MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 7 novembre 2014

Domani (lo streaming)

Ora voglio sentirne ancora uno che chiede: "Ma dov'è lo streaming?"

È qui davanti al vostro naso, va bene? Se vi ho detto che ci sarebbe stato, significa che ci sarebbe stato. Allora chi me l'ha chiesto adesso ora ci si mette davanti e per 20 ore guarda lo schermo nero:












(miiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii quando siete ansiosi! E quanto non sapete aspettare! Per forza poi non ottenete niente! Il famoso "aspettate di vederli nel bianco degli occhi!" che fine ha fatto? Bisogna saper aspettare e bisogna essere carini e coccolosi. Visto come mi sono comportato bene con l'on. Gozi questa mattina? Visto com'era cambiata l'aria? Mi è toccato difenderlo dai giornalisti, giuro. Stradaje a ride.... E comunque, se siete ansiosi voi, figuratevi io! Dovrebbe essere la nostra festa, e io per festeggiarla ho avuto la bella idea di presentare il modello scegliendo come correlatore niente meno che Francesco Lippi, che sarebbe un po' come scegliere di suonare una partita di Bach in costume da bagno di fronte a Bob van Asperen - più 500 persone in sala e tre rosiconi a casa loro col ditino puntato! Il prof. Lippi ha semplicemente detto "a" e già ha trovato una magagna nel modello. Rimediata grazie all'incessante lavoro di Christian. Domani mi triterà, ma va bene così: a me piace crescere, sapete che non mi piace vincere facile, e se ho tendenza a sbattermene delle critiche dei dilettanti, quelle dei professionisti invece me le vado a cercare.

Ribadisco il solito concetto: il prof. Lippi, come del resto il prof. Boldrin, non la pensano esattamente come noi. Ma crescere significa accettare le opinioni altrui e confrontarsi. Lippi finora mi ha aiutato molto a capire i limiti della mia analisi, è stato molto professionale e voi sarete molto cortesi, come sapete essere. Io, viceversa, sono stato tutt'altro che professionale, perché fra i problemi col libro, e la comparsata in tv, non sono riuscito a mandargli in tempo una versione "clean" del lavoro, come avrei voluto. Lo ringrazio tanto più per la disponibilità. D'altra parte, vi segnalo che a me, questa mattina. di "sbranare" l'on. Gozi nel momento in cui succede questo non andava proprio. Non avrebbe avuto senso, tanto più che se questo succede, ciò dipende in parte dal fatto che io e Vladimiro non abbiamo fatto gesti eclatanti, ma scritto libri eclatanti. A proposito di libri, quindi, ricordatevi di Kutuzov, se avete letto Guerra e Pace. E se non l'avete fatto, fatelo prima di domattina - naturalmente fissando lo schermo dello streaming...)

22 commenti:

  1. Non vedo l'ora di essere lì a Pescara.
    Da profanaccio non conosco i lavori del professor Lippi e sicuramente, a differenza delle sue fidanzate tradite, non saprei nemmeno apprezzarli, però mi fido.
    Sarà sicuramente molto interessante seguire tutto il dibattito e vedere alla prova il suo modello.
    Si cresce solo confrontandosi con i migliori o cmq quelli che sembrano migliori.

    Potrebbe però sbisciarci un po' di gossip della mattinata :-)

    Nota a margine: stamattina accendo la TV trafelato per vedere Omnibus. La mia ragazza mi dice testualmente "perchè accendi la TV a quest'ora, cosa c'è il tuo amore in TV ?" #DAR povero me, che reputazione che ho in casa...

    In bocca al lupo per domani

    RispondiElimina
  2. Visco: “Mi chiedo se sia stata la cosa giusta”.
    Boccia: “Senza Eurobond e solidarietà è un progetto fallito”

    Forse cominciano a pensare: "..e se la Merkel ci dirà no?"

    Intanto ella è occupata insieme ai suoi industriali a farsi gli affari propri con Mosca, ma va!

    RispondiElimina
  3. Alberto, devi capirli, so' regazzi!
    Anche io che faccio tanto il duro sono agitato come un frappè, ho già la valigia fatta e guardo l'orologio ogni cinque minuti.
    Anche a me fa piacere sentire il parere di chi non la pensa come me, ma a condizione che (1) sia un parere e non uno slogan e soprattutto che (2) chi ho di fronte dell'argomento ne sappia almeno quanto me oppure che (3) sia lui a chiedermi perché non la penso come lui.
    Prometto che farò il bravo, anzi, verrò giù addirittura in borghese. Sono sicuro che ci divertiremo ugualmente.
    Magari quando verrà giù l'euromuro, e ci saranno le conversioni di massa, e tutto il resto qualche mortaretto ...
    A domani, mein lieber Freund.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Controllato valigia?
      Preso tutto?
      Biglietto, pigiama, calzini, lanciafiamme....

      Elimina
  4. Dalla perfida Germania da "live streaming is not available in your country due to rights issues". GOMPLOTTO?!

    RispondiElimina
  5. Ritorno dall'estero stasera e domattina di corsa a Pescara. Con trepidante ansia. Qualcuno si muove da Roma in macchina? Si potrebbe condividere viaggio e spesa (in Italian Liras ovviamente)...

    RispondiElimina
  6. Causa impossibilità a viaggiare cedo mio biglietto per goofy3
    aggratis ovviamente
    contattatemi qui: l.domizioli@gmail.com

    RispondiElimina
  7. Vero, stamani è stato buonissimo. Ma ogni tanto si sentivano, fuori campo, dei profondi sospironi. Erano suoi?

    RispondiElimina
  8. Prof-Skipper,
    chi è il Kowalski che le ha fornito l'arma suprema, la cover per cellulare con "ladiecimilalire"?

    Questo è quello che vuol dire "carini e coccolosi"...

    Però visto che "su Gozi non si può", un pochino poco di asfaltino per la giornalista bionda del sole24ore ci stava, dai....

    Buona festa a tutti, resto a rosicare a 700km di distanza; magari un po' di streaming aiuterà

    RispondiElimina
  9. Professore, scopro ora che lo streeming non è disponibile in Germania (casualmente sono qui questo weekend). Peccato. Dirà lei "tanto non avrebbero capito"...vero. Io però l'avrei seguito volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova Proxflow (per Chrome) http://proxflow.com/ - dovrebbe permetterti di vedere vari tipi di contenuti multimediali che in Germania sono bloccati (GEMA, etc.).

      Elimina
    2. Ok fai cosi, vai su http://www.youtubeunblocker.org/ link > SSL Unblocker oppure > Video Proxy copia la stringa dell'indirizzo nel campo indicato se non funzia vai su http://www.proxfree.com/

      Se non partono i collegamenti abilita/disabilita l'SSL (click sui lucchetti).

      Best
      mm

      Elimina
    3. Cambia i DNS o usa una VPN.Puoi usare i DNS di Google

      Google DNS

      Server DNS preferito: 8.8.8.8
      Server DNS alternativo: 8.8.4.4

      OpenDNS

      Server DNS preferito: 208.67.222.222
      Server DNS alternativo: 208.67.220.220

      Come? Googola un po'.

      Oppure usa una VPN come Cyber Ghost
      quì

      Elimina
  10. Caro Prof. Alberto,
    buon lavoro e buona festa a tutti vicini e lontani.

    (Alessandra da Firenze. B. Britten, "Songs from a Friday Afternoon Op. 7: Cuckoo"; G. F. Handel, estratto da "The Cuckoo & The Nightingale, concerto n.13 in Fa maggiore per organo e orchestra")

    RispondiElimina
  11. ...e guardacaso in trasmissione Gozi disse qualcosa come "l'euro non è un tabù", come nel titolo del giornale. Buttano lì queste keyword "innocentemente", come lo slogan "sindacato inefficiente" di house of cards (http://www.huffingtonpost.it/lorenzo-rossi-doria/renzi-esci-da-questo-house-of-cards_b_5900346.html)

    RispondiElimina
  12. E adesso, molto superficialmente, ho fatto la conoscenza del generale Kutuzov.
    Le stringo la mano, ho sempre molta difficoltà con gli aggettivi.

    RispondiElimina
  13. Scusate la banalità, ma lo streaming si dovrebbe vedere sulla homepage, all'interno dell'ultimo post ? Perchè io vedo solo uno spazio vuoto..

    Grazie

    RispondiElimina
  14. “... ricordatevi di Kutuzov”

    «Il merito di Kutuzov non consistette in una manovra strategica geniale, come alcuni vollero sostenere, ma nel fatto d'aver capito, lui solo, il significato di quanto stava accadendo. Lui solo capì fin da allora il significato dell'inazione dell'esercito francese; lui solo non si stancò di ripetere che la battaglia di Borodino era stata una vittoria; lui solo, pur essendo colui che, per la sua posizione di comandante supremo, avrebbe dovuto essere il più propenso ad attaccare, dedicò tutte le sue forze a trattenere l'esercito russo da inutili scontri».
    Lev Tolstoj, Guerra e pace, pag. 667

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.