domenica 23 gennaio 2022

Meno uno: il protocollo di Schrödinger

Cadono le braccia a pensare che secondo alcuni operatori informativi questi due documenti non sono mai esistiti!

Valutate voi:

  1. Circolare recante "Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-COV-2" del 30 novembre 2020;
  2. Circolare recante "Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-COV-2" aggiornata al 26 aprile 2021. 
Non me li sono certo scritti da solo, né ho falsificato io la firma digitale dei riveriti firmatari. Sì, si tratta proprio delle due versioni del famoso protocollo domiciliare "paracetamolo e vigile attesa".

Nel primo, quello del novembre 2020, si legge:


(più una serie di altre indicazioni per cui vi rinvio al documento originale). Nel secondo, quello di aprile 2021, si legge:


e credo vediate che la musica nel frattempo era un po' cambiata, verosimilmente anche a causa di quello che era successo in Senato l'otto aprile:


a sua volta conseguenza di quello che era successo sempre in Senato il primo aprile - nel video linkato vedete Bernini, Romeo, e altri... a indicare che un po' di peso politico era stato messo sul piatto della bilancia per far muovere il pachidermico ministero: una iniziativa presa con un discreto anticipo rispetto alla scoperta dell'acqua calda europea:


Ora, non entro nelle varie sfaccettature tecniche di questi documenti, che in larga parte eccedono le mie competenze (non nella parte in cui potrei raccontarvi quanto c'è voluto per passare dalla prima alla seconda versione: un'epopea che in parte risulta agli atti parlamentari ma sotto la quale c'è un lungo romanzo d'appendice fatto di contatti con tecnici, colleghi del proprio e di altri partiti, consulenti esterni, ecc., con cui non vi annoio).

Diciamo che con la revisione di aprile 2021 il Ministero ha sostanzialmente ammesso di aver sbagliato strada omettendo di menzionare i FANS, che poi erano i farmaci su cui fin dall'inizio si era concentrata l'attenzione dei medici di medicina generale che volevano curare i pazienti (già a febbraio 2021 - parlo per esperienza di prima mano - a Roma Nord la prescrizione di qualsiasi medico, ma anche di qualsiasi farmacista, a seguito di tampone positivo su soggetto non altrimenti a rischio era di andarsene a casa e prendersi l'ibuprofene - che non è il paracetamolo - e quella è rimasta, generalmente con buoni esiti: il Ministero è arrivato dopo, a forza di spintoni; ovviamente so, perché se una cosa la sapete voi, significa che io la so già, che in altri territori del nostro Paese - tipicamente: alcune zone del Piemonte - tutto questo era ampiamente noto molto tempo prima, ma anche in questo non mi attarderei, per il momento...).

Mi diverte però una cosa di questo protocollo che secondo alcuni giornalisti non sarebbe mai esistito: il fatto che, come il gatto di Schrödinger, esso sia al tempo stesso vivo e morto!

Eh già...

Perché è sostanzialmente morto per il Consiglio di Stato, quando ci dice che "il documento contiene raccomandazioni e non prescrizioni", motivo per cui non gli si può imputare né di aver impropriamente vincolato l'attività professionale dei medici, né tanto meno di averla indirizzata verso uno specifico principio terapeutico sulla cui appropriatezza da mesi (ormai possiamo dire da anni) sono stati sollevati molti autorevoli dubbi (perché incide sul metabolismo del glutatione: non chiedetemi che cosa sia, relata refero, anche se credo di poter spiegare che cosa c'entra in questo discorso più di certi autorevoli tromboni che abbiamo visto confondere antipiretici e antinfiammatori: magari un giorno succederà anche a me di confondere una curva di domanda con una di offerta, e quel giorno, vi prego, abbattetemi...).

Ma al tempo stesso il protocollo della vigilante attesa pare sia anche vivo, visto che viene utilizzato dagli ordini dei medici per minacciare di sospensione o radiazione (non è chiaro) dei medici che non lo hanno applicato alla lettera:


Mi sembra evidente che c'è qualcosa che non va: e la prima cosa che non va è che non è vero che non c'è un giudice a Berlino: ce ne sono troppi; e non è vero che il problema dei tempi della giustizia (umana) è che sono lunghi: è che sono variabili. Ci vuole pazienza, e ci siamo detti (ma è solo un educated guess) che dovremo averne fino a settembre.

Ora, io non so dove sia il torto e dove la ragione, e per fortuna non è mio mestiere deciderlo. Tuttavia, nella mia carriera universitaria ho studiato diritto privato, diritto pubblico, diritto pubblico dell'economia e diritto commerciale. Diritto quantistico non l'ho mai studiato e dubito che lo si insegni da qualche parte. Di conseguenza, starei un po' attento a radiare medici sulla base dell'inosservanza di un protocollo che secondo il Consiglio di Stato contiene "mere raccomandazioni", se veramente di questo si tratta. Il protocollo o è vivo (ma allora deve fare attenzione in primis chi lo brandisce) o è morto (ma allora brandirlo non ha senso). Il mio, ovviamente, è solo un consiglio disinformato e disinteressato di un pover'uomo affezionato alla logica aristotelica: poi, come sempre, se fate come vi pare, poi mi diverto di più... 

Intanto, io domani me ne vado al drive inDi questa, come di tante altre cose, non avevo bisogno di fare esperienza diretta, perché il mio lavoro è sapere le cose. A differenza del mio illustre e sfortunato predecessore però, ora che ci sono passato, oltre a sapere ho anche le prove. Va da sé che non dovete preoccuparvi: stiamo tutti benissimo, e siccome non fa scienza sanza lo ritenere avere inteso, potete immaginare che due anni passati in dialogo quotidiano coi massimi esperti mondiali del tema (che non sono la trista compagnia di giro lombrosiana che vi ammanniscono quotidie sui media) mi hanno permesso di affrontare in serenità e sicurezza anche questa vicenda potenzialmente rischiosa (ma nel mio caso del tutto observationally equivalent alla mia consueta allergia pre-primaverile a cipressi e mimose: comunque tranquilli, controllo tutto, la saturazione non è mai scesa sotto il 97% e la temperatura non è mai salita sopra 36,9...). Bisogna fare molta attenzione: ad alcuni amici è andata peggio e paradossalmente, in casi specifici, che ovviamente non menziono, proprio a quelli più "rocciosi". Indubbiamente questo virus è insidioso. Può intaccarti senza che tu te ne accorga, può capitarti di ritrovarti con una saturazione bassissima essendo praticamente asintomatico, ecc.

Quindi: l'attenzione non guasta mai!

Anche per questo non entro, perché non sarebbe responsabile, nell'infinito campo degli aneddoti, che sono come un'altra cosa: ognuno ha i suoi. Non entrateci nemmeno voi: sapete che certi argomenti non possono essere toccati nel dibattito pubblico sui social media. Non ve l'avrei nemmeno detto, perché sono fatti miei, se non fosse che domani lo avreste saputo dalla journaille, e dato il nostro rapporto non mi sembrava carino: magari vi sareste potuti preoccupare! Mi limito solo ad osservare che proprio perché è una malattia insidiosa e difficilmente riconducibile a una checklist (giusta o sbagliata che sia, e sopra avete un esempio di entrambe) ci sarà un giorno da fare un discorso molto sereno e articolato su quanto i pazienti del SSN abbiano avuto uguale accesso alle cure cui avevano diritto.

Lasciamo quindi divertire ancora per un po', senza commentarne le fatiche, i fantasiosi esegeti che in questi giorni rivedono la Costituzione sottoponendola alla lente deformante delle loro allucinate pulsioni discriminatorie. A quanti personaggi in cerca di editore la mamma non ha voluto abbastanza bene da piccoli! E queste piccole tragedie personali, quando non conducono a capolavori letterari, conducono a interventi spectacularly ill-timed, come disse qualcuno in un Dibattito che, anche se non volete capirlo, è esattamente questo dibattito.

Poi si farà sul serio, e per chi ora chiacchiera tanto a vanvera la faccenda diventerà meno divertente. Ma siccome non credo nelle soluzioni giudiziarie di problemi politici (o, più esattamente, siccome credo che anche le soluzioni giudiziarie dipendano in modo molto esplicito dai rapporti di forza politici), prima di arrivare a quel momento se non della verità, almeno della minore menzogna, occorrerà, in questo come in tutti gli altri settori del nostro vivere civile, che si sciolgano dei nodi politici (uno in particolare). Anche qui, se poteste fare meno rumore sarebbe tanto di guadagnato per tutti, a partire da voi. All'ultimo si contano le pecore. Io, comunque, non ho nulla da consigliarvi: fate come volete.

Ho dormito bene ieri, dormirò meglio oggi, e domani farò il mio dovere, come lo faranno i miei colleghi.

Spero altrettanto di voi.

56 commenti:

  1. Ottimo. Si rimetta presto, Senatore.

    RispondiElimina
  2. Forza Senatore siamo in tanti a stimarla e ci teniamo a lei 💪👍 io personalmente seguirò sempre i suoi consigli. In bocca al lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi unisco agli apprezzamenti nei suoi confronti e agli auguri di guarigione

      Elimina
  3. Incredibilmente, ieri ho parlato di "consumatore di Schroedinger" in riferimento a persone contemporaneamente dentro e fuori ai supermercati secondo l'ultima grida del Ministero. Non comprendo come queste persone non siano sommerse dal ridicolo, ma l'istinto di conservazione (per me è voluptas se destruendi) impedisce ai più di accorgersi. Buon drive in e buona notte. Io ho avuto tre esperienze col virus. La prima, pre era COVID, ho ritenuto di morire prono in un letto a Natale 2019. Le altre due (Natale 2020 e 2021) certificate da tampone, hanno rappresentato un fastidio burocratico con qualche colpo di tosse la seconda volta. L'immunità naturale, tanto esecrata dal Burioni, non ha impedito il contagio, ma di certo la gravità. Il mio vicino di casa, triplodosato, è finito quasi in ospedale ed è una quindicina di giorni che combatte munito di paracetamolo e poco altro. Buona settimana. La mia sarà nuovamente la solita, tra mura ospedaliere che mi hanno riaccolto grazie alla burocrazia. Perché di motivazioni sanitarie per la sospensione quello ormai si sa... Proprio non ce n'è, anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri, Senatore!
      Si rimetta presto.

      ***

      Nella 'voluptas se destruendi' un aiutino al ridicolo personaggio di turno, se proprio proprio lo chiedesse, lo si potrebbe anche concedere.

      Resterebbe da capire come far scendere gli aiutandi dalla nave prima di lanciare loro il il desiderato macigno.

      *******

      PS: nella sua infinita saggezza il correttore del browser ha partorito "voluptas se deostruendo". É vero! Ostruiscono e come.

      Il web é una piccola immagine del mondo di oggi: serve avere gli occhi anche dietro alla testa.

      Elimina
  4. Buona guarigione e stiamo stringendo i denti perché ci aspettiamo colpi che succeda qualcosa di buono...non sarà mai troppo presto

    RispondiElimina
  5. Buona guarigione e stiamo stringendo i denti perché ci aspettiamo che succeda qualcosa di buono...non sarà mai troppo presto

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Pensi entrare nel drive in con un salto quantico e poter essere contemporaneamente sul Corno Grande. Per quanto improbabile, non impossibile

      Elimina
    2. Buona guarigione, la pensiamo.

      Elimina
    3. GRAZIE CARO PROF. BAGNAI, SE PUÒ CI SCIVA ANCORA COME VA NEL SENATO. GRAZIE ANCORA, DI ESSERE COSÌ, IRONICO, NEL MEZZO DELLA TEMPESTA. IO SONO E SARÒ SEMPRE CON LEI, È UNO DEI POCHI CHE SI SALVERÀ SEMPRE. GRAZIE PER LA SUA INTELLIGENZA VIVACE.

      Elimina
  7. Innanzi tutto buona e pronta guarigione.
    Anche a me sembra evidente che c'è qualcosa che non va. Credo sia la diffusa, storica corruzione nella classe medica, da qui a qui: è stato questo il vizio che hanno usato come grimaldello per scardinare il sistema ed imporre il proprio disegno.

    RispondiElimina
  8. In bocca al lupo Prof. A proposito di allergia primaverile, come per me è altri pochi il polline di cipresso è un gran fastidio... speriamo in sviluppi futuri, certo è che è difficile scardinare un rapporto di forze nel governo consolidato anche da FI... però un giorno si spera che tutta questa follia finirà e vedremo cosa la storia avrà in serbo per certi personaggi, lei continui per la sua strada che è tra i pochi che la storia salverà e di ciò gliene diamo merito, buona guarigione
    p.s. anche io positivo, paucisintomatico, ma non dosato.

    RispondiElimina
  9. Grazie per questi messaggi che ci aiutano ad orientarci nella nebbia, tw è pratico ma il goofy è ben più utile per noi che osserviamo smarriti gli avvenimenti.

    Auguri di pronta guarigione,

    RispondiElimina
  10. Anche io vado a fare il mio dovere , almeno fino a quando mi sarà permesso, poi cercherò altro.

    RispondiElimina
  11. Buona guarigione professore!
    Anche io in quarantena, sì come cosa in suo segno diretta, dal momento che col 1 febbraio sarei rimasto senza paga.

    RispondiElimina
  12. Mi chiedevo quanto mancasse ancora prima che, buona guarigione!
    Paolo

    RispondiElimina
  13. Forza Alberto, buona e rapida guarigione, per te e perché abbiamo bisogno di te il più in forma possibile.
    A me, grazie a Dio e ancorché 69enne novax, è andata di lusso, ma sono tuttora carcerato perché, contrariamente alla mia realtà clinica, il Tampone del Re aveva sancito che tra regole e prassi dovevo stare carcerato altri 10 giorni.
    Ma grazie a Dio, mentre il Re continua con le sue follie, è avvenuto che il Serenissimo Doge della Repubblica Veneta, per Sua Grazia, pare che oggi mi libererà.
    Auguroni e tante innumerevoli grazie!

    RispondiElimina
  14. Buona guarigione Alberto. Per la posta in palio, mi basterebbe che come arbitro non venisse scelto sempre un membro della stessa squadra. Sarebbe già molto, e le condizioni ci sarebbero tutte.
    In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  15. Auguri professore, grazie per tutto quello che fa.

    RispondiElimina
  16. Si rimetta presto prof.
    Il quadro si sta chiarendo e i pezzi del puzzle vanno ognuno al proprio posto. L’immagine finale sarà sorprendente

    RispondiElimina
  17. Stai in forma Prof! Pensa che mia figlia e' stata molto peggio 3 mesi fa con una mononucleosi di adesso che ha preso il virus, io e mia moglie lo abbiamo fatto un anno fa con tachipirina e vigile attesa...vota bene.

    RispondiElimina
  18. Ci sarebbe molto da dire anche sulla comunicazione mediatica a riguardo.
    Ricordo come fosse ieri tutti i titoli di giornali che facevano terrorismo su qualsiasi farmaco poi rivelatosi, non dico risolutivo, perchè per una malattia virale non lo può essere salvo eccezioni, ma almeno utili.
    Ricordo tutti i factcechers che smontavano qualsiasi notizia riguardante farmaci o integratori.

    Ancora oggi, recentemente uscito dalla malattia (paucisintomatica) che parenti e medici mi dicevano di prendere paracetamolo, perché convinti dai media fosse l'unica cosa da fare.

    Oltre ai pazienti, i colpiti da tutto ciò sono anche i medici. Quelli che, perché bravi cittadini, si sono uniformati alle raccomandazioni, ora saranno considerati completamente responsabili per eventuali problemi causati (non che lo fossero prima, ma ora ne hanno l'assoluta certezza).

    RispondiElimina
  19. Vedo che abbiamo una caratteristica ed un problema in comune:
    1 la caratteristica è la chioma fluente;
    2 il problema è l'allergia stagionale.

    Per la caratteristica io ho trovato il mio equilibrio (da oltre 10 anni) tramite il rasoio elettrico con cui facci barba e capelli; per il problema ho trovato una soluzione tutto sommato abbastanza efficace (riduce notevolmente i fastidi nei periodi allergici), iniziando ad utilizzare 40/50 giorni prima del periodo critico, prodotti omeopatici a base di RIBES NIGRUM e Vitamina C, ovviamente con l'antistaminico sempre a portata di mano per le emergenze.

    Divertiti al drive-in.

    RispondiElimina
  20. Buongiorno Professore,
    La ringrazio per la sua attività per cambiare questi protocolli ormai inutili. Le chiedo solo una ulteriore cortesia se potesse spiegarmi alcuni profili non sanitari, ma giuridici ed economici che non riesco a comprendere.
    1) perché gli over 50 sono chiamati a continuare a firmare un documento in cui esonerano da responsabilità il sistema sanitario da eventuali effetti collaterali dei vaccini quando ormai la vaccinazione è un obbligo imposto dallo Stato (con la conseguenza, già confermata da molti costituzionalista, che lo Stato deve assumersi la piena responsabilità dei vaccini che somministra ai propri cittadini)?
    2) perché a 2 anni dalla pandemia in Italia non abbiamo registrato un incremento stabile dei posti letto in terapia intensiva negli ospedali (salvo aperture temporanee di ospedali da campo da parte dell'esercito, smantellati dopo la prima ondata, o salvo diversa destinazione degli stessi spazi negli ospedali ai danni del controllo di altre patologie) rinviando ad un PNRR (missione 6) che, però, fa menzione del numero medio dei posti letto su scala europea (già peraltro soddisfatto da alcune regioni del nord Italia senza che ciò abbia aiutato a combattere la pandemia)?
    3) perché nel PNRR si parla di sanità di prossimità coinvolgendo la rete dei medici di famiglia quando la pandemia ha dimostrato la loro sostanziale inutilità visto che molti di loro (non tutti per fortuna), avendo pagato a caro prezzo la sciatteria con cui abbiamo combattuto la prima fase della pandemia, sono ormai desaparecidos oppure trattano gli infetti da covid-19 come se avessero l'Ebola o la lebbra (con tanti saluti al giuramento di Ippocrate)?
    4) non è possibile proporre a livello europeo di escludere per i prossimi anni gli investimenti aggiuntivi di spesa pubblica in materia sanitaria (spesa corrente e spesa in conto capitale) dal novero dei vincoli del debito pubblico per potenziare la sanità europea?
    La ringrazio per la sua attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Vaste programme" o "Nulla é impossibile per l'Eurota Mannaro"

      Elimina
  21. Un sentito e solidare augurio di pronta guarigione (da 2 giorni faccio parte anch'io del club).

    RispondiElimina
  22. Non ho capito perchè il mio commento risulta essere postato da Unknown

    RispondiElimina
  23. Qualcuno potrebbe suggerirmi quali altri Paesi hanno adottato la stessa strategia del Ministero della Sanità italiano riguardo a "paracetamolo e vigile attesa" come cure domiciliari al covid?

    Sto redigendo un elenco di Paesi in cui non emigrare mai e mi piacerebbe aggiungergli.

    Grazie in anticipo...

    RispondiElimina
  24. Infatti la cosa più grave nella gestione della pandemia è proprio l'accesso discriminatorio alle cure. Se sei fortunato trovi un medico che ti cura. Può essere gestito così il SSN? Direi di no, eppure...

    RispondiElimina
  25. Buongiorno prof Bagnai,
    attendiamo con pazienza che la ruota giri.
    Le auguro di guarire presto!
    Grazie ancora per il suo impegno.

    RispondiElimina
  26. Una pronta guarigione.Queste prime votazioni con il quorum di 2/3,che certamente non porteranno all' elezione del Presidente ,potrebbero essere l' occasione di voti "creativi" un po' come nel film "Benvenuto Presidente".Si potrebbe scrivere sulla scheda ,ad esempio,Mazzini Mina Anna Maria...

    RispondiElimina
  27. Qua nella mia regione ,le Marche,il pd e suoi alleati hanno perso la presidenza della regione proprio per come hanno gestito la sanità :hanno chiuso in 5 anni 13 ospedali e le elezioni avvennero nel settembre del 2020 appena passata la prima fase della pandemia

    RispondiElimina
  28. Aguri di pronta guarigione Professore!

    RispondiElimina
  29. "Cadono le braccia a pensare che secondo alcuni operatori informativi questi due documenti non sono mai esistiti!"
    Non sarebbe meglio anche leggerli, almeno fino a pagina 12 ("2020_11_30_Circolare-ministeriale-24970-Vigilante-attesa.pdf") oltre che a "scovarli"?

    RACCOMANDAZIONI E DECISIONI AIFA SUI FARMACI COVID-19
    FARMACI SINTOMATICI
    Terapia sintomatica Paracetamolo o FANS possono essere utilizzati in caso di febbre o
    dolori articolari o muscolari (a meno che non esista chiara controindicazione all’uso). Altri farmaci sintomatici potranno essere utilizzati su giudizio clinico.

    Non mi interessa la polemica ma è su questo sito che ho imparato a riconoscere i "piddini" e che "la supposizione è la madre di tutte le cazzate", sarebbe onesta una rettifica e una revisione della narrativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico caro, prima di andare dove vuoi (io avrei dei suggerimenti ma li tengo per me), permettimi di dirti che oltre a non essere niente e non sapere niente evidentemente non capisci niente! Secondo te ho messo qui i documenti per non farli leggere? Il problema è che molti di quelli che dovrebbero leggerli non li hanno letti, e la soluzione è stata che molti di quelli che li hanno letti hanno fatto come gli pare. La questione diventa a questo punto quali siano i rilievi giuridici di questi comportamenti e secondo me finirà in modo diverso da come la pensi tu.

      Elimina
    2. Le sono più amico di quanto lei creda e per molto tempo ho cercato di coinvolgere amici e conoscenti nella lettura di questo blog e nella comprensione della narrazione mainstream sull'Euro. Per tutto quello che ha fatto non posso che ringraziarla e spero sinceramente che rimanga in salute per tornare sui temi che le sono propri.
      Ciò non toglie che "oltre a non essere niente e non sapere niente evidentemente non capisci niente!" so comunque leggere.
      E leggendo ho visto che le indicazioni che "i FANS e altri farmaci sintomatici potranno essere utilizzati su giudizio clinico" erano già presenti nel primo documento di novembre a pagina 12, due pagine dopo e con tanto di colori per evidenziare. Se si cambia la premessa dovrebbero cambiare anche le conseguenze. Comunque questa è casa sua e qui valgono giustamente le sue leggi. Non era nelle mie intenzioni irritarla polemicamente soprattutto oggi che ha altro di ben più importante a cui badare.
      Sarò con lei per qualunque battaglia sulla sanità pubblica, soprattutto quella territoriale. Ma le "cure domiciliari" come sono state propagandate da certa narrativa non c'entrano nulla con questa giusta causa.

      Elimina
    3. Con quanti medici hai parlato da quando è iniziata la pandemia?

      Elimina
  30. forza alberto guarisci presto perché abbiamo bisogno di te in forma ❤

    RispondiElimina
  31. Guarisca presto Senatore e si mantenga monitorato, la Covid è alquanto repentina, lo testimonio direttamente. Saluti Davide

    RispondiElimina
  32. Grazie per averci informati. In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  33. Forza Senatore, si ristabilisca presto. Abbiamo sempre più bisogno di persone come Lei.

    RispondiElimina
  34. Lei è già guarito, i FANS servono.
    Grazie per l'informazione, per quanto sta facendo e farà.
    Mi piacerebbe che quando il giorno verrà, settembre?,si facessero meno prigionieri possibile. Non per vendetta ma per giustizia per il dolore che è stato inflitto a migliaia di persone.

    RispondiElimina
  35. Augurissimi di prontissima guarigione prof.

    RispondiElimina
  36. Settembre è troppo lontano. Un'eternità.
    Buona presta guarigione,

    RispondiElimina
  37. Faccio solo 2 brevi osservazioni sul protocollo "Tachipirina e vigile attesa"
    1) Suggerire per telefono ad un paziente preoccupato, specie se sintomatico o ipocondriaco, la "vigile attesa" ha un evidentissimo effetto placebo al contrario (effetto ncebo) e pertanto è manifestamente nocivo per il paziente e contrario ai principi di medicina universalmente accettati.
    2) il protocollo "consiglia" il paracetamolo (tachipirina) per "i soggetti a domicilio asintomatici o paucisintomatici" il che è un assurdo, perchè se il paziente è sfebbrato o ha la febbre bassa non dovrebbe certo prendere la tachipirina, se ha la febbre alta non può certo esser definito, con un tipico latinorum donabbondistico, "paucisintomatico".
    Per cui, o Rezza e Urbani sono in mala fede o incompetenti, in entrambi i casi vanno rimossi con rapidità e ignominia.

    RispondiElimina
  38. Così diventa oggettivamente difficile però...oggettivamente difficile anche per chi come me ha compreso ed appoggiato la scelta governista. La delusione adesso è tanta, forse non capisco, non sono sufficientemente in grado di guardare oltre il visibile...ma così è onestamente difficile. Resta la stima per alcune persone, tra cui lei. Però la sensazione che il voto sia sempre più inutile dal riscontro fattuale di ciò che accade è difficile oggi più che mai da contrastare. Faccio fatica, forse per mio limite intellettuale, a vedere un qualcosa di trascendente nelle vicende degli ultimi giorni.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché vai alla ricerca di qualcosa di trascendente. Posso dirti che (se ti interessa) quest'anno ai capannelli potremo dimostrarvi che questo risultato lo prevedevamo da ottobre del 2020. In qualche modo era inevitabile, salvo conseguirne uno ancora peggiore, che però qui, come vedo, piace a tutti (strano)! Quindi non so che dirti: se sta bene a noi, credo che possa star bene anche a te. Oppure vota Paragone che ne ha tanto bisogno (e lo dico con amicizia per te e per lui: magari è un gesto che vi fa star meglio).

      Elimina
  39. Buongiorno prof. Bagnai,
    adesso che si fa?

    Saluti

    RispondiElimina
  40. Gentile prof. Bagnai,
    in questo blog ho imparato più cose in questi ultimi anni che nei precedenti 40 della mia esistenza.
    Solo questo basterebbe per testimoniarle la mia stima.
    Apprezzo molto e trovo lodevole il suo impegno per denunciare le discriminazioni e vessazioni che molti italiani da diverso tempo stanno vivendo. Anche di questo la ringrazio.
    Purtroppo la sua posizione, come quella di Borghi e pochi altri esponenti della Lega, sono evidentemente minoritarie nel partito.
    E questo non riesco a spiegarmelo. Se la Lega è passata dal 4% al 17% è grazie alle idee che avete portato voi (lei e Borghi), per cui gente come voi dovrebbe essere maggioranza nel partito, invece comandano quelli del 4%.
    Visti i risultati, è chiaro che conviene più al governo tenere dentro la Lega (per legittimare se stesso) che non il contrario.
    Però questo è un governo fascista, e chi ne fa parte è complice.
    Poco importa se c'è qualche voce di dissenso come la sua.
    La Lega vuole continuare a essere complice? Ne uscirà? E quando? Quando ormai ci saremo piegati tutti?
    Motivi per uscirne ce ne sono finche vuole.
    So che non le dico niente di nuovo, come al solito ne approfitto per sfogarmi.
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il problema non è che non mi dici nulla di nuovo. Magari sì, ma non capisco quello che dici. Comandano quelli del 4%? Sicuro? Salvini è di quelli del 4%? E allora perché ci avrebbe tirati dentro? Solo per prendervi in giro? Non mi ero accorto che fosse una così brutta persona...

      Il Governo è fascista e chi ne fa parte è complice. Quindi? Dobbiamo passare da essere poco rilevanti (voi lo sapete, vero, che secondo alcuni la delega fiscale con tanto di riforma del catasto doveva essere votata entro il 31/12) a non essere per nulla rilevanti perché così voi sareste più contenti (e cojonati)?

      Vedi, l'antipolitica vi ha proprio disabituato al ragionamento politico. Il grande capitale fa strame dei vostri ragionamenti fradici di uno strano sentimentalismo bizzoso e rivendicativo.

      In politica chi se ne va ha perso. Liberi voi di perdere le vostre battaglie, e libero io di combattere le mie come credo. Preferisco perdere da solo che vincere in compagnia, ve l'ho sempre detto e non cambio idea.

      Elimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.