MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 5 dicembre 2013

Comunicazione di servizio: madrelingua cercasi

Scusate, è una banalità ed è pura pigrizia (o colpa vostra: ricevo troppe email). La mia asfaltatrice sta per recarsi, con vostra soddisfazione, a fare qualche piccolo lavoro di manutenzione ordinaria sulle ampie autostrade della letteratura scientifica internazionale. Mi servono madrelingua per verificare, e ovviamente deve essere fatto presto, bene e gratis. Da economista dovrei sapere che questa cosa non esiste, ma da clavicembalista so che

IO

me la posso permettere, per aver raccolto qui l'élite di questo sventurato paese (ma non poi così sventurato, se ci siete voi)

Chiedo solo di leggere in anteprima e rapidamente le poche cose che manderò, ricordando che il post è come la cacarella: quando ti scappa devi farlo con urgenza.

Mi ricordo in particolare una gentile lettrice con maritozzo scozzese, che, forse per la naturale tendenza di quel nobile popolo a togliersi gli invasori dai coglioni (leggete anche Stevenson, che ce n'è da imparare), sembrava disposto a collaborare. Se l'offerta è ancora valida, pregherei lei (o altri) di scrivermi un'email con oggetto "Traduzione" o "Madrelingua" (cioè, siccome vi chiedo di leggere cose che scrivo in inglese, sarebbe meglio che l'oggetto dell'email non fosse: "Grazie di esistere!", "Asfaltali tutti", "Stat rosa pristina nomine", "Perché non parli del signoraggio", ecc. In generale, scrivete pure, ma mettete un cazzo di oggetto coerente col vostro agglutinato delirio, thanks...).

Ah, attenzione: un madrelingua è una persona con passaporto estero, proveniente da paese anglofono, nato e cresciuto in paese anglofono da genitori anglofoni. Astenersi aspiranti pieiccdì de Torbella, anche qualora bazzichino il mitico Emmeaittì. Ragazzi, se siete lì è perché siete solo degli economisti. Non c'è nulla di male, finché restate consapevoli di questo vostro ovvio limite. Se poi capiste anche che io non sono un economista, forse potremmo anche diventare amici...





(perché non parlo del signoraggio: perché è una scemenza. E Auritiiiiiiiiiii - col rictus, sempre? Un caro signore. Se non capite che abbiamo altri problemi, non chiedetemi di spiegarvi una cosa che non è un problema, qui come a Bruxelles. With all due respect, ma anche no. Fra le tante cose di cui ho le palle piene sono quelli che ti chiamano per farti dire come la pensi, e poi però ti dicono come la pensano loro...)

21 commenti:

  1. Alberto, Alberto... Tu fra tutti dovresti saperlo, tu che ti prodighi nel denunciare i ributtanti risvolti del più lurido dei pronomi... A nessuno frega niente dell'opinione altrui, l'ascoltarla non è che libidinoso preliminare al piacere onanistico dell'esporre la propria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi, chi legge me, anche se non lo ha mai saputo, intuisce perché nella culla della nostra civiltà la verità si nominava aletheia. È un po' l'idea dell'arte "sottrattiva" di Michelangelo: non ha lo vero artista alcun concetto che un marmo solo in se non circoscriva. Estrarre dal marmo del World Economic Outlook con lo scalpello di Econ101 il Davide che sta abbattendo il Golia piddino.

      Elimina
    2. Se=sé, va da sé (sto iPhone...).

      Elimina
  2. ci sono 2 categorie sociali a cui non si dovrebbero mai rompere le balle: le belle fighe e gli artisti. Ognuno si faccia la propria opinione, ma la sostanza è che il Prof. Bagnai fa parte di questi fortunati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente qualcuno che apprezza e valorizza il mio lato femminile...

      Elimina
  3. Ah, prof, volevo complimentarmi con lei che è tornato in così smagliante forma, anche per la Camera etc etc e dirle che l'altro giorno con il post sui logaritmi mi ha fatto quasi piangere (stirring old, unpleasant memories...), ma poi grazie a dio con Baudelaire e Lucrezio mi ha molto rincuorata. E poi il mondo intero sta venendo nel nostro carruggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e so che tu non hai googlato il suave mari magno. E ti pare poco?

      Elimina
    2. No, è vero (però, i logaritmi...)

      Elimina
  4. Ma appunto, dico, 'sto caruggio è veramente affollato. Ieri ci si è infilato Capezzone, l'altro ieri sul sole24 ho letto che l'Italia il debito pubblico lo ha sempre avuto in ordine (!). Nun è un caruggio, a l'è in Treuggiu!! si scherza prof...in xeneize. complimenti per aver demolito Monti in 45 sec. netti alla Camera. Un giorno potrà dire che Bagnai l'ha preso in considerazione. Sarà il suo più grande vanto in campo economico.

    RispondiElimina
  5. Casalingue di tutto il mondo... accorrete!

    RispondiElimina
  6. “ALLELUIA, UN ALTRO SUCCESSO DEL AUSTERITA’ ESPANSIVA”.

    Nei primi dieci mesi del 2013 il gettito Iva risulta in flessione del 3,9% (-3,4 miliardi di Euro).

    Ma l’aliquota Iva non era stata aumentata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daje! Torna al post precedente. L'austerità serve a ridurre i consumi per ridurre le importazioni. Quindi, se la manovra riesce, è anche naturale e giusto e desiderato che il gettito diminuisca. Vuol dire che la diminuzione percentuale dei consumi è stata maggiore dell'aumento percentuale dell'aliquota. Alleluia!

      Elimina
  7. Sulla BCE non acquirente residuale?
    Quanto ci costa di interessi l'anno in più?
    Quanti ce ne è costati dall'euro in poi?

    RispondiElimina
  8. Come si fa a star fermi, con le mani nelle mani.....scherzo

    ore 02.34 a.m.!!
    ma come si fa a non commentare la migliore conferenza del prof.,
    per giunta, ma probabilmente non a caso, nel contesto piu` eclatante e potenzialmente e mediaticamente piu` esplosivo possibile quale e` una platea di eurodeputati nel ventre stesso della bestia????

    la voce nasale, asettica ma precisa del traduttore ha forse reso ancor piu` feroci e devastanti i dati semplici illustrati con grafici che non si vedevano, ma che noi tutti conosciamo ormai a memoria, i richiami alle regole elementari di quella economia le cui logiche gli studenti apprendono sui banchi del primo anno di economia, e che negli ultimi 32 anni i politici ed i loro fiancheggiatori hanno sistematicamente e razionalmente dissolto un pezzettino alla volta, per non farci accorgere dell`orrido malstrom che ci hanno fatto imboccare e che stiamo ancora finendo di percorrere

    32 minuti erano pochi, ma sono stati sufficienti a trasmettere il messaggio disperato di richiesta di aiuto che milioni di italiani e concittadini europei allo stremo, non possono trasmettere fisicamente ai burattinai del risiko europeo vivente: ABBATTETE LA COMMISSIONE E L`EURO!!

    le elites germaniche sono state sbugiardate, finalmente qualcuno ha urlato a chiarelettere le verita` che saccomanni fa finta di non potere rivelare, e che il burattino nipote di suo zio non riesce piu` a nascondere perche` la bugia e` ormai troppo grande

    dopo bruxelles e dopo gli avvenimenti clamorosi degli ultimi giorni e settimane, ho la sensazione che forse ci siamo

    e quando tutto sara` finito sapremo chi andare a trovare in pellegrinaggio per ringraziare!!


    RispondiElimina
  9. Ho visto il video integrale dell'audizione alla Commissione finanze della Camera, volevo ringraziarla perché oggi sono felice. Perché? Perché ci ha regalato un bell'esempio di tenacia e perseveranza. Osteggiato, calunniato, diffamato solo perché al servizio della verità scientifica/economica sulla vicenda euro, alla fine è riuscito a divulgare il messaggio anche presso le sedi istituzionali.

    RispondiElimina
  10. Non so come contattarli quindi se possibile vorrei utilizzare il suo spazio per ringraziare anche Antonio Maria Rinaldi e Claudio Borghi che insieme a lei si battono per divulgare la cultura della verità.
    Ho ascoltato l'intervento di Rinaldi a Bruxelles... che dire. Mi ha commosso per l'intensità e la sincerità che trasparivano dalle sue parole. Vi ringrazio per la speranza che date a me ed ai miei figli. Se la nostra classe politica avessero la vostra forza, all'estero tutti gli italiani sarebbero rispettati ed apprezzati.

    RispondiElimina
  11. Prof.
    Sinceri ringraziamenti.
    Una domanda.
    Dove trovo i video del convegno di bruxelles? Grazie

    RispondiElimina
  12. GRANDISSIMO PROF.!
    Qui il video integrale di oggi al Tempio di Adriano.
    http://www.radioradicale.it/node/6094825

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho parlato del caso Corea del Sud a dei piddini. Mi hanno risposto che beh si' e' vero che qualche volta in un'economia di scala ci puo' stare che ci siano delle realta' transienti. Nun je la posso fa!.

      Elimina
  13. Si imparano tante cose qui, Pristina! -> Prishtina/Priština! capitale del Kosova, mi ero sempre chiesto l'origine del nome (mai provato a cercare per pigrizia).

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.