MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 7 novembre 2012

Chi fa da sé...

Per favore, chi pensa di voler assistere alla presentazione del libro a Roma (22 novembre, ore 17:30) lo segnali qua sotto.

Dove sarà? Non ve lo dico perché dipenderà da quanti siete. Fatemelo sapere rapidamente, altrimenti finisce come potete immaginare (per analogia).

Qua sotto solo "iscrizioni" alla presentazione. Nessuna pietà per gli OT. Per problemi/soluzioni con la distribuzione c'è il post precedente. Grazie per la collaborazione e buona lettura.

83 commenti:

  1. Potrei mai mancare?
    E il grande capo "mòvengoanch'io" stavolta venne perchè "non" era un vile"...e non si fece male perchè aveva un portafortuna che le aveva regalato sua zia Waller

    RispondiElimina
  2. Buon giorno professore, io mi iscrivo

    RispondiElimina
  3. Vorrei iscrivermi se possibile. Grazie.

    RispondiElimina
  4. eccomi qua, sperando non sia troppo lontano da Termini

    RispondiElimina
  5. Vorrei iscrivermi se possibile. Grazie

    RispondiElimina
  6. se riesco ad organizzarmi vengo GUSTINICCHI MAURIZIO....anche solo per conoscerla

    RispondiElimina
  7. Buonasera professore, vorrei tanto conoscerla e sentirla dal vivo ma non ha qualche data di sabato? Con due figli, scuola, lavoro di martedi` non riesco proprio.
    Non vorrei farle fare lo psicologo della notte, se ho ben capito ha figli piccoli anche lei e si sa che si svegliano prestro questi entusiasti della vita, ma stasera sono veramente giu`· questo e` un blog di economia e tanto dovrebbe bastare ma per sicuramente un`insana mia caratteristica personale ho preso il suo messaggio come una missione da condividere, almeno come dubbio critico, con chi mi circonda, parenti, amici, addirittura clienti. Ho chiesto almeno di consultare il suo blog e tutti i prestigiosi link che espongono la necessita` vitale per noi di uscire da quest`euro, e farsi un`idea... No, tutti l`idea ce l`hanno gia`, colpa del debito pubblico prodotto da sprechi e casta e fuori dall`euro il DISASTRO. Premetto, i piu` laureati proficuamente inseriti hei piu` disparati ambiti lavorativi. Ho appena concluso una depprimente conversazione con mia sorella, psicologa e letterata, che rifiuta qualsivoglia discorso politico, perche` «la politica corrompe la moralita`» e al mio dire, si` ma questo rigurda una difficolta` strutturale prettamente economica i cui risvolti politici vengono da se` ma sucessivamente, e se non ci credi guarda e informati, risponde con« qualsiasi sia la verita` economica non ci sono possibilita` morali e reali attualmente di renderla fattiva quindi... Smetti di rompermi con sta storia dell`euro!»
    Praticamente mi sento una schizofrenica. Una realta`e' il messaggio del suo blog, in cui credo, e non uso il verbo credere a caso perche' ovviamente per i non economisti a un certo grado di difficolta subentra la fiducia in un senso generale che "tiene" e comunque torna e spiega gli aspetti personali e reali della crisi in atto, e la realta' vera che vivo, fatta di persone che non hanno nessuna intenzione di approfondire il momento critico che vivono, accontentandosi delle spiegazioni correnti e MOLTO sicure di se'... Monti fa del suo meglio, con tutti quegli sprechi, sei matta uscire dall'euro?
    Scusi lo sfogo, ma sono un'entusiasta e ottimista di natura e faccio la cinica a volte solo per difesa... Quando e come le cose cambieranno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisognerebbe distinguere la cultura, intesa come sistema di valori coerente in base al quale sviluppare un pensiero critico, dall'istruzione, intesa come acquisizione di contenuti. Il piddino normalmente è molto istruito, ma difficilmente è colto. Fa parte della cultura la curiosità intellettuale, che il piddino non ha, perché fa parte di quelle persone che studiano per togliersi dubbi, non per farseli venire. Insomma: dei Socrati soddisfatti, cioè degli Etarcos, che sono molto peggiori di un maiale insoddisfatto.

      Lasciali perdere. Quando le cose cambieranno loro non cambieranno. Ma non fa niente. Sono molti, ma sono anche molto inutili, e la storia va avanti comunque. Porta pazienza. Grazie.

      Elimina
    2. La storia va avanti comunque, nel senso che l' italia uscira' dall'Unione europea prima o poi (quando?) per causa di forze maggiori (quali?) o secondo lei abbiamo una chance di fare storia, di cambiare i TEMPI, per me ne abbiamo poco, ognuno col suo piccolo o grande personale contributo?
      Vedendo la grecia del popolo che si dibatte drammaticamente quanto inutilmente per liberarsi, e per contraltare la germania che ammette l'inizio della sua recessione ma, almeno ho letto, persisterranno i suoi vertici sulla strada assai piu' redditizia della austerita', e draghi con una faccia come il c... che si complimenta per gli sforzi fatti e i risultati raggiunti (pazzesco!) ma insiste affinche' italia e spagna proseguano e intensifichino le riforme strutturali (la mattanza del popole bue)... come facciamo a pazientare?
      Comunque oggi dopo tanto predicare nel deserto e esser presa per originale, due amici mi hanno chiesto "il sito di quell'economista..."

      Elimina
  8. Veniamo in tre! Giuseppe Luana e Sergio

    RispondiElimina
  9. Io pure mi iscrivo.
    Francesco

    RispondiElimina
  10. Alle 17:30 esco dal lavoro, se è in centro per le 18 ci sono!

    RispondiElimina
  11. Vengo a questo e rinunciò a Pescara Asterix

    RispondiElimina
  12. Io mi iscrivo. (Anche se sarebbe importante sapere dove fa la presentazione).

    RispondiElimina
  13. Io verrò volentieri. Grazie mille.

    RispondiElimina
  14. Vorrei esserci anch'io. Prenoto due posti.

    RispondiElimina
  15. Partecipo con piacere, grazie.
    Giuseppe

    RispondiElimina
  16. Risposte
    1. Bene, penso che l'estimo goofynomico sia concluso o quasi, non dovrei rompere troppo le scatole nel farti sapere, caro omonimo, che questo pomeriggio poco c'è mancato mi diventassi debitore di un monitor!
      [Caffè... no, non Federico, proprio la bevanda.]

      Elimina
  17. Vorrei partecipare. Grazie.

    RispondiElimina
  18. PRESENTE!!! Ci sono anche io! Grazie!

    RispondiElimina
  19. Ci saro' di sicuro anch'io e porto anche i pomodori :-)

    RispondiElimina
  20. 'Sto giro.... cascasse il mondo! Grazie

    RispondiElimina
  21. Compatibilmente con gli impegni di lavoro (dipende da ora e posto), non mancherei per niente al mondo!

    RispondiElimina
  22. Mi iscrivo volentieri.
    Giacomo

    RispondiElimina
  23. Ci verrò volentieri, grazie.

    RispondiElimina
  24. E chi se la perde! Presente con fratello sulla via della redenzione al seguito

    RispondiElimina
  25. io ci sono, a meno di casini lavorativi dell'ultimo minuto

    RispondiElimina
  26. ...alla ricerca del libro perduto....alla scoperta del libro ritrovato....( e daje cor DDT )

    RispondiElimina
  27. E ad ora siamo a 46, salvo errori. Quindi una sala da 35 non va bene, anche contando un "sole rate" (tasso di sola) attorno al 30%. Poi vi spiego, comunque le alternative sono una in centro e una vicino a Termini.

    RispondiElimina
  28. conto su Ecodellarete per consentire anche ai montanari del nord Italia di assistere!

    RispondiElimina
  29. @Chiara
    io ho ascoltato discorsi più interessanti da operai con la terza media che da abilitati dottori commercialisti e avvocati!
    Si deve figurare che un mio amico "cazzaro" (dottore commercialista, ex comunista come il padre.. chissà perché è affascinato dalla UE!) leggendo le mie risposte sull'euro mi ha risposto:
    "ma tu parli di macroeconomia!"
    Ed io: "scusa, la crisi riguarda 4 famiglie o l'intero paese?"
    oh, laurea in Economia e Commercio (quando questa era seria)..

    quindi, il buon senso (common sense) prescinde dalle carte che si possono esibire su una parete!

    ad ogni buon conto, per chi considera il mondo in compartimenti stagni, ci sono sempre gli "ambiti" e le "strutture" disconnesse tra di loro!
    quindi una cosa è la politica e un'altra l'economia; una cosa è la mentalità, un'altra la storia.

    Non ne comprendo il motivo ma molti ragionano in questa maniera quando invece sappiamo che non è assolutamente così!
    non lo è perché le leggi "economiche" (il tipo di sistema economico) dipendono sempre da scelte politiche!
    Pensare alla "mano invisibile" (liberismo) cosa significherebbe alla fine se non regolarsi alla legge del più forte? ma penso che a questo non ci arrivano.

    la discussione tra moneta "endogena" o "esogena" è pazzesca per chi l'ha affrontata e sa perché? perché non è una mera questione di comprensione macroeconomia ma pure costituzionale!
    una risposta "endogena" spiega l'incostituzionalità dell'euro mentre "esogena" potrebbe legittimarla! e non solo: il fatto di considerarla "endogena" oppure "esogena" dal punto di vista "filosofico" segue un pensiero della società che sia di centro (economia sociale) oppure estremista (visione liberista).
    Ma questo lo comprendiamo meglio adesso perché leggendo il blog non abbiamo preso le opinioni di Bagnai e piazzate su un libro da riporre su una mensola ma perché abbiamo letto una marea di spunti! ovvero abbiamo appreso che l'euro, la UE, il modo di vedere la società e le sue dinamiche sono tutte cose collegate!
    è il Big Picture che mancava e che a molti di noi appare chiaro come interpretazione.
    che può essere errata attenzione!
    ma sicuramente essendo un big picture non spiega solo l'AVO ma tutto ciò che ci sta dietro in termini di implicazioni politiche quindi economiche e sociali!
    e proprio perché cerchiamo di ricostruire un "big picture" piazzando nel giusto posto e con le giuste relazioni i vari elementi sappiamo che esiste pure il diritto sacrosanto all'autodeterminazione dei popoli!
    e per questo è legittimo sputare all'euro ma non solo perché azzoppa la gente ma perché non è la moneta di un popolo!
    questo popolo non esiste!
    e allora dobbiamo ammettere che siamo di fronte ad uno stupro sociale, frutto di scelte politiche che tramite la manipolazione del sistema economico cerca di condurre popoli spesso totalmente differenti tra di loro per costumi, religione, lingua, tradizioni culturali, diritto a partecipare a questo grande fallimento storico, a piegarli e assoggettarli.

    Chiudo sulla politica e su ciò che ho sempre pensato: il mondo non è inquinato dalla politica per il semplice motivo che questa è uno strumento con cui l'uomo si regola nella (nelle) società.

    pensare che affidare le cose alla politica sia errato perché questa è inquinante è come dire che si deve aspettare il volere di un super computer che sappia come ottimizzare le scelte degli esseri umani.
    mi pare che significa considerarsi dei cani.. sì, chi ragiona così si considera un cane che pensa che ci sia qualcuno che gli faccia fare la passeggiata con un guinzaglio invisibile.
    nei sogni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di "big picture": il quasi totale e assordante silenzio dei media mainstream su quello che sta succedendo ad Atene in queste ultime ore è agghiacciante per implicazioni e conseguenze...

      Elimina
    2. complimenti.
      hai scritto esattamente quello che io penso, ma, molto meglio di come avrei fatto io.

      io spesso dico che gli strumenti con cui si controllano le masse sono la moneta e il linguaggio (ovvero il modo di pensare)

      Elimina
    3. Grazie valsandra della solidarieta'.
      Ti rassicuro, se c'e' uno che capisce i discorsi che faccio e' mio marito, licenza media ma una coscienza operaia, nel senso nobile del termine, e intuito economico-politico, che io laureata non ho (confesso quando ho visto piangere la fornero sul momento mi sono commossa anch'io). Pero' anche nel giusto non ha quella prosopopea di tanti molto piu' istruiti che, e' vero, ragionano per ambiti a tenuta stagna, apprezzano equilibrio e moderatezza, e trovano, pur con un certo sdegno per gli sprechi della casta, decisamente poco appropriato scaldarsi troppo e ricercare cause e soluzioni. Come se fosse peraltro poco elegante fare politica, forse rigor montis fa modello, non colgono il nesso tra la spaventosa situazione reale e la politica come unico modo di impegnarsi per cambiarla.
      Io persisto con fiducia e attendo il tramonto dell'euro; nel frattempo pero' ho un piano B, mi sto facendo il pollaio, butta mai che ci volesse qualche anno. E intanto ristudio moneta endogena e esogena cosi' capisco qualcosa delle implicanze filosofiche di cui parli!

      Elimina
    4. stupro sociale

      Ho i brividi addosso...

      Mai definizione fu più azzeccata.

      Elimina
  30. Cercherò di organizzarmi con gli orari ma non sono sicura sicura di farcela mannaggia! Ma non era Tor Vergata? ( non è anZia, solo curiosità:))!

    RispondiElimina
  31. Si potrebbe andare tutti quanti a sentire Bagnai
    per vedere come l’euro tramonta veloce
    e portare con l’inganno un amico piddino
    e vedere di nascosto l’effetto che fa
    vengo anch’io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spettacolo!!!
      Se poi serve spazio, dietro casa mia, ci sarebbe la sezione del PD di Ponte Milvio (sempre poco frequentata) nella cui sala riunioni entrano (strettine) fino ad un'ottantina di persone. Magari mettono a reddito la proprietà e l'affittano. Professore, se serve, passo a chiedere!

      Elimina
    2. Allora stamo "attaccati": ci vediamo da Pallotta (dove tengo antieuro-consulting ogni mattina) pe' un caffè e ne parliamo!
      Sicuramente i piddini, che mettono i tazebao sull'esterno della sede dove dicono che uscire dall'euro è solo demagogia e che l'euro ci ha salvato dalla Cina e dall'inflazione, saranno contenti di ospitarci! :-)

      Elimina
  32. Aggiunga due lettrici silenziose, ma già orgogliosamente in possesso di libro, grazie !

    RispondiElimina
  33. buonasera professore, vengo con mio figlio.
    saluti, giuseppe

    RispondiElimina
  34. ci siamo anche noi. Lorenzo e Guglielmo

    RispondiElimina
  35. Voglio esserci anch'io: mi sono iscritto al suo blog solo ora per non rischiare di restare in piedi il 22, nonostante la segua ormai da qualche mese, ma non avendo ancora potuto "portarmi del tutto al passo col programma" avevo evitato di intervenire.
    Spero di trovare il suo libro prima del 22, in caso contrario sarà possibile comprarne sul momento?
    Buon lavoro, è un piacere frequentare questo blog! Emiliano

    RispondiElimina
  36. Ma certo che si!! Si sa già quanto può durare? Così prenoto il treno. Al ritorno ho l'ultimo alle 20! Grazie grazie infinite

    RispondiElimina
  37. farò il possibile per partecipare, con almeno altre 2 persone

    RispondiElimina
  38. Sicuramente faccio di tutto per essere presente.

    RispondiElimina
  39. questo intervento è off-topic rispetto allo spirito del post, ma molto on-topic rispetto al senso letterale del titolo: questo articolo racconta come i cinque Paesi che più hanno beneficiato della perdita di competitività dell'Italia in seguito all'adozione dell'euro, adesso si accaniscono sull'Emilia Romagna, regione altamente produttiva, bloccando gli aiuti per i terremotati.

    Ecco una risposta ai vari piddini che sognano gli stati uniti d'europa dove tutti ci aiutiamo e ci vogliamo bene.

    RispondiElimina
  40. Volevo venire e farti la sorpresa (visto che do sempre buca), ma così è rovinata, e quindi è più sorpresa se non vengo per niente! :D

    A parte le battute morettiane, non mi perderei mai l'opportunità di conoscere lo "scardabagno" poeta... :-)

    RispondiElimina
  41. Leggo tutto ora, compreso la scelta del sito.
    Se non è troppo tardi, e c'è posto, io un saltino lo farei.
    p.s.: lunedì mi arrivano 4 copie!

    RispondiElimina
  42. Vorrei partecipare anch'io. Grazie.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.