MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 8 gennaio 2015

From the terror of spread to the spread of terror.



I knew that the Italian media would not deceive disappoint us, and I was right.

After having kept us for four years under the terror of the interest rate spread, they now switch the words, and devote themselves to another task: to spread the terror. Upon switching the words, the result is the same: “more Europe”. And it is a despicable lie.

Let us begin from the terror of spread. On November 10th, 2011, the Sole 24 Ore (I could define it the Italian equivalent of the Financial Times, but this comparison would depress me too much...), opened with such an iconic title:


Translation: “HURRY UP!” These words were addressed to the Italian political class. According to Roberto Napoletano, the editor, Italian politicians should have surrendered much faster their mandate in the hands of an unelected technocrat, Mario Monti, as this sacrifice, and only this sacrifice, would have rescued Italy from the rage of the markets. Needless to say, I was not exactly of the same opinion. On next November 16th, the day in which the Commission approved the Macroeconomic Imbalances Procedure, and Monti took office, I decided to open this blog, with a self-explanatory post: “The rescue that will not rescue us”. The technical government was bound to fail (in a sense), because its task was to reassure external creditors, and in order to accomplish this task quickly, the only possible way was to destroy domestic demand, in order to stop imports, and to foster exports through internal devaluation, i.e., through unemployment, at the risk of entering a deflationary spiral.

Everybody knows that I was right. Italy is much worse off now, but the external creditors are not. Therefore, in a sense Monti has not failed. It is just a matter of standpoint... But it is worth noting that Il Sole 24 Ore was lying. Its argument, according to which we, the lazy Italians, were under attack because of our huge public debt, was proved wrong by a vast amount of evidence: the European Commission would certify, about one year later, that Italian public debt was the most sustainable within the Eurozone, on a long-term basis, and that Italy had never had a serious fiscal sustainability problem even on a short term basis; about two years later, ECB vice-president Constâncio would endorse the main argument of my post, namely, that what we were (and still are) experiencing was an external debt crisis, determined by unwise private lending from Northern creditors to the Southern private sectors (private, you know, does not mean sovereign...); about three years later we would learn from Geithner that the issue at stake were somewhat different from what our media had represented. For most of this time, Italy has lived under the terror of spread, fostered by the Italian press, according to which the solution was at your fingertips: the United States of Europe, that nobody really wanted (certainly not the creditors, and probably not the debtors), but that were invariably evoked as the only true solution to all our economic evils. Only by surrendering our sovereignty (and our democracy) we, the Italians, could have redeemed ourselves from our original sin: that of having dared to rule ourselves, as dozens of other nations do, all around the world!

You probably know that in Italy we use to say that “all roads lead to Rome”. In Italian newspapers all roads lead to the United States of Europe.

A nice example today, here:



Translation for differently Italian readers: according to Napoletano (the same guy of the “hurry up” lie), in order to protect ourselves from the terror, we should move faster towards the United States of Europe (“Western countries should answer with the United States of Europe, namely, having the political strength of the largest market in the world, it’s high time for Europe to decide to having a say not only through a single currency, but also through a single army”).

In fact, as you may have noticed, thanks to its federal structure, the United States of America was able to avert 9/11.

Or?

Yes, it did not (unfortunately, for the many victims, and for all of us). But apparently Napoletano failed to perceive this little detail!

He is so keen to exploit a tragedy, he is so anxious to deliver his country to “the markets” (his instigators), that he fails to notice the oddities of his reasoning. They all amount to a single question: how can we suppose Europe to be able to manage weapons (which in principle are designed, built, sold, and bought to kill people), if it cannot ever manage a currency (which in principle is a relatively harmless device – although our governments were so wise as to transform ours in an engine of destruction)? The very reason why we cannot afford to have a single army is the same why we cannot afford a single currency: because we do not have, and will never have, a common political will. Never. Never. Never. Because for a common will to emerge in a democratic way, we should be able to speak the same language, and we are not (as my English, for sure, will prove enough).

Without logos there is no polis. We do not have a common logos, we are not a single polis.

As simple as that.

Until our politicians will not be as kind as to acknowledge this self-evident truth, life will be very hard for us, but never as hard as for Roberto Napoletano’s family.

“Roberto! The washing machine broke! What should I do?” “Did you try more Europe?”

“Dear, may I ask your advice? Should I add more salt?” “I’d rather say more Europe”.

“Dad, could you please help me? I need to translate this sentence: ‘Quos vult perdere dementat prius’”. “Come on, junior, it’s easy: ‘United States of Europe’!”

A real nightmare.

But, you know, there is a difference between us and Roberto’s wife. She chose him, for some unspecified and uninteresting reason. We did not. This is the journalism we did not choose, the journalism we do not deserve, the journalism we are all fed up with, the journalism that is killing our democracy. There are no words to deprecate the jackal that is so keen to take advantage of a tragedy for putting forward his insane arguments. What a shameful lack of respect for those victims, and what an unscrupulous use of spin techniques!

And how are things going in our countries, you European fellows? Do you also have jackals spreading terror, in order to ask for more Europe? It must really a bad thing “Europe”, if you need to spread terror in order to convince people to accept it, don’t you think so?

I do not think so. But I am not Roberto, I am Alberto. My Europe is not his. This is mine: better notes than banknotes.



Unicuique suum.

(I kindly ask my readers, who are much more proficient in English than I am, to correct me. They are ready for Europe. I am ready only for Vivaldi, but I am studying some Bach right now. In a few centuries - after adding Byrd, Froberger, Rameau, Soler... - I will be ready for Europe, and so will Europe. But now, please help me to put an end to this insanity, and to fight the jackals...)

99 commenti:

  1. Salve Prof,

    Per piacere, non è che si possa chiedere anche qua la gentile intercessione di Voci dall'estero ?
    Un saluto ed una buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LTFE: Learn The Fucking English.

      Elimina
    2. Caro Alberto, senz'altro è necessario LTFE, ma intanto se tu sei d'accordo noi continuiamo col nostro sporco lavoro, e chi mai merita di essere tradotto e diffuso più der nostro cavajere?...

      Elimina
    3. Non posso far altro che ringraziarti all'infinito !!!
      Lo so che dovrei studiare l'inglese... cercherò di rimediare in futuro anche se col pupo in arrivo non sarà semplice.

      Elimina
    4. Vai pure. Se parlo all'estero, mi traduci dall'estero.

      Elimina
    5. @Davide Falchieri
      Io uso Chrome: cliccando col destro del mouse sul brano scritto dal prof. appare un menù recante la voce “traduci in italiano”. La traduzione non è granché poiché il programma esegue una mera traduzione letterale parola per parola, tuttavia il senso del brano si capisce.

      @Alberto Bagnai
      Prof., posso suggerirle di aggiungere una voce al dizionario del blog?

      Bisognerebbe chiedere ai greci se il vincolo esterno supplisca ai difetti della politica nazionale = Ci hai messo nelle mani di quei 4 cialtroni che stanno a Bruxelles convinto che fossero meno peggio di quelli che stanno qui. Sei un venduto o un povero coglione.

      Elimina
    6. English posts are just fine to me. The only remark I have it's that English it's a pretty horrible language, so I definitely prefer Italian posts. But I'm actually excited to share this stuff with some French piddinos I know, that would be hilarious!

      I shouldn't do the same with my Scots buddies, they are gathered in mourning after the referendum and they are fed up as well with their own pro UK propaganda.

      I have to say that after you learn English you are completely able to understand that every country have basically the same problem: politicians craft consensus selling dreams and avoiding reality all over the word. Obviously they make this possible fooling relular guys and kneeling to the big fellas.

      Elimina
  2. Avete rotto 'er... (si capisce? Sapete sono di Milano, il romano lo conosco per i film del grande Albertone...). Comunque più che "Il Sole 24 ore" mi sembra che la situazione sia piuttosto "scuretta": ogni pretesto è buono per sparare cazzate!

    RispondiElimina
  3. Maestro, la pianta di scrivere in inglese, che mi ci vuole un'ora in più per tradurre quello che scrive?

    Visto che ci sono ne approfitto per ricambiare molto volentieri l'abbraccio di poggiopoggiolini (8 gennaio 2015 14:14) a margine di un mio intervento sull'articolo precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è importante che si scriva in inglese questo post per far capire all'estero che razza di stampa italiana abbiamo. I lettori italiani di questo blog basta che leggano gli articoli e le sottolineature.

      Elimina
    2. no perchè leggere in inglese è uno strumento importante per imparare la lingua

      Elimina
    3. LTFE, e vabbe', ma se mi metto a learn la fottuta lingua del padrone, mi ci vuole minimo qualche months, e nel frattempo il post disappears

      Elimina
    4. I think Prof. Bagnai's choice to write his own opinion in English is absolutely correct, because even though we do not like it is a lingua franca, and what he says requires that as many people as possible should be made acquainted with.

      Elimina
    5. I could write in Latin, but this would take some more time.

      Elimina
    6. I was joking. Me too think prof. Bagnai's choice to write in english is appreciable.
      现在我很抱歉,但我必须继续与中国的研究

      Elimina
    7. Bisognerebbe tradurlo pure in pugliese per farlo comprendere all'uomo che sussurrava ai trulli e anche a Vendola.
      Non sia mai che capiscano qualcosa.

      Elimina
    8. If you dare to write in Latin, I am sure that I will appreciate

      Elimina
    9. VIVAT V.I.V.A.L.D.I.: Victoriosa Italia Versus Alemagnam Lepidam Duram Iniquam!

      Elimina
  4. napolitano o napoletano? dicono le stesse cose. mica è facile distinguerli.

    RispondiElimina
  5. Per rimanere sul tema del Sole 24 Ore, ieri sera alla radio di tale casa editrice, casualmente, mi è capitato di ascoltare un economista, intervistato da Basettoni.
    Tale economista, peraltro, è il marito di una ex ministra del governo Monti che attualmente ha raggiunto il record di persona italiana vivente con il maggior numero di maledizioni ricevute.
    Insomma, costui difendeva l'euro. Ovviamente, vista la trasmissione e soprattutto visto l'editore.
    E' tutto un più Europa a prescindere.

    RispondiElimina
  6. Our dear hurryupper. And the soul of the best bad dead of his.

    RispondiElimina
  7. Buongiorno prof, io cambierei solo questi passi: secondo me alla fine è chiaro comunque:
    “we, the italian, could have redeemed us…” Per me sta meglio “the italian people”, oppure “Italians” e “ourselves” invece di “us”
    “largest market in the world, that decides to having a say…”, a me suona male, “for it to decide…”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miiii... Mi era rimasto il plurale nella tastiera! La seconda non l'ho capita, però...

      Elimina
    2. Sì, sorry, l'osservazione meno chiara della frase poco chiara.... Volevo dire "Western countries should answer with the United States of Europe, namely, having the political strength of the largest market in the world, it’s time for it to decide to having a say not only through a single currency, but also through a single army "

      Elimina
    3. Non è proprio esattamente come lo dice lui, ma rendo molto meglio il concetto. Procedo, grazie.

      Elimina
  8. Se non fosse tragico l'articolo de Il Sole 24 Ore farebbe ROTFL... Ma con che faccia di bronzo tira in ballo gli Stati Uniti d'Europa... ?! Ma cosa c'entrano nel ragionamento, nel suo stesso ragionamento?
    Che tristezza...
    Mi consolo con un OT clamoroso: perché gli economisti non dibattono più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto interessante, grazie. Ho per voi un aneddoto che spiega bene il grafico e la differenza fra post- e neo-keynesiani.

      Elimina
    2. Il grafico (interessantissimo) nell' articolo postato dal Longagnani e' "curiosamente" sovrapponibile a quello della quota salari sul pil.
      Che coincidenza!

      Elimina
  9. Si deve tradurre il testo in cima, ma chissà se qualcuno riuscisse a trovare la frase originale di Pippo in inglese...

    RispondiElimina
  10. Approvo tantissimo la scelta di pubblicare in inglese. Se servono traduzioni ci potremmo pensare noi nei commenti. Non sa quante volte cerco di spiegare queste cose a colleghi e amici stranieri, ultima una ragazza asiatica indottrinata in germania in una summer school of business in cui le hanno detto che mercato comune e' condivisione di benessere, che la globalizzazione avrebbe distrutto i paesi che fossero ritornati alle moneta nazionali (perche' fuori c'e' la ciiiiina) etc etc... poi le ho chiesto di portarmi i dati dei benefici dell'euro ed e' tornata una settimana dopo dicendomi: "in effetti non trovo benefici per la popolazione, pero' la moneta unica aumenta la facilita' di investimenti grazie alla credibilita'" e li ha avuto come un ripensamento dentro di se e ha detto testuale: "Damn! You should bring back socialism! I'm disgusted!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che pensavo che a facilitare gli investimenti fosse la credibilita' dei futuri guadagni. Invece e' la credibilita' della moneta. Si vede che non ho frequentato la business school...

      Elimina
  11. ........ .turned lakes into mountains, mountains into rivers, and rivers into
    continents, till chaos was come again ..........

    RispondiElimina
  12. Thank you for your choice to write in English...
    so we can spread your articles around Europe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I was really fed up of reading on reputed newspapers things I had said more than one year before. The Italian debate is much more advanced than the other countries' one. This depends not so much on the quality of our despicable economists, but on the shamelessness of our despicable politicians. We are in a much better position than other European citizens to understand what Europe is, because we had a premier like Monti, who back in the Nineties told such things as "I support Berlusconi, but he should behave like Menem: make promises that he will not keep, to the benefit of his constituency". There is no clearer illustration of what Europe is according to the European elites than this statement. We Italians have the duty to make the other European aware of what this Europe implies for all of us (European people). Unfortunately, in order to achieve this goal we must express ourselves in the language of a country which is likely to quit the European Union in the next future: the UK.

      Elimina
    2. I was not aware of this piece of noble democratic vision from our former (luckily!) Prime Minister.

      The complete interview to Mario Monti (in Italian) may be read at this link: http://www.qualcosadisinistra.it/2013/02/11/quando-monti-diceva-berlusconi-dovrebbe-fare-come-menem-in-argentina/

      This man really sucks: I am wordless!

      Elimina
  13. More Europe for Germany ..most of all: Germany too is on the verge of recession:

    http://abceconomics.com/2015/01/09/germania-sullorlo-della-recessione/

    And, last but not least: linking the dramatic Paris events with the need for tighter integration, which is worth of a spin doctor, should ring a bell with all naive people still trusting the PD. This is disinformatija at its "best".

    RispondiElimina
  14. Ohhhh, finalmente un po' di sana democrazia anche in Lituania, che ha aderito all'euro per liberarsi dalle catene della cattiva Russia!
    Un omicidio e due reti oscurate. L'anno nuovo inizia benissimo.

    http://www.rischiocalcolato.it/2015/01/dopo-la-strage-dei-vignettisti-francesi-la-morte-di-tomas-dobrovolskis-un-compositore-lituano-filorusso-passa-assoltamente-inosservata.html

    RispondiElimina
  15. Je préfére le francais, ma il est necéssaire apprandre l' anglais. Alle armi!

    RispondiElimina
  16. Come si dice in inglese avvoltoio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vulture.

      Let me take advantage of your question for making a general remark.

      Every European citizen should have read Dumas. When leaving for London, D'Artagnan reassures his laquais, who was worried by the need to communicate in a foreign language, by telling him: "Don't worry: English is just a badly spoken French". Since we all know that French is basically a badly spoken Italian, it then turns out that English is a twice badly spoken Italian. German is a different thing (and it is actually the only language I studied, basically for reproductive purposes, but life went in a different direction). As a consequence, we must be open to the "impaired Italian" readers, those who do not speak Italian well enough to understand it (including most supposedly native Italian speakers!), and make an effort to offer our reflections to them in their corrupted (once or twice) languages. I definitely think that this effort will be worth the trouble, precisely because the Italian standpoint is a privileged one, owing to the fact that we had the most corrupted (by Brussels) political class in Europe, a political class that was shameless enough to publicly confess the purpose of the European project: hinder democracy in favour of technocracy.

      So, take it easy and enjoy the advantage of having learned an archetypal language!

      Elimina
  17. Mi viene un (uno dei miei soliti :-)) dubbio:
    con l'inflazione è avvantaggiato il debitore, poiché alla scadenza deve restituire 80 anziché 100.
    Con la deflazione, quindi, è avvantaggiato il creditore poiché alla scadenza gli verrà rimborsato 110 anziché 100 ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente sì.
      Se all'anno 0 al creditore una casa costava €100.000, all'anno1 la paga, con l'inflazione a -1%, € 99.000 (In realtà molto meno, perchè il -1% vien fuori magari da un -10% del costo degl immobili controblanciato dall'aumento delle tariffe autostradali). Gli rimangono in tasca €1000, per altro rivalutate, più gli interessi sul debito che gli sono stati pagati. Non male. Sempre che il debitore riesca a rimborsare il debito...

      Elimina
    2. C'é il rovescio della medaglia come per ogni cosa. Mi metto dal lato del creditore/investitore e faccio qualche esempio.

      1. Riscuoto un affitto a canone bloccato: ci perdo perché con l'inflazione il mensile che mi corrisponde il conduttore vale meno anno dopo anno. Quando scrivo "vale meno", intendo dire che a paritá di mensile corrisposto, posso acquistare meno beni, perché questi ultimi nel frattempo costano di piú.
      2. Ho una casa da vendere: in genere l'inflazione la fa aumentare di valore. Quindi se sono MOLTO ricco e ho immobili da vendere, ci faccio sopra un sacco di soldi sfruttando gli andamenti del mercato immobiliare.
      3. Ho azioni: in genere le azioni nel lungo periodo reggono molto bene l'inflazione, quindi se sono un investitore di lungo periodo sono coperto.
      4. Ho titoli di stato (credito verso lo Stato): il titolo di stato, corrispondendo una cedola fissa, risente pesantemente dell'inflazione.
      5. Ho comprato oro: protegge dall'inflazione nel lungo periodo.
      6. Ho prestato soldi a tasso fisso: ci vado a perdere, come nel caso dei titoli di Stato.

      Se sono un povero cristo il cui salario non segue l'andamento dell'inflazione, ci vado a perdere pesantemente. Se sono un venditore, sono coperto perché aumenta sí il prezzo degli acquisti, ma alzo anche quello del venduto e compenso.

      Questo in una visione microeconomica. Su scala macroeconomica il discorso é molto piú complesso perché entrano in gioco tantissime variabili (liquiditá circolante, bilancia commerciale, crescita fatta a deficit, rapporti di cambio etc.). Senza contare la fiducia del futuro, che fa aumentare o diminuire la propensione al risparmio o agli acquisti favorendo rispettivamente deflazione o inflazione.

      Questo é ció che ho capito studiando un po'di economia alla spicciolata in questi ultimi due anni.

      Elimina
    3. Grazie della risposta, Stefano.
      Capisco che i giornali ci stiano bombardando, in parte a ragione, con i fatti della Francia, ma la vita va avanti, peraltro con l'inflazione italiana ormai certificata anche dagli stessi organi di stampa.
      Ecco quindi che, da parte mia, penso di dover imparare a convivere, sperando per il minor tempo possibile ovviamente, con la Signora DEFLAZIONE.
      Insomma, se conosco il mio debitore e mi fido di lui, e se in parte me la sento di correre un piccolo rischio, conviene non sollecitare troppo il pagamento. Poiché nel tempo, attualmente, esso si rivaluta a mio favore.
      Credo che tale situazione possa valere la pena di essere discussa, soprattutto su questo blog, poiché rappresenta una novità importante per molti cittadini italiani.

      Elimina
    4. Già che parlate di inflazione.. una domanda forse idiota. . Please rispondetemi voi e non il prof (che probabilmente mi impala alla turca..)
      Dunque: è sentire comune che molti beni che una volta costavano 1000£ oggi costino 1€. Per molti beni - chesso'.. il caffè per esempio -l'incremento di prezzo del 100% si è verificato quasi immediatamente dopo il 2002. E allora come mai nei dati sull'inflazione non si vede una qualche discontinuità al rialzo subito a ridosso dell'introduzione dell'euro? Se chiedi all'uomo della strada ti dice che tutto oggi costa il doppio di 15 anni fa (cinema, giornali, auto etc) mentre gli stipendi hanno seguito pedissequamente il cambio 1936.27/1 (se non ricordo male..). Quale macro concetto mi sfugge? Lo chiedo perché nelle mie numerose discussioni per "diffondere il verbo" mi sento spesso dire semplicisticamente che il vero problema dell'euro e stato solo questo.

      Elimina
    5. La tua domanda non è per niente banale, anzi è giustissima.
      Semplicemente, semplifando molto, l'inflazione è il risultato di un CALCOLO, una media pesata di tanti addendi. (in realtà è una regressione ma sticazzi...)
      Quindi già scegliendo gli addendi "giusti" puoi modificare il risultato dell' inflazione. Ad ogni addendo poi -spiegato alla spicciolata eh! il prof mi perdoni!- viene associato un coefficiente moltiplicativo. Se ad esempio associo 1 ad un frigorifero che costa 500 euro, e 2 al caffè che costa 1 euro, se il caffè raddoppia ma il frigorifero diminuisce di un ventesimo, quant'è il nuovo costo del frigo più il caffé? presto detto: 1*500*(1-1/20) +2* 1*(2)= 479.
      Inizialmente la somma dei due faceva 500 + 1 = 501! Quindi l'inflazione è variata di (479-501)/501 = - 4,4% !!! cioè il caffè è raddoppiato ma l'inflazione totale è diminuita perchè il frigo ha pesato tantissimo nel calcolo. Ovviamente non so te, ma io la mattina preparo il caffè e non cambio il frigo.

      Bella fregatura la statistica eh?
      D'altronde pensa che hanno alzato il PIL italiano includendoci puttane e droga.....

      Una spiegazione meno ignobile della mia di come si tarocca matematicamente l'inflazione la puoi leggere qua:

      https://priceillusion.wordpress.com/2014/11/04/manipulating-the-consumer-price-index-hedonic-quality-adjustments/

      tra l'altro mi pare di ricordare che sei un esperto di matematica, quindi qualche regressione non ti spaventa :-)

      Elimina
    6. Grazie mille per la risposta. Quindi il quibus sarebbe nella scelta "oculata" dei coefficienti di peso dei componenti il paniere. Un uso birichino della media pesata dei prezzi. Il link è molto
      interessante e inquietante.. il portafoglio mica ha un "sensore di qualità" dei beni che compri... più approfondisco e più mi sento manipolato, forse stavo meglio un annetto fa nella mia beata ignoranza piddina..
      (Grazie per l'"esperto" ma ti devo confutare. Sono un comune ignorante qualsiasi con studi tecnici..)

      Elimina
  18. La maggior parte dei lettori del Blog, che per altro rappresentano un'esigua minoranza del Paese, dovrebbero oramai aver compreso che, come, pur con toni timidi e sempre pacati, sembra suggerire da qualche tempo, tra i (pochi) altri, il prof. Bagnai, alla radice dei nostri problemi economici che n'è uno di impostazione strutturale, e cioè l'Euro. Se però scaviamo molto più a fondo, scopriamo che la radice è ancora più profonda, è culturale ed etica. Per approcciare la radice della radice, la madre di tutte le radici, osserviamo bene quello che è il simbolo dei simboli, e cioè la bandiera nazionale, la bandiera italiana.
    Verde - bianco -rossa
    Che diamine simboleggia?
    Ce lo rivela la fonte di ogni sapere Wikipedia: "I tre colori della bandiera italiana simboleggiano i più alti valori su cui è stata edificata l'Unità d'Italia".
    Già, ma quali sono questi 3 valori, se leggete il polpettone di Wikipedia (scientemente, sono orgogliosamente complottista...) non si capisce.
    Non troverete l'informazione DA NESSUNA PARTE, nè l'avete studiato a educazione civica se avete fatto le stesse scuolle che ho fatto io, per cui per non farvi perder tempo ve li dico:
    verde=speranza bianco=fede rosso=carità.
    C'entra forse qualcosa coi patrioti lombardi, col Manzoni, con le famose "radici cristiane" della nostra civiltà?
    E com'è che non c'è da nessuna parte? (complotto?)

    Ora, per affondare l'italia bisognava prima misconoscerne, confonderne offuscarne e occultarne i valori, e questo c'è alla radice della madre delle radici di tutte le radici dei problemi del paese, un problema etico-culturale.

    Beh, la lingua è la pietra fondante di ogni cultura, e questo è anche il motivo per cui l'Europa fallirà, perchè non esiste una cultura europea. Esistono i francesi, i tedeschi, gli italiani, gli svizzeri cosa per altro assolutamente buona e necessaria, senz'altro per gli eventi sportivi e le barzellette, ma anche per ragioni più serie.

    Per cui, l'utilizzo dell'inglese, lingua che rappresenta una ben precisa cultura (che prevede, tra l'altro, il pieno asservimento della religione al potere politico, non a caso il re d'inghilterra è anche capo della chiesa anglicana e anche, ma guarda guarda, della massoneria) è una scelta assolutamente perdente.

    L'inglese è la lingua dei documenti della Bce, a cui, per altro, non aderisce nessun rilevante paese di lingua inglese.

    Capisco che in italia ci sia una certa sordità, ma se non riusciamo a farci ascoltare nel nostro paese, non ci ascolteranno nemmeno all'estero.

    Per cui, d'ora innanzi non leggerò più nè i post scritti in questo rozzo idioma nè la loro traduzione.

    Al prof. Bagnai ricordo inoltre una verità evidente, e cioè che ogni ricerca scientifica seria è fatta nella propria lingua e meno la lingua è conosciuta e meglio è. Questo perchè le ricerche veramente serie sono quelle con obiettivi concreti e importanti, il che significa che hanno un valore economico, e quindi i risultati non solo non vengono pubblicati, ma vengono tenuti il più possibile segreti, per profittarme a mezzo di informazioni riservate e brevetti.
    Nell'Università pubblica quasi tutti i gruppi di ricerca e i fondi sono concentrati su tematiche essenzialmente marginali, a contenuti che, guarda un po', hanno una scarsissima valenza economica. Un motivo c'è. Le ricerche che implicano possibilità di guadagno le fanno i privati.
    E questo vale anche per i modelli quale quello che, con un certo pionieristico coraggio, sta provando ad implementare. E' ingenuo credere che le varie banche d'affari non ne abbiano già, e di molto più costosi e complessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Stefano, apprezzo spesso il tuo contributo di idee e sempre il tuo contributo materiale, ma in questo caso non hai capito un beneamato cazzo. Va bene così, tranquillo. Ognuno combatte con le armi che crede: se vuoi condannarti all'inefficacia, feel free (sentiti libero). Io ho fatto una scelta diversa. Circonderò Bruxelles da solo (cioè senza di te), e se per farlo devo usare la lingua dell'Anticristo, o andarci a cena, non ho nessun problema, ma proprio nessuno nessuno nessuno, sai?

      Elimina
    2. Io avevo pensato a basilico, farina e pomodoro

      Elimina
    3. Stefano l'uso della lingua inglese è di carattere pratico, io ho alcuni amici stranieri con cui discuto di tematiche politiche ed economiche e gli ho invitati a leggere questo blog. Il problema è che l'uso di google translator per tradurre dall'italiano al tedesco o altre lingue è inefficace per comprendere il significato di termini economici italiani. L'inglese è la lingua di comunicazione internazionale, è una realtà di fatto, anche se è la lingua dei nostri dominatori. E' comunque più facile impararla e se devi comunicare con uno straniero è più probabile che ti parli in inglese. Inoltre anche per cultura generale e per apertura mentale una lingua straniera è importante saperla. L'obiettivo è diffondere le idee anche all'estero e ascoltare i lettori stranieri. Le idee degli euristi e dei cialtroni economisti si sono diffuse nel mondo grazie all'inglese. Perchè non dobbiamo diffondere le nostre nel mondo? Inoltre la stragrande maggioranza degli italiani se ne infischia di capire l'economia. Il derby roma lazio è più importante.

      Elimina
    4. @ Stefano Pepino

      Se la pensi così allora questo dovrebbe interessarti:

      http://www.piratestreaming.co/film/me-ne-frego.html

      Si intitola "Me ne frego!" il documentario dell'Istituto Luce a cura della linguista Valeria Della Valle e del regista Vanni Gandolfo, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia e dedicato alla "bonifica" fascista della lingua italiana.

      Elimina
    5. Rozzo idioma? Santo cielo...

      "A starlit or a moonlit dome desdains
      all that man is
      all mere complexities
      all the fury and the mire of human veins"

      che sarebbe, una nuova frontiera della trivialità linguistica?

      (cado sempre sul PIIG anglofono....)

      Elimina
    6. Non per infierire ma fede speranza e carita è la solita appropriazione della santa chiesa (manca giusto la fortezza). Il nostro tricolore è erede di quello della repubblica cisalpina che cita quello della Rivoluzione, il verde è messo lì in quanto colore della guardia milanese.
      Poi se mi dici come vuoi tradurre il titolo del post... :)

      Elimina
    7. Beh, i latini usavano il greco, lingua morta.
      I medievali utilizzavano il latino, che era morto nel frattempo.
      L'umanità ha questo macabro gusto per la necrofilia linguistica, vai a capire perchè.

      Il contributo materiale è per l'impegno, che apprezzo molto. Il che non significa affatto che creda che questo impegno, in ultima analisi, verrà premiato. Diciamo che gli riconosco un significato in sè. Sta scritto, tra le altre cose "il mio regno non è di questo mondo" che in soldoni significa che spesso i buoni perdono (le battaglie, non la guerra, per fortuna). Poi, come dice il proverbio "Meglio perdere 1000 derby da tifoso del Toro che vincerne uno tifando Juve"...

      Elimina
  19. Grazie Prof. Bagnai per i testi in Inglese. Sto facendo circolare tra i numerosi colleghi "diversamente" italiani (spagnoli e greci in primis). Cordiali saluti

    RispondiElimina
  20. Da lo Stremizii de lo Spred a lo Spred de lo stremizii.

    Mi savevi ben che i giurnalist (cascen) cascien no de ball, e me su minga sbagliaa.

    C’han tegnu per quatr’ann ‘n del stremizii de lo spred, ma adess han pirlà su i parol e sunt’adrree a “mett in gir” (N.d.t. che in ingles se dis Spred) dumaa lo stremizii. Pirlen su i parol ma la conclusiun l’è semper quela “Ghe veour pussee Europa” (N.d.t ma va a dar via l’orghen , va).

    L’è na bosia de fa schivi!

    Tacum su cun lo stremizii de lo Spred. Al des de Nuvember del Dumilavundes, il “Sul per tucc el di (e anca la nocc)” (se pudaria ben dì che l’è istess del Financial Times, ma mi a dil me sentaria un pou d’ Avègh el mort in cà), l’ha dervii c’un t’una noeva de la madona:

    Traduziun “DESCIULES!”. L’intensiun l’era de dag una movuda ai pulitich …

    Traduzione per Vusa da la Briansa

    RispondiElimina
  21. cosa non si fa per far sostenere l'insostenibile!

    RispondiElimina
  22. "I knew the Italian media wouldn't have (deceived) disappointed us, and I was right". "After having kept us for four years under the terror of the interest rate spread, they now switch these words, and devote themselves to another task: the spread of terror. Upon switching words, the result is still the same: “more Europe” — a despicable lie".
    "I could define it an Italian equivalent of the Financial Times" "According to Roberto Napoletano, the editor, Italian politicians should have hurried to surrender their mandate in the hands of an unelected technocrat" "On November the 16th" "and to accomplish this task quickly, the only possible way was to destroy domestic demand, in order to stop imports, and to foster exports through internal devaluation, i.e., through unemployment, at the risk of entering a deflationary spiral". "Everybody knows I was right". "Italy had never had any serious fiscal sustainability problem even on a short term basis" " the issueS at stake were somewhat different from what our media had represented" "It is just a matter of perspective" "Its argument, according to which we, the lazy Italians, were under attack because of our huge public debt, has been proved wrong by a vast amount of evidence" " the solution is at our fingertips" "to all OF our economic evils" "it’s high time for Europe to decide to have a say " "if it cannot even manage a currency" " The very reason why we cannot afford a single army is the same why we cannot afford a single currency" "There are no words to deprecate a jackal so keen to take advantage of this tragedy to put forward his insane arguments." "And how are things going in Your countries, you European fellows?"

    RispondiElimina
  23. Sempre la solita testata ci dice che BCE con un mano vorrebbe comprare i ns titoli di stato mentre con l'altra ha già deciso di farli comprare alle ns banche: interessante!
    Link:
    http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2015-01-09/bce-scrive-banche-soglie-capitale-piu-alte-081142.shtml?uuid=AB62hDbC

    RispondiElimina
  24. Non è - mi sa - proprio proprio un complimento, ma io con l'inglese del prof mi trovo meglio che con articoli originali, perché probabilmente un po' di italiano nella costruzione traspare e aiuta.
    Questo mi ricorda una divertente riunione di lavoro, tempo fa, in cui erano raccolti fellows provenienti da mezza Europa, di cui uno solo dall'Uk. Noi tutti (accozzaglia di latini misti, francesi, olandesi, tedeschi...) ci capivamo a meraviglia in inglese (o comunque quello che noi felicemente ritenevamo fosse inglese), mentre il fellow dall'accento oxfordiano era l'unico che aveva difficoltà a farsi comprendere e doveva continuamente ripetersi. Insomma, dopo un paio d'ore di riunione questo ha avuto una mezza crisi di nervi e se ne è uscito con un disperato "Oh, God, why you don't understand me? After all, I'm the only one without any accent!"
    Mi ricordo anche un'altra volta, ad Atene, a tavola con una decina tra greci e inglesi (tra cui un sacco di ginecologi, btw, ma non entro nei dettagli anche perché non riesco a ricordarmi come mai ce ne fossero tanti), che la moglie greca ospite di uno di loro sostenne che io ero l'unica dei presenti il cui inglese lei riuscisse a capire... e questo la dice lunghissima sul mio inglese (ma non sul mio greco).

    RispondiElimina
  25. Ma pure i commenti in diversamente europeo...è un incubo. Il senso (circa non esageriamo) di questo post l' ho compreso perchè conosco quello che Alberto ha scritto. Ma dei commenti è arduo comprenderne il senso (a portatori di deficit). Vi prego, commentate in inglese ok, ma con relativa traduzione. Dopo 12 ore di lavoro non è semplice e siete i miei compagni di classe e di trincea. I diversamente europei comunque combattono, non sono un peso. Speriamo non arrivino spigolate da ogni dove. Siate clementi.

    RispondiElimina
  26. Me le vado a cercare: Prof, quando risponde ai commenti in lingua soffro molto. Non bastano i post?

    RispondiElimina
  27. La lingua dell'Europa, storicamente, è l'esperanto.
    E' d'uopo, quindi, argomentare secondo tale idioma.

    La instruisto diris, la teroristoj ne parolas ĉar ili estos mortigitaj. Kion faris la glason pilko? :-)
    Hodiaŭ, tiam, ekzistis ankaŭ alia epizodo en Parizo, ene de la vendejo. Tio ŝajnas preskaŭ amuzo.
    Ĉio memorigas min klare sur 11 septembro en Nov-Jorko.
    Kaj estas multaj dokumentoj kiuj neis kaj refutado detale la teroristaj atakoj de tiu tago en Usono.

    RispondiElimina
  28. Giusto per capire dove potremmo andare a parare, vi invito a leggere questa intervista a Cécile Kyenge).

    Riassumendo:

    1) Un attentato che sembrerebbe essere di matrice islamica provoca 12 morti in un giornale che definirei senza tema di offesa per alcuno dissacrante

    2) L’europa si strugge nel sentimento di libertà di espressione e di opinione

    3) La Kyenge appartiene ad un partito che ha sempre caldeggiato l’ingresso di stranieri, provenienti anche dal medio oriente, in Italia, senza particolari forme di filtro (sicuramente per motivi nobili e puri, che non hanno nulla a che fare con lo sfruttamento dei fenomeni transnazionali in ottica di interesse privato, come ad esempio la riduzione del costo del lavoro in Italia).

    4) Salvini si è senz’altro distinto, se non altro come area di appartenenza politica, in una critica ai movimenti transnazionali senza filtri.

    Risultato: per limitare il terrorismo che limita la nostra libertà di opinione, bisogna mettere il bavaglio a chi esprime posizioni critiche a limitazioni dei movimenti transnazionali di persone (o di capitale, in realtà poco importa).

    1984 me fa na pippa.

    RispondiElimina
  29. I fatti di questi ultimi tre giorni in Francia mi spingono a pensare che qualcuno vuole operare due forzature :
    1 La firma del irrazionale,illegale,incostituzionale TTIP
    2 L'avvento della "illegale" ed "incostituzionale" EUROGENDFOR
    ..........................Non mi riesce di non pensare agli strettissimi legami di politica economica,politica estera e politiche della sicurezza che coinvolgono i die temi esposti. Cosa ne pensate ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che gli eventi si presteranno a essere strumentalizzati al secondo scopo, questo è certo. Da qui a dire che li ha mandati Juncker ce ne corre, no?

      Elimina
    2. Penso che Eurogendfor possa funzionare come mostra tragicamente e grottescamente bene No Man's Land. Se questa è la prospettiva della difesa comune europea, conviene affidare il tutto a mercenari (anzi, contractors), almeno risparmiano. Tentare di costruire un esercito senza uno spirito di corpo pare non dia grandi risultati alla prova dei fatti. Creare uno spirito di corpo senza un'identità comune è impossibile. E un identità comune al di là dell'euroretorica non c'è.

      Elimina
  30. Con quale coraggio potremo discutere, criticare e rinunciare al sogno dell' unità europea con la stessa moneta, e cedendo sempre più sovranità, d' ora in poi? Quei martiri saranno utilizzati per raccendere questo sogno. Non sentite come me una nuova ventata di solidarietà fra istituzioni e popoli dell' eurozona, che culminerà domenica prossima con la grande manifestazione di Parigi da cui saranno tenuti lontani i movimenti antieuro?

    RispondiElimina
  31. Sarebbe anche interessante sapere cosa ne pensa François Heisbourg della situazione; ha espresso qualche idea, che si sappia? Capisco che attenda per dire qualcosa nella posizione in cui si trova, ma sarà interessante la sua posizione!

    RispondiElimina
  32. Relativamente ai post in inglese il primo impatto non è stato dei migliori, poi con pazienza, un po’ ricordandomi qualcosa dei miei studi scolastici e parecchio utilizzando i traduttori che sono in internet, sono riuscita a digerire il fatto che lei utilizzi ora la lingua inglese. E' giusto anche che lei ci sproni a studiare la "lingua del padrone" e che il suo blog diventi internazionale, ma c'è un ma, quello che più dispiace almeno a me, è che i suoi post non solo sono piacevoli per le sue spiegazioni talmente chiare da far digerire l'economia ai lettori del suo blog così eterogenei come formazione, ma anche per come scrive in italiano. Lei sa benissimo che ha una prosa chiara, piacevole, interessante, ironica insomma veramente super, se però scrive in inglese addio al piacere di leggerla. Per carità il blog è suo e lei decide come meglio crede, però la prego Prof. non ci tolga il piacere di leggerla in italiano.

    RispondiElimina
  33. Si lasciateli solidarizzare, dopo una settimana non parlerà piu nessuno dei attentati di parigi ma tornerà a galla l'eurocrisi.
    La crisi del eurozona incominciata nel 2010 secondo mè è irreversibile è strangolerà sempre di piu l'eurozona.

    Francia è specialmente italia non sanno piu dove andare a parare è la germania in cerca sempre piu aggressiva è disperata di nuovi mercati è consumatori in concorrenza con il giappone è gli 1 € jopper cinesi.
    Il mercato americano ha praticamente sostituito i mercati del sud europa per l'export tedesco. Negli USA i crucchi sono sempre usciti con il naso rotto. E' che gli americani non tollerano assolutamente quel tipico atteggiamento del "Herrenmensch" tedesco.

    RispondiElimina
  34. The same issue could arise with Saïd Kouachi and his trip to Yemen, said François Heisbourg, a defense analyst, “but right now we don’t know.” There is bound to be an investigation of international intelligence cooperation, what worked and what did not, he said. “There are lots of questions to answer, but it’s too early to presume a basic failure. We know something went terribly wrong, like an airliner crash, but we need to find out why.”

    RispondiElimina
  35. Se verrà la guerra, Marcondiro'ndero
    se verrà la guerra, Marcondiro'ndà
    sul mare e sulla terra, Marcondiro'ndera
    sul mare e sulla terra chi ci salverà?

    Ci salverà il soldato che non la vorrà
    ci salverà il soldato che la guerra rifiuterà.

    La guerra è già scoppiata, Marcondiro'ndero
    la guerra è già scoppiata, chi ci aiuterà.

    Ci aiuterà il buon Dio, Marcondiro'ndera
    ci aiuterà il buon Dio, lui ci salverà.

    Buon Dio è già scappato, dove non si sa
    buon Dio se n'è andato, chissà quando ritornerà.

    L'aeroplano vola, Marcondiro'ndera
    l'aeroplano vola, Marcondiro'ndà.

    Se getterà la bomba, Marcondiro'ndero
    se getterà la bomba chi ci salverà?

    Ci salva l'aviatore che non lo farà
    ci salva l'aviatore che la bomba non getterà.

    La bomba è già caduta, Marcondiro'ndero
    la bomba è già caduta, chi la prenderà?

    La prenderanno tutti, Marcondiro'ndera
    sian belli o siano brutti, Marcondiro'ndà

    Siam grandi o siam piccini li distruggerà
    sian furbi o siano cretini li fulminerà.

    Ci sono troppe buche, Marcondiro'ndera
    ci sono troppe buche, chi le riempirà?

    Non potremo più giocare al Marcondiro'ndera
    non potremo più giocare al Marcondiro'ndà.

    E voi a divertirvi andate un po' più in là
    andate a divertirvi dove la guerra non ci sarà.

    La guerra è dappertutto, Marcondiro'ndera
    la terra è tutta un lutto, chi la consolerà?

    Ci penseranno gli uomini, le bestie i fiori
    i boschi e le stagioni con i mille colori.

    Di gente, bestie e fiori no, non ce n'è più
    viventi siam rimasti noi e nulla più.

    La terra è tutta nostra, Marcondiro'ndera
    ne faremo una gran giostra, Marcondiro'ndà.

    Abbiam tutta la terra Marcondiro'ndera
    giocheremo a far la guerra, Marcondiro'ndà...

    Dall'album: Tutti morimmo a stento (1968)

    RispondiElimina
  36. Warum nicht auf Deutsch, Alberto?
    Weil sie gewannen den beschissenen Krieg, oder ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché di doicc abbiamo già la moneta! Bisogna diversificare. Andersten?(gomaccinin'). Uozz'americannau! Se vedemo ner Kansassity.

      Elimina
  37. "We do not have a common logos, we are not a single polis"

    While I'm not going to even try to refute this sentence, (by and large, I agree with it) I would like to remark that "logos" and "polis" are concepts that do not imply an underlying uniqueness, but that allow for multiplicity.

    The meaning of this statement should become apparent to any Italian trying to answer the following question: which polis do this guy and this, this, this, this, this guy belong to?
    Aren't they all Italian? If so, then, why do I have quite a few troubles understanding what they say? (Ok, if you honestly understand them all effortlessy, then I am all wrong and I don't deserve my citizenship).

    But they are all Italian. Thus individuals may be characterized by multiple "poleis" and "logoi". While those of us who spurn complexity may be left upset by this finding, this is actually good news: each of us can be more (way more!) than meets the eye!

    And so I am lead to thinking that there may be room for a further level of identity and sense of belonging, the European level, as long as this new level does not negate, or even hinder, the levels of smaller geographical scope.

    Months ago, I was chatting about Europe with a German colleague who complained about the complicacies of having a lot of languages. Jokingly, I said: the problem is easily solved if we kick UK & Ireland out of the Union. Then English would be the native speech of no member states, and nobody could object to adopting it as the only official language. (Much to my surprise he took me seriously, or so I thought.)

    Even without such a rudeness towards our British and Irish fellows, I can't see the spread of the English language as a bad thing. It serves a purpose. And denies us nothing.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. There always is an European identity and it seems to me that you are somewhat missing my point.

      Elimina
    2. Isn't it your point that a would-be European identity, that allegedly solves all problems by ironing-out and blanketing the pre-existing differences and identities (Napoletano's "got terrorism? seek more Europe") is the recipe for disaster?

      Elimina
    3. Thanks for asking. No, my point had nothing to do with identity (though this was probably obfuscated by the context or by my English). As I have pointed out elsewhere, my opinion is that an European identity has always existed (since at least Columbanus, for those that can afford it! By the way, this is exactly the same point raised by the shameful EC propaganda (they come to the wrong conclusion that the EC will made "identity" affordable for everyone, but I will not enter into this spin here).

      My point is rather that in order to have a political debate (polis), you must more or less understand what the other people are saying. Now, I agree with you that we can travel through Italy and in all likelihood we will find everywhere (except probably in Tuscany) people speaking a dialect we do not understand. But we are all taught the same language at school (although most of us forget it quickly), we all watch the same TV broadcast in Italian, and we are more or less able to understand and (if we desire, and if we allowed to) to take part in the political debate of our country. To be honest, I di not see how an Italian or a Greek (or a Bulgarian) could easily take part in an "European" political debate that for obvious reason would develop in the language of the only country that would meanwhile leave "Europe": the UK. Please notice that there are people blabbering of "direct election" of the President of the United States of Europe (the Emperor of Occident). Don't you think this to be absurd?

      That was my point.

      Napoletano's argument is a non-argument, and I do not even think that he was relating it in some way to the "identity" problem (or at least I did not grasp it, basically because in my opinion "identity" is a non-problem, whereas democracy is our first problem - in order of decreasing importance, I mean!).

      Thanks!

      Elimina
    4. Thank you for your very kind reply. I think I now see what you mean, and it explains something I have been puzzled about for years: why Europe-wide large-scale political parties didn't emerge after WW2. (The loosely-knit political groups at the European Parliament obviously don't count as parties.)

      Hopefully, in due time, we'll find our new Latin, although in the last 15 years I feel we have progressed backwards (and, by reading your works, I now know why).

      Elimina
  38. Risposte
    1. Thanks Peter, you're so clever to correct me and point out my spelling errors, but I attended only the middle school (and even with not so much profit), so, often I make lot of mistakes: please forgive my typos.

      Anyway, I would have to expect that was a bad idea to comment here: some teacher with the blue pencil would hurry to point out others mistakes: I feel sorry but I'm not as smart as you (in the english language field, of course, because in the economics field, as we have seen, you're not so much "perceptive").

      absit iniuria verbis brother...

      Have a nice day.

      Elimina
  39. @Peter Yanez Eccerto, te chiami Peter, bella forza! (Sai una cosa, Peter, se ti pagano capisco, ma se non ti pagano, la tua ossessione per una persona che non stimi/un blog di cui non condividi le idee mi fa compassione).

    RispondiElimina
  40. Nicola: ... English suits me fine.

    That said, I've just read this by Prof. J. Sapir. Great comments on the recent bloodshed in Paris, immigration, and European anomia:

    http://vocidallestero.it/2015/01/10/sapir-lezioni-da-un-massacro/

    Just one excerpt:

    "La Corte costituzionale tedesca ha ben visto il problema, quando ha ricordato in una delle sue sentenze del 2009 che non c’era nessun popolo europeo, e che solo i diversi paesi costituivano il quadro democratico. In questo spazio di mezzo in cui vegetiamo nasce l’anomia. E dall’anomie nascono dei mostri. Tutti i politici francesi che non hanno voluto ascoltare quello che chiaramente aveva detto il nostro popolo già dieci anni fa, col rifiuto della Costituzione europea tramite referendum, ne sono responsabili. Sono quindi profondamente squalificati quando oggi richiamano all’unità nazionale.

    Poiché l’Europa federale è impossibile, e con essa il mito di un ‘”Europa sociale”, bandiera del PS e di una parte della sinistra e oggi ormai completamente screditata, bisogna quindi tornare rapidamente indietro e restituire alla Francia gli strumenti della sua sovranità. Questa passa per la moneta, naturalmente, con la dissoluzione della zona euro, ma anche per le diverse regole vincolanti in materia di bilancio. È auspicabile che ciò avvenga a livello europeo. Ma ciò che è desiderabile, non è tuttavia sempre possibile. È necessario che questo avvenga in ogni modo, che i nostri partner lo vogliano o no."

    RispondiElimina
  41. Bellissima ubicazione, bellissima musica, bellissime parole.

    RispondiElimina
  42. @Alessandro Giusto
    Le spiego il mio punto di vista sull'inflazione del 2002, premettendo che non è stato il ns problema o meglio, uno dei tanti con l'euro.
    perché?
    Perché in un mondo "sano", se c'è inflazione al 7% gli stipendi vengono adeguati del 7% ma avendo dichiarato il 2-3% allora uno ha visto decurtato il suo reale potere di acquisto.
    Seconda cosa, in un mondo "sano" certi servizi rimangono pubblici o quasi e quindi costano poco.. man mano che privatizzi e liberalizzi ti ritrovi a pagare cose che prima non facevi..
    il REALE POTERE DI ACQUISTO è andato.. ok, non dico dove è andato.
    Ciò premesso, rispondo umilmente al suo post e ai suoi dubbi,

    L'EURISPES ha criticato l'ISTAT per quanto riguarda l'inflazione ed ha rilevato per il 2003 (vado a memoria) un valore sul 7% rispetto al 3% dell'ISTAT.
    quindi, come vede, non tutti la pensano allo stesso modo.
    bisogna capire (se uno ha fonti) quanto sia stata l'inflazione del 2002.
    Successivamente dal 2004 al 2006 (0 2007) l'EURISPES ha rilevato un'inflazione del 5% contro il 2% dell'ISTAT.
    Detto questo, la "vampata" del 2002 è sotto gli occhi di tutti, poi i prezzi (anche se fossero cresciuti mediamente del 5%) sono stati relativamente "stabili" e quindi per quanto mi riguarda, un'inflazione del 5% sarebbe "indolore" (alla faccia di quelli che piangono per l'inflazione in caso di €xit).

    Questo è quanto si conosce tra ISTAT e EURISPES.
    Nello specifico.
    L'€ nei paesi con valuta più debole del marco (la lira per esempio ma anche in Spagna, Grecia e Portogallo) ha creato l'effetto "ricchezza".
    Ovvero, passando da una moneta più debole ad una più forte uno si sente più "ricco".
    quindi alcuni effetti:
    1) adeguare i "resti" (perché un caffè dovrebbe passare da 800 lire a 0,4€?)
    2) un incremento pazzesco della massa monetaria (incremento dell'offerta monetaria, basta vedere cosa fa in Italia l'M3) che ha condotto a riduzioni pazzesche dei tassi di interesse.

    cosa succede quando si abbassano i tassi di interesse?
    che le persone vedono ridursi le rate! allora pensano (sbagliando) che sia più facile comprare case.
    Aumenta il valore delle case per via dell'aumento della domanda.
    e considerare pure l'effetto ricchezza perché le rendite (C/r) aumentano alla riduzione dei tassi.

    Il settore immobiliare è stato Letteralmente DROGATO.
    questo ha comportato che il valoro degli immobili dalle mie parti sia aumentano del 50% (me ne infischio delle statistiche., quando tutte le case della mia provincia passano dal costare mediamente 150-160 ml di lire a 120k € c'è qualche problema per me).
    So, aneddoticamente, che gli affitti si sono impennati (ma non conosco statistiche).
    Questo ha comportato ovviamente uno switch dei comportamenti imprenditoriali (centri commerciali, case costruite tanto per etc etc).

    Ora, riassumendo:
    - per le piccolezze, gli imprenditori hanno raddoppiato i prezzi ma uno vive senza il caffè al bar o la pizza il sabato sera (constatato.. spendevo 16-18k lire e sono passato a 10 € circa.. fate voi!).
    in Germania invece (mi dicono) che i prezzi sono calati e sostanzialmente hanno avuto il nostre stesso cambio.
    Ma per loro invece si è trattato di passare da una moneta forte ad una debole (ad avere le statistiche sul loro M3)..

    - impennata abnorme dei prezzi immobiliari

    - lo Stato in difficoltà (ora, se l'inflazione è de 7% e non del 2%.. il PIL reale che aumento avrà avuto?) vuoi per queste cose, vuoi per la crisi post 11 settembre ha aumentato le tasse (vedi marche da bollo) e in molti casi le tariffe delle utilities si sono impennate.

    INSOMMA, una marea di cose.

    Ripristinare la Lira non significherebbe avere i prezzi segati (non si può) ma far rilanciare il potere di acquisto

    RispondiElimina
  43. un appunto.
    Se c'è una vampata inflazionstica che fa aumentare i prezzi delle case:
    1) se si pensa che sia una vampata allora si aspetteranno tempi migliori
    2) se porta via tassi di interesse più alti allora si è meno inclini a indebitarsi.

    altrimenti la Thatcher e Prodi non avrebbero portati degli scassamenti nei relativi Stati al prezzo degli immobili

    RispondiElimina
  44. Buongiorno a tutti. Azzardo a chiedere indicazioni in un thread in cui si parla, tra moltissimo altro, di lingue. Premetto che la mia ignoranza sesquipedale si estende anche in merito alla conoscenza dell'inglese: otto anni di francese oltre alle prove di lingua all'università...vabbè è un problema mio. D'altro lato per motivi professionali ho dovuto e devo quotidianamente confrontarmi con la lingua del Quijote e con la Spagna. In Italia abbiamo il Prof e il suo Goofynomics, in Francia si può leggere Sapir, ma in Spagna esiste qualcosa di simile? Esiste un dibattito (non mi riferisco a quello politico, perchè per quanto ho potuto leggere anche Podemos mi pare non capirci nulla) in un qualche ambiente che si sforzi di prendere il toro per le corna? Muchisimas gracias a tutti coloro che vorranno suggerirmi qualcosa.

    RispondiElimina
  45. Professore, ci risiamo. Dopo il direttore del Sole24Ore, oggi anche Scalfari rincara la dose scrivendo che: Il terrorismo sembra avere scelto l'Europa come terreno di scontro; l'Europa non può che rispondere muovendo un passo verso l'unità non più soltanto economica ma politica e non soltanto per i diciannove Paesi dell'eurozona ma per l'Unione intera perché l'immigrazione e la presenza di sempre più numerose minoranze stanziate in molti Paesi del nostro continente già da due o tre generazioni rendono indispensabile tener conto delle loro diversità nel quadro d'uno spazio comune dove tutti debbono convivere.

    Non potendomi trattenere, ho dovuto postare che, come la vedo io, dopo che il processo di unificazione europea è stato bocciato dai cittadini con i referendum sulla Costituzione europea, questo è stato di nuovo riproposto dalle elites approfittando della crisi economica, sotto forma di ulteriori cessioni di sovranità. Ma visto che neppure ciò sta portando ai tanto desiderati (da Scalfari e Napolitano) Stati Uniti d'Europa, ora ci si prova pure con la paura. Quel che non capisco è perché si debba avere dei popoli una sì bassa concezione da volerli condurre per forza dove le elites hanno stabilito che debbano essere condotti, indipendentemente dal loro volere. E' democrazia questa?

    Qualcuno ha apprezzato

    RispondiElimina
  46. Another example of those elites who are fighting their war not only against the possible disintegration of the eurozone but also against only be able to think it.
    And this time from a direct representative of these elites whose last name is Sapir...but name is André:
    Grexit?Nosepuede

    RispondiElimina
  47. Ah, prof, volevo dirle che mi ha fatto molto piacere quando nell'intervista a Mizar ha citato i lettori del blog che hanno apprezzato Buxtehude; è un privilegio partecipare alla condivisione di tanta bellezza. Bello è che lei lo condivida, ma bellissimo anche essere tra quelli che lo apprezzano.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.