MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 20 marzo 2014

Comunicazzioni di servizzio

Oggi me ne sono andato a TgCom24 con un tassista che era una vera sagoma. Vorrei raccontarvi la metà di quello che mi è raccontato, e poi potrei chiudere il blog: ci sarebbe da ridere per i prossimi cinquant'anni. Ma, purtroppo, la dura realtà mi impone compiti meno dilettevoli.

In extremis vi segnalo questo dibattito, al quale sto andando (15:30, Auditorium di via Rieti 11... A proposito, fammi vedere dove sta... Ah, sta vicino, meglio...).

Poi, cosa più importante, volevo parlarvi del convegno del 12, con alcune precisazioni che mi avete chiesto, e altre che non mi avete chiesto.

1) Ci sarà lo streaming (e ovviamente è gratis)! Al momento non sono in grado di dirvi il link, verrà comunicato come al solito via blog o Twitter. Non c'è bisogno di iscriversi a Twitter, basta controllare qui prima dell'inizio dell'evento.

2) Ci sarà una baby sitter.

3) Ho trovato un sostegno che mi ha permesso di non far pagare di più i ritardatari. Meno male, perché il biglietto già costa molto. Comunque, spero di potervi offrire di più (non potendo farvi pagare di meno). Ci sto lavorando. Occhio però perché fra pochi giorni partiamo con la campagna sui media tradizionali, quindi se pensate di volerci essere... seguite il mercato.

4) Il titolo dell'evento è cambiato e il nuovo è qui. Ho lavorato tre giorni con quattro persone e alla fine ci è venuto questo: più esplicito, più aderente alla realtà. L'evento propone e discute un blueprint per l'eventuale uscita dall'euro. Eventuale nel senso che eventually avverrà, quindi meglio gestire che subire (cosa che i politici che discutono del 3% dopo aver votato lo 0% evidentemente non possono arrivare a capire).

5) Come avrete capito da quanto ci siamo detti sopra, con il vostro contributo e in conformità con quanto vi avevo detto in sede di rendicontazione sono riuscito a metter su un ufficio stampa.

Sono due donne (sono filogino, come sapete) che stanno dando un aiuto eroico, perché l'evento, nell'impostazione che ero stato costretto a dargli da una serie di sfortunati eventi (se semo capiti), presentava caratteristiche che lo rendevano poco appealing per la stampa tradizionale. Ma ora il nostro Palazzo d'inverno è lei, la nostra amica stampa, quella che periodicamente rinsalda la nostra fede nell'Altissimo. Che l'evento sia di sabato è un problema per i giornalisti, ma di questo me ne infischio perché se fosse di giorno lavorativo sarebbe un problema per voi. Che il titolo fosse "moscio" era altresì un problema, ma era stata una scelta obbligata per motivi che è inutile richiamare e ora abbiamo rimediato. Che non ci sia la "notizia"... be', stiamo lavorando anche su questo. Ma non chiederò a nessuno di voi di darsi fuoco, beninteso. "Er gesto eclatante" lo lasciamo ai mille ciuchi che corrono meno di un cavallo, lo lasciamo a chi non crede nella forza delle idee e della parola, del Logos (vedi sopra).

La famiglia cresce, e lo spirito deve sempre essere quello del daje a ride, la famosa dajenomics, come l'ha ribattezzata Riccardo Puglisi (presente all'evento). È l'unica cosa che ci garantisce che comunque vada sarà un successo. Raccolgo la vostra disperazione e la vostra stanchezza, ogni santo giorno che Dio mette in terra. Sono un privilegiato e mi è facile esortare gli altri a perseverare. Lo so. Ma questo dobbiamo fare per i nostri figli e anche, guarda un po', per i nostri nonni. Se non ce la fate più, venite qui a dirlo e sarete ascoltati. Ma non dite che gli altri stanno vincendo, perché non è così. Dite che non ce la fate più. Non ce la faccio più nemmeno io. Ma non voglio dargliela vinta, capite? Mamma mi ha fatto testardo.

Torno a sudare sangue...

33 commenti:

  1. Speriamo che l'Altissimo provveda anche per questo .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però con calma. Prima devo trovare un altro giornale che mi pubblichi. Et tunc dimitte illum, Domine...

      Elimina
    2. L'ho letto velocemente adesso.
      È proprio vero che la razza umana non cambia mai, se non nell'apparenza.
      Del resto, in taluni "mestieri", l'assenza di etica è un vantaggio evolutivo.

      Elimina
    3. Il Fatto Quotidiano... che nome sublime! Subliminale, piuttosto. XD
      Dal cognome del direttore si potrebbe arguire di tanto...'na bella pajata, ad esempio... :D

      Elimina
  2. Però, non male per un prof. di provincia uso a compitini ragionieristici e privo di visione politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sto facendo aiutare, ma posso smettere quando voglio...

      Elimina
    2. Ma noi sappiamo che non vuole

      Elimina
    3. Eh, no, in effetti siete una droga...

      Elimina
    4. So bene che lo 'sticazzi scorre potente in te. Ed è arma formidabile, una delle cose che spiazza completamente i fini analisti politici (dell'Illinois ma non solo).
      P.s. Una curiosità sull'incontro di oggi: mi hai fatto di nuovo agitare
      l'amico Bruno? Si è fermato ancora al rosso pompeiano o stavolta è arrivato fino al blu tenebra?

      Elimina
  3. Mollare? Dargliela vinta? Ma scherziamo? Se non altro fino all'ultimo dobbiamo essere fastidiosi, appiccicosi, sempre d'intorno. È già unpiacere an sich und fuer sich vedere un uomo così gentile, educato e pacato come l'onorevole Mauro fuori dei gangheri. E poi certo lo facciamo per i nostri figli; ma io lo faccio anche per mio padre (più che per mio nonno, pure morto nel '16 al frinte): per fortuna è morto nel 1989 senza vedere il crollo del muro e tanto meno la riunificazione che lo avrebbe mandato fuori di sentimento. Aveva conosciuto molto bene i "genitori" della Merkel e di Schaeuble, non sarebbe stato possibile tenerlo calmo alla vista di Piller&Gumpel.

    RispondiElimina
  4. Ho già allestito la postazione video, tra uova di cioccolato e colombe, gratis o meno, la diretta ad un evento simile vale una bella donazione alla nostra a/ssociazione preferita! Grazie.

    RispondiElimina
  5. ...E, d'altra parte, questo è uno dei pochi clusters di pensiero da cui si possa ricominciare a metastatizzare la nazione.
    E poi vuoi mettere il fato...forse, da ggiovane vedevi un futuro da filosofo e musicista e, sulla via di Damasco sei stato irresistiblmente chiamato alla scienza triste (vocato, direbbero gli antichi), magari senza sapere perchè. E ora quel perchè è diventato evidente. se questa non è la forza del destino...
    Scolio: ce so' tanti economisti in questo paese, tanti avrebbero potuto unire i puntini, epperò non l'hanno fatto e, anche se non escludiamo a priori che alcuni possano averlo fatto, mica hanno messo in piedi tutto sto casino come avette fatto voi due (l'altro è CB).
    Ps. Ci sono assai pochi economisti dei quali penso che facciano un mestiere molto più utile del mio

    RispondiElimina
  6. Ai Lasso! Chi di Josefa ferisce di Chil(i, con carne, tanta :D ) rischia di perire...
    della serie: dolce stil vecchio...

    PS dove andrà la Bocassini? E Bruti, "tu quoque"? XD
    E' proprio vero che gli italiani ricascan sempre tra farsa & capestro...

    RispondiElimina
  7. Per Il Titolo.
    UN EUROPA SENZA EURO. COSTI E BENEFICI.
    Il titolo è più corto: lo specificare nel titolo scelto che i costi ed i benefici riguardano le famiglie e le imprese e che le proposte e le valutazioni sono svolte da politici ed economisti non aggiunge nulla al senso del titolo ma lo allunga e lo rende meno attraente.
    E' un contributo non una critica..

    RispondiElimina
  8. A proposito di tedeschi, come fece Hitler a mettere su una potenza industriale e militare da un paese disastrato? Così.
    Non lo sapevo, quante belle cose si imparano dalla storia! Purtroppo non mi basterebbero 2 o 3 vite intere per conoscerne la metà.

    PS: ringrazio Wally Va su FB per lo spunto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sistema (creato all'inizio per aggirare i limiti del trattato di Versailles) funziono' talmente bene (ci fu un aumento del PIL del 50% in pochi anni) che (secondo alcuni studiosi) nel 1939 non si poteva far altro che scatenare la guerra!
      Nella seconda meta' degli anni trenta anni i grandi fornitori di beni e servizi del Reich (i piu' 'strategici', non tutti) potevano decidere se recarsi presso la banca centrale ad incassare i marchi corrispondenti alle fatture QUIETANZATE in loro possesso oppure tenersele nel cassetto ed incassarle a scadenza (percependo un 4% circa di interesse).
      Fu tale la fede dell'apparato militar-industriale nel regime (che aveva provveduto a finanziare con oltre 80 miliardi di marchi) che tali fatture quietanzate cominciarono ad essere utilizzate anche come strumento di pagamento interno tra societa' fornitrici dell'apparato statale.
      Il problema strutturale di un tale sistema e' che, senza correttivi, non puo' essere in equilibrio.
      Se ad ogni marco di ricchezza prodotta per il Reich (sotto forma di forniture di beni e servizi strategici) corrisponde un marco di moneta in circolazione si capisce subito perche' non ci puo' essere equilibrio: il volume di ordinativi strategici nell'anno di solito o cresce o rimane quasi costante (capito perche' Finmeccanica la vogliono in molti?).
      La massa di moneta 'Federgeld' cosi' creata cresce quindi anch'essa nel tempo (in quanto non c'e' nessun meccanismo di 'distruzione' automatico di questo tipo di moneta, tranne un falo' nel camino...) e prima o poi, se continui a produrne sempre di piu', la massa di 'Federgeld' comincia ad eccedere di troppo le necessita' del commercio interno (alcuni studiosi ipotizzano che questo sarebbe avvenuto in Germania nel 1940).
      E' quello il momento in cui o scateni una guerra di espansione oppure accetti il tracollo di fiducia.....
      In momenti di emergenza nazionale, in base all'esperienza storica, credo sia molto meglio stampare 'greenbacks'.

      Elimina
    2. ...e con questo abbiamo messo una bella pietra tombale su quella che il buon Guerani opportunamente definisce l'economia dei buoni pasto (ticket lunch economy), in Italia validamente rappresentata dai soliti noti (CCF, ad esempio). RIP e parliamo di cose serie, usando sempre il rasoio di Occam e ricordandoci che la SStoria non è finita, le guerre ci saranno sempre, il che non è un buon motivo per persevarere nell'uso di sistemi intrinsecamente instabili, anzi!

      Elimina
    3. Caro Prof. non ne sarei così sicuro.
      Si possono sempre trovare dei correttivi, il primo che mi viene in mente è che in caso di economia surriscaldata si può drenare la liquidità tramite tassazione, eviterei l'uso dei tassi di interesse per non creare scompigli.
      Scusate se non essendo der ramo vado ad intuito, io penso che la massa di moneta debba avere una corrispondenza in beni, se cresce troppo o troppo poco si possono usare delle tecniche per correggere la tendenza.
      In elettronica (il mio campo) si chiamano circuiti di retroazione.

      PS: lo so prof. che è contrario ai ccf etc etc. ma so anche che il grosso punto debole dell' euroexit è la necessità di farlo all'improvviso e sinceramente non vedo come sia possibile.
      I CCF o stampare semplicemente Lire non convertibili potrebbe essere una soluzione perché no?
      Spremersi le meningi, cavolo.

      Elimina
    4. Caporaletti, lei ha avuto un evidente imprinting donaldiano. I feedback loops esistono anche in economia, mi creda. L'idea che la tassazione serva a "drenare liquidità" è una imbecillità totale, la lasci a quel poveraccio di Barnard che, come avrà visto, è stato dichiarato infermo anche dall'ultimo baluardo delle sue pretese di scientificità: Mossler.

      Questo dibattito è chiuso. Lei si regoli come crede. Io sono dell'opinione che se getto il phon nella vasca da bagno non prendo la scossa (sì, la so la teoria: l'acqua non è un conduttore, ecc.). Io penso che la terra sia piatta. Io penso che mi son rotto i coglioni di ascoltare opinioni non tanto di dilettanti, quanto di persone alle quali un percorso culturale non ha fornito quei minimi strumenti critici utili a discernere il dilettantismo e la cattiva fede laddove esse fanno luce, laddove esse si presentano in tutta la loro funesta mediocrità.

      Per favore, questa è una zona dedonaldizzata. Punto.

      Elimina
  9. OT - Quando una immagine vale piu' di mille parole....

    http://www.economist.com/printedition/covers/2014-03-20/ap-e-eu-la-me-na-uk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quindi certi sviluppi non sono poi cosi' strani....

      http://voiceofrussia.com/news/2014_03_19/Gaza-Strip-also-wants-to-join-Russia-Hamas-website-9554/

      Elimina
  10. mi scuso per l'O.T. ma stimolato dalla lettura di questo articolo: http://phastidio.net/2014/03/20/regno-unito-ripresa-a-credito/ (in particolare l'ultimo paragrafo) chiedevo se si poteva avere un suo commento.
    E da anni che apprezzo le analisi di Phastidio ma e da un po che apprezzo altrettanto le sue. Quindi ho la necessità di capire apparenti contrasti di visione sull'argomento Inghilterra.

    Grazie.

    RispondiElimina
  11. Siccome è bene essere informati un po' su tutto, quando si tratta di Europa, segnalo che abbiamo risolto il problema delle famose "quote latte".

    Per la gioia di quelli che si sono presi paura al pensiero delle multe, sarà una buona notizia: c'è però un piccolo addendum... che non farà piacere a chi si preoccupa della nostra BdP.

    Chi fosse interessato, può leggere qui

    RispondiElimina
  12. Se pure non potró essere fisicamente presente faró volentieri una donazione per ringraziarvi della preziosa opera di divulgazione. Non molli prof. !

    RispondiElimina
  13. No, non dargliela vinta e, comunque vada a finire, non finirò mai di ringraziarla per aver almeno ridato dignità al nostro paese.
    Da uomo con la sinistra nell'anima, ma che da vent'anni non ha mai votato a sinistra, capisco benissimo le sue battaglie contro l'ipocrisia.

    Neppure noi si molla, ma qui sta andando sempre peggio; da lunedì, dopo 22 anni, per la prima volta sarò ufficialmente disoccupato.... no, non va affatto bene.... e dopo gli ultimi 5 anni passati col salario in costante svalutazione.
    Ma mi rimane la consapevolezza di aver imparato un mestiere che (forse) mi potrebbe ancora permettere un altro salario da qualche altra parte, anche se ulteriormente svalutato.
    Ma anche il resto peggiora, mia nipote ha dovuto lasciare l'accademia delle Belle Arti per mancanza di soldi, anche se a casa continua lo stesso a dipingere dei quadri stupendi.... non mollo sopratutto per i suoi quadri.... anche se non sta andandi affatto bene.... l'altra nipote è emigrata ad Edimburgo e forse li troverà finalmente la luce in fondo al tunnel; qui da noi solo treni in corsa.

    OK, dobbiamo esse carini e coccolosi in tuo rispetto, e non dobbiamo mollare, ma ai giornalisti, posso mollargli almeno una rumorosa perrnacchia?

    La realta' ci consiglia che per far cadere questa dittatura ci vorranno un po di anni oppure un tremendo shock, non so se continuare ad aspettare oppure augurarmi la seconda ipotesi, ma intanto qui non sta andando affatto bene.. ma, malgrado noi, arriveremo e non molleremo.

    Ancora grazie.

    RispondiElimina
  14. Vorrei spezzare una lancia in fron... Pardon a favore di Riccardo Puglisi: dajenomics è fantastica. (Prof. Puglisi, si celia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo, come del resto Stefano (Fassina), la macroeconomia la sa. Sono compagni che (non) sbagliano...

      Elimina
    2. C'è chi nasce ricco e chi piddino, non pretendete dalle persone più di quello che possono dare!

      Elimina
  15. OT la Banca di Inghilterra riconosce che la creazione di moneta è endogena http://www.bankofengland.co.uk/publications/Documents/quarterlybulletin/2014/qb14q102.pdf

    RispondiElimina
  16. Ma una variegata bivariata non avariata, senza svarioni ed avarie, gliela fate trovare a Puglisi?

    RispondiElimina
  17. Alberto , sto facendo dei test per il 12 così da evitare la pubblicità di ustream che infastidì non pochi a #goofy2 , me compreso .
    Dopo aver ottenuto da youtube la possibilità di trasmettere in streaming , posso finalmente utilizzare quel canale per trasmettere , ma ha un grosso limite : la diretta registrabile non supera le 4 ore ed ogni link è unico . Quindi dovremo pubblicizzare tre link diversi :
    Uno per la sessione mattutina dalle 10:30 alle 14:30 .
    Uno per quella pomeridiana dalle 15:00 alle 19:00
    Uno per eventuali ritardi dalle 19:00 in poi

    Se invece preferiamo dividere i vari temi , possiamo creare un link per ciascuna sessione , ma non vorrei che la gente si confondesse nello switch .

    Ho già creato un primo link di test https://www.youtube.com/watch?v=ZJao4AKm1h4 che potrà essere utilizzato per rendere più ansioso Matteo .
    Come vedi , il problema di questi link è che non sono ne facilmente memorizzabili , ne personalizzabili , a meno che non si usi un sito terzo ( ad esempio il tuo blog ) su cui incorporare il video , perdendo però la funzionalità di chat offerta da youtube .

    Appena avrò capito come risolvere al meglio questi particolari posterò i link ufficiali , ovviamente ogni suggerimento è ben accetto .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sbattere troppo perché credo che allo streaming ci pensino loro, ma tu ci servi per un'altra cosa. Senti Vanna pls!

      Elimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.