lunedì 25 novembre 2019

Ratifica

Avrei preferito andare un'oretta in palestra, anziché dedicarla a insultare la vostra intelligenza. Tuttavia, l'ameno dibbbattito su Twitter mi lascia intendere che c'è del vero nelle querimonie piddine sull'analfabetismo funzionale. Evidentemente, il vostro non sapere come funziona è talmente pervasivo che contamina di sé anche il lessico, sovvertendo il senso delle parole, che, di per sé, basterebbero a descrivere, e rendervi quindi pienamente intelligibile, la realtà dei fatti. Potevo aspettarmelo? Sì. Siete decine di migliaia, e conosco personalmente svariate centinaia di voi. Non ne ho trovato uno che abbia chiaro che cosa sia la bilancia dei pagamenti (ogni riferimento a Nat è puramente intenzionale), nonostante gli sforzi qui profusi per spiegarvene sia il meccanismo che la rilevanza (la crisi dell'Eurozona è una crisi di debito estero, cioè di bilancia dei pagamenti, e il dibattito di questi giorni, quello sul MES, ne è in qualche modo la conferma definitiva...). Eppure la bilancia dei pagamenti è una cosa semplice: se entrano soldi nel Paese, il segno è positivo, se escono dal Paese è negativo. Ma... ggnente!

Certe volte mi chiedo perché siate così tanti a seguirmi e così pochi a capirmi. La risposta che mi do è che probabilmente intuite, dietro al mio sforzo (vano) di farmi capire una virtù un po' démodé: l'amore per il prossimo (anche per chi non capisce la bilancia dei pagamenti: so di non capire tante cose anch'io), e quello per il Paese, condite con una sorta di illuministica fiducia nelle virtù della ragione e della ragionevolezza umana, e quindi della democrazia. Per motivi che non riesco a capire, sapere che qualcuno ancora ci crede vi rassicura e vi appaga.

Male!

Non dovrebbe appagarvi: dovreste anche studiare (almeno, Gramsci la pensava così).

E allora, provo a spiegarvi una cosa che evidentemente, a giudicare dal dibbbattito, sfugge: stranamente, i trattati intergovernativi vengono negoziati dai governi.

So che può sembrare paradossale, misterioso, so che questo concetto rinvierà nelle menti di molti di voi a oscuri complotti, a Bilderberg, o ai rettiliani (ma anche a Nibiru). Invece è solo etimologia: "inter" non è una squadra di calcio (la squadra è l'Inter, con la maiuscola), ma una preposizione latina che significa "tra". I Trattati intergovernativi quindi sono trattati tra governi, il che significa che chi li negozia sono i... rettiliani? Bilderberg? La Trilaterale? La Spectre? No: i governi.

Ci siamo fino a qui?

Bene.

Rinuncio a spiegarvi cosa sia un Governo (appellandomi alla prima legge della termodidattica: "Ci sono cose che se potessero essere capite non andrebbero spiegate").

Facciamo un passettino avanti, volete?

Perché mai ai Governi viene in mente di fare un negoziato? Chi li legittima a farlo?

Mettetevi nella testa di un grillino, per dire. Diventi ministro, accedi al potere: il tuo primo pensiero ovviamente è godere dei privilegi della casta, e abbandonarti insieme alla cricca alle mollezze della corruzione. Questa è la loro visione della politica: una visione che li qualifica (pensa male chi l'ha nel cuore) e che però non quadra col fatto di svegliarsi alle cinque di mattina per prendere un aereo e andare a Bruxelles dove i fratelli europei ti chiudono in una stanza e ti ci tengono finché non gli dici di sì, alle cinque della mattina dopo! I Governi non negoziano Trattati per sport o per prescrizione del medico (che probabilmente consiglierebbe attività meno malsane), ma in virtù di un mandato conferito loro direttamente o indirettamente dal Parlamento, che a sua volta è eletto dal popolo, che sareste (molto evidentemente a vostra insaputa) voi.

Certo, una volta i negoziati erano più diretti: se un popolo voleva qualcosa da un altro, andava in massa a chiederglielo. Sono quelle che i libri di storia una volta chiamavano invasioni barbariche, e che ora nei libri di testo degli accoglioni si chiamano migrazioni (Enea era un migrante, quindi anche Attila...). Viceversa, non credo che sia mai successo che un intero parlamento si sia spostato per negoziare qualcosa! Evidentemente, però, su Twitter c'è qualcuno che pensa che le cose funzionino così (sono tutti quelli che con accorati accenti ci chiedono di fare "qualcosa", o di fare "di più"). Tanto per esser chiari: a noi è sempre apparso evidente che il precedente Governo non ne volesse sapere mezza di essere fedele al mandato conferitogli (come ha detto Molinari in aula: loro sapevano di essere un governo espresso da una maggioranza "sovranista", ma ovviamente facevano finta di non saperlo), tant'è vero che prima di sfiduciarlo ci siamo anche posti il problema se fosse tecnicamente possibile affiancare le delegazioni italiane con esponenti della maggioranza parlamentare. Non è tecnicamente possibile: a negoziare ci va il Governo.

Riassumo: i trattati fra Governi li fanno i Governi.

Mi fate una cortesia? Tornate su di un rigo e rileggete tre o quattro volte, poi andiamo avanti.

Ora, siccome anche in un sistema che, a differenza di quello europeo, non abbia fatto del waterboarding il suo principale strumento di mediazione politica, i Governi, nel negoziare un Trattato, possono avere mille e un motivo, lecito o illecito, per deviare dal mandato che il Parlamento gli ha direttamente o indirettamente conferito, in pressoché tutti gli ordinamenti è previsto l'istituto della ratifica parlamentare (vi esorterei a leggere il significato sul vocabolario).

Quindi, ricapitolando. Voi eleggete il Parlamento, che dà la fiducia al Governo, e che poi gli conferisce un mandato a negoziare (tecnicamente, un simile mandato viene conferito con un atto di indirizzo definito risoluzione). Il Governo negozia, poi firma il trattato, poi torna a casa e lo presenta al Parlamento, che a quel punto, se lo trova conforme all'interesse del Paese, lo ratifica.

Ci siamo? Tutto chiaro?

Bene.

Per maggiore chiarezza, vi esorterei, anzi, vi scongiurerei di leggere gli articoli dal 4 al 7 della Legge 234 del 2012 (legge Moavero).

Leggeteli ora, se li avete già letti rileggeteli, se non li avete letti non venite a seccarmi con astruse teorie: a ogni giorno basta la sua pena e chi non si documenta non è previsto nel menù.

La legge Moavero venne concepita dopo l'approvazione di MES e Fiscal compact (avvenuta a luglio 2012), proprio come reazione a un certo scontento che perfino lo stesso PD provava per la porcata fatta (ci sono tante brave persone anche là dentro). L'articolo 5, che prevede un obbligo di informativa rafforzata in caso di trattati in ambito monetario e finanziario, è una chiara conseguenza di questo disagio. Leggendolo vedi in filigrana la sigla MES.

Questo è come funzionano le cose in teoria: la dinamica mandato parlamentare-negoziato intergovernativo-ratifica in Italia è normata, per quanto attiene alle sedi europee (ma in caso di trattati monetari o finanziari anche al di fuori da queste sedi) da una specifica legge.

E ora veniamo alla pratica.

In pratica, l'unico dispositivo di questa legge applicato coerentemente è il primo periodo del primo comma dell'art. 4: "Prima dello svolgimento delle riunioni del Consiglio europeo, il Governo illustra alle Camere la posizione che  intende  assumere,  la quale tiene conto degli eventuali indirizzi dalle  stesse  formulati." Mi riferisco alla mesta liturgia delle comunicazioni del premier al Parlamento prima del Consiglio Europeo (quello dei capi di Stato e di Governo), liturgia che si svolgerà la prossima volta l'11 dicembre in vista del Consiglio del 12. Trattandosi di comunicazioni, e non di informativa, è previsto che dopo il discorsetto del premier (dimo, famo, faremo, ecc.) ci sia, oltre a una discussione generale, anche il voto di una risoluzione (che non ci sarebbe nel caso di informativa). Il secondo periodo del primo comma ("su loro richiesta,  esso  riferisce  altresì  ai  competenti  organi parlamentari prima delle riunioni del Consiglio dell'Unione  europea") non era mai stato applicato prima che arrivassi io (a testimonianza del grande interesse dei piddini per l'Europa), e il terzo periodo ("Il Governo informa i competenti organi parlamentari sulle  risultanze delle riunioni del Consiglio  europeo  e  del  Consiglio  dell'Unione europea, entro quindici giorni dallo svolgimento delle stesse") non è altresì mai stato applicato, perché è sì vero che sono riuscito, dopo estenuanti negoziati, ad avere un paio di volte Tria in Commissione dopo l'Ecofin, ma è anche vero che non sarei stato io a doverlo chiamare, ma lui a venire: "il Governo informa", dice la legge, non "il presidente dell'organo parlamentare competente, facendo ricorso a una enorme dose di pazienza e profondendosi in lusinghe, supplica il Governo di concedergli l'insigne e immeritato favore di informarlo su quali impegni vada prendendo alle spalle degli italiani in giro per l'Europa".

Chiaro?

Questo è il primo punto: intanto, se ora c'è un dibattito su questa roba qui è perché qualcuno si è impuntato a seguire le regole. Apro e chiudo una parentesi: e io che ne sapevo, di queste regole? Niente, ovviamente, non essendo un esperto di diritto parlamentare. E allora? E allora sono degli europeisti convinti che hanno attirato la mia attenzione su di esse. Bisogna parlare con tutti, ed esistono anche europeisti in buona fede (probabilmente esistono anche degli oceanisti, o degli antartidisti, in buona fede, ma ancora non ne ho incontrati).

Secondo punto: per un parlamentare è tecnicamente impossibile sapere quale sia l'iter di una trattativa in Europa. Tanto per essere chiari, noi presidenti di Commissione non riceviamo le relazioni e le note informative predisposte dalla Rappresentanza e menzionate al comma 3 dell'articolo 4 (più precisamente: questi documenti in qualche caso arrivano in Parlamento e giungono - credo - alla mia Commissione, ma sotto vincoli di riservatezza strettissimi che, a quanto capisco, comportano l'obbligo di consultarli solo presso la Presidenza di Commissione, e non possono essere citati nei resoconti di seduta). Inoltre, delle riunioni svolte nelle sedi europee, e in particolare dell'Eurogruppo, non esistono verbali: non si può sapere, se non de relato dalla Rappresentanza nel caso in cui un'anima buona ti mandi le note informative, quali siano le posizioni espresse dal nostro Governo, non ci sono votazioni formali, non ci sono né resoconti sommari né tanto meno stenografici.

Quindi, in sintesi: delle riunioni dell'Eurogruppo, dove si decide, non si sa nulla. Delle riunioni dell'Euro working group, che è in qualche modo il preconsiglio, quello dove si fissano i dettagli tecnici delle decisioni da prendere, si sa meno di nulla. Delle riunioni dell'Ecofin, che viene a valle dell'Eurogruppo, ed è quello dove ci si fa la foto di gruppo, si sanno le scemenze dette in europeese nei comunicati stampa: "la sfida ambiziosa, i significativi progressi, ecc.", senza che sia mai ben chiaro quando si è firmato cosa o comunque chi abbia preso quale impegno.

Questa mancanza di trasparenza non è lamentata solo da Bagnai: se vi andate a vedere i lavori delle conferenze interparlamentari, vedrete che tutti lamentano la mancanza di trasparenza dell'Eurogruppo.

Terzo punto: in tutta evidenza il Governo precedente ha disatteso completamente la Legge Moavero. Il considerando 5A della bozza di revisione del Trattato chiarisce che in Europa se ne è cominciato a parlare all'Eurogruppo di dicembre 2018. Secondo la legge Moavero, qualcuno sarebbe dovuto venire in aula a spiegarci che cosa si stesse per fare. Se lo ha fatto, nessuno se ne è accorto. Non mi ricordo se a quell'epoca conoscessi già la legge Moavero. Quello che so è che stavo lottando contro il muro di gomma dei soliti noti per difendere le banche di credito cooperativo da un destino evitabile, riuscendoci solo in parte (ma una parte significativa): purtroppo, noi siamo pochi e loro sono molti. Dietro a tutto non si può stare.

E veniamo al punto in cui siamo ora. A quanto pare di capire, la riforma del MES non è stata ancora siglata. Non è invece chiaro se il governo si sia attenuto all'impegno preso il 19 giugno 2019 (quindi non "tempestivamente", come vorrebbe la legge) a:

"non approvare modifiche che prevedano condizionalità che finiscano per penalizzare quegli Stati membri che più hanno bisogno di riforme strutturali e di investimenti, e che minino le prerogative della Commissione europea in materia di sorveglianza fiscale; a promuovere, in sede europea, una valutazione congiunta dei tre elementi del pacchetto di approfondimento dell'Unione economica e monetaria - la riforma del trattato del Meccanismo europeo di stabilità (MES), dello Schema europeo di garanzia sui depositi (EDIS), e del budget dell'area euro -, riservandosi di esprimere la valutazione finale solo all'esito della dettagliata definizione di tutte le varie componenti del pacchetto, favorendo il cosiddetto "package approach", che possa consentire una condivisione politica di tutte le misure interessate, secondo una logica di equilibrio complessivo; a rendere note alle Camere le proposte di modifica al trattato ESM, elaborate in sede europea, al fine di consentire al Parlamento di esprimersi con un atto di indirizzo e, conseguentemente, a sospendere ogni determinazione definitiva finché il Parlamento non si sia pronunciato."

Ci sono due passaggi parlamentari prima della riunione in cui la riforma dovrebbe essere approvata da Conte in sede europea: uno è l'affare assegnato in merito all'A.S. 322 (proposta di modifica del MES), che prevede, in fase istruttoria, l'audizione del ministro Gualtieri mercoledì prossimo, prima dell'Eurogruppo del 4 dicembre (dove si prendono le decisioni). Poi ci sono le già citate comunicazioni del premier Conte l'11 dicembre prima del Consiglio Europeo del 12 (dove si firmano le decisioni).

A quanto pare di capire, a quel punto saremmo arrivati alla fase "il Governo firma il Trattato" (avendo sostanzialmente eluso, o comunque non attivato tempestivamente, la fase "il Parlamento conferisce un mandato").

Ad oggi non sappiamo se il Governo firmerà, perché la sua maggioranza è divisa su questo, essendo composta da un partito che il MES voleva liquidarlo, e da un partito che il MES lo ha invece fortemente voluto.

Poi, certo, resterà la fase "il Parlamento ratifica".

Se state seguendo il ragionamento, dovreste capire quali siano le criticità di arrivare alla fase "ratifica".

Intanto, una mancata ratifica è equivalente, in termini politici (non in termini procedurali) a un voto di sfiducia. Il Governo, certo, non è obbligato a dimettersi, ma se su un Trattato così importante viene sconfessato dal Parlamento, è chiaro che per non prenderne atto occorre portare la faccia di bronzo a un livello ancora superiore rispetto a quello dimostrato finora (a partire da quando il partito di maggioranza relativa abbandonò l'aula in occasione delle comunicazioni sulla TAV).

Poi, si crea un problema a livello internazionale, perché giustamente i partner europei (quelli del waterboarding) potrebbero legittimamente porsi delle domande sull'attendibilità di un Paese che manda un Governo a dire una cosa quando evidentemente il Parlamento ne pensa un'altra. Non sono un grande fan dell'argomento "in Europa dobbiamo essere credibbbili" (a renderci tali basta un qualsiasi museo diocesano), ma è indubbio che, mettendosi nei panni della controparte, avere una posizione e mantenerla (o modificarla per chiari e giustificati motivi) è essenziale perché negoziare abbia un senso. Un Governo che venisse sconfessato dal proprio Parlamento in Europa non verrebbe guardato con gli stessi occhi. Va anche detto che se la sarebbe cercata! Dopo aver visto come vengono trattati i Parlamenti (con la tecnica del mushroom management), le lamentele dei diversi funzionari che ho incontrato circa il fatto che "eh, noi abbiamo fatto il possibile, ma da Roma non ci arrivavano segnali chiari..." mi sembrano molto meno credibili: è un dato di fatto che alcuni di quelli che mi hanno fatto questo discorso sono poi gli stessi che mi hanno impedito di leggere un testo che, peraltro, avevo già letto per altre vie, impedendomi cioè di acquisire gli elementi necessari per fornire loro quei segnali della cui mancanza si lamentavano!

La sede per fare un sano gioco delle parti fra Parlamento e Governo quindi non è la ratifica, ma il negoziato, cioè l'Eurogruppo. In quella sede i paesi civili mandano ministri in grado di dire ai loro pari: "cari amici, quello che mi proponete è tanto bello, vi sono sinceramente grato dell'aiuto che volete dare alle vostre nostre banche, ma purtroppissimo il Parlamento da noi è sovrano come da voi, e io non ho mandato a concludere prima di ulteriori approfondimenti sul pacchetto che forse è un pacco".

La Germania lo fa sistematicamente: perché noi no?

Mistero.

Sono quasi nove anni che ci poniamo questa domanda: non siamo riusciti a trovare la risposta, e forse non la troveremo mai. Intanto, ripetete con me: gli elettori eleggono il Parlamento, che dà un mandato negoziale al Governo, che conclude un Trattato, che il Parlamento è chiamato a ratificare.

E ora ripetetelo senza di me, e cercate di ricordarvi a che punto di questa storia siamo. Io vado ad occuparmene.

14 commenti:

  1. Ri-ringrazio per questa opera (solitaria) di informazione e mi ri-auguro che il Prof non si stufi della vita parlamentare.
    La guerra sarà lunga ma il sostegno c'è.
    Per chi ancora non ha capito il significato di "bilancia dei pagamenti", esiste la sezione "Per Cominciare". C'è di tutto, basta leggere e imparare.

    RispondiElimina
  2. Di cosa succede quando non viene ratificato un accordo che non rispetta il mandato lo abbiamo visto con Theresa May.

    RispondiElimina
  3. La "minaccia" di non ratifica potrebbe essere un'ottima arma tattica per costringere il Governo a venire a più miti consigli ai negoziati pianificati prossimamente (es. 12 dicembre). La minaccia per funzionare però dovrebbe essere credibile, speriamo ci sia in giro per il Parlamento gente dotata di pelo sullo stomaco...

    RispondiElimina
  4. Leggere i suoi post è sempre un immenso piacere perché informano e divertono allo stesso tempo. Grazie per il lavoro che sta facendo in Parlamento e altrove. Avrei una domanda però (scusi se anch'io sono di coccio): se le comunicazioni del Premier sono l'11 dicembre, cosa succede invece il 10 dicembre quando è chiamato a riferire in Senato? Grazie ancora e buon lavoro.

    RispondiElimina
  5. Talvolta.. mi sembra di essere tornata a scuola. Il tono, quasi scocciato e allo stesso tempo amorevole, impegnandosi a fornire una lezione sul funzionamento delle istituzioni e dei processi formali e sostanziali dei trattati internazionali, mi ricorda il professore che ama tanto ciò che insegna da incazzarsi quando vede i suoi alunni più dotati non impegnarsi abbastanza. E in quel contrasto tra severità e amore per il proprio lavoro, gli studenti vengono ammoniti e spinti ad approfondire quel che il professore ha appena spiegato. E come il mio vecchio professore di matematica che riusciva a far capire la matematica anche ai più duri, lei ci informa e ci spiega con semplicità e pazienza come funzionano processi a noi sconosciuti. Grazie.. perché nonostante il carico di lavoro che le comporta il suo ruolo di presidente, continua con amore ad insegnare ed a informare!

    RispondiElimina
  6. GRAZIE, Prof.Bagnai. Dire di mi suona inutile

    RispondiElimina
  7. Un giorno vorrei essere interrogato dal Prof. Non subito, tra qualche "decade" :)

    RispondiElimina
  8. Voi eravate libero di decidere, nessuno vi costringeva a stipulare quel contratto se non ne avevate voglia; ma ora che vi siete spontaneamente impegnato con quel contratto, dovete rispettarlo (Friederich Engels 1845) lo diceva lui agli operai che si lamentavano da una parte non avrebbe torto, poi onestamente desiderio sarebbe un abbassamento delle tasse in busta già quello mi farebbe contento.

    RispondiElimina
  9. Più che altro è che quello che cerca di spiegare non è facile , anche tempo fa la retta che aveva disegnato sul livello di ricchezza in proporzione ad un pil annuo per calcolare il tempo che necessita l italia per tornare ai livelli pre-crisi , pensi un povero disperato dopo 8-9 ore di lavoro e mantenere anche casa se non ci "mastica" molto di matematica impazzisce...

    RispondiElimina
  10. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno ... intanto il dibattito si e' aperto ....e' questo e' impprtante in Unione Europea dove le mie azioni sono state azzerate e richiedero' non appena avro' la documentazione quota parte del rimborso ... e quelle di un azionista di NordLB invece non saranno azzerate ... ma sa signora sa questo e' un progetto ... cooperativo ...

    RispondiElimina
  11. Certo che Conte ha una bella faccia di palta!
    Non riesco a decifrare come si comporteranno gli ortotteri, ma dalle dichiarazioni e dai movimenti frenetici di Grillo temo il peggio.
    Temo che Conte punti al TINA più classico, paventando sciagure e mercati scatenati qualora la ratifica del Trattato non superasse lo scoglio del voto parlamentare.
    Del resto, la visita di Moscovici e i ripetuti moniti del Quirinale sull'irreversibilità del percorso di integrazione (genuflessione) spingono verso l'ennesimo bacio della pantofola crucca.
    Il rafforzamento del vincolo esterno diventerebbe mortale per noi e l'agonia potrebbe essere breve.
    Spero di sbagliarmi, ma temo che solo una poco probabile spaccatura dentro i gruppi parlamentari grillini (Senato in primis) potrebbe evitare questa pericolosissima deriva.
    Grazie a Lei, Senatore Bagnai, per la preziosa opera in Aula e alla Presidenza di Commissione. Purtroppo avremmo bisogno di schiere di uomini e donne con la schiena dritta come Lei e Borghi. Tenete duro, noi vi sosterremo fino alla fine.

    RispondiElimina
  12. A maggio ho fatto la cazzata di candidarmi alle comunali, per parlare della crisi che attanaglia il paese e il mio distretto.
    No presidente, non si sbaglia.
    Gli italiani hanno un leggero problema con le più elementari leggi economiche.
    Lei ha fatto molto.
    Noi, grazie a lei, tentiamo ma obiettivamente sembra di svuotare il mare col cucchiaio.
    È come se capissero solo fascista /comunista.
    Sembrano non capire nemmeno il loro interesse, visto la forza con cui discutono per interesse altrui.

    RispondiElimina
  13. Caro Senatore Bagnai il lato positivo di questo pasticciaccio brutto di piazza Madama è quello che LEI ha postato " A riprova, credo che ai tempi in cui parlavamo qui, fra pochi iniziati, di metodo Juncker, sarebbe stato difficile per ognuno di noi immaginare che, per una volta, se pure in extremis, si sarebbe riusciti ad attivare un dibattito mediatico e parlamentare prima, e non dopo, dell'ennesima tagliola europea." IL lato negativo è che arrivare alla ratifica a mio avviso equivale già ad aver perso la guerra. Non ho alcun dubbio che il M5S voti a favore della modifica del MES per il semplice fatto che votare come l'opposizione è già una crisi di governo.Qualora Conte mette la fiducia ed è sfiduciato deve dare per legge le dimissioni. Questo porterebbe a nuove elezioni e i parlamentari grillini dovranno rinunciare a 15.000 euro mensili ovvero 1.800.000 euro anni.Buon senso vuole che ci mettiamo l'anima in pace. Rimango sempre più convinto che si potrà uscire dalla UE solo tramite una guerra europea se non addirittura mondiale.
    La ringrazio sempre con stima per TUTTO quello che sta facendo per il popolo italiano.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.