lunedì 5 luglio 2021

Pre-QED 95: stampare moneta (con giudizio)

In questo post concludevo dicendovi che:


Non è ancora successo.

Non è cioè successo che Munchau ci abbia spiegato che dalla crisi si potrà uscire solo così.

Vi chiedo però di prestare attenzione, perché sono pressoché certo che stia per dircelo, e volevo segnalarvi perché.

Come credo abbiate visto (grazie a chi vi scrive), i funzionari di banche centrali non hanno difficoltà ad ammettere quello che qui abbiamo sempre detto, per il semplice fatto che è una banale verità da manuale del secondo anno: la creazione (e quindi anche la non creazione) di moneta per finanziare (e quindi anche per non finanziare) investimenti pubblici è una scelta politica, non è soggetta a particolari vincoli tecnici, se non quello macroeconomico derivante dalla potenziale creazione di eventuali tensioni inflazionistiche: tutto qua

Per questo qui avevamo propugnato l'idea che il fabbisogno pubblico venisse monetizzato (cioè che gli investimenti non venissero finanziari emettendo debito pubblico) almeno finché l'obiettivo di inflazione al 2% non fosse stato raggiunto. L'argomento non è distante dai temi sollevati nel convegno del 12. Si potrebbe infatti riformulare dicendo che finché esiste un ampio output gap, cioè finché il potenziale di offerta supera di molto la domanda, ha perfettamente senso finanziare la domanda (quella pubblica, secondo me) con moneta, perché la disponibilità di lavoratori disoccupati e di macchinari inutilizzati permette di soddisfare questa domanda senza che si creino tensioni sui prezzi. Ovviamente, cruciale per questo ragionamento è che l'output gap venga misurato bene, tema del quale si è occupato in particolare Heimberger. Tradotto ulteriormente, dire che "in Italia l'output gap si è chiuso" (cioè che l'offerta è appena sufficiente a soddisfare la domanda) equivale a dire che non si può pensare di finanziare ulteriore domanda emettendo moneta perché altrimenti si genererebbe inflazione.

Ora, come sempre, ci (quasi) arrivano anche quelli bravi: apprendiamo da Voxeu, blog di grande reputazione e quindi significativo degli orientamenti futuri dell'élite, che finché non ci sono tensioni inflazionistiche, ha perfettamente senso emettere moneta. Gli autori lo fanno nel 2021 con una postura che a me non piace per i motivi esposti nel lontano 2015, cioè perché parlano di finanziare la domanda privata con un meccanismo di helicopter money, anziché infrastrutture pubbliche con il consueto meccanismo di finanziamento monetario descritto dai libri di testo, ma il punto fondamentale viene posto bene in evidenza: l'unico limite al finanziamento monetario della spesa non è "dove trovi i soldi?" (risposta: li emetti), ma "quanta inflazione alimenti?" (risposta: durante una gravissima recessione, molto poca). Proporre l'helicopter money come regola "contingente" (cioè dipendente dalle circostanze, in particolare dal tasso di inflazione) è un enorme passo avanti: significa arrivare addirittura a dove eravamo noi sei anni fa!

Quindi fra un po' ci arriverà anche Munchau, lo scriverà sul Financial Times, e il QED sarà compiuto.

Mentre aspettiamo, le aziende chiudono e le infrastrutture vanno in malora (spesso la prima cosa è causata dalla seconda, come ci spiegavano alcuni imprenditori oggi a Pescara).

Ma come ogni rivoluzione culturale, anche questa ha i suoi tempi e, purtroppo, le sue vittime.

Noi ce la stiamo mettendo tutta.

18 commenti:

  1. Ho paura che il tempo a disposizione stia finendo...
    Grazie di tutto!

    RispondiElimina
  2. Davvero una traversata nel deserto molto lunga.
    Occorre dire che con la tua visione e guida si è creata una consapevolezza (credo) anche in ampi strati della popolazione, ancorché numericamente minoritari.
    L'intendance, come spesso accade, suivrá.
    E, come sempre, con infinita stima ringrazio tutti voi per l'enorme lavoro che in Lega state facendo.



    RispondiElimina
  3. Sbaglio o se aspettano ancora un po' a finanziare la domanda pubblica, rianimando di conseguenza l'offerta privata, che rianima a sua volta la domanda privata, che a cascata rianima anch'essa l'offerta privata, e l'occupazione, e un po' di inflazione, andrà a remengo la capacità produttiva privata e poi hai voglia a rianimare l'offerta perché nel frattempo i privati saranno in gran parte morti di fame, e non nel lungo periodo, e a quel punto partirà pure l'inflazione perché se la roba non ci sta perché nessuno la produce, quella poca che c'è costa un botto per i pochi che se la possono comunque permettere?
    Sbaglio?
    Se non sbaglio, potremo dire: pensavate di poter scegliere se finanziare la domanda pubblica o tenere bassa l'inflazione, non avete finanziato la domanda pubblica e avrete un'inflazione paurosa da scarsità di offerta. Poi inizieranno i roghi per le strade e le famose pallottole in garage, e tutto dentro il migliore dei mondi possibili, ovvero la UE.

    RispondiElimina
  4. Se non ho capito male (il che è molto probabile) se aspettano ancora un po' a finanziare la domanda pubblica, rianimando di conseguenza l'offerta privata, che rianima a sua volta la domanda privata, che a cascata rianima anch'essa l'offerta privata, e l'occupazione, e un po' di inflazione, andrà a remengo la capacità produttiva privata e poi hai voglia a rianimare l'offerta perché nel frattempo i privati saranno in gran parte morti di fame, e non nel lungo periodo, e a quel punto partirà pure l'inflazione perché se la roba non ci sta perché nessuno la produce, quella poca che c'è costa un botto per i pochi che se la possono comunque permettere.
    Sbaglio?
    Se non sbaglio, potremo dire: pensavate di poter scegliere se finanziare la domanda pubblica o tenere bassa l'inflazione; non avete finanziato la domanda pubblica e avrete un'inflazione paurosa da scarsità di offerta.
    Poi inizieranno i roghi per le strade e le famose pallottole in garage, e tutto dentro il migliore dei mondi possibili, ovvero la UE.

    RispondiElimina
  5. Ho fiducia in voi. Mi raccomando.

    RispondiElimina
  6. Aspetto il completamento del QED con ansia.
    Così potrò sbattere in faccia la realtà ai babbei che confondono la moneta fiat (che ovviamente chiamano "fiat money") con il sistema aureo (nella versione che si sono inventati loro, tra l'altro).

    Mi chiedo come Bagnai possa resistere da 10 anni, parlando con dei babbei arroganti tutti i giorni.

    Ma d'altronde, sono sempre loro. E sono sempre stati così.

    RispondiElimina
  7. Con la piena sovranità monetaria i pesi le leve e contrappesi giusti non sarebbe un problema neanche l'inflazione, quando si volesse raffreddare un economia in ebollizione con alta inflazione dovuta agli aumenti di consumi basta riportare i tassi di interessi al posto giusto e semmai usare la leva della tassazione per drenare la moneta in eccesso presente nell'economia reale. Ma ovviamente per agire così bisognerebbe riprendere il controllo della BC italiana e ripristinare la collaborazione con il tesoro abolendo il divorzio del 1981 quindi ripartire con il prestatore d'ultima istanza che controlla i tassi e monetizza all'occorrenza, e ritornare ad avere politici che abbiano il coraggio di selezionare quelle aziende strategiche per il paese nazionalizzandole e forse vedremo un'altro trentennio d'oro. Senza dimenticare che è compito dello stato far si che l'indice di Gini riprenda a funzionare con un'equa redistribuzione del reddito tra capitale e salario. Oggi il segno più evidente di questi squilibri sono che delle multinazionale con fatturati miliardari pagano in percentuale molto meno tasse dei loro collaboratori.Abbiamo bisogno di politici che abbiano una visione e conoscenza del funzionamento dell'economia senza farsi abbindolare da chi oramai da decenni riesce a vederla solo dal lato dell'offerta e non più della domanda, riapplichiamo la teoria generale e del lavoro di Keynes facciamo buche e ricopriamole. Prof a lungo termine non ci saremo più ricorda?
    Grazie come sempre
    Vincenzo taxi Roma

    RispondiElimina
  8. Sono nuovo e non so se sto facendo bene, in caso contrario chiedo scusa e cancellate pure il mio commento.

    A me sembra che tutto abbia un unico fine.
    Impedire ad uno Stato sovrano di autodeterminarsi per poter essere trasformato attraverso nuovi mercati.
    Ma se le cose stanno cosi e sono nate per questo, non è meglio puntare su l'alternativa per il paese lasciando le regole come sono, invece di fare attacchi diretti.
    Per esempio l'idea dei minibot mi era piaciuta, anche se magari troppo rivoluzionaria, però una cosa del genere, che magari non crea scandali o cambiamenti nelle altre nazioni, ma che a noi permette di uscire dalla competizione perlomeno.

    Aprire dei canali alternativi che mantengano l'italia quello che è anche se vista da un altra prospettiva, lasciando porte aperte per l'autodeterminazione, che poi saranno gli italiani a percorrere.

    RispondiElimina
  9. "Quelli bravi" sono francesi.
    Bravi non nel senso descritto in personaggi di manzoniana memoria.
    L'odore della paura e l'ennesima guerra in quel paradiso di pace che è l'UE.

    RispondiElimina
  10. Propongo di cambiare QED con VLD: Ve l' avevo detto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei nuovo di queste parti, vero? Non c'è niente di male: capita anche a me, ma quando mi capita tendo a evitare di farlo vedere...

      Elimina
  11. Un QED potenziale basato sul Munchaut gap

    RispondiElimina
  12. Ho il rimpianto di non aver partecipato al dibattito tra il 2011 e il 2018, sebbene la sua opera mi fosse già nota. Ho seguito più attentamente le sue attività degli ultimi tre anni, con qualche approfondimento sul pregresso, nonché studio di vari libri e saggi, provando inoltre a rappresentare alcuni concetti negli ambienti che frequento. Colgo sempre l'occasione per ringraziarla poiché credo queste letture e riflessioni mi abbiano aiutato, in modo molto concreto, a fare scelte migliori rispetto a quelle degli anni in cui ho prestato minore attenzione. Grazie, in particolare, del tempo che ci sta dedicando qui in questo recente periodo e per l'organizzazione dell'imminente Convegno del 12 luglio

    RispondiElimina
  13. Vi è un aspetto a cui nessuno (mi pare) fa cenno: i DAZI.
    Non si protegge il lavoro interno , soprattutto quello italiano , se non si prende in seria considerazione l'applicazione di pesanti dazi sui prodotti cinesi e indiani . Non su quelli americani , in quanto sono più cari dei nostri e gli USA sono un cliente più che un concorrente.
    Ovviamente ponendosi anche la domanda sui prodotti di "rimbalzo" fatti formalmente in Europa ma di fatto provenienti dalla Cina .
    E' evidente che la grande opportunità cinese a cui accennava (mi pare Prodi) negli anni 2000 si sia trasformata in una grande fregatura .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e l'immigrazione senza freni e la relativa pressione sui salari al netto di quanto ci costa e della pressione sui servizi? e il tasso di cambio reale intraeuro?
      Certo i problemi so' parecchi e retsno tutti e si stanno aggravando!

      Elimina
  14. Helicopter money mi sembra si faccia in maneria strutturale in Italia, vedi cassa integrazione sfrenata, reddito di cittadinanza, mld ad Alitalia per campare 10.000 dipendenti di un azienda zombie. Perchè lo si fà? Non lo so, forse perchè per la classe politica tutta è più facile dare soldi a pioggia per mantenere posti di lavoro che non ci sarebbero più da anni se non grazie ai pagatori di tasse, e dove non bastano le tasse arrivano i BTP. In che senso più facile? Più facile perchè prima di tutto sono voti che la politica si accalappia facendo così, io dare salario a te tu dare voto a me, secondo poi i politici lo sanno benissimo che fuori dalla porta dei loro palazzi c'è una classe dirigente della PA che se lavora o non lavora non gli dice niente nessuno (gli OIV sono fumo negl'occhi). Quindi perchè stanziare mld per opere pubbliche in conto capitale, quando la polita sa benissimo che quei fondi come te li ho dati finiscono in economia di bilancio perchè non vengono spesi? A questo punto si sceglie la strada che fa contenti tutti "helicopter money". Ho paura che dei fondi per il PNRR verranno spesi solo quelli destinati all'assunzione a tempo determinato di SUUUUPPPERRRR laureati professionisti per fare finta di fare progettazione, ma di opere realizzate e collaudate se ne vedranno ben poche. Spero che qualcuno smonti la mia visione delle cose e mi faccia guardare le cose in un modo migliore e non così scandaloso. Grazie.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.