MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 10 dicembre 2014

Cinquantadue

È un numero composto coi seguenti divisori: 1, 2, 4, 13 e 26. Poiché la somma dei relativi divisori è 46 < 52, è un numero difettivo.
È un numero decagonale.
È un numero noncototiente.
È un numero intoccabile, non essendo la somma dei divisori propri di nessun altro numero.
È un numero di Bell.
È la somma di due quadrati, 52 = 16 + 36.
È il numero degli anni che compie oggi una persona nata il 10 dicembre del 1962.

(da Wikipedia)


Mi piace molto il concetto di numero intoccabile. Noli me tangere.


Per il resto, niente fiori, ma opere di bene. L'analisi dei flussi dimostra che o qui ci sono molti free riders, o per voi la libertà vale meno di un biglietto del cinema. Scelte lecite, per carità. Ma siccome io la penso in modo diverso, se continua così fatalmente le nostre strade si divideranno. Detto in altre parole, gli auguri me li appendo fra le tombe etrusche e i quadri del Tintoretto. Volete sapere quanti sono i sostenitori regolari di a/simmetrie su 3000 e passa lettori di questo blog?

Non ve lo dico, perché non voglio amareggiare questa giornata nella quale si festeggia il fatto non ovvio che la Terra abbia fatto un altro giro intorno al Sole (non potrebbe solo piovere: potrebbe anche esplodere una supernova, o cadere una cometa...), e perché se devo mendicare frusto a frusto la vita dell'unica voce libera in questo paese, ovviamente non mi resta molto tempo per intrettenermi piacevolmente con voi.

Gli "amici" già due anni fa mi dicevano di chiuderlo il blog (per fare er partito, o per altri motivi). Fatto sta che siamo ancora qui. Dopo di che, esiste il concetto di "costo opportunità". Ora di non essere solo lo so. Ne bastava uno, ed è stato Alex sullo Sbilifesto. Ma ora ho modi più incisivi di intervenire nel dibattito, come scrivere libri che in una settimana entrano nei bestseller (con annessa gentilissima lettera dell'editore, che in fondo ha il merito di avermi fatto lui la proposta giusta - quella di un testo di respiro più ampio del tiro a segno sulle ambulanze, ossia della satira su quell'immondo porcile del giornalismo italiano, cancro della nostra democrazia - suggerisco compunzione ai giornalisti in sala, perché ho interessanti prove da produrre).

La lettera di Formenton è stata il mio regalo di compleanno, e in effetti me lo avete fatto voi: di questo vi ringrazio. Ma non riesco a campare senza sapere se avrò mai chi si occupi della mia agenda e come finanziare le nostre ricerche (che non ho nemmeno il tempo di illustrarvi, perché passo ancora troppe ore a gestire la mia agenda).

Qui dobbiamo prendere una decisione: devo prenderla io, e dovete prenderla voi.

Chi ha dato lo sa (ma se vuole farlo ancora, meglio 10 euro al mese che 120 all'anno, per lui e per noi), e chi non ha dato lo sa (ma quando saremo fuori da questa merda lo sapremo anche noi).

Per il momento posso solo esprimere la mia gratitudine a chi ha dato. Sto facendo di tutto perché il loro sacrificio non sia vano. Sappia, chi ha dato, che non sta lottando contro la perfidia dei "poteri forti". Sta lottando contro l'ignavia dei "braccini corti". Restano nelle fottute pareti, e combatterli è impossibile.

Ribadisco un concetto: il nostro tesoriere è debole di cuore. Preferisce avere 5 euro al mese piuttosto che 50 ogni tanto, perché solo flussi regolari gli consentono una pianificazione. Se intendete contribuire ancora, pensateci. Se non intendete farlo vi capisco, ma il tempo del popcorn in poltrona potrebbe volgere al termine. Detesto perdere, e chi vuole vincere una guerra spesso deve temporeggiare, ma mai perdere tempo.














(seguirà rendiconto. Per il resto, sappiate che non è affatto escluso che la supernova che ci abbronzerà sia già esplosa. Quindi, a che serve tornare a essere arbitri del proprio destino?)

86 commenti:

  1. Ma una cometa non li aveva già estinti i T-Rex, quelli tutta bocca e braccine corte?
    Se sono sopravvissuti allora, vano sperare nelle supernovae. E' probabile che sia una forma di vita mutante più resistente delle altre e 52 anni sono un'era un po' brevina per assistere al declino della specie o allo sviluppo degli arti a sfavore delle mandibole.

    RispondiElimina
  2. Caro Alberto,
    uno dei miei grandi errori, quello di non studiare decentemente la matematica, ma si sa sono "terronepigrobamboccione" e tanto atro! Naturalmente non ho uno straccio di lavoro, ma in qualche modo farò a contribuire, nel mio piccolo, ad asimmetrie.
    P.S. Il ragazzo seduto accanto a Giulia durante la colazione al Goofy3, lo ricordi? Anche se a poco servono, te li faccio lo stesso...

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Prof,
    sono uno dei colpevoli, sicuramente, ho preferito il tutto in una volta (all'anno) piuttosto che il versamento regolare ed il bello è che ci ho anche ragionato su (no comment).
    Comunque in questi giorni rimedierò subito.
    Mi sarebbe piaciuto anche diventare socio dell'associazione per versare anche la quota associativa annuale (a dir la verità avevo in mente di farlo lo stesso il versamento ad inizio anno) in modo da sentirsi ancora più coinvolto.
    Ho mandato anche una mail (ad info@) una ventina di giorni fa per avere informazioni (so che avete da fare cose più importanti rispetto a rispondere alla mia mail, non ho mai sollecitato e l'accenno ora visto il post) poiché non ho nessuna qualifica accademica e scientifica, però magari all'occorrenza vi sarebbero potute servire due braccia in più, anche solo per pulire i gabinetti.

    A disposizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dirla tutta, io me ne fotto del dettaglio, perché sono un incosciente, e perché sono beato: beatus vir qui timet Dominum. Nel momento in cui chiedo ad altri di aiutarmi, devo però rispettare il loro modo di lavoro e non posso costringerli ad essere incoscienti come me e a pensare che le cose vanno fatte, poi Dominus providebit. Quindi, sì, è meglio se dirottate su qualcosa che ci faccia capire se vi siete "abbonati" o se avete semplicemente vinto al Totocalcio. Vi auguro la seconda ma mi auguro la prima.

      Elimina
    2. Quanto dice lei è vero, ed io sono doppiamente un pirla perché (per esperienze personali dirette) è logico quello che chiede lei e non quello che ho pensato io.
      E’ anche vero che se lei chiede ad altri, si deve adeguare al modus operandi altrui, ma è vero anche che, se noi crediamo in questo progetto dobbiamo cercare di adeguarci alle necessità dell’associazione.
      Continuare sulla propria strada è semplicemente egoistico perciò cercherò di rimediare al più presto.
      Di solito in questi casi mi incazzo abbastanza con me stesso, faccio fatica a tollerare di non arrivare da solo a certe conclusioni…
      Buona giornata prof

      Elimina
    3. Sono un maleducato e quasi mi dimenticavo: tantissimi auguri di buon compleanno prof !!!

      Elimina
    4. Calma: quella della donazione ricorrente è una cosa che rassicurerebbe il tesoriere, il quale, da persona razionale, vorrebbe "segmentare il mercato" delle donazioni, capendo su quale "fisso" possiamo contare per coprire le spese fisse (sede, canoni vari, eventuale personale), e quanto occorre invece reperire per coprire i vari progetti (modello di asimmetrie, eventi, ecc.). A me basta sapere che sto facendo il giusto: il Signore è il mio pastore, non mancherò di nulla. Punto.

      Elimina
    5. Fatto. Ho reso il mio piccolo obolo ricorrente, o almeno spero.

      Elimina
  4. È la somma di due quadrati: 36 e 16...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Sai cos'è successo? Che ho fatto il copia e incolla da Wiki con iPhone, e il quattro al quadrato è diventato 42! Ma te ne sei accorto solo tu. Quindi o siamo pochi, o... In ogni caso, c'è da ripensare questa scelta. Comunque, se lo chiedi a Uga, anche 42 è un quadrato. Altro motivo per ripensare questa scelta!

      Elimina
    2. A nostra difesa, il solo pensare che non fosse un lapsus ci è sembrato lesa maestà. Onore a Keith per il coraggio.

      Elimina
    3. Ce ne siamo accorti a colazione con mio nipote, ma abbiamo capito che il 2 apicale era sceso alla base. Auguri di cuore, Herr Professor, e l'anno prossimo a Gerusalemme.

      Elimina
    4. No, non è un lapsus. È che l'ansia mi ha svegliato alle 5 (si vede che devo passare a due grammi di Esilgan) e con l'iPhone e la mente un po' annebbiata ho scritto le due righe qua sopra. Si chiama errore. Poi sono riuscito a recuperare un'ora di sonno fra le 7 e le 8.

      Elimina
    5. E io che pensavo che 42 fosse una citazione colta, "la risposta" della Guida galattica per autostoppisti. Un libro senza figure che il prof deve aver letto...

      Elimina
  5. Io non ho mai dato una lira...e poi sa io pensavo al "quadratofigurageometrica". Beato me che non capisco un cazzo.

    Auguri sto cazzo allora.

    RispondiElimina
  6. Uhmm...
    il presente non mi convince più di tanto, direi che mi ispira una certa diffusa diffidenza, le previsioni per il futuro paion tetre, son tempi cupi, e in questo clima di incertezza non ho nessuna intenzione di accollarmi l'angoscia di un accredito bancario (che poi per un eventuale cancellazione sono sorci verdi, anche se tutti dicono di no, ma io mi fido della mia esperienza, un po' come con l'euro. Io stavo meglio prima. Molti non sono d'accordo ma io concordo (quasi) sempre con me stesso prima che con gli altri. Si stava meglio prima, almeno io).
    Quindi di accollarmi l'onere di adottare "a distanza" a/simmetrie, non ci penso proprio. (Già ho abbastanza di che preoccuparmi per me stesso. Mi spiace, ho un piano B incentrato sulla MIA personale salvezza, per gli altri, che tanto non mi ascoltano, ci ho rinunciato).
    Allora perchè perder tempo su questo blog, direte voi? Beh, non certo perchè creda che Alberto Bagnai riuscirà a salvare la galassia (ci vorrebbe Goldrake, ma mi sa che per ora i venusiani non gli hanno ancora distrutto il pianeta).
    Piuttosto perchè, per quanto mi pare, ogni alternativa è peggio.
    Il che non sembra molto incoraggiante, nevvero?
    Detto questo:
    1) Messaggio ricevuto
    2) E' natale (quasi).
    3) L'ultimo mese (nonostante tutto) ho incassato lo stipendio.
    4) Sta scritto qualcosa del tipo: "chiedete e vi sarà dato".

    ....please waiting....

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Professore!
    Io appartengo alla schiera dei lettori dal braccino corto: ho infatti contribuito con donazioni sporadiche e importi minimi.
    Sono inoltre un novizio del blog ed è dunque con non poca hýbris che mi accingo a dare un suggerimento: credo moltissimi lettori apprezzino ed attendano con ansia i "post tecnici", perché non subordinare la loro pubbicazione ad una sorta di crowdfunding (tipo quello che realizza Claudio Messora per i suoi video)? Sarebbe un buon pungolo ed una alternativa alla chiusura del blog.
    Grazie di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto anche pensando all'eventualità di rendere il blog una risorsa escludibile (anche se evidentemente resterebbe non rivale, quindi sempre bene pubblico - misto - sarebbe). Però qui c'è un problema di fondo. Lo scopo del mio gioco non è aiutarvi a sentirvi più intelligenti. La deriva "Cip e Ciop" tenderei a scoraggiarla. Per quanto possa essere un buon insegnante e voi dei buoni allievi sarete sempre beati. Quello che vorrei capiste è l'enorme problema culturale che abbiamo. Non è un problema tecnico. I post tecnici saranno anche divertenti, ma sono i meno importanti. Quelli potrebbe farli chiunque, se fosse un artista.

      Elimina
    2. Grazie Professore, ora forse ho meglio compreso quanto voleva comunicarci.
      Per me incontrarla (tramite l'intervista di Messora prima e il blog poi) ha determinato una tale rivoluzione culturale che ora il mio punto di vista sulla questione tende ad essere limitato ed autoreferenziale.
      Forse insieme ad altri lettori ("seguaci"?!) tendiamo a percepirla come una sotra di pastore che ci garantisce un "cibo" per noi ora essenziale e che ci indicherà la strada da seguire.
      Ma lei giustamente non ha bisogno di pecore, di mestiere non fa il pastore e il suo scopo non è di portarci a spasso per (pur belle) colline.
      Mi scuso per la metafora sgangherata, spero comunque di aver colto il punto.

      Elimina
  8. Eureka!
    Ma non sarà che i donatori del Blog assommano proprio a 52?

    RispondiElimina
  9. 52.....ho capito solo la storia dei divisori e che è il numero dei suoi anni....
    Quindi anche se lei non li vuole, io gli AUGURI glieli faccio lo stesso! :-)

    P.s. sono molto felice di contribuire (nel mio piccolo) nella modalità che preferisce il tesoriere ;-)

    RispondiElimina
  10. P.s. Totocalcio????
    Prof. lei non è al passo con i tempi, si deve aggiornare!

    RispondiElimina
  11. WR 104 potrebbe essere già esplosa 8000 anni fa.
    Anche io sono colpevole di versamento una tantum per puro egoismo e per puro egoismo provvederemo.

    RispondiElimina
  12. Proffe, ci sono anche queli come me che fanno donazioni annuali con bonifici una tantum perchè sono allergici ad ogni sorta di "vincolo esterno" (capisce ammè...). Voglio dire, se ordinassi alla mia carta di credito di donare tot al mese, sarebbe la mia carta di credito a donare e invece NO, voglio essere IO ad avere il piacere di fare regali a chi se lo merita o ha bisogno, tutte le volte che posso. La frequenza, per comodità, è annuale, faccio così da anni con varie altre organizzazioni fidate e bisognose, e finora non ho mai dimenticato un colpo... Abbia fiducia, e buon compleanno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo... basta automatisimi... affitto, equitalia, luce, gas, condominio.... Goofynomics? No, starebbe in troppo brutta compagnia.

      La mia piccola donazione (fatta di nascosto da mia moglie) comes from the heart, da un vincolo interno. It feels good and it feels right... (The Devil's specialty) Dobbiamo anche considerare i Vincoli Eterni.

      (Everybody scratch the balls)

      Elimina
    2. Ribadisco: a me frega poco. L'esigenza è più del tesoriere, perché il planning lo fa lui. Io so solo che Deus vult. Poi, quando mi sarò rotto i coglioni, passerò ad altro.

      Elimina
  13. Auguri prof!! Ho appena preso a Padova l'ultima copia del libro da regalare e una commessa ha detto all'altra: questo è da riordinarne parecchi perché sta andando via tanto!!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, speriamo che se ne accorgano in tempo al Saggiatore. Ma mi sembra di sì, sono stati loro a dirmi che siamo in classifica dei bestseller veri (non su Amazon, ma nelle classifiche dei librai).

      Elimina
  14. Carissimo prof. con la funzione di pagamento ricorrente mensile di Paypal ho risolto il problema di eventuali dimenticanze... nel mio piccolo ci tengo a contribuire per poter avere una corretta informazione economica

    ah, dimenticavo

    AUGURI!!

    RispondiElimina
  15. Tanti auguri prof !!! (per l'occasione mi concedo il triplo punto esclamativo, viva la ridondanza) e, è il caso di dirlo, grazie di esistere.
    Lo so: fa un po' "bagnaisti anonimi ("ciao, sono sicampeggia e sono seguace di Bagnai) ma chi se ne importa: è un fatto che senza lei e tutti gli altri, la qualità della mia vita in questo momento sarebbe stata molto peggiore di quella che è.
    Per quanto riguarda le pregevoli ma, ahimé, limitate virtù dei fichi secchi le dirò: riconsiderando il mio bilancio finanziario, mi sono accorta che alla voce "partecipazione" mi avanzano giusto sei, sette anni di mancati tesseramenti PD e mancate contribuzioni pro primarie, certo son pochi soldi ma vuol mettere il grande grande valore aggiunto? Provvederò ad investirle nella giusta maniera.
    Buon compleanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Saranno spesi bene. Una volta tolte di mezzo le ultime fetecchie "de sinistra", vedrai che tu potrai tornare a tesserarti al PD e io potrò tornare a pascermi di quel cibo che solum e mio. A quel punto potrai rigraziarmi e ci saluteremo.

      Elimina
  16. Buon compleanno! A lei e alla mia nipotina Lidia, 11 anni.

    RispondiElimina
  17. Io sono povero, tuttavia al mio primo colloquio di lavoro il boss ha detto che appena passa il jobsfuck e mettono le detrazioni mi assume, poi un contratto si trova (sorrideva mentre lo diceva, ma gli ho voluto tanto bene lo stesso). Se va m'abbono alla prima busta paga, non fosse altro perché è merito suo prof se ho scelto una specialistica che dà lavoro, se ho avuto il coraggio e l'interesse di affrontare - con tanti errori - la matematica che da anni avevo abbandonato.
    Per ora l'unica è contribuire con un visual DAR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, hai colto il punto. Il problema è che anche noi vorremmo dare un contratto a chi ci aiuta, perché a me non piace sfruttare le persone. La conseguenza è che sfrutto me. Ovviamente questo mi autorizza a rompermi i coglioni e lasciar perdere, ma io invece preferirei insistere.

      Elimina
  18. per natale potrò permettermi un versamento e così mi sentirò meno in colpa, grazie comunque di tutto e AUGURI

    RispondiElimina
  19. Ciao Alberto, oltre che contro i braccini corti, è molto dura combattere le menti corte: laureati, diplomati, liberi professionisti, dirigenti tutti quelli che hanno una istruzione superiore sono rimasti con il mononeurone del piddino: l'euro non c'entra niente, è tutta colpa di noi italiani! Sto leggendo "L'Italia può farcela", magnifico come il primo, comprensibile per chiunque abbia conseguito una licenza media e....la curiosità di capire abbandonando i luoghi comuni. Per il 99% degli "istruiti" questa curiosità è del tutto assente. Comunque sia, auguroni Alberto.
    P.S.: le cooperative piddine stanno saltando come funghi (chissà perchè!) e purtroppo è saltata anche quella dove avevo trovato lavoro: ho solo sei mesi di disoccupazione e fino ad allora il mio contributo mensile è assicurato, poi chi vivrà vedrà.......

    RispondiElimina
  20. Ok, ho appena inserito la donazione periodica, è stata un'esperienza affascinante (so che non ci si dovrebbe vantare di queste cose, ma è per creare l'effetto valanga).
    Ancora auguri, prof.
    Dato che oggi è anche il compleanno di Emily Dickinson, le regalo questa bella poesia, che una volta mi è stata riportata alla memoria da una sua frase ("uno scaffale di libri alle spalle, una tastiera davanti a me").

    I stepped from Plank to Plank
    A slow and cautious way
    The Stars about my Head I felt
    About my Feet the Sea.

    I knew not but the next
    Would be my final inch —
    This gave me that precarious Gait
    Some call Experience.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardi che passo a Becchetti, poi non dica...

      Elimina
  21. Caro Bagnai,
    meriteresti un seguace migliore.
    Ma per fortuna la vita è ingiusta.

    Auguri sinceri.

    ( adesso provvedo a svuotare,letteralmente,la Posatapay di mia moglie )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che meriterebbe un marito migliore...

      Elimina
  22. Io avrei bisogno di fare una domanda: chi già sta effettuando una donazione ricorrente può in qualche modo modificarne l'importo? Se sì, come si fa?

    Abbiate pazienza, ma tra le varie cose in cui sono imbranato l'uso di internet occupa posizioni di vertice.

    RispondiElimina
  23. Ho fatto due donazioni ad a/simmetrie ma, se faccio un bilancio di quello che ho dato e quello che ho ricevuto, mi sento comunque un free rider. Provvederò al più presto con un flusso regolare (non voglio avere sulla coscienza il tesoriere...).

    Dimenticavo, tanti auguri (appenditeli dove c. vuoi)!
    Massimo

    RispondiElimina
  24. Buon compleanno! A lei e alla mia nipotina Lidia, 11 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fa gli anni due volte invecchia in metà del tempo (vedi sopra).

      Elimina
  25. Ho dato un mio piccolo contributo ieri. Date le mie finanze molto traballanti posso solo dare contributi irregolari come faccio da quando è nato A/Simmetrie che considero una della più importanti iniziative di ricerca economica (data anche la possibilità di sua evidenza pubblica) che ci siano in rete. Appena posso proverò anche a dare un contributo minimo ma continuativo.
    Continui prof., ne abbiamo bisogno tutti.
    E AUGURI

    RispondiElimina
  26. Non c' è più bisogno di CAPTCHA per postare?

    RispondiElimina
  27. Numero di conferma: 36A595139H187022T

    Auguri

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  29. Ho dato anche io il mio contributo, piccolo ma ricorrente. Per la gioia del tesoriere. Grazie per tutto il lavoro che fate. E cento di questi giorni.

    RispondiElimina
  30. Ed ecco il regalo di compleanno da parte dei repubblichini:

    "Tra interessi e rimborsi di prestiti, l'indebitamento genera spese pari al 19% del Pil all'anno"

    RispondiElimina
  31. Tanti auguri prof, alla via così per almeno altrettanti anni!

    Tra l'altro il 52 possiede proprietà di simmetria grafica, basta scriverlo in formato calcolatrice elettronica; unendo così le cifre, si ottiene il profilo di un bicchiere, con cui oggi lei sicuramente festeggerà, e in cui mescerà del buon vino italiano.
    Nel mio piccolo contribuisco con quota minima ma costante al suo lavoro di divulgazione, che definisco ottimo visti i risultati ad ormai tre anni dalla nascita del blog. Grazie.

    RispondiElimina
  32. Intanto, congratulazioni e auguri: pervenire a un compleanno, il proprio, non sarà un "merito" in senso stretto ma qualcosa è e da qualcosa e da qualcuno almeno in parte dipende, pertanto le congratulazioni sono dovute.

    Gli auguri, di conseguenza.


    Stamattina ho fatto il bonifico finora rimandato per disorganizzazione - non trovare il momento, continuare a rinviare... - e dunque anche questa piccola notizia è in tema. Quanto a organizzarmi mensilmente dal prossimissimo anno, preferisco provvedere dal prossimissimo anno anziché promettere.

    RispondiElimina
  33. Carissimo prof. Dio solo sa quanto la stimo, è il suo compleanno!Auguri! Vorrei tanto contribuire alla sua causa economicamente ma sono un ingegnere specializzato e disoccupato choosy, per cui non posso; in compenso offro la mia forza lavoro per fare anche le fotocopie per la sua causa che condivido in toto

    RispondiElimina
  34. «Se l'Italia e la Francia non procederanno con le riforme annunciate si arriverà "a un inasprimento della procedura sul deficit". E se "alle parole non seguiranno i fatti, per questi Paesi non sarà piacevole". Lo ha detto il presidente della commissione Ue, Jean-Claude Juncker, intervistato dal quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung»

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante divisioni ha Juncker?

      Elimina
    2. Juncker come esperto fiscale lussemburgese potrebbe dare consigli al italia su thematiche come: "paradisi fiscali è multinazionali" o "attrarre investimenti in salsa lussemburgese".



      Elimina
    3. Juncker si affida alla propaganda, che è capillare e per ora funziona ancora. Tanto è vero che all'avvertimento di Juncker Padoan ha risposto con la stessa fermezza e senso di responsabilità con cui Garibaldi si rivolse a Vittorio Emanuele II a Teano: obbedisco. Dal canto suo, Renzi ha avvertito che “se falliamo, c'è la troika”. E siccome dentro l'€ la situazione non potrà che peggiorare rischiamo seriamente di finire non “come la Grecia”, ma piuttosto come gli Usa di Obama, che non sono usciti brillantemente dalla crisi come recitano gli estimatori dell'America, ma si confronta con una povertà in piena espansione nei quartieri di molte città americane. Secondo cityobservatory.org siamo di fronte ad “una tendenza preoccupante: il numero di persone povere che vivono nelle aree urbane ad alta povertà è più che raddoppiato da 2 a 4 milioni nel corso degli ultimi 40 anni. Inoltre, il numero di quartieri ad alta povertà è quasi triplicato da 1.100 a 3.100”.
      Va anche notato, come sottolinea John Williams, esperto di dati statistici del governo, «che l'occupazione a tempo pieno in America oggi è inferiore di 2,4 milioni rispetto al 2007».
      Poi, a furia di raccontare una realtà inesistente anche la propaganda perderà di efficacia e si terrà occupata la popolazione con qualcos'altro: il referendum di Grillo sull'€, la ridiscesa in campo di Berlusconi, la corruzione a Roma, ecc. E se non basta si aggiunge Ebola, Isis, la “Russia che minaccia il mondo”, un'invasione aliena, ecc.
      Fino a che la destra risorgerà più forte che pria e si ricomincia daccapo.

      Elimina
  35. Io sono portatore di un intollerabile privilegio: Godo ( nel senso che percepisco mensilmente) della mobilità. Una cosa che, mi sembra, sia stata abolita per i disoccupati a venire. Quindi dispongo 10 € al mese e buon lavoro.
    In fondo è meno di quello che spenderei comprando quotidianamente un immondo giornale PUDE ( che infatti non compro) .

    RispondiElimina
  36. Fatto prof., anche se di più non posso. La crisi ha distrutto anche la domanda relativa ai servizi offerti dalla mia professione. Posso assicurarle però che manterrò costanti le donazioni, non sia mai avere sulla coscienza un tesoriere morto per infarto.
    A proposito, il libro è straordinario!
    Buon compleanno!

    RispondiElimina
  37. Buon Compleanno Prof.
    La frequentazione del blog ha prodotto un risparmio netto come minimo di di 1,50 euro a settimana x 52 settimane/anno (repubblica del venerdì) pari a 78,00 euro/anno, e il profitto di un percorso di consapevolezza che non ha prezzo.
    Grazie.
    Provvedo.

    RispondiElimina
  38. Mi è venuto in mente che in molte associazioni esistono i soci sostenitori, che hanno il solo privilegio di potersi vantare di essere soci e il dovere primario di sostenere. In questo modo si potrebbe avere la possibilità di pianificare. In più sarebbe possibile contribuire una tantum per particolari esigenze. Per quanto mi riguarda mi metto all'opera per rendere costante l'obolo, come da richiesta. Giusto per curiosità: come fate a sapere quanti lettori "obolano?" Spesso il nickname non corrisponde al nome col quale si fa la donazione.

    RispondiElimina
  39. Mi son dimenticato gli auguri. I miei più sinceri, prof.

    RispondiElimina
  40. AUGURI professore!
    Ho fatto il "cosa" ma non il "come" e il "quando".
    Non s'incazzi, va bene che è il mio guru, ma se fossi una che sta sempre zitta e in riga non sarei qui, le pare?
    Comunque stia tranquillo, non procurerò neppure un'extrasistole al cuore del tesoriere.

    E siccome oltre che fondamentalmente anarchica (caratterialmente non politicamente) sono anche una rompiballe sfacciata, sarebbe carino ricevere un messaggio da Asimmetrie.
    Sì, lo so, non si incazzi, siamo noi a dover essere grati a lei (e infatti lo siamo) ma un "grazie" che parte in automatico (mica lo scribacchino, eh!) non costa nulla.
    Poi lo stamperemo e attaccheremo fra le tombe etrusche e i quadri del Tintoretto, però fa piacere.

    RispondiElimina
  41. Domanda:ci potrebbe essere la possibilità il prossimo anno,per quei fortunati che ancora un reddito lo avranno, di donare il 5x1000 ad A/Simmetrie?
    Il tesoriere dovrà subire il mio piacere di un unico contributo,ci provo più gusto, mi sembra di essere più vicino al vostro sforzo.
    Evitando ormai accuratamente di comperare quotidiani,il mio è un semplice trasferimento di risorse,però ,in confidenza, devo dire che prima di passare da queste parti, io stavo benissimo nella mia splendida ignoranza.
    Si scherza Prof.ancora grato di avermi fatto conoscere Buxtehude,ma mi commuove ancora ascoltare Lalene dì k.jarret https://m.youtube.com/watch?v=vVJE4UBC8lw

    RispondiElimina
  42. Bisogna meritare di stare qui, son d' accordo; oggi ho fatto il mio dovere che deve diventare periodico. Mantenere questo luogo aperto ed attivo è fondamentale.
    Auguri e grazie.
    Alberto Barsi.

    RispondiElimina
  43. Comprendo i problemi legati alla gestione dei flussi di cassa, ma sono allergico ai versamenti ricorrenti: meglio maledetti e subito (anche per il cassiere direi, su un impegno di pagamento futuro è pur sempre possibile il "default"), a gennaio verserò il contributo per tutto il 2015.

    Dimenticavo, auguri!

    RispondiElimina
  44. Per festeggiare, sperando che la seguente sia gradita:

    La pazienza del ragno
    (Raccordi e diaframmi spazio-temporali nel territorio di Pieve Ligure.
    Con una divagazione)

    Una tela di ragno
    crocifissa tra due ulivi
    circoscrive e reticola - fragile oblò -
    il mare irato allo strapiombo delle rocce.
    Intravisto così, attraverso la ragnatela,
    l'urlante mare del libeccio
    non fa paura.
    (Ma solo grazie alla tramontana
    Rubaldo Merello poté catturare
    le rapinose prospettive aeree
    su mare palpitante, sottomesso).
    Mitologie estive, tese e ferventi,
    preludono a caligini autunnali,
    nel tempo in cui l'erta di Pieve
    si popola di donne intente al rito
    della raccolta delle olive.
    La fortezza del ragno resiste all'incalzare dei venti,
    ora squassata e rigonfia, ora ondulante,
    mai diroccata.
    Paziente, il ragno rinforza la sua tela; aspetta.
    E così solo lui saprà con lieve anticipo
    il giorno della mimosa,
    quando a milioni dilagheranno acini di sole,
    rinnovata asseverazione del cosmico respiro
    a Pieve,
    alle sue case, ai suoi cortili.


    L'autore non è un nome anche se un nome ce l'ha, Egidio Morando.
    La poesia si trova in: Isa Morando, Egidio Morando, ...et fuga temporum, Casa del silenzio edizioni, Novi Ligure, 2014, pp.101-102.


    RispondiElimina
  45. Tanti auguri Professor Bagnai e buon compl€anno !

    2 cose mi vengono in mente ora:
    1) Lei che in Ideas è classificato al 360° posto in italia, fra gli economisti;
    2) "L'Italia può farcela", diventato best seller dei librai in una settimana.
    E allora deduco che, o Ideas è una grande bufala, oppure lo è la classifica dei librai.
    Poi però penso che il libro è una bomba, perché lo sto terminando di leggere avidamente, e allora mi convinco sempre di più che ha ragione Lei, Professore.
    Si sta avvicinando il momento di grandi cambiamenti, nella pubblica amministrazione, nell'Università e, perché no, anche nelle aziende.
    Un cambiamento che non ce lo chiede l'Europa, ma il buon senso e la logica dei fatti.
    Fra poco ci toglieremo dalle scatole l'euro e tanti altri ostacoli.
    Insomma, l'Italia può farcela davvero ed anche per questo stasera brinderò alla Sua ed alla nostra salute, slurp slurp :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente mentre scrivevo il libro sono diventato 117-esimo, ma l'editor per non si sa bene quale motivo ha ritenuto di cassare questa informazione che tutelava la mia credibilità scientifica. Evidentemente riteneva di poterselo permettere. E io, paziente, ho dato all'editore il tempo di capire con chi aveva a che fare, e ora ci parlerò. Cunctando restituit rem (ma non ditelo al mio editor: non ha fatto il classico). Comunque, a prescindere dal fatto (noto) che la ggente dovrebbe capire che a rompermi il cazzo si rischia, ti fornisco questa informazione per edurti del fatto che nei ranking internazionali ormai si tiene conto dell'impatto complessivo di un economista, incluso quello che esercita attraverso il suo blog. Scommettiamo che fra un annetto o due sarò top 50?

      Elimina
    2. Alberto Bagnai 11 dicembre 2014 00:25

      Scommettiamo che fra un annetto o due sarò top 50?

      Le propongo io una scommessa:

      Berlusconi

      Monti

      Letta

      Renzi



      scommettiamo che PRIMA che lei raggiungerà la top 50 l'Italia sarà governata da un babbuino?

      Elimina
  46. Letto - colpito - donato (piccola, ma ricorrente)

    RispondiElimina
  47. Ora é l'ora giusta Professore Auguri per 100 Anni.

    RispondiElimina
  48. Nella speranza che il blog e l'associazione possano contribuire effettivamente alla consapevolezza diffusa della moneta unica come gabbia distruttiva per il nostro paese e conseguentemente possano aiutare fattivamente la nostra classe dirigente a reagire e a prendere le giuste decisioni (oggi mi sento particolarmente ottimista e speranzoso .... Bah forse mi sto ammalando!) - che sarebbe a dire possano aiutare uno zoppo a scalare Everest e K2 insieme senza ossigeno e sherpa - ho fatto la mia donazione ricorrente come richiesto. È ciò anche se aspetto ancora una sua risposta ad una mia domanda pubblicata in risposta al suo post Durchsichtigkeit International.
    Un mare di auguri.

    RispondiElimina
  49. Fatta donazione ricorrente, avrei preferito farla totale come l'anno scorso, ma se così vuole il tesoriere...
    Ah, letto i post successivi, e tra tutti questi geniali matematici nessuno ha pensato all'ovvio (all'ovvio non pensa mai nessuno):
    5+2=7 Il numero di Plateroti!
    Auguri

    RispondiElimina
  50. Buon compleanno prof...anche se in ritardo! Cambio anche io modalità di donazione

    RispondiElimina
  51. Dopo la conclusione di Goofy3 è iniziata per me una sequenza di impegni non eludibili né delegabili, che si sta concludendo in questi giorni con una confortante serie di messaggi di 'cessato allarme'.

    So bene di essere in ritardo, ma non ho dimenticato niente, si tratta soltanto di un impedimento temporaneo in via di superamento.
    Per le modalità prendo atto dei desiderata del tesoriere, e mi regolo di conseguenza.

    Per quanto riguarda il lavoro che resta da fare e lo spirito con quale affrontarlo, concludo con una citazione che nell'Italia disperata e ottosettembrara dei nostri disgraziati giorni dovrebbe essere scolpita agli angoli delle strade:

    "Nei momenti difficili non dobbiamo perdere di vista i nostri successi,
    ma guardare al luminoso avvenire e raddoppiare il coraggio."
    (Mao Tse Tung, 1944)

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.