sabato 21 marzo 2020

Il tradimento, la morte

Il avait pris la main de Jean, il l’amenait devant la fenêtre.

– Regardez là-bas, sur la crête des coteaux.

Par-dessus les remparts, par-dessus les constructions voisines, la fenêtre s’ouvrait, au sud de Sedan, sur la vallée de la Meuse. C’était le fleuve se déroulant dans les vastes prairies, c’était Remilly à gauche, Pont-Maugis et Wadelincourt en face, Frénois à droite ; et les coteaux étalaient leurs pentes vertes, d’abord le Liry, ensuite la Marfée et la Croix-Piau, avec leurs grands bois. Sous le jour finissant, l’immense horizon avait une douceur profonde, d’une limpidité de cristal.

– Vous ne voyez pas, là-bas, le long des sommets, ces lignes noires en marche, ces fourmis noires qui défilent ?

Jean écarquillait les yeux, tandis que Maurice, à genoux sur son lit, tendait le cou.

– Ah ! oui, crièrent-ils ensemble. En voici une ligne, en voici une autre, une autre, une autre ! Il y en a partout.

– Eh bien ! reprit Weiss, ce sont les Prussiens... Depuis ce matin, je les regarde, et il en passe, il en passe toujours ! Ah ! je vous promets que, si nos soldats les attendent, eux se dépêchent d’arriver !... Et tous les habitants de la ville les ont vus comme moi, il n’y a vraiment que les généraux qui ont les yeux bouchés. J’ai causé tout à l’heure avec un général, il a haussé les épaules, il m’a dit que le maréchal de Mac- Mahon était absolument convaincu d’avoir à peine soixante-dix mille hommes devant lui. Dieu veuille qu’il soit bien renseigné !... Mais, regardez-les donc ! la terre en est couverte, elles viennent, elles viennent, les fourmis noires !





(...l'amico era dalle parti di Rubécourt, e in effetti, come la storia ha dimostrato: "Oui, l'armée est très mal plantée à Sedan!"...)



Ieri è morta la madre di una carissima amica di Roberta. Niente a che vedere col COVID: si nasce, si vive, e si muore da tempo, è un'altra di quelle cose che funzionano così. Le amiche e gli amici non hanno potuto e non possono essere vicini alla figlia. La defunta non voleva essere cremata, ma sarà cremata (in ossequio al principio che gli assenti hanno sempre torto). I nipoti sono dispersi per Leuropa e stanno cercando di tornare. Nella nostra cerchia ristretta credo che la nostra amica sia la prima a non avere più entrambi i genitori. D'altra parte, non siamo più dei quarantenni, e fra un po' il massimo che potremo augurarci sarà di essere noi, i prossimi, e non i nostri figli.

Generatio preterit, generatio advenit, Terra autem in aeternum stat.

La tristezza di questo momento è amplificata dal non poter rendere ai nostri morti le consuete onoranze. D'altra parte, siamo diventati umani, anzi, umane bestie, quando abbiamo appreso a togliere alle fere i miserandi avanzi, e dell'umanità passata, delle generazioni preterite, quello che ce le ricorda, e ci consente di identificarle come umane, se pure bestie, sono appunto per lo più le necropoli. La memoria di chi non ha avuto memoria dei suoi morti se non si è del tutto spersa, è senz'altro più labile, per il semplice fatto di non aver edificato luoghi di conservazione della memoria (dei morti, e quindi dei vivi).

Insomma, questa storia ci sta sottraendo non solo la democrazia, che è un'acquisizione abbastanza recente e forse mai definitivamente perfezionata, ma in qualche modo anche l'umanità, e questo è senz'altro motivo di avvilimento per tutti voi, e per me.

Ma quel che più mi grava le spalle, in questo momento, è sapere e vedere quelle file di formichine nere, che sfilano laggiù, sui colli, che alacremente, silenziosamente, incessantemente si adoperano per consegnarci ai soliti noti: en voici une ligne! En voici une autre, une autre, une autre ! Voi non le vedete e non le conoscete come le conosco io, che a mia volta sono ben lontano dal conoscerle tutte. Le formichine di Sedan, di cui per primo mi parlò il Gaddus, sono sempre al lavoro, ma oggi non sono prussiane, oh, no!

Sono italiane.


E questo è veramente duro da sopportare.




(..."da giorni, sottotraccia": ve lo dicono loro che la democrazia è sospesa e che le leggi della Repubblica sono carta straccia. Ve lo dicono come se fosse una cosa normale, anzi, una abilità commendevole, per un Governo, sottrarsi al controllo del proprio Parlamento. E, per una volta, non è una fake news...)

(...ho compassione di questi "servitori dello Stato", tutti spocchia e taccagneria. Per non essere stati in grado di percepire l'incoerenza interna della favola liberista, ora perderanno ciò cui più tengono: i loro soldi. Già ne vedo qualcuno sorridere verde. Avete voluto il mondo del mercato? Bene. Il mercato dà, il mercato toglie. Apprezzerete mordendo la polvere i vantaggi del modello sociale keynesiano, la saggezza e l'umanità dell'intermediazione pubblica del risparmio, del welfare state da voi così tanto detestato. A voi non resterà nulla: a noi resteranno le nostre letture, e i nostri morti...)

53 commenti:

  1. "a noi resteranno le nostre letture, e i nostri morti..."... e la nostra umanità compassionevole, come quella che ci spinge a commuoverci per un post del genere, e ci stringe col pensiero intorno a persone che non abbiamo conosciuto. R.I.P.

    RispondiElimina
  2. Ha colto, come sempre, il punto. La solitudine nella morte. Faccio il medico, in Ospedale, ed ogni giorno redigo certificati ISTAT. La pena di tenere lontani i congiunti, si tratti di evento covid o no (ormai così li definiscono) è infinita e le persone sono fantastiche, perché, pur nel dolore, si rendono conto delle difficoltà. Prof. Se avevo qualche traccia di autorizzismo in corpo, questo virus mi ha guarito completamente. Felice di seguirla, quasi ab initio. Sono diventato molto esclusivo nello scegliere gli interlocutori. Una parola sbagliata e clicco. Anche di persona. Temo anche questo sia responsabilità sua...Grazie. Anche per questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sei miliardi e spicci di possibili interlocutori su questa Terra, non c'è motivo per non essere un po' selettivi.

      Elimina
  3. "Ma quel che più mi grava le spalle, in questo momento, è sapere e vedere quelle file di formichine nere, che sfilano laggiù, sui colli, che alacremente, silenziosamente, incessantemente si adoperano per consegnarci ai soliti noti: en voici une ligne! En voici une autre, une autre, une autre ! Voi non le vedete e non le conoscete come le conosco io, che a mia volta sono ben lontano dal conoscerle tutte. Le formichine di Sedan, di cui per primo mi parlò il Gaddus, sono sempre al lavoro, ma oggi non sono prussiane, oh, no!

    Sono italiane."

    In un'altra epoca relativamente recente si chiamarono I GATTOPARDI.
    Felici di darsi allo straniero pur di riavere i secolari privilegi loro sottratti dal Re.

    E nel modo in cui le élites traditrici di del tempo furono fatte scomparire per lasciarvi solo inerme plebe, quelle di oggi seguiranno medesima sorte.
    I traditori vengono presto o tardi trattati come tutti traditori da parte di chi li ha usati.

    Aiutiamoci perchè Dio ci aiuti...

    RispondiElimina
  4. Più volte in questi giorni ho ricordato i miei nonni morti da poco tempo e mi ritengo fortunato per averli avuti vicino fino all’ultimo. Oggi più che mai.

    Chi si guarda intorno, non da ora ma da anni - dall’operazione tangentopoli?, sa bene che in Italia abbiamo avuto al governo perlopiù uomini pavidi o servitori di altri stati. In alternanza. La storia chiedeva quel tipo di uomini. Oggi è il momento dei “servitori di altri stati” che si rifiutano di venire in Parlamento sia fisicamente che in video conferenza. Ma il numero di quelli che si guardano intorno è sempre più numeroso e forse è arrivato il momento di sfruttare questo fatto per costringerli a relazionarsi con il Parlamento.

    RispondiElimina
  5. "la democrazia è sospesa e che le leggi della Repubblica sono carta straccia", è così, ce lo dicono e ce lo dimostrano, sospendendo diritti costituzionali prima con Dpcm, ora addirittura con ordinanze ministeriali. Ed forse non sorprende il silenzio dei giuristi e dei costituzionalisti, del resto sono gli stessi che hanno avallato la supremazia del diritto comunitario sulla nostra costituzione. Quando questa emergenza sarà passata, non avremo solo l'enorme problema di affrontare la recessione restando dentro la gabbia eurista, dovremo anche provare a ricucire le ferite senza precedenti che questo governo ha inflitto al nostro ordinamento giuridico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho già avuto modo di dire, i costituzionalisti mi riconciliano con la mia professione (quella di economista). E credo che voi sappiate intendere...

      Elimina
  6. Faremo la fine dei Francesi nel 1871?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente un evento di questa portata avrà un'onda lunga. Quanto lunga è impossibile capirlo prima che se ne sia vista la fine.

      Elimina
    2. Perché guardare così lontano?

      https://youtu.be/RalolmR5H4g

      Tremonti parla di "destino" delle nazioni. Trascura che le nazioni non hanno un destino "buono" a seconda delle stagioni o delle inclinazioni personali.
      Le nazioni hanno legittimità e sovranità tanto più la loro esistenza non sia conseguenza di costruzioni a tavolino, per di più pilotate dall'estero.
      Se così non fosse, gli US€ avrebbero pieno diritto e logica nel nascere.
      La non consapevolezza storica e l'assenza di Logica di base sono infatti le cause del proliferare dei neo-patrioti U€, accecati come ieri dalla sindrome di Stoccolma

      Elimina
  7. Eppure la maggioranza sopravvivrà e dovrà scegliere.

    RispondiElimina
  8. Su telegram ho visto lo scorcio di una parte di infami che hanno ridotto la sanità in questo stato. E uno (chiamparino) è mio conterraneo. Che vergogna.
    Non so se la storia presenterà mai loro il conto, al momento lo sta presentando a noi, e non sappiamo neanche quanto è salato.

    RispondiElimina
  9. Sono ottimista, vedo molte reazioni positive di persone consapevoli che il nostro futuro lo creiamo con le nostre mani. Non permetteremo che un provincialotto come Conte possa fermare la volontà di riscatto popolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo in tanti ottimisti e vogliosi di reazione.... manca ancora il catalizzatore... (mi spiace dirlo qui) manca quella forza politica capace di condensare il sentimento, l'ideale di autodeterminazione, sincera e forte di tutti i retaggi storici necessari, contro l'insorgere di ideologie malate, asservite e traditrici della propria gente. La Lega? deve maturare parecchio e diventare qualcos'altro

      Elimina
    2. siamo in tanti ottimisti ansiosi

      Elimina
  10. Come la butta in politica il senatore nessuno mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che la maggioranza qui capisca che devi fare il bastian contrario a tutti i costi.
      Dopodiché sei favorevole al MES?
      Spiega perché.
      Spiega perché sei favorevole a Cottarelli che intende tagliare ulteriori 5 mld alla sanità.
      Sei favorevole al modello Grecia?
      Spiega.

      Elimina
    2. Più che altro è contrario alla politica, perché è un ortottero.

      Elimina
    3. Nel 1344 i soldati mongoli assediavano Caffa, colonia genovese in Crimea, una epidemia di peste li stava decimando. Prima di desistere dall’assedio pensarono bene di inventare la prima guerra batteriologica della storia dell’uomo catapultando i cadaveri infetti oltre le mura della città, propagando il morbo anche tra i suoi abitanti. Due anni dopo, tramite i topi pulciosi che partivano dalla Crimea con le navi genovesi, il contagio si era esteso a tutta Europa.
      Oggi il senatore ha catapultato un cadavere nel blog. Vuole preservare il culto dei morti, sospeso in questi giorni terribili. Dice.
      Temo, in realtà, voglia esacerbare la febbre della sua cattiva politica

      Elimina
    4. Afterward, the seven hundred people in the boats had nothing to do but wait: wait to die, wait to live, wait for an absolution which would never come.

      Elimina
  11. Che la linea che va da Ciampi a Conte passando per il Prodi-torio persisterà nell'opera di svendita fino a che avrà la possibilità di farlo lo do per scontato. Anzi, attenzione alle svendite dell'ultimo minuto, qualche secondo prima che l'UE ci restituisca la chiave. In Cauda venenum!

    RispondiElimina
  12. Lion.

    Un abbraccio a chi piange i suoi morti.

    Quindi salveranno Conte? Avremo il MES e compagnia cantante?

    RispondiElimina
  13. Come i malati di COVID 19 la democrazia muore in solitudine, lontana dalla coscienza dei cittadini, uccisa da un virus più subdolo e letale.
    Grazie Senatore.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Voglio unirmi anch'io al cordoglio per la perdita della sua conoscente, in un periodo storico in cui viene messa alla prova la tenuta dei valori della nostra civiltà è importante stringerci nel ricordo dei congiunti e degli sconosciuti: Gli antichi sapevano di poter ricordare le proprie origini attraverso il culto dei propri morti, origini oggi tanto vituperate da chi ci vorrebbe senza identità, in balia degli eventi.
    Forse abbiamo così tanto dissacrato il ricordo della nostra civiltà che alcuni concetti come quello di libertà e rispetto delle istituzioni sembrano diventati evanescenti, tanto che alcuni giornalisti non sono in grado di riconoscere quando questi stessi valori rischiano di venire meno.
    Oggi mi sembra di assistere ad un primo ministro che si comporta come un dictator (Ma per lo meno loro l'approvazione del senato dovevano riceverla...) cofabulando con altri stati tenendo addirittura all'oscuro la propria maggioranza! E quasi nessuno emette fiato...

    Per quanto riguarda la favola liberista sono giunto alla stessa conclusione e oggi sorridevo nel pensare come fosse una logica suicida e come illusi siano i loro adepti:
    Tanti anni di fatiche e di predicazione per concentrare la ricchezza nelle tasche di pochi quando basta uno scossone o un "capriccio" per perdere tutto.

    RispondiElimina
  16. Tra l'agosto del 1941 al gennaio del 1943 tra il 'csir' e l'8 armata l'esercito italiano ha subito 80000 vittime. Da gennaio di quest'anno ad aprile le vittime sono 4000? (80000morti/17mesi). Questo nemico "biologico" al momento non è così indomabile come il piccolo Saturno.

    RispondiElimina
  17. Non parliamo di chi è in trincea come il personale sanitario, ma quasi tutti quelli che oggi lavorano sanno che "il solito compito" ha un senso profondamente diverso. Assicurare beni e servizi essenziali, fare funzionare un sistema fragile...
    Per le formichine non è cambiato nulla: scopi, mezzi, quadro generale sono immutati e immutabili. La realtà può essere tenuta fuori dalla porta, per un po'.

    RispondiElimina
  18. there's so many different worlds
    so many different suns
    and we have just one world
    but we live in different ones.


    Credo sia una delle cose più belle mai scritte. Ogni volta che l'ascolto o la suono i viene da piangere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa due anni prima usciva questo capolavoro, dimenticato più o meno da tutti:

      Finally I understand
      The feelings of the few
      Ashes and diamonds
      Foe and friend
      We were all equal
      In the end...

      https://youtu.be/zOJHz6Przdw

      Elimina
    2. Vero, dimenticato e straordinariamente profondo! Il R&R di grande livello fa capire cose che sarebbero difficili da esprimere in altro modo. E' molto immediato e immaginifico.

      Elimina
  19. Quindi narrò loro questa parabola: “La terra di un ricco produsse bene, tanto che lui cominciò a pensare: ‘Cosa posso fare ora che non so dove mettere i miei raccolti?’ Allora disse: ‘Ecco cosa farò:a demolirò i miei depositi e ne costruirò di più grandi, e vi ammasserò tutto il mio grano e tutti i miei beni. Poi mi dirò: “Tu hai da parte molte cose buone, e per molti anni: prenditela comoda, mangia, bevi e divertiti”’. Ma Dio gli disse: ‘Stolto, questa notte ti chiederanno la vita. E a quel punto chi si godrà le cose che hai accumulato?’ Questo è ciò che accadrà a chi accumula tesori per sé stesso ma non è ricco agli occhi di Dio”

    RispondiElimina
  20. Da dov'è tratta l'ultima citazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho compassione per questi "servitori dello Stato".... (se non è una citazione merita di diventarlo)

      Elimina
  21. Questo strano virus comparso all'improvviso non si da dove che viene amplificato, se si guardano freddamente i numeri, oltre misura dai soliti megafoni che ora parlano solo ed unicamente di questo. Tutti i precedenti problemi scomparsi come per
    incanto, non fanno più notizia. Tutto chiuso, tutti in casa. Perfino, il Parlamento chiuso viene confinato ed esliato, invece di essere, come un ammiraglio, l'ultimo ad abbandonare il Paese. Financo i Parlamentari non possono muoversi e girare l'Italia nel compito delle loro funzioni. Anch'essi serrati in casa come comuni cittadini. Nel frattempo qualcumo che sembra non rispondere alla volontà parlamentare si sta adoperando per siglare accordi che potrebbero essere la definitiva rovina dell'Italia. Ma non sentite una strana e sinistra atmosfera che si riesce a definire bene usando solo una parola, che non scrivo ma che è nella mente di molti???
    .


    ,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sono finiti i tempi dei golpisti da operetta alla Junio Valerio Borghese che assaltava il Palazzo con i forestali. Oggi raffinati finanzieri internazionali muovono nell'anonimato pericolosi burattini prezzolati. Le vedette, però sono all'erta e la risposta dovrà essere spietata.

      Elimina
  22. temo che avremo un mes condizionato ,pesantemente,proprio perchè la situazione è perfetta per fare questo colpo di mano :una situazione eccezionale con il parlamento di fatto sciolto.E' sempre stato così si dai tempi di Atene https://it.wikipedia.org/wiki/Boul%C3%A9_dei_Quattrocento

    RispondiElimina

  23. Forse, magari, abbiamo capito come mai la mortalità da noi è così alta rispetto alla Corea del Sud, e come mai il Giappone non ha preso alcun provvedimento contro il virus...
    ** Posti letto: ITALIA 67esima **

    https://www.indexmundi.com/g/r.aspx?v=2227&l=it

    Il problema non è il virus, sono le RIANIMAZIONI tagliate, la strumentazione ridotta e gli ospedali chiusi.
    Nel 2018 pare che le rianimazioni Lombarde siano andate in tilt per un'altra influenza. Chi ne hai sentito mai parlare?

    RispondiElimina
  24. Qualcuno ha detto: "I traditori li avrete sempre con voi". Ah forse non era proprio così...

    RispondiElimina
  25. Sul MES. Ho ascoltato il deputato Borghi in merito alla lettera, che sta scrivendo e farà sottoscrivere ai presidenti dei gruppi del parlamento, nella quale si affermerà "di essere totalmente contrari all'utilizzo del MES in sede europea perchè lo strumento giusto è la BCE".
    Proposta:
    1) mettere a disposizione, scaricabile da un link, questa lettera;
    2) non deve avere riferimenti ad un solo partito ma ai partiti dei capigruppo che la sottoscriveranno;
    3) qualunque cittadino potrà firmarla e inviarla via pec a 3 indirizzi contemporaneamente:
    - all'indirizzo pec del Presidente della Repubblica;
    - all'indirizzo pec del Presidente del Consiglio dei Ministri;
    - ad un indirizzo pec accessibile ai capigruppo per vericare il numero di invii.
    Quindi chi vorrà sottoscriverla potrà inviarla via PEC a questi indirizzi contemporaneamente. Poi passaparola a più non posso. Spero sia di aiuto.

    RispondiElimina
  26. Sembra di vivere un 8 settembre a puntate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'8 settembre del '43 gli italiani morti al fronte in proporzione ai civili deceduti in "guerra al nemico molecolare" al momento sono distanti anni luce 80000 solo in russia senza contare in nord Africa e sul fronte occidentale.

      Elimina
    2. Non voglio fare polemiche unitili, ma penso si capisse che il mio riferimento non era al numero di persone decedute, ma all'atteggiamento di chi ci governa. Non ho parlato di guerra.

      Elimina
    3. Purtroppo ho idea che lo siamo contro un'altra specie che vuole il trono di dominante.

      Elimina
  27. "La democrazia è sospesa e le leggi della Repubblica sono carta straccia".
    Commentavo la Suaa diretta di giovedì dicendo "Le parole di Panagiotis di quella domenica mattina mi risuonano sinistre nelle orecchie, dopo questa notizia".
    Tante volte mi sono chiesto come avessero potuto annichilire un popolo fiero come quello Greco, come avessero potuto fiaccarlo e zittirlo mentre veniva umiliato e depredato.
    Piano piano lo sto capendo.
    [Per te] venire in italia era viaggiare nel passato il che significa forse che la Grecia potrebbe essere il nostro futuro...

    RispondiElimina
  28. Mi spiace ma stasera la musica può essere solo una. https://youtu.be/rGgG-0lOJjk
    E lo spegnersi,sereno ed ineluttabile, del sol maggiore del I movimento ricorda un po'"le guide del tramonto" di Clarke o "City" di Simak. Ma poi Bach si rianima perché ha Fede ed il mondo via via rinasce alla fine dell'ultimo movimento. Così sarà pure per noi. O per i nostri figli, la nostra eredità. Sorrida, Professore. Abbiamo affetti, abbiamo sentimenti, abbiamo dolore. Non così l'omuncolo delle 23.10 di ieri sera

    RispondiElimina
  29. È ufficiale: Farinetti sta ridendo verde!

    RispondiElimina
  30. Non e' duro da sopportare e' inaccettabile. Vi e' una classe sociale che vive di tasse che puo' svendere il paese per conservare il proprio reddito e potere pur avendo la stessa utilita' sociale della nobilta' nel 1788 .

    RispondiElimina
  31. sono assolutamente d'accordo con la proposta di Roberto delle 19:57

    RispondiElimina
  32. Vivevano, in quei tempi nel ducato di Aquisgrana, un gatto di nome Macron con una volpe di nome Merkel. Erano entrambi spelacchiati economicamente ma non lo davano a vedere. Viveva- sempre in quel ducato- un certo Conte soprannominato non si sa perchè Pinocchio. Questi era in possesso di veri zecchini d'oro. IL gatto e la volpe lo contattarono e gli promisero che se avesse dato loro i denari, ovviamente messi in comune con quelli che loro possedevano, gli sarebbero stati restituiti moltiplicati appena si fosse trovato in difficoltà finanziarie .Tutti questi denari sarebbero stati depositati nel Campo dei Miracoli situato nei pressi della città Acchiappa-citrulli in Belgio "Avanti, non perder tempo, firma qua è un normale contratto, è una formalità. Tu ci cedi tutti i diritti e noi faremo di te un grande Conte. Di noi ti puoi fidar."
    Lo sventurato Conte-Pinocchio rispose affermativamente alle lusinghe. Le cronache dei tempi raccontano che Pinocchio finì impiccato alla Grande Quercia nella contrada del MES, ma anche il gatto e la volpe dopo qualche anno finirono male. La volpe Merkel si dovette addirittura vendere la coda per sopravvivere, mentre il gatto Macron divenne cieco.

    RispondiElimina
  33. Ci sono giuristi infinitamente più qualificati di me, che lo potranno dire meglio e con maggione approfondimento.
    Il MES è un trattato internazionale che non appartiene al diritto UE e non ne segue gli schemi giuridici, che continuano ad essere quelli del diritto internazionale, regolati dalla Convenzione di Vienna sui Trattati fra Stati, e quella fra Stati e Organizzazioni internazionali (che la ripete pedissequamente).
    Nell'eventualità in cui il Governo dovesse decidere di aderire alle linee di credito MES con le inevitabili condizionalità, tutto ciò verrebbe codificato in un memorandum, che altro non è che un altro trattato internazionale.
    Il diverso Governo che succedesse all'attuale potrebbe invocare la nullità del memorandum in quanto approvato in violazione di norme di diritto interno relative alla manifestazione del consenso dello Stato ad obbligarsi, a patto che le norme rivestano importanza fondamentale e la violazione sia manifesta ovvero riconoscibile (art. 46 di entrambe le Convenzioni).
    Le norme di importanza fondamentale sono tutte quelle sostanzialmente costituzionali, inclusa la legge Moavero. Sulla riconoscibilità, è sufficiente che l'interlocutore, in queso caso il board del MES, sia stato obiettivamente messo a conoscenza dell'esistenza di tale norme e del fatto che esse rappresentano un momento essenziale della formazione della volontà del governo ai sensi delle leggi nazionali.
    Gli obblighi di cui alla legge Moavero, sulla consultazione del Parlamento e la necessaria coerenza della posizione del Governo con gli atti di indirizzo da quello espresse, sono indubbiamente norme fondamentali, e se poste a conoscenza dell'interlocutore, la loro violazione deve necessariamente tenersi per manifesta.
    Una mail da parte di un organo qualificato, magari un partito politico, e anche semplici conferenze stampa sull'argomento, sarebbero sufficienti.

    RispondiElimina
  34. Sono un ignorante. Qualcuno potrebbe spiegarmi la possibile armonia tra modello economico-sociale keynesiano e flat tax, propugnata dalla lega (e i ricchi ringraziano)? La flat tax non é una delle tante espressioni dello stato minimo tanto voluto dai "libertarians" all'americana?

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.