MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 10 aprile 2014

Dal castello (4)

Una figura per voi: impatto sul prezzo alla pompa di una svalutazione della valuta nazionale del 40% complessivo (mamma li turchi!), che avviene gradualmente in sei mesi (quindi, il primo mese il circa il 6%, il secondo circa il 13%, ecc., un po' come accadde nel 1992-93), accompagnata, sempre nei primi sei mesi, da una riduzione delle accise di un centesimo al mese (per complessivi sei centesimi: notate bene che Monty le ha aumentate di una decina di centesimi in un paio di mesi, salvo errore):


Il grafico rappresenta di quanto aumenterebbe in percentuale il prezzo della benza rispetto allo scenario di base (quello nel quale non usciamo e l'euro resta forte sul dollaro). E la morale della favola è che anche nello scenario "cavallette&cariòle" di una svalutazione del 40% (che ovviamente le banche centrali dei nostri concorrenti farebbero di tutto per evitare, dato che altrimenti i nostri prodotti diventerebbero troppo concorrenziali), una manovra minima delle accise, tale da nemmeno compensare i ladrocini di Monti, basterebbe a mantenere l'aumento del prezzo alla pompa entro il 6%, dopo un overshooting iniziale attorno al 7.5%. In altre parole, visto che il prezzo del petrolio è previsto in discesa, e immaginando che nello scenario di base l'euro rimanga ai valori attuali sul dollaro, nel caso di uscita con svalutazione graduale ma rapide del 40% delle nuove lire, la benzina andrebbe a 1.81 nuove lire, mentre con euro forte e prezzo del petrolio in discesa potrebbe tornare verso 1.70.

Certo, dieci centesimi di meno al litro "in fondo all'anno so' ssòrdi", come dicono a Roma.

Ma soldi insanguinati, come quelli di Giuda.

Ci vediamo dopodomani per parlare del perché e del percome di questo grafico, e anche per chiedere "Professore chennepenZa?" a Riccardo Puglisi, sul quale poi vi farò un'orazion picciola alla quale vi consiglio di attenervi per il vostro bene.

Riposatevi, voi che potete, che io alle 18 ho sessione plenaria...


Post scriptum: non confondete il livello con il tasso di inflazione!

Questo è quello che succede al livello del prezzo:



e il grafico rappresenta lo scarto percentuale fra livello "baseline" (la previsione neutra) e livello nello scenario 5(cariòla & friends).

Naturalmente quello che succede ai tassi di variazione tendenziale (mese su mese dell'anno prima) è un'altra cosa:



Poi ne parliamo, ora mi aspettano per cena. Notate che all'inizio c'è più crescita nello scenario 5, ma poi ce n'è di meno. E dal grafico si dovrebbe capire perché...



38 commenti:

  1. e io che avevo già comprato le carriole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che in Germania le forti industrie Tedesche si stanno già organizzando per produrre ed esportare le carriole.
      Sarebbe questo il loro piano B..

      Elimina
  2. Sono un lettore occasionale per cui non conosco tutti i soprannomi usati dal Prof.(ok Monty si capisce :-)) e in particolare mi chiedevo chi fosse "Er Nutella"...2 sere fa a cena fuori con la mia compagna al momento del dolce la cameriera ci propone un dolce con Nutella assicurandoci si tratta di quella originale, e io dico "quindi Ferrero?"...alchè il mio cervello si attiva e inizio a ridere da solo come uno scemo!!! Grazie Prof

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare, anch'io, che non sono un lettore occasionale, ci ho messo un po' a capirlo (Slow Mind)

      Elimina
    2. Visto che siamo in tema di soprannomi, io non ho ancora capito CHI E' "IL MELANZANA" (e perché si è meritato questo nomignolo)... qualcuno mi può aiutare?

      Uln lettore perplesso

      Elimina
    3. La dizione corretta è "Er Melanzana". Ed il perchè, se non sei daltonico, ti apparirà chiaro.

      Elimina
    4. dal nome sembra uno dei cattivi di Dick Tracy....

      Elimina
    5. Ok urge una tabella riassuntiva con soprannomi e corrispondenze nel mondo reale da aggiungere al post di introduzione :-)

      Elimina
    6. Signor Dabbagno la ringrazio per il link, quindi il tizio della foto si è guadagnato il soprannome per il colore del girocollo, che peraltro dalle mie parti è anche noto con l'elegante definizione di trasù de ciuc. Mi consenta però un'altra domanda (non rida della mia ignoranza): ma chi c.... è il tipo della foto?!?!

      Near: il nome a me ricorda più le storie di Alan Ford e del gruppo TNT, oppure quelle di Cattivik... il maestro ha una vena di umorismo alla Magnus&Bunker o alla Bonvi...

      Elimina
    7. Trovato! Google non è proprio malaccio: mi allaccio, mi affaccio, tutta la rete abbraccio e infine trovo .....accio!

      Elimina
  3. Ahhh ecco! Si erano confusi: non 600%,, 6%! Un paio di ordini di grandezza di differenza. Che sara' mai.

    RispondiElimina
  4. Per i precisazionisti. Nel paniere ISTAT di febbraio 2014 , relativo all'indice NIC, la benzina ha un peso pari a 17.416 su un totale di 1.000.000.
    Un aumento dell' 8% del prezzo della benzina significa un aumento dell'indice NIC pari allo 0,14% .
    Anche considerando tale aumento come non previsto da noi agenti razionali, mi sembra ragionevole affermare che al verificarsi dello scenario ipotizzato non saremmo costretti a digiunare per comprare la benzina.
    Cosa che spiegherebbe la sparata galattica apparsa ieri sul CdS a firma dei soliti noti (negli anni ' 70 avevamo il tasso di inflazione al 20% a causa delle svalutazioni della lira). Mi sto ancora chiedendo come possa Saccomanni avere avallato una boiata del genere.
    Comunque sia, passata la moda del "finiremo come la Grecia" (non ci crede più nessuno), adesso vanno creati nuovi slogan terroristici, che ricordano le mitiche bombe di Mosca (nel senso di Maurizio), finalizzate a convincere l'elettore medio di vivere in un universo parallelo.
    L'universo parallelo nel quale gli agenti razionali si alimentano a benzina

    RispondiElimina
  5. Con stipendi aumentati del 40% in 4 anni e benzina aumentata del 6% sarebbe un dramma..

    RispondiElimina
  6. In riferimento a "il castello 2"
    nel ricordare che come le nozze gay pure i documentari non si fanno coi fichi secchi, segnalo il link da utilizzare per contribuire alle spese per la realizzazione de "Grecia, il più grande successo dell'euro".
    Spero poi che gli autori vogliano "vendere" (ché qui riconosciamo il valore del lavoro altrui) la loro opera, personalmente ne acquisterei volentieri una copia conservandola per quando mio figlio crescerà, tanto per fargli capire cosa significa credere acriticamente nei Grandi Sogni.

    RispondiElimina
  7. Saremo angelici con il dott. Ric, esercitando pazienza, sopportazione e carità. speriamo che non ci siano troppe signore avvenenti, se no perde il controllo di sé come l'altra sera su twitter. Insomma non gli diremo, come diceva a me simpaticamente un suo "amico" economico: non capisci un cazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho già cambiato verso. Sono passato dalle spiegazioni alle pernacchie

      Elimina
  8. Visto che questo posto si chiama Goofynomics, una bella storia su Zio paperone e il reddito di cittadinanza (sembra scritta da Frederick Soddy)

    RispondiElimina
  9. C'è un elemento in tutto questo discorso che mi preoccupa un po': le persone comuni, quelle che hanno un pensiero superficiale e per niente sofisticato (cioè la stragrande maggioranza della popolazione), potrebbero prendere questo dato e ritenerlo comunque drammatico.
    Potrebbero infatti fare questo ragionamento:
    ho l'euro --> sto maluccio --> meno male che l'inflazione è al 2%
    esco dall'euro --> cazzo, l'inflazione va al 10% --> con lo stipendio che ho farò la fame (la spesa! la rata del mutuo! i risparmi! etc..)

    E' un modo di ragionare farlocco e incompleto, perché trascura evidentemente altri elementi in gioco (ripresa competitività, nuovo lavoro, ripresa dei salari, ...) ma vaglielo a spiegare!
    Fatico io in ufficio con le persone dell'amministrazione e dell'ufficio acquisti, che in teoria dovrebbero darmi il fumo sui numeri, figuriamoci.. :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo cena ti spiego una cosa: la differenza fra livello dei prezzi e inflazione.

      Elimina
    2. Prof. sarà OT ma lo prenda come incoraggiamento, dalle mie parti sulla parete di una chiesa di campagna c'è una bella meridiana che recita:
      "Nihil sine sole queo tu nihil absque Deo"
      Avanti tutta...

      Elimina
    3. Oddio, un altro shampoo! Ancora?
      Mò che ho detto di sbagliato? boh... :-)
      Stavo ipotizzando il ragionamento terra-terra di una persona media... gli dici che la benzina aumenta del X% e in un millisecondo questo si traduce in "inflazione al X%".. cosa che non è, ovviamente.

      Però sinceramente non ho capito qual è il passaggio incriminato.
      Sul sito dell'ISTAT leggo (testuale): "L'inflazione è un processo di aumento continuo e generalizzato del livello dei prezzi dei beni e servizi destinati al consumo delle famiglie."
      Mi pareva di saperlo già, a grandi linee.
      Dov'è il busillis? :-)

      Elimina
    4. Che non è 1:1 con il tasso di cambio, Amato '92

      Elimina
  10. Scusate qualcuno mi può spiegare in che senso "prezzo del petrolio è previsto in discesa"? Non sono un guru ma non mi torna.

    RispondiElimina
  11. Ho ccapito che 'e cariole (co' 'na ere) nun ve piaccene.
    Ma armeno me volete lassa' n' pace:
    1) 'e ccavellette. So' 'nsetti 'telliggenti, hanno solo er difetto che magneno un po' troppo, ecchecevolemofa'? Perche' voialtri tutti a dieta siete? Se proprio proprio nun ve piaccene, allora propongo le mantidi religggiose, oppure le coccinelle, so' simpatiche no?
    2) i fiumi rosso sangue. No dico, se volemo perde l'effetto scenografico delle citta' italiane coi fiumi rosso sangue dopo l'uscita dall'euro? Sai che contributo pe' il turismo?

    RispondiElimina
  12. Non mi vergogno di dire che ho letto il post una dozzina di volte. Alla fine mi è entrato.

    Non ho capito quando farà l'orazion picciola su Puglisi, ma l'aspetto perché lo seguo su twitter e mi pare un tipo tutto genio e sregolatezza.
    A volte mi fa proprio scompisciare con i suoi tweet ironici e sarcastici.

    RispondiElimina
  13. Ma siamo davvero sicuri che tutti abbiano capito che non possono più dire la qualunque? Sul Sole grande entusiasmo per la Svolta greca: "I conti sono in miglioramento, ma ora manca la stabilità politica. Questa è l'ultima sfida che Atene deve affrontare per tornare a Itaca" (sic!).
    di Vittorio Da Rold - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/6duQD
    Stabilità politica che, sempre secondo Vittorio, sarebbe favorita dalla imminente visita di stato del Cancelliere Merkel nella Repubblica Ellenica.
    Che dire? Non ci provano nemmeno più ad essere credibili (tanto lo sanno che è impossibile); le sparano e basta: se qualcuno ci crede tanto meglio, alla Vanna Marchi!

    RispondiElimina
  14. 2 notizzzzie di oggi:
    MILANO, 4 aprile (Reuters) - Il fondo Usa BlackRock continuerà a comprare ancora titoli di società quotate a Piazza Affari, ma mai per destabilizzare.

    A dirlo è Andrea Viganò, country head Italia del fondo Usa, in un'intervista a Il Sole 24-Ore. E' di ieri l'annuncio che il fondo ha rilevato il 6,85% di Banco Popolare che si aggiunge ad altri acquisti fatti dal Fondo Usa di recente dfi quote di aziende italiane.

    "L'Italia, il suo mercato, le aziende medie e grandi dell'energia, delle telecomunicazioni, del credito o del settore manifatturiero sono estremamente attraenti non solo in termini di valutazioni, ma anche per fattori speriamo più strutturali, comne le riforme e le privatizzazioni", dice Viganò.

    seconda notizzzzia:
    Stamattina il Tesoro greco ha visto andare in porto l’asta del bond quinquennale, piazzato presso investitori istituzionali per un controvalore complessivo di 3 miliardi di euro a un rendimento del 4,75%. La domanda è andata oltre le previsioni, facendo registrare un boom di ordini superiori ai 20 miliardi di euro.

    Intanto qualcuno ha pensato di mettere un "pizzino" davanti alla sede della banca centrale greca

    RispondiElimina
  15. Sulla Grecia:

    Greece’s health crisis: from austerity to denialism
    Alexander Kentikelenis, Marina Karanikolos, Aaron Reeves, Martin McKee, David Stuckler

    Il pdf è disponibile on line ed è stato pubblicato su The Lancet.

    Un assaggio:

    "Greece’s austerity measures have also affected child health, because of reduced family incomes and unemployment of parents. The proportion of children at
    risk of poverty has increased from 28·2% in 2007 to 30·4% in 2011,45 and a growing number receive inadequate nutrition.46 A 2012 UN report emphasised
    that “the right to health and access to health services is not respected for all children [in Greece]”.47 The latest available data suggest a 19% increase in the number of low-birthweight babies between 2008 and 2010.23"

    RispondiElimina
  16. Sul "Benza (percent deviation)" so' caduto dalla sedia!

    Io spendo circa 200 euro al mese in benza, per complessivi circa 125 litri di broda al mese: ad 1 euro ogni 10 litri, sono 12,50 in più al mese e 144 in più all'anno... Mio dio, una spesa per me insostenibile!

    Mi tengo l'euro, non sia mai che l'aumento possa esser compensato riducendo le accise ed incida sul mio contributo alle finanze pubbliche eh!
    Facendo due conti però, c'ho pure er mutuo: se me se svaluta der foutty persent il capitale da restituire, altro che aumento der 6% sulla broda: me ce compro pure 'a maghina nova!

    RispondiElimina
  17. @mic1972
    Trascurano il fatto che con produttività che cala e PIL che crolla gli stipendi reali decrescerebbero.

    Sapir a dicembre ha dato una mazzata quando ha spiegato che in 3-4 anni uscendo, avremmo una inflazione del 20% e una crescita reale su 24%.. indovinate di quanto crescerebbero gli stipendi?
    con la rata del mutuo fissa o quasi con uno stipendio del 45% in più come farebbe a pagarsi il mutuo?
    si fottessero questi scemi del pensiero

    RispondiElimina
  18. Cariola & friends...Sto ridendo da un quarto d'ora. Lei è un artista.

    RispondiElimina
  19. "BENZA (percent deviation)". Le voglio bene :)

    RispondiElimina
  20. "che ovviamente le banche centrali dei nostri concorrenti farebbero di tutto per evitare, dato che altrimenti i nostri prodotti diventerebbero troppo concorrenziali".
    Non ci avevo pensato, mi hai fatto venire in mente che Questi (con la maiuscola, ché mica insegnano in universitucole di provincia...) si sono persi, oltre alla legge della domanda e dell'offerta, anche (più di) un paio di capitoli di Nash

    RispondiElimina
  21. Ok, ho capito. Con un piccolo aiuto dell'ingegnere che amo nella lettura del grafico, ma in realtà più come parte della strategia gutta cavat lapidem che per un reale bisogno. Lui ha solo commentato non polemicamente (e neanche con l'aria 'sciocchina, lascia che ti spieghi') che non aumenterebbe solo la benzina, ma anche il riscaldamento, ma dato che i 5 minuti quotidiani di discussione sull'euro erano nel frattempo terminati, ho lasciato perdere (è vero che in 7+25 anni ha esercitato a livelli eroici la virtù della pazienza nei miei confronti, ma non vorrei rompere la corda proprio adesso). Comunque ora se legge da qualche altra parte che in caso di euroexit la benza raddoppierà o peggio, sicuramente questi numeri faranno il loro effetto (effetto "seme di senape").

    RispondiElimina
  22. Cavaliere nero 1 - Benzina 0,ora pero ti toccano le cavalette e la Ciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiina.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.