MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 15 giugno 2015

Nominal devaluation and real wages

(apologies for my English: constructive remarks, or even destructive, are welcome, if you dare...)

When going gets tough, the tough get going. As the perspective of a Grexit becomes more likely, thereby confuting the ludicrous thesis of a supposed "irreversibility" of the euro, the propaganda resorts to its weapons of mass destruction: Nobel Prizes. I used to say that only two human things are irreversible: stupidity and death (although in the second case we have a brilliant counterexample). I was mistaken: there is a third human thing which seems to be irreversible: the firm belief of economists in the fact that a nominal devaluation will bring about a disastrous fall in real wages. After showing you some data, I will leave to your prudent appreciation to evaluate whether this belief falls in one of the two above mentioned categories (Occam's razor).

This morning I received through Twitter this opinion of Prof. Pissarides: Grexit means biggest haircut of wages ever! A very bold statement, but... is it supported by any model, or any data?

We all know (or should know) that Grexit will not be the first end of a currency union, and certainly not the last. We all know (or should know) the relevant scientific literature, that features top authors such as Andrew Rose. As a consequence, over time we have gathered a lot of evidence, and of particularly authoritative interpretations. History never repeats itself exactly: so true! We all know that it repeats itself first as a tragedy, second as a farce. The behaviour of mainstream economists during the 1929 crash was tragical (think for instance of Irving Fisher "high plateau", so close to Alesina's dismissing "strong correction"). Nowadays the mainstreamers' behaviour is becoming farcical: most of them either assert unsupported claims, or reinvent the wheel.

It is reinventing the wheel to show now a commendable, but definitely not timely, concern about democracy in the Eurozone. When I wrote my book on this subject in 2012, I knew that I was the last one to express such a concern and I quoted all the authors that had expressed and supported with empirical evidence a similar worry: among them, Rose (see above). Dwarf on the shoulder of giants.

It is an unsupported claim that a fall in nominal exchange rate will bring about a one-to-one fall in real wages, i.e., Pissarides's claim that the necessary realignment of the new dracma will make the Greeks poorer. Anything similar did never happen (with an exception that we will study below). Moreover, since colleagues could (rightly) argue that the past does not always teach correct lessons about the future, I add that I do not know of any formal economic model where a nominal devaluation results in a one-to-one fall in real wages. This is likely to be a limit of my knowledge. However, I know of models where devaluations are an effective tool for fostering economic growth in the presence of real wage resistance (one is here). It is noteworthy that after two hours of inquiries to my mainstream colleagues through Twitter, I received no clear indication of any standard textbook model where a nominal devaluation causes a one-to-one fall in real wages.

There are two reasons for that: one is theoretical, the other is practical.

From the theoretical point of view, if you are a mainstreamer, you must believe (yes: believe) that real wages are tied to the marginal productivity of labour. In a world where money is a veil (the mainstreamers' world), it is dubious whether and how this relation between real variables (productivity and real wage) could be affected by a nominal variable (nominal exchange rate).

The practical reason why no mainstreamer was able to answer so far is that such a one-to-one connection between nominal devaluations and real wage falls never presented itself in practice. As a proof, I show below the patterns of the Nominal Effective Exchange Rate (NEER) and of the Real Wage (RW) indexes in the aftermath of some well-known major devaluation episodes, some of which implied the exit from a fixed exchange rate agreement (which is not a currency union, but is close enough to it). The data come from the International Financial Statistics:

XXX..NECZF...
XXX64...ZF...
XXX65...ZF...

(where XXX is the country code, NEC is the nominal effective exchange rate index, 64 and 65 are the consumers' price and the nominal wage index).

I plot the results below for your reference (country names in Italian: apologies, this is old stuff coming from this ancient post):








In no case did real wages fall as much as the nominal effective exchange rate, in some cases they fell by a smaller amount, and in some other cases they increased. The claim that a nominal devaluation is equivalent to a real wage haircut is disproved by the data.

I mentioned an exception. Here you are:

(Messico means Mexico, just in case you are a mainstreamer).

Mexico is the only country that seems to support Pissaride's informal model of a one-to-one long-run equivalence between nominal exchange rate fall and real wages "haircut". Is this a surprise? No, not at all. As every professional economist knows, there is a lot of evidence showing that the long-run pass-through from nominal devaluation to prices is above one in Latin America. The main reference is here (and it is not a negligible one: it has 384 quotes on IDEAS, and it is quoted in one of the most authoritative handbooks of international macroeconomics; btw, I studied with Prof. Gandolfo).

Roberto Frenkel (this one) once suggested me an interesting explanation of why this happens (i.e., of why, contrary to what happens in the other regions of the world, in Latin America inflation overshoots devaluation, with obvious negative consequences on real wages). In those countries the US dollar is seen as the typical safe-haven asset. In case of fear of devaluation, this feature sets out a self-fulfilling mechanism where everybody buys dollars, thereby pushing down the national currency, and you can imagine the rest (even if you are not a professional economist)!

But Greece is definitely not Mexico. Despite being relatively backward with respect to its unfriendly European partners, we can suppose that its financial market is relatively more developed in 2015 than Mexico's was in 1995. This self-fulfilling vicious circle is extremely unlikely to present itself in Greece (as it did in Argentina or in Mexico).

This is what a professional economist can say. But professionalism, in all evidence, is the slightest concern of my profession. Economists nowadays behave more like social media influencers than like researchers. Their claims are rarely fact based, and are always connected to the ongoing political debate in an extremely unpleasant and suspect propaganda-like way.

This is a really unfortunate outcome, because we are in an economic crisis, and it would be extremely important for all of us, and for our democracy, to consider economics as a credible science, and economists as experts who stick to the facts and try to explain them, rather than as influencers committed to deliver a storytelling increasingly remote from reality.

So is life.


(...in case someone has other counterexamples, please feel free to intervene. In case someone has models, please feel free to quote them in full, according to academic standards. Thanks for your attention.)

62 commenti:

  1. Al volo da prima lettura:

    l'espressione idiomatica è "when the going gets tough, the tough gets going"

    "I received through Twitter this opinion of" from al posto di of

    "it as 384 quotes on IDEAS", has

    RispondiElimina
  2. Salve Prof. Se mi permette una prima correzione, cosi ad occhio:

    "the firm belief of economists in the fact that a nominal devaluation will bring about a disastrous fall in real wages" e' un po' piu' fluente in questi termini: "the firm belief of economists that a nominal devaluation will lead to a disastrous fall in real wages"

    Ulteriori "remarks" potrebbero seguire :)

    RispondiElimina
  3. La Grecia secondo me sta "stordendo" i mercati in questa melina e il risultato sarà e lo è già in questo continuo logorio di addormentarli. Ben fatto!
    Ma la Grecia esce x fame, inconsapevole del danno Euro e secondo me con l'aiuto di 2 superpotenze.
    e poi la Germania parliamoci chiaro, lavora parecchio con la Russia e
    anche se gli scappa una gallina dal pollaio x "forza maggiore", non si può mica suicidare.
    Ci sono ancora gli altri dopotutto.

    RispondiElimina
  4. Sempre al volo da prima lettura anche per me:

    " I use to say that" I used to say that

    RispondiElimina
  5. "Economists nowadays behave more like social media influencers than like researchers."

    Fossero soltanto gli economisti... Sarebbe egualmente preoccupante se fossero davvero i soli, ma non lo sono. Il Dott. Montanari ad esempio, ricercatore specializzato nell'ambito dell'inquinamento da nanoparticelle, lamenta una disinformazione diffusa in merito alle forme d'inquinamento presenti in Italia, sostenuta da operatori del settore e amministrazioni pubbliche, entrambi compiacenti. Che anche la scienza possa asservirsi al potere non è una novità, e con due modalità sostanziali: a) creare possibili aberrazioni, comunque a fondamento scientifico b) giustificare autorevolmente le menzogne. Qui il problema non è più né politico, né economico, ma culturale, perché è una cultura - intesa nel senso di valori sociali ed esistenziali sostanzialmente condivisi -, a dare la direzione verso cui muoversi. Se una cultura viene alterata e manipolata, invece di essere vissuta, compresa e assimilata entro le proprie oscillazioni fisiologiche - e non in maniera acritica -, i prossimi a dover essere tolti di mezzo non saranno più curdi, armeni o ebrei, ma ci saranno egualmente e in via trasversale: non etnie locali o nazionali, ma classi sociali intra-etniche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara' per questo che dal mio angolino non vedo reali innovazioni scientifico-tecnologiche dagli anni '60? Informatica/elettronica a parte, ma la Fiat 124 non ci portava al mare piu' o meno nello stesso modo? E gli aerei non sono circa uguali, come servizio e sicurezza? E il cancro non e' sempre la piu' devastante delle malattie? In sostanza, cosa e' davvero migliorato, e cosa invece ha stimolato investimenti colossali per colossali minch.iate? Forse, se ci avessero chiesto "vuoi poterlo dire a tutti in un amen che appunto sei in estrema unzione, oppure preferisci farti curare?" Ah gia', ma il cliente non sa quello che vuole.

      Elimina
    2. @a perfect world

      Ne deduco che ti sia chiara la differenza tra scienza e scientismo (il prof. Giuseppe Sermonti, biologo e agronomo, ha scritto un testo interessante al merito, “Il crepuscolo dello scientismo”): lo scientismo ha ridotto l’ampiezza visiva dell’indagine, privilegiando aspetti marginali più allettanti che incontrano maggior “compliance” da parte di un pubblico sempre meno educato alla conoscenza (e non necessariamente solo per colpa sua). Per loro natura, questi aspetti marginali sono suscettibili di successione indefinita, salvo poi risolversi, nei fatti essenziali, al girar dell’asino attorno alla stessa mola (però, quanta strada ha camminato egualmente? E qualcuno ci fa i soldi, sui numeri segnati dal contachilometri del quadrupede). E’ un processo anche differente dalla specializzazione, perché quest’ultima può avvenire mantenendo comunque lo sguardo sullo stesso ampio quadro d’insieme, sì che l’attenzione e l’intenzione non siano disperse in rivoli laterali meno rilevanti, benché più accattivanti. Analogamente all’esempio del cancro (non che non si debba provare a curarsi…), si è effettivamente acuita la pretesa di tentarle tutte fino al raggiungimento del cosiddetto “accanimento terapeutico”, con gente oggettivamente in procinto d’andarsene, per qualsivoglia causa, che muore intubata in una asettica corsia d’ospedale e non nel letto di casa propria (sto prendendo in seria considerazione di fare come gli anziani Pellerossa; qualcuno potrà arrivare a multarmi per aver abbandonato rifiuti, peraltro organici e perfettamente biodegradabili, nell’ambiente naturale, ma ormai a quel punto…). Asteniamoci poi, restando nel tema, dai paradossi della grande industria farmaceutica.

      Elimina
    3. Beh dai, non esageriamo adesso.
      Le auto si sono evolute enormemente in quanto a sicurezza, comfort ed efficienza. Non sono neppure da paragonare.
      Solo per fare due esempi.
      Una mia amica due settimane fa ha fatto un mezzo frontale e si è ritrovata con l'auto capovolta al lato della strada. Auto distrutta e lei quasi illesa. Io l'anno scorso ho fatto un frontale pieno a 50kmh, l'altro (ubriaco) più o meno alla stessa velocità. Quindi un urto secco a 100kmh. Auto distrutte ma ne siamo usciti pressoché illesi tutti e due.
      Con una 124 ti ammazzavi, o come minimo rimanevi su una sedia a rotelle, con molto ma molto meno.

      Non parliamo poi della differenza di efficienza dei motori. Un moderno turbo-diesel riesce, consumando la metà, a sprigionare una coppia inimmaginabile solo fino a 20 anni fa.

      Ps. Al mare una volta ci arrivavi anche con il calesse. Quindi puoi dire che dal calesse alle auto non è cambiato nulla?

      Elimina
    4. Sul miglioramento della sicurezza hai perfettamente ragione, ma scusandomi per l'OT mi permetto di far notare che le velocità, in uno scontro (frontale fra auto uguali; se ci mettiamo anche gli angoli e le masse la faccenda si complica...), non si sommano. Se entrambi andavate a 50 all'ora, è all'incirca (non è proprio vero, ma è una semplificazione accettabile) come se tu fossi andato a 50 contro un muro. Sembra controintitivo, ma è così. Non esserti fatto nulla è comunque un grosso risultato, assolutamente, ma un urto a 100Kmh "veri", credimi, è un'altra cosa!

      Elimina
    5. @citodacal

      Grazie per il riferimento, approfondiro'. Molto piu' semplicemente, come affezionato lettore de "Le Scienze", l'infinita sequenza di articoli che chiudono con "per le applicazioni pratiche ci rivediamo fra 20 anni" mi ha oggettivamente scoraggiato ed insospettito. Running into circles, lo vedo anche nel mio ramo delle telecomunicazioni.
      @Alessandro Ale
      Come affezionato lettore di 4ruote, non posso ovviamente darti torto, i miglioramenti ci sono stati, ma appunto sono miglioramenti, non rivoluzioni - come quella dal calesse al motore a scoppio. La percezione del rapporto costi/benefici non e' variata un granche', o meglio si e' evoluta con la societa' nel suo complesso - anche se l'odierna involuzione si nota in piccole cose come il ritorno dei bambini in braccio del passeggero anteriore, oppure liberi sui sedili posteriori, cose appunto anni '70...

      Elimina
    6. @a perfect world: nel mio piccolo, un aneddoto. Lavoro nell'ICT da 4 anni, anche se ho cominciato a interessarmene all'inizio degli anni '90. Giuro che non ho ancora capito la differenza tra il cosiddetto "cloud" e l'nfs (Network File System, o file system di rete, tecnologia che, se non vado errato, risale alla metà degli anni '70). Per non parlare del famoso web 2.0, l'IoT e via fuffeggiando. Per come la vedo io le innovazioni davvero grosse nell'ICT degli ultimi vent'anni saranno sì e no una decina, il resto è una colossale operazione di rebranding

      Elimina
    7. Si Nicola.
      Ho semplificato e banalizzato troppo. Tuttavia non ho scritto che equivale ad andare al doppio contro un muro in cemento armato!
      Posto che fare un frontale contro un muro (o un platano) è comunque peggiore che farlo contro un altra auto, banalmente perché il muro in cemento non è stato "progettato" per accartocciarsi e quindi attutire il colpo, intendevo dire che un urto secco tra due auto che procedono in senso opposto è comunque più distruttivo di un urto contro una vettura ferma o quasi.
      Poi sicuramente le due masse e velocità non vanno sommate per i motivi sopra descritti e qui hai ragione.
      Scusatemi l'Ot.

      Elimina
    8. Nicola, con me apri un can of worms! Lavoro nell'ICT da piu' di 30 anni, e l'aliquota di rebranding e' vicina al 90%! Continuo a vedere le stesse cose, sempre piu' stiracchiate, sempre piu' fallimentari, senza futuro. D'altronde nessuna attivita' umana puo' prescindere da una fase di decadenza, se siamo qui e' perche' ce ne siamo accorti.

      Elimina
    9. @citodacal, grazie.
      Da "Giuseppe Sermonti - Forme vive per una libera scienza" di Stefano Serafini":
      "Scrive così anche i due saggi critici e politicamente radicali "Il crepuscolo dello scientismo" e "La mela di Adamo, la mela di Newton", testi sostenuti da una cultura umanistica e scientifica di grande respiro europeo. In essi contesta la riduzione della scienza ad una convenzione strumentale per il dominio tecnico, preorientata in gran parte da cornici di natura extrascientifica (per citarne alcuni: il capitale, l’industria, il mito
      del Progresso, la guerra). L’ideale ricerca della verità della scienza viene stravolta nei fatti e ridotta a ricerca dell’utile economico, ell’oppressione, e dello sterminio. [...] La reazione del pubblico fu di grande interesse: i libri ebbero numerose edizioni, che andarono tutte esaurite. La reazione di potenti colleghi accademici fu invece di tutt’altro verso. Il trasferimento alla cattedra di genetica dell’Università di Roma previsto di lì a poco – la famiglia aveva già traslocato – inspiegabilmente si blocca.
      Una serie di attacchi personali compaiono su L’Unità, e in lettere anonime recapitate al suo mentore scientifico in Gran Bretagna, il genetista Guido Pontecorvo. Il settimanale L’Espresso, non pubblica la recensione de Il Crepuscolo dello scientismo scritta da Guido Ceronetti, che abbandonò la rivista."
      La m.rda arriva sempre da quella che si autoproclama ssinistra?

      Elimina
  6. Philidel:

    Hither, this way, this way bend,
    Trust not the malicious fiend.
    Those are false deluding lights
    Wafted far and near by sprites.
    Trust'em not, for they'll deceive ye,
    And in bogs and marshes leave ye.
    [....]
    If you step no longer thinking,
    Down you fall, a furlong sinking.
    'Tis a fiend who has annoy'd ye;
    Name but Heav'n, and he'll avoid ye.
    Hither, this way.

    (Alessandra/Cassandra da Firenze. Henry Purcell, King Arthur. "Hither this way" - Chorus, Philidel, Grimbald e i loro spiriti)

    RispondiElimina
  7. http://www.nber.org/chapters/c9040.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. That was published in 1989...
      Wow!!
      That shows how there already was scientific literature on these subjects and it explains that who was supposed to know, knew, and who acts like he doesn't know will be sentenced by History (like prof says).
      The first page is a sum of what we've talked about thus far (right before all the impossible to understand equations, at least for me).
      But what surprises me is that those things have been written long time ago and are easily understandable because they follow logic and science.
      Pure economics, not politics.

      Elimina
  8. Dunque a scuola ci insegnavano che esisteva "lo imperatore", lo vassallo e poi li valvassori, ma ovviamente le cose non sono cambiante granché nei secoli. Lo imperatore sta dall'altra parte dell'oceano e lo vassallo è biondo, occhi azzurri e parla tedesco.
    Gli Americani ovviamente non sono contenti di come la Germania stia gestendo la situazione e specialmente della politica mercantilistica dei tedeschi (non dimentichiamoci che gli Americani comprano molte auto tedesche di alta fascia), l'hanno fatto presente più volte. I tedeschi rispondono con un "non rompete i coglioni"

    Ovviamente i tedeschi non solo sapevano tutto, ma aiutavano lo imperatore

    Il vassallo ha approfittato un pochettino della situazione per indebolire i vicini fastidiosi, quelli che suscitavano sempre invidia. Il problema è che esagerando su questa linea qualcuno dei valvassori sta pensando di fare affari con lo imperatore d'Oriente. E questo per lo imperatore d'Occidente, è inaccettabile.
    Brace for impact.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben venga l'imperatore d'Oriente se servisse a far capire a quello d'Occidente che alla lunga sta sbagliando tutto con il Valvassore tedesco...
      Il problema è che la Germania, con il suo surplus record insieme alla sua politica di deflazione interna, è diventata un buco nero per l'economia mondiale. Gli americani lo sanno da tempo ma per ragioni geopolitiche (euro-nato vs Russia) continuano a permetterglielo, con i risultati che vediamo...
      O meglio, l'amministrazione Obama (che ormai notoriamente ci azzecca veramente poco su troppe partite... Forse sarà stato per quel Nobel preso ancor prima di profferire parola?) e chi dietro di lei continua a permettere, premendo su integrità eurozona etc.
      Vedremo cosa capiterà nel 2017 oltre Atlantico . Speriamo bene...

      Elimina
  9. Bini Smaghi è arrivato tardi.
    Si è accorto un po' tardi che i tedeschi non scherzano mai

    Per quanto tempo ancora l' euro sarà IRREVOCABILE? Non userei più il concetto di irreversibile che riguarda di solito le trasformazioni termodinamiche che sono tutte intrinsecamente irreversibili nel nostro universo. Ma forse Mario Draghi ci voleva dire che c' è una analogia termodinamica legata al caos, nell' irreversibilità dell' euro che lui concepiva nelle sue dichiarazioni. Forse si può essere d'accordo; l' euro come ogni fenomeno naturale o innaturale, è irreversibile..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che Lei abbia letto l'articolo di Bini Smaghi fino in fondo , dove continua ad ammettere ed ad auspicare altre crisi per poter costringere i governi a cedere sovranità verso la UE , anche se ammette che ultimamente le crisi sono un po' eccessive : non so cosa pensare , o sti personaggi hanno una fede mistica verso la UE e allora sono pericolosi come tutti i santi ed i mistici o sono in malafede ed è anche peggio o viceversa . Resta il fatto che hanno la sfrontatezza di dire le cose come stanno, pensando certamente che in ogni caso hanno vinto loro e in effetti parrebbe che siano riusciti nell'inganno dei popoli e nell'effetto rana in pentola .
      AAA cercasi isola dove rifugiarsi o piombo atto ad essere portato ad elevata energia cinetica ad libitum

      Elimina
    2. Romano Prodi disse una frase di tal genere il 4/12/2001 al F.T.

      "I am sure the euro will oblige us to introduce a new set of economic policy instruments. It is politically impossible to propose that now. But some day there will be a crisis and new instruments will be created."

      Intervista contenuta nel numero del F.T. che non sono riuscito a trovare qui in Italia; la prima citazione sul web che mi risulta da ricerche fatte, di tale frase fu riportata nel volume "Implications of the Euro: A Critical Perspective from the Left" a pag. 66. nel 2010.

      La sfrontatezza del duo Smaghi/De Romanis è proverbiale; Bini Smaghi ebbe la sfrontatezza di resistere alla rimozione dalla posizione di membro della BCE e lo fece finchè non si rese conto della impossibilità di resistere sulla poltrona su cui era fortemente incollato, visto che c' era di mezzo, non so se mi spiego, Mario Draghi.

      Elimina
  10. There is something "strange". The euro devalued significantly in the last year, but my salary remained the same and inflation is almost zero (btw mr Draghi, you only have a single target, which is inflation rate 2%). Maybe I was lucky or Pissarides is wrong. The actual data posted by prof. Bagnai show that Pissarides is wrong. For sure he knows economics, therefore he does not ignore the theory. He just acts as a politician for some reasons.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Would be interesting to know those reasons. I wrote two books where I try to explain what motivates the lies of Italian colleagues (mostly their connections with finance, Brussels, trade unions, and so on); Lordon did an excellent work on the lies of French economists. I do not know of any comprehensive work on the international market for lies (but there must be some). Pissarides's opinion is good material.

      Elimina
  11. "From the theoretical point of view, if you are a mainstreamer, you must believe (yes: believe) that real wages are tied to the marginal productivity of labour. In a world where money is a veil (the mainstreamers' world), it is dubious whether and how this relation between real variables (productivity and real wage) could be affected by a nominal variable (nominal exchange rate)".

    Se ho capito bene, questo significa che, dato che gli economisti ortodossi credono che la moneta sia neutrale, com'è possibile che il cambio nominale di essa influenzi delle variabili reali come produttività e salari reali. Giusto?
    Bellissimo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Devono supporre come minimo qualche forma selettiva di illusione monetaria o di rigidità nominale "ad hoc". Ma basta per causare un calo uno a uno dei salari reali? No, né nei modelli né nella realtà. Eppure persone non molto competenti come Galli del PD o Boldrin di quel partitino che non ricordo fondano la loro comunicazione su questo assioma. Tieni presente che il secondo, Boldrin, fa parte di quelli che se non ti esprimi con modelli formali non ti considerano nemmeno. Nella loro attività di influencer però dei modelli si dispensano facilmente, e NON per spirito divulgativo (quello in Italia esiste in un unico posto, lo schermo che stai leggendo adesso) ma semplicemente perché un modello che dica quello che dicono loro NON c'è.

      Facile, no?

      Elimina
    2. In termodinamica prende(va) il nome di calorico.

      Elimina
  12. Non andavo con nessun troll. Cercavo solo di sbugiardare uno che tutti i giorni rompe le palle alla causa. Pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, se tu non avessi detto questo, io ti sbloccavo. Invece così mi hai chiarito che non sei proprio in grado di capire cosa sia un troll. Quello lì lo conosciamo, no? Quindi lo blocchi e BASTA.

      Elimina
  13. Il vero problema di questi voltagabbana a questo punto non è più la moneta unica, non è l'uscita della Grecia MA È UNA SUA FUTURA RIPRESA CHE FA CAGARE SOTTO QUESTA gente.

    RispondiElimina
  14. I will try to speak in my bad english as usual…. What we are facing in recent days is not only the 'theoretical' model of Pissarides (with lies related), but an even more moral and racial approach to this crisis (in Europe in particular). I think this is more serious. What we read on the german newspapers, such as the conservative Die Ziet, is the recourse to the "Fallmerayer model" unfortunately... ( who had invented the “Greeks are not real Greeks” theory)

    http://m.welt.de/geschichte/article142305296/Griechenland-zerstoerte-schon-einmal-Europas-Ordnung.html
    We have to expect to pass slowly, gradually toward what has been described as “naturalistic de-specification” of greek people? I hope not, if greeks (and expecially greek government) will do what is necessary for their prosperity. And we know what.

    RispondiElimina
  15. Al volo anch'io:

    In inglese è meglio Ockham rispetto a Occam (nei libri in inglese è quasi sempre
    Ockham, anche se su wikipedia eng sono riportate entrambe le versioni)

    "In no case did real wages fall as much"
    "In no case the real wages fell as much"

    "But professionalism, in all evidence, is the slightest concern of my profession"
    Meglio
    "But professionalism is evidently (by all evidence) the least concern of my colleagues" (or "in my profession")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Actually, I think "In no case did real wages fall as much" is better.
      Maybe "never" instead of "In no case", but that's another subject.
      And I said maybe 😀

      Elimina
  16. Ma gira e rigira i problemi arrivano sempre dalla germaGna? La "povera" DB ha paura di un default ellenico o del Gretix? http://vocidallestero.it/2015/06/15/deutsche-bank-fara-la-fine-di-lehman-brothers/
    Chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DB mobilizza il 20% del mercato fx GLOBALE ed ha posizioni stratosferiche in opzioni su IR ed FX nonché le più liquide spot.
      Crolla l'eur crolla DB.

      Elimina
    2. A giudicare dalle recenti dimissioni di massa dei vertici DB (nonche' il suicidio - sempre sospetto in questi casi - di William Broeksmit, gia' responsabile di 'capital and risk optimization') si direbbe che DB e' gia' prossima al tracollo.

      Non si dice infatti che quando la barca affonda anche i topi scappano?

      http://www.zerohedge.com/news/2015-06-15/deutsche-bank-exodus-continues-real-estate-chief-leaves-blackstone

      Elimina
  17. Scusate il commento fuori tema!
    Godo per la debacle piddina è il segno che quel partito , si sta sgretolando su se stesso e sulla via delle politiche destroidi fortemente liberiste che sta propugnando!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma la velocita' con cui sta avvenendo non e' sufficiente. Tanto ormai rimarranno euristi. Quindi prima cadono, meglio e'.

      Elimina
  18. Risposte
    1. Euro-Austritts Griechenlands: wegen der "unkalkulierbaren Gefahr für die Weltwirtschaft".

      googletradotto:

      Uscita Euro-Grecia: a causa di "rischio incalcolabile per l'economia mondiale"

      Allora l'economia mondiale e' cosi' fragile che su 7 miliardi di persone, 11 milioni ne possono drammaticamente condizionare le sorti (Omero! Omero!), oppure sparate c.zzate ritegnoless.

      Elimina
    2. La mia esperienza è.

      Quando i tedesci sparano roba del genere: Euro-Austritts Griechenlands, unkalkulierbaren Gefahr für die Weltwirtschaft".

      Quasi sempre è vero il contrario. :-)))))))))))

      Segno che temono le consuquenze sul euro-zona di un uscita della grecia dal euro come il diavolo l'acqua santa. Temono che il loro giocatolino, l'euro potrebbe rompersi.

      Si, i media tedesci hanno tirato fuori la "Dicke Berta" sul thema grecia.
      Nel 2010 le cazzate tedesce mi facevano ancora incazzare, oggi sono talmente ridicoli che fanno solamente ridere. Tutto questo accanimento è odio verso la grecia però fà già impressione. :-))
      Comunque dai commenti mi sembra che il popolo tedesco si stia svegliando. Mentre il popolo italiano nel 4° anno di crisi nera è ancora in alto mare.
      Non capisco come renzi possa ancora arrivare al 35%. boh.
      Un partito del genere qui in svizzera sarebbe già sparito dalla circolazione.

      Elimina
    3. Scandaloso che un paese che ha scatenato 2 guerre mondiali è trasformato l'europa in un campo di macerie abbia ancora il coraggio di sparare cazzate come questa

      Sembra veramente essere tornati indietro agli anni 33-45.
      Europa svegliaaaaaaaaaaaa!

      Elimina
    4. La citazione della grande Berta mi riporta alla mente un pezzo di storia che sicuramente farà piacere leggere a citodacal (se già non la conosce), che contiene alcune piccole lezioni su tedeschi e russi (sull'inutilita di "Dora", su cosa significhino la Crimea e Sebastopoli per questi ultimi e sui risultati delle azioni disperate).

      "On June 17 30-th battery was completely encircled. Next day it fired all remaining live shells. Battery gunners used whole shots, which were stored before war for training purposes. One such shot torn off turret of the German tank, which tried to fire from Sofia Perovsky state farm. When no more shells remains in stock, battery fired 70 kg powder charges, three at once, and lucky shot, producing jet stream of powder gases with temperature up to 1000 degrees Celsius, reportedly, could obliterate approaching German infantrymen."

      Elimina
  19. Una folgorazione dal titolo di questo post, riagganciandosi a quello sul reddito di cittadinanza e alla mitologia di micuggino e della grande Germagna: d'ora in poi lo potremmo chiamare il VolksWage (VW per gli amici)......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che al VW1 non segua anche il VW2, sempre come da germanica attenzione "rocket propelled" per chi stava oltremanica...

      Elimina
  20. "Che cosa noiosa il debito pubblico"....
    Manco il rispetto per i suicidi.

    RispondiElimina
  21. OT - ma forse non troppo... due grafici da tenere da parte:

    1) la ricchezza delle nazioni dall'anno 1 ad oggi:
    http://www.zerohedge.com/news/2015-06-15/visualizing-wealth-nations-over-2000-years

    2) lo status di moneta di riserva nel tempo:
    http://www.zerohedge.com/sites/default/files/images/user3303/imageroot/2012/01/20120103_JPM_reserve.png

    RispondiElimina
  22. « Ce délire généralisé, que manifestent les autorités européennes, doit être interrogé. Pourquoi se déploie-t-il de manière si impudique sous nos yeux ? Pourquoi continue-t-il à faire semblant de se trouver des raisons, lorsque ces raisons n’ont plus aucun sens – ne sont que des mots vides, des slogans creux et des logiques inconsistantes ? La réponse est simple : il s’agit bien de fascisme. Il s’agit de se donner une couverture idéologique de pure convention, un discours auquel on fait semblant d’adhérer, pour, en vérité, réaliser une autre opération »
    Laurent de Sutter

    RispondiElimina
  23. Commento di stamattina di una giornalista di radio2 alla notizia che i giocatori di rugby della nazionale hanno fatto sciopero perchè sono stati proposti solo premi partita e non un compenso in base alla presenza: 'adesso anche il rugby non rappresenta più i valori sportivi' (sono andato a memoria). Al di là del caso in questione su cui non entro (perchè non mi interessa), la cosa che mi ha dato fastidio è che si voleva far passare come un capriccio immorale la pretesa di un compenso base e non in base ai risultati, senza nemmeno entrare nel dettaglio della contesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto seguendo la faccenda ed e' vero, questo punto che non c'e' compenso senza risultato trova d'accordo la federazione, che mira a risparmiare, ma anche i tifosi, e questo non lo capisco.
      Sono professionisti, un minimo garantito gli va pagato perche' vivono di quello, mi sembra ovvio. E non sono strapagati come i calciatori ...

      Roberto Seven

      Elimina
    2. Sto constatando di persona come inizi davvero a tirar l'aria di fiaccole, forconi e caccia al mostro. Il meccanismo psicologico sotteso è micidiale: le cause che suscitano la paura e la ricerca del responsabile deviante sono le stesse che vengono fatte risuonare come soluzioni, cosicché sono le vittime a infilarsi da sé nella rete. E' simile al principio dell'incaprettamento.

      Elimina
    3. Sono d'accordo con te. Ma non voglio entrare nel merito perchè non è argomento del blog. Quello che mi ha spiacevolmente colpito è stata l'introduzione della giornalista. Dopo quella frase mi aspettavo una cosa del tipo "rissa tra tifosi", "tifosi distruggono mezza città", "calciopoli ne rugby" e via dicendo. Invece cosa mi dice? Che questi fanno sciopero perchè, in pratica, vogliono uno stipendio. In linea con l'attuale 'narrazione'

      Elimina
  24. Poi uno si stupisce, ma l'arroganza a volte...

    http://www.zerohedge.com/news/2015-06-15/consumers-are-not-following-orders

    Solo per gli anglofoni, ma se al posto di american e US inserite per es. italian e Italy, il discorso regge molto bene. I dati sono spaventosi, ci credo che li vogliano nascondere o che preferiscano parlare d'altro.

    Mi piace la nota di come il reddito medio di una famiglia americana sia leggermente inferiore a quello del 1989 (!!!), di come gli attuali neo-pensionati a stelle e strisce rischino di crepare di fame, eccetera.

    "Real median household income was $52,300 in 1989. Real median household income today is $51,939. The median household has made no economic advancement in the last quarter of a century. And this is using the manipulated lower CPI figure. Using a true inflation rate would show a dramatic decline over the last 25 years."

    E' un articolo molto interessante e anche terrificante.

    RispondiElimina
  25. OT per il leghista che c'è in noi :)...

    Una buona notizia per accelerare un po' l'andamento

    http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2015/06/15/le-pen-al-via-nuovo-euro-gruppo-euroscettico-con-la-lega_f9b447d7-7fee-4d6a-81b5-a8e27588fd4b.html

    anche se lassù sono dei maestri in quanto a harakiri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di Lega e FN, metto il link alla conferenza stampa di Michele Santoro del 15/06/2015 in cui parla la xenofobia in Italia e nazismo.

      [URL=http://www.serviziopubblico.it/2015/06/michele-santoro-presenta-rosso-di-sera/]Conferenza stampa di Michele Santoro.[/URL]

      Elimina
  26. Su Vocidallestero la traduzione...
    Grazie Carmen come sempre.

    RispondiElimina
  27. @Keith Fragoviak
    capperi, visto!
    ci informa che la disoccupazione passò dal 5 al 7% quindi aumentò grosso modo del 40%.
    ovviamente se passasse dal 30 al 35% sarebbe decisamente meglio (solo il 16,7%).

    Però pensa un po'... gli rode veramente!
    deve proprio far male!
    Perché a pensarci: se fosse di destra non avrebbe di questi problemi mentre non è nemmeno di sinistra!
    piddino?

    RispondiElimina
  28. “In questo momento il vincolo alla trasformazione dell’Italia viene dalla sottocultura di sinistra, cioè da quegli intellettuali che hanno trasformato il popolo di sinistra in sottoproletari, cioè in persone prive di coscienza dei processi in atto.”

    A. Bagnai – Radio Padania 16/06/2015

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per aver colto il passo fondamentale dell'intervista (ma come sai di te non dubito), che riporto nel prossimo post.

      Elimina
    2. Sono io a ringraziarla per fornire non tanto argomenti, quanto (alla faccia dell'editing) strumenti e documenti.

      Elimina
  29. ma quindi, per i poveri neofiti, cosa vuol dire tutto ciò? che se esce la grecia non è sto grande dramma (o dracma, ahahah) perché il reddito reale non dipende dal rapporto di cambio della moneta di una nazione con le altre ma bensì da condizioni intrinseche al paese quali la qualità e la produttività del lavoro?
    e questo è dimostrato dai grafici salvo il messimo dove in caso di crisi si buttano sui dollari e quindi non supportano la loro stessa moneta?

    RispondiElimina