MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 23 dicembre 2014

Una pacata risposta

Who is Thomas Fazi?

I had a look at his Twitter profile. There is a link pointing to this page. Thomas Fazi is "an activist and filmmaker". Sounds like an interesting job. A little search on Internet showed me that Thomas is the son of Elido, an Italian publisher that for unknown reasons is fighting a personal battle against my scientific work and my activity on the media, mostly based on vacuous and libellous arguments (a sample here, another one here, where the most cogent argument is that I teach in Pescara, not in Harvard, which is something I can very well live with, considering that seafood is definitely better in Pescara, and that people teaching in Harvard have written bullshit like that; by the way, the Department of Economics in Pescara ranks in the top quartile in the IDEAS ranking of Italian institutions). For your records, Elido's noble effort intensified in April 2013, after I refused to take part in a debate organized by the Fazi family. The person who got in touch with me introduced Fazi as "editore, scrittore ed economista" (a publisher, a writer, an economist). I had a quick glance at Ideas, and the keywords "Elido Fazi" gave me this result. I decided that it was to little for Mr. Elido to define himself "an economist" and declined. The libellous activity started, but I had more interesting things to do than lending my attention to it: publishing on top journals, writing bestellers (this is the ranking of my last book ten days after it appeared):



intervening in the debate, fighting my battle for the dissemination of top research on the issues of the Eurozone, organizing international conferences, and so on.

Business as usual for a professional economist, nothing particular. After all, I am only in the world top 9%!

It is worth noting a detail. Elido (the father) had at least once in his life knowledge of the work of Nicholas Kaldor. For the layman, it is useful to know that Nicholas Kaldor was among the first professional economists to foresee quite exactly the failure of the European monetary integration project. I would be surprised if Elido (the father) did not take notice of this non negligible contribution by Kaldor to the scientific literature. As we all know, the economic science is not so rich in correct forecasts! It is more likely that Elido (the father) belongs to that huge host of Italian intellectuals (whatever it means) that were perfectly aware of the risks of the monetary union (and probably were also against it), but that over time, for unknown reasons, changed their minds. The most representative member of this panel, as I explained in my book Il tramonto dell'euro, following a suggestion by Vladimiro Giacchè (precisely the one who explained us what game is playing Germany with Europe), is Giorgio Napolitano, the current President of the Italian Republic. Napolitano's speech against Italy's entry into the EMS is a marvellous piece, perfectly sensible on both political and economic grounds. It was as timely in 1978 as it would be in 2014. Truth uses to be relatively stable...

Be it as it may, Napolitano is defending now, when it is failing, the project he had fought before, when he had correctly forecast its failure. I have no evidence of Elido fighting the euro before its failure, but I would not be surprised: we have a lot of examples of Italian "left-wing" intellectuals changing their minds and doing whatever is possible in order  to suffocate an open and democratic debate on Europe (and to cancel any trace of their previous positions in the debate, which in Napolitano's case is a bit difficult, because it was recorded in the Chamber minutes...).

The literature on political science teaches us that it is completely pointless to sing Elido's (and Thomas') favorite song: "we want an Europe with the euro but without the elites". The reason is that the euro is precisely the instrument the elite used to reach the power. This is not an opinion: this is a result of scientific analyses, reported in scientific papers like the one of Kevin Featherstone, that I quote extensively in my last book. The euro is the apex of the vincolo esterno  ideology, an antidemocratic, fascist, ideology, based on the assumption that technocrats must rule in place of elected politicians, because the latter are by definition "corrupt" and "partisan". This argument is faulty for evident reasons, and for less evident ones. A less evident reason is that there is nothing like a "neutral" economic optimum that can possibly be managed in a "technical" way, Every decision about economics is political, and every mean to subtract it to the democratic control is fascism. Many Keynesian economists agree on that point.

The euro, therefore, is fascism. No more, no less. I use to call it "eurism". The third, and over time most destructive, ideology we inherited from XX century.

Like every regime, the "eurism" has its propaganda media, which for obvious reasons are mostly "left-wing": wolf in sheep's clothing, the oldest spin technique! The Manifesto/Sbilanciamoci group belongs to the propaganda media. Unfortunately, they were so naive as to declare it. In November 2011, when she resigned, the director, Norma Rangeri, claimed that she had coordinated a debate to "avert the folly of the adoption of national currencies". No problem, or... Well: the debate had been announced as an open one, but many people complained that their papers (criticizing the euro) had been censored. Now: if you are a "left-wing", "open-minded" intellectual, you are supposed to be open to any opinion, arent'you? So what's the point in censoring papers? And what's the point in declaring openly (but afterwards) that the debate was anything but open-minded?

I was really ashamed (for them).

I registered the fact that I had taken part in a propaganda (better saying: spin) operation, I denounced it in my blog, and I completely interrupted my relations with those "intellectuals", that meanwhile faded away...

Some days ago I received an unwanted spam email from them, and I replicated in my blog, asking them to possibly cancel me from their lists, and to stop giving biased information.

At my huge surprise I now learn that I had threatened of death Thomas (the son):



Wow! I did not know to be so dangerous, but fortunately I live in a State were the rule of law is more or less enforced. If I really threatened this guy (I checked myself the paper I wrote, and I find nothing but a very vehement invitation to the Sbilanciamoci editor to change the editorial line of his website, because people are fed up with biased propaganda, especially if it comes from media that are supposed to fight against the elites), I suppose I will be sued for criminal offence (it would be one, actually), and someone will judge, and possibly fine me. I do not mention this guy, I just say that people nowadays cannot say anymore that they did not know that the euro was a mistake (everybody recognises it now, I had started some 17 years ago, following the best part of my profession), I recall the fact that "I did not know" has historically proven a very weak argument. That's all. Sure, the euro is a regime, and people who serve it are the proof of the banality of euro. But each and every piece of my research and of my activity in the debate proves that I intervened precisely in order to avert the massive explosion of violence that the dull supporters of the euro are preparing for all of us (well: the dull and the clever supporters of the euro).

The strange reaction of this "filmmaker" promoted my interest. I had a look at some of his initiatives, like this one:


Wow! (again) Looks like an interesting and expensive initiative! And in fact, as you can see, it is intertwined with a network of media intiatives more or less coordinated, sponsored, and possibly funded, by the EC.

You know, I am an economist. My first curiosity was: who pays for such a nice conference? I asked Thomas, but I did not receive any answer yet. No problem, I am not so interested in this matter. Have a look at the delegates: Daniel Gros! Do you remeber him? He was the one who took part in the One market one money study, the study financed by the European Commission to demonstrate us that:

Well, now we know that things went quite the opposite, and even the Ecb agrees (with some delay) with our view. But there is nothing strange with a guy who wrote a research paper being in an (undeclared) conflict of interest taking part in a conference organised by other guys who possibly are in a very similar conflict of interest.

I would never expect someone who receives funding, or support, from the EC, to give a frank advice on the EC.

So, what are my conclusions? My conclusions are that the inexistent "death threats" received by Thomas are a nice spin operation (possibly - who knows? - funded by the EC), or at least a mean to attract some traffic on their website, that has a fifth of the page views of mine. You know, when things get tough, truth becomes a highly demanded good. And people who lie, dreaming of dystopian "United Staes of Europe", are inevitably driven out of the market. Do not be afraid: they will survive thanks to public funding!

I conclude this brief analysis with an advice to my colleagues. As citizens you can obviously be of whatever opinion you wants. As scientists it becomes much more difficult to support the euro. But, please, in your interest: do not support EC funded spin operations. In the long run this would destroy your credibility, and that of the economic profession as well. When the euro will fall, Europe will need credible economists, in order to help politicians to restore social justice as soon as possible. The downside risk is a comeback of the worst nationalism. Do not take this responsibility on you by supporting libellous tweets, as Varoufakis did. Please, show some respect for the suffering of so many people and for what the most influential members of our profession had told us. It will really be difficult in ten years to write a ridiculous paper like the "unknown unknowns" masterpiece! Kaldor's paper above demonstrates that everything was known, and well known, well before! There were no "unknown unknowns", everything went as expected. Since thirty years people paid by the EC, or at least supported by it, or connected to it, are spending our money to convince us that a huge economic, political and social intentional failure is the right path for all of us.

Are you really sure that you feel like taking part in this propaganda? How is it possible that you do not have any doubt about the quality of this project? I do not want to be disrespectful, but you must recognize that over time this becomes a highly suspect attitude. Another euro is not possible, and euro will destroy Europe. Many pieces of scientific research have demostrated it over the last decades. We see it happening now. No doubt? Sure? United States of Europe? And why? To fight nationalism? As if the Usa was free of nationalism! Have a look at that, you dreamers: this is the nationalism-free country you have in mind! This is the project you are supporting.

Am I allowed to disagree with it?

Thank you.

And now go on with your libellous rants, but do it within reason. It is a kind and thoughtful advice, of course, not a threat. Better safe than sorry...















Ricevo sbalordito dallo Sbilifesto questa lettera:


Newsletter n.382 - 23 dicembre 2014


"La ripresa greca? Un'invenzione"

“La crescita greca è un’invenzione, il paese è in piena Grande Depressione, e tutto questo perché si è scelto di salvare le banche a spese dei cittadini. Ma ora, con Tsipras, il paese è pronto a cambiare rotta. E a far cambiare rotta all’Europa”. Intervista a Yanis Varoufakis, economista molto vicino a Syriza di Thomas Fazi


alla quale pacatamente replico:

La domanda è una sola: ma come cazzo vi viene in mente di scrivermi? Volete un'altra mano di asfalto? Anche lo spot a quel traditore di Tsipras? Ma quanto volete cadere in basso?
Sentite, facciamo così: voi toglietemi dalla lista, e io vi lascio perdere.

Su unsubscribe cliccateci voi, che vi conviene.



L'ho detto su Twitter, e lo ripeto qui. Non sperate nel pas d'ennemis à gauche. Ho scritto due libri per dimostrare ai lavoratori italiani che il loro principale nemico è stata la sinistra degli inutili intelligenti (definizione di Massimo Rocca).

Quando tutto questo sarà finito, qualcuno chiederà il conto.

Se oggi il mio libro viene recensito (onestamente) da lavoce.info e non dallo sbilifesto non è perché io sia bocconiano, ma perché lo sbilifesto è fascista. Sì, fascista: ho scritto due libri per dimostrare che l'ideologia dell'euro è il nuovo fascismo, non starò certo qui a tornare su tutto il ragionamento. Del resto, pensare che Tsipras voglia far cambiare verso (anzi: rotta, ma il concetto, come vedete, è il medesimo) all'Europa significa essere qualcosa di più che ottusamente ideologici, che patologicamente ciechi.

Significa difendere un regime fascista.

Servono altre prove?

Allora, cari "compagni", voi avete perso il treno, e come tutti quelli che lo hanno perso, da Tigellone alla Fraiola, state lì a ragliare le vostre abominevoli menzogne. Però io ve lo dico da non violento, da persona che ha sacrificato salute e carriera per scongiurare l'inaudita esplosione di violenza che minaccia tutti: sarebbe il caso che chiedeste scusa per aver soffocato il dibattito, e che il verso (o la rotta) la cambiaste voi.

Chi continua a mischiare le carte in tavola, come voi state facendo, è semplicemente nemico aperto e dichiarato della democrazia. Come andranno a finire le cose non lo sa nessuno, ma c'è una probabilità non nulla che finiscano in un modo in cui chi è stato nemico della democrazia sia costretto a giustificarsi.

Dire "io non sapevo" non basterà, non farà molta impressione, e chi ci ha provato sapete come è finito. Non vi auguro di finire come lui, ma vi auguro di finirla.




(la stessa cosa auguro alla Fraiola, poverella, che in preda alla sindrome dell'amante tradita continua a delirare nel suo blogghetto che nessuno legge. Bucce d'uomini che passano la vita a lurkarmi, dopo essere state cortesemente messe alla porta per manifesta inadeguatezza, e alle quali non sfugge nulla di quello che dico, tranne alcuni dettagli, tipo questo o questo! Capite chi sono i nemici della democrazia in questo momento? Quelli che, come lo sbilifesto, si son fatti un vanto di soffocare il dibattito, e quelli che, come la Fraiola, si sono rifiutati di aiutare l'unico progetto serio, credibile e riuscito di divulgazione, in nome di loro paturnie politiche (alle quali una vita di fallimenti politici e non solo li avrebbe dovuti consigliare di rinunciare), e ora, una volta tolti di mezzo, lavorano h24 per gettare discredito su chi ha portato il dibattito all'attenzione dei grandi media ed è riuscito a imporre la propria voce come credibile perfino sull'organo della Bocconi. C'è più apertura di spirito a via Sarfatti che nella redazione dello Sbilifesto, e questo lo si sapeva. Quello che sfugge è che io potrei anche, com'è ovvio, trascurare e dimenticare i ragli dei tanti asini che sono stati distanziati dal destriero, e probabilmente lo farò.

Probabilmente.

Ora investigheremo la risk aversion dei somari. Alcuni ne sono pericolosamente sprovvisti.

Capite perché insito e sempre insisterò su questo concetto: "uniti si vince" è una scemenza!? 

Io mi sarei dovuto unire a persone della pochezza umana che vi ho appena documentato? A voi sembra che raccattarsi tutta la melma ortottersovranistmemmettarauritiana sarebbe stato un progetto lungimirante? Avrebbe portato prima il tema dell'euro in televisione, sui giornali, sulle riviste scientifiche? Avrebbe reso più difficile il lavoro degli spin doctor da quattro soldi come Barbera?

Sicuri sicuri?

Io invece penso esattamente il contrario.

Chi siano certe persone lo si vede da distanza e sulla distanza. Dopo averli allontanati e aver fatto passare un po' di tempo si può capire chi fossero. Tigellone e la Fraiola volevano qualcosa, è evidente. Non potevano che perdere contro uno che non vuole niente. Ma non avevano lo spessore per capirlo. Quello intellettuale ed etico, che su quello fisico, almeno in un caso, dubbi non ce ne sono...)


(sed de hoc satis, ma vedete come sono generoso con gli amici? Gli regalo qualche click, del quale hanno tanto bisogno. D'altra parte è anche importante che capiate cos'è la mia vita, da quali e quante persone vengo tradito e attaccato e per quali motivi. Sì, una mosca può essere più fastidiosa ed è certamente più offensiva, ma vedete, non importa se sia un grammo o un quintale: chiunque, inquinando il dibattito, tolga democrazia a questo paese, che già ne ha così poca si macchia di una colpa che sarà difficile sanare in nome del "volemose bbene", del "ma eravamo tutti dalla stessa parte". Dalla stessa parte de che!? Per quanto ne so io, dalla mia parte siamo in due: io e Vladimiro. Se mi son dimenticato qualcuno, scrivetelo qua sotto che gli chiedo scusa. Gli altri sono folclore se va bene e fetecchie se va male. Come vi ho dimostrato, ci sono anche le combinazioni convesse: le fetecchie folcloristiche...)

(...sarebbe bastato così poco a capire chi andava aiutato...)

53 commenti:

  1. Chi è Fraioli? capisco che nel paese dove Renzi può diventare presidente del consiglio tutti aspirino a tutto ma c'è sempre un limite.
    L'uscita del manifesto, manifestamente dalla parte sbagliata, non mi stupisce: ora si attaccano a Tsipras per mascherare la loro contiguità ideale al regime attuale ma tra poco si attaccheranno a qualcos'altro, ultimo e poco decoroso appiglio rimasto.
    Non so in giro ma qui c'è un'aria surreale, da fine del mondo, sembra che tutti siano in attesa di un evento imminente, un cambiamento epocale.
    Quale sia, solo Dio lo sa.
    Per me resta quello che le persone oneste e democratiche attendono dall'adesione italiana al primo sme.

    RispondiElimina
  2. “Barkilphedro avvicinava la regina.
    Era quello che voleva.
    Per il proprio vantaggio?
    No.
    A svantaggio degli altri.
    Un piacere più grande.
    Nuocere significa godere.
    Non è da tutti avere in sé il desiderio di nuocere, un desiderio vago ma implacabile, e non perderlo mai di vista. Barkilphedro aveva questa fissazione.
    I suoi pensieri erano come la presa del mastino.
    Sentirsi inesorabile gli dava un senso di cupa soddisfazione.
    Gli bastava avere una preda sotto i denti o nell'anima la certezza di fare il male.
    Era contento di battere i denti se poteva sperare che anche gli altri avessero freddo. La cattiveria è una forma di opulenza. Quell'uomo che crediamo povero, e che in effetti lo è, possiede un tesoro in malignità, e gli va bene così. Basta essere contenti. Giocare un brutto scherzo, che poi è la stessa cosa che giocarne uno bello, vale più del denaro. Il brutto è per chi lo subisce, ma per chi lo fa è bello.”

    RispondiElimina
  3. Adoro le sue risposte pacate. Veramente, non è ironia.
    Una volta ho ricevuto una mail di pubblicità Mercedes.
    Ho risposto: "Mettetevele su per il culo le vostre macchine del cazzo e non rompeteci più i coglioni. Non avrete un centesimo da me, pezzi di merda".
    Poi mi è arrivato un avviso che non si può rispondere alle newsletter che sono generate automaticamente e non è possibile inoltrare risposta.
    Spero che la sua sia arrivata a destinazione.

    Comunque domenica sono andata a comprare qualche regalino e sono passata davanti alla Feltrinelli. Non ho resistito e sono entrata. Nel reparto economia erano esposte una mezza dozzina di IPF e 2 Td€.
    Ho acquistato 3 copie di IPF e due me le sono fatte impacchettare.
    Poi a casa ho cominciato a leggere la mia copia; prima di Natale è sempre un delirio e per il primo capitolo ho perso mezza notte di sonno poi il giorno dopo ho fatto una fatica mostruosa a lavorare.
    Ne è valsa la pena, ma solo alla fine dirò che ne penZo (tanto il dubbio non toglierà di certo il sonno a nessuno).

    Però, dai professore, per il nostro quasi triennale rapporto d'amore-odio (amore mio per lei - accademicamente parlando, eh - e odio suo per me) me lo dice che ne penZa delle ruote?
    (a parte che sono una rompicoglioni, pacatamente si intende)

    BUON NATALE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che peccato. Anche la Mercedes si sarebbe sentita rispondere con le immortali parole di Cambronne (vero o falso che sia stato l'episodio, lo spirito fu proprio quello). Ora nelle recenti pubblicità ad auto germaniche fanno dire pure ai bambini: "E' una tedesca!". Del resto, notizia odierna del Corrierone, la Marina Militare Italiana ha sostenuto una campagna di reclutamento con lo slogan "Be cool and join the Navy". Mio nonno e tutti i valenti marinai italiani che sostennero alla pari il confronto con la Marina Britannica si rivolteranno nella tomba. Pure il Jobs Act, non poteva esser chiamato con un termine italico? È evidente la necessità di denominare in anglosassone termini e documenti di ricerca scientifica e di valenza politico-economica internazionale, ma perché introdurre quella pletora di “mission”, “vision” e ‘ntoculachittemmuort’ nell’autoctono lessico aziendale? Davanti al piatto di casa, la pasta si chiama ancora pasta! (spolverata di parmigiano e non “parmesan”…).
      Comunque, i più sinceri ed antiretorici auguri a tutti, credenti, non credenti, indecisi, o semplici simpatizzanti; se c’è qualcosa che si ritiene davvero “sacro” e inalienabile, al di sopra della propria persona, quello ha a che fare, in un modo o nell’altro, con lo spirito del Natale.

      Elimina
    2. Il segmento premium tedesco ABM (Audi/BMW/Mercedes) a partire da giugno 2015 dovrebbe ricevere concorrenza italiana, i prodotti premium Alfa Romeo. Prodotto progettato è costruito interamente in italia. Segmento per ora dominato interamente dai tedesci. Vedremo se Alfa Romeo riuscirà ad intromettersi in quel segmento, dove la rendita è particolarmente alta. Se si, tiro il mio cappello a M. :-))

      M. sta investendo alte somme (italia) per raggiungere quel traguardo, se si guarda cosa M. ha fatto con Jeep, Maserati è RAM si può ben sperare che il progetto vada a porto.

      Poi nel 2016 viene lanciato questo gioiello <a href="http://www.motor-talk.de/videos/maserati-alfieri-concept-amazing-v8-sound-v1160276.html> qui<a/> che andrà ad alzare ulteriormente le vendite di Maserati.

      Naturalmente tutto questo non cambierà di molto la situazione macroeconomica italiana. Grazia anche ai pirla al comando del paese che stanno vacendo di tutto per andare a sbattere a 500 Km/h contro il muro.

      Elimina
  4. Caspita maestro, non posso offrirle un grappino per farle passare la sacrosanta incaZZZatura, ma posso segnalare a un buongustaio quale è lei queste tre esecuzioni che hanno poco da invidiare alle migliori interpretazioni di Buxtheude, nella speranza che possano alleviare il suo sdegno:

    http://youtu.be/QsHkqKdTSsQ

    http://youtu.be/2VbPVJm5RCA

    http://youtu.be/wUMHWrWwzS8

    RispondiElimina
  5. A volte ci si sente soli...
    Però noi siamo sempre qui

    RispondiElimina
  6. D'accordo su tutto un solo invito a vedere quanti cittadini si fermano ai banchi dei M5S per chiedere informarsi discutere firmare per € e non penso che con 300 (ma sono così tanti) fedelissimi dal blog si arrivi a stringere i tempi sulla Storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Marco, te lo dico da amico (direbbe Razzi)...per fortuna hai torto.
      Troppo abbiamo da farci perdonare...e pure questa del Referendum....ma almeno si sa (scongiuri) che non ci arriveremo.
      Ognuno faccia quel che può e sa. Ma senza Scienza, la Coscienza non serve un tubo.

      Elimina
    2. il referendum sull'euro voluto dal 5s é come mettere il pallone sul dischetto del rigore e chiedere all'avversario di tirare. Secondo te con tutti i media in mano al "pude" come pensi che saranno i due mesi precedenti l'eventuale votazione? Tu credi che la gggente si informi tramite il blog di Grillo o tramite il TG123 4R C5 e ITA1? Te li immagini gli articoli di "Repubblica"? Se poi non dovesse bastare 3 o 4 sedute di borsa a -4 o -5% convincerebbero i più riottosi che é meglio non fare salti nel buio. Quindi se la Corte di cassazione dovesse dire si al referendum saremmo in un bel guaio perché dopo il suo fallimento o la vittoria del "si euro" i quotidiani Pude potrebbero uscire con titoloni tipo "IL POPOLO LO VUOLE" e vuoi che il governo si metta contro la volontà popolare?

      Elimina
  7. Siamo in tanti dalla sua parte. Auspicabilmente tutti quelli consapevoli di essere in conflitto d'interesse nel difendere un sistema alternativo all'attuale, il capitalismo sostenibile su salari adeguati. (fondante incip del libro!)
    Se solo ciascuno capisse: 1 che la democrazia è composizione di interessi diversi e 2 quali siano i propri, si realizzerebbe la Sinistra in terra!
    (Ma anche la Destra che da noi la votavano i piccoli imprenditori e gli impiegati..)
    Chi inquina questa consapevolezza spero almeno difenda i propri interessi di minoranza elitaria, se no è un cretino.





    RispondiElimina
    Risposte
    1. chiaraped 24 dicembre 2014 00:36

      Chi inquina questa consapevolezza spero almeno difenda i propri interessi di minoranza elitaria, se no è un cretino.



      Nel 95-99% dei casi (e in particolare in quello che ha fatto incaZZZare stasera il maestro) senz'altro la seconda che ha detto!

      Elimina
    2. Off Topic:

      hot water discovery

      http://www.democracynow.org/2014/12/23/ex_bush_official_us_tortured_prisoners

      Elimina
    3. Anyway, vi segnalo una possibile nuova tendenza per la primavera 2015: la Bielorussia sarà la nuova Ucraina?

      Lo sapremo solo cinguettando...

      Elimina
  8. sono avvilenti (ancora Tsipras??)...soprattutto quel tizio lì, quel Fraiola...sfotte...ma che te sfotti? chi sfotte, sfottuto rimane...

    la capisco molto bene soprattutto su due cose:
    quando scrive: "...volevano qualcosa, è evidente. Non potevano che perdere contro uno che non vuole niente."
    e quando scrive: "Capite perché insito e sempre insisterò su questo concetto: "uniti si vince" è una scemenza!? Io mi sarei dovuto unire a persone della pochezza umana che vi ho appena documentato? A voi sembra che raccattarsi tutta la melma ortottersovranistmemmettarauritiana sarebbe stato un progetto lungimirante?"

    ah, come la capisco...molti non comprendono che i primi che devono stare a casa sono i piatti vacanti...dopo si combatte con lestofanti e criminali, ma i fulminati devono andare a casa per primi...altro che raccogliere ogni tipo di marmaglia pur di ingrossarsi...

    RispondiElimina
  9. Che coppia che è quella di Bagnai-Giacché.
    Meglio ancora di quella di Gianni e Pinotto :-)

    Tanti auguri di buon Natal€ a voi ed alle vostre famiglie.

    RispondiElimina
  10. Eddai è Natale io sono indulgente prima o poi, quando meno te lo aspetti, l'esattore arriva uhhh se arriva e se hai sparso shit tanta ne torna. Talvolta la cacca è resiliente.

    Buon Natale - da apprezzare fino alla fine - (feat. blackmore's night)

    RispondiElimina
  11. Professore,
    lei è un grande, perchè:
    - non ha secondi fini tranne quello del trionfo dell' economia scientifica e quindi dell' intelligenza (casualmente ciò si sposa con gli interessi italiani e degli italiani);
    - ha una volontà ferrea;
    - ha la capcità di non temere di incazzarsi con coloro che non hanno rispetto e cura di se stessi e della loro intelligenza, prima ancora che del loro paese e dei soui cittadini;
    - ha creato uno spazio dove molti le sono vicini e dove si prende molto di più di ciò che si da;
    Prof. Bagnai la ringrazio.
    -

    RispondiElimina
  12. Esattamente 2 anni fa, la sera di Natale, un furibondo litigio con uno dei mie fratelli...
    lui difendeva Monti, io lo consideravo una carogna e sostenevo che l'€ era un progetto fascista
    e che avevamo il dovere di combattere (almeno intellettualmente) ... quali partigiani moderni.
    All'epoca non sapevo nemmeno chi fosse il Prof. Bagnai (oggi so chi è e quello che dice, e
    benedico il dio dei giusti per la sua esistenza). Stasera ancora a Roma a
    festeggiare il Natale con i miei fratelli. Mia moglie ha messo la regola, una multa, di 50€ per
    chiunque parlerà di politica; così nessuno strillerà contro qualcun'altro (tanto più che so per
    certo che lo stesso fratello che due anni fa era proMonti ...ora è proRenzi). La lotta è sempre
    più dura!! Ah... se avessi 50€ da investire!! Cosa voglio dire? Che in buona sostanza il mio odio
    (perchè è proprio quello che provo) è rivolto agli inutili intelligenti... di sinistra. Grazie
    e scusate .... non scrivo mai in questi contesti ma questa volta non ne ho potuto fare a meno

    RispondiElimina
  13. "Per quanto ne so io, dalla mia parte siamo in due: io e Vladimiro", forse non è così importante, eppure il fatto che non abbia scritto "io e Claudio" mi rassicura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, che minchia c'entra? Se si parla di progetto politico, mi sembra abbastanza chiaro, e dichiarato fin dall'inizio, che io e Claudio siamo su sponde opposte, no? Dentro a/simmetrie, per garantire apertura, quando Claudio, con grande sensibilità, si è dimesso dalla carica di vicepresidente ritenendola incompatibile con la sua militanza politica, abbiamo chiesto a un altro liberale di prendere il suo posto, Marcello Foa.

      D'altra parte, Claudio si è esposto prima (e più mediaticamente) di Vladimiro nel dibattito sull'euro, anche se Vladimiro con il suo libro sulla Germania ha fatto quanto e più di me e Claudio per far capire quale sia il percorso che ci aspetta.

      Quindi di cosa stiamo parlando?

      Il senso di questo post è che gli uomini si dividono in due: quelli intellettualmente onesti (homines bonae voluntatis, secondo le Scritture), e quelli che andranno all'Inferno, e se non ci andranno da soli che li manderò io, con grande piacere (che mi costerà un po' di Purgatorio).

      Quindi se vuoi tirare merda, ricordati che io sono il ventilatore, e tu mi stai davanti, esattamente come la Fraiola. C'è a chi piace, per carità... Il semplice fatto che tu possa aver avuto un dubbio ti lascia qualche schizzetto addosso, perché non è che io sia mai stato ambiguo sulla mia collocazione. Alla disattenzione quindi, perdonami, ma non ci credo. Alla provocazione sì, e ci vado a nozze!...

      Elimina
    2. No... No... ricordo benissimo che lei aveva già sottolineato che l'unico punto di contatto con Borghi era sulla critica alla moneta unica e che in un eventuale "dopo" vi sareste trovati su sponde opposte. In fondo, il mio commento può sembrare una provocazione, ma è anche un assist rispetto al contenuto dell'articolo linkato...

      (Riguardo agli schizzi lasciamo stare che sto rispondendo dopo essere appena tornato dal bagno per un attacco di... vabbè ci siamo capiti).

      Elimina
    3. Volesse la Madonna (o chi o cosa per Lei...) che ci fosse un'indomani in cui un Borghi e un Bagnai si confrontino apertamente sul bene del paese (in loco di prezzolati parolai), con visioni riccamente e significativamente differenti, ma fondate e pienamente rispettabili. L'Italia è anche il misconosciuto paese dei Coppi e dei Bartali, e ci sarà un perché...

      Elimina
    4. Già... e Coppi e Bartali si sono scambiati la borraccia...da uomini.

      Elimina
  14. Giacchè è dalla sua parte perchè è di sinistra, Borghi è dalla sua parte per l'operazione di verità e per il forte contributo che anche lui ha dato al dibattito.

    Poi si è sempre detto che una volta fuori sareste stati degni (in quanto onesti) avversari.

    Restate un fronte unico a parer mio.

    Buon Natale a lei a ai suoi cari

    RispondiElimina
  15. La Voce.info: "Si può concordare con le ricette di Bagnai o esserne fieri avversari, si può ritenere a volte eccessiva la sua vis polemica, ma va riconosciuto che i suoi libri hanno senza dubbio il merito di avere stimolato e arricchito il dibattito sull’euro e sul futuro dell’Europa." L'approccio professionale del recensore e' innegabile. Certo che il Prof. si adira, se tali sinistri fossero almeno genuinamente anticapitalisti, macche'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se la recensione non focalizza il punto fondamentale rispetto al vincolismo che fu presentato al popolo come lo strumento per indurre
      una casta politica corrotta e incapace a contenere debito e spesa, mentre nel libro è ben argomentato che si trattò della fase 2 dell'attacco di un capitalismo che nella fase 1, dagli anni ottanta, aveva scaricato sullo Stato l'onere di indebitarsi per sostenere la compressione dei salari.
      Anche rispetto alla compressione dei salari tedeschi non fa cenno al fatto che senza la maggior spesa dello Stato tedesco in violazione ai trattati la Germania non avrebbe potuto attuare la sua politica mercantilista e che percio' ora, vincolati tutti gli altri a ridurre i deficit, la stessa ci risulta preclusa di fatto.

      Elimina
    2. Io non possiedo gli strumenti per poter entrare nel merito, non sono un professore di economia. Rilevo solo come il padrone di casa si sia conquistato il rispetto di autorevoli - sulla carta - istituzioni. Senza i ricchi illuminati si va tutti a pallino, veterocomunisti chic nonche' filoammericani col mutuo. Nel mio campo, ci sono voluti dieci anni e menti parecchio brillanti e ben introdotte per definire - ma soprattutto far adottare a molti player - un modello standard degli apparati di telecomunicazione. Cio' per dire che i lavori seri, importanti, che coinvolgono molti attori con interessi conflittuali richiedono molto tempo, costanza, preparazione, flessibilita', pazienza e fortuna...

      Elimina
  16. auguri a tutti i followers di goofynomics e un pacatissimo in culo all'euro per il 2015!

    RispondiElimina
  17. Off topic (mi scuso subito con il prof. Bagnai per questo uso improprio del suo blog: può cassare il mio post dopo la sperabile lettura dell'interessata):

    poiché non ho potuto farlo privatamente, formulo alla gentile sig.ra Nat e al suo consorte ingegnere i miei migliori auguri di

    Buon Natale e Felice Anno Nuovo,
    Merry Christmas and Happy New Year e
    Joyeux Noël et Bonne Année,

    da estendersi a tutti gli amabili lettori del blog medesimo e che rinnovo qui al prof. Bagnai e alla sua famiglia, a cui ho già indirizzato un tweet in merito.

    Martinet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Martinet. Potevi anche farmeli via Twitter, comunque, abbiamo dialogato così amabilmente, qualche giorno fa... Non vorrai dirmi che io ti ho riconosciuto (col tuo avatar inquietante) e tu non hai riconosciuto me... Non vorrai farmi pensare che io, una semplice donna... ;-)

      Elimina
  18. So di non contare nulla, ma una piccola testimonianza la voglio dare. Smisi di leggere il manifesto nel 1979 perché gli articoli entusiasti sulla rivoluzione iraniana che aveva sconfitto l'imperialismo USA mi sembrarono intollerabili. La Storia ha mostrato quanto libertaria fosse quella "rivoluzione".
    Sembra che a livello di ricerca della verità il manifesto sia rimasto allo stesso punto: "la verità è ciò che conviene alla mia parte".
    Quella di non leggere più il manifesto è una decisione che non ho mai rimpianto. ?.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato inquietante il fatto che in molti punti topici del mainstream venga inteso come Islam "moderato" quello che è aperto al consumismo, all’alcol, alla pornografia, al liberismo, allo scientismo, ai Mc Donald e al cibo spazzatura, e che considera la libertà di stampa come il poter pubblicare rotocalchi ridicoli e mondani. E' un modo fantoccio per introdurre ulteriormente tutte queste amenità, su ampia scala, in Medio Oriente e nelle aree musulmane, mantenendo egualmente, e anzi rafforzandolo, lo spettro reale dell'integralismo disumano e bestiale modello ISIS; ovvero due poli antitetici, ma entrambi funzionali allo status quo, lontanissimi da quanto, ad esempio, propugnava in Algeria il sufi Al-Alawi tra 19° e 20° secolo: il mantenimento di costumi e tradizioni locali, ma anche lo studio del francese, il dialogo anche interreligioso con l'Occidente (almeno con quel che resta d'intelligente – il sufismo reale si è sempre mostrato rispettoso delle tradizioni sociali e religiose altrui, tanto da portare alcuni sufi a pagare con la vita o l’esilio), ma non la sottomissione culturale e politica.

      Elimina
    2. La comprensione di ciò che è "diverso" è sempre una sfida cui purtroppo troppi non sono preparati. E' più semplice considerare buoni quelli che sono "come noi" e cattivi tutti gli altri, e dei cattivi "veri" come quelli dell'ISIS fanno tanto comodo...
      I modi poi con cui si può fallire la comprensione de "l'altro" sono tanti, come ci mostra Tzvetan Todorov ne "La conquista dell'America".
      L'onestà intellettuale ci imporrebbe di ascoltare con rispetto e non usare noi stessi come metro di ciò che è giusto, o peggio per dimostrare le nostre tesi come nel caso del manifesto.

      Elimina
    3. Scusate sono un po' fuori tema, ma le vostre parole mi hanno ricordato come, tanti anni fa, andassi orgogliosa di vivere in un paese in cui gli scandaletti da rotocalco non causavano tragedie politiche.
      Ricordo che a nessuno fregava niente di un flaccido DeMichelis (quel ministro con pochi capelli molto unti) circondato da belle e giovani ragazze in discoteca. Noi giudicavamo l'operato politico (d'accordo, avremmo dovuto farlo meglio) non i comportamenti privati, mica come quei bigotti d'oltreoceano.
      Infatti...
      Ma come ci siamo ridotti?

      E a proposito di Strauss-Kahn, a cui hanno accennato alcuni lettori nelle settimane precedenti. So che la mia interpretazione non è scientifica e anche un po' maschilista, ma uno così che bisogno ha di violentare una ragazza? Se poi la ragazza non è neppure avvenente... la motivazione non può essere che politica.

      Elimina
    4. @Bruno
      L'ascoltare con rispetto e' troppo spesso esercizio unidirezionale. Poi se nel palazzo dove abito iniziano a friggere dalla mattina alla sera... In realta' sono solo rapporti di forza, si e' "tolleranti" solo se si e' deboli.

      Elimina
  19. Beh, se ci pensa Tsipras, sono tranquillo.
    E pensare che mi preoccupavo tanto...

    RispondiElimina
  20. Auguri a tutti i fratelli in Goofynomics. Grazie di esserci. Passate feste serene. Non discutete di politica con amici e parenti (dopo tanta buona condotta, proprio oggi ci sono ricascata con l'ingegnere, ma grazie ai messaggi sulla famiglia di papa Francesco ho avuto la spaventosa forza d'animo di ricucire e cambiare discorso quando eravamo a un passo dai piatti in testa).
    Comunque non discutete, tanto è inutile: dalla caverna di Platone bisogna uscire da soli.
    Auguri, prof.

    RispondiElimina
  21. Prof. auguri di buon Natale a lei e famiglia.
    Infinitamente grazie per l'opera divulgativa di questi anni, semplicemente impareggiabile. L'altro giorno ho letto un suo post sull'attività divulgativa di a/simmetrie e sulle necessità economiche che questa comporta...le chiedo scusa. Dal 2015 potrà contare sulla mia collaborazione.
    Auguri

    RispondiElimina
  22. Quello che oggi mi sento di augurare al professore in particolare, ma estendendo il pensiero a tutti i frequentatori del blog, è di farsi rapire, sia anche per poche ore dalla magia del Natale, riuscendo a godere, insieme alla famiglia ed ai migliori amici, di quel sentimento effimero di felicità, di bontà, di leggerezza, di pace con l'umanità intera che troppe volte ci è stato precluso negli ultimi anni a causa degli eventi creati da persone che comunque non godranno mai a prescindere di questo stato d'animo.

    RispondiElimina
  23. In tanti avevamo compreso parecchie cose.
    In tanti, riuscivamo a ‘vedere i puntini’.
    Lei, egregio professore, ci ha aiutato ad unirli, mostrandoci l’orrendo disegno che si andava componendo.
    Di questo, ed altro, credo non la ringrazieremo mai abbastanza.
    Felice Natale, per lei e tutti i suoi cari.

    RispondiElimina
  24. O.T. intercettazione ambientale su utenza (...)

    Driiiiiiinnnn
    Driiiiiiinnnn
    Driiiiiiinnnn

    A) Pronto chi parla?

    B) Sono la segretaria del Presidente... glielo passo!

    (lieve pausa di "A" con sospiro profondo)

    A) Buonasera, dica dottore...

    C) Senta dottor (beep) ha visto? Bilanci ancora in ROSSO... Azionario in NERO peggio del benchmark. Se li vedono i seguaci di quel tale... come si chiama... (beep)...

    Da qui in poi si odono strani suoni... grrr... grrr... grrr...

    RispondiElimina
  25. Professore auguri ancora, a Lei e a tutti quelli che sono qui.

    Prima o poi anche gli altri dovranno ammettere, mi dispiace solo per chi non è in grado di capire, per i più deboli di noi che pagheranno il prezzo più alto, per i greci a cui sono ancora legata da un affetto sincero...

    Stanno male e non possono curarsi perché non hanno la possilita' di comprarsi le medicine, c'è un epidemia di depressione ovunque: mi chiedo come sia stato possile ridurre un'intera nazione in questo stato?
    Ma noi cos'altro possiamo fare?
    Forse non ci resta altro che aspettare, aspettare ammutoliti
    che succeda qualcosa...

    Un bacio,
    con affetto
    M

    RispondiElimina
  26. Io nn capisco una cosa.. ma perchè nn dire che Paesi con tassi di inflazione strutturalmente differenti nn possono coesistere? , ops.. mi riferivo alla discreta recensione.
    oppure, nell'avanzare la tesi di zingales xkè scordarsi di privatizzazioni e avanzi primari su avanzi? E della flessibilizzazione del mercato del lavoro che unitamente all'inondazione di capitali ha:
    1) ha fatto nascere call center come funghi
    2) nn parliamo poi dei centei commerciali
    3) delocaldelocalizzazioni a tempesta
    .. certo se investi all'estero chi lavora di più?

    RispondiElimina
  27. OT (?)

    LIPF=QED²

    Tito Boeri nominato presidente della "nuova INPS". Babbo Natale esiste (ma non per tutti), e pure Robin Hood non scherza (per tutti gli altri). Datene il lieto eventi ai vostri piccoli! Fate i buoni!

    Un brindisi a voi, al prof e ai suoi terminali nervosi de fero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi preoccupa è la dfinizione "nuova INPS"

      Elimina
  28. D'altronde cosa si può aspettare dagli eredi del partito unico di togliattiana memoria, portatori di un pensiero unico che si è sempre occupato di distruggere qualsiasi movimento diversamente pensante. Ricordo bene ( ho un po' di annetti anche io) che il vero nemico da abbattere negli anni settanta-ottanta non era la DC , Andreotti , Craxi e compagnia cantanti ma il "partito", da intendersi non generico ma quello.
    Anche se molti diversamente pensanti possono dire molte cazzate è ormai un fatto noto che il pensiero unico non era pensiero ( inteso come onesta attività intellettuale) ma mera gestione e conservazione del proprio potere acquisito, del proprio orticello! E nessuno doveva ( o deve ) permettersi di rompergli i semafori...
    Di fronte a tanta pochezza, arroganza, presupponenza (che denota il vuoto ) ma sopratutto ostinata perseveranza nell'errare mi viene da dire che il problema non è culturale ma biologico, nel DNA della loro cultura ci sono dei geni evidentemente trasmissibili.... E mi viene da ridere a pensare che sono proprio loro una delle tante vittime del pensiero unico che alcuni decenni fa li ripudiò, e dal ripudio nacquero per per partogenesi. D'altronde si sa che a volte i figli commettono gli stessi errori dei padri!
    Quindi caro Prof. fa bene a non curarsene più di tanto, la storia, come lei ricorda sempre, lì spazzerà via (forse li ha già spazzati , in quanto mi sembra che siano rimasti 4 gatti ...) , e consoliamoci festeggiando un buon Natale con una buona bottiglia di Sangiovese o di Brunello (che contiene il 90% di Sangiovese) .
    Tantissimi auguri per il suo inestimabile lavoro sulla conoscenza delle cose. Ne abbiamo tutti bisogno. Ed auguri al blog.

    RispondiElimina
  29. Premesso che la flat-tax é una proposta di destra fatta da una forza politica di destra (quindi nulla di strano), qual'é la proposta di sinistra che si contrappone ideologicamente a questa? Il reddito di Cittadinanza possibilmente pagato in lire? (Il libro mi deve ancora arrivare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla intrinseca "destritudine" della flat tax ci sarebbe da discutere: certamente nel mondo è stata applicata da forze neoliberali ed è uno dei punti (il terzo) esplicitamente considerati nell'agenda del Washington Consensus, il che non è un buon biglietto da visita.

      La proposta "di sinistra" è semplicemente governare l'economia perché torni a crescere. Pagare i cittadini perché non lavorino non è di sinistra. Creare lavoro pagato è di sinistra, ed è nelle nostre possibilità tecniche. La politica naturalmente si mette di traverso. Ma perfino Luigi XVI, che in fondo non si metteva di traverso più di tanto, dovette rivedere le proprie posizioni. Quindi la domanda è una sola: quanta violenza vuoi? Fattela, datti una risposta, e regolati di conseguenza.

      Elimina
  30. Adesso salta fuori anche sto Thomas Fazi.

    Incredibile che razza di balordi abbia generato l'euro.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.