MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 12 marzo 2013

Esplanade de l'Europe

35 commenti:

  1. Esplanade nel senso che per farla hanno raso al suolo tutto quel che c'era prima? :-P

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che tristezza. Viene voglia di suicidarsi solo mettendo piede fuori casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quasi rimpiango la Lettonia :)

      Elimina
    2. Desertum fecerunt et pacem appellaverunt

      Buona vita

      Elimina
    3. Fino a ieri a Palermo c'erano 20 gradi, oggi purtroppo piove e si è abbassata a 15. Anche queste differenze rendono bella e affascinante l'Europa, che non è, ricordiamolo, un'AMO (Area Meteo Ottimale).

      Elimina
    4. Ogni tanto essere PIIGS ha degli aspetti positivi!

      Elimina
  3. Quando un'immagine vale più i mille parole.....

    RispondiElimina
  4. Euro-promenade?
    (Ma che tristezza quel cielo grigio da dividendo dell'euro)

    RispondiElimina
  5. Miracolo a Milano! Con il novilunio della terza settimana le macchie del Giaguaro ricomparvero sul sagrato del Tribunale di Milano. Attendiamo noi che siamo alla fine dei secoli, un messaggio, un cenno, un sussulto nell'elettroencefalogramma piatto di Bersani e del Pd.
    Intanto i Tre Magi del PD carichi di Oro Incenso e Vitalizi, ci spiegano finalmente che cazzo era 'sto commercio equo e solidale!

    RispondiElimina
  6. ma la torre di chi è ? sembra mario botta...

    piace anche a me...

    RispondiElimina
  7. Ma cos'è quel parallelepipedo osceno? :)

    Andai a Bruxelles nel lontano 1982... ospite di un deputato. Ricordo la Grand Place e una cattedrale con la facciata ricoperta da un'edera di bronzo... da qualche parte dovrei avere ancora una foglia caduta. Il ristorante del parlamento europeo serviva una colazione niente male. Non so se si pagasse. :) Quando l'Italia vinse la Coppa del Mondo ricordo che un tedesco si spogliò per la strada e si buttò in una fontana. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la Tour du Midi.

      Pare che esista un termine Bruxellisation molto simile nel suo significato all'italiano Rapallizzazione. :)

      Elimina
  8. Chiedo scusa, stamane ho inviato un messaggio al professore, ma non vi è traccia. Che ne è stato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so, magari non mi è piaciuto. Capita. Problemi? Apriti un blog, per parlare di giustizia sommaria, complotti, fabbricazione di ordigni artigianali, ecc. Io ti prometto di non mandarti la Digos, e tu non mandarla da me. Chiaro?

      Elimina
    2. Va bene Professore. L'unico problema è che ci tenevo ad un suo parere, e non che facesse bella mostra nel blog. Ha uno strano modo, quasi piccato, di rispondermi. Ma può essere benissimo del sarcasmo... Ad ogni modo nel messaggio che mi ha cortesemente "bannato", principalmente ho tessuto una serie di elogi alla sua persona, con l'augurio che possa agire per il bene dell'Italia, in modo attivo, da Ministro(detto da italiano all'estero). Lei ha una capacità di sintesi e di chiarezza poco comuni. Inoltre le chiedevo se, visto e considerato la conclamata sòla premeditata dai soloni, appunto, codesti si possano perseguire penalmente. Grazie

      Elimina
  9. Stato a Bruxelles sia per lavoro che di passaggio verso l'Olanda. Concordo con chi parla di città "grigia", anche se la conosco poco, in verità, per poter parlare.
    Ricordi gastronomici (ormai lontani, circa 10 anni fa), che lasciarono il segno: la brasserie "Les Georges (buon pesce crudo), la cioccolateria di Pierre Marcolini (uno svizzero morirebbe di invidia), e le birre trappiste (in generale, va riconosciuto ai nord europei che... "ci sanno fare").

    Non mi piacquero, invece, (e l'immagine che vedo lo conferma), le "ferite" inferte al centro storico da numerosi grattacieli e costruzioni moderne. E' come se avessero edificato le torri Eurosky di Roma in Prati o a Trastevere piuttosto che all'EUR. Ma l'opinione, naturalmente, è personale.

    RispondiElimina
  10. I tedeschi che dicono ai tedeschi che non stanno salvando la Grecia, ma le banche francesi e tedesche...direi che il M5S sta svegliando l'Europa (quella vera, non la n€uropa) :-)

    http://www.amara.org/it/videos/pdKkyNuatyO8/info/maybrit-illner-chaos-clowns-und-euro-krise-zieht-uns-italien-in-den-abgrund/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna anche che qualche Italiano dice agli Italiani che non stanno salvando l'Italia, ma le banche Spagnole, Irlandesi, Portoghesi e Tedesche!

      Elimina
    2. Di questo vanno ringraziati soprattutto gli analisti internazionali, che hanno colto la palla al balzo come argomento a sostegno di una tesi che noi sappiamo benissimo non esser così, dato che "ZOMBIE, SIETE TUTTI ZOMBIE!"... HAAHAHAHAHAH!!!

      Certo, è evidente che sia un voto di protesta e che la gente sia stufa, ma è il "di cosa" a suscitar divisioni ("ZOMBIE, SIETE TUTTI DEGLI ZOMBIE")!

      Elimina
    3. Eccellente segnalazione, ringrazio il lettore.
      Peccato che in Italia sulle reti pubbliche non assisteremo mai a una discussione politica del genere, condita di temi economici e così equilibrata. Sul giornalismo l'Italia avrebbe molto da imparare.
      In Germania qualcosa si sta muovendo, ormai solo il tizio della FDP non sapeva dire altro che "disciplina", "riforme", "paesi corrotti" e "cattivi", in compagnia del più diplomatico ministro degli esteri del Lussemburgo per il quale senza Euro ci sarebbe il disastro economico, l'Euro è così buono e cooperativo e amenità del genere. Entrambe sono stati distrutti dalla razionalità degli altri.
      Da notare anche la presenza di Bernd Lucke, professore di macroeconomia presso l'Università di Amburgo e co-fondatore del partito antieuro “Alternativa per la Germania”, che su molti punti era in accordo con Oskar Lafontaine, sembra assurdo.
      L'apice viene raggiunto quando Dirk Müller, il “Finanzexperte”, al minuto 45, rispondendo a una precisa domanda della brillante conduttrice e giornalista, sostiene che nell'ipotesi in cui l'Italia tornasse alla Lira le banche tedesche e francesi subirebbero delle notevoli perdite, “ma”, dice quasi seccato, “quale sarebbe il problema? Loro hanno investito ... non serve farle fallire ... che innanzitutto siano loro a pagare i danni”. Il tutto seguito da un apprezzabile applauso del pubblico!

      Elimina
    4. Mi scuso, ho dimenticato di rendere omaggio anche alla presenza della giornalista italiana Flaminia Bussotti che ci ha difesi bene e con discreta competenza. Ce ne fossero di più di giornaliste come Lei, brava!

      Elimina
    5. E tuttavia, quello che è ancora più notevole non sono tanto i lucidi argomenti, quanto il fatto che mentre in Germania si ritiene di poter fare una trasmissione televisiva su argomenti, in un certo senso, complessi per il grande pubblico, in Italia in TV una cosa del genere viene creduta impossibile, e comunque evitata come la peste, o riportata come argomento tra gli altri in una trasmissione cagnara.

      Poi volevo chiedere, vedendo che sopra Lex scrive "ringrazio il lettore":
      devo considerare che, data l'enorme espansione del numero degli utenti, il peso del sito non ricada più tutto solamente sulle spalle del Prof. Bagnai?

      Elimina
  11. Pepere o "Old Fuddy-Duddy" ma che mi stai combinando??

    http://www.bloomberg.com/news/2013-03-11/hollande-hostility-fuels-charm-offensive-to-show-he-s-no-sarkozy.html

    RispondiElimina
  12. Ci sono stato in quella piazza nel lontano 2002!
    Ricordo che di fronte era tutto un cantiere, pieno di gru!

    E il Manneken pis come se la passa? Gli si è gelato il pipino?

    Qua nella bassa oggi c'era il sole e 15 gradi.. non faceva nè caldo nè freddo, come il centro di casini.. moderato.

    :-D

    RispondiElimina
  13. http://intermarketandmore.finanza.com/this-time-is-different-le-borse-sui-livelli-del-2000-e-del-2007-53724.html

    Se fosse vero, mi chiedo: potrebbe essere un nuovo violento shock esterno a decretare la fine dell'euro?

    RispondiElimina
  14. Prof. non per tediarla ma, non avendo trovato riscontri video sull'incontro col M5S di bruxelles, che mi interessava seguire, sono andato a leggermi i pochi commenti sull'evento.

    Sono rimasto male nel leggere alcuni post piuttosto PUDE, critici sul suo modo di esporre la conferenza, e addirittura un certo giannini: "Le slides poi erano terribili, molte falsità e completamente confuse..." si e' trovato di fronte una platea di geni della macroeconomia?

    mi sembra di capire che lassu' a brusselles gli italiani ivi residenti siano leggermente sordi ad ipotesi di uscita italiana dalla moneta unica, chiaramente perche' su di essa campano quotidianamente..

    provero' ad indagare nei meetup del circondario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Grecale,
      non essere calunnia, ma torna e bel tempo rimena...

      Fuor di perifrasi, non generalizziamo: ci sono Italiani a Brussel che ci sentono e vedono benissimo e sono in grado di discernere Europa da Euro, fogno da incubo.

      Sugli ortotteri non mi pronuncio. Certo che ieri durante la presentazione da Piola ne avevo vicini 2-3 i cui parlottii, tradivano un po' di spocchia nei confronti dell'ortodosso nostro ospite che argomentava le sue tesi. Non un campione statisticamente significativo.

      Elimina
    2. posso immaginarlo,
      ma a me interessa che il campione significativo di ortotteri apra bene gli occhi, perche' sono forse l'ultima speranza di uscire noi dall'euro e con nostro beneficio, prima che lo facciano gli altri, chiaramente a nostro discapito

      Elimina
  15. Chissà se il 60% del PIL non fosse in previsione del fatto che poi lo Stato dovesse metter mano per compensare forti squilibri.
    Paro paro il 3% di deficit per tener i conti in ordine...

    A pensar male...

    RispondiElimina
  16. Caro Alberto,
    di ritorno a Rouen, vediti l'ultimo studio del FMI che sottolinea come
    "l’austerità produce risultati peggiori sul rapporto debito/PIL proprio quando tale rapporto è già elevato (come in Italia), rendendo controproducente il consolidamento fiscale nei paesi che ne avrebbero in teoria più urgenza"

    La notizia l'ho trovata su keynesblog: http://keynesblog.com/2013/03/12/uno-nuovo-studio-del-fmi-conferma-lausterita-fa-crescere-il-debito-pubblico/

    Il working paper, è qui: http://www.imf.org/external/pubs/ft/wp/2013/wp1367.pdf

    Besos

    Benedetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi devo vedere nulla perché è quello che ho scritto nella mia tesi di dottorato venti anni or sono, e non è una notizia perché è già girata su Twitter: può impressionare solo i keynesiani de noantri, ma di interessante ha solo il "metamessaggio": al FMI hanno studiato la macro. Speriamo non la dimentichino prima dell'esame.

      Elimina
    2. capisco che dovrò decidermi ad andare anche su twitter, altrimenti arrivo sempre "dopo"...
      comunque, dopo tanto impegno sono riuscito finalmente a prendermi una risposta delle tue: son soddisfazioni :-)

      Buon rientro!

      Elimina
  17. In Italia chiudono 1000 aziende al giorno

    GUIDONIA, Italy — Emanuele Tedeschi wiped sawdust from his hands and gestured around the cavernous woodworking factory that has been in his family for two generations. The big machines, which used to run overtime carving custom furnishings for private homes, Roman palazzi and even the Vatican, sat idle on a shop floor nearly devoid of workers.

    '‘A year and a half ago, the noise from production was so loud that you had to shout to be heard,’' said Mr. Tedeschi, walking amid pallets of cherry and other fine woods stacked up and waiting for a purpose.

    Since a government austerity plan designed to shield Italy from Europe’s debt crisis took hold last year, the economy has tumbled into one of worst recessions of any euro zone country, and Mr. Tedeschi’s orders have all but dried up. His company, Temeca, is still in business. For now. …


    E senza crescita, l'Italia avrà più difficoltà a pagare i suoi 2000 miliardi di € (2.600 miliardi dollari) di debito, uno dei più grandi debiti della zona euro.

    RispondiElimina
  18. OT ma non troppo: parlando di eurodeliri (non economici ma su aspetti contorti o astrusi di normativa settoriale) in una riunione di lavoro, un collega se ne esce con una frase tipo "a Bruxelles hanno le loro idee e se la realtà non vi si adatta, peggio per lei". Semplice e sintetico, volevo dargli un bacio in fronte!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.