MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

sabato 26 aprile 2014

Una prece

Ma Mario e Chiara, che ce lo chiedevano, che fine hanno fatto? Se so' liquesi, come Malagutti!

28 commenti:

  1. forse li hanno tolti perché gliel'ha chiesto la decenza

    (troppo ottimista?)

    RispondiElimina
  2. perché hanno capito il giochino di renzi: se perdiamo, chi ci ha messo la faccia si dimette.

    RispondiElimina
  3. che ne pensa invece della lista Tsipras?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetta per gente di cultura che legge L'Espresso e trova volgare e strapaesano dare a Grillo un voto inutilissimo ma "molto critico".
      Fai la stessa cosa, ma vuoi mettere lo stile e l'eletta compagnia.

      Elimina
    2. Di barbara "velina" neppure igienica ..almeno i defechi che la comandano hanno capito quello che stanno perdendo.
      Una Voce potente e metaforica cantava di .. cioccolato svizzero del cacao boliviano.
      Mi "consento" NEXT STOP & sorry
      ;-)

      Elimina
    3. Cacao della Bolivia e cioccolato svizzero cantava un tempo una Voce del Belpaese ..
      Lo s/nocciolato, il guscio senza seme, non lo mangiano neppure i PIGS

      ;-)

      Elimina
    4. La sua maggioranza si dibatte nel fango della mediocrità (sopperisce alle individuali carenze tecnico-culturali con la rassicurante liturgia), la minoranza pensante è trascinata suo malgrado nel fango dal ricatto dei sentimenti.

      Elimina
    5. Specchietto per le allodole.
      Sono dei poveri illusi, che pensano di combattere una guerra persa prima di cominciare. Questo se voglio essere educato.
      Invece,per usare un altro linguaggio dico che sono dei falliti, ed attireranno solo altri kamicaze per i quali la natura é srata matrigna.
      Lista civetta.

      Elimina
    6. Ma è una domanda vera o retorica?

      Elimina
    7. Ah fantastica Barbara Spinelli, questa squisita e adorabile signora parigina, la cui famiglia è un incrocio di eccellenze le più disparate e il cui compagno ci voleva restituire alla sana durezza del vivere del bel tempo antico. Insomma, uno sfascio di democrazia insostenibile.

      Elimina
    8. Avranno capito che è più efficace una pubblicità terroristica anti euroexit. Stanno pensandone una così potente che non deve essere sprecata subito...

      Elimina
    9. Come segnalato anche in un post in questo blog, esiste una minoranza dentro rifondazione (ugo boghetta) che si è' espressa chiaramente e nettament x l'uscita e premettendo di aver fino ad oggi sbagliato. Si potrà dire che è' tardi ma ritengo giusto distinguere anche nella lista Tsipras tra chi vuole cambiare questa europa (tenendosi l'€) chi vede nell'uscita il presupposto indispensabile x il rispetto del primo articolo della ns costituzione

      Elimina
    10. Intellectualis sinistrae ergo amica populi sum, nam Patavium Erumpit fellabat

      Elimina
    11. @Il velo di Maya
      Questa mi pare un po' forte, anche se sono comunque per la libertà di...lingua.

      Elimina
    12. @Adriana
      non pensavo che si capisse così facilmente (mannaggia, tutti eruditi su goofy)

      Elimina
  4. E' la par condicio, bellezza!
    Da qui al 25 maggio, ce lo chiederanno i tg

    ag

    RispondiElimina
  5. Le prime bandiere bianche, che teneri!

    RispondiElimina
  6. Chissà, forse Mario e Chiara si sono accorti che qualcosa scricchiola nell'universo degli euro-entusiasti. Hanno riesumato anche Berlusconi per spaventare i piddini e gli adoratori dell'€ in vista delle elezioni europee, segno che qualcosa non sta funzionando nella propaganda. Giovedì sera l'attempato marpione era ospite di Vespa a Porta a porta per rinverdire lo squallore di una stagione di truffe, menzogne, gaffe e figuracce interazionali durata oltre 20 anni – la trasmissione io non l'ho vista, però i tg me l'hanno riproposta ad libitum. Lo screditato leader di un partito che non riconosce più nemmeno sé stesso ha minacciato di togliere il sostegno a Renzi. Va da sé che si tratta di una commediola di terz'ordine volta a compattare il consenso attorno ad un Renzi che, diciamolo, somiglia sempre più a Gianfranco Funari nei suoi momenti migliori – o peggiori, che è lo stesso.


    Questa mattina Renzi ha incontrato il premier golpista Yatsenyuk con cui “discuterà della crisi ucraina”, riferiscono i mezzibusti tv rimanendo seri. Yatseniuk, che non è un'aquila, ha accusato la Russia di voler scatenare una terza guerra mondiale, mentre in realtà chi in questi giorni sta spingendo per portare la situazione ad un punto di non ritorno sono proprio coloro che sostengono il suo governo, ossia Washington e gli ascari della Ue, sia pure in ordine sparso e con diverse gradazioni di convincimento cementate da un'ipocrisia da fare invidia ai farisei. Fortunatamente i russi la sanno lunga, possono prevedere con largo anticipo le mosse dei golpisti ucraini e dei loro consiglieri, e non devono fare altro che attendere che il governo di Yatsenyuk collassi da solo sotto il peso della sua insipienza e sotto il peso della crescente ostilità degli ucraini che non si riconoscono nel suo governo fantoccio.

    Fossi in Yatsenyuk non abbandonerei Kiev a cuor leggero: potrebbe ritrovarne una diversa al ritorno visto che la cosiddetta “operazione anti-terrorismo” nell'est del paese si sta sviluppando con esiti tragicomici perché i “consiglieri” americani che la dirigono non possono concepire che la Russia non solo non si lascia intimorire, ma è in grado di rispondere colpo su colpo vanificando gli sforzi delle truppe ucraine, già di per sé non entusiaste del compito che sono chiamate a svolgere.
    Che cosa si diranno i due non ha alcuna importanza, ma certo è che Renzi saprà dare un tono scanzonato ad un incontro con uno che, come lui, non ha la più pallida idea di come evolverà la situazione.
    Fossi in Renzi non mi sbilancerei con dichiarazioni di cui non è in grado di valutare le conseguenze, tipo esprimere "forte sostegno da parte dell'Italia al processo di riforme politiche ed economiche portate avanti dal governo di Kiev". E sarei ancor più cauto nell'affermare che il colloquio "è stato occasione per ribadire gli ottimi rapporti economici bilaterali tra Italia e Ucraina", non fosse altro perchè una parte rilevante dell'Ucraina si sta velocemente riposizionando.

    Fossi in Mario e Chiara chiederei di non essere coinvolto in questa insensata tragicommedia.

    P.S.: Ho scoperto che al nord est Borghi non c'è, quindi voterò Donato.

    RispondiElimina
  7. Leggevo il blog di grillo dopo diverso tempo. Se l'Europa non attuerà gli eurobond, e non abolira' il fiscal compat, chiederemo con un referendum se uscire dall'euro; minaccia grillo.
    Ora mi chiedo: se l'Europa non accetterà le richieste, grazie al dibattito zero su euro si perdesse il referendum (lo ha perso la Grecia), che fa? Si mette in scacco matto da solo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per molti motivi fra l'altro discussi anche su questo blog, credo che alla fine sia quello che vuole.

      Elimina
  8. Compagni non disperate, aspettate a gettare la spugna ...Le decisioni salvifiche si prendono a Roma, Il 10 maggio, in via della Penitenza n°35, con Marco Rizzo..
    Chew!

    RispondiElimina
  9. sono spariti e deve averglielo chiesto il padrone

    RispondiElimina
  10. secondo me il PD non ha pagato la pubblicità (sono dettagli ai quali non sono abituati). non hanno calcolato che i tempi son cambiati e, mentre prima si aspettava invano il saldo, oggi i concessionari ti levano i manifesti. Vuoi l'austerity? mo' te tocca de ppagá bbelli!

    RispondiElimina
  11. Forse li hanno tolti perché la dirigenza che ha commissionato la campagna pubblicitaria ha capito che l’Agenzia autrice della suddetta, ha palesemente cappellato per diversi motivi, tra i quali: 1°) questi enormi manifesti di figuri in posa plastica di ¾ , hanno l’aspetto di un ceto medio piccolo borghese massacrato in modo scientifico ormai da parecchi anni. Io, ceto medio non ti voto! 2°) Io, proletario, esodato, precario, disoccupato senza prospettive mi sento tagliato fuori da scelte legittime che questi “signori nessuno” auspicano per se stessi, poiché le mie priorità sono altre. Io, operaio, non ti voto! 3°) Dopo essere stato tradito da chi presumevo fosse il mio difensore naturale (leggi sindacato e partito), trovo oltraggioso per la mia dignità, onestà e intelligenza sentirmi chiamato a sostenere col voto chi mi ha tirato un solenne pacco! Io, vittima della sola, non ti voto! 4°) La campagna ricorda molto da vicino quella del buon Silvio, con lo straccio azzurro retrostante simbolo di un carnefice dal quale si vuole fuggire. Dopo 20anni di lotta contro il nemico pubblico numero 1, mi sento tradito e ingannato e quindi non ti voto! 6°) Ce lo chiede Tizio, Caio o Pincopallo è indissolubilmente legato a: “Ce lo chiede L’Europa” che è diventato sinonimo di sudditanza verso un ente supremo che ci sta togliendo la speranza. Io ai miei figli voglio dargliela e quindi non ti voto!
    Tra le molte patologie di cui sono portatore sano, grazie al cielo non viene contemplata la “Sindrome di Stoccolma”. Per ulteriori analisi rimando al blog: “L’orizzonte degli eventi”, nel post di Venerdì 18 Aprile dal titolo: “Vota famiglia piddini”.
    …lunga speranza con l’attender corto/ ti farà triunfar nell’alto seggio. Slogan e promettenti intenzioni sono semi sterili gettati a pioggia su terreni ricchi di humus. Cambiate strategia. Ve lo chiede la base.

    RispondiElimina
  12. Finita la Pasqua, sono scesi dalla loro cartellone (mentre noi continuiamo ad essere appesi alla nostra croce).
    Nel dettaglio... Chiara è stata vista insieme a Gianna in quel di Battipaglia, dove sembra che le mozzarelle siano le migliori ; Mario pare sia salito sul tavolo (quello europeo dove si battono i pugni) per verificarne la solidità : ora è all'ospedale...nulla di che , solo una piccola fratturina.

    RispondiElimina
  13. Da Termini dove saranno andati...avranno fatto due biglietti per Stoccarda, e ora staranno facendo uno di quei lavoretti ingrati, quelli che i tedeschi non vogliono più fare.

    RispondiElimina
  14. ricordando ....
    tanti anni fa ero un ragazzino , per caso un tizio ormai anche morto da anni , raccontava come e quanti soldi faceva con la corruzione , solo che aveva un problema , non poteva spenderli o già allora qualcuno si sarebbe insospettito giacché il suo lavoro pubblico certamente non gli permetteva altro che mantenere la famiglia ( allora era normale avere un lavoro solo e mogli e figli a carico ) ma oltre a non poter spendere normalmente aveva anche un altro problema , la svalutazione della Lira , abbastanza consistente , il che lo rendeva molto infelice e allora cosa faceva ? comprava opere d'arte di ogni tipo .
    Ora i tempi sono molto diversi e il funzionario dello stato normalmente corrotto , penso che non abbia più nessun patema d'animo con un bel €uro stabile o addirittura in deflazione . Vedete che il funzionario nelle cui tasche passano un pò di €uro vaghi , non voterà mai per la fine dell' €uro , con tutti i vantaggi che la super stabile valuta gli dà .
    ecco un altro motivo per mantenere l'€uro ..... anche sepolto mantiene il suo valore altrimenti come potrebbero fare ? nuovamente a comprare croste e pagarle per quadri d'autore ? chissà quanti altri motivi del genere si potranno trovare ....


    RispondiElimina
  15. se li so' magnati i lupi!
    si prevedono tempi duri per i piddini...

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.