MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 24 luglio 2012

Quod erat demonstrandum 13: Gretchen vs. er Bufalo

(piatto ricco mi ci ficco)

Buongiorno sono il fesso (o quello che è).

Ieri le prospettavo due opzioni (1. la Germania sega il ramo su cui sta seduta; 2. la Germania tira la corda, ma alla fine non fa saltare tutto perchè valuta che in fondo le conviene pagare qualcosa pur di tenersi l'EZ). Entrambi gli scenari contemplano che il rating tedesco si deteriori progressivamente - del resto, dati i suoi attuali rendimenti negativi, esso non può che peggiorare. Non mi sembra quindi che la notizia di oggi indichi che la Germania ha imboccato l'opzione 1 e non l'opzione 2.
Peraltro, se all'abbassamento del rating dovesse seguire un aumento dei tassi dei bund tedeschi, lo spread di quelli italiani scenderebbe e la crisi si allontanerebbe, no? Quindi paradossalmente lo scenario 2 sembrerebbe essere ancora aperto....

Grazie mille per la Sua attenzione,

Michele (del tutto ignaro di pugilistica)

Dai Michele, ho provato a stanarti, e ci sono riuscito (anche con Emiliano, del resto): hai capito che era un appellativo affettuoso, ora se ne parla...


Giornata fosca, campagna.
Oggi a Roma è una giornata fosca. Mi son svegliato alle cinque e mezza (un po' più tardi di Nechljudov), ho scritto una cosa che non vi faccio leggere (sufficit diei malitiae suae) e sono andato a correre un'oretta e un po' in campagna. Giornata fosca, campagna. E come si fa a non pensarci?

Trüber Tag. Feld.


FAUST:
Im Elend! Verzweifelnd! Erbärmlich auf der Erde lange verirrt und nun gefangen! Als Missetäterin im Kerker zu entsetzlichen Qualen eingesperrt, das holde unselige Geschöpf! Bis dahin! dahin!- Verräterischer, nichtswürdiger Geist, und das hast du mir verheimlicht! - Steh nur, steh! wälze die teuflischen Augen ingrimmend im Kopf herum! Steh und trutze mir durch deine unerträgliche Gegenwart! Gefangen! Im unwiederbringlichen Elend! Bösen Geistern übergeben und der richtenden gefühllosen Menschheit! Und mich wiegst du indes in abgeschmackten Zerstreuungen, verbirgst mir ihren wachsenden Jammer und lässest sie hilflos verderben!

MEPHISTOPHELES:
Sie ist die erste nicht.

Piatto. Asciutto. Pragmatico.

Certo che il male perderà anche la guerra, ma come vince le battaglie lui...

E Faust, non c'è niente da fare, è proprio il prototipo del piddino: ha studiato tanto, ma non capisce un'acca, e come il poco noto re Adim trasforma in merda tutto quello che tocca. Così, al protopiddino che si incarta nelle mille erre del rimorso e del disprezzo (Verräterischer, nichtswürdiger, unerträglich: converrete con me che è una bella lingua...), il mercato oppone un semplice concetto: chi je tocca nun se 'ngrugna... Sie ist die erste nicht!

Che poi non è che sia un concetto nuovissimo...

Ma di chi stiamo parlando? Be', loro, lo sapete, parlano di Gretchen. E noi? E ddaje, su, vi devo proprio imboccare col cucchiaino? Ma parliamo di lei, della pletorica reggente di Lamagna (duecentoetrentuna... ma non sono le misure... è il catalogo di Leporello)!


Eh sì, perché c'è quel famoso problema del peccato e della vergogna, sapete... Ma lì si cambia scena, si va in cattedrale:



CHOR:
Judex ergo cum sedebit,
Quidquid latet adparebit,
Nil inultum remanebit.
GRETCHEN:
Mir wird so eng!
Die Mauernpfeiler
Befangen mich!
Das Gewölbe
Drängt mich!- Luft!
BÖSER GEIST:
Verbirg dich! Sünd und Schande
Bleibt nicht verborgen.
Luft? Licht?
Weh dir!

Vedi? Nil inultum remanebit. O non se ne parlava proprio qualche giorno fa?

Bene, tanto tuonò che piovve, e così, dopo che l'avevo detto ad agosto scorso, ridetto a novembre, e ci avevo scommesso 100 euro a maggio, ecco che, puntuale, si profila all'orizzonte il downgrade della Germania. Weh dir, Angelona! I mercati lo sanno che tu stai segando il fatidico ramo. Così, dopo la corsa, me ne son tornato a casa e, per sostenere l'economia alamanna, ho importato un po' di musica tedesca. Considerando che oggi tanta gente sta vedendo le stelle, m'è venuto da suonare la suite Urania di Fischer (J.C.F), sapete, quella che inizia così:



(bbona 'a prima, tanto, come diceva quel fiumarolo: "beato te che nun capisci 'n cazzo...").


Purificato da questo salutare lavacro di dissonanze (seconde, settime, none... quarte? No, la quarta no, perché è vero che nel contrappunto osservato... però... se ci pensi... è il rivolto della quinta... Vabbe', questo ve lo spiego quando sapete il modello IS/LM) mi accingo a raccontarvi la vera storia della bocciatura tedesca.


Gretchen vs. er Bufalo
Avete presente er Bufalo? Sì, quello di Romanzo criminale? Questo qui. Voi non lo sapete, ma Moody's ha mandato lui. La scena potrebbe urtare qualche sensibilità,ma qui lavoriamo pro veritate: come dice Stendhal, un blog è uno specchio trascinato lungo una strada: non è colpa sua se riflette il fango.

Insomma, er Bufalo gl'ariva a Bberlino.. Toc, toc...

"Chi è?"

"So' er Bufalo!"

"Herein!"

"Bella Anghela...
Senti, Anghela, ma come to' 'o devo da di'? Allora nun hai proprio capito un cazzo!?  Ho capito che te sta ancora a rode er culo che Gessouens t'ha vinto 'Olimpiadi der trentasei... Ma tu, all'amichetto nostro, ar nero per caso (N.d.r.: non è colpa mia se il Bufalo parla così), a quello che quer tipo, come se chiama, quer Bagnai chiama 'er regazzo immaggine der complesso militare-industriale' (ma ndo' 'e trova 'ste parole quesso...), 'nzomma, tu a Baracche nun je devi da rompe er cazzo, capito?
(Altra N.d.r.: sì, er Bufalo segue Goofynomics...  E mica solo lui...)
Aspetta, mo to 'o spiego mejo...
Te voi annette 'sto cazzo de continente? Nun c'è probblema, fai come te pare. Figurete si nnoi se preoccupamo pe' 'n po' de 'mperialismo... Sai quanti se ne semo fatti noi? Rossi, neri, gialli, davanti, de dietro, de sopra, de sotto... Nun semo santi manco noi. Però, ar primo campanello d'allarme, zac... tajo netto... e lo sai perché? Perché 'a finanza è sacra!
Vedi, io ce lo so che 'sta cosa voi cazzo de tedeschi proprio nu' ja 'a fate a capilla... Si ttu tiri troppo 'a corda, qui sarta tutto. E nnoi c'avemo 'e 'lezzioni? Che d'è, nun te ricordi che sso'? A cojona, guarda che cce l'hai puro te! Aahhh, allora 'nnamo bbene! Te devo proprio da 'nzegna' tutto... 'A potenza imperialissica 'e 'lezzioni 'e 'mpedisce a casa dell'artri, no a casa sua. A casa sua 'e fa. Glie tocca. Sinnò, scusa, poi come cazzo famo a parla' de li diritti umani da 'a Cina? To 'o ricordi mo? Ecco...
Allora sai che nnova c'è? Che si ttu continui co' 'sti "Nein", qui zompa tutto, c'avemo er dabeldippe (N.d.r.: double dip) e l'amichetto nostro, quello che sse 'ncazza tanto (pe' ffinta) quanno 'a ggente capisce che avemo ricominciato a ffa' esattamente come prima, be', l'amichetto nostro c'o 'o metti 'n crisi... Allora, famo 'na cosa: tu t'a 'a pianti de rompe er cazzo pe' n'antro paio de mesi, diciamo fino a novembre, ce fai rielegge 'amico nossro, e poi fai 'n po' come te pare. Ma stai 'n campana, Anghela... Io t'ho sempre voluto bene e c'o 'o sai: ma si ce fai 'n casino 'sta vorta, a 'e 'lezzioni tue c'arivi co' li piedi davanti...
Perché vedi, te vojo spiega' 'na cosa, Anghelona. Nun so si tte l'hanno detto 'e 'conomissi tua, ma 'e banche tue so' ppiene de mmerda. E 'o sai chi c'a ha messa quela merda dentro? Ah, nun c'o 'o sai? E mo to 'o dico: c'a avemo messa dentro noi: so li subpraim. Quanti ve ne sete presi! Certo che sete proprio cojoni... Vabbe'... Allora senti, Anghela, guardate 'n po' 'sto firmetto sull'aifon mio e dimme si 'o capisci... Chi 'o fa er defort, ner firmetto? 'O capisci? Aaaaanghela, sto 'a parla' co' tte! Er defort 'o fa er marchese, Anghela. Er marchese! E Aronne sa 'a pija nder culo. Allora, vedi de capi' 'sta cosa: tu sei creditrice loro, ma noi semo debbitori tua, e quindi te tenemo pe' 'e palle... Perché loro so' piccoli, e noi semo grossi. Chiaro, no?
Vabbe', mo famme anna', che ho visto che è uscito n'antro post su Gufinomicchese. Sai che nnova c'è? 'O dovresti legge pure te. Ce stanno tante belle poesie in tedesco che racconteno quello che succede a le m...tte come te."

Sie fällt in Ohnmacht.

Incredibile quanti concetti possa veicolare una singola vocale, la "A" (e per di più se la togli, o anche solo minacci di farlo). Forse hanno ragione quelli che dicono che dovrei scrivere di meno.

Un accorato appello
Se posso, sommessamente, capisco che non è il momento (avrà i nervi un po' scossi), ma sa, signora Merkel, vorrei associarmi anch'io alla cortese richiesta del mio affezionato lettore (er Bufalo): questi mi vogliono far scrivere un libro che si chiama "Dopo l'euro". Me lo tenga in vita ancora un po'. Sa, io sono egoista, narcisista, come tutti gli autori: delle inutili sofferenze di tutto un continente non me ne frega di base un bel niente. Ma se lei non si ravvede, il testo mi diventa obsoleto prima di uscire... La prego, non usi la sua stampante questa volta...


Un ragionamento (inutile?) per le merlettaie
E veniamo all'amico che fesso non è, ma un po' piddino sì.
Fatto salvo il nobile intento di esegesi del lavoro di Emiliano, col quale sicuramente parleremo anche di questo, io vorrei che tu mi spiegassi in cosa i due scenari che prospetti differiscono l'uno dall'altro. Intanto, tu stesso dici che sono observationally equivalent: in entrambi i casi osserveremmo quello che stiamo osservando, cioè che a fine anno la Germania con tre A è difficile che ci arrivi. Non ci arriva se sta buona (perché deve assorbire perdite), e non ci arriva nemmeno se fa casino (perché comunque non riesce a recuperare tutto). Poi, per carità, tutto po' esse...
Ma il punto è un altro.
Qui abbiamo il solito ragionamento "la Germania", "l'Italia"... Il materialismo storico da teatro dei pupi. La game theory del bar dello Sport. La storia raccontata a mi' nonno in cariola. Suvvia, proviamo a essere seri. Non esiste "la" Germania. Esistono diversi strati sociali e decisionali, diversamente (in)consapevoli dei propri interessi e dei propri obiettivi, che agiscono in modo scoordinato e che spesso hanno problemi di delega, per cui chi è stato messo in un posto per fare una cosa poi magari decide di farne un'altra.
In questo gran casino, emergono tendenze di fondo molto ma molto semplici che sto descrivendo da un anno a questa parte. L'unico dato certo è che la leadership tedesca vede avvicinarsi le elezioni ed è prigioniera (come del resto i piddini nostrani) delle menzogne con le quali ha imbottito la testa dei suoi elettori: la colpa è di quelli del Sud, vogliono attentare al nostro stile di vita, ora dobbiamo pagare per loro, und so weiter, und so fort...
Lo capite questo? Capite come va a finire? No? Mi dispiace, ma è un problema vostro. Invece di passare le giornate a tesser metri e metri di pizzo di Alençon, perché non vi fate un giretto su vocidallagermania, così capite che aria tira? Tutto gratis, e tutto in italiano. E Quarantotto è da un pezzetto e un po' che l'ha capito e ce lo dice.
Naturalmente qui non è in gioco né la mia stima per te né quella per Emiliano. Sono in gioco le nostre terga: mie, tue, di Emiliano, e di un'altra sessantina di milioni di persone. Ormai quella di tirare troppo la corda o segare troppo il ramo non è più una decisione che un singolo agente consapevole e razionale, con davanti la sua bella matricetta dei payoff (statici) prende sorseggiando un tamarindo. No. Quella decisione ormai è già presa dalle correnti sotterranee e vorticose della Storia (in my fucking arrogant opinion, naturalmente). E non credo che possa andare questa volta in modo molto diverso dalle precedenti.

Siamo già nel dopo, cacciatevelo in testa.

Lei lo sa. E infatti sconsolata canta: Meine Ruh ist hin, mein Herz ist schwer...






E la morale della favola? Questa volta ce ne sono due: la prima è la solita. La seconda è che forse in futuro il tedesco potrebbe essere meno utile di quanto avevamo supposto. Quindi traduco per la feccia di Goofynomics (cioè, affettuosamente, per Ecodellarete s.s.d.) quello che l'élite (Schneider) avrà già saputo a memoria:

 
FAUST. Nella miseria! Disperata! Lungamente tapina sovra la terra, ed ora prigioniera! Quella soave anima, gettata come un malfattore in un carcere, è riservata a tormenti spaventevoli! fin là! fin là! — Perfido, indegnissimo spirito, e tu mi hai tenuto nascosto ogni cosa! — Sta, sta qui ora! Torci minaccioso in qua e in là que' tuoi occhi diabolici! Statti, e insultami della tua insoffribile presenza! Prigioniera! In rovina irreparabile! Data in preda ai mali spiriti, e alla spietata giustizia degli uomini! E tu intanto mi allettavi a schifosi dissipamenti, mi celavi le sue crescenti miserie, e la lasciavi priva di ogni soccorso perire.
MEFISTOFELE. Non è la prima.

E questo è l'altro:



CORO. Judex ergo cum sedebit
Quidquid latet adparebit,
Nil inultum remanebit.
GHITA. Ohimè, io affogo! I pilastri mi si serrano contro; la vôlta mi pesa sul capo! — Aria!
LO SPIRITO MALEFICO. Nasconditi! Il peccato e l'ignominia non rimangono nascosti. Aria, tu dici? Luce? Guai, guai a te!

Il romanesco lo sapete, quindi stiamo a posto.


Und küssen sie,
so wie ich wollt,
an ihren Küssen
Vergehen sollt!

(perché avrò tanti difetti, ma quello no - ma solo perché non è un difetto).

P.s.: dai Eco, che a te far parte della feccia piace. E pure a me.

188 commenti:

  1. Ci ho capito meno del solito, ma almeno ho apprezzato le citazioni in lingua originale (aber nein, die Sprache ist Alles außer schön, auf meiner Sicht...) e soprattutto del Dongiovanni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure non è così difficile, sai... Se rileggi il discorso del Bufalo, dopo aver smaltito la vertigine estetica mozartiana, vedrai che il concetto è semplice...

      Elimina
    2. Mettiamola così: io vedi i rating come condizionati ANCHE da contingenze di tipo politico. Qui che la situazione è insostenibile lo capiscono tutti. Ma che ci sia l'esigenza di evitare sconquassi globali prima delle elezioni americane pure. Se la Germania non si opponesse a una lieve reflazione (propria, e poi europea via bceugualleallafed), si potrebbe tenere il paziente in vita fino a novembre, che è quanto basta. La tripla A secondo me la Germania non se la merita già da un po', e averla messa in outlook negativo è un chiaro avvertimento di tipo mafioso: o ti comporti bene, oppure ci metti in difficoltà, ma allora noi mettiamo in difficoltà te.

      Questo è quello che il Bufalo dice in romanesco.

      Pensavo di non doverlo tradurre, ma spero sia chiaro. Naturalmente questo no è il vangelo, ma come la vedo io, che prima o poi dovrò pure sbagliarmi. Ma come ti sembra questa lettura?

      Elimina
    3. Adesso è tutto più chiaro, ma senza la sua semplificazione ad usum delfini non avrei colto il senso fatto palese dal significato proprio delle parole, secondo la connessione di esse.
      Credo di non offenderla se le dico che in questo articolo in particolare la commistione di economia, lingue straniere e opere d'arte mi ha reso lo sforzo di comprensione ancor più arduo, e più difficile concentrarmi sui concetti economico-politici.
      Non sono in grado di valutare la correttezza della Sua lettura; è plausibile, ma io le risposte non le ho, semmai le cerco il Professore è Lei perciò... qui le domande le faccio io, è chiaro?! =)

      Elimina
    4. Alessandro perdonami, lo so che non è serio, ma io sono un fottuto narcisista e considerando quanto mi pagano per questo lavoro ogni tanto mi voglio pure divertire. Non scrivo per tutti, ma se qualcuno chiede provo a rispondere. Grazie per lo stimolo.

      Elimina
    5. No guardi, non mi fraintenda, userò delle metafore per essere chiaro: chi non si occupa di economia a certi livelli non può capire tutto, ed io non lo pretendo; e chi lo fa deve presumere molti concetti come condivisi. In fin dei conti Lei è uno dei pochi che quando guarda il mondo fuori dalla finestra lo vede e lo interpreta come me, a differenza della maggior parte delle persone che ho intorno -compresi purtroppo affetti e famiglia. Il suo modo di trattare argomenti strettamente tecnici con divertimento è forse il motivo per cui questo blog è piacevole anche per chi si interessa di economia ma non se ne intende. Si vede che Lei si diverte, e il giorno che non si divertisse più sono certo che smetterebbe di scrivere, e sarebbe come rimanere alla mercè del Ministero della Verità: Weh dir!
      D'altra parte se fosse serio sarebbe terribilmente noioso e non la seguirei. Infine da un toscano ci si aspetta questo, e purtroppo anche la ci aspirata -non tutti fuori dalla regione sanno che il fiorentino si parla solo a Firenze. "Uhm... abbiamo usato così tante metafore che non mi ricordo più di cosa stavamo parlando..."

      Elimina
    6. Ha chiamato er Bufalo, m'ha chiesto di riportare quanto segue (sta organizzando una spedizione, si scusa sentitamente ma non può partecipare all'interessante dibbattito):

      «Arbè... mò vabbè che so' internazzionali e se so' 'mbarcati li sordi dell'universo monno, mapperò ar cantonaro je devi da parlà come magna, sennò cor cazzo che te capisce! Se semo capiti armeno noi?
      Daje sotto, Arbè, che me piasci massiccio e 'ncazzato! Co' a lettera ar sor Emiliano me so' tajato dalle risa 'nzieme a li compari mia de 'a bbanda. Se semo detti: “ma li mortacci sua! Anvedi quant'è gajardo questo! Lo famo socio nostro e se civilizzamo: je famo scrive 'e letterine nostre d'avvertimento... sai come se sturbano quelli quanno che s'accorghino che invece de metterje subbito 'na bomba je stamo a scrive come libbri stampati?!” Daje a ride!
      Pensace Arbè: se ti rompi li cojoni de parlà co' quei fregnoni rottinculo che nun capischeno 'n cazzo manco se je 'o butti in mano, ce lo sai che da noi 'a porta è sempre aperta. Pe' nnoi si ccome 'n fratello.
      »

      Si è così congedato: «bè mò fammene annà che sto a preparà 'a borza coi sordi e me tocca da controllà st'arti fiji de mignotta che m'hanno messi ar culo - per aiutamme, disce - sinnò s'allungheno 'e mani e và a finì che pe' du' piotte co' i Colombiani famo 'na bbella figura de mmerda! A stronzo, se sentimo!»


      Bene, dopo aver recato quest'imbasciata (come si può dire di no alla verace simpatia de er Bufalo?), veniamo a noi.

      Alla luce degli ultimi accadimenti (ma anche da prima, secondo me) lo scenario riportato da Di Cori Modigliani (ne avevo dato notizia qui) non appare quindi peregrino (lasciamo perdere i dettagli; il succo è: gli obamiti se stanno a 'ncazzà).

      Anche l'ipotesi di un asse Merkel-Romney pare motivata: Obama’s Advice To Merkel ‘Unwise’, Romney-Adviser Hubbard Says.

      I compagni massoni democratici invece fanno una previsione diversa:

      «Ora completiamo la previsione, a futura memoria. L’eurozona non fallirà. Gli avvoltoi di Bruxelles, Francoforte e Berlino [...] faranno di tutto per non permettere né alla Spagna né a qualsiasi altra nazione europea il fallimento o l’uscita dalla moneta unica pseudo-europea.»

      Che ne pensi Alberto, è tecnicamente possibile mantenere artificialmente in vita il moribondo? Esiste la possibilità concreta di un accanimento terapeutico? È lo scenario che mi spaventa di più (apparte 'na guera).

      Elimina
    7. Cospettone! La prossima volta.

      Elimina
    8. articolo di feldstein sul ft: http://www.ft.com/intl/cms/s/0/63848d68-d578-11e1-af40-00144feabdc0.html#axzz21ZC4aPz0

      soluzione o ponte fino a novembre ("A rescued eurozone would still face the problem inherent in the single currency: an inappropriate monetary policy in different countries at different times")?

      Elimina
  2. In un commento di un paio di mesi fa dissi che tutto sarebbe saltato quando lo spread btp\bund ronzerà intorno ai 200 punti. Quando anche i principali indici economici tedeschi volgeranno al negativo (e già ci siamo) è evidente che il rendimento dei bund non può rimanere così basso (1.25%) ma si adeguerà all'alto. Sempre meno di quello italico ma all'alto. La mia previsione rimane sempre questa. Che famo prof. scommettiamo? A novembre per il compleanno pago se perdo. Altrimenti mi regala il libro con dedica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non ne sono così convinto? Il problema è: chi investe in Germania? Perché lo fa? E cosa succede in caso di rottura dell'euro? Rispetto ai paesi periferici dell'eurozona la Germania comunque rivaluterà. Il rendimento negativo sui loro titoli è una chiara indicazione di questa aspettativa. Tu pensi che in questo momento lo spread sia dominato da altri fondamentali? Io non credo. Se mi spieghi meglio qual è la scommessa, difendo la mia tesi...

      Elimina
    2. A proposito di scommesse… ho scommesso con degli amici piddini che festeggeremo il capodanno il lire. Se perdo, dovrò dar loro 1 euro. Se invece vinco, loro mi daranno 1936,27 lire. Poverini, in quanto piddini pensano di aver fatto una scommessa equa (sono convinti che se torna la lira verrà usato il cambio originale e non 1:1)
      Quante probabilità ho di vincere? Più che per i soldi (che tanto non vedrei comunque) è per farmi qualche risata...

      Elimina
    3. Bella scommessa, non ci avevo pensato!
      Se trovo un pollo mi ripago la maglietta da Goofy (da spiaggia) e la vacanza, visto che il premio che avevo vinto non arriva... me lo sono dato da sola!

      Ma 'sti cinesi del merchandising li ha trovati o no?

      E adesso non mi sgridi per il tifo da stadio! Che qua non va mai bene niente e non si sa più come fare!!!

      Elimina
    4. Questa scommessa è esaltante!!!! Grande idea.... te la rubo!

      Elimina
  3. Professore mi scusi l'OT, Le segnalo la replica del prof. Brancaccio http://www.emilianobrancaccio.it/2012/07/24/un-timido-guerrafondaio/ . Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ho visto, non sposta moltissimo e continua a attribuirmi cose che non ho detto o a non attribuirmi cose che ho detto, ma credo che dipenda dal fatto che tutti e due scriviamo troppo e non abbiamo tempo di leggere. Una base per la discussione però ora c'è, mi sembra tutto molto costruttivo.

      Elimina
    2. A me sembrate molto vicini nelle Vostre argomentazioni. Spero che questo sia l'inizio di una proficua discussione a vantaggio di noi profani! ;) Però Santo il Nostro Signore, possibile che in Italia ci troviamo sempre a dover eleggere nei posti chiave del governo gente incompetente al posto di persone valide come Lei, il prof. Brancaccio, il prof. Cesaratto?!?!?!?!? Questa cosa non la sopporto proprio. Un saluto cordiale complimenti per le sue doti di clavicembalista.

      Elimina
    3. Concordo sul fatto che il dibattito sia molto costruttivo. Se paragono questo scambio di "amorosi sensi" alle trivialità dei rumorosi amerikani (e, mi lasci dire anche se non sarà d'accordo a certi articoli apparsi non molto tempo fa su La Voce) non posso che esser contento che si discuta non di modelli ma di fatti. Mi par di capire che il principale motivo del contendere siano gli effetti della svalutazione sui salari reali e sulla quota salari, anzi soprattutto su quest'ultima. Quali le ragioni? Probabilmente saranno più d'una: trasmissione intergenerazionale delle diseguaglianze di reddito, istituzioni obiettivamente deboli con politiche sociali di tipo "caritatevole", progressivo indebolimento del sindacato, non saprei... Certo è che dopo averle prese con l'Euro, dovessi prenderle anche dopo l'Euro mi girerebbero in maniera assai vorticosa

      Elimina
    4. Credo che siamo praticamente sovrapposti, soprattutto nel fatto che non ce ne frega niente di dire "l'ho detto prima io" perché abbiamo fatto abbastanza ricerca da capire che quello che c'è da dire in termini economici è piuttosto banale! Te l'immagini un ingegnere che insistesse per rivendicare la scoperta della ruota? Dove finirebbe? Ecco: noi non abbiamo scoperto la ruota. Vorremmo però applicarla...

      Elimina
    5. Scrive Brancaccio:

      "In primo luogo, non so se rassicuro Bagnai o rovino esteticamente il suo presunto, splendido isolamento, ma credo sia utile ricordare un fatto: a rigor di termini, e fino a prova contraria, gli economisti italiani che sarebbero disposti a sostenere un’uscita dalla zona euro sono quasi 300. Nel giugno 2010, quando Goofynomics non aveva ancora emesso un vagito e l’eventualità di una deflagrazione era considerata a dir poco lunare, la Lettera degli economisti terminava con le seguenti parole:
      “Qualora le opportune pressioni che il Governo e i rappresentanti italiani delle istituzioni dovranno esercitare in Europa non sortissero effetti, la crisi della zona euro tenderà a intensificarsi e le forze politiche e le autorità del nostro Paese potrebbero esser chiamate a compiere scelte di politica economica tali da restituire all’Italia un’autonoma prospettiva di sostegno dei mercati interni, dei redditi e dell’occupazione”."

      La lettera l'avevo anche letta a suo tempo ma che con queste parole 300 economisti italiani si dicessero disposti a eventualmente sostenere un’uscita dalla zona euro non l'avevo mica capito... però è anche vero che non sono un economista :)

      Elimina
    6. Ma infatti prof, lo commentavo poco fa agli amici del mov...a me é parso che se entrambi conosceste in toto la produzione dell'altro sareste mooolto allineati... Il che é un bene, un economista come Brancaccio é una risorsa.

      Ora mi scusi, devo andare a demolire l'articolo di (sic) Benettazzo comparso sul blogdi Grillo...

      http://www.beppegrillo.it/2012/07/il_bazooka_scarico_della_ue.html#*ebb2*

      Le farà piacere sapere che questa perla che fra eletti e attivisti sta raccogliendo solo sdegno e sberleffi.

      Saluti

      Elimina
    7. E cos'è che non ti piace dell'economista indipendente Benettazzo? Forse che è indipendente dall'economia?

      Elimina
    8. Parafrasando una vecchissima barzelletta su Ciano: "Eugenio Benetazzo, bella la rima in enio, ancor meglio la rima in azzo"

      Vedo che l'M5 si sta posizionando bene, per quello piace agli amici in "in" e a quelli in "azzo".

      Elimina
    9. Sempre Brancaccio (spero che qui non sia OT): "Qualcuno forse ritiene che in fondo conti solo il salario reale, e che la quota salari non sia importante? Spero che nessuno si azzardi a pensarla in questi termini: la dinamica delle quote distributive è forse l’indicatore chiave del cambiamento nella struttura socio-politica di un paese."

      Io, nessuno :), confesso che una delle cose che mi è piaciuta subito di questo blog è stata il fatto di non aver trovato qui discorsi di questo tipo.

      Anche GZ a Napoli ha detto qualcosa di questo tipo, parlando, se non sbaglio, di redistribuzione dei redditi.

      Probabilmente sbaglio ma mentre l'andamento del salario reale mi sembra importante, la dinamica delle quote distributive mi sembra molto meno importante.

      E non capisco proprio quelli che si entusiasmano per le aliquote di Hollande o invocano patrimoniali e aliquote marginali più alte per i redditi più alti (far pagare i ricchi, far pagare chi non ha mai pagato) come se servissero a qualcosa.

      Ne abbiamo già parlato: se la produttività media del lavoro in Italia è ferma da più o meno quindici anni perché i salari medi dovrebbero essere cresciuti o crescere in futuro?

      Questa è l'ultima osservazione... il resto, tra Arrow, Blanchard, Fama, Marshal, Graziani e vizi neoclassici è evidentemente un segno della perniciosa mutagenesi dell'intellettuale di sinistra primo della classe. :)

      Anzi no, voglio anche dire che dicendo che Bagnai è l'"animatore del blog Goofynomics" Brancaccio dimostra solo di non aver capito nulla (se ha letto qualcosa) di questo blog.

      Elimina
    10. Quanto sei acceso! Certo, la differenza fra un blog e un villaggio Valtur dovrebbe essere evidente. Chissà... Forse vogliono rimproverarmi il tempo che passo con voi... Ma io da voi imparo molto. Soprattutto, ho imparato che l'economia può essere interessante, perché questo il mio percorso culturale non me l'aveva proprio lasciato percepire (come questo post credo dimostri). Il che non mi ha impedito di pubblicare. Altri non hanno avuto la stessa fortuna.

      Elimina
    11. Mi dispiace che si banalizzi così quel concetto di brancaccio che non è assolutamente banale invece, né poco importante.

      Scusate qui vengo punto anche io nel vivo per il mio passato sindacale.

      Il ragionamento di Brancaccio da una parte è, vero, di impostazione tipicamente marxista (per questo è presente anche nei ragionamenti di GZ). Vedere quanto del surplus venga distribuito fra le diverse classi, cioè fra capitale e lavoro è la base del ragionamento marxista. Si può considerarlo giusto o sbagliato, ma certo non importante né banale.

      Ma a parte le questioni ideologiche tale ragionamento ha poi anche riscolti pratici, molto pratici, praticissimi.

      E ve li mostro con un esempio tratto da una storia vera (come va di moda nei film): sede di contrattazione integrativa aziendale, ci sono due richieste sindacali in campo
      - maggiore distribuzione del surplus (cioè dell'utile aziendale) a favore dei lavoratori attraverso il premioo di produttività
      - stabilizzazione di parte dei lavoratori a contratto temporaneo

      A quel punto nella trattativa è chiaro che si riesce a chiudere solo su uno dei due punti.

      Capite anche voi che entrambe le richieste aumentano la quota di surplus a favore dei lavoratori, ma solo una aumenta i salari reali, nell'immediato ma calanti nel futuro (sapete, la gente prima o poi va in pensione), mentre l'altra li lascia invariati nell'immediato ma potenzialmente superiori nel futuro.

      Io so cosa scelsi. E la considerazione di Brancaccio NON è banale.

      Elimina
    12. Come non è banale capire perché il sindacalume italiano (esclusi i presenti, ça va sans dire) possa essere a favore dell'euro E dei lavoratori. Perdonami, Alessandro, tu (ma - quasi - solo tu) meriti più di una battuta, e più di una battuta avrai. Il tuo esempio concreto è utile, ma passa un pochino accanto alle tendenze che io ho evidenziato e che Emiliano non vuole vedere, nascondendole sotto una cortina fumogena di illustri classici. Se devo parlare di Marshall, allora preferisco parlare di Fischer. Non Irving (che sarebbe Fisher): Johann Caspar Ferdinand. Mi sa meno di muffa. Però dobbiamo parlarne quando non ho bevuto...

      Elimina
    13. "Il ragionamento di Brancaccio da una parte è, vero, di impostazione tipicamente marxista (per questo è presente anche nei ragionamenti di GZ). Vedere quanto del surplus venga distribuito fra le diverse classi, cioè fra capitale e lavoro è la base del ragionamento marxista. Si può considerarlo giusto o sbagliato, ma certo non importante né banale."

      Scusa Alessandro, il sindacalista fa (quando lo fa) il suo mestiere: contratta le condizioni di lavoro e i salari, nel quadro istituzionale dato o al di fuori di esso, con l'imprenditore.

      Quali che siano gli esiti di questa contrattazione, e la conseguente ripartizione di quello che chiami surplus, tutto questo non ha necessariamente a che fare con il marxismo.

      "I comunisti lottano per raggiungere gli scopi e gli interessi immediati della classe operaia, ma nel movimento presente rappresentano in pari tempo l'avvenire del movimento stesso". (Manifesto del partito comunista, IV capitolo)

      Togli la prospettiva, il superamento giudicato necessario del capitalismo: "le forze produttive di cui [la società] dispone non giovano più a favorire lo sviluppo della società borghese e dei rapporti della proprietà borghese; al contrario esse sono divenute troppo potenti per tali rapporti sicché ne vengono inceppate" (I capitolo) e non avrai altro che socialismo borghese: "gli economisti, i filantropi, gli umanitari, gli zelanti del miglioramento delle condizioni delle classi operaie, gli organizzatori della beneficienza, i membri delle società protrettrici degli animali, i fondatori di società di temperanza e tutta la variopinta schiera dei minuti riformatori" (III capitolo paragrafo 2).

      Quindi propongo di lasciar riposare in pace il marxismo e di mettere sotto la voce luogocomunismo anche l'equazione "marxismo=piùsalarimenoprofitti" :)

      Elimina
    14. Giorgio, mi sembra che sei rimasto fermo al Manifesto, quello dell'800, e pare tu non abbia visto in opera le forze politiche, ma soprattutto sindacali, di matrice marxista.

      Ad esempio una redistribuzione di reddito attraverso salario di produttività era una cosa da loro non accettata, in quanto il salario non doveva essere subordinato al saggio di profitto ma indipendente da esso.

      Chiaro che tutti (si spera) i sindacati chiedono una ripartizione del surplus maggiormente a favore del lavoro.

      Ma come arrivarci non è per nulla una banalità né poco importante. E' la differenza di base per esempio fra i "sindacati-lobby" come sono quelli USA o i nostri autonomi ed i Confederali (pur con tutti i miliardi di difetti che hanno).

      Ad uso di tutti: ricordiamoci anche che nel mondo si va avanti per rapporti di forza, non per carità celeste.

      Elimina
    15. Scusi, ma non facciamo anche qui, per l'appunto, luogocomunismo. Prima di proporre di "lasciar riposare in pace il marxismo" occorrerebbe per lo meno aver letto qualcosina in più rispetto al Manifesto del 1848, magari i tre volumi del Capitale, innanzitutto, e poi almeno Dobb, Kalecki, Lange, Baran, Sweezy, Napoleoni, Gunder Frank, Arrighi e mi fermo qui. Perdoni l'animosità, ma credo che, come regola generale del blog, qui si possa esprimere critiche solo avendo la necessaria competenza.

      Elimina
    16. @ Saverio, se mi dice quale di questi autori è riuscito a riconciliare il pensiero di Marx con il capitalismo magari incomincio col leggere quello.

      @ Alessandro, no, non ho mai visto all'opera forze sindacali di matrice marxista. Ma siccome sono incompetente mi zittisco.

      Scusi professore per la polemica che ho (deliberatamente) provocato.

      Elimina
  4. Infatti il mio è un azzardo... Se perdo le regalo una pianta di Cycas Revoluta (sa com'è lei insegna io faccio piante) in alternativa le pago una cena romana nel ristorante che vuole. Allo stato attuale in effetti una rivalutazione del marco è logica e il rendimento dei bund lo dimostra. Ma se questa situazione fosse portata avanti ancora molto? Inizialmente il deterioramento dell'economia tedesca non sarebbe più alto del nostro? Crollo dell'export combinato alla scarsa domanda interna con susseguente aumento della disoccupazione e (sa com'è sono un po' duri i teutonici) nessun investimento pubblico. Se perdo pago volentieri d'altronde le scommesse tra amici hanno solo lo scopo di rendere più piacevole lo scorrere del tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, mi è più chiaro cosa intendi e mi piace lo spirito agonistico. Credo che tu non abbia colto il messaggio del mio commento precedente: rivalutare o svalutare rispetto a chi?

      Comunque, se non capisco male, tu dici che il detonatore si avrà quando lo spread cadrà a 200 per effetto di un rialzo dei tassi tedeschi, giusto? Secondo me nun capita, ma ssi capita... Ma ho capito bene?

      Elimina
    2. Ha capito perfettamente. Sa i mercati sono strani soprattutto perchè in mano alle banche. I bonos spagnoli vanno a ruba chissà che non tocchi anche ai tedeschi tra poco. Magari non capita ma ssi capita...

      Elimina
    3. Per ora l'ideona del Drago di abbassare a 0% il tasso sui depositi BCE ha fatto un macello. Una mia conoscenza lavora presso la treasury di una grossa banca e mi dice che le banche non sanno piu' dove tenere i soldi. I traders hanno infatti provato ad investigli in azioni, e questo spiega perche' la borsa saliva dopo il taglio del tasso, e poi probabilmente, hanno iniziato a comprare altre valute (e questo spiega come mai l'euro si e' deprezzato).

      Se i bund dovessero salire, allora i soldi, che certo non possono scomparire sotto il tappetino, da qualche altra parte andranno. Nei conti BCE no, perche' non conviene, nei mercati azionari nemmeno perche' sono troppo volatili, dai PIIGS nemmeno, allora probabilmente andranno verso altre mercati non UE.
      Conclusione: l'euro e' destinato, comunque vadano le cose, a svalutarsi rispetto alle valute dei paesi non-EZ.

      Elimina
  5. E io che speravo che proponeste di finanziare un mio disco in "crowd funding"... Come siete aridi... Si vede che non leggete Goethe... Però almeno l'iPhone a Marco Basilisco regaliamoglielo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace, io i miei soldi li ho investiti da bravo piddino in altro amante delle tastiere, che suona gezz e che, essendo di indubitabili discendenze alemanne, è sicuramente più credibile e meno cicala.

      Elimina
    2. (la serpe in seno numero uno)

      Elimina
    3. Professore, potrei aggregarla ad un gruppo per partecipare ad un disco. L'unica pecca è che sarebbe Black Metal Sinfonico....

      Elimina
  6. Pfofessò,

    ma nunn è che mo l'angela da retta ar Bufalo e se sarva in corner?
    Telefona a Draghi (quello indipendente) e ie dice de portà nantro litro (uno solo me raccomanno si no se sbronzeno) e gli euri se li trovamo ancora per n'altri sei mesi che poi vedemo se un c'è stata la fine der monno de li Maya?

    Perché a l'angela ie conviene de minaccià chel'euro se sfascia, ma non de sfasciallo proprio, che si no ie tocca da rivalutà!

    Io dopo quei sei mesi nun so che va a succede,secondo me l'angela nemmeno, ma forse er professò n'idea se l'è fatta....
    Se ce la volesse di' ....nui l'ascortamo
    saluti ammirati
    Franco

    RispondiElimina
  7. p.s. Professore, se anche l'euro fosse già finito e la cosa ancora non ufficializzata solo perché bisogna aspettare le elezioni americane, comunque resta sempre un margine di qualche mese per rianimare il cadavere. Se in Germania emergesse una volontà politica in tal senso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se speri nella SPD temo rimarresti deluso. Allora proprio non volete capire quello che sto dicendo (al muro) da alcuni mesi, solo sulla base di una semplice intuizione! I socialdemocratici tedeschi sono tedeschi socialdemocratici, e hanno l'esigenza di farsi eleggere dai loro elettori. Qualsiasi politico vada a dire ai suoi elettori: "ci siamo sbagliati, è colpa vostra!" perde. Una manovra così difficile non puoi farla sotto raffica. E quello che io semplicemente intuisco, mi sembra che Emiliano, sulla base di precise esperienze (e Quarantotto, e Cesaratto) lo confermino. Tu stai ancora al Fogno, eh? Be', temo tu debba svegliarti: non è né cinismo né pessimismo. Tu chiamalo, se vuoi, realismo.

      Elimina
    2. Ripeto quanto detto nel messaggio che non mi ha pubblicato: più che quello che vogliono SPD e Merkel, conta quello che decidono gli industriali tedeschi... I politici si limiteranno ad eseguire

      Elimina
    3. Senti, non so a quale messaggio tu ti riferisca, ma siccome questo tono è inaccettabile e dimostra che non hai letto le istruzioni per l'uso, risparmiati lo sforzo di scrivere altri commenti o, se del caso, prova a non farti riconoscere cambiando nome, perché chi parla di censura qui viene bandito. Punto e a capo. Grazie per la piacevole ma breve esperienza.

      Elimina
    4. Sì, il messaggio c'era, era più basso in coda, non era nemmeno nello spam, ma vi dovete cacciare nelle vostre cazzo di teste (nota l'ordine) che io non sono né la vostra segretaria né il vosto psicanalista. Non mi pagate, non voglio soldi, e non accetto imposizioni o toni risentiti. Il tuo messaggio verso Michele era piuttosto offensivo: quindi meglio così. A non rivederci.

      Elimina
    5. Too late. Extinct is forever. Colpirne uno per educarne cento. Elaborerò il lutto, spero altrettanto di te.

      Elimina
    6. Bella. Però me sei simpatico. Dai va, ti metto in quarantena: riprova fra quaranta minuti però sii un po' più netiquettato... Grazzzzie.

      Elimina
    7. hahahaha! Alberto, sembra un litigio con l'amico immaginario! :)

      Elimina
    8. Be', il bandito è lui, mica io! Quindi io le mie risposte le pubblico, le sue no. Ma è simpatico, giuro. Lo sento ggiovane, però... Una malattia alla quale c'è pronto rimedio, oh, quanto pronto!

      Elimina
    9. Hehehehe, penso che il bavaglio sia già stato sufficiente. Però continuiamo, mi piace! Mi può girare qualche risposta che ha provato ad inviare così lo posso rimbrottare pubblicamente anche io?
      :D

      Elimina
  8. Di sicuro OT, ma la rabbia che fanno è troppa. GRANDE SCOOP di Elena Polidori de La Repubblica, la soluzione della crisi deve essere politica (sic!) ed è PIUEUROPA. Da non perdere la scenetta in cui distilla perle di scienza economica, sembrano stiano discettando di quale centrotavola portare venerdì sera a Capalbio. http://video.repubblica.it/dossier/crisi-euro-merkozy/le-armi-segrete-della-bce-per-salvare-le-borse/101418/99798?ref=HREA-1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniele, che c'è... non sei sereno... e manco io! ;)

      Elimina
    2. Il fogno si sta convertendo in mayonnaise impazzita (mejo "zabbbajone"?).
      Dopo avermi risposto (lo so, lo so, ma non posso resistere...Buahahaha) che il male è l'austerity e non l'euro (il che è un ossimoro che ignora la teoria dell'OCA e tonns of De Grauwe-Feldstein), mi pubblica questo post: http://www.gustavopiga.it/2012/pepsi-coca-potenti-e-ipocriti-come-salvare-leuropa/

      Ora, non dico che sia una folgorazione sulla via di damasco, ma almeno è il sintomo della consapevolezza che l'euro REALE è una cosa e l'euro-fogno (fogna?) un'altra; se no la "narrazione" diventa veramente insostenibbbbbile...
      Quando riuscirà a unire la accettazione del fatto che quella crucca è una psicosi con i "fatti" che attestano come al di fuori di essa (e del suo contagio ai "vincolisti" italiani esterofili) l'euro nun esiste proprio, magara cadrà un baluardo.

      A pensarci bene, Italia-germania è la vera grande partita che si gioca all'interno dell'euro, come confermano gli zero coupon franciosi che aleggiano sul tasso "zero" (e il fatto che i PIGS avrebbero avuto comunque belle gatte da pelare).
      Ma è mai possibile che per far "giocare" l'Italia bisogna sempre arriva' a fare ste figure di mmm...?
      Intanto mi rileggo Kaputt (prima vera rivendicazione antieuro "reale", mentre Malaparte è stato il primo antipiddino "dentro", ante-litteram)

      Elimina
    3. Caro Quarantotto, stavo proprio rileggendo "Viva Caporetto - la rivolta dei santi maledetti" (dopo l'input del proffe di qualche giorno fa)... E pensavo la stessa cosa del vecchio Kurtz. Oltre che antipiddino, con tutti i suoi errori teneva sotto dù palle così...

      Elimina
  9. Certo mettersi al clavicembalo con il Bufalo accanto è rischioso perchè potrebbe dire mo c'ai sonato, canta. Il messaggio mafioso è chiaro, ma non mi rimane chiaro chi fosse il mandante di quello inviato allo stinto, quando tolsero la tripla agli States e che, più o meno ha coinciso con la frenata dello stimolo modello 1937, poi notata da Krugman che però tanto si incazzava per il downgrade e gli contrapponeva i tassi sempre decrescenti dei Treasures. Ci'ai na' luce pure pe'questo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cche nne so? 'Sto pezzo 'o devi da scrive te (e mme pare pure che l'hai scritto...)...

      Elimina
  10. E adesso conosciamo le fattezze di uno dei protagonisti del blog: the Harpsichord

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è l'ultimo nato, l'italiano. Il fiammingo sta in giro, lo vedi qui (just in case).

      Elimina
    2. Non sai quanto. Ultimamente suono solo musica toscana...

      Elimina
  11. http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/da-palazzo-chigi-arrivano-le-soffiate-togliete-i-soldi-dai-conti-correnti-leuro-non-41953.htm

    RispondiElimina
  12. Professore, grazie mille per la considerazione, non ambivo all’onore di essere messo in prima pagina sul Suo blog! L’effetto però è che mi sono montato la testa e mi dilungo un po’ nella risposta – scusi in anticipo.

    Lei evoca suggestivamente “correnti sotterranee e vorticose della Storia” per spiegare come mai i politici tedeschi alla fine non ricorreranno a un razionale calcolo costi-benefici (immaginato da Brancaccio e ripreso nella mia opzione sub 2) per decidere le sorti dell’euro perché si sono inviluppati inestricabilmente in una retorica leghista contro il ClubMed che impedirebbe loro di fare retromarcia in prossimità delle elezioni, anche se lo ritenessero conveniente – politici di destra e di sinistra: ricordo che è stata la Linke a ricorrere alla Corte Costituzionale per far dichiarare incostituzionale il Fiscal Pact. L’uscita sarebbe dunque inevitabile – ma dopo Novembre.

    Può essere: è una spiegazione (i) con salde fondamenta storicistiche che soddisferebbero il suo lettore hegeliano; (ii) conforme alla teoria sull’infinita stupidità umana di C.M. Cipolla; e (iii) confermata da una certa pubblicistica tedesca (leggo anche io l’utilissimo vocidallagermania grazie a un suggerimento trovato su questo blog).

    Leggo purtroppo anche altra stampa tedesca, che mi sembra dimostri atteggiamenti più riflessivi. Per es., causalmente proprio oggi è uscito un articolo su Handesblatt (http://www.handelsblatt.com/meinung/kommentare/kommentar-eine-rueckkehr-zur-d-mark-gibt-es-nicht/6908762.html) – mi spiace di non poter ricambiare con altro Goethe – in cui si dice in estrema sintesi: secondo uno studio del Consiglio degli Esperti Economici la disgregazione dell’euro costerebbe più delle politiche di salvataggio (non entro nel merito dei conteggi che vengono proposti: noto solo che si fa un’analisi costi-benefici, come immaginato da Brancaccio); il governo dovrebbe spiegare ai cittadini che la solidarietà verso i partner europei è necessaria e conveniente.

    Io aggiungo: il sistema istituzionale e costituzionale tedesco, con i suoi incentivi alla codecisione a tutti i livelli e alla Grosse Koalition a livello politico-parlamentare, è particolarmente ben predisposto per far sì che il governo tedesco – un’élite al soldo di altre élite – sia in grado di imporre decisioni “impopolari” per l’elettorato, se solo esse vengono ritenute convenienti: alle elezioni non vince nessuno, fanno una ammucchiata parlamentare così possono darsi reciprocamente addosso per le decisioni che assumono e intanto fanno gli errand boys delle loro banche, industrie esportatrici, etc.

    Mettiamola così: sono più pessimista di Lei, perché oso immaginare uno scenario in cui questo pasticcio chiamato euro rimane in piedi a spese nostre (la mezzogiornificazione di cui parlano Krugman), mentre, tutto sommato, nello scenario che Lei predilige dopo l’Eschaton post-novembrino (la fine dell’euro – durante la quale siamo tutti d’accordo che i soliti noti troverebbero comunque il modo di guadagnarci) ci sarebbe la risurrezione - sort of: il “poi il resto si vede” dell’ultimo post di Brancaccio.

    E siccome questo scenario mi terrorizza, vorrei quantomeno cercare di escluderlo su basi razionali per dormire sonni tranquilli: sa, a me la game theory concilia il sonno.

    Con stima,

    Michele

    PS: non se la prenda troppo con Alessandros: lo conosco, è fatto così, ma in fondo non è cattivo (e sicuramente è meno piddino di me).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il salvataggio dell'euro? Ma questi faranno, al massimo del massimo del massimo, e forse ma forse ma forse, solo il salvataggio dei loro crediti ex CA. Quindi al massimo...(ci siamo capiti), "rimoderano" il fiscal compact e si danno una calmata sui Kommissar dell'inutile ESM.
      Ergo salvano il trattato UEM nella sua sostanza asimmetrica (magari con un'ambigua rimaneggiatura della BCE), riprendendo il gioco della svalutazione reale, consci del fatto che, salvati (momentaneamente) dagli spread, i limiti di Maastricht sono più che sufficienti a piombarci in stabile stagnazione e strutturale deficit bdpe a ripiobarci nel breve...negli spread+consolidamento fiscale prociclico. CAPITO MI HAI?
      Me sa de no...se (SE...seeee) mai faranno ciò, i piddini ringalluzziti proveranno a riaffacciarsi, fino a che il "piùeuropa" non costringerà il popolo a prendere i forconi, votare ortotteri imbufaliti (col nulla)...e, scesi veramente in campo gli USA (sfibrati nelle balls), si arriverà finalmente all'8 settembre e a tutto quel che ne seguirà

      Elimina
    2. @48
      Vuoi dire che non è possibile concepire un equilibrio di medio-lungo periodo in cui i paesi del c.d. Sud Europa fanno da Mezzogiorno alla Germania?
      Non ne sarei così sicuro: in fondo in Italia il Mezzogiorno esiste da 150 anni, il Messico è stato agganciato al dollaro per non so quanti anni, etc. etc.
      Insomma, di questa rapida e inevitabile evoluzione della storia verso l'8 settembre non ne sarei sicuro....

      Elimina
    3. Avete toccato un punto che mi fa paura. Esiste la possibilà che questa situazione vada verso un equilibrio, perdurando con alti e bassi per un tempo disastrosamente prolungato? I paesi del sud continuerebbero ad impoverirsi perdendo man mano poi la forza per spezzare questa situazione e quelli del nord a sfruttarli. Il disegno tedesco in fondo non è questo? La Grecia è ormai andata, gli altri si indeboliscono, l'unica che ancora mi sembra possa avere la forza per ribellarsi prima di essere divorata è l'Italia. Ma sono ancora troppi quelli che parlano delle virtù del comportamento della Germania quando poi la scorrettezza palese del comportamento dei fratelli tedeschi dovrebbe essere obiettivamente decantata da tutti, PDini, PDLini, e chiunque abbia un minimo a cuore davvero le sorti dell'Europa.

      Elimina
    4. Mezzogiornificazione: fare politiche di trasferimenti per sostenere la domanda dei propri beni da parte di un'area costretta a divenire deindustrializzata e mantenuta tale, attraverso l'imposizione di un vincolo valutario e dumping normativo e finanziario, per consolidare la propria posizione di produttore e ,quindi, esportatore in quell'area.

      E' uno degli aspetti insiti in quel trasferimento indiretto che, per ora, la merkel rifiuta per ragioni elettorali, ma che potrebbe essere attivato da crucchi illuminati (dal mantenimento del profitto via CAB, Thirlwall docet) atraverso le politiche invocate dai piddini, cioè il "piùeuropa".
      I piddini inoltre, desiderano un altro effetto naturale dell'imposizione del vincolo: la simultanea tendenza a deflazionare, ex imperio legis (dettata dall'UE), direttamente o indirettamente, il compenso della manodopera per consentire decentramenti produttivi attraverso l'acquisizione del controllo del residuo sistema industriale dell'area aggredita.

      Però mi sa che non hai letto le istruzioni per l'uso e neppure della riduzione dell'Italia a "fabbrica-cacciavite".

      Sì, entrambi i fenomeni, che poi sono "grecizzazione" e "romanizzazione" (rispettivamente per il sud, accentuandone le criticità, e per il nord, utilizzandone la infrastrutturazione, comunque relativamente avanzata) potrebbero scaturire dal mantenimento dell'euro reso "buono"(in senso piddino) dal nominale e strategico abbandono dell'austerity.

      Però per discutere di ciò hai sbagliato blog.
      Queste cose vanno bene su FQ e magara sul blog di Piga: là le chiamano riconquistare la competitività per via della "efficienza" (abbattimento salari e tagli alla spesa pubblica e privatizzazione dei servizi e delle partecipazioni pubbliche).

      Sì è ben possibile che un ravvedimento "razionale" dei crucchi (elites bundesbank), dal razzismo congenito, li conduca a ragionare su queste prospettive e a rivelare, nei fatti, di aver puntato sul fiscal compact per alzare la posta e fingere poi di fare concessioni in cambio, appunto, del raggiungimento del "vero" obiettivo.

      Rassicurati: è stato già fatto nel 1996-2000, fingendo di non volerci nell'euro, custom-deviced instead just for us...finchè esistono i piddini, dentro e fuori, alla germania può sempre riuscire la stessa tattica ed essere pure acclamata (bastastatobruttocorruzionesepsapubblicaimproduttivabruttoevasionecasta).

      Spiegazioni paralogiche, infingardia, autoflagellazione ottusa, menzogna e collaborazionismo. Ma vincere troppo facile storicamente, ha un prezzo altissimo: prima o poi qualcuno si incazza, ma di quelli più grossi..

      Per tutto il resto c'è Goofy...e, infatti, siccome prima o poi il fascismo o il piddinismo non possono non emergere in Italia, l'8 settembre sarà causato da "potenze" esogene rispetto al sistema euro e sicuramente all'Italia...

      Elimina
    5. Penso che onestamente lo scenario di medio-lungo periodo è esculdersi, per un semplice motivo: si inizia a notare, che nonostante tutto, prima dell'Euro si stava meglio (e non so come fanno certi politici con annessi fedelissimi attivisti, Piddini soprattutto) a dir il contrario. Io nel '92 ero piccolo, c'era crisi, ma i ghiaccioli li compravo, giocavo con il Super Nintendo (che costava, sarà che veniva dall'estero e svalutammo), ma la sensazione di benessere relativo c'era. E la gente se ne ricorda pure.
      Ora da ristoratore vedo la mia miseria, e vedo quella degli altri, e soprattutto vedo quella di chi stà peggio ancora di noi in Spagna e Grecia. E ricorda tempi ben migliori.

      E poverini loro, si stanno un po' incazzando, e non mi pare tanto fantascientifico immaginare un servizio televisivo al TG delle 20 con Rajoy che scappa lesto dalla spagna con un elicottero.... Insomma, un popolo da tener d'occhio fino a prova contraria ce l'hanno tutti, e non esistono solo quelli che causa crisi decidono di mettere fine alla propria vita, ma c'è pure chi anzichè far del male a se stesso trova soluzioni "alternative".

      http://www.youtube.com/watch?v=_uqM9dljpL0

      Ps. Mi scuso per il carattere poco economico dell'intervento, ma in fondo è possibile che una disgregazione non venga decisa da politica o mercati arrivati a questo punto.

      Elimina
    6. Prof., scusi se intervengo ancora, ma chiedo la parola per fatto personale.

      Quarantotto: i richiami alle istruzioni per l'uso e all'ortodossia goofynomica li lascerei all'unico titolato a farli, cioè il padrone di casa, che ha deciso di pubblicare il mio post sopra (segno che quantomeno non era del tutto impertinente o irrilevante).

      Rilevo con piacere che tu ammetta la possibilità dell'esito che indicavo (essendone personalmente terrorizzato - spero di essere stato chiaro su questo).

      Per quanto riguarda il provvidenziale Avvento della Storia (in data 8 settembre o 25 aprile o quando preferite) invocato da Quarantotto e di cui anche Ivan si ritiene certo... beh, spero che avvenga abbastanza presto da vederlo (ho già 28 anni): i seguaci dei millenaristi hanno avuto un bel aspettare, ma l'Apocalisse non è ancora arrivata (idem per i fautori della seconda venuta di Cristo, per gli ebrei con il Messiah, e per i marxisti che attendono la rivoluzione in Germania nel momento in cui il saggio di profitto cadrà definitivamente). Mi chiedo solo se possiamo fare qualcosa di utile nell'attesa, fosse solo per accelerare il corso della storia.

      Elimina
    7. Guarda, caro, il padrone di casa ti chiede di fare quello che ti chiede Quarantotto: cerca di capire quale discussione si è svolta in questo blog da quasi un anno a questa parte, altrimenti perdiamo tutti tempo.

      Visto che vuoi difendere Emiliano, credo che penserai come lui che qui non si è fatto molto. Le cose non stanno così.

      Se vuoi sapere cosa fare per accelerare il corso della storia, io ti suggerisco di diffondere il più possibile le informazioni che trovi nei siti che ritieni facciano informazione corretta su quanto sta accadendo. La diffusione dell'informazione corretta è l'UNICA forma di lotta politica non violenta che abbiamo a disposizione in questo momento, non essendoci forze politiche in grado di rappresentare il buon senso, anche per colpa di certi economisti merlettai.

      Spero di essere stato chiaro. Copio è incollo da una lettera che ho scritto ora a Cesaratto:

      "Se dieci persone come noi avessero cominciato a fare divulgazione come ho fatto io, anziché firmare appelli del cazzo, fradici di ambiguità e luoghi comuni, adesso sì che avremmo potere di pressione. Ma tutti (tranne uno) hanno continuato a credere nei partiti, nella resipiscenza della Germania, nelle minacce alla Germania, e via stronzeggiando. Non mi interessa che di questo mi sia dato atto, non voglio salvare la patria, e non voglio mettere il cappello sulla poltrona dell'ovvio. Ma se ci prova un altro a farlo io mi incazzo, perché per gli opportunisti non ci può essere un futuro in questo paese (o se ci sarà, porterà alla guerra civile). "

      Bene intendenti pauca, e buon lavoro. Io vado a correre. Tu cosa fare ora lo sai. Decidi tu se farlo o continuare con la teoria dei giochi.

      Elimina
    8. Professore, ci sta proprio provando...
      non so se quando ha scritto avesse già letto l'ultimo articolo di Brancaccio.

      "L’opzione di uscita dall’euro non è più solo una prerogativa di Berlusconi, Grillo e dei movimenti cosiddetti “populisti”."
      O non la cita o la ritiene un "populista".

      "Giorni fa era il Corsera a pubblicare editoriali che riabilitavano il tema della sovranità nazionale [...] anche il Sole 24 Ore sembra disporsi a un eventuale salto del fosso, pubblicando un articolo di La Malfa che in termini espliciti perora la causa di un abbandono, sia pure “ordinato”, della moneta unica."

      Oltre ai 300 economisti, pure gli editorialisti del Corsera?

      E poi la solita storia che c'è modo e modo di uscire dall'euro (e quello giusto naturalmente è il suo)

      Infine lancia strali e il solito appello alla "dannata sinistra" che dovrebbe "vincolare la fiducia al governo Monti a un provvedimento che blocchi immediatamente le fughe di capitali. Se l’irriducibile liberoscambista Monti non se la sente gli si tolga all’istante la fiducia. Altrimenti è la solita pletora di mefitiche chiacchiere."

      Insomma pare che ancor più del partito, sia innamorato di se stesso, perché, come ha già fatto notare un altro lettore che non riesco a ritrovare "io so io e voi non siete un cazzo"

      Mi sta bene così imparo a credere alle unioni... quello è come la Germania!!!

      Elimina
  13. Salve Prof. Bagnai,
    ho scritto un post (http://ilbipolare.blogspot.it/2012/07/le-origini-della-crisi.html) sul mio blog linkando il suo lavoro "CRISI FINANZIARIA E GOVERNO DELL’ECONOMIA" e riassumendo alcune sue tesi in breve. Essendo ignorante della materia non vorrei avere scritto inesattezze, se nel caso me le potesse segnalare le sarei grato.
    Grazie per il suo lavoro e la sua opera di (contro?)informazione.

    RispondiElimina
  14. Ho letto Brancaccio.
    Beh, l'aveva avvisata che era pugile, no?

    Non entro nei dettagli tecnici, perché sono limitata. Però ho notato un paio di cose...

    Comincio da quella più difficile da dire: lei è effettivamente un po' isolato. Non sto dicendo che sia narcisismo (un po' sì), non so se esistono queste centinaia di economisti di cui parla Brancaccio.
    Goofy è stupendo e non cambierei una virgola, ma SE (ho scritto SE) è vero quel che scrive Brancaccio penso che unire gli sforzi e le voci sarebbe più efficace.
    Mi scusi, ma se la apprezzo tanto per la sincerità è perché la sincerità mi piace. Poi naturalmente essere sinceri non significa aver ragione, quindi posso sbagliarmi.

    Invece a Brancaccio critico un altro punto.
    Dice che potremmo usare l'uscita dal mercato comune come ricatto e si chiede cosa ne penserebbe Hollande (visto che ovviamente Monti non lo farà).
    E qui per me gioca sporco, perché penso che il signor Hollande lo sappia benissimo (e Brancaccio sa che Hollande sa) e se non lo fa è perché non vuole farlo.
    Come ha detto lei più volte non è un problema di moneta (o di mercati), ma di volontà politica. Se si volesse cambiare l'Europa, l'euro, i mercati, si potrebbe farlo, senza alcun bisogno di distruggerli.
    MA NESSUNO LO VUOLE FARE. NESSUNO. Nè Hollande né altri.
    Quindi in estrema sintesi penso che il prof. Brancaccio non sia ancora riuscito a prendere le dovute distanze da quel partito antidemocratico e antisociale (con un piede e mezzo nella fossa).

    Questa la prima impressione, rileggerò con calma.

    Poi sulle questioni più squisitamente tecniche spero vivamente che questo sia solo l'inizio di un dialogo costruttivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che lui vuole dire il contrario circa l'isolamento. Vedi cosa succede quando uno parla sempre sul serio: che poi quando è sarcastico nessuno se ne accorge! Di Hollande ne parliamo con calma. Ab uno disce omnes.

      Elimina
    2. Ops che OCA, scusi!!!!

      L'ho detto che devo rileggere con calma!!!! Sono sempre troppo frettolosa

      Elimina
    3. Professore,
      mi scusi, ho riletto:

      "In primo luogo, non so se rassicuro Bagnai o rovino esteticamente il suo presunto, splendido isolamento,
      (qui è ironico)

      ma credo sia utile ricordare un fatto: a rigor di termini, e fino a prova contraria, gli economisti italiani che sarebbero disposti a sostenere un’uscita dalla zona euro sono quasi 300. Nel giugno 2010, quando Goofynomics non aveva ancora emesso un vagito e l’eventualità di una deflagrazione era considerata a dir poco lunare, la Lettera degli economisti terminava con le seguenti parole:.......................

      Ma qui non mi sembra ironico. Cioè io ho capito che esistono davvero questi 300 economisti così come esisteva la lettera prima di Goofy.

      E allora dove sbaglio? Non capisco...

      Dalla frase conclusiva della Lettera degli economisti, anch'io come Giorgio DM., non avevo capito che si alludesse a un'uscita dall'euro.
      Per carità non era una lettera indirizzata al pubblico (e quindi a ignoranti come me) però il senso di
      "scelte di politica economica tali da restituire all’Italia un’autonoma prospettiva di sostegno dei mercati interni, dei redditi e dell’occupazione"
      non mi sembra chiaro e neanche univoco.

      Elimina
    4. Non sbagli tu. Sbaglia lui. Un compagno che sbaglia. In diversi punti. Che saranno altrettante occasioni per lui di dimostrare la sua buona fede. Certo che quel passo non è chiaro e non è univoco. Infatti io quella lettera non l'ho firmata. Lui invece l'ha firmata e ne ha preso le distanze subito dopo (a destra o a sinistra, non so, suscitando diversi risentimenti). Io avevo firmato un appello precedente nel quale, senza nominare l'euro, si parlava almeno di un piano di sviluppo keynesiano à la Piga. Sugli economisti italiani vale quindi quello che ho scritto qualche giorno fa a Tony Thirlwall. Povere merlettaie...

      Elimina
    5. Ma allora avevo capito bene, lui ironizza sulla sua solitudine un po' narcisa, lasciando intendere che ci sono altri 300 economisti che dicono la stessa cosa.

      Ma allora rifaccio la domanda che avevo posto sul precedente articolo: dve sono tutti questi economisti (di sinistra o meno) che vogliono uscire dall'euro?

      Io non li vedo quindi la sua solitudine è obbligata (però dai che un po' le piace!!!)

      Elimina
    6. Silvia, ma te stai a rincojoni'?

      Gli altri 300 semplicemente NON CI SONO, quella lettera diceva un'altra cosa, e questo punto della lettera di Emiliano è un tantinello sleale.

      Purtroppo non vogliono ammettere di aver difeso la linea sbagliata fino a domani (perché ancora la stanno difendendo) per fede piddina, ma purtroppo verba volant, scripta manent.

      E siccome io (io) non ho l'illusione di poter cambiare il corso della storia, a me di essere solo o male accompagnato non me ne frega un beneamato cazzo.

      Spero che adesso almeno tu abbia capito. Poi capiranno anche gli altri.

      Elimina
    7. Ripeto: alcuni passi della risposta mi sembrano in ritardo di mesi sulla storia recente, e mi sembra che tendano ad accreditare l'idea di essere l'unico fautore di una proposta credibile di uscita. Devo leggere meglio, ma se fosse così sarebbe veramente un peccato, perché qui il problema non è a chi l'ha detto prima (altrimenti torniamo a Bagnai 1997). Qui il problema è capire che ci stanno rubando la democrazia. E anche su questo punto la risposta di Brancaccio è un po' fumosa, agita lo spauracchio Monti come i piddini agitano lo spauracchio Berlusconi. La costruzione del consenso attorno al nemico di turno non riesco proprio a digerirla. Si vede che non ho esperienza politica. Non hai avuto anche tu questa impressione? Leggi meglio, tu che hai tempo, poi me lo dici...

      Elimina
    8. Professore, stiamo a dire la stessa cosa e non ci capiamo.

      Lo so che non esistono 'sti 300 per questo la sua solitudine è obbligata (se non ci sono lei è solo per forza, a parte Cesaratto con il quale però è già in contatto)

      Quindi Brancaccio ripete la stessa storia della lettera degli intellettuali di sinistra (e io avevo già detto che non li vedevo, perché non c'è nessuno, non esistono)
      Solo che qui, come prova della loro fantomatica esistenza, porta la Lettera degli economisti, che ha un sacco di meriti, ma non finisce con una possibile uscita dall'euro (casomai chieda a Cesaratto, visto che pare sia stato lui a volerla).

      Sullo spauracchio Monti sono d'accordo e l'ho detto con grande signorilità nell'altro commento:
      "Brancaccio usa Monti per parare il culo al PD, che come il PDL, lo sostiene.
      Quindi entrambi i partiti sono responsabili delle scelte di Monti".

      è ho anche aggiunto:
      "Se dovrò farle delle scuse e dire che mi sono sbagliata lo farò.
      Ma spero ancora che riusciate a collaborare."

      Insomma, non so cosa vi siate detti al telefono, ma mi aspettavo di più dalla risposta di Brancaccio.

      Elimina
    9. "Dalla frase conclusiva della Lettera degli economisti, anch'io come Giorgio DM., non avevo capito che si alludesse a un'uscita dall'euro."

      Scusa Silvia ma il mio era sarcasmo :) non l'avevo capito perché non c'era scritto!

      A proposito di solipsismo, tu hai capito per chi scrive Brancaccio?

      A me sembra, oltre a quello che ho già scritto, un parente molto stretto di Aristide e del marchese del Grillo e il primo, che io sappia, a dire "ma io l'avevo detto!".

      E già che ho tirato fuori il Manifesto per rispondere a Alessandro, ricordo, per la gioia (spero :) del professore, che "[...] Marx confidava unicamente ed esclusivamente in quello sviluppo intellettuale della classe operaia, che doveva necessariamente scaturire dall'azione comune e dalla discussione" (Prefazione all'edizione tedesca del 1890).

      Elimina
  15. Sallusti a "In Onda" ne sta dicendo di tutti i colori sulla Germania. Ne ho visti 3 minuti ma sembra che abbia letto parte del blog per quante gliene dice... Prof. mi sa che fra i 12000 contatti giornalieri ci sta pure lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho' vista quasi tutta,cavalca l'onda contro la germania,ma non si azzarda a mettere in dubbio il Sacro Graal del filone liberista,alternava critiche alla germania con :"Il problema dei problemi e'la spesa pubblica...la rif.del mercato del lavoro troppo poco ecc ecc"niente di nuovo sotto il sole.Il pensiero austriaco,che di questo si tratta nel giannino,sallusti ecc(forse sallusti non lo sa,giannino si)Si accoda alle critiche alle Elite di comando perche?perche troppo keynesiane(vero,keynesiani per i ricchi,monetaristi per i poveri)Le lacrime e sangue troppo poche,solo con il fallimento dell'azienza non abbastanza competitiva(ergo sleale,furba,senza scrupoli)si ha la pulizia rigeneratrice vedi darwinismo sociale(non darwin)a favore del piu forte(ergo sleale,furbo senza scrupoli..ma abbisogna dell'appellativo FORTE perche suona positivo),i licenziati e le loro famiglie?Effetti collateraliNon facciamo ingannare da chi tuona dal lato estremo e contrario della medaglia(Non mi riferisco a te).

      Elimina
    2. Ripeto ne ho visti 3 minuti e poi poco prima della fine quando la giovane economista del pd pontificava su come non abbiamo approfittato dei bassi tassi d'interesse che l'euro c'ha offerto. Se il resto è quello che dici direi che non mi sono perso niente.

      Elimina
    3. L'ho visto pure io, ma temo (si fa per dire) che Sallusti su questo blog non ci abbia mai messo piede.
      Non ha usato un argomento economico che fosse uno, ma solo il suo solito stile pugilistico.... dalla cintola in giù ovviamente.
      Al giornalista tedesco è bastato dire due cazz... ops "luogocomunate" per neutralizzarlo.

      Elimina
    4. io ormai quando vedo talk show di "informazione" dove si parla di economia penso a questo passo del libro 1984:

      "Non era da augurarsi che i prolet avessero forti risentimenti politici. Si richiedeva soltanto che nutrissero una specie di elementare patriottismo sul quale si potesse contare tutte le volte che fosse necessario aumentare le ore di lavoro e diminuire le razioni. E anche quando succedeva che tradissero segni di malcontento (il che, pure, qualche volta succedeva) non c'era da preoccuparsene perché, essendo sprovveduti di idee generali, riuscivano a concentrarlo solo in certe stupidissime lamentele su questioni specifiche e sempre di nessun conto. I mali maggiori riuscivano invariabilmente a sfuggire all'attenzione delle loro menti."

      anche se forse è pià appropriato per il parlamento attuale.

      Elimina
  16. Scusi, una terza considerazione

    Brancaccio usa Monti per parare il culo al PD, che come il PDL lo sostiene.
    Quindi entrambi i partiti sono responsabili delle scelte di Monti.

    Se dovrò farle delle scuse e dire che mi sono sbagliata lo farò.
    Ma spero ancora che riusciate a collaborare.

    RispondiElimina
  17. Prof. Bagnai,
    cosa ne pensa della proposta di Brancaccio di minacciare i tedeschi di chiudere il mercato italiano (ed eventualmente francese) ai loro capitali e alle loro merci, in modo da uscire solo dopo che si è ottenuto il tempo necessario per cautelarsi, nell'interesse dei salariati, contro i rischi di un'uscita non gestita dall'euro ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dopo due Campari penso poco. Leonardo (da Vinci) direbbe: "le minacce sono armi dell'amminacciato". Quando incontro G.Z. o il mio violoncellista neoborbonico me lo faccio tradurre in napoletano, così arrivo preparato da Emiliano.

      Elimina
    2. Ok, niente minacce allora.
      Famolo e basta:
      a germà, vuoi il nostro bel mercatino ? Paga !
      Non paghi ?
      Fanculo, tu qua da noi non compri e non vendi più una cippa :-)

      Elimina
    3. Ma scusate: uno esce, si ripristinano dei rapporti di cambio giusti, e si commercia il giusto. Il problema dov'è?

      Sì, lo so, il problema c'è... Be', allora seguiamo la strada che indico, e così non saremo noi(che lo subiamo) ma chi lo causa (la Germania) ad assumersi l'onere politico e storico di sollevarlo.

      Chiaro?

      Elimina
    4. "il controllo dei movimenti dei capitali e delle merci potrebbe essere un punto di partenza per un ritorno dello Stato al ruolo di indirizzo dell’economia."
      Fonte: http://keynesblog.com/2012/07/27/super-mario-draghi-e-i-suoi-poteri-poco-super/

      Elimina
  18. La Banca di nuovo in azione?
    http://www.youtube.com/watch?v=ofT-j0BlHWw

    RispondiElimina
  19. E' un po' OT ma centra con la Cermania.
    Momenti di verità ad "In Onda" su La7. Il giornalista tedesco Tobias Piller afferma con orgoglio <> Poi una chicca <>(su quest'ultima frase non ho la certezza assoluta, o forse non ci voglio credere) Poi timida replica di Giacchè << Però questa politica economica è efficace solo quando all'interno di un'area valutaria c'è un solo paese che la attua..>>. the end!...ora riprende la solita solfa, anzi direi caciara. (ma perchè nell'anteprima non si leggono le parole tra "<<>>")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te l'ha detto Correttore di Bozzi. Studiate l'HTML!

      Elimina
    2. Ho smesso di seguire quel dibattito su la7 perché davvero il livello era troppo basso. Ma come si fa a dire tante e tali inesattezze?! Landini che dipinge la germania come il paradiso dei lavoratori ("alla VW un operaio guadagna 2500 euro"), sallusti che ultimamente è contro l'euro che dice che si deve tagliare di più e togliere l'articolo 18 (da qui si deduce che l'euro è troppo di sinistra...), l'economista da madrid dice che la colpa del debito privato spagnolo è dei politici (lo stato deve agire a regolare il mercato o no? tipico liberismo quando fa comodo e statalismo quando c'è da dare delle colpe...). Il tedesco che dice che le imprese italiane sono troppo piccole (guardacaso le stanno comprando tutte loro)...
      Qui su goofy il dibattito (anche della community) è davvero di un altro pianeta come preparazione.
      Nessuno in studio che cita i mini jobs? Nessuno che parla del precariato tedesco della riforma Hartz? Nessuno che parla delle palese asimmetrie dell'area euro e dice che tagliare in periodo di recessione aggrava la crisi?
      Ma, cazzo, ci vuole tanto?!
      (scusate lo sfogo)

      Elimina
    3. Come dice Msrino Badiale, l'Europa è una passione triste. E tali sono i suoi squalludi e putridi giullari.

      Elimina
    4. Scusate riscrivo ma per pigrizia userò le virgolette. In ogni caso grazie Correttore.
      Tobias Piller ha detto orgoglioso:"Noi in germania abbiamo aumentato la produttività senza sostanziali aumenti salariali, abbiamo diminuito i sussidi e noi gli esodati non gli abbiamo avuti perchè alle persone di 55 anni gli abbiamo detto, "beh ora andate a trovarvi un lavoro"" Poi Giacchè ha pacatamente risposto che nella stessa area valutaria questa strategia è efficace solo se sei l'unico paese ad attuarla, se così fan tutti è una gara al ribasso suicida. Dalla Tinagli non mi aspettavo granché, nonostante non sapessi chi fosse, ma quando l'hanno presentata come micro-economista avevo già i miei pregiudizi. Però questa storia del fatto che non abbiamo sfruttato i prestiti a tassi di interesse tedeschi dei primi anni 2000 mi innervosisce. Come faresti in una trasmissione televisiva con tempi televisivi a controbattere????

      Elimina
    5. Ciao Jacopo, intanto linko la puntata (se proprio a qualcuno dovesse interessare) poi volevo dire una cosa sulla la tua domanda relativa ai "tassi bassi":

      La Tinagli ha detto che praticamente TUTTI i PIGS hanno "buttato" i risparmi ottenuti con i tassi ridotti in "aumenti di spesa pubblica" che non hanno modificato le debolezze strutturali dei paesi. Bisognava chiederle:
      1) com'è possibile che non c'è stato un solo stato che abbia messo a frutto questo vantaggio dei "tassi bassi"? Possibile che sono tutti inetti?
      2) che cos'è che avrebbero dovuto fare e non hanno fatto? Tagliare la spesa e accumulare surplus da bravi liberisti? Ma se non chiedono prestiti dov'è il vantaggio dei tassi bassi?

      Elimina
    6. Scusate, con buona pace degli scemi che pensano che nei tempi televisivi si possa solo urlare "Tizio è criminale", facendo la figura dei coglioni. Rispondere a questi economisti micro è molto semplice:

      1) i rapporti di cambio svantaggiosi hanno ucciso le esportazioni: se avessimo tagliato ulteriormente la spesa pubblica saremmo cresciuti molto di meno;

      2) nonostante questo, il debito pubblico è diminuito in rapporto al Pil, proprio perché la risposta dell'Italia è stata sufficientemente equilibrata fra rigore e crescita.

      Perché guardate che non è che i tagli non ci siano stati prima di Monti. Non so se ve li ricordate.

      Elimina
    7. Oh, oltre ai tassi di cambio svantaggiosi(che al primo impatto dell'euro circolante si "sentivano" meno, in termini di successiva intensificazione della svalutazione reale tedesca, come pure verso l'extra UEM, dato che l'euro si deprezzò subito di brutto) ci sarebbe da dire:
      - le famiglie contraggono debiti essenzialmente per la casa (in Italia) e l'euro portò tassi più bassi (ma gli spread erano ai minimi già prima del 2002), ma su somme "reali"...triplicate. Insomma, l'aumento dei prezzi (che non fu registrato nell'inflazione dati i meccanismi di rilevazione) si rimangiò per le famiglie i fantomatici vantaggi;
      - le imprese, beh, erano già bloccate (indubbiamente nei cambi intra-uem) ai tassi nominali del 1996-1998 (nonostante il differenziale inflattivo non recuperato medio tepore) sicchè, in difficoltà con la domanda interna -causa tagli di bilancio prolungati degli anni 90 e potere d'acquisto dimezzato-, e pure con quella mondiale, tra Torri gemelle e guerra in Irak, non pensarono certo a indebitarsi per investire senza prospettive; semmai si buttarono sull'immobiliare (e sul bancario) per la nota preferenza per...la redditività.

      Insomma, doveva pensarci lo Stato (ma...bruttospesapubblicacattiva), alleggerendo il carico non tanto sugli immobili, quanto sull'impresa (manifatturiera), anche mediante il controllo dei prezzi tariffari per il manifatturiero (ma i servizi privatizzati mostrarono il vero volto del monopolio "privato" e della concorrenza monopolistica).
      Questo intervenendo magari in cambio di investimenti mirati a R&S (incentivo consentito dal trattato UE).

      E invece si sono accaniti con l'IRAP (anche perchè, sentendoci in colpa per il vizio genetico del debito, non potevamo che essere zelanti nel mantenere basso il deficit e il saldo primario di bilancio)

      Elimina
    8. Ottimi punti entrambi. In televisione userei solo il primo in una trasmissione incivile. Il secondo lo userei in una trasmissione civile (a trovarla). Descrivono bene il breve periodo, poi. Nel lungo ahimè prevale il vincolo esterno, e siccome si parlava di sostenibilità del debito... Perché la sostenibilità del debito non si fa nel breve periodo con l'austerità: si fa nel lungo con la crescita. E la rivalutazione reale ha portato al dimezzamento del tasso di crescita delle esportazioni dopo il change over (confronta 1979-01 con 02-07): segue inesorabile il più che dimezzamento della crescita via legge di Thirlwall (alla faccia di Wray...). Se parliamo del perché non siamo stati austeri va benissimo l'argomento tuo. Ma se parliamo del perché stiamo nei casini si torna sempre all'analisi del Maestro (che non è il cavajerenero).

      Elimina
    9. Insomma i soldi risparmiati con i tassi bassi vanno controbilanciati dai soldi persi con il deficit delle partite correnti accumulato... sommando i due contributi viene un bilancio positivo o negativo?
      Poi mi chiedo: se l'italia ci ha guadagnato con i tassi bassi chi è che ci ha rimesso? Abbiamo davvero incassato gratis senza contropartite?

      Elimina
  20. "La mia spesa è il tuo reddito, la tua spesa è il mio reddito" Krugman (Uscire dalla crisi adesso!)

    Domanda: Che cosa sono i dazi?

    Risposta: "I dazi sono l'ultimo baluardo di difesa a quella emancipazione democratica a cui abbiamo dato il nome di Welfar State" Peter Drucker

    Quando ho citato queste due cose sia su FNA o su keynesBlog vengo subito attaccato e deriso da liberisti.

    Riflessione ciò non e buono per i liberisti mercatisti è buono per noi?

    Gli autori sono un economista Premio Nobel e un economista non accademico che aveva una qualche cognizione del mercato e dell'impresa.

    L'affermazione di Brancaccio (fra l'altro presente nel suo ultimo saggio L’austerità è di destra. E sta distruggendo l’Europa) di "minacciare" non solo lo sfascio dell'euro ma anche del mercato comune Europeo a mio modesto parere andrebbe inquadrata all'interno delle riflessioni citate sopra. Ricordo che anche F.Caffè scrisse parole critiche nei confronti della sinistra che storceva il naso per il contingentamento delle merci imposte dai trattati arrivando ad affermare "che se gli accordi prevedevano il contingentamento delle merci un motivo ci dovrà pur essere".

    L'unico dubbio è quanto possa essere credibile la "minaccia" di Brancaccio fatta da un paese privo di materie prime e prevalentemente esportatore. Tradotto: siamo sicuri che se va tutto all'aria tuteliamo il monte salari?

    Insomma l'economista Brancaccio (che stimo e leggo da tempo) avrà anche un passato pugilistico ma in questo caso non è Cassius Clay che cercava di demolire l'avversario prima del gong.

    Inoltre ricordo che Alberto ha scritto che è favorevole all'uscita dall'Euro,ma sogna una Europa da poter visitare in lungo e in largo. Concordo anche io sul fatto che è molto positivo per noi tutti che il dibattito si faccia più ampio e aperto fra gli economisti con simpatie keynesiane (se non ricordo male Brancaccio si definisce un economista di formazione marxiana).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non la sogno, l'Europa. Io ci giro adesso, ci giravo prima, e ci girerò dopo. Se proprio dovessi sognare... Ma è meglio che non te lo dico, altrimenti rockapasso mi randella! Personalmente vengo da un percorso di ricerca scettico rispetto ai benefici del commercio, quindi non capisco tanti pudori della FiniFtra.

      Elimina
    2. "Personalmente vengo da un percorso di ricerca scettico rispetto ai benefici del commercio"

      Sicuramente avrai i tuoi buoni motivi, ma onestamente non riesco ad immaginare una società priva del commercio ( l'economia di mercato),il che non vuol dire,che i magazzini sono pieni di riso ma la gente muore di fame perché qualcuno deve speculare sul rialzo del riso. Se non sbaglio è vostra (voi economisti accademici) la definizione che il mercato è una istituzione umana, se funziona male si può sempre correggere a questo serve la politica ( altra istituzione umana e sicuramente più vecchia anche dell'economia del baratto). Come disse lui " il Capitalismo non ci piace, fa schifo ma quando pensiamo a come sostituirlo non ci viene in mente niente di meglio" sono andato a memoria,ma sono sicuro che lui era sportivo e non se la prenderà :-)

      Elimina
    3. Commercio internazionale? :)

      Elimina
    4. Vedi, Domenico, tu sei tanto bravo, ma sei un po' piddino, quindi l'economia non la sai. Ovviamente parlo del commercio internazionale. Tranquillo, non ti sto dicendo che devi farti l'orto perché ti voglio chiudere il mercato sotto casa. Mica sarai anche tu fesso come uno che mi ha scritto accusandomi di aver parlato di fallimento del capitalismo perché ho parlato di fallimento del mercato? (il tutto nell'intervista a byoblu dove dedico minuti e minuti all'elogio del capitalismo...). Ragazzi, vi mancano le basi. Per questo non siete all'altezza. Penitenziagite, cari piddini.

      Elimina
  21. Irene Tinazzi,alla trasmissione In onda,ora..caspita mai visto una donna cosi servile al pensiero unico (scorreva la voce Economista)Sulla Spagna,sussurra debito privato..poi parte,la politica pieni i consigli di amministraz.di politici e amici.La germania,ai tempi dei bassi tassi ha RESTRUTTURATO il suo welfare,noi abbiamo speso a vanvera ecc ecc.Mi spiace che cera anche Giacche (non lo avevo mai visto,sembra il fratello di shulz,bisogna mandarlo dalla merky come sosia he he)..e non ha bacchettato abbastanza,alcuni accenni,niente di che..il solito luogo comunista Landini difensore dei salariati,ma troppa spesa pubblica ed il fratello contrario Sallusti,troppo caro il lavoro e...mancava ancora,troppa spesa pubblica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E di fatto gli operai erano incazzat.....perchè la discussione a loro parere era surreale.

      Elimina
    2. La cosa impressionante era che ognuno degli italiani aveva una narrazione diversa e anche quando non era diametralmente opposta ognuno dava l' impressione di avere dei propri fini diversi dall' altro come se stessero pensando che c'è ancora un margine di tempo buono per ritagliarsi qualche piccolo vantaggio rispetto ai rivali di sempre. Il tedesco sorrideva condiscendente e parlava dell' articolo 18 dicendo che andrebbe esteso alle aziende con 100 dipendenti.
      Mi dispiace vedere che come sempre arriveremo al momento cruciale in ordine sparso.

      Elimina
    3. Guarda che non è Tinazzi, ma Tinagli, credo. La differenza è che Tinazzi non è su Wikipedia, mentre Tinagli sì. Hanno però una cosa in comune: nessuna delle due è su IDEAS (zero pubblicazioni scientifiche internazionali). Te lo dice il chirurgo Bagnai (ma anche il geologo Bagnai, l'astrofisico Bagnai, e, perché no: il maestro Bagnai).

      Serva Italia di dolore ostello...

      Elimina
  22. Personalmente la contraddizione più palese nel discorso di Brancaccio la riscontro nel seguente passaggio logico: "La sola eventualità che [i portatori degli interessi prevalenti in Germania] temono è la messa in discussione non solo dell’euro ma anche della libera circolazione dei capitali e delle merci in Europa".

    In realtà, come Bagnai e Brancaccio sembrano concordare, senza euro la Germania non potrebbe fare svalutazione reale e quindi dovrebbe dire addio al suo modello di sviluppo mercantilista.

    Vero è che a quel punto - ammettendo per ipotesi che su questo Brancaccio abbia ragione - i capitali tedeschi si comprerebbero l'Italia intera, ma sarebbe solo un vantaggio una tantum, che comunque non eliderebbe il problema della insostenibilità del loro sistema economico export-based.

    In ogni caso, l'uscita dall'euro rimetterebbe in discussione necessarimente il paradigma liberscambista se non altro perchè imporrebbe - quantomeno come misura congiunturale - di limitare i movimenti di capitale verso l'estero per limitare i bank run. Da lì a trasformarsi in una misura strutturale come il prof. Bagnai auspica (ma credo anche Brancaccio).... occorrerà ovviamente costruire un non semplice consenso politico su ciò.

    Prof., se sente Brancaccio, magari può riportargli queste considerazioni (espresse meglio come Lei sicuramente saprà fare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me questa è la fragilità logica maggiore del discorso di Emiliano, che secondo me deriva dall'idea di essere l'unico ad accorgersi che se si esce dall'euro si devono controllare i movimenti di capitali. Questa cosa è talmente scontata che l'IMF la dice da due anni! Mi dispiace che ci siano incomprensioni su banalità simili, ma la prima lettera è stata utile per metterle in evidenza.

      Elimina
    2. "...senza euro la Germania non potrebbe fare svalutazione reale e quindi dovrebbe dire addio al suo modello di sviluppo mercantilista.

      "Vero è che a quel punto - ammettendo per ipotesi che su questo Brancaccio abbia ragione - i capitali tedeschi si comprerebbero l'Italia intera, ma sarebbe solo un vantaggio una tantum, che comunque non eliderebbe il problema della insostenibilità del loro sistema economico export-based."

      Michele, mi ricredo (forse sono stato affrettato)...questo è ragionare!

      Aggiungo: la capacità creativa di plus valore italiana non è surrogabile, proprio in termini di efficienza, attraverso il controllo giuridico-economico tedesco e questo è il bello delle "diversità" che l'UEM, in uno stritolamento crescente, mortifica e distrugge come l'oscuro signore...degli Anelli. Che infatti...

      "Alla fine ne rimarrà soltanto uno", in campo economico, esasperando il mercantilismo e ipostitatizzandolo come valore darwminista sociale (esaltato dal piddinismo), condurrà al calo strutturale della domanda nella parte oggi economicamente più importante del mondo...e questo gli USA non lo possono permettere e, a ben vedere, neanche lo spauracchio (per gonzi del luogocomunismo) Cina.

      Perciò, mutatis mmutandis, l'8 settembre o meglio il 25 aprile arriveranno.
      Mica l'età dell'oro, ma la dialettica ripercussione compensativa, nella Storia, di una esasperazione pararazionale (che l'economia registra, subendola, tranne Goofy)...
      E' anche con ciò che la germania sta segando il ramo su cui siede

      Elimina
    3. Leggo adesso questi aspetti più tecnici che mi erano sfuggiti.
      La mia voleva essere un'interpretazione di altro genere, d'altro canto non credo che lei, professore chieda a me, una lettura in chiave economica...

      Elimina
    4. Ma alla fine a me sembra che dietro tutto questo "piegarsi" ci sia anche una specie di paura strisciante e quasi inconfessabile che la Germania "sbrocchi" nuovamente portando tutti per l'ennesima volta in un conflitto militare. O almeno così ce la vendono di tanto in tanto.

      Elimina
    5. In questo post si è parlato, con una certa pluralità di voci (ad es. Quarantotto, Michele), di saldi di fine stagione (applicati più che altro alle attività manifatturiere).
      Ma un un acquirente dell'eurozona potrebbe essere interessato a comprare banche italiane (ad es.Intesa Sanpaolo, Unicredit, Carige, Montepaschi, ...) o assicurazioni (ad es. Generali), invogliato dal crollo delle quotazioni (indicato dal Prof. Bagnai ad es. nel post "... la svendita e mi cuggino" e, per quanto mi risulta, ancora in atto).
      Di questa eventualità non mi pare si sia ancora parlato "tra noi" e a me sembra preoccupante almeno quanto quella relativa alle manifatture.
      E mi chiedo : è cosa effettivamente possibile ?
      Io sono capace fare la domanda, ma solo in base a simmetrie formali, e non vedo proprio la risposta. Chiedo aiuto.

      Elimina
  23. Si forse ho sbagliato il nome sono andato a memoria...comunque a me piace Idealista,mia figlia gia mi dice che da grande vuole fare l'economista idealista umanitaria,gli dico che non esiste la professione,e mi risponde:"be,la invento io,altrimenti che idealista sarei?"...scherzo,non parla ancora.

    RispondiElimina
  24. Un piccolo break musicale,una contradanza un po rockettara che a me riempie i polmoni di speranza..magie della musica

    http://www.youtube.com/watch?v=s4SetrlKYCs&feature=related

    (chiedo venia per il link non linkabile,ho visto le istruzioni,ma spesso scrivo al palmare ed e' poco pratico..difatti non trovo l'accento ed uso l'apostrofo,ma tanto Alberto non si accorge)

    RispondiElimina
  25. Visto che mi ha chiesto di leggere con attenzione ci provo (poi non si arrabbi se sbaglio)

    "Naturalmente, fino a quando in Italia collocheremo a Palazzo Chigi un irriducibile liberoscambista come il Professor Monti, i “falchi” tedeschi si sentiranno garantiti e questa ipotesi politica (deflagrazione mercato comune ndr.) non potrà tradursi in un controfattuale."

    In sé non mi sembra una cattiva idea, ma non è credibile.
    "collocheremo".
    Noi? Possiamo ancora collocare qualcuno "noi"? Qualcuno che minacci lo scoppio dal mercato unico, poi! E chi è? Uno dei famosi 300?
    E chi può fare cadere Monti?
    La sinistra no perché Monti è l'ultima conseguenza del suo averci portato nell'euro e delle sue continue menzogne. Lo fa cadere e poi che fa? Minaccia di far esplodere il mercato unico? Ma va!!!
    Fa come Monti? No, il lavoro sporco lo lasciano fare a lui.
    Berlusconi non prenderebbe voti, quindi aspetta (ma non in silenzio e infatti sarà l'unico a poter dire: "l'avevo detto" senza peraltro aver fatto niente e avendo detto ben poco).

    In Francia potrebbe farlo Hollande? Ha detto che ne parlerà lei, attendo.



    "Si tratta però di una ipotesi robusta, sulla quale sarebbe bene soffermarsi a ragionare (anche perché potrebbe tornare utile in una seconda fase, come i più avveduti non dovrebbero avere difficoltà a comprendere)."

    Non rientro tra i più avveduti (non capisco quale sia la seconda fase).



    "Trascurarla in nome di un purismo astratto significa condannarsi a un destino di emarginati con la puzza sotto il naso, di tronfie cassandre tra quattro mura domestiche che si accontenteranno di lamentarsi per l’ennesimo, nefasto trionfo dei “liberoscambisti di sinistra”. Ma non credo sia questa l’ambizione ultima di Goofy."

    Qui è esplicito, ma, o è in malafede o ha perso di vista la realtà.
    Non è che trascuriamo la possibilità di minacciare lo sfaldamento del mercato unico, è che la possibilità non esiste: non si è MAI PROPOSTO NESSUNO con queste intenzioni.
    Dica lui chi potrebbe farlo, chi stiamo trascurando.
    Scriverà una lettera alla Merkel con gli altri 299 o sarà l' "Inesauribile" ad appellarsi accoratamente per 300 volte 300?
    E già che siamo in argomento mi pare che anche lui parli di "tronfi" con "la puzza al naso", di "emarginati", ma sono quelli come loro che si isolano dalla gente. I politici sanno qual è il bene dei cittadini (senza guardarci e ascoltarci) e lo faranno per noi (e infatti si vede il risultato)


    I tre passaggi analitici li lascio volentieri a lei o ad altri.


    "continuo a ritenere che la “sinistra” sia in tremendo ritardo rispetto al precipitare degli eventi. La conseguenza più probabile è che altri arriveranno per primi al nodo delle questioni e che i lavoratori subordinati, senza adeguate rappresentanze, assumeranno il classico ruolo di variabile residuale del sistema."

    Qui mi pare abbastanza sincero: sinistra è anche virgolettato; ma x la precisione il PD non è in ritardo, è il principale responsabile.
    Gli "altri" pensavo a Belzebù, ma è linkato a un articolo di un certo Mucchetti che parla di stranieri. Non ho capito chi intende.


    Sul fondo salva-stati sono d'accordo con lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SCusi ho fatto un po' di casino con i commenti, volevo aggiungere una cosa

      "continuo a ritenere che la “sinistra” sia in tremendo ritardo [...]. La conseguenza più probabile è che altri arriveranno per primi al nodo delle questioni e che i lavoratori subordinati, senza adeguate rappresentanze, assumeranno il classico ruolo di variabile residuale del sistema."

      Per i lavoratori subordinati non sarà un gran perdita: neppure adesso nessuno li sta rappresentando. Brancaccio è talmente preoccupato per la sopravvivenza della “sinistra” che questo piccolo insignificante dettaglio sembra sfuggirgli.

      E non sono solo i lavoratori subordinati a non essere rappresentati, ma anche i piccoli e medi imprenditori (per le piccole imprese sono d'accordo con lei e con Piga) e tutta la cittadinanza italiana in generale, perché se ci tagliano i servizi, se violano i nostri diritti, se ci ammazzano di tasse, se vendono i beni pubblici, se esautorano (o fanno saltare) i nostri eletti, ci rimettiamo tutti. Nessuno di noi è rappresentato.

      Elimina
    2. Ha chiamato di nuovo er Bufalo. Dice che telefona sempre a me perché mi ha preso in simpatia («diBbozzi tu me piasci perché si stronzo pe' davero!»)

      Sta viaggiando per affari ma ci segue sempre dal suo iPhone. Voleva intervenire su questa risposta di Brancaccio. Lascio la parola a lui:

      «Arbè co' tutta 'a raggione che c'hai t' 'a potrebbi venne a peso d'oro ar Monte de Pietà!
      Questi se credono ancora che stamo a giocà. Ma nun lo sentono er popolo che disce de la professione vostra? A ggente nun stà a cercà mica er pelo nell'ovo, vole solo capì 'ndo cazzo stamo annanno a sbatte e se si pò fà quacche cosa pe' parasse un po' 'e chiappe! Ce stanno quelli che da mò che hanno capito, ma nun se confonnessero: l'artri che ariveno dopo, più ce ne stanno più so' cazzi da cacà pe' loro!

      Equinni du' parole che pure 'a povera ggente è 'n grado de capì se potrebbiro pure sforzà de dille. Co' tutto che parli sdreus, a te Arberto t'avemo capito puro noi che ce semo presi 'a laura a Reggina Coeli. Quanno che parlino loro nun ce se capisce 'n cazzo 'ndo vojono annà a parà! O se potrebbi dì più mejo che ce vojono portà dritto dritto 'nbocca ar drago der... com'è che dichi? Asì, ar Draghi der più Europa! E ho fatto pure 'a battuta bancaria, nun zo se rendo... poi dicheno che so' 'gnorante.

      Io c'ho rispetto per sor Emiliano, che pure lui c'avrà li cazzi sua, mica ce lo invidio, sà? Però quanno che me scrive che sarebbiro in trecento allora me fà girà i cojoni come che fossiro 'e pale d'aricottero! ... Zitto diBbò, nun me interompe! ... Nun vorei che facessero 'a fine di quelli... come se chiamava quello da' poesia sui trecento? Er patriota? Ecco, bravo, er Pisciacane, quello! Stavo addì, nun vorei che facessero 'a fine de quelli che erino trecento, erino pischelli e gajardi... ma so' finiti all'alberi pizzuti pure loro, che te credevi?! Maché, pe' davero??

      (diBbò quanno sto meno impicciato me devi da spiegà come cazzo s'accocchieno 'a spigola cor Bianco Sarti... nun ce l'ho mai capito.)

      Qua a ggente nun è contenta pe' gnente, sta a covà 'nfoco sotto 'a cenere che c'è vo' poco ad appizzallo. Va a finì che come je dichi "economista" te staccheno 'a pelle dar culo pe' fasse li tamburi. Nun te preoccupà, nun è che a 'sti libberisti fiji de 'na grandissima mignotta je và mejo: già m' 'o vedo mi zzio... sta avvelenato quer rosso paraculo... se recicla 'na cosa che diceveno a li tempi sua "Hazet 36, libberista dove sei!" E quello nun se recicla solo er grido de battaja. Ce semo capiti...
      »

      Mi ha dettato anche un post scriptum, anzi due. Ho cercato di convincerlo che forse in un blog di economia non erano molto opportuni ma si è lievemente irritato e quindi ho desistito:

      «Dije a la pischella, Sirvia, che tutte 'e vorte che vedo er watere suo... Avatar, Bufalo, si chiama avatar! Mò nun me fà er professorino che mme gireno li cojoni! E tu ce lo sai che è mejo se nun me gireno. Te stavo addì... tutte le vorte che vedo l'avatare suo, quello novo come pure quello de prima, appizzo l'occhi e me zompa er core.
      Dije pure ad Arberto di nun strapazzalla troppo se je riesce: 'a creatura avvorte se sbaja ma è sincera, je vole bbene ar Mastr'Arberto. Tu ce lo sai, er Bufalo è 'na bbestia ma pe' certe cose c'ha 'na senzibbilità sua.
      »

      Confermo. Aggiungo che er Bufalo le persone le ammazza una alla volta e guardandole negli occhi. I Valvassori che ci comandano stanno innescando stragi impersonali ed hanno anche il coraggio di vendere il proprio operato come salvataggio della Patria.

      Elimina
    3. La risposta di Emiliano è un po' deludente, anche su punti di fatto (io so perché non ho firmato l'appello dei Treciento: perché era scritto in sindacalese e non nominava l'euro). Però non è il caso di polemizzare. La mia provocazione ha smosso le acque e si stanno prendendo posizioni concrete. A qualcosa siamo serviti (io e voi, soprattutto voi, vi assicuro: se non ci foste voi, nessuno mi starebbe a sentire... tranne voi!).

      Elimina
    4. @dibozzi

      La tua lettera è stata immediatamente girata al compagno Cesaratto che ha risposto in romanesco! Potenza dell'arte!

      Elimina
    5. ...e comunque "te stai a rincojoni'?" era una affettuosa licenza poetica...

      Elimina
    6. Infatti vedo che Brancaccio è sempre più incisivo:

      Dannata “sinistra”, se ci sei inizia con un blocco immediato delle fughe di capitale all’estero.

      Le 5 cose da fare contestualmente all'uscita dall'Euro sono state invocate, se non sbaglio, più o meno tutte su questo blog. Credo che l'incomprensione sia nata dal fatto che non ha avuto tempo di documentarsi (a stamparsi gli articoli del blog verrebbe fuori un bel malloppo). Verso la fine getta ancora un biscottino ai mastini del più Europa, ma si capisce che ormai guarda altrove.

      Mi fa piacere che le esternazioni del Bufalo siano state occasione di fugace sollazzo. Riguardo la licenza poetica a me pareva ovvio che era da collocarsi nel contesto scherzoso della missiva al sor Brancaccio, ma Bufalo è fatto così: sotto la dura scorza del criminale batte il cuore di un sentimentale.

      Elimina
  26. ..."nella sua lettera a me indirizzata(Bagnai)scrive: “…colgo immediatamente il banale fatto che una svalutazione reale competitiva è isomorfa all’imposizione di un dazio protettivo”. Banale fatto? Può darsi che mi sbagli, ma intravedo un grave vizio neoclassico in questa proposizione. Evidentemente i modelli cui Bagnai si riferisce o sono fondati su un ceteris paribus di tipo marshalliano, oppure sono basati su assiomi in grado di determinare esistenza, unicità e stabilità di un equilibrio generale di tipo arrowiano. Al contrario...non è per nulla garantito che una svalutazione sia logicamente equivalente al protezionismo, né dal punto di vista della scala, né della composizione, né della distribuzione del prodotto sociale."...

    Forse, ma solo se non si assomma l'incidenza di vincoli alle politiche fiscali interne nonchè monetarie (BCE "schierata" a difendere solo il "tuo" minor tasso di inflazione e non a farli convergere) che derivano dall'inserimento in un'OCA demenziale, che inibisce agli altri di fare altrettanto- in termini di svalutazione- anche sul solo piano della rincorsa alla deflazione salariale, pena l'innesco della recessione (ut nunc), l'insostenibilità del debito e appunto la crescita degli spread.

    Cioè svalutare coi differenziali inflattivi, in prevenzione, e contando sui parametri fiscali e monetari (a carico solo degli "altri") come protezione dalla legittima "ritorsione", pare proprio isomorfo a un bel dazio...solo "puzza" meno (per lo spaghetti-liberista).

    Ma poi ad es; la notoria condizione di Marshall Lerner mica si occupa del fatto che, contemporaneamente a questa fenomenologia "potenziale" (ceteris (im)paribus), l'area interessata si butti a fare consolidamento fiscale deprimendo progressivamente la domanda interna e gli investimenti PROPRIO in vista di una moneta unica, cioè di un vincolo valutario ancora più forte di quello da cui si era appena usciti!

    L'enfasi critica è posta da Brancaccio sulla diminuzione della "quota salari" ("... Ma bisogna anche tener presente che le quote salari...si ridussero in misura consistente: in Italia, in particolare, la caduta fu pesantissima, dal 62% al 54%"): sottovaluta che i dati cui fa riferimento sono riferiti a una situazione "forzosa" di convergenza, cioè quando è già all'opera l'austerità "preventiva" (lo rammenta poco dopo, ma senza attribuirgli rilevante efficacia causale autonoma sulla caduta della quota salari), cioè a una situazione di "ripresa" non ancora consolidata e allorchè non si giustificava certo per esigenze del ciclo tassare, tagliare e precarizzare(di consolidare la ripresa non ne abbiamo avuto il tempo, grazie a Amato, Prodolo e alla smania dell'euro).
    Quindi diffiderei del legame eziologico con la svalutazione del 1992.

    In definitiva, il punto è l'entrata nell'euro:
    1) o ci arrivi lanciato in anticipo sugli altri nella deflazione, trascurando il consolidamento fiscale orientato a parametri ad cazzum, per sostenere il disoccupato e evitare in partenza la sottoutilizzazione degli impianti per eccessivo calo della domanda;
    2) oppure lasci perdere e, se i piddini non lasciano perdere, li denunci da subito senza se e senza ma (qui la 'gnoranza del nano&co rifulge);
    3) comunque l'uscita è questione di consapevolezza che la crescita è, DOPO, di nuovo possibile e con essa la redistribuzione del reddito e la protezione dell'occupazione nazionale (con tutti i suoi corollari tecnici, cioè l'ovvio, il ça va sans dire").

    Ma, a questo punto, mi accontento che si dica, magari tardivamente, ma con molta chiarezza, che la crescita non è la conseguenza del taglio della spesa pubblica e dell'abbattimento del debito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che un isomorfismo non esiste a livello mesoeconomico: la svalutazione è un dazio su tutte le merci (le paghi tutte di più), i dazi sono selettivi: puoi penalizzare le BMW, ma magari non il latte tedesco, altrimenti il proletario non si può fare il cappuccino. Giusto.

      Solo che le parole "dazi protettivi" o "ripudio del debito" sono terroristiche per un certo elettorato. La svalutazione ottiene entrambi gli effetti in modo soft. Poi a valle puoi intervenire per sostenere i redditi delle categorie che ritieni giustamente di dover tutelare.

      Ma credo che Emiliano si stia rendendo conto: il suo ultimo intervento infatti è più sfumato su questi aspetti. "Fuori dal debito", o "Protezionismo" sono parole d'ordine perdenti anche perché inutili...

      Elimina
    2. MMMM Comunque brancaccio parla di protezionismo per la prima fase dopo l'uscita dall'euro...e non parla affatto di 'fuori dal debito' anzi dice qualcosa tipo che è una posizione ingenua ...(a me un po' di protezionismo implicito non dispiacerebbe invece , purtroppo il capitalismo/tessuto industriale italiano -privato-non fa sistema con lo stato -come in germania per esempio-quindi
      non sarebbe neppure utile attuabile )

      Elimina
    3. @quarantotto ,a casa piga scrivi in maniera piu' chiara
      (la seconda parte per me è semi incomprensibile...)

      Elimina
  27. Ciao a tutti
    Posto di seguito il link della lettera degli economisti (del 2010) alla quale credo che Brancaccio faccia riferimento.
    http://www.letteradeglieconomisti.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi scuso. Pensavo non l'aveste vista. Dai commenti avevo compreso male.

      Elimina
    2. Ma figurati, ci sono più di 150 post... più che comprensibile!

      Invece, professore, a proposito di merchandising, spero che adesso si veda (e che apprezzi i miei sforzi)

      Elimina
    3. Oggi rockapasso mi ha fatto un cazziatone perché non ti ho ancora mandato il simbolo della Goofynomics. Fatto con le sue manine d'oro! Mandami un postal address e te lo spedisco (forse: non so più a chi dare i resti: altrimenti verrai cinta del collare di gran cavaliere dell'ordine alla prima convenscion annuale...).

      Elimina
    4. Ma dai! GRAZIE ROCKAPASSO! GRAZIE GRAZIE!!!
      (ma che moglie meravigliosa ha lei?)
      Sono proprio curiosa di vedere il premio che hai fatto!!! Che bello! GRAZIE!
      Ma è un oggetto o è virtuale? Cioè si può spedire x email o per posta?

      Io sono felicissima, anche se in questi giorni non penso di meritarlo... Rockapasso è troppo buona.
      Dovevo aspettarmelo: al massimo il Cavaliere Nero si sbaglia una volta, la seconda è impossibile.

      Comunque con merchandising intendevo la mia maglietta (bisogna andare nel profilo perché l'immagine è troppo piccola) mi sa che adesso mi tocca fare il cappello d'asino con scritto: SCUSI MAESTRO, SONO UNA PIDDINA!

      Elimina
    5. L'ho visto, l'ho visto. Devi prepararne diecimila per la nostra convention!

      Elimina
    6. Mi prenoto anch'io fin d'ora per la maglietta! Brava Silvia

      Elimina
  28. Visto che mi ha chiesto di leggere con attenzione ci provo (poi non si arrabbi se sbaglio)

    "Naturalmente, fino a quando in Italia collocheremo a Palazzo Chigi un irriducibile liberoscambista come il Professor Monti, i “falchi” tedeschi si sentiranno garantiti e questa ipotesi politica (deflagrazione mercato comune ndr.) non potrà tradursi in un controfattuale."

    Monti = capro espiatorio.
    Anche se potessimo “collocare” un altro al governo, NESSUNO ha proposto di fare quello che scrive Brancaccio (a parte Brancaccio) men che meno la "sinistra".
    Dica Brancaccio chi dovremmo collocare.

    In Francia potrebbe farlo Hollande? Ha detto che ne parlerà lei, attendo.



    "Si tratta però di una ipotesi robusta, sulla quale sarebbe bene soffermarsi a ragionare (anche perché potrebbe tornare utile in una seconda fase, come i più avveduti non dovrebbero avere difficoltà a comprendere)."

    Non rientro tra i più avveduti (non capisco quale sia la seconda fase).



    "Trascurarla in nome di un purismo astratto significa condannarsi a un destino di emarginati con la puzza sotto il naso, di tronfie cassandre tra quattro mura domestiche che si accontenteranno di lamentarsi per l’ennesimo, nefasto trionfo dei “liberoscambisti di sinistra”. Ma non credo sia questa l’ambizione ultima di Goofy."

    Qui è esplicito, ma, o è in malafede o ha perso di vista la realtà.
    Lei non trascura nessuna possibilità; semplicemente la possibilità non esiste perché NESSUNO ha mai manifestato queste intenzioni.
    Dica Brancaccio chi potrebbe farlo, chi stiamo trascurando.
    In questo mi ricorda Piga: tante belle idee, belle lettere, appelli accorati, ma A CHI?

    E poi mi viene in mente Goofy: chi è isolato e tronfio? l’economista fuori dagli ambienti politici che parla e risponde a decine di persone ogni giorno o i politici ben inseriti a palazzo che la gente non sanno neppure se esiste?
    A furia di non guardarci e ascoltarci, si sono dimenticati che dovrebbero essere lì a rappresentare noi.
    A me pare che siano loro quelli con la puzza al naso, i tronfi. Loro si considerano gli illuminati, ma vivono fuori dal mondo; loro sono i presuntuosi che si riempiono la bocca con il termine “populista” e pretendono di essere gli unici a capire, gli unici a risolvere, gli unici a poter fare il nostro bene, ma siamo sicuri che gli artefici di questo disastro siano le persone più adatte e capaci di portarcene fuori? Hanno fallito e sono ancora così pieni sé?



    I tre passaggi analitici li lascio volentieri a lei o ad altri.


    "continuo a ritenere che la “sinistra” sia in tremendo ritardo rispetto al precipitare degli eventi. La conseguenza più probabile è che altri arriveranno per primi al nodo delle questioni e che i lavoratori subordinati, senza adeguate rappresentanze, assumeranno il classico ruolo di variabile residuale del sistema."

    Qui ammette una mezza verità; sinistra è anche virgolettato, ma per la precisione il PD non è solo in ritardo, è il principale responsabile e non mostra alcun segno di ravvedimento o pentimento.
    Gli altri, chiunque essi siano, arriverranno quindi soli, unici non primi.
    Per i lavoratori subordinati non sarà un gran perdita: neppure adesso nessuno li sta rappresentando. Brancaccio è talmente preoccupato per la sopravvivenza della “sinistra” che questo piccolo insignificante dettaglio sembra sfuggirgli.

    RispondiElimina
  29. Quest'anno pare che Wall street abbia puntato su Mitt Romney a giudicare da chi ha ricevuto i soldi(http://www.opensecrets.org/pres12/contrib.php?id=N00000286). Sullo stesso sito si trovano anche i contributi d Obama. Quindi, assumendo che il declassamento sia funzionale alle elezioni americane, puo' darsi pure che i mercati (che sono impersonali, una mano invisibilissima, cosi invisibile che quando arriva il cetriolo te ne accorgi solo dopo che e' troppo tardi) abbiano declassato angelona per aiutare il nuovo amico invece che il vecchio.

    RispondiElimina
  30. Parafrasando, con il dovuto rispetto, Goofy..." è strano come il sobrio tecnico? Monti in Russia da Putin, assomigli al puttaniere Silvio .

    RispondiElimina
  31. Bersani: "Se porti i soldi all'estero sei un poco di buono, vigliacco e traditore del tuo Paese". Cosi' Pier Luigi Bersani ha criticato l'atteggiamento di chi, per non pagare le tasse, porta il proprio denaro su conti esteri. Criticando poi l'atteggiamento di chi non paga le tasse, il segretario Pd ha aggiunto: "Se non paghi le tasse solo per buona educazione ti mando l'ambulanza a casa"

    E il ladro rispose:"la porta era aperta,col tappeto rosso sono entrato,e maggiorato me ne vado,ancora col tappeto,con tanto di autista "

    RispondiElimina
  32. In questo articolo Jhon Mauldin, analista finanziario, parla di come siamo nell'ottobre del 1929. Due anni fa ha scritto un libro su questo argomento, il titolo è "Endgame". Credo sia una specie di "Titanic Europa" solo che europa va sostituita con mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante anche nel finale dell'articolo il riferimento ad un articolo del Financial Times sul forte dibattito che sta nascendo in Germania nella comunità scientifico\economica. Frasi dure e dure prese di posizione in un senso e nell'altro (meglio l'euro... no meglio il marco) la dicono lunga sulle tensioni che questa situazione sta creando e che chiaramente non possono portare a nulla di buono.

      Elimina
    2. A una prima distratta lettura ho avuto l'impressione di una sfumatura, come dire, appena accennata...

      "Come faccio a non essere ribassista, con i governi che continuano ad aumentare le tasse e la spesa, e soprattutto continuano a contrarre sempre più debito. Quando i governi continuano a spendere più di quello che possono raccogliere in tasse; continuando ad indebitarsi per mantenere uno stile di vita della nazione che va al di là dei propri mezzi, costringeranno in futuro i nostri figli a pagare per questa spesa che ci permette di mantenere l'attuale stile di vita; ma noi sappiamo che arriverà il giorno in cui ci sarà la resa dei conti."

      "Il Canada ha affrontato la sua crisi del debito nei primi anni '90. Un governo abbastanza liberale è stato eletto sulla base di un programma piuttosto di estrema sinistra, e poi nel bel mezzo di una crisi si sono dimenticati la maggior parte del programma, e così hanno fatto ciò che doveva essere fatto per rimettere sotto controllo il deficit di bilancio e il debito. E il tutto ha funzionato abbastanza bene."

      "Negli Stati Uniti questo autunno ci saranno le elezioni, in parte per determinare il modo in cui affrontare i nostri problemi del debito. Se metteremo il deficit sotto controllo (quello che io chiamo, un percorso verso un bilancio in pareggio) [...]."

      Etc.

      Schneider (pareggio!!!)

      Elimina
    3. E' un'analista finanziario di wall street... cosa t'aspettavi? Però ci sono alcuni punti interessanti dell'articolo. Tralasciando le soluzioni che prospetta l'analista direi che da buon americano ha una paura matta delle conseguenze dell'esplosione dell'eurozona sugli Stati Uniti.
      "E infine, chiudiamo con questa riflessione. Ma la Germania crede davvero che in un prossimo futuro e con unione fiscale, i greci, gli spagnoli e gli italiani pagheranno le tasse come i tedeschi? Davvero? Se i loro rispettivi governi non sono in questo momento in grado di riscuotere le tasse, che cosa fa pensare che viceversa un autorità fiscale della zona euro possa funzionare in modo migliore? O pensano invece che diventerà accettabile per i tedeschi, iniziare a comportarsi come i fanno greci o gli italiani, quando si tratta di pagare le tasse?

      Pensate davvero che i tedeschi (o gli olandesi o i finlandesi o gli irlandesi) pagheranno le loro tasse e rimarranno indifferenti al fatto che i cittadini degli altri Stati continueranno a non farlo?

      Questo è il punto chiave che deve essere affrontato, e questo lo sanno molto bene sia la Merkel che gli altri dirigenti dei paesi del nord Europa. Il tema della fiducia è molto rilevante, se si desidera far parte di un unione con delle popolazioni che lo desiderano.

      In questo momento in Italia è in fase di costruzione un forte movimento tra coloro che vorrebbero lasciare l'euro e tornare alla lira. Berlusconi ha spesso espresso questo punto di vista, così come anche la Lega Nord, un partito politico con una presenza significativa nel nord Italia. E così anche altri partiti minori. E c'è presumibilmente anche qualche serio supporto dal mondo delle imprese verso delle scelte di questo tipo, in quanto alcuni guardano ai bei vecchi tempi di quando si svalutava e si generava della facile concorrenza.

      I finlandesi, così come gli olandesi, hanno la loro parte di euro-scettici. Quelli che hanno iniziato a chiedere di scrivere i controlli sono diffidenti nel porre la firma e hanno lasciando gli importi in bianco.

      L'Europa s trova ora di fronte ad una scelta tra un disastro di tipo A e un disastro di tipo B. Quello A è la rottura dell'euro. Quello B mantiene unita la zona euro. Entrambi sono orribilmente costosi, solo in modo diverso. Se la Germania dovesse lasciare l'euro, questo significherebbe un immediato apprezzamento del nuovo marco - e questo sarebbe un grave colpo alla loro macchina delle esportazioni, che rappresenta il 40% della loro economia. La metà di tali esportazioni sono verso i loro partner europei. Se solo anche il 5% delle loro esportazioni venissero perse, questo significherebbe una profonda recessione. E, da quello che ho letto, questa è una stima molto contenuta di ciò che andrebbe perso. La Merkel e gli altri leader tedeschi, sanno l'enorme prezzo che la Germania dovrebbe pagare se decidesse di lasciare la zona euro. E lo stesso vale, per gli altri paesi nordici."

      Ogni tanto leggere cosa pensa un'analista di wall street (l'altra parte del fronte) non fa male. Conoscere l'avversario è essenziale per batterlo. Interessante notare anche che la rottura della zona euro risulta, sempre per l'analista, costosa solo per la Germania mentre la permanenza dell'euro diventi costosa per tutti i paesi nordici(ma gli irlandesi che diavolo ci rappresentano?). Il finale della storia è che, da buon americano, ci si comporta come il marchese del grillo con l'ebanista.... un bel default e tanti bei saluti ai creditori.

      Elimina
    4. Sono molto d'accordo con la filosofia del "conosci il tuo nemico": sostengo da sempre che per capire dove un filosofo "sbaglia" bisogna prima capire perché ha ragione. Un mio studente ateo e bestemmiatore mi ha preso in parola: si presenta - da ex della scuola - a fine giugno quest'anno e mi dice:"Si ricorda quella roba del nemico? Mi sono iscritto in Cattolica!".

      Non volevo polemizzare comunque, mi aveva colpito l'individuazione della causa prima della "fine del gioco" nel debito p... (quella roba là, non lo scrivo altrimenti - come ben sappiamo - il gestore del blog mi censurerebbe! Come per un mio commento delle 25:98 del 21 dicembre 2012, ma me la vedo con lui un'altra volta).

      Purtroppo l'ironia è la mia dannazione e do talvolta l'impressione di ridere delle e non con le persone.

      Pardon.

      Schneider (contrito)

      Elimina
    5. No Scheneider non ti contrire! Non avevo colto l'ironia e chiedo venia. Anche perchè se si legge qualcuno degli articoli scritti da questo analista si coglie sempre il desiderio di egemonia americano sugli scambi internazionali attraverso il dollaro. Auspica il ritorno a surplus di bilancia commerciale con l'export del gas naturale ed un aumento dei pozzi di petrolio e su come questa cosa porti poi benefici per un dollaro ancora più forte. Sai com'è... secondo gli americani noi europei o giapponesi o cinesi un giorno berremo petrolio e respireremo gas naturale. Sai come sarebbero forti dopo...
      P.S.: se un giorno ti venissi a trovare in giacca e cravatta come consulente finanziario sei autorizzato a fustigarmi in pubblica piazza! Va bene conoscere il nemico ma ho una dignità anch'io...

      Elimina
    6. Allucinante banalizzare il tutto a un problema di evasione fiscale quando le evidenze in merito sono piuttosto controverse e comunque il problema non è il debitopubblico. Uno può anche essere un grande studioso, ma se è americano è americano. E a noi piace ricordarlo così...

      Elimina
  33. 25 luglio, 8 settembre... le date hanno un senso e forse siamo al redde rationem. Ma di senso diverso: hanno acceso la motosega e appoggiato la catena sul loro ramo, ma non lo segheranno. Da Washington il ragazzo immagine non vuole scocciature fino a novembre e ieri ha mandato avanti Geithner a dire PIUEUROPAPIUEUROPA. Come ha detto l'hidalgo de la Sierra, i popoli europei saranno pronti a rinunciare ai propri diritti e a cedere la sovranità nazionale solo quando il costo politico e psicologico del non fare tutto questo diventa superiore al costo del farlo perché c’è una crisi in atto, visibile conclamata. L'ha detto in una conferenza stampa e a nessuno è caduta la mascella. Siamo in piena tempesta provocata, l'establishment mediatico tira fuori l'elmetto e non si mette scuorno di vergare col piombo parole gravi come queste "[...]Intanto l'unità del continente torna a essere quella degli esordi: una questione di pace o guerra civile, di odii - anche razziali - che crescono per forza di inerzie mostruose." (stamane la Spinelli su Repubblica)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sopporto più la canzoncina: "i popoli europei saranno pronti a rinunciare ai propri diritti e a cedere la sovranità nazionale..."
      Sovranitànazionale, sovranitànazionale, altra parola unica! Ma QUALE sovranità dovrei cedere, e sopratutto A CHI? A un organismo democratico in cui posso essere rappresentato o a un organismo tecnico come puntualmente si propone?
      Perché in quest'ultimo caso non è cessione di sovranità NAZIONALE (e chi non ci sta è un NAZIONALISTA), ma di sovranità DEMOCRATICA. Chi vuole cederla è, a mio parere, un coglione con una probabilità superiore al 99%, ma chi si adopera affinché la ceda io è certamente un mio nemico personale.

      Elimina
  34. Io ho delle difficoltà.

    “ La Germania sta segando l'albero su cui è seduta”

    Traduco: se elimini i tuoi vantaggi competitivi e ammazzi i tuoi clienti, poi a chi vendi i tuoi prodotti?

    Ma così come l'euro è l'interesse della Germania non è il nostro interesse. E il tutto si riconduce alla teoria delle AVO.

    E FINO A QUI TUTTO FILA.

    Alberto, crede alla teoria delle AVO ma non crede che ci sia l'interesse politico a fare della UE una AVO e da qui la sua affermazione netta che bisogna uscire dalla moneta unica. Sul cosa succede dopo e come gestire l'evento non c'è mai stato una vera e propria esposizione diciamo che dal momento che in alcune interviste scherza sull'autarchia si può dedurre che “ognuno pensa per se e Dio pensa per tutti” nel senso che si ritorna a quello che c'era prima, controllo dei capitali,passaporti alle frontiere, dazi a protezione dell'industria locale, svalutazione della moneta a compensazione degli squilibri Macroeconomici.

    Brancaccio e non solo, vedono le cose nella solita maniera?

    Io sono propenso a dire di no! Per loro l'uscita dall'euro è l'ultima spiaggia, il fatto che voglia minacciare la rottura totale moneta e mercato comune,ne è la dimostrazione, la minaccia verso un avversario è un atto do forza per portare l'avversario a miti consigli per raggiungere un compromesso con la controparte. Di conseguenza Brancaccio tende a conservare l'euro e punta a una sua graduale riforma affinché diventi AVO.

    QUI LA COSA SI FA INTERESSANTE PER NOI COMUNI MORTALI NON ECONOMISTI.,PERCHE' QUESTO DIALOGO PORTERA' INEVITABILMENTE A CAPIRE QUALE POTREBBE ESSERE IL MIGLIOR COMPROMESSO POSSIBILE PER NOI, METTEBDOCI IN CONDIZIONE DI CAPIRE MEGLIO SE I NOSTRI POLITICI AGISCONO TENENDO DI CONTO I NOTRI INTERESSI.

    MA TUTTO QUESTO RICHIEDE TEMPO....e lo spread vola e a questo punto il dubbio è atroce, verrà prima la TROIKA a commissariarci con il bene placido di Monti che comunque avrà il controllo sugli indirizzi ideali del suo modello politico che tende a tutelare il creditore e lascia risolvere il problema sociale alle forze del mercato, o ci sarà uno scatto di orgoglio politico dei paesi del sud Europa, per portare la Germania E I SUOI SATELITI a miti consigli, mettendo in SUBITO IN condizione la BCE di agire come la FED disinnescando la speculazione sul debito sovrano?

    AI POSTERI L'ARDUA SENTENZA.

    RispondiElimina
  35. Riconosco che la situazione è molto complessa a livello di ipotesi.Riassumo, senza pretese, sperando di non irritare i funicoli o epididimi di alcuno:

    1- Goofy prevede crollo della zona euro a breve (pochi mesi probabilmente)(almeno così ho capito);
    2- Brancaccio fa "danza" invece di "militanza", e non ho capito cosa prevede...
    3- qualcuno dei commentatori e GOD prevedono zona euro in vita artificiale fino al completo rivoltamento dei basilari principi democratici, poi il caos (forse rigenerativo);
    4- altri sostengono la volontà degli USA di distruggere la zona euro, ma non ci sono previsioni sui tempi (http://www.megachip.info/tematiche/guerra-e-verita/8558-gli-attentati-prove-di-guerra-per-la-crisi-mondiale.html);

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto 4 è quello non condivido per niente. L' euro si distrugge da solo perché i tedeschi non sono disposti ad avere un minimo di inflazione in più o a pagare i debiti degli altri. Ma inutile prendersela con loro: lo hanno sempre detto, e noi gli siamo sempre andati dietro. Quello che Obama sta facendo adesso è mettersi a urlare pure lui contro la Merkel ( con i leaders europei che gli vanno dietro). A cosa serve non si sa, se non a peggiorare i rapporti tra noi e Germania ( come non si sa a cosa evocare sogni irrealizzabili come stati uniti d' europa,ecc). Tutto solo per non ammettere che sarebbe razionale uscire ordinatamente dall' Euro. Questo non si può dire ( e chi non parla prepara la guerra) , quindi secondo loro meglio alzare la posta.

      Elimina
    2. Sinceramente Chiesa ha scassato la minchia (con affetto, sintende) con questa sua storia che l'euro ci affratella contro il nemiko Amerikano e quindi viva l'euro e abbasso l'Amerika che vuole distruggere l'euro. Per distruggerci l'America doveva fare esattamente quello che ha fattp: farci adottare l'euro, che se andava bene sarebbe stato il veicolo per l'importazione nel nostro continente del loro modello di sviluppo basato sui consumi finanziati col debito, e se andava meglio ci avrebbe sbriciolato. Di questo gli americani erano consapevoli perché glielo aveva detto Feldstein nel noto articolo, che forse Chiesa dovrebbe leggere (con 15 anni di ritardo).

      Sono quindi d'accordo con te, anche se sei nato quando mi sono laureato! Ma più vado avanti più mi accorgo che essere giovani non è necessariamente un difetto, forse perché sono arrivato a un'età tale per cui i miei coetanei sono visibilmente rincoglioniti.

      Oh, se succede anche a me non ditemelo. Lo sapete che ho un caratteraccio!

      Elimina
    3. Io sinceramente la visione per cui l'america ci è "nemica" non riesco a focalizzarla, ovvero che abbia interessi nel nostro continente quello si ma addirittura parlare di complotto per conquistare in modo "legale" il continente.
      Io sul punto 3 non ci affiderei troppo, ovvero purtroppo vedo che la società è spaccata (figurarsi che conosco molta gente che ancora crede alla crisi come invenzione mediatica...) e anche molto "assopita" (sicuramente mio nonno che è un povero sergente maggiore si starà rivoltando nella tomba)

      A questo vorrei aggiungere questo video, e mi domando se mai si arriverà davvero a una cosa simile:
      http://www.youtube.com/watch?v=YUeocknHzxo

      Elimina
    4. Mmm, prima però bisognerà microchippare tutta la razza umana. O quella parte viene dopo?

      Ora però mi voglio godere lo spettacolo: se il professore si scuote tanto – e giustamente - per l'euro (posto che i 17 stati europei non costituiscono un'OCA) sarei curioso di vedere la sua reazione rispetto ad una moneta unica mondiale...

      Zenodoto, i sali!

      Schneider (coi pop corn)

      Ps: grazie correttore, mi stimoli a approfondire l'html.

      Elimina
    5. Scusate, ma ravviso una contraddizione tra i commenti del Prof. e di ventura 89:
      gli amerikani hanno spinto per creare l'euro, ma ora che il modello di sviluppo che esso (l'euro) ha generato e che essi (gli amerikani) volevano sta distruggendo alcune (per il momento) economie europee mandano er Bufalo per tenerlo in piedi (il modello di sviluppo e l'euro).
      Ma gli amerikani sapevano che l'euro avrebbe piegato l'Europa perchè glielo aveva detto Feldstein.
      Quindi: gli amerikani hanno voluto introdurre in Europa un modello di sviluppo che avrebbe causato problemi.
      Interpretazione dei fatti:
      1- gli USA volevano sabotare l'UE e (non so come) hanno spinto per l'euro, solo che adesso si trovano nei pasticci proprio a causa del loro stesso sabotaggio (e qui la Storia che prende le proprie strade, indipendentemente dai voleri di alcuni);
      2- gli USA volevano "acquisire" l'UE e hanno spinto per l'euro, ignorando gli avvertimenti di Feldstein e ritrovandosi nei pasticci mandano er Bufalo;
      3- la Germania ha voluto l'euro ben conscia della strategia che avrebbe attuato negli anni seguenti (mi ricorda molto la seconda metà degli anni '30), il resto dell'UE gli è andata dietro affascinata da sogni di gloria (la nuova co-superpotenza insieme agli USA). Gli Usa hanno visto di buon occhio l'euro "tedesco", sempre ignorando Feldstein e ora devono correre ai ripari e mandano er Bufalo.

      Conclusione: la Germania ha fregato tutti, ha incamerato enorme surplus, i costi per essa dell'uscita dall'euro sono bballe poichè è pronta a rivolgersi nuovi interlocutori (Russia e paesi dell'est europa), ha magari grandi quantità di titoli esteri della zona UE in "pancia" (che brutta espressione) ma ha anche acquistato e acquisterà aziende a basso costo, sia pubbliche che private, per essere risarcita di quei titoli e con il surplus che ha a disposizione.
      Che ne pensate?

      Elimina
    6. Anche i miei coetanei non è che siano messi meglio dei "grandi". I "grandi" alla mia generazione gli hanno insegnato o a fregarsene o a essere dei " fognatori" ( uso i termici tecnici di goofy ). E io vengo da una famiglia di "fognatori" ma anche statobrutocoruzioneautoblu. Riguardo l' America " nemica", bè diciamo che è la loro politica estera che è un po' nemica di tutti ( ad eccezione di chi vive con le armi e di petrolio forse) e diciamo che da questo punto di vista il vecchio continente già lo controllano ( basi NATO). Se gli stati europei volessero smetterla di andare dietro a questi bombaroli potrebbero farlo subito, non hanno bisogno né dell' euro né dei suoi rigidi trattati. Non mi sembra l' euro abbia spostato di un minimo fuori dal nostro paese una base NATO. E' una questione di volontà politica a collaborare tra paesi europei ( che se ci fosse come dice il prof. probabilmente a "bocce ferme" l' euro non sarebbe in pericolo ma, se ci fosse sempre stata, aggiungo io, non serviva manco farlo l' euro ) ma alle nostre classi dirigenti interessa guardare quello che gli pare: ad esempio quando ancora mesi fa lodavano la "virtuosa bella e brava Germania" ( lo faceva anche quel Rampini che adesso si sarà invece unito al coro germaniaegoista )nessuno si era accorto che la Germania in Libia però non c'è andata... prendere questo esempio anziché quello della deflazione salariale no è?

      Elimina
  36. Caro prof.Bagnai, la ringrazio per avermi fatto conoscere JFK Fischer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovere, figurati. Puoi proseguire qui (l'audio fa schifo, ma per farti un'idea), e poi cercati uno che sappia suonare! Credo che Trevor Pinnock l'abbia inciso. Corre un po', ma è sempre un grande. Probabilmente trovi anche di meglio. Qui c'è tutta Urania: il cembalista non lo conosco e non posso ascoltarlo, altrimenti sveglio tutti. La recensione fammela tu.

      Comunque, la morale della favola è che i tedeschi ci piacciono di più quando importano. Fischer ha importato in Germania la suite francese (seguiranno quelle di Bach) come Bach ha importato il concerto italiano (seguiranno tanti concerti). I francesi erano più protezionisti: il concerto vivaldiano a Parigi arrivò quasi vent'anni dopo che Bach aveva trascritto l'Estro armonico e altro per cembalo (solo o con orchestra).

      Ma che je sarà preso mo a questi!?

      Elimina
  37. La lettera di Brancaccio non mi piace. Ma se è stato un pugile sa cosa vuol dire essere messo all’angolo. Io lo seguo da quando intervenne ad 8 e mezzo invitato da Ferrara. Ridicolizzò Giavazzi e per me fu subito amore. Poi però devo dire - e glielo ho scritto più di una volta - ha perso smalto. Man mano che gli eventi incalzavano avrebbe dovuto essere più chiaro, cominciare a lasciare il “merletto” e prendere pala e piccone. Bagnai l’ha messa giù un po’ brutale e in pubblica piazza. Però ci stava tutta .A parziale scusa di Brancaccio c’è che lui è uno studioso, sapere e capire è una cosa, saper trarre le debite conseguenze un’altra. Poi c’è anche lo stile... Quello che ho sempre apprezzato di Bagnai è il fatto di averle tratte ‘ste conseguenze, di essersi esposto e di averlo fatto con grande eleganza. Bagnai ha sempre detto che uscire dall’euro non sarebbe una passeggiata. Mi sembra più efficace di tutti quei paroloni sui salari reali etc. Che cosa pensa Brancaccio che qui non l’abbiamo capito che stiamo nella merda? Pensa che leggendo i post di Bagnai pensiamo che l’uscita dall’Euro sia uno sport estremo, pericoloso ma divertente? Ahi voglia a scrivere “quod era demostrandum iesimi”! Quelli sono solo gli antefatti…qui che cosa accadrà nel futuro non lo sa nessuno, nemmeno il Cavaliere Nero. Quando la storia si mette a correre (e qualcuno aveva detto che era finita) non si sa mai che piega prenda. Un piccolo post scriptum o.t.: sia Brancaccio che Bagnai spesso utilizzano il termine lavoratorisubordinati…pps :Mi scuso e mi dispiaccio ancora di non essere riuscito ad intervenire alla riunione degli etilisti romani e del vaffa proferito qualche mese fa. La Garbatella mi sembrava una cornice migliore per dirlo ma tant'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo: lavoratorisubordinati lo usa Brancaccio. Mi ha detto (io non lo sapevo) che lui è in qualche modo vicino a certi sindacati, quindi capisco il senso di questo lessico che rispetto. Io credo di dire classi subalterne, di solito. E nelle classi subalterne oggi ci sono molti autonomi. Non credere che non lo sappia. Nel futuro accadrà che usciremo dall'euro e poi ci chiederemo perché ci siamo entrati. Scommetti? La vita continuerà e non sarà peggiore.

      Elimina
    2. (Emiliano nell'angolo ci si è messo da solo con la sua pretesa di dividere la professione in due classi di coglioni: quelli pro-euro, e i sempliciotti, riservando a se stesso la nicchia dell'unicochehacapitotutto. Purtroppo non è così, non è solo, e molti lo hanno detto prima di lui, non perché siano bravi, ma perché hanno esperienza di ricerca pluriennale sulle economie emergenti, e perché il da farsi è banale, banalissimo.
      Io però sono stato contento di avviare un dialogo.)

      Elimina
    3. Beh una spintina gli è stata data...cmq a me EB sta molto simpatico. Certo che se come sembra è "vicino" alla Fiom un piccolo corso estivo a Landini potrebbe pure tenerlo.

      Elimina
    4. A proposito...qualche mese mi girarono le scatole dopo un suo commento sgarbatello proprio perchè le sollecitavo un dialogo con Brancaccio e..Piga. Quanto me lo meritavo...Su Piga poi...manco la Fiom...Direttore editoriale di Formiche!Paolo Messa!

      Elimina
    5. Avevo notato (con dispiacere) la tua scomparsa e ero certo fosse colpa mia. Poi andrò a rivedere cosa è successo. Non voglio il fan club, meglio decisamente il fanculo, però ti sono grato di riconoscermi che il mio orecchio musicale non mi tradisce e sarò grato a chi vorrà ogni tanto fidarsi del mio istinto. La sinistra, come l'Europa, è meglio che sia divisa! Quando i contatti del blog cominceranno a diminuire io comincerò ad accettare consigli.

      Elimina
  38. Perché Moody's avrebbe mandato il Bufalo per convincere i tedeschi a non pregiudicare la rielezione di Obama? Da quello che leggo sui giornali i mercati e la finanza preferiscono Romney.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante. Ma questo vuole solo dire che usciremo prima delle elezioni!

      Elimina
  39. Qualcosa si muove alla BCE, perlomeno il membro austriaco Nowotny si e' pronunciato. E' possibile che tengano in vita il malato per qualche altro mese attraverso una licenza bancaria all'ESM . E' comunque ragionevole pensare che la BCE tentera' in tutti i modo di non scomparire: quantomeno il Drago non perdera' il posto di lavoro. Poi, sulle conseguenze di tale scelta non mi voglio pronunciare, perche' sia Bagnai che i lettori lo hanno gia' fatto.

    http://uk.reuters.com/article/2012/07/25/uk-ecb-nowotny-idUKBRE86O0JK20120725

    RispondiElimina
  40. Segnalo editoriale di oggi sullo Sbilifesto a firma del professor Cesaratto (davvero una delle piacevoli sorprese della serata etilista romana)

    http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/8141/

    Un caro saluto - ovviamente - al professor Bagnai,

    Gilberto

    P.S. @ Quarantotto

    grazie per la risposta sul sommerso un paio di post fa (much appreciated)

    RispondiElimina
  41. Ho due domande da porre al Professore e a tutti i lettori del blog.

    Secondo voi perché i Greci alle ultime elezioni hanno votato a favore dell'euro (per di più, stando all'evoluzione dei sondaggi cambiando idea in dirittura d'arrivo)?

    Perché in Italia, nonostante i disagi e il malcontento crescente, non è nato un movimento tipo Occupy Wall Street, gli Indignados o il PPI tedesco?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cittadina greca presente a Cesena ci ha detto, a microfoni spenti, che i dipendenti pubblici (soprattutto) sono stati minacciati nel senso che dice qua sotto Emilio (da media e quadri). Molte famiglie si sono spaccate su questa decisione. Ha prevalso la paura.

      Elimina
    2. Perchè hanno detto ai Greci: non fate stronzate perchè se le fate, avrete addosso la responsabilità di aver rotto la zona euro. Vi ricordate la Merkel che alla vigilia del voto, invitava i greci ad essere responsabili?
      Il motivo è lo stesso che Bagnai dice da tempo, ovvero il nazionalismo. Non si vuole essere gli ultimi della classe, e siccome, grazie al bombardamento mediatico, ci si sente in colpa per essere dei lavativi, la conseguenza è che si vota a favore dell'euro.

      Elimina
  42. A proposito della sempre più scadente qualità degli interventi su "La Voce": http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/25/sicilia-specchio-dellitalia/304859/. Addirittura incommentabile.
    Se mi permette professore, un suggerimento ai lettori del blog: per favore, non dividiamoci in fazioni, pro o contro Brancaccio/Bagnai! Non siamo allo stadio! Mi pare, forse esagero ma non credo, che ci sia coincidenza quasi piena - almeno in prospettiva - fra i due sia sulle cause che sugli esiti della crisi. Una prima divergenza - a parte aspetti molto tecnici che non sono in grado di valutare - riguarda gli effetti che l'uscita da (o la deflagrazione de) l'euro produrrà sui salari reali, e in particolare sulla quota dei salari sul reddito nazionale. Mi pare che addirittura ci sia convergenza anche sugli strumenti da impiegare per cercare di minimizzare l'impatto della svalutazione. Un'altra divergenza è di tipo politico, ma ciò mi preoccupa sia nel senso del prof. Bagnai (la "sinistra" è corresponsabile di quel che è accaduto) sia nel senso di Brancaccio (a sinistra bisognerebbe discutere della "bombia atomica" prima che scoppi e la critica di Ferrero mi fa veramente cadere le braccia...).
    Io suggerirei di aiutare il prof. - che evidentemente non può avere tempo per tutto - ad approfondire il perchè di quello scalino improvviso nella quota salari verificatasi tra il 92 ed il 93. Ho (ri)trovato una serie di articoli in materia sul sito "Economia e politica": http://www.economiaepolitica.it/?s=stirati&x=0&y=0. Potremmo partire da questi per discutere senza fazioni

    RispondiElimina
  43. Gentile professore,
    stimolato ad interessarmi di temi economici dalla drammatica situazione economica (che mi ha duramente toccato nel vivo) mi sono imbattuto nel suo blog che mi ha dato una chiave di lettura degli accadimenti quotidiani e delle opinioni di politici,economisti e commentatori .

    Stavo cercando in rete per documentarmi sulle aree valutarie ottimali e sull'ideatore della teoria, e mi sono imbattuto in questa intervista http://opinion.financialpost.com/2012/06/08/robert-mundell-euro-is-here-to-stay/ .

    Non nascondo di essere rimasto stupito ( è dire poco) dalle posizioni pro euro dell'autore.

    Come si conciliano con la teoria, che invece mi sembra la migliore confutazione della costruzione di una valuta come l'euro in un'area che valutaria ottimale pare proprio non essere??

    Forse Mundell ha modificato il suo pensiero dal 1961? Eppure a leggere l'articolo non sembra...
    Help please
    franco

    RispondiElimina
  44. A mio avviso, bisogna tenere prima di tutto in considerazione che le fonti di informazione nazionali non sono attendibili, altrimenti non saremmo qua.
    In seconda battuta, lo spauracchio di non pagare più stipendi e pensioni e chiudere ospedali, etc. è un deterrente molto forte.
    Nel caso di notizie come queste http://www.leggo.it/articolo.php?id=189568&sez=NEWS (è un link qualsiasi che rilancia la notizia) che iniziativa dovrebbe intraprendere la "ggente"? (è una domanda retorica)

    Da quello che ho letto non ricordo più dove, Syriza non ha mai proposto l'uscita dall'euro, ma una revisione delle condizioni sul debito. Solo che quando i media ti raccontano altra storia, i peones (o se volete piddini)non fanno un passo in più per capire e approfondire, e tutto va a scatafascio...

    RispondiElimina
  45. per chi sta male,arriva il conforto,non siete soli.Prof,come interpreta l'articolo?una folgorazione sulla via di Damasco o un fraintendimento?
    http://www.byoblu.com/post/2012/07/25/Roubini-sta-male.aspx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un buon cachet (non quello che si prende per il mal di testa, quello che si paga agli artisti).

      Elimina
  46. A proposito di Voci dalla Germania, professore, ce ne sono alcune che mi sembrano al passo con i tempi, tipo:

    “Il popolo tedesco ha nel suo patrimonio genetico il concetto di solidarietà e cooperazione fra sodali e di competizione con chi non appartiene alla cerchia dei propri pari”; “A me i tedeschi sembrano pronti per una Europa un po' più vera”; “I tedeschi non vogliono distruggere nessuno economicamente ma nemmeno pagare per gli errori altrui”; “Il popolo tedesco ha nel suo patrimonio genetico il concetto di solidarietà e cooperazione fra sodali e di competizione con chi non appartiene alla cerchia dei propri pari”; “Un terzo di tedeschi ha cancellato le prenotazioni per le vacanze in Grecia, spaventati dalle immagini viste al telegiornale dell'incendio di bandiere tedesche nelle piazze di Atene”.

    Anche sui quotidiani on line si leggono qua e là sui opinioni del tipo: “l'Europa può farcela solo se tutti i paesi del Mediterraneo prima vanno fuori meglio è: Grecia, Italia, Spagna e Portogallo. Questi paesi non sono pronti a lavorare seriamente, vanno rieducati”.

    Va notato che sono posizioni minoritarie, ma domani chissà...

    RispondiElimina
  47. Prof, questo è un articolo di cui ci dovremo ricordare quando l'euro salterà. Sarà il nostro momento d'ilarità... http://archeo-finanza.blogspot.it/2012/02/euro-o-lira-euro.html

    RispondiElimina
  48. Gentile professore, mi sono permesso di segnalarla a "la7" perchè se nei programmi di quell'emittente vedono solo me, poi pensano che ci sia solo io a pensare queste cose strampalate sull'Euro...
    Uno solo è un matto, due ingenerano dubbi.Sono sicuro che a "omnibus" apprezzeranno la sua competenza anche se il piddino fra gli ospiti non manca mai.

    Con stima

    Claudio Borghi Aquilini

    RispondiElimina
  49. Ah prof Brianuccio lo ho visto su "il grande bluff"....Ah li racconta che la forza della Germania non sta nell'export verso la Cina ma verso la zona €.
    Scusi l'OT al mio primo commento!

    RispondiElimina
  50. A proposito della citazione di Bryan di Nazareth, la feccia ciociara (Fiorenzo e, ancora più feccia, Claudio) propongono, ai loro simili che seguono il cavaliere nero, la versione "ciociara": http://www.youtube.com/watch?v=1Y7Se_MjpZs

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.