulo per come ha saputo tenere testa a chi, in quel momento, stava insultando il Santissimo Sacramento.

    RispondiElimina
    Risposte






    1. del Cristianesimo


      alcolizzati = cristi
      psichiatrizzati = marie



      Cardinal tuo b.

      Elimina
  46. https://www.corriere.it/economia/finanza/20_aprile_19/se-bce-impugnasse-nuovo-bazooka-cancellando-parte-debiti-pubblici-che-detiene-91c2fc9c-80aa-11ea-ac8a-0c2cb4ad9c17.shtml

    Domanda.. Il fatto che sul sito del corriere si parli di questo, è un segno buono o no? Ormai diffido di qualsiaso cosa sulle testate giornalistiche, sapreste schiarirmi le idee?
    Firmo qua:Fiaschetto85

    RispondiElimina
  47. Prof. la seguo davvero da molti anni. Non ho perso la fiducia che alla fine riusciremo a riconquistare la nostra legittima sovranità monetaria, economica, sociale, politica ... Ma chi rema contro a questo giro ha fatto un salto quantico in avanti, contro di noi. Domanda secca e credo onesta: al netto dell'emergenza sanitaria che a quanto ci dicono incombe su tutti noi, lei, come parlamentare e come membro della Lega è d'accordo con le proposte di tracciamento con smartphone o addirittura braccialetto elettronico o cose simili? Grazie mille.

    RispondiElimina
  48. La statistica è matematica fantastica: usando lo stesso insieme di dati puoi dire tutto ed il contrario di tutto, a seconda di cio che fa comodo dire e del risultato che si vuole ottenere. L’onestà intellettuale fa la differenza. (Cito il mio “ guru” in materia, ahimè mancato qualche anno fa...)
    Qualsiasi conclusione a priori non ha senso: solo quando (e se) si saranno completati esami sierologici di massa si avrà il quadro reale della situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Daniela: mi scusi, ma dire che "la statistica è matematica fantastica" è fuorviante, sarebbe come dire che "la Fisica è Matematica", oppure "la Chimica è Matematica".

      Tutte, o quasi, le discipline empiriche fanno uso di strumenti matematici, spetta al ricercatore capire quali sono gli strumenti adatti e, soprattutto, interpretare i risultati in base alle proprie conoscenze oltre che, come Lei fa correttamente osservare, alla propria onestà intellettuale.

      Manipolare la Statistica come un insieme di "ricette magiche" produce risultati paradossali dai quali deriva la diffidenza nei confronti della materia.

      Elimina
  49. Un pò di fanta politica, che poi non è tanto fanta:
    si parla si app, braccialetti, vacinazione obbligatoria e misure coercitive maggiori, in nome della "salute".
    Si e anche apputato che i soldi del mes "senza condizioni" dovrenno servire per l' "emergenza virus". uniamo questi due puntini e possiamo forse chiederci: questi soldi servono a tamponare una emergenza o servono per implementare e comprare tecnologia che in effetti serve di più a quelli che vogliono imporci tali misure ? forse così si spiega la visione della maggioranza che non è ottusa, ma bensì focalizzata su obiettivi che sono "altri"?

    RispondiElimina
  50. e stanno a colpì duro anco er diritto di scelta della cura se obbligheranno , burioneggianricciardeggiando , direttamente o a suon di ricatti , al vaccino ; e non tanto il diritto costituzionalmente garantito , che della costituzione frega ncazzo a nessuno e men che meno ai suoi garanti istituzionali , ma quello sancito a suon di tamburi e salve di cannone nientemeno che dalla Europea Convenzione di Oviedo Chapter II – Consent
    Article 5 – General rule
    An intervention in the health field may only be carried out after the person concerned has given
    free and informed consent to it.
    This person shall beforehand be given appropriate information as to the purpose and nature of the
    intervention as well as on its consequences and risks.
    The person concerned may freely withdraw consent at any time.

    ah già , che stupido , dimenticavo : essendo che chi rifiuta il vax è considerato un demente , https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/come-sono-umani-tedeschi-ndash-folle-storia-dell-rsquo-avvocata-beate-233736.htm , ecco che se te rifuti te ponno fa n TSO aò ; eppoi quella convenzione lì che sancirebbe bla bla è già in revisione sotto la lente del Comitato di Bioetica del Consiglio d’Europa ; ecchè stamo a scherzà !? se famo fermà dan pezzo de carta? http://www.sossanita.org/archives/8808

    RispondiElimina
  51. segnalo con serenità questo comunicato AMPAS
    https://www.medicinadisegnale.it/?p=1052&fbclid=IwAR1dE6Bc3l1z73jcw2pPybOZIoAgYRF4lMDlIVLCNtCjobsYoU28zCcxsng

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una sintesi perfetta https://www.oltre.tv/cisl-medici-lazio-ordinanza-vaccinazione-obbligatoria/?fbclid=IwAR2oUHrvIvzCkHNulwTrUvJH0phiPa3V5XUOVm-zSB_1XTJLxLUjSN_agJs

      Elimina
  52. Gentile Prof. Bagnai, accolgo con consapevolezza il suo ennesimo invito alla pazienza, a tanta pazienza;
    invito che fa parte di un percorso non solo di informazione e divulgazione, ma ormai è chiaro,
    di vera formazione ad un uso retto delle capacitá di ragionamento e valutazione dei fatti, dei dati, dei valori, dei giudizi, delle prese di posizione, delle scelte da fare, ciascuno al proprio posto, secondo la sua simpaticissima definizione.
    Per coltivare questa pazienza e riposare meglio la notte, ho visto più volte il suo video sul canale youtube di Pupia News del 19aprile -Bagnai(Lega):"Il cancro della democrazia"-.
    Ascoltandola riaffiorano alla mia memoria tanti episodi personali,familiari e sociali che confermano la veridicità del suo lavoro, ma penso che il suo invito soprattutto preoccupato, in questo periodo, sia di alzare il livello di attenzione, di osservazione e di riflessione,
    per non farsi incastrare in falsi ragionamenti e inutili discussioni, in perdite di tempo, sempre più limitato e prezioso.
    Le quattro virtù cardinali siano con lei in primis, con i suoi colleghi di lavoro e con noi tutti, che la seguiamo, ornai alla prova decisiva della pazienza.
    Grazie

    RispondiElimina
  53. Grazie Prof per il suo discorso al senato,che bello sentire le parole DEMOCRAZIA E COSTITUZIONE,per riprenderci il nostro futuro
    ne abbiamo bisogno,insieme a un'altra parola,SOVRANITA'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vede che hai ascoltato il discorso di un altro.

      Elimina
  54. Ho finito adesso di sentire il suo discorso al Senato e voglio ringraziarla di cuore, è stato grande.

    RispondiElimina
  55. Forza del Pensiero,Efficacia della Parola,Sintesi Finale :

    "Non sappiamo se il virus sia frutto di un esperimento malriuscito, ma lei lo è" !

    Complimenti.

    RispondiElimina
  56. Onorevole Senatore, Chiarissimo Professore,
    il suo intervento di oggi al senato è stato a dir poco magistrale. Le faccio i miei più sentiti complimenti e la ringrazio di cuore per averlo fatto.

    Capiterà mai il giorno in cui qualcuno in parlamento chiamerà il PD partito fascista invece che democratico? :D (se quest'idea la stuzzica non approvi questo commento così da non rovinare la sorpresa) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome all’opposizione ho tanto tempo libero, bloccherò chi viola le regole.

      Elimina
  57. Intervista ad Adam Tooze su Zeit On line
    .....

    Tooze: .... Public debt is conceptually different from private debt. You don’t have to pay it back. If necessary, you can simply park it in the Fed’s accounts and leave it there. And there’s one politician who understands that extremely well. 

    ZEIT ONLINE: Who? 

    Tooze: Donald Trump. For him, money is something the banks magically conjure up. and he is the chief magician. 

    Pensavo rispondesse Bagnai Alberto.. sarà per la prossima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tooze mi segue su Twitter. C’è arrivato tardi, ma non è stupido e vale la pena di seguirlo.

      Elimina
  58. Egregio professore, la dirompente sapienza del suo discorso di ieri al senato, sono certo abbia scosso gli animi (non le nascondo che io ho pianto)

    Lei e' l"unico intellettuale capace in questo paese di sostenere il dialogo con chiunque .
    Come ben evidenziato da lei nel suo discorso il problema oramai non e' più solo quello economico, bensì di una pericolosissima deriva democratica che ci sta chiudendo in una gabbia orwelliana che non permette più di esprimerci

    Ormai il dato e' tratto, non c'e più bisogno di smascherare nessuno.

    Adesso e" arrivato il momento di sottolineare le responsabilità di tutti.

    Il famoso dossier circa lo stato di emergenza che risale al 20 gennaio sottolinea delle responsabilità precise ed inderogabili.

    Pensare che la gente comune debba vivere nei prossimi anni in uno stato di polizia, facendo file ovunque, indossando maschere e sostituendosi ad insegnanti e dottori per potere sostenere i figli, è impensabile. (I numeri di questa pandemia non giustificano questo stato iperemergenziale)

    Lo scontro sociale sarà inevitabile se si continua così.

    Personalmente sono disponibile a sostenere (nel mio piccolo) il suo operato in qualunque sede dibattimentale .

    Grazie Professore

    Marco S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me quella storia del dossier è una fake news che hanno disseminato per precostituirsi qualche sorta di alibi.

      Elimina
  59. Professore buongiorno, non ritiene che la decisione del prossimo 5 maggio della Corte costituzionale tedesca possa essere il vero ostacolo all’intervento della Bce nel senso anche da lei auspicato? A mio modestissimo avviso quella pronuncia rappresenterà un momento decisivo per le sorti di questa sgangherata UE e l’imminenza della decisione rappresenta la reale chiave di lettura delle attuali “trattative” in corso . Non ritiene che se ne parli troppo poco? Probabilmente avrà già trattato l’argomento in precedenti suoi interventi, e quindi, essendo nuovo del blog, mi scuso se mi è sfuggito. Avrei molto piacere di sentire un suo pare sul punto. grazie p.s. complimenti per il suo intervento di ieri in Senato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aridanga! "ChennepenZa?" Ne penso due cose, che purtroppo vale la pena di ribadire:

      1) non sono un juke-box. Capisco che lei sia nuovo del blog e quindi capisco che si sia perso un post fondamentale: QUESTO. Ma ora le chiedo la cortesia di recuperare, così sarà tutto più facile per entrambi.

      2) siccome io di questa cosa non ho parlato, vuol dire che l'avete saputa dai giornali, e vale il principio che se una cosa fosse importante i giornali ve la nasconderebbero. Quindi, per definizione, un tema sollevato nel dibattito dei media è, ahimè, un non-tema.

      Ad esempio: ricordate tutte le fibrillazioni per "la fine del QE"? Ecco. Poi magari sbaglierò. Vediamo...

      Elimina
  60. Caro Prof. Bagnai,

    lei si renderà sicuramente conto che paragonare gli Stati Uniti all'Italia attraverso una statistica descrittiva come il rapporto tra il numero di vittime ed il totale della popolazione vanifica un pò tutta la letteratura in econometria applicata e in Policy Evaluation.

    Inoltre, sarebbe carino trovare in questo blog una comparazione tecnica tra i possibili meccanismi di finanziamento come MES, eurobond o titoli emessi dallo Stato Italiano ed acquistati da investitori italiani. Che tassi di interesse avrebbero? E se facciamo default, nel caso europeo arriverà la famigerata Troika, ma nel caso italiano cosa succederà alle banche nazionali che avranno in pancia quei titoli?

    Infine, in caso esista il progetto di uscita dall'euro e battere moneta, le ricordo le serie perplessità del Prof. Lippi, che sono comuni a molti monetaristi.

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece di fare tanto il saccente, perché non ci dice lei quale sarebbe il modo corretto di dare una simile notizia (perché qui il tema è questo, ma non credo che lei lo abbia capito). Torno sul solito punto: cosa scrivere in questo blog lo decido io. Conte ci ha tolto quasi tutte le libertà fondamentali, ma ancora non mi ha tolto quella di dire cosa penso. In attesa che lo faccia, lei apra il suo blog e ci dica lei cosa pensa degli argomenti che la interessano. Le perplessità del prof. Lippi lasciano il tempo che trovano. Stia sereno: cambierà idea...

      Elimina
    2. Dialogo con unknown:

      - 2+2 fa 4

      - eeeh... paragonare il 2 all'altro 2 attraverso una statistica sommativa come la somma tra i numeri 2 ed il totale 4 vanifica un pò tutta la letteratura in econometria applicata e in Policy Evaluation.

      - aaah... ok. Allora 2+2 fa un numero che è minore di 5 ma maggiore di 3 con supercazzola prematurata come fosse antani.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Caro Alessandro Ale,

      mi chiamo Mario C., mi scusi per non essermi presentato nel messaggio precedente. Ovviamente, lei ha perfettamente ragione 2=2, e su questo siamo d'accordo.

      Ma il punto è, crede nell'informazione che ottiene dal solo numero 2? Le faccio un esempio semplicissimo che la potrebbe aiutare. Ad esempio, 2 è la media aritmetica della successione 4 -6 8, e della successione -14 13 7. Sono queste successioni uguali tra loro? Dal punto di vista della media si, ma hanno una variazione differente intorno ad essa.

      Quindi, come vede, una sola statistica descrittiva non è abbastanza, e le dirò di più, potremmo anche tentare un approccio parametrico, ad esempio stimando un processo autoregressivo per la trasformata logaritmica dei dati dei contagi, al fine di confrontare la curva epidemiologica tra i due Paesi. Forse in questo modo potremmo dire qualcosa in più in merito a quale sia il Paese più colpito.

      Mi spiace se ho dato l'idea di essere saccente, vi prego di vedere in me tutta l'umiltà possibile perchè è quello che sono: il più umile tra gli umili.

      Elimina
    5. Marco, se un ingegnere?

      Te lo chiedo perché per lavoro di ingegneri ne ho frequentati molti.
      Io sono un perito tecnico, uno che i problemi al lavoro, purtroppo, li deve per forza risolvere.

      Mi dispiace Marco, io da ignorante che non vede un soldo da due mesi, di quello che scrive vedo solo seghe mentali.
      Nel mio mondo se dico 2, intendo proprio 2.
      Non intendo: "...la media aritmetica della successione 4 -6 8, e della successione -14 13 7."
      Solo 2.
      E 2+2 nel mio mondo fa sempre 4.

      E da perito, se non fa 4, vuol dire che c'è un problema serio.

      Elimina
    6. Salve Alessandro,

      non sono un ingegnere, ma lavoro come ricercatore in Time series Analysis, una branca della statistica matematica.

      Io guadagno 1100 euro al mese, per fortuna continuo a ricevere lo stipendio in questi mesi ma a novembre il mio contratto finisce. 4 anni fa lavoravo come postino e ne guadagnavo 1200, 5 anni fa lavoravo come lavapiatti in Inghilterra e prendevo 1200 pound (1350euro circa). Ancora prima lavoravo in nero in una copisteria. Come potrà immaginare, ho qualche anno in più rispetto all'età media di un ricercatore post doc.

      Proverò ad esprimermi senza usare "metafore numeriche". Nel messaggio precedente, con il numero 2 intendevo una "rappresentazione metaforica" (non so se è il giusto modo di dirlo ma non ho fatto studi umanistici, ma credo si capisca cosa intendo) del rapporto tra la popolazione totale degli Stati Uniti e il numero di vittime (oggi ricordiamo hanno superato i 50000, ed erano 38000 quando ho scritto il primo messaggio). Vede sebbene questo rapporto sia ancora inferiore negli Stati Uniti rispetto che all'Italia (2+2=4 come nel suo mondo e in quello di tutti), questo non è per me (ed altri) una evidenza che gli Stati Uniti siano meno colpiti. Attraverso delgi strumenti matematici per l'analisi dei (seppur scarsi) dati (le "successioni" nella mia scarsa metafora) abbiamo un'evidenza che gli Stati Uniti sono lungi dall'essere i meno colpiti.

      Elimina
    7. E qui la tua mancanza di studi classici si palesa come un grave limite, perché, a prescindere dalla presunzione che ti porta ad addentrarti in campi non tuoi sulla base di scialbe fallacie ad auctoritatem (povero Lippi…), se sei in buona fede c’è dell’analfabetismo funzionale nel voler confutare una tesi che qui nessuno ha sostenuto! Qualcuno qui ha detto che gli Stati Uniti sono o saranno il paese meno colpito?

      Elimina
    8. Salve Mario, scusa se ho sbagliato il tuo nome.
      Ho capito perfettamente quello che intendi dire, fin dal primo post.
      In merito ha risposto il Prof.

      Non credo che il giornalista del tgr3 si sia fatto tutti questi calcoli statistici. Semplicemente il suo intento era deviare l'informazione.

      Non so se negli Usa tra un mese i dati del covid-19 saranno peggiori o migliori dell'Italia. Ma francamente e brutalmente, personalmente mi interessa poco.
      Quello che so di per certo è che la mia terra sta vivendo una crisi economica devastante! E tanto mi basta.
      La vedo, la vivo e la percepisco nella mia comunità e non mi importa se tramite calcoli statistici a fine anno (se mai ci arriveremo) il calo del pil sarà dell'otto, del dieci o del 12 percento... comunque sarà devastante!
      E come in guerra, bisogna intervenire con misure semplici e dirette (2+2).

      PS. Sono anche io fin da piccolo appassionato di statistica, però principalmente descrittiva. Non ho la tua formazione analitica.
      Se vuoi posso dirti a memoria superficie, abitanti, pil, percentuali industrie, boschi ecc. ecc. Di tutti gli stati del mondo dal 1981 al 2008.
      Dopo ho smesso di studiare perché troppo vecchio per giocare coi numeri. :-)

      Elimina
    9. (*preciso per il messaggio di prima, intendevo "meno colpiti" rispetto all'Italia).

      Lei scrive:

      "...Voglio dire che se e quando gli Usa saranno colpiti come l'Italia e la Spagna, le sue vittime arriveranno a 329.311.764 x 0.0004 = 131.725 ".

      Uno potrebbe pensare lei intenda che gli Stati Uniti sono stati colpiti meno dell'Italia, in quanto saranno colpiti COME l'Italia solo quando conteranno 130000 morti (ricordiamo che oggi ne contano 55000 e quando abbiamo cominciato questa discussione ne contavano 38000, 17000 in più). Sennonchè, quel COME è scritto in corsivo, quindi magari non ha lo stesso significato (e qui l'analfabeta funzionale si scosta un pò di sudore dalla fronte). Infatti, dopo lei corregge il tiro con:

      "...descrivere come paese "più colpito" quello dove ci sono stati più morti semplicemente perché ci sono molti ma molti più abitanti (per la precisione: oltre il quintuplo) è senz'altro corretto (certo, ci sono stati più morti!) ma... ci aiuta a capire?"

      In sostanza, io credo che quanto ho detto nei messaggi precedenti possa aiutarci a capire meglio perchè gli Stati Uniti sono il Paese più colpito. Infatti, per quanto mi riguarda, essi non lo sono a causa di un maggiore numero di abitanti o di morti (come mi pare qualcuno abbia capito), ma lo sono in quanto il processo di contagio è più persistente.

      Se poi per voi quanto detto non è il punto sostanziale, e il post principale si riferiva più a come la stampa trasmette le notizie, allora non ho colto bene io il suo significato. Comunque sia, la notizia per me è corretta nel senso che ho spiegato. Naturalmente, sono aperto a critiche sul metodo.

      Elimina
  61. Sui dati che vengono forniti ho trovato interessante questo articolo (spero lo sia anche ad altri) del 2010

    https://www.epicentro.iss.it/discussioni/h1n1/grilli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Molto interessante. Questo è un commento in topic e che aggiunge qualcosa. Ne basta uno per rendere questa esperienza, per quanto faticosa, fruttuosa e degna di proseguire. Esorto gli altri a prendere esempio.

      Elimina
  62. Io invece non ho sentito il discorso, ma ho letto che era molto bello. Certo, chiunque sarebbe capace di fare un discorso appena accettabile con questi qui, basta solo una dose, nemmeno tanto alta, di libertà di spirito. Resta il fatto che è illusorio pensare di manomettere le nostre catene di schiavi con la caduta del governo, anzi si serrerebbero ancor di più, perchè il partito liquido liberista che come acqua, insinuato dappertutto, bagna e intride, umidifica e rammollisce, si raccoglierebbe di nuovo in due vasi comunicanti dove il livello dell'uno sale allo scendere dell'altro e viceversa, senza che mai cambino nè i contenitori nè il liquido. E come una foresta cambogiana si è ripresa l'antica città khmer spaccando antichi pilastri e oscurando vani di case e templi così l'UE e l'euro saranno ancora e sempre madre natura che rassicura, conforta, protegge specie selvagge e selezionate, che Liberismo aveva allevato e nutrito, perpetuate e forti più che mai ora, libere di sbranarsi e avvelenarsi, spacciando il debole, dove il possente tronco spaccato sovrastante l’antico segno di civiltà non é ferito a morte dalla pietra importuna sottostante, ma autoritario, incontrastato e inesorabile, lentamente schiaccia e ingoia, non sbriciola, la pietra istoriata, sostituendo un’estetica a un’altra, Natura matrigna a Raffaello, lasciando sempre intravedere un bagliore di mano d’uomo, architetto, maestro, scultore colto, così che l’archeologo potrà ben dire: - E’ purtuttavia un sito storico, state attenti, qui Intelletto dette vita a dura pietra informe! E avrà ragione, mentre orde di zoologi, botanici calpesteranno quella pietra, ad essa indifferenti, a lui indifferenti, per studiare crudeltà e istinto di fiere feroci e predatrici, unici segni di vita e intelligenza che essi riconoscono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chiunque" è una parola grossa! Il tuo discorso è piuttosto stucchevole e al disotto dei miei standard ortografici, ad esempio. Vuoi parlare "alto", ma si capisce che parti dal "basso", da una scarsa consuetudine coi libri senza figure e da una scarsa umiltà. Per preparare il mio discorso, di nove minuti, ho consultato decine di persone, perché ogni giorno imparo.

      Lancillotto mio, con affetto: ma una Ginevra ce l'hai? Non lasciarla sola. Con lei impiegheresti meglio il tuo tempo e saresti più utile all'umanità. Qui, te lo dico, non aggiungi nulla. Se lei ti vuole bene, invece, potresti renderla felice, e questo sarebbe un miglioramento paretiano.

      Con immutata stima (nel senso letterale del termine).

      Elimina
  63. Gentile prof. Senatore... le voglio segnalare una chicca... sullo stesso giornale... Il Fatto Quotidiano... oggi si dice tutto e il suo contrario... il direttore nel suo articolo dileggia il Suo intervento ieri in Senato e a pagina 13 si sostiene la sua tesi, a che serve la salute se manca la democrazia??? Sicuramente saprà utilizzare questa informazione... continui così Professore... prima o poi tutti su accorgeranno di quello che Lei ha previsto un decennio prima... con stima... un suo lettore e prossimo elettore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo rispetto per il dottor Travaglio, cui, se non ho capito male, è andata in porto una rilevante operazione politica, e che è da tempo un beniamino dei miei lettori! Il diritto di critica è il sale della democrazia.

      Elimina
  64. Ecco scoperto l'arcano: i Giavazzi sono due. Uno, quello dell'articolo del 24 marzo su lavoce.info che, proponendo titoli a lunga scadenza acquistati dalla BCE considerava il MES un possibile problema elencandone i 6 limiti; l'altro, quello di oggi sul Corsera che, non escludendo anche il MES come strumento possibile da utilizzare per fare fronte alla crisi economica in atto scrive:

    "Che Salvini spari a zero sull’Europa è comprensibile. La sua è una scelta politica, a nostro parere folle, ma lucida. Il suo scopo è portarci fuori dall’Europa. Ma che il presidente del Consiglio affronti le riunioni europee con frasi tipo «Pronti a fare da soli» non solo è controproducente, è assolutamente privo di credibilità. Come può l’Italia minacciare di uscire dall’Europa e dall’euro? Che cosa succederebbe se fossimo da soli? La liquidità dovrebbe fornirla la Banca d’Italia, e una lira non ancorata all’euro si svaluterebbe come accadeva negli anni Novanta, quando la lira si svalutava un anno sì e l’altro pure, senza che la nostra competitività nel commercio internazionale migliorasse stabilmente. Gli investitori esteri fuggirebbero spaventati dal rischio svalutazione, gli italiani, a meno che non glielo si impedisca per legge, investirebbero in euro e dollari. I nostri titoli perderebbero valore e i tassi sul debito pubblico schizzerebbero. Una strada che ci porterebbe dritti verso un default sul debito, o a causa dell’inflazione o per decreto. Davvero qualcuno pensa che sia un’alternativa preferibile a una sia pure imperfetta Europa?"

    Parole scritte come se non esistesse, da parecchi anni, un articolato dibattito con tutte le sue articolazioni, portato avanti da centinaia di economisti e politici. Come se, dopo il disastro di Ciampi che nel ’92 (anno dell'inizio di Tangentopoli) bruciò 30.000 miliardi di riserve valutarie per sostenere il cambio della lira e poi la lira svalutò comunque, e uscì dallo SME. L'economia italiana ricominciò a crescere, fino al ’96 quando di fatto entrammo nell'euro. Allora, vi era chi preconizzava l'arrivo delle sette piaghe bibliche, così come oggi fa Giavazzi assieme al suo sodale Alesina.
    Chissà, forse ha riflettuto sulla disavventura capitata a Draghi che, 2 giorni dopo la sua intervista al FT, nella quale esortava la BCE a intervenire in maniera massiccia («…di fronte a circostanze non previste un cambio di mentalità è necessario in questa crisi come lo sarebbe in tempi di guerra…» sono alcune delle sue parole) si è visto bruciare la casa in Umbria, una sfortunata casualità certamente, ma insomma…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente, gli incidenti succedono e non darei loro troppo significato. Sul punto, tu sei qui da tempo e quindi non sarai stupito di avere ulteriore conferma del fatto che il principale problema de iCoNpetenti è che sono incompetenti.

      Elimina
  65. Nulla io “sapeva “ di Guido Salerno Aletta.

    Or ora ,vengo a conoscenza della sua vasta competenza e autorevolezza in campo economico. Mi colpisce in particolare il giudizio che su di lui espresse a suo tempo Cossiga :” il migliore servitore dello Stato “ !

    Qui mi limito semplicemente a riferire di alcune sue recenti dichiarazioni . Che molto mi fanno riflettere.

    - " Lo scenario più plausibile è quello di una uscita dall’Eurozona dell’osso tedesco.
    -C’è in corso il tentativo di blindare ogni possibile deflagrazione dell’Unione, ma purtroppo lo strumento per tenerla unita è quello degli aiuti attraverso il debito. Come è successo per la Grecia: gli aiuti a debito sono una morsa da cui non si esce.

    - lo strumento per tenere unita l’Unione Europea è quello degli aiuti attraverso il debito. Come è successo per la Grecia: gli aiuti a debito sono una morsa da cui non si esce. Il MES per le spese sanitarie, così come il programma SURE, per non parlare dei prestiti erogati attraverso la Bei ed il Piano di Recovery Bond sono altrettanti strumenti di coesione forzata: ti aiuto, ma diventi debitore nei confronti della istituzione.

    -La Francia è ad un bivio. Battuta nel 1870, sotto scacco nel 1914, invasa nel 1940 con le truppe naziste arrivate a Parigi, è stata il contrafforte continentale nei confronti della Germania. Ha un disavanzo commerciale enorme verso Berlino, perché non vive di subforniture come l’industria tedesca. L’Africa non le basta e le acquisizioni in Italia neppure. In una Europa che si disgrega, che perde pezzi, una alleanza a due, da sola con Berlino, non ha alcun senso. Nè dal punto di vista geopolitico né da quello economico.

    - Il sistema europeo deve mediare tra istanze ed esigenza troppo contrastanti. Un incremento enorme dei debiti privati e pubblici, come è stato proposto dall’Eurogruppo e dalla Commissione, e come si ipotizza anche con i Recovery Bond, sarà insostenibile. Serve una immediata monetizzazione, e non c’è che da procedere su questa strada, subito. La Bce si sta muovendo con qualche grado di libertà in più, portando ad ulteriori conseguenze le iniziative indispensabili per evitare l’implosione dell’euro. Ma sarà questa, con grande probabilità, la linea di frattura che porterà alla fine dell’Unione " .


    Ormai,Alberto, siamo alla stretta finale.Ed è uno scontro tra due fronti ben delineati : quello della CHIAREZZA,energica appassionata patriottica ( da te romanamente rappresentata !)e quello dell' Ipocrisia Dialogante e Ingannante (quella dell' Avvocaticchio Sofista Trasformista e Narcisista !).

    Tertium non datur !

    RispondiElimina
  66. Faccio una ricerca su youtube per ascoltare gli interventi e la pagina mi pubblicizza il libro di Stagnaro sull'euro ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, Stagnaro è un'autorità riconosciuta sul tema, no!?

      Elimina
  67. MES: puo' essere dichiarato "bad debt"? Esiste il precedente dell'Iraq che fu accettato da USA. Se cosi fosse l'opposizione + M5S (che e' maggioranza nel paese) potrebbe fare una dichiarazione che (se sottoscritto) non verra' ripagato in quanto considerato "bad debt" e tutte le conseguenze saranno fatte ricadere sui "prestatori".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un'ipotesi un po' fantasiosa. Comunque, ormai il tema è stato lanciato e le responsabilità sono state attribuite.

      Elimina
  68. Avevo mandato un commento stamattina ma no non l'avete inserito, mi domando perché

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo, credo che dipenda dal fatto che mentre il suo mondo gira, legittimamente, intorno a lei, io devo occuparmi del mondo altrui. Peraltro, il piagnucolare anonimo non ben dispone alcun moderatore di alcun blog, mi creda. Qui va così... Sorry!

      Elimina
  69. C’è pessimismo e pessimismo.
    C’è un pessimismo della debolezza ed un pessimismo della forza.
    Il primo si adegua allo stato delle cose, soprav-vive con il compiacimento che giustifica l’atteggiamento di resa verso una realtà oramai (colpevolmente) vissuta come ineluttabile, trova giustificazione della decadenza individuale e collettiva nella storia. E’ il pessimismo che si lascia vincere, guidare dagli eventi, che si consegna alla storia. In questa immagine ben si inquadrano i partiti che hanno scelto di privarsi delle proprie radici senza le quali non possono alimentare tronco e rami e che inesorabilmente sono destinati a morire.
    Ma c’è un altro pessimismo che è quello della forza. E’ un atteggiamento che ha il coraggio di guardare alla tetraggine e terribilità del reale, non si fa illusioni, guarda lucidamente alle forze che producono un pericolo ma senza dissimulazioni e fingimenti sa riconoscere, nonostante tutto, gli strumenti e le condizioni per il padroneggiamento delle cose; incarna il no dell’azione che <> l’esistente e <> al nuovo. E’ un pessimismo che ha la sua posizione nell’analitica che è capace di risvegliare una vigorosa <>, cioè vita che vuole vivere, che vuole superare se stessa e, soprattutto, andare oltre la mancanza di energia che sgorga con abbondanza dal pessimismo della debolezza.
    Questo nichilismo “sgombera lo spazio (raumt…aus) e al tempo stesso concede spazio (raumt …ein) a nuove possibilità.
    Ecco, nel pessimismo della forza mi sembra di lumeggiare il suo sforzo titanico per cercare di far comprendere a quanta più gente è possibile dove siamo posizionati e, soprattutto, quali sono le possibilità reali per poter provare a percorrere un’altra strada, una kehre.
    Grazie per il monumentale lavoro di divulgazione scientifica – una vera e propria paideia - che lei, professor Bagnai, da quasi 10 anni svolge con un crescendo rossiniano semplicemente travolgente.
    Concludo con una mia riflessione.
    Aldilà delle questioni tecniche (MES, bond nelle molteplici e fantasiose sue formulazioni, trattati, regolamenti europei, ecc ecc ecc ecc) credo dovrebbe essere chiaro che il nostro paese (e non solo) se lo vorrà potrà, a breve, trovarsi davanti allo specchio della propria storia e decidere se lasciarsi andare al pessimismo della debolezza o raccogliere la sfida della storia e con l’analitica del pessimismo della forza affrontare tutte le pene che comunque dovremo saper superare ma con un obiettivo entusiasmante e rigenerante: essere autori del nostro destino, nel bene e nel male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Bisognerebbe sapere che le parentesi angolari vengono interpretate come marcatori HTML e tutto quello che si mette al loro interno scompare.

      Elimina
  70. Ma si senatore diciamoci la verità 🤣, in fondo il popolo che ha eletto Salvini è un popolo di gnuranti 🤣 che di fronte al potere dei dpcm e dello scientismo non può nulla 🤣 è inevitabile 🤣. A parte chi inossidabile la pensa in questo modo, ho apprezzato molto il suo discorso al senato (di ieri pomeriggio se non vado errato).

    RispondiElimina
  71. Leggo che il signor Enrico Letta avrebbe affermato che senza accordo sul MES domani, venerdì lo spread sarà a 400....profezia, minaccia o ricatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baggianata, come quelle che costarono a lui il premierato e a un pensionato di Civitavecchia la vita. Comunque, l'art. 21 si applica anche a lui, e tanto perché lo sappiate il MES è cosa fatta, quindi parliamo d'altro.

      Elimina
    2. Eh... su cosa vorrebbe sviare?🤣 a che ora arrivano gli "ospitrokia" per cena?

      Elimina
  72. Caro professore non pubblichi e non risponda. Non è necessario.
    Qui c'è tanta gente che non vede l'ora lei mandi al diavolo Giorgetti e impugni la bandiera dell'eurexit.
    Stanno succedendo tante cose, gli Stati Uniti sono disposti a darci i soldi che ci servono e ad offrirci un futuro.
    Impugni la bandiera dell'eurexit. Non si preoccupi di spaccare la Lega (messa così a che serve?). Aiuti e collabori con chi vuole accettare l'aiuto degli Stati Uniti.
    La storia la conosce lei meglio di tutti. E' lei che ce l'ha insegnata. Sappiamo con la Merkel come andrebbe a finire.
    Adesso è il momento del coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco: questo è il tipico commento di un lettore di Repubblica. Se vi fate raccontare un mondo che non c'è (se non negli auspici dei nostri nemici) non riuscirete a incidere sul mondo che c'è. Peraltro, io ho una pletora di indirizzi email pubblici. Se volete distillare riservatamente il succo delle vostre raffinate analisi alla Annaberta Morandi, potete farlo lì. Ri-ri-ribadisco che sarebbe tanto meglio per tutti se la coda di moderazione del blog venisse utilizzata per postare commenti on-topic, possibilmente che aggiungano qualcosa. I complimenti me li faccio da solo quando ho tempo (cioè mai), e i vostri, graditissimi, potete anche farmeli a mente: li sento anche in quel modo, e ricambio il vostro affetto.

      Uscite dal frame dei vostri avversari. Grazie!

      Elimina
    2. P.s.: giusto per mettere in chiaro che i commenti non pubblicati non sono "scomodi" (questo forse pensava di esserlo, invece è solo fuorviato). Sono solo superflui. Bye bye!

      Elimina
  73. Caro Prof. e on.le Senatore,
    concordo con Lei nell’invitare alla prudenza (e aggiungo che questo è il termine col quale Cicerone traduceva impropriamente la sophrosyne aristotelica).
    Riceviamo ogni giorno valanghe alluvionali di dati; ma si sa: la quantità non è garanzia di qualità, anzi! Il più delle volte è vero il contrario.
    Di mio osserverei, però, quanto segue: 1) occorre chiedersi anche se a quei dati corrispondano i fatti, perché non è scontato che qualcuno menta (ai suoi e/o agli altri); e prove in tal senso ne abbiamo sempre avute, pertanto il dubbio sul punto è più che legittimo; 2) occorrerebbe poi esser certi che quei dati si riferiscano agli stessi fatti per tutti (es. non è la stessa cosa dire morto per codiv e morto con covid); 3) l’unico dato certo finora sono i tempi ed i modi di reazione dei vari Governanti; e questi a mio modesto avviso sono dati preoccupanti.
    Se chi Governa non sa (e lo ammette pure!!), beh allora c’è di che preoccuparsi.
    Porti pazienza per la mia ottusità.
    La ringrazio.

    RispondiElimina
  74. "Il paese più colpito". È un affermazione che non significa niente. E che non serve a niente.
    E lei insegna che se qualcosa non serve a niente, allora serve a qualcos'altro.
    Spero che non succeda niente a nessuno dei due. Del resto, vivo in un paese "meno colpito".
    Nel caso, non volevo perdere l'occasione di ringraziarla ancora e con rinnovato vigore.
    I suoi insegnamenti mi sono serviti tanto, nonostante la mia testa dura.
    E ancor più in questo frangente.

    Resista e grazie anche per il suo coraggio.

    Mauro

    RispondiElimina
  75. No, no. Sono un blogger come lo era lei, non leggo Repubblica, sono un suo accanito sostenitore e, purtroppo, è lei che stavolta non ci ha capito una mazza.
    Però il commento scomodo è, visto che non risponde.
    Pazienza. La mia, del resto, non era una domanda. Era un'esortazione. Da qui l'inutilità della pubblicazione.
    Mi resta quello che ha scritto. Non è poco, ma ormai non basta più. Buonanotte.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, caro. Tu non sei un blogger “come lo ero io”, altrimenti saresti dove sono io. Tu avresti voluto essere un blogger come sono io, ma è andata così. Ora, sicuramente, nonostante questo fatto, tu avrai più informazioni di me (mi sembra chiaro), e questo rende ancora più imperdonabile l’errore che faccio non prendendoti troppo sul serio. Sono sicuro che gli altri non lo faranno e ti daranno retta.

      Elimina
    2. Se pensa che ho minacciato di andarmene dal blog se fossero continuati gli attacchi alla sua persona, capisce che trattandola come meriterebbe sarebbe come trattare male a me stesso.
      Però grazie, stavolta mi ha risposto.
      Ormai, solo chi non vuol capire non capisce.
      PS - Per carità, non sono come lei, nè come Rinaldi. Chi lo ha mai pensato?
      Io sono solo un umile blogger di provincia, che scrive aggratis e che non vuol fare il Senatore.
      Anche perchè, a differenza sua, chi mai mi nominerebbe?
      Addio Professore. Volevo solo avvertirla, non richiesto, di una buca sul terreno.
      Continuerò comunque ad esserle grato.




      Elimina
    3. Ma caro, se tu mi avessi seguito come dici sapresti benissimo che io non volevo fare il senatore, ma devo farlo. Mi commuove sempre l’estensione di quello che credete di sapere. Se l’avessi intuita prima, mai mi sarei messo a divulgare!

      Elimina
  76. magistrati che parlano da cittadini e danno voce alle plebi rurali montane..." con estremo sconforto - soprattutto morale - abbiamo assistito, e ancora assistiamo, ad ampi dispiegamenti di mezzi per perseguire illeciti che non esistono, poiché è manifestamente insussistente qualsiasi offesa all'interesse giuridico (e sociale) protetto". Lo affermano, in riferimento al divieto di passeggiate, nove magistrati di Aosta in qualità di "cittadini": Eugenio Gramola, presidente del tribunale, i giudici Anna Bonfilio, Maurizio D'Abrusco, Luca Fadda, Davide Paladino, Marco Tornatore, Stefania Cugge (giudice a Ivrea) e i pm Luca Ceccanti ed Eugenia Menichetti.

    "In un territorio - scrivono in una lettera aperta - qual è quello valdostano (ma anche altrove, in zone di campagna o collinari su tutto il territorio italiano) ove molti comuni hanno una densità di popolazione assai limitata a fronte di un territorio in gran parte esteso in zona rurale, che pericolosità rivestono le condotte di chi, per sopravvivere alla situazione pesante in cui tutti viviamo, avendo la fortuna di abitare in comune montano - o comunque in zone isolate - (con gli inconvenienti ben noti in condizioni normali, soprattutto in stagione invernale, per spostamenti anche ordinari) faccia una passeggiata nei boschi 'osando' allontanarsi anche per qualche chilometro dalla propria abitazione, laddove superate le 'quattro casè del paese - proprio nel raggio delle poche centinaia di metri di spostamento consentito od almeno tollerato - si spinga fino alle zone solitarie di montagna dove - se ha fortuna - potrà incontrare forse qualche marmotta, o capriolo o volpe, transitando al più in prossimità di qualche alpeggio, al momento anche chiuso?".

    Quindi "fermo restando che è compito delle forze di polizia, e prima ancora dell'autorità politica che ne dirige l'operare, decidere come e dove concentrare i controlli sull'osservanza delle disposizioni emanate dal governo, è difficile non chiedersi se davvero non si sappia immaginare un modo più utile per spendere il danaro pubblico, in settori ove ce n'è ben più bisogno per le tante necessità urgenti delle strutture sanitarie o per più seri interventi di prevenzione e protezione degli anziani in strutture di accoglienza".

    RispondiElimina
  77. ho seguito il suo suggerimento e mi scuso per il “Chennepenza?”. Provo allora a dirle la mia. Ritengo anche io che l’esito di quella decisione, come è già accaduto in precedenza, non cambierà un granché in quanto la Germania si guarderà bene dallo smontate il giocattolo. Tuttavia ritengo che i tedeschi stiano sfruttando la circostanza come una sorta di ricatto per poter far digerire al più presto ai partners europei soluzioni indigeste quali il ricorso al mes. Grazie comunque per la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se alla Germania non sta bene nulla può anche andarsene e tornare al marco. Questa proposta qui è stata fatta sette anni fa e non è mai stata ritirata.

      Elimina
  78. Ovviamente, da amante dei dati oggettivi, non puoi non sottoporre ada analisi dati di natura così disomogenei, se non altro per cercare di confrontarli. Io riferisco i restanti dati sulle cifre dei deceduti e ritenendoli circa il 4% dei contagiati (presumibili effettivi). Dai risultati si evince ..... che non è ancora finita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento a che cosa vorrebbe riferirsi? Chi ha detto che è finita?

      Elimina
  79. OT. Porto alla Sua attenzione un sondaggio tedesco che dimostra il pragmatismo dell'opinione pubblica d'oltralpe: se dovessero scegliere tra italexit ed eurobond la maggioranza sceglierebbe gli eurobond nel solo caso in cui il costo per la germania dell'uscita dell'italia dall'euro fosse maggiore del costo degli eurobond.
    Articolo di youtrend https://www.youtrend.it/2020/04/22/cosa-pensano-dei-coronabond-gli-elettori-tedeschi/
    La strategggia del governo sembrerebbe facile facile: esaltare i vantaggi del ritorno alla lira e gli svantaggi del modello economico tedesco una volta tornato ad una moneta forte. Ma niente non ci arrivano. E' chiaro che a Conte e Gualtieri degli eurobond non gliene può frega' de meno. Il mes per loro non è mai stato in discussione.
    Saluti

    RispondiElimina
  80. Mi permetto di integrare con queste considrazioni l'argomentO: la statistica sui decessi è proprio il punto debole di tutti i dati epidemiologici, come ha spiegato Becchi sul sole 24 ore (addirittura ... con censura di ordinanaza della redazione) https://www.ilsole24ore.com/art/siamo-l-unico-paese-mondo-che-sta-distruggendo-sua-economia-e-sua-cultura-causa-virus-ADemZwK?utm_term=Autofeed&utm_medium=FBSole24Ore&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR2RtTdNDn1x2FwUU9fJSHxeVDnjnjWdK-Ir9V0VL9EOj1Mhl-6nAUznr0s#Echobox=1587166349

    Quindi esiste scuramente in Italia un sovrastima non trascurabile di decessi erronemente attribuiti alla sindrome covid 19. Personalmente qui a GE mi ha capitato con una mia aziente di 79 anni, ricoverata per scompenso cardio polmonare (era la terza volta) in pneumologia, negativa covid ingresso, positiva covid dopo 10 gg (si è infettata in ospedale) guarita dopo 20 gg dall'edema polmonae e infine decedeuta per problemi cardiaci. E' finita sicuramente in quella statistica...

    RispondiElimina
  81. Buongiorno senatore, sinceramente mi scuso per la mia domanda completamente fuori discussione ma obbiettivamente noi amministratori siamo oramai allo sbando tra problemi famigliari e problemi del ruolo che ricopriamo per la comunità. Mi permetto di chiedere in questa sede cosa si è deciso di fare per la riscossione dei tributi comunali come tari e Imu per anno corrente?
    Un ringraziamento per gli sforzi profusi nel divulgare cosa sia la vecchia "politica economica" che vecchia non sarà mai.
    Coraggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che abbiano deciso di non decidere. Non hanno sospeso i tributi, così non hanno dovuto prevedere ristori dal bilancio nazionale, ma la gente non ha i soldi per pagare, e quindi ci andranno di mezzo i sindaci. L'onorevole Garavaglia mi ha segnalato questo problema da più di un mese e non ci dorme la notte, ma purtroppo non sta a noi risolverlo. Noi abbiamo fatto presente che esiste.

      Elimina
  82. Questi sono i commenti di un euroentusiasta.Prof. Bagnai!..c'è ancora tanto da lavorare qua.
    1) con la lira avremmo fatto la fine dell'Argentina, il debito pubblico Italiano è esploso durante il periodo anni '80/90 in cui si aveva un inflazione e tassi di interesse a due cifre . Si potrebbe pensare che si stava meglio quando si stava peggio ? La differenza è che allora avevi 20 è sei nostalgico, oggi i giovani si sentono cittadini europei e non hanno mai visto la lira ecc.ra.
    2) avresti dovuto discuterne con il premio Nobel all'economia Modigliani , svalutare una moneta non è segno di debolezza e povertà ? Io preferirei avere il Marco Tedesco.
    3) , comunque oggi l'Italia cosa produce ? Purtroppo proprio per effetto dell'inflazione e tassi d'interesse a due cifre che dagli anni 90 abbiamo distrutto un tessuto industriale favorendo le attività finanziarie , cosa che non hanno fatto altri Paesi , Germania in primis
    4) nel 1982 il prezzo del petrolio sprofondò a USD 12 .. la lira si svalutò e arrivo da 1600 a 2200 sul dollaro non lo ricordi ? I BOT people li ricordi ?
    5) la forza economica della Germania dal dopoguerra a oggi si è basata sulla produzione industriale , il mercato finanziario ne è a supporto ed è cresciuto di conseguenza , la loro moneta ne era lo specchio. Se riguardi ho scritto anni 80/90 in effetti il cambiamento nel nostro paese è avvenuto tra il 1992 e 1993 che incide con il processo di tangentopoli e la vittoria elettorale del tutto inaspettata di Berlusconi, questo ha coinciso con una discesa inesorabile del nostro paese. Chi crea ricchezza e' il lavoro di imprenditori e dipendenti , non la rendita finanziaria . Un inflazione moderata conseguente ad una crescita economica è normale , non credo che negli ultimi decenni abbiamo avuto una crescita economica da strapparci i capelli ... adesso siamo noi che dobbiamo imparare dai compagni cinesi , forse
    6) in un economia globale i debiti non li può onorare con la propria moneta. La debolezza dell'Italia deriva anche dal fatto che la maggior parte delle materie prime sono di importazione e le nostre bilance commerciali con l'estero ai tempi della lira e non solo erano in forte deficit. Non siamo gli U.S.A. , che comunque oggi ha enormi problemi di bilancio con la Cina.
    La nostra potenza derivava dal fatto di essere un paese manifatturiero industriale ....oggi non più, e questo è l'errore grave che abbiamo commesso dagli inizi anni 90, rende di più commercializzare che produrre , poi devi importare le mascherine dall'estero , ora ce ne accorgiamo.
    7) Lei lavorando in Africa avrebbe preferito essere pagato ed avere un conto in Lire, USD o FCA
    8) Voi sovranisti ragionate come se non esistesse il rischio di cambio…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, Lorenzo, forse non è chiaro: questo lavoro è già stato fatto e chi segue il blog sa come gestire questo pattume. Dopo di che, io non sono il Redentore e non voglio finire crocefisso. Mi sembra ovvio che l'imbecillità sia parte della vita, come lo è la morte, che è l'unico rimedio naturale radicale per certe distorsioni della mente. Se uno è euroentusiasta sinceramente sono fatti suoi, non fatti nostri. Lascialo essere entusiasta.

      La differenza fra una pecora e un piddino è che la pecora, quando viene portata al macello, scalpita e si lamenta, perché intuisce la malaparata. Il piddino no. That's all, folk. Io non voglio essere e non sono né pecora né macellaio. Se tu non sai rispondere a queste scemenze studia, se tu pensi queste scemenze studia, se non vuoi studiare non fa niente: qualcuno l'avrà fatto per te.

      Elimina
    2. Lorenzo, anche se sono praticamente certo che la risposta alla domanda che sto per farti sia "no", hai letto il "Tramonto dell'euro"? (Se la risposta è si allora il tuo commento è davvero preoccupante). Potresti scoprire, solo per dirne una, che i tassi d'interesse (nominali) negli anni '90 erano alti anche e soprattutto per difendere la parità di cambio dell'epoca. Il papà dell'Euro, per dire. E che dopo la svalutazione del 92 scesero. Poi, è anche vero che nel 2020 chi voleva informarsi lo ha fatto... (semicit.)

      Elimina
    3. Quello che ho riportato è stato un modo per rendervi noto che certe credenze sono dure a morire.
      Non sono un troll,anzi sono un sostenitore del Prof. Bagnai.

      Elimina
  83. Buongiorno e auguri a tutti gli Alberto, per ora il Vangelo secondo Marco serve a poco.

    L'ansa cita testualmente come segue:

    Piano fino al 2032. La strategia di rientro del rapporto debito/Pil sarà incentrata anche su contrasto all'evasione fiscale, riforma del sistema fiscale, revisione e riqualificazione della spesa pubblica

    Traduzione.
    Lotta all'evasione fiscale: con quali mezzi,e soprattutto, ci sarà molto da lavorare dato che sta dilagando l'aquisto da parte delle delle mafie di immobili a prezzi di disperazione e dato che lo scontrino grazie ad una presumibile tassazione crescente ed ai grandi incassi che si prospettano non te lo farà più nessuno.

    Riforma del sistema fiscale; da Irpef a eurotax, plastica taxi, condom tax

    Revisione e riqualificazione della spesa pubblica.
    Questa e' la più ovvia e clamorosa:
    Tagli, tagli, tagli

    Per difendermi continuerò ad attaccare le bollette sopra il frigorifero e come fecero Micchelengelo o Caravaggio,farò in modo che sia l'arte ad esaltarle.

    RispondiElimina
  84. el sior sindaco venesia se' rotto i coion https://m.youtube.com/watch?v=wcXnDeb57tg eccia' raggione ao' emmo basta

    RispondiElimina
  85. esse o dikeno l'ammerigane https://m.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=xfLVxx_lBLU
    in sostanza dice che : COVID-19 non è un’influenza, ma
    – la letalità è molto bassa ed in tutto paragonabile a quella di un’influenza stagionale
    – da un punto di vista epidemiologico, anche confrontando i numeri di due nazioni senz’altro omogenee quali Svezia (no lockdown) e Norvegia (con lockdown) non c’è apprezzabile vantaggio con il lockdown con rif.to a numero di contagiati e decessi
    – se il lockdown viene imposto con tanta foga ed esaltazione, ci sono ALTRI motivi non medici – i.e. controllo della popolazione.

    RispondiElimina
  86. ehi pst ... mi si scusi eh ... ma avrei una ideuzza , lì , per stare separati , in casa , nei ristoranti , ai pubblici orinatoi : lo scudo , massi in plexiglas , ma anche in altro materiale virus repellente ( pare che il rame sia il top , come lo è il tordo fra gli uccelli ed il rombo fra i pesci ) , ma non di quelli fissi , proprio uno scudo da portare al braccio , come gli opliti ... che poi si potrebbe anche un po' giocare a spadate , dai , come quando ereno creature aò

    RispondiElimina
  87. il regime mostra i muscoli contro un pericoloso demente... punirne uno per educarne molti https://www.byoblu.com/2020/05/08/cosa-e-successo-a-dario-musso-perche-gli-e-stato-fatto-un-tso-chiediamo-informazioni-ufficiali-byoblu24/

    RispondiElimina
  88. berlino si gode la liberta'

    https://m.youtube.com/watch?fbclid=IwAR36FiUCI6M1aMA_e-KUjQhPscIaAH1F5ENtuCNVi4kmuDdUHKQDXi_vovo&feature=youtu.be&v=7cKHzJbHMrk

    dice ao' ma n germagna se poggira' tranquili...statti bono , kella' so' na razza bona na razza pura ...noantri semo nferiori semo piu' debboli , semo cicale...eppoi kille cia' nsacco de posti letto che se sammale anke tutte ai voia aintasa' nospedale...statti bono statti zitte emmette ammaska ... e ringrazie ke kille ce fa er novo mess ... maccestanne e mannovre coretive ...nse poteva fasse noi nbel bittippi kaa gara daa bce ...embe' stai affa' er furbo , affa' er pelo nellovo , neesai e regole deli trattate , ai viste caddette a korte dekassule , endola metti aprpporzionalita'...emmo basta te stai allamenta' troppo eallora ntedamo ncazzo tefamo ntiesseo enoi sannamo invacca alle spiagge bone e sane daa spagna edda croa tie'

    RispondiElimina
  89. dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere https://lookaside.fbsbx.com/file/Rapporto%20ISTAT%20su%20mortalità%20ai%20tempi%20del%20Covid.pdf?token=AWzylsbdbN3sCwZ9DETuKMbJBijLm2NvyUT6KCOx_RX5ZyziTDUQTePWLd0eTlT1smXE5yXfYBSCsM7V62EuSgudC_xN8ghGG1UkCoEriC70pseIwMCCxyt8uX6S5AnluKpQoIIX5yMPaIQAENdNdWFQFszgsv7vXq-I71-KNtGxeA

    RispondiElimina
  90. ao' stamo akkabaio, risolvemo concorpo sole addisa e amala eddamo puro nkolpe bone aekazze doostate ...stanno affanbando pe assolda' sessantamilo assistente kuivike ke dovranne fassi' ketterispette ediste bbone endosse maske elliguante essinoe temultene...e stanne puro addi kesettarole pepprime burrione istesse tappunte ammedaie dore kolleffikie der covvidde infilzate dallarkagnole mikuele

    RispondiElimina
  91. chissa' , forse detto in tedesco da un tedesco in un telegiornale tedesco , a qualche colonnello nostrano potrebbe pure interessare

    https://www.youtube.com/watch?v=XkeMGHolZi4&feature=youtu.be&fbclid=IwAR2gbS6pgisExl2Sj1U4Y8_YUP_iYnAn4EAFGvEuaEmhUNVyf_c6XCt9SX0

    RispondiElimina
  92. ti sbagli , sei male informato , sei ridicolo , non è vero che , per fare indagini sui reperti autoptici ( tessuti dei vari organi , campioni di sangue etc.) delle salme dei morti a bergamo in marzo , occorre rivolgersi ad un piccolo ricercatore privato, il quale si è procurato il microscopio elettronico , uno degli strumenti indispensabili all'uopo , tramite una raccolta di fondi spontaneamente donati da amici e parenti e creditori ; massè , figurati se dobbiamo andare da uno scienziato di provincia e attendere tra l'altro che la raccolta fondi raggiunga l'importo necessario all'acquisto , che il microscopio sia consegnato montato testato e avviato ... ma dico , stai scherzando , macchettecredi aò chennoi , noi , iss , ordine dei medici e bodenza di vuoco , non avemo già programmato de fà tutte le indaggini del caso con li migliori tecnici e scienziati e attrezzature d'avanguardia , pe fà luce fin nei minimi dettagli su na cosa cià bloccato er paese pemmesi e arrecato danni pe centinaia di miliardi , macchettesei fumato aò
    http://www.vitalmicroscopio.net/2020/04/16/nuova-collaborazione-con-lospedale-giovanni-xxiii-per-il-covid-19/

    RispondiElimina
  93. alcuni problemini di diritto ( diritto ? nel paese più colpito ? aah si , una cosa tipo la praivasi , con quelle masse di fogli , frasisuffrasi , con dentro numeri e lunghi arzigogoli) posti dalle politiche vaccinali "spinte" , cd sanità verticale ( sponsor il "benefattore" gates ) , vs sistema sanitario ( pubblico ) orizzontale , chiamalo anche olistico va'


    https://www.youtube.com/watch?v=09-5N3nIaUg&feature=youtu.be

    RispondiElimina
  94. orsù , anzi , come disse toto , òrsu , godiamo , una nuova patologia habemus e l'oste ha dichiarato che il suo vino è buono https://www.facebook.com/notes/stefano-scoglio/la-nuova-patologia-delllasintomaticit%C3%A0-e-il-tampone-invalido-anche-per-la-commis/3199518726758071/

    RispondiElimina
  95. https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/07/03/coronavirus-zaia-persone-positive-rifiutano-il-ricovero-ci-vorrebbero-carcere-e-tso/5856258/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR3pICN-KyNOSYa_nmJZ4i0I_N10Q_9u6DXUbRpZf8ces01bEagm1JVfH7k#Echobox=1593782239
    ehi pst , c’è qualcuno lì ? ma , dico , così , gentilmente , da leghista , col cappello in mano, son io il solo a chiedermi il nome o i nomi dei referenti “scientifici” del sig. Zaia ? ed , eziandio , con quali criteri , in qualità di “autorità sanitaria regionale”, e ponderatene le circostanze e, vieppiù, le conseguenze , egli si periti di fare le surriportate esternazioni ? che , curioso ne sarei , invero … oddio , non che sia una cosa molto importante , anzi è una bazzecola , però così , tanto per sapere va’ … beh comunque fa lo stesso , innanzitutto che si debelli il morbo , e io credo molto nel sig. Zaia , el gà i coion , se lo dice lui caro lei …

    RispondiElimina
  96. dice ma hai letto er Cochrane Review? no , che e' ? e' ngran documento ,forze er più importante e più scientificamente ufficiale sul tema degli studi su efficacia e sicurezza dei vaccini influenzali. La Cochrane Review sulle vaccinazioni influenzali è un progetto dinamico, che è partito con la pubblicazione della prima review nel 1999, che è stata poi costantemente aggiornata in edizioni successive, l’ultima delle quali è stata pubblicata nel 2020: Demicheli V. et al. Vaccines for preventing influenza in healthy adults, Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 2 (2020) Art. No.: CD001269.
    Questa review include ben 52 studi controllati e randomizzati (RCT), che hanno coinvolto circa 80.000 pazienti, selezionati scartando gli studi meramente osservazionali, e quelli afflitti da evidenti conflitti di interesse (e nonostante questo, il 29% degli studi inclusi erano finanziati dalle imprese farmaceutiche produttrici di vaccini). Eccheddice sto cocrane? beh fan gran discorso eggira eriggira dice che “…71 healthy adults need to be vaccinated in order to prevent one of them experiencing influenza. The effects were very similar when matching was absent or unknown.” eh ? guarda te faccio na traduzione libbera : vaccinasse e' come er mes che se vabbene nun serve ncazzo e se vammale fan ndanno chettooricordi
    https://www.facebook.com/notes/stefano-scoglio/obbligo-del-vaccino-influenzale-per-la-cochrane-library-bibbia-della-medicina-uf/3215641325145811/

    RispondiElimina
  97. Ecce crucem Domini ( eccone nartro ) : tracciamento dati coronavirus = proporzionalità, lungimiranza e ragionevolezza ; così , con semplicità e sobrietà , parlò il santo protettore dei dati personali ( chiamate la neuro , fate presto )
    https://news.ilcaso.it/news_7852?https://news.ilcaso.it/?utm_source=newsletter&utm_campaign=solo%20news&utm_medium=email

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.