MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 19 novembre 2012

Quispiam propheta in patria

Comunicazione di servizio: Roma


Riguardo alla presentazione di Roma, che si svolgerà giovedì 22 novembre alle ore 17:30 presso la Facoltà di Economia, via del Castro Laurenziano 9 (qui i dettagli con indirizzo, mappa ecc.) vi segnalo che grazie alla disponibilità del prof. Giovanni Palomba, che ringrazio sentitamente, avremo a disposizione l'aula 1 della Facoltà. Il professore ha ritenuto di coinvolgere la sua classe nell'incontro, ma così invece di stare più stretti staremo più larghi (perché l'aula 1 è molto più capiente della sala del consiglio). L'aula 1 si trova al primo piano della facoltà (ingresso principale). Vi aspetto numerosi.

Comunicazione di servizio: Pescara

L'editore mi conferma che un congruo numero di copie è stato inviato con spedizione tassativa a Pescara. Le copie dovrebbero arrivare domani e quindi essere disponibili presso la libreria City-Lights per la presentazione del 21 novembre (anteprima mondiale) alle ore 18. Le avete volute... adesso compratele!

61 commenti:

  1. E' partito anche il tam tam sulla rete (forum di economia e finanza) e leggo di parecchi che lo ordinano. Che Imprimatur imprima!
    Io, a ricordo di questi tempi eroici, mi terrò orgogliosamente la prima versione coi refusi. Tra qualche anno varrà milioni, ma che dico, miliardi! (di lire)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ipotizzi un'iperinflazione? Spiegati: nel caso di permanenza nell'euro, o in caso di uscita? Se la risposta è sbagliata, rischi di essere espulso dalla schola goofynomica.

      Elimina
    2. Era ironica, Eco. Non s'era capita? ;)

      Elimina
    3. Beh, visto che è destinato a rivalutarsi, potresti provare a piazzarlo già ora qui.
      https://www.youtube.com/watch?v=mIZsnxgNsb8
      Se Maometto non va ai Monti...

      Elimina
  2. A me basta che l'editore, dopo Pescara, mi recapiti le tre copie ordinate, devo fare due "regali" e, magari, la terza me la firma :-)

    RispondiElimina
  3. Grande la vecchia Aula 1 ! e cmq - prof - i miei migliori auguri.
    Anche se la nemesi dell'euro è ormai inarrestabile (http://www.ilpuntodivistaonline.it/?p=7879 )... e - forse - servirebbe più la spada che la penna.

    Combatterò, procomberò sol io ?

    RispondiElimina
  4. Caro professore,

    volevo comunicare al blog, che venerdì 23 novembre anno XI dell'era Eurista, si terrà il primo incontro di goofynomisti genovesi.

    L'appuntamento è alle ore 19.00 in Piazza de Ferrari, sotto la statua di Garibaldi.

    Oltre ai 3 prodi (minuscolo) che ho accalappiato con il mio primo messaggio, qualche post e centinaia di commenti più sotto, dovrebbero partecipare anche Marino Badiale, Fabrizio Tringali e Claudio Martini del blog amico mainstream.

    Il programma è così articolato:

    - presentazioni
    - trasferimento in locale pubblico (spesa max 38.725,4 £)
    - festeggiamento del compleanno di goofynomics
    - varie ed eventuali

    Rinnovo l'invito a tutti i genovesi e limitrofi che ci leggono.

    Scrivetemi a cap.farlock@gmail.com così vi lascio anche il mio numero di cellulare per gestire eventuali ritardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenetemi al corrente, sarò presto da voi.

      Elimina
  5. @ Capitan Farlock

    - Il raduno sotto la statua di Garibaldi può essere sospetto, per il compasso massone a rilievo sul monumento.

    - I veri prodi sono minuscoli.

    - Segno di riconoscimento: spilla, bandiera o distintivo di uno dei pa(r)titi dell'euro.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse al professore del massone non l'hanno ancora dato, nel caso ci sarà grato di aver dato modo riempire anche questo vuoto.

      Per quanto riguarda i segni di riconoscimento credo che la vivida e lucente consapevolezza che sprigionerà dai nostri occhi, sarà più che sufficiente.

      Elimina
    2. Be', a quanto mi ricordo, l'accusa di massoneria estesa a tutti i docenti di economia, ergo indirettamente anche al Profe, è già stata formulata, cioè: starnazzata

      Elimina
  6. Un venerdi 23 in reti lombarde, poi che succede?
    Sarebbe molto significativo una testimonianza nella camera del "lavoro" del corso milanese, qualcuno ci sta provando nella grigia città "arancione" dove gli "studenti" degli istituti tecnico-economici sono "invitati" dai lor maestri a vestir sobri giacce e tailleurs per le "selezioni" in confindustria nel sole delle 24 ore scordandone in naturale tramonto.

    That's all, folks!



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come reti lombarde??? mi sono perso qualcosa?

      Elimina
    2. Ma dalla sua città di origine(che presumo sia Firenze), o perlomeno nella zona non passa mai?Sa che anche qui ci sono moltissime SPA....

      Elimina
    3. Boh, ho semplicemente letto "un venerdì 23 su reti lombarde" senza capire un granché.... Si tratta forse di una nuova incursione su telenova ??

      Elimina
    4. Però stasera a linea d'ombra su telenova c'è Borghi (il nostro Robin...)

      Elimina
  7. Oibho .. più che un downgrade della Francia, mi sembra un downgrade dell'euro:

    "unlike other non-euro area sovereigns that carry similarly high ratings, France does not have access to a national central bank for the financing of its debt in the event of a market disruption."

    " The challenge of restoring price-competitiveness through wage moderation and cost containment is made more difficult by France's membership of the monetary union, which removes the adjustment mechanism that the ability to devalue its own currency would provide."

    "The third rating driver of Moody's downgrade of France's sovereign rating is the diminishing predictability of the country's resilience to future euro area shocks .."

    "Moreover, France's credit exposure to the euro area debt crisis has been growing due to the increased amount of euro area resources that may be made available to support troubled sovereigns and banks through the European Financial Stability Facility (EFSF), the European Stability Mechanism (ESM) and the facilities put in place by the European Central Bank (ECB). "

    http://www.moodys.com/research/Moodys-downgrades-Frances-government-bond-rating-to-Aa1-from-Aaa--PR_260071

    RispondiElimina
  8. La luce in fondo al tunnel che qualcuno vedeva, evidentemente era la candela francese che si stava spegnendo : Moody's sottrae la tripla A alla Francia giudizio negativo per crescita, competitività, mercato del lavoro e dei servizi..http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-11-19/moodys-toglie-tripla-alla-233232.shtml?uuid=AbQqtb4G secondo quanto riportato dal Sole il ministro dell economia moscovici avrebbe dichiarato che per sfuggire al downgrade ci sarebbe voluta una inversione dei dati del debito pubblico !! ahahahaaha dèbitpubliclaid !!!e l indebitamento con l estero ?? non viene nominato ( che roba ragazzi, il comune denominatore dei Paesi massacrati dai mercati non viene considerato ) eppure è quello che condannerà il compagno Hollande a indossare il loden e comprimere salari e diritti non potendo svalutare l eurò. Eppure il grafico francese parla chiaro chiarissimo e non lascia spazio a interpretazioni diverse : nel 2005 il saldo con l estero diventa negativo e da quell anno inizia la sua discesa inarrestabile, aggravata dal fatto che il settore privato dopo il 2009 smette di risparmiare e di finanziare sia il fabbisogno ( il defict ) che proprio il defict estero. Il destino francese non sfuggirà a quello degli altri Paesi della periferia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me Hollande ha solo due alternative:

      1 - indossare lui il loden
      2 - guadagnarsi la prima pagina e poi essere trombato per uno scandalo tipo "les olgettines"

      si aprono le scommesse

      Elimina
    2. Sull'onda di questa notizia sono andato pure io a guardare "sotto le sottane" della Francia al solito sito.
      Già che c'ero ho incluso nel report (per pura curiosità) anche la bilancia della Finlandia.
      Bè...dal 2011, dopo una seria ininterrotta di segni + ha registrato un bel - 1.186(2011) e -1.602 previsto per il 2012.

      Finalmente la correlazione (inversa) tra piiggitudine e latitudine inizia ad essere meno significativa ;-)

      Elimina
  9. A proposito d'incontri. Prof. ma la mia e-mail per Palermo le e' arrivata? Comincio a sospettare che i droni della BCE......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, da te non ho ricevuto due email, ma due romanzi, quindi pensavo di leggerli dopo aver letto Céline. Ora sto leggendo il Voyage, nello stesso volume ho Mort à credit, quindi considerando che per la lettura mi avanza un quarto d'ora al giorno...

      Elimina
    2. Eh eh eh. Si è vero volevo essere preciso. Pensavo che nel suo caso potevo applicare la teoria del pennello grande: per un professore preciso occorre una richiesta precisa. Comunque riassumendo: incontro a Palermo. Data: decida lei. Formula: decida lei. Io posso assicurare location e numero minimo partecipanti 30-40.

      Elimina
    3. Marco proviamo a sentirci? Avevo in mente qualcosa anch'io qui a Palermo (ho divulgato qualcosa su linksicilia, ma non intervengo sul blog perché altrimenti finisce a legnate con 4/5 di voi, pur essendo d'accordo su quasi tutto) e magari invece di 30-40 diventiamo 60-70 (posto che sia meglio).

      Elimina
    4. In attesa dell’avvento (del professore Bagnai), un incontro palermitano sarebbe comunque possibile; per rimanere in contatto seguirò questo post.
      Enzo Marineo

      Elimina
  10. Quando passi da Reggio Emilia
    patria del parmigiano del lambrusco e dei luoghi comuni ??

    Intanto che ci pensi e mi dai la risposta,
    leggi questo:
    http://www.rischiocalcolato.it/2012/11/la-lezione-irlandese.html

    Ovvio che se passi dalle mie parti spero ci scappi una bevuta!!
    Non penso di essere solo quà in pianura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già programmato. Ovviamente non dico quando.

      Elimina
    2. Beh noi qui in Emilia Romagna siamo in trincea contro il "luogocomunismo"; hanno allevato le generazioni a "Festa dell'Unita'", antiberlusconismo ed Euro.

      Ma proprio per questo la nostra soddisfazione sara' ancora piu' grande quando le loro labili certezze crolleranno.

      Prof l'attendiamo a braccia aperte, ci faccia solo sapere data e luogo; capisco anche se vuole tenere tutto sotto stretto riserbo per evitare boicottaggi :-)

      Elimina
  11. @Carlo
    è un "funnyking".. ahahaha
    oh, secondo me queste persone spesso dimenticano di andare a farsi un giro nei posti di cui discutono.. voglio vedere cosa hanno prodotto con una riduzione del salari del 30-40% e un crollo dei valori immobiliari del 50% (a memoria, da 120 a 60).

    una nota e un appunto.
    la NOTA: così come il link che ho mostrato. c'è gente che crede che i tassi di interesse dei bond (o buoni che dir si voglia) siano il "termometro" di un paese.
    visti gli USA con una disoccupazione elevatissima e una fame pazzesca direi che ciò non è vero.
    né la misura del PIL quando vi è redistribuzione dei redditi verso l'alto (+5 per me ricco e meno 3 per te povero fa +2 ma non penso che la società sia migliore!).

    appunto: queste persone credono che tattiche o meglio politiche economiche di questo tipo siano vincenti (nota a parte) a prescindere!
    a) serve una struttura economica prettamente di stampo anglosassone dell'economia e una costituzione liberista e non liberal come la nostra

    b) ops, il secondo appunto: bisogna essere i primi a farla! perché ora lo facciamo noi, lo faranno i francesi e quindi tutto si sgonfia! in pratica gli squilibri della bilancia dei pagamenti (ops, non la nominano mai) perdureranno


    PS: la situazione della bilancia dei pagamenti irlandesi come si è evoluta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena visto la situazione del saldo delle partite correnti irlandesi e devo dire che è in positivo. Sarebbe interessante vedere come abbiano fatto (spero non con misure deflattive, scaricando il peso della svalutazione interna sui salari).

      1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
      0,248 -0,358 -0,643 -0,989 -0,001 -0,577 -3,490 -3,547 -5,364 -5,685 -2,333 1,139 1,123

      come si vede nel 2010 e 2011 la CA è positiva.
      P.S. Fonte: World Economic Outlook Database, October 2012.

      Elimina
  12. Anuntio vobis gaudium magnum.
    Mi e' arrivato il libro!

    RispondiElimina
  13. E questa?
    Sapete cosa mi fa venire in mente? Avete presente quella pubblicità con il soggetto che traccia intorno a sè un cerchio con un bastone? Ho l'impressione che il cerchio si stia chiudendo, e che cosa accade quando "tutto intorno a te" non c'è una via d'uscita?

    RispondiElimina
  14. Comunque noto con piacere che il mio
    commento sull'articolo è stato cancellato..........
    e io che parlavo del prof !!
    sigh sigh.....

    Ma credo che quel sito non lo visiterò più
    è una coacerva di str*****e all'ennesima potenza

    Grazie Monti di tutto !!!!

    RispondiElimina
  15. LA RICETTA X RIDURRE IL DEBITO PUBBLICO SECONDO IL LUOGOCOMUNISTA ...MATTEO RENZI....
    ORRORE
    a. Ridurre il debito attraverso un serio programma di dismissioni del patrimonio pubblico.
    Devono essere messe in atto tutte le misure necessarie affinché il debito pubblico cali in modo significativo, anno dopo anno, anche negli anni in cui la congiuntura è sfavorevole, in particola­re i prossimi due. Per mantenere tale impegno è necessario mettere in atto un’efficace politica di dismissioni del patrimonio pubblico. Stime credibili (Astrid) ritengono possibile una riduzione del debito al 107% del Pil entro il 2017 e un’ulteriore calo negli anni successivi attraverso un mix di interventi.
    In particolare, sul versante degli asset del patrimonio è possibile ipotizzare:
    1. la cessione di immobili pubblici per circa 72 miliardi di euro (alla quale deve accompagnar­si una indispensabile revisione delle procedure burocratiche e urbanistiche in assenza della quale ogni valorizzazione di questo patrimonio è impossibile);
    2. la cessione di partecipazioni in aziende quotate e non quotate per circa 40 miliardi euro;
    3. la capitalizzazione delle concessioni statali per circa 30 miliardi.
    b. Un Fondo per la riduzione della pressione fiscale e un’unica Agenzia per combattere l’evasione.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico. Cedere quote azionarie e asset immobiliari ai minimi di mercato è da veri geni della finanza.

      Elimina
  16. Farò di tutto per esserci domani, insieme ad altre due persone, uno dei quali è un collega di lavoro che ho catechizzato ultimamente, e non ho neanche dovuto penare molto, pensa un po'!
    Spero ci siano ancora tre posti liberi!

    RispondiElimina
  17. @Valsandra, se non ho letto male l'articolo in Grecia hanno fatto una cosa simile e non mi sembra che in Grecia si siano ripresi.....

    RispondiElimina
  18. Professore perchè non pensa ad una presentazione per noi poveri milanesi ?
    Non ci abbandoni e ci dia notizie per la reperibilitá del libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto presto, prima di Natale. Estote parati.

      Elimina
  19. Comunicazione di servizio: dopo le varie presentazioni del libbro arivojamo i post tecnici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, mancano anche a me, ma in fondo nel blog ho già detto tutto quello che sarebbe successo, quindi mi sento inutile. Poi in questo periodo faccio lezzzione in classe, ne esco un po' svuotato. Seguire il libro si è dimostrato più difficile del previsto, e anche organizzare Pescara. Devo dire che non è stata una passeggiata nemmeno la domanda per il concorso. Capisco però che tu ti voglia divertire...

      Elimina
    2. ...e anche che scorra un bel po' di sangue, come ci aveva promesso. :)

      Elimina
    3. Qualche post fa ci aveva promesso sangue, non so esattamente di Ki... :)

      Elimina
    4. Ma si figuri, era un richiamo affettuoso; anche io quando esco da lezzzione mi sento svuotato da ordinari e seguaci della desinenza in "in" che mi dicono "a coruzzzione, er debbitopubblico, sopra 'e nostre posibbilità" e goofy mi consola un po'. Mi sa che la magistrale vengo a farla ai Bagni Luigi di Cattolica

      Elimina
  20. A Ballarò (una mano al telecomando e l'altra al catino), Tabacci insiste con i greci che non 'vogliono' tornare alla dracma...

    Anche io non 'voglio' vincere al superenalotto, direi.

    RispondiElimina
  21. Salve Prof. Bagnai,
    è la prima volta che rispondo a un suo post; spero di poter venire e portare anche qualche mio amico.

    p.s. "Di là" i miei stanno guardando ballarò. Ho provato a spiegare loro le ragioni della crisi, ma sono stato invitato a tacere poichè disturbavo la visione della trasmissione:

    Nessun profeta è bene accetto in casa, soprattutto quando in salotto c'è la tv accesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa identica situazione,cerco disperatamente di far capire ai miei che gli ospiti di Ballarò(in particolare Renzi, Tabacci e Tosi)non ci hanno evidentemente capito un c..... della crisi e che prima o poi l'euro imploderà, ma niente, vengo considerato un menagramo....

      Elimina
    2. Io sto guardando Spider Man. Mi ricorda di quando er Palla andava alle elementari. Tabacci mi ricorda di quando ci andavo io.

      Elimina
    3. Caro prof.Bagnai, sono appena tornato dalla sua presentazione a cui ho fatto assistere altri miei amici. La conclusione che abbiamo tratto (soprattutto dalle domande) è che gli economisti non hanno il dono della sintesi.

      Spero che la sua campagna di informazione sull'euro possa raccogliere i giusti risultati.

      Elimina
  22. @Max Picco
    no no.. non ha letto male!
    a parte il fatto che un cittadino che guadagna in media il 40% in meno significa che non si è ripreso.
    a parte il fatto che immagino che avranno i servizi sociali peggio che in Ruanda.. a parte tutto questo, volevo sottolineare (insieme all'articolo fantasmagorico di Alberto Bisin) che ci sono persone che fanno dal fanatismo la loro bandiera.
    Ma mi chiedo: ma li pagano per cui sono giustificati?

    RispondiElimina
  23. Caro Bagnai,

    su Bologna è prevista una qualche presentazione in modo da ricercare la claque? (sorrido).

    RispondiElimina
  24. @Davide89
    gli irlandesi hanno deflazionato gli stipendi del 30%!
    ma sono stati i primi e molto rapidi e questo immagino per via della loro economia molto anglosassone.
    ma la domanda è: dovendo fare tutti così il PIL dell'eurolandia che fine fa?
    che sproporzioni di ricchezza si produrranno?

    RispondiElimina
  25. Avrei dovuto vedere Spiderman anche io, invece ho fatto la stupidaggine di ascoltare musica con Ballarò in modalità muta. Alla traccia di Echo and the bunnymen, Floris sembrava Donnie Darko e l'Annunziata la sorella più piccola che studiava ad Harward.

    Chiedo scusa, ma in quali librerie romane si trova il tramonte dell'Euro?
    Grazie

    RispondiElimina
  26. [OT] un paio di personaggi (ai quali mi sono subito aggregato), stanno dando la caccia ai luogocomunisti anche su LegaNerd, ovviamente chiunque volesse aggiungersi è il benvenuto.

    RispondiElimina
  27. @Davide89
    ... ma io vedo anche che:
    anno 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
    t.disocc 4.6 4.8 4.7 4.7 5.8 12.2 13.9 14.6
    dis.giov 9.3 9.7 9.8 10.0 12.5 25.9 28.7 30.3
    retribuz. 5,3 5,6 5,4 6,4 5 2,3 -2,7 (n.p.)
    CA bal. -0,577 -3,490 -3,547 -5,364 -5,685 -2,333 1,139 1,123
    (oecd database)

    Un bel mix di disoccupazione (soprattutto giovanile) e compressione dei salari.

    E poi, non vorrei che stessimo contemplando la città dopo il bombardamento compiacendoci del fatto che il fumo si è diradato:
    la Banca centrale irlandese nel sommario del suo Quarterly Financial Accounts for Ireland Q2 2012 ci dice che:

    1. Private sector debt continued to increase during Q2 2012, reaching 316 per cent of GDP, an increase of 5 percentage points on the previous quarter.

    2.Household net worth continued to decline during Q2 2012, falling to €446.6bn or €97,392 per capita. This represented a decline of €5.5bn or 1.2 per cent compared with the previous quarter.

    3.Household indebtedness declined further during Q2 2012, falling to €178.5bn or €38,938 per capita.

    4.Total Government liabilities continued to increase during Q2 2012, reaching €192.7 billion, their highest level to date.

    5.Non-financial corporate debt increased further during Q2 2012 to reach €331bn ,or 205 per cent of GDP, its highest level to date.

    e quindi:
    1. l'indebitamento privato cresce raggiungendo il 316% del pil;
    2. il patrimonio delle famiglie si riduce, in buona parte grazie al crollo del valore degli immobili;
    3. l'indebitamento netto delle famiglie si riduce, ma il suo rapporto con le entrate è ancora imbarazzante;
    4. il debito pubblico sale;
    5. sale l'indebitamento delle aziende non finanziarie.

    Nel documento dettagli e tabelle.
    A livello di opinione (non sono in grado di proporre analisi), direi che per l'Irlanda
    non è finita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, solo ora sono riuscito a vedere la tua risposta e ti devo ringraziare per avermela data... sono riuscito a trovarla cercando il mio nome su questo blog. grazie.

      In poche parole gli Irlandesi per restare nell'euro hanno deflazionato gli stipendi...ma che bella cosa: "morire di fame per non far morire una moneta unica". Mi chiedo quando finirà la moneta.

      cmq grazie ancora

      Elimina
  28. (OT)Alberto,se non mi passi il commento lo capisco,ma questa devo scriverla.Intervista radiofonica (GR3) al Hidalgo,partente per Bruxelles.Si percepisce che la platea è affollata,rumore di fondo,soprattutto otturatori.OTTURATORI? Quanti dei fotografi presenti (presunti) avevano una macchina meccanica a rullino? Library di effetti:intervista.Datata.Diamogli forte,signori,questa gente è alla frutta.

    RispondiElimina
  29. uff comprato oggi il libro e mia mamma(88 anni) me lo ha fregato ghghgh...mmmm buon segno annuisce scccc non disturbiamola, però rosico un po'Bagnai a me non mi da ascolto.

    @ Starmagazine ho potuto capire che la mondadori a p.le della radio abbia più di una copia, quando ieri me lo sono fatto mettere da parte. Comunque prima puoi chiamare telefonicamente le librerie più vicine a te.

    RispondiElimina