MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 21 aprile 2014

Sabato a Napoli



21 commenti:

  1. ancora a Napoli? grande, ci sarò anche questa volta!

    RispondiElimina
  2. fiat? un caso si, ma patologico pero'.....

    RispondiElimina
  3. Nemmeno a Pasqua si può sta' in pace! Pure secondo Daverio sarebbe meglio l'Euro di 'sti quattro idioti che ci comandano!!! Però così ci lasciamo massacrare senza scampo, un po' di ardore è necessario! È qui: http://www.lavoce.info/svalutazione-uscita-dall-euro-competitivita/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il suo libro più noto è Centomila punture di spillo (scritto con Carlo De Benedetti e Federico Rampini, Mondadori 2008)"

      De che stamo a pparla'?

      Elimina
  4. Trattasi, ovviamente, di Daveri (Francesco).

    RispondiElimina
  5. Salve prof. passata buona pasqua? Sabato cercherò di portare anche mia moglie.

    RispondiElimina
  6. Festa grande! Esce il libro di bini smaghi dove difende a spada tratta l'euro cercando di smontare le false verita' (come le chiama lui) degli euro-scettici.
    Trac eccolo qua
    http://www.mulino.it/edizioni/volumi/scheda_volume.php?vista=scheda&ISBNART=25153

    RispondiElimina
  7. Le faccio presente - casomai fosse sfuggito - che fino a qualche giorno fa la città di Roma era tappezzata di cartelloni dell' Italia dei "valori", che riprendevano a caratteri cubitali, trasformato in slogan, il titolo fraudolento del "Corriere della sera": "Italia: disoccupazione al 13%, la più alta dal 1977."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che dovresti anche metterci 'sti cazzi, il titolo del Corriere era effettivamente fraudolento (lo dimostra il fatto che hanno rettificato) per un altro motivo...

      Elimina
  8. http://www.sondaggipoliticoelettorali.it/GestioneSondaggio.aspx

    i dati di questo sondaggio segnano il PD al 33%. La cosa è preoccupante, ma lo è ancor di più notare che a parte fratelli d'italia e laga nord, che insieme non raggiungono il 10%, non c'è alcun partito che metta seriamente in discussione lo stato attuale delle cose.
    Se davvero dovesse presentarsi questo scenario, il giorno dopo le europee, non so davvero a cosa andremo incontro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere come dici, ma non dimenticare che i sondaggi tradirono Bersani, tieni presente l'area dell'astensionismo e delle bianche. È proprio sicuro poi che Fratelli d'Italia sia graniticamente anti€? (Penso ad Antonio Rinaldi). Insomma, il panorama non è rassicurante, ma potrebbe riservare qualche sorpresa. Già il semplice fatto che la Lega (e con lei Claudio Borghi) abbiano una ragionevole tranquillità nei sondaggi non mi pare da sottovalutare. Detto questo, dobbiamo dirci la nuda e cruda (molto cruda per noi tutti, ma, come diceva Tremonti, la realtà la fa la realtà): il vero segnale preoccupante per Bxl (leggi Berlino) può mandarlo solo Marine Lepen....

      Elimina
    2. Purtroppo non è lecito attendersi risultati molto diversi: la disinformazione (giustamente) è totale. Il PD ha pensato (doverosamente) di tenersi l'elettorato di riferimento serrando i ranghi: per questo ha fatto ricorso al terrorismo più bieco, ha confidato sull'idealismo europeizzante dei suoi iscritti e ha demonizzato il nemico (i leghisti e i nazionalisti). La novità, piuttosto, è il ricorso a un espediente che una volta si sarebbe detto tipicamente berlusconiano: gli "80 euro in busta paga", infatti, sono un po' l'equivalente populista del "milione di posti di lavoro". A ciò si aggiunga l'establishment che rema compatto e insiste nel ventilare una ripresa; il fatto che il vecchio antagonista è ridotto ai servizi sociali... Insomma, in queste condizioni, se non facessero almeno il 30% sarebbe una sconfitta clamorosa...

      Elimina
    3. Di solito i sondaggi danno al PD molti più voti di quanti ne raccolgano nella realtà. Speriamo il trend non si inverta stavolta.

      Elimina
    4. Scusate il pessimismo, stando così i sondaggi, a cosa andremo incontro è cosa già vista: altri due o tre anni di crisi, (ad oggi siamo al sesto) un altro paio di governi votati da nessuno o lo stesso che ogni giorno farà una nuova promozione offrendo soluzioni sbagliate per non ammettere l'errore degli errori. E sopratutto PIÙ EUROPA, scusate, ma non lo vogliamo regalare un sogno ai figli del deputato Boccia?

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Berlusconi????
      Certo, esiste la possibilità che fiuti l'aria cattiva e faccia una conversione a U, peccato che la credibilità di trombolo sia ormai sotto zero. Anzi, meno male. Perché sarebbero voti sprecati, esattamente come quelli dati a Grillo, anzi, forse peggio.
      Daretta, l'unica speranza seria è che la Lega prenda più di quello che le accreditano i sondaggi, e che con la LePen e compagnia riescano a mettere i bastoni fra le ruote a lorsignori.

      Elimina
    7. Beh stando ai vari sondaggi, il..pd..( non riuscivo a scriverlo ), viene sempre accreditato sopra il 30%. E' in effetti una brutta notizia, non c'è che dire.
      Tuttavia confido nella loro migliore capacità, quella di farsi del male.
      Non ci resta che allenare la pazienza, e continuare con la verità.

      Elimina
    8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  9. Bini Smaghi scrive un libro allo scopo di ammonire i popoli europei sulla circostanza che l'Euroscetticismo è frutto di una dilagante ed irresponsabile diffusione, da parte di alcuni pseudo-intelletuali, di una serie di infidi "luoghi comuni". Egli ne individua ben 33 e li chiama "false verità"; solo che per sfatare queste "false verità" utilizza "vere bugie", tra le varie "bugie vere" utilizzate trovo particolarmente divertente questa: "la bassa inflazione in Europa è un fenomeno nuovo (?!) ed è legato al calo dei prezzi delle materie prime". Una Sua breve intervista:http://qn.quotidiano.net/primo_piano/2014/04/14/1052783-bini_smaghi_vincoli_bruxelles.shtml

    RispondiElimina
  10. Stasera, mentre tornavo a casa in auto su radio 1, l'oggetto del dibattito erano i populismi europei, tra gli altri c'era un certo Bolaffi ( che non mi pare di ricordare ),
    Ovviamente è inutile dire che facevano un unico minestrone dei partiti o movimenti anti, tutti bollati come antieuropeisti e populisti.
    L'idea che gli esclusi, disoccupati, imprend. falliti, famiglie in ginocchio etc, da questo maledetto sistema, che è l'euro, si rivolgano per disperazione o mancanza di rappresentanza a sinistra,a tali partiti definiti populisti, non gli passa proprio per la testa. O sono io ingenuo?
    ps. So che lei ha molto da fare prof., ma non ho visto qualche mio commento nei giorni scorsi. Per caso ho detto qualcosa di sbagliato? se si mi scuso.
    Se è solo una mia impressione, non ne tenga conto.

    RispondiElimina
  11. Berlusconi forse ha rinuciato, ha messo li il suo portavoce Renzi e si è ritirato. Se così non fosse lancerà la campagna NoEuro sicuramente. E prenderà anche i voti. Ma siccome nulla di quello che ha promesso lo ha mai mantenuto anzi ha sempre promesso esattamente le cose che non aveva alcuna intenzione di mantenere e proprio perchè non aveva intenzione di mantenerle, questo non farà affatto bene alla causa noeuro. Spero di sbagliarmi ma il massimo che potremo fare in Europa è cercare di bloccare le peggiori porcate tipo ERF.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.