MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 12 settembre 2013

Tre brevi di cronaca

(anzi, quattro...)

(preparando il discorso di oggi pomeriggio - ore 17, aula dei gruppi parlamentari della Camera dei deputati, e prima di svolgere qualche breve considerazione su ieri sera...)

Se vi piace l'informazione basata sui fatti (come questa, o questa, o questa, o questa, o questa, o questa, o questa...), se volete sostenere chi vi sta aiutando a unire i puntini, se volete puntare sull'unico progetto di informazione che ha dimostrato di essere realmente in grado di cambiare i termini del dibattito, e quindi di aprire la strada ad una alternativa politica, vi ricordo che avete tre modi per farlo (e due sono gratis).

  1. votate Goofynomics ai Macchia Nera Awards
  2. boicottate e fate boicottare senza pietà le trasmissioni #PUDE (inutile guardarle e poi lamentarsi: i vostri tweet contano, lo capite o no? Vale soprattutto per Lameduck: sei una donna giovane, ma non durerà per sempre: perché perdere tempo davanti alla TV? D'accordo che l'amante del genere si trova sempre, però sono nicchie di mercato...)
  3. sostenete a/simmetrie
  4. partecipate al compleanno del blog (attenzione, i posti si stanno esaurendo in fretta e non siamo più in tempo per cambiare sala, e... occhio, perché il programma non è chiuso e ci saranno delle sorprese. Chi non verrà si morderà le mani, ma saranno anche fatti suoi...)

Una volta chiedevate sempre "che fare? Che fare?". Ora ve lo sto dicendo. E voi, lo state facendo?


(come riconoscere una trasmissione #PUDE? Semplice: sono quelle che invitano cialtroni e mi lasciano parlare un minuto per ora lavorata. Non posso permettermi una produttività così bassa, e nemmeno voi...)

51 commenti:

  1. OT - Inquietante!

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/09/12/napolitano-nomina-giuliano-amato-giudice-della-consulta/709283/

    RispondiElimina
  2. Perché, non è interessante e divertente assistere alle ultime contrazioni cloniche di un tipo di comunicazione di massa dépassé, qual è la televisione? E' la mia parte necrofila, lo ammetto.
    Comunque sto già cominciando a seguire il consiglio. Eccezione per "la Gabbia" ieri sera, ma Ballarò e affini non li guardo più manco morta (tanto per restare in tema).

    P.S. Grazie per il "giovane".

    RispondiElimina
  3. Paragone si è dimostrato un mezz'omo, un quaquaraquà.
    Io ero lì (anzi, NOI TUTTI eravamo lì) davanti alla tv in trepida attesa, pronti al botto, e invece?
    Una miccetta.

    Tanto valeva guardarsi un film, almeno non ci si rodeva il fegato con tutte quelle puttanate.

    RispondiElimina
  4. Grazie Prof, chiarissimo. Incredibilmente, nonostante faccia parte del gruppo "Beato te...", faccio e ho già fatto tutto quanto sopra. Tra l'altro, ho boicottato pure la prima ora de "La Gabbia" di ieri sera: Travaglio/Santanché son PUDE fino al midollo.
    In bocca al lupo per il suo discorso di oggi. Ieri l'han fatta parlare poco, maledizione....
    Take care

    RispondiElimina
  5. 1: fatto
    2: lo faccio da molto tempo
    3: fatto
    4: lo farò (già prenotato)

    Ieri sera in realtà, sapendo che c'eri tu, ho fatto un'eccezione ma solo per alcuni frammenti, e in mezzo a quel bailamme sono anche riuscito a sentire un paio di minuti del tuo intervento.
    Trasmissione indecente, come al solito.

    PS: non maltrattare Lameduck, è una brava ragazza.

    RispondiElimina
  6. Punto 1: fatto
    Punto 2: fatto
    Punto 3: lo farò certamente
    Punto 4: già fatto (nel senso che sto scrivendo usando i moncherini ... e fa abbastanza male, ma lo so, sono fatti miei).

    RispondiElimina
  7. Certo che stiamo facendo quanto chiedi. Ci mancherebbe altro! Personalmente ho già votato e alle 14.04 deporrò le mie auguste terga su freccia rossa con destinazione roma termini. Tutto quello che dici sulla tv è arcivero, ma sono convinto stai facendo un lavoro straordinario, ti stai guadagnando metro per metro lo spazio che ti compete. Ieri sera in mezzo a quel circo indicibile hai sicuramente raggiunto molte persone che nemmeno conoscevano il tuo nome. E hanno visto la differenza, non solo con l'ex comunista verde appesantito dal troppo denaro che parla di quanto è stato difficile costruire la sua "casa" in toscana per quel meritato riposo che spetta a chi guadagnava, lira vigente, cinquanta milioni al mese (se non ricordo male), ma sopratuutto col " sinistro" antagonista che ancora vagheggia una vera banca europea! Usi intelligenza e pazienza, nessuno ti regala niente, ma sempre più, quando si parla dei problemidell'euro, viene evocato automaticamente il tuo nome. Fai un gran lavoro. E poi non dovresti dimenticare: per aspera ad astra (o per angusta ad augusta)

    RispondiElimina
  8. Hai ragione prof.

    di cialtroni ieri sera da Paragone ce n'erano tanti, l'unica voce autentica era la tua,
    che è stata presentata come portatrice di

    UNA TEORIA STRANA STRANA ... TANTO STRANA...

    CHE E' L'UNICA POSSIBILE PER SALVARSI

    DALLA TRAGEDIA ANNUNCIATA...

    POLVERE ALLA POLVERE...

    MERDA ALLA MERDA !!!

    Del resto liberarsi da una dittatura non è mai stato facile.

    RispondiElimina
  9. Segnalo una bruttissima notizia: Giuliano Amato e' diventato giudice costituzionale, il che vuol dire che l'offensiva contro l'ultimo baluardo legale che ci protegge tutti (e non solo quell'1%) si e' aperta.

    Non oso pensare che porcherie mo' il PUD€ ci infilera' ...

    RispondiElimina
  10. Carissimo prof,

    sono senz'altro d'accordo con lei; e sono contro la falsariga comune a questi programmi tv, ossia dare pari dignità a idee e persone, cui si dovrebbe dare invece uno spazio proporzionale alla rispettiva autorità (intellettuale).

    RispondiElimina
  11. Professore, grazie per la serata di ieri sera. Poterla ascoltare, seppur in un ambiente a dir poco ostile e di parte, mi da' qualche speranza...speranza che nutre molta gente che si e' stufata di sentire solo castronerie in tv. a proposito dell'euro. Capisco la sua delusione (che doveva aspettarsi) per la poca disponibilita' in trasmissione per i suoi interventi (diciamo boicottaggio) ma i suoi interventi sono stati lo stesso dirompenti!!!
    Professore, mi creda, c'e' tanta gente che sta aprendo gli occhi...lei ieri sera ha aperto una piccola breccia in un muro di "falsita' isituzionalizzate" e LORO lo sanno! Nel mio piccolo posso solo incoraggiarla a proseguire nei suoi interventi nelle trasmissioni televisive e, vedra' (le faccio una previsione)lei diventera'l'economista ospite di riferimento, al posto di Boeri!
    La saluto con affetto.

    RispondiElimina
  12. che delusione la trasmissione di ieri sera prof . la gabbia si è rivelata un pollaio della peggior specie . 2 ore a blaterare del nulla . l'apice del grottesco a mio giudizio se lo contendono chiesa col suo sito del debbitopubbbblico , la giornalista con i suo probblemiveridellaggente , e la biondina del pdl con la sua enunciazione della differenza fra destra e sinistra "loro (la sinistra) tagliano tasse solo aggiungendo nuove tasse , noi (la destra?) tagliamo la spesa(servizi)" senza la minima vergogna .

    sia metta l'anima in pace prof , 30 anni di obnubilamento mediatico non sono uno scherzo

    RispondiElimina
  13. Punto 1.
    Già fatto, e spiegato ai miei amici cosa può capitargli se non si sbrigano a fare lo stesso.

    Punto 2.
    Erano mesi che non passavo nemmeno vicino al televisore. Ieri sera mi sono lasciato tentare dai twit dei miei amici. Così quando è partito il twit col quale ho comunicato a Paragone tutto il mio disgusto ed il mio proponimento di non guardarlo mai più, i titoli di coda non avevano ancora finito di scorrere.
    Per il resto con Teleregime, o Telerompo, a piacer tuo, ho sempre avuto rapporti difficilissimi fin dagli anni dello strapotere democristo. Ora al fastidio di sempre si sono aggiunti il disprezzo e l'odio fisico che provo da sempre per i traditori e i nemici disonesti.

    Punto 3.
    Già fatto, ma questo te l'avevo già detto.

    Punto 4.
    Ho già predisposto tutto (biglietti, hotel, navigatore eccetera). Non vedo l'ora che passino queste sei settimane. Già il programma è ghiotto, chissà la sorpresa ...

    Varie ed eventuali
    Nel frattempo l'attività di fanculazione degli irriducibili e depiddinizzazione dei redimibili continua come al solito.

    Immer weiter!

    RispondiElimina
  14. non guardo più queste trasmissioni politiche dal 24 novembre 2011 (beh, o giù di lì)..
    una volta quanto meno avevamo uno (come direbbe il prof) che non faceva gli interessi nazionali ma (aggiungo io!) almeno faceva divertire con i suoi (problemi) personali.
    ed ora?
    ormai è chiaro (a pochi, ma chiarissimo) che la violenza fascista (che non è tale per il linguaggio ma nelle azioni, negli esseri subdoli, nel comprare la gente) a cui siamo di fronte non avrà arresto. è un fiume in piena.

    detto questo, Paragone che dovrebbe fare?
    come il giornalista che lanciò la scarpa a George W Bush?
    se non sbaglio è stato condannato.
    Paragone dovrebbe farsi licenziare senza poi mandare in onda la trasmissione che noi desideriamo?

    o non ricordate Ciampi quando, a detta di Galloni, seppe che si stava lavorando per abrogare il divorzio minacciò i padri dei figli raccomandati a BdI?
    anche loro tenevano famiglia.. e a furia di tenerla immagino che abbiano occupato tutti i posti (non politici ma politicizzati) in cui si muovono i veri poteri.

    da futuri morti (fisici) almeno abbiamo l'archivio vivente della storia che si manterrà e in cui ci sarà scritto che tutto questo era stato previsto, ben descritto e spiegato e che la storia che i vincitori si stanno dando non sarà facilmente fatta passare come è stato fatto con Giuseppino Garibaldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paragone ha dimostrato maggior coraggio su rai2 in seconda serata. Addirittura Mentana nel collegamento col TG ha lanciato tra gli argomenti la critica dell'euro che poi nei fatti si è vista poco o nulla, a parte un paio di battute vaghe dello stesso conduttore. Se al prof non lasciano sviluppare gli argomenti, se pure sinteticamente, inutile che lo chiamino per raccattare share tra chi lo segue sul web. Ha avuto ragione mia moglie a rifiutarsi di sorbirsi anche 1 minuto di Santanche'-Travaglio, un teatrino pietoso messo su pure quello di sicuro in nome dello share.
      E tutto cio' credo posi una pietra tombale sulla possibilità di crescita di un serio dibattito sull'euro in TV. Cosa avrebbe potuto fare Paragone? Un lavoro più organico. Sua marxistità "le pmi sono una metastasi" ha avuto più tempo a In Onda o quel che era, in prima serata, su la 7, di quanto ne abbia vuto il prof ieri. Il che dimostra quali tesi siano percepite come pericolose (i compagnucci da salotto o cabaret hanno sempre avuto la loro cittadinanza nel mainstream televisivo)

      Elimina
  15. Perché spesso seguiamo ciò che ci porta lontano dai nostri desideri? Pensò. Ci inchiniamo alla polemica del giorno, di cui capiamo la pochezza, ma a cui tutti si abbeverano. Ci accodiamo al dipanarsi della chiacchiera di cui non ricordiamo più l’inizio, al ciarlare di chi affolla la fotografia ai piedi del sovrano. E tutto intorno, c’è chi lavora, studia e coltiva idee che dureranno mille volte più di un lampo di notorietà in televisione o su un giornale. Ma tutti, spesso, abbiamo preferito quel lampo alla paziente speranza. Solo quando perdiamo queste persone, i custodi dei semi, delle idee, del giardino nascosto delle parole, ci accorgiamo che non li abbiamo ascoltati abbastanza. Ma imparare l’arte del guardare oltre le luci, nella penombra, nello spazio quasi invisibile tra due pagine chiuse, questa è la sfida.
    — Stefano Benni, Achille piè veloce

    ‘Nto u culo al PUD€!(questa l’ho aggiunta io, che so’ poeta).

    Dato contributo ad asimmetrie fin da subito

    A Pescara vengo insieme ad altri amici conosciuti grazie al blog (tra cui l’autore del “fascismo rosso”)

    Ovvio il voto a macchianera

    Per la TV non è un problema: non ce l’ho 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'Ntu culu au PUD€... Si vide ca parri brianzolu tutt'i jorni!

      Elimina
  16. Ieri sera twitter era un unico ruggito. L'hanno sentito benissimo, ne sono certo.

    Francamente non comprendo perchè dovrei seguire una trasmissione solo perchè usa due volte l'espressione "logica eurista".

    Siamo molto meglio di questo, valiamo molto più della nocciolina con cui ci vogliono comprare.

    Intanto Alemanno, Leoluca Orlando, Sangiuliano... la lista dei quelli che si preparano al proclama badogliano si allunga.

    Ieri sera pure il "diversamente laureato" twittava strano...

    RispondiElimina
  17. Mercoledi prossimo riprende la Champions league, il pudeista con la chitarra si e' messo in gabbia da solo.

    RispondiElimina
  18. 1. Fatto
    2. La mia TV galleggia lungo l'Elsa
    3. Sono un po' in bolletta, faròllo quanto prima
    4. Impegni artistici me lo impediscono, ahimé..
    Ad majoram

    RispondiElimina
  19. 1) Fatto
    2) Fatto da almeno 2 anni
    3) Fatto
    4) Vorrei ma non posso

    Domanda 1: Ma ieri sera Paragone ti si è avvicinato a fine trasmissione: che ti ha detto, Prof ? E tu, che gli hai risposto ?

    Domanda 2: non per fare il complottista dell'ultim'ora, ma Giorgio La Malfa cosa ne pensa oggi del Bilderberg ?

    Grazie comunque per tutto ciò che hai fatto, Prof, per tutto ciò che stai facendo e per ciò che faremo !

    RispondiElimina
  20. Vi possiamo seguire da qualche parte, magari in diretta web?

    Grazie

    Ciao

    RispondiElimina
  21. Se posso gettare dentro un po' (solo un po') di ottimismo, io credo che Paragone stia ancora testando il format del programma, che ieri sera mi è sembrato un po' rock&confusionario. Secondo me ci sarà lo spazio per una PRIMA SERATA dedicata interamente al tema - purtroppo sempre troppo tardi - magari tra due settimane, quando finalmente i media italiani la smetteranno di scartavetrarci gli attributi sull'incandidabilità di un piccolo parlamentare.
    E cmq io resto dell'idea che se si vuole parlare in modo serio di questi argomenti i talk show non sono il luogo adatto, ma sono solo utili a dare visibilità all'idea (ricordo che c'è molta gente che ancora non conosce questa iniziativa). Con i cialtroni che popolano i talk show è impossibile intavolare una discussione; i ragionamenti seri si devono fare per forza di cose all'interno di iniziative autogestite e con i controcaxxi come quella di Pescara, non vedo l'ora di esserci.

    RispondiElimina
  22. Purtroppo devo constatare che nonostante Paragone sia almeno sensibile ai temi qui trattati lo spettacolo trasmesso in tv sia poco utile. Il rapporto SN (segnale/rumore) è bassissimo. Anche una persona brillante che tiene polso sommersa da tanti blateratori fa molta fatica a farsi sentire. Quello che passa sono poche parole spezzate.
    Professore, se vuole incidere deve per forza ritagliarsi uno spazio minimo, fossero anche 5 minuti non da solo ma in contraddittorio con al massimo un interlocutore per volta.
    Prenda spunto dagli Orazi, uno alla volta li stende tutti.
    Ricorra all'amicizia con Paragone per ritagliarsi uno spazietto, trovategli un nome che faccia presa, chessò "Orazi VS Curiazi" e poi potrà affrontare qualunque nemico, le armi non le mancano.
    Forza e coraggio a tutti.

    RispondiElimina
  23. soprattutto farei notare la distanza siderale dalla trasmissione che ci si poteva aspettare dallo spot ("siamo prigionieri della finanza, noi non siamo più cittadini ma sudditi") e l'obbrobrio andato in onda che mi ha costretto a cambiare canale prima di sentirla parlare.

    cioè Paragone ha fatto uno spot accattivante e poi ha buttato lì l'ennesima puntata su berlusconi con travaglio contro santanchè e deliri e pollaio totale. voleva avere l'audience che gli garantiscono certi temi scomodi ma non esser "scomodato" dalla prima serata...ebbene, questo trucco funziona una volta. nessuno che non sia puddino dentro seguirà questa trasmissione ancora, per cui ha fatto una scelta.

    RispondiElimina
  24. 1) ci provo da non so quanto tempo, ma è impossibile!
    2) lo faccio da tempo immemore
    3) fatto
    4) non so ancora se mi sarà possibile :(

    RispondiElimina
  25. E' molto semplice. In un talk show politico di prima serata ( fatto per attirare ascolti) si invitano 10 ospiti, più svariati interventi dal pubblico, più variegati servizi di cronaca dei vari inviati, più vari tagli pubblicitari, più le comiche finali...il risultato è che nessuno riuscirà a parlare per più di 2 o 3 minuti a testa con le immancabili sovrapposizioni di voci. Il pollaio.
    Si chiama TELEVISIONE...è inutile dire "commerciale" dato che in Italia la televisione pubblica semplicemente non esiste. Esiste quella di Stato, concetto un tantino diverso.
    Il problema non è Paragone, il problema è che Paragone lavora per la TV ed è sottoposto alle logiche della TV.
    Personalmente credo che sia impossibile trarre un'informazione corretta dalla TV, vince il battutaro, il demagogo anti corruzione e casta che strappa infiniti applausi "liberatori".
    Eppure le presenze del prof in TV come di tutti gli anti pude potrebbero essere comunque utili: se non servono ad informare in maniera compiuta forse servono a spezzare il monolite, a far si che i tanti cittadini dubbiosi ma a cui finora erano solo arrivati i messaggi martellanti del PUDE abbiano il sollievo di sentire che invece esiste qualcuno che dubita come loro...e che ha anche l'autorità professionale per farlo! Non è poco, credetemi, nel quadro desolante in cui ci troviamo. In questo modo sempre più cittadini potrebbero essere stimolati a cercare informazioni sulla rete...e a smettere di guardare la TV stessa! Infatti come sappiamo la rete è l'unico luogo dove non serve essere battutari, se dici bugie perdi.

    RispondiElimina
  26. Per punti 1,3,4 Mission Accomplished.
    Per punto 2 mi sono portato avanti col lavoro da un paio di anni. Resta il fatto che ancora in tanti (troppi) sono cloroformizzati da TVPUDE. Mi sento un po' "partigiano", nascosto tra le montagne, che resiste in un territorio ostile. Così mi è sembrato che l'abbiamo trattata ieri alla Gabbia. Lì in alto, fuori dall'arena (e meno male), pochi minuti per un argomento che tratta da due anni con decine e decine di post su questo blog, e alla fine chiaramente scazzato.
    Io continuo a divulgare...per scardinare pensieri, favole e convinzione ataviche delle persone che conosco mi sto attrezzando con un piede di porco.

    RispondiElimina
  27. Che Cairo non potesse che dare a LA7 una impronta spiccatamente commerciale era prevedibile, visto che è quella la sua natura di imprenditore. Si sperava , però, che potesse utilizzare il programma di paragone come uno strumento per garantire all'amico Berlusconi una sponda anti-Euro per una possibile campagna elettorale visto che la precedente, giocata su questa linea, gli aveva reso un grande recupero sul PD. Purtroppo è stata solo una delusione. L'unica è usarla come cassa di risonanza per pubblicizzare tutte le tue iniziative tese a promuovere informazione....quella vera. Paragone alla RAI sembrava ancora essere un giornalista (anche se grandi sforzi, per capire quello di cui lui stesso voleva trattare, non è che ne facesse). Ora non è niente.
    Peccato poteva essere un'occasione per arrivare al "grande pubblico".

    RispondiElimina
  28. 1 e 2 fatto.
    3 e 4 : ho deciso di rinunciare al compleanno, mangiarmi le mani e, con quei 160 euro, finanziare ulteriormente a/simmetrie.

    Sto mettendo anche da parte 50 cent per ogni volta che mi viene il voltastomaco. Quando arrivo a 50 li bonifico(sempre punto 3).



    RispondiElimina
  29. Da quando Paragone ha suggerito ad Alberto Bagnai e giannino (in tutte minuscole, come ne 'I Ragazzi della Via Pàl') di giocarsela a carte, il mio contributo all'audience non l'ha più avuto, né i miei tweet.
    In tutte queste trasmissioni si riconosce sempre il solito cliché: da una parte chi cerca di parlare seriamente, dati alla mano (ovviamente quando sono presenti Bagnai, Borghi, Rinaldi e pochissimi altri); dall'altra parolai professionisti che paventano carriole o piaghe bibliche, ovviamente senza argomentare.
    In mezzo il conduttore (ma forse sarebbe meglio chiamarlo conducente, visto che questi shout show assomigliano più a un autobus in ora di punta), che visto che tiene famiglia non trova di meglio che dare spazi enormi ai cretini e perculeggiare chi vuole dibattere seriamente.
    Sono tutte inguardabili e inutili.
    E comunque il problema è sempre Berlusconi.

    L'unica trasmissione che potrei guardare sarebbe su TeleGoofy...

    RispondiElimina
  30. BLOG,A/SIMMETRIE,CONVEGNI SERI,TWITTER.Basta e avanza! Mi veniva veramente da piangere ieri sera, pardon, stanotte. Lentamente faremo breccia. Continui a divulgare come sta facendo, non abbiamo fretta, non ce n'è di bisogno. GRAZIE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sbagliato pure a mettere il commento! dovevo inserirlo nell'ultimo art del Prof. Ma quando penso a ieri sera non ci capisco più un kaiser.

      Elimina
  31. I primi tre punti sono stati ottemperati. L'ultimo, mi è precluso causa distanza, mare che obbliga a mezzi di trasporto costosi e tempo per spostamenti che si diluisce al punto da rendere necessari giorni di ferie... non è carino però che mi faccia pesare così tanto quello che mi perderò nel non esserci...che invidia

    RispondiElimina
  32. Punto 1) e 2) Completati. Punto 3)In arrivo. :)

    RispondiElimina
  33. "come riconoscere una trasmissione #PUDE? Semplice: sono quelle che invitano cialtroni e mi lasciano parlare un minuto per ora lavorata".

    Prof, lei è ottimista.
    il criterio è ancora più semplice: le trasmissioni anti-Pude o anche solo quelle che ammettono un dibattito serio e leale che permetta ai telespettatori di stimolare una coscienza critica semplicemente non esistono.

    Ieri è stato uno spettacolo desolante per la conduzione e i contenuti che ha offerto la trasmissione. meglio disertare.

    RispondiElimina
  34. Punto 1 : FATTO!
    Punto 2 : Work in progress
    Punto 3 : FATTO!
    Punto 4 : Non fattibile, purtroppo. :-(

    RispondiElimina
  35. «La tesi dell'autore è che "l'uno contro tutti" è più efficace.»

    Sì, a fare dell'"uno" un capro espiatorio o una qualche divinità, che è lo stesso.
    Il "successo" infatti, come diceva Pasolini e ricordava De andré, è solo "l'altra faccia della persecucuzione".

    «Non mi pare sia così.»

    Infatti

    RispondiElimina
  36. 1) fatto
    2) Sono all'estero e ho deciso di non prendere la RAI (l'unica tv italiana disponibile, anche se ne avrei la possibilita', con un supplemento), per non sperperare soldi e perche' voglio salvaguardare il mio fegato
    3) fatto
    4) vedi punto 2)

    RispondiElimina
  37. 1. Fatto
    2. di default (ma lameduck è un'ottima infiltrata critica nel mondo dei palinsesti)
    3. mi organizzo
    4. vorrei ma non posso.

    Due - quasi tre - su quattro. Non vincerò il premio come miglior supporter ma spero di aiutarla/ci anche così.

    Le migliori cose.

    franco

    RispondiElimina
  38. 1 - fatto più volte (con diverse email si può)
    2 - lo faccio da anni ormai, anche se a volte, come ieri, un istinto masochista mi riavvicina a questi troiai
    3 - lo farò sicuramente
    4 - fatto

    Comunque la gente sa, ha la risposta (giusta) dentro di sé (cit.), è solo terrorizzata da questo branco (enorme, ahinoi) di cialtroni terroristi.
    Forza e coraggio, il tempo, speriamo breve, ci darà ragione!

    e, come sempre, GRAZIE!

    Alessandro

    RispondiElimina
  39. 1) Turato il naso,partecipato per la prima volta nella vita ad elezione di miss peraltro mai sentite nominare per raggiungere il quorum e fatto.
    2) Eliminata da anni la televisione,purtroppo sono un tossicomane della radiofonia,che ovviamente è in mano al PUD€:fatto in parte.
    3) Farò,il che rimanda al punto
    4) Non credo di potermi permettere la trasferta,dunque ho cominciato a mordere da tempo...ma sappiamo che sei vicino alla Colonna Perugina,ci sarà modo.
    Stai forte
    G.

    RispondiElimina
  40. 1) votato goofy su macchinera
    2) non guardo trasmissioni tv da anni
    3) ho sostenuto asimmetrie
    4) mi piacerebbe ma non mi è possibile

    Avanti così!!!

    RispondiElimina
  41. Sinteticamente:
    punto 1 fatto subito!
    punto 2 era rimasto Paragone... fatto!
    punto 3 sto aspettando di riemergere dal "profondo rosso" per fare un bonifico: so' tempi cupi... E non sa quanto mi dispiace.
    punto 4 di conseguenza al 3, ma ho fiducia: non si libererà facilmente di me! Ci vediamo a Pescara...

    RispondiElimina
  42. Le prime tre fatte.. Per la quarta ci sto lavorando ma sará dura.. Per " boicottare " il pude sono in prima fila.. Non avra il mio share!!!il nostro amico.. Piu loro sicuramente vedrá che il suo pubblico forse esige qualcosa di diverso.. Oppure click

    RispondiElimina
  43. Sa qual'è la constatazione triste (ma io sono un idealista purtroppo)... che uno come Paragone guarda solo SOLO e solamente allo share. E lo dice pure su twitter. Questa è fare TV di qualità? Uno share più alto per molto tempo l'ha registrato il Grande Fratello, per questo che la televisione fa schifo. Schifo proprio.

    Ieri sera stavo facendo Zapping e sono finito su La7 dopo il TG di Mentana e c'era Paragone che stava a sventolare il fatto che in serata ci sarebbe stato Bagnai. Avevo altro da fare, ma ho pensato: hey, cavolo, Bagnai su La7, sentiamo come se la cava, chi demolirà questa volta. Ho piantato tutto e mi sono messo a guardare la tv. Risultato: un'ora di pollaio e di insulti tra Travaglio e la Santanchè. Mi è venuta la nausea e ho spento... lo ammetto, non l'ho vista professore, ma da quanto capisco non ne è valsa la pena.

    La TV di qualità propone contenuti fregandosene dello share (che secondo me, dopo un po' arriverebbe comunque). La TV commerciale pensa solo a fare introiti pubblicitari, La7 si sta dimostrando giorno dopo giorno di essere una rete che sta puntando solo al commerciale. Lo stesso schifo di tutto il resto. Sarà per questo che non so mai cosa danno in tv.

    RispondiElimina
  44. in realtà lo share (penso, vado a memoria) dei programmi politici è crollato dopo le dimissioni di Berlusconi del 12 novembre 2011 (mi scuso.. era il 12 e non il 24).
    questa tv è scarsa e non fa più approfondimento.. ed è questo il punto! un buon servizio di un'oretta (come faceva current) penso non si veda in Italia dai tempi.. da quando?

    RispondiElimina
  45. Appena posso, do il mio contributo ad a/simmetrie. Per il resto, fatto tutto. Ho pure comprato le 4 "puntate" sull'€uro uscite sul foglio del Lunedì. E quando posso, cerco di depiddinizzare laggente. Ma l'impianto di staminali per ottenere neuroni è ancora una tecnica in fase di sviluppo.

    RispondiElimina
  46. 1: Fatto lo stesso giorno che lo ha postato
    2: Vedo poca TV aiutato anche dal fatto di avere die pargoli piccoli e quindi solo Cartoni!!! Ma se mi capita sott'occhio una trasmissionepudesca da quello che dicono te ne accorgi subito e allora subito giro xchè neanche un secondo di odiens di meritano da me!!!!
    3: Fatto qualche minuto dopo il suo primo post di A/ e spero difarlo al prossimo stipendio
    4: Nn ci saró xchè devo lavorare ma spero di contribuire magari con un regalo in € per il mitico compleanno!!!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.