MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 13 settembre 2013

Dopo la TV per stomaci forti... TgCom24!

Per quelli di voi che non sono su Twitter, il link è questo, non riesco a embeddare il video... Come ho detto (su Twitter), quando si chiude una porta si apre un portone (che fa rima con lui). Rifatevi le orecchie e pronti al prossimo appuntamento, perché non vogliamo fermarci qui.






(Mi dicono che un autore di una certa trasmissione mi abbia scritto su Twitter che io non sono nessuno. Certo, loro sono diventati molto più popolari di me, come saprete - qui e qui. L'asserzione dell'autore in preda a delirio di onnimpotenza mi risolve un problema ma me ne crea un altro. Da un lato, il fatto che io non sia nessuno mi fa capire perché son stati così pitocchi da farmi addirittura pagare il taxi per l'albergo - ma tranquilli: non vi sto chiedendo un altro contributo! Dall'altro, se io non sono nessuno, ma cosa mi avete chiamato a fare? Solo per fare una figura di merda? Mah, io 'sta gente non la capisco. Come vedete, però, se tutti siamo utili, nessuno è indispensabile...)



























































































(volevo vedere se Porter abboccava... ho scritto embeddare,,, mo' chi lo sente! Ma mi sa che il pesce Porter non abbocca tanto facilmente... lo scoprirò solo lunedì, ora parto per l'Irlanda, vado a Dublino a un board dell'INFER per organizzare la conferenza di Pescara a maggio 2014. Di cosa vorreste che parlassimo?)

72 commenti:

  1. Professore che gioia vederla ancora una volta a Tgcom24,questa è una grande vittoria per quella che è attualmente la nostra battaglia e cioè il dibattito.
    Almeno al Tgcom le è possibile parlare per più di 25 secondi (e senza inutili starnazzi!da parte di grandi giocatori di poker,galline,banchieri e complottisti,e per la cronaca,ringrazi che non vi era presente buffon,altrimenti l'avrebbe stesa con un "MONTI HA SALVATO L'ITALIA" come fece da bruno vespa) e credo ad un pubblico più ampio.

    RispondiElimina
  2. Maggio 2014, è lontanissimo prof.: però mi piacerebbe parlaste di PMI e di "environment" economico ideale per il loro sviluppo, alla luce dell'uscita dalla moneta unica.

    RispondiElimina
  3. di tutte le presenziate viste a TG di vario tipo questa mi sembra sia stata la migliore.
    Stavolta non se la sono sentita di scomodare il governo per boicottare l`ormai inarrestabile onda lunga originata 2 anni fa

    Ho visto su youtube la conferenza in parlamento: mi e` sembrata insieme l`apoteosi di 2 anni di impegno instancabile, e di un paziente lavoro di autocontrollo, per non mettere le mani al collo di numerosi ciarlatani di bottega, e per mantenere il profilo basso che si addice ad un`accademico che non deve farsi trascinare piu` di tanto nella bolgia dei talk, dove persino l`ultima conduttrice di programma di intrattenimento del mattino puo` dire la sua sulla convenienza o meno di salvare i lavoratori italiani e le loro famiglie dalla catastrofe

    Ho notato la purtroppo evidente stanchezza, che ha impedito di essere ancor piu` sintetici, e di ampliare i concetti espressi

    Nel complesso, visti gli interventi di Savona, Guarino e Rinaldi, e` stata secondo me la pietra miliare, la svolta spero cruciale nel sopito dibattito sui temi fondamentali per il salvataggio dell`Italia

    La risposta del PUDE e` pero` stata quella di nascondere accuratamente l`evento, di portata storica, che e` da paragonare all`aver armato la bomba mediatica che deve per forza esplodere, il prima possibile

    non mi risulta di averlo sentito citare in alcun tg, forse l`ultimo tassello che manca all`innesto della sesta marcia e` un maggiore coinvolgimento dei media, telegiornali appunto e trasmissioni mainstream ma e` evidente che la famigghia ci sta gia` lavorando alacremente!

    Grazie!

    RispondiElimina
  4. Intanto a Matrix Telese ha fatto il solito bieco tentativo di dipingerla come un complottista accostandola nell'ordine all'avvocato Marra,
    a Barnard, a Becchi, ad un parlamentare ortottero che accusa gli americani di complotto sull'undici settembre.. mi meraviglia come non abbia messo pure Adam Kadmon nel suo servizio.. ma, proprio quando stavo per cambiare canale, ecco che Gasparri la tira fuori da codesto mucchio selvaggio, dicendo che Bagnai è un'altra cosa..e poi il miracolo!
    Filippo Facci dice che il dibattito sull'euro è assente nelle trasmissioni main stream e che l'euro non puo' e non deve essere un tabù, e tutti in studio concoradno con lui..POVERO TELESE! Ha dovuto dare la linea alla piazza per non finire vittima di se stesso!
    P.S.
    Ottimo il suo intervento a tgcom 24

    RispondiElimina
  5. Perché non ci parla di cucina francese ?

    RispondiElimina
  6. Siamo sulla cresta dell'onda a prescindere da quelli che disinformano con il caos.

    Comunque prof. A questo punto parlare dell'europa dopo l'euro personalmente lo troverei interessante.

    Come gestire la fase della crescita cooperando in un continente a cambi fkessibili.

    RispondiElimina
  7. E' stata un ottima sorpresa questa mattina quando cercavo su youtube il convegno per la presentazione del libro di Rinaldi (il link di radio popolare, da qui è lentissimo). Venti minuti puliti....non ci potevo credere!Grazie a TGCOM24...e sopratutto a Bagnai per la maratona di questi giorni....

    RispondiElimina
  8. Caro prof buongiorno, il servizio non riesco a vederlo ma provvederò in altro modo non è questo di cui volevo parlare.
    Grazie alla sveglia di mia moglie mooooolto mattutina causa lavoro schiavizzato mi son detto di farmi un giretto in rete alla ricerca di un mio annoso problema.
    Il mio problema sono le muffe e la condenza che si creano in alcune parti della mia casa, il che mi infastidisce non poco visto che ha solo una decina d" anni quindi praticamente nuovo.
    Si dirà cosa centra con il nostro problema....centra centra prof, anzi se vuole la prossima volta che un laureato in ingegneria gli rompe i coglioni gli sbatta in faccia quello che le sto per raccontare.
    Dopo anni che i miei genitori mi danno la colpa delle muffe perche secondo il luogo comune che viene teorizzato ai coglioni le muffe si formano perche uno non apre le finestre diverse ore al giorno....magari d" inverno, cosi paghi meno di riscaldamento sicc.....questa mattina girando in rete scopro che la colpa delle muffe non è la ventilazione degli edifici ma bensi la colpa è da attribuire ai ponti termici.
    Scopro tutta una letteratura sui ponti termici, dispersioni di calore tramite punti della casa meno isolati come le travi e, balconi e finestre. Scopro che per case come la mia esposte a forti venti freddi l" isolamento andava fatto in tutt" altro modo , scopro che il problema della condensa è dato dal fatto che i ponti termici contribuendo alla dispersione di calore contribuiscono a far in modo che le pareti interne diventino più fredde dalla temperatura dell" abitazione.....la frase testuale è sotto il punto di rugiada.
    Ora io mi domando come possano molti in geni eri capire quello che ho appena scritto ma non capire quello che spiega lei!!!!
    I luoghi comuni dei miei genitori rimangono luoghi comuni perche smentiti dalla ricerca scientifica sull" edilizia e dalla realtà dei fatti, stesso dicasi per i luoghi comuni sull" euro smentiti dalla ricerca scientifica attinente .
    Aprire per ore le finestre non mi salverà dalla muffa, e questa teoria a un architetto o ingegnere farebbe sorridere ma poi ....non si rendono conto che è la stessa cosa che avviene quando il fogno si scontra con la ricerca scientifica sulle aree valutarie ottimali.
    Si mettano loro nei suoi panni , invitati a discutere in studio sul problema della condensa negli ambienti domestici e formazione delle muffe .......tutto lo studio sostiene che le muffe sono un problema di finestre chiuse e lei verrà fatto intervenire dopo due ore di tale discussione e venendo definito ERETICO avrà 1 minuto per sostenere la sua tesi.
    Dedicato a tutti quelli che preferiscono fognare ........ma col culo degli altri!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Obiezione.
      Aprire la finestra (cioè deflazionare i salari) è un'ottima soluzione.
      In questo modo tutta la casa viene raffreddata e non si creano problemi di condensa.
      Ancora più intelligente è non usare affatto il riscaldamento (cioè uscire dalla civiltà industriale) così il problema è risolto alla radice.
      I suoi genitori sono perfettamente nel giusto!

      Elimina
  9. Buongiorno.

    Ottima l'intervista, e non c'erano dubbi, dignitoso il setting e professionale l'intervistatore.

    Da meditare a lungo sulle ultime considerazioni del professore, quelle che sollevano il problema delle conseguenze politiche dei noti eventi. E che ricordano come le decisioni riguardanti sull'euro di natura politica abbiano prevalso su quelle economiche.

    In sintesi, (e mi scuso se ho mal interpretato) ci invitano a ricordare che la politica e l'economia non sono due mondi separati. A sinistra, purtroppo, se lo sono scordato: vabbè buttare via Marx (non lo condivido, ma posso capire), ma almeno dare una scorsa a un Sennett o a un Lasch...costano pure poco, tutti pubblicati in collane economiche...mah, le conseguenze le abbiamo sotto gli occhi: gente di sinistra che oracoleggia spiritata insufflata dallo spread, e chissenefrega se gli effetti sociali sono quel che sono. Per non parlare di quel che potrebbe capitare politicamente, e che il professore ha opportunamente richiamato (nell'improbabile caso Letta avesse seguito il programma, cosa avrà capito? Credo nulla, assolutamente nulla).

    La destra, invece, ha sempre saputo che la distanza tra banche (intese in senso figurato come potentati economici) e parlamenti non è incolmabile, e che, muovendosi i massimi sistemi, sono spesso i parlamenti a ruotare attorno alle banche.

    La sinistra, comunque, sta recuperando, solo che, a differenza di una volta, pare disposta a privatizzare i parlamenti in favore delle banche. La destra concorda. Lo spread si abbassa. Mah.

    Speriamo ne vengano molte altre di interviste del genere. Infinite altre.

    Saluti.

    RispondiElimina
  10. Dopo aver visto questa sua "apparizione" e quella alla gabbia (o stia, come dice bene la sua signora) non resta che dire: non c'è paragone !

    RispondiElimina
  11. Visto ora.
    E finalmente qualcuno ti ha dato spazio civilmente.
    E tu riesci a infilare punte palesemente di sinistra in un discorso "tecnico" - intendo, ragioni di sinistra a sinistra quasi dimenticate, e non slogan.
    Chissà se a sinista capiscono;)

    RispondiElimina
  12. Bene... questi sono gli spazi giusti!...dove le domande sono fatte, da un conduttore preparato, per fornire al telespettatore un quadro chiaro della situazione....e dove c'è il tempo per dare le giuste risposte, utili allo scopo.
    Ottimo.. professore...chiaro e determinato.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Bellissima l'ultima domanda, però avrebbe meritato un po' più di un minuto per la risposta (comunque ottima di Bagnai).

    RispondiElimina
  15. Mamma mia!
    Pareva Drazen Petrovic, un tiro due punti (qualche volta tre)... di un'efficacia assoluta, anche nell'esporre il problema politico.
    Si è ripreso con gli interessi dell'occasione persa l'altra sera.
    Onesto anche l'interlocutore, questa volta.
    Sto ancora finendo di ascoltare la registrazione del convegno, dove sinceramente mi è sembrato meno incisivo del solito (e sappiamo perchè).
    In compenso noto il consenso e l'interesse suscitati dal prof. Guarino. Io non ne sono sorpreso, perchè non è la prima volta che lo ascolto e conoscevo in linea di massima le sue tesi.
    Resta il fatto che il prof. Guarino è uno che di libri senza figure ne ha letti tanti, e che per quel che ha fatto nella vita sarebbe capace di affascinare chi lo ascolta anche quando racconta di essere andato a comperare il pane. Stile d'altri tempi.

    RispondiElimina
  16. Il PDL ha incominciato la nuova campagna elettorale puntanto sulla strategia anti-euro, quindi avanti con la campagna antieuro!

    Voi pensate che al PDL importi veramente informare i suoi telespettatori sul problema euro?

    Come al solito strumentizzeranno anche questo intervento del prof. Bagnai SOLO per aumentare i loro argomenti in campagna elettorale, catturando i malumori della classe media(e quindi prendere più voti) alle prossime elezioni!

    Sbaglierò ma a loro starei attento a dare la mia fiducia, certo questo il prof lo sa già, non devo certo dirlo io, almeno se ne parla!

    E sopratutto almeno questa volta è stato permesso un dialogo e un esposizione di tipo NORMALE TRA PERSONE CIVILI e non come mercoledì scorso, senza nessun rispetto per il prof.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max,
      Il nemico del mio nemico, e' mio amico....purtroppo.
      Il PDL ha la stessa affidabilita' di un serpente a sonagli...ma se vuole mettersi, seriamente, contro l'euro , ricorda che non salvera' solo la classe media..ma tutto il Paese. Se alle promesse elettorali fara' seguito l'azione politica.

      Non c'e' garanzia, certo...ma con quelli di adesso il nulla e la catastrofe son garantiti.
      Mah...l'alternativa del Diavolo.

      Elimina
  17. Ottimo servizio, chiaro comprensibile e utile. Purtroppo da Paragone lei non ha avuto molto spazio. Gli autori della gabbia hanno preferito l'ennesimo scazzo politico per celebrolesi.

    RispondiElimina
  18. "embeddare": voce della lingua itang'liana:

    https://plus.google.com/u/0/b/112432452771390803228/112432452771390803228/about

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma proprio tu dovevi abboccare? Cazzo, quando pesco con la dinamite proprio gli amici devo vedere a pancia all'aria? Che delusione... Dai, la prossima volta che ti incontro ti spiego le tabelline!

      Elimina
  19. Aneddoto:
    A Grosseto entro in libreria x cercare anche il libro Europa Kaputt ma non riescono a trovare la casa editrice.
    La commessa cerca su internet ed esclama "a!! Postfazione di Bagnai. Questo da un anno e' richiestissimo".
    Ed io: sicura?
    "Si,si! C'è una signora tedesca che vive qua che ne ha comprati gia una ventina di Tramonti dell'€ x regalarli".
    Ho lasciato i miei dati alla commessa x poterli dare alla signora.

    Mi chiedevo se fosse possibile e eventualmente utile, potersi contare e trovare per provincia. A volte parlare di persona di uscita dalla moneta unica senza che tutti (ma proprio tutti) tii dicano "ma la benzina" o "l'€ ci protegge" oppure "..ma la ciiiina"..

    RispondiElimina
  20. Ma porco cane, fra tanti proprio Drazen Petrovic??????? (furioso gesto apotropaico...).

    RispondiElimina
  21. Ho visto check point. Così va bene.
    I talk show, sono appunto degli show e non sono datti a discutere di questi temi.
    Il "circo mediatico" è una trappola, dove stanno bene nani e ballerine che si accapigliano.
    Per parlare di questi temi c'è bisogno di un minimo di calma.
    Nic

    RispondiElimina
  22. Ottimo, grazie professore.
    E' obbligatorio citare Monti e Prodi sempre come "presidente" ? Ma presidenti de che? Non basta dire "signore". Mi scusi, sará sciocco ma mi smuove il sistema nervoso.

    RispondiElimina
  23. Efficace e tagliente come una katana! Dopo le chicche di Chicco mi sento già risollevato. Continui così professore perché sono sicuro che gli state facendo vedere i sorci verdi! E spero che Paragone abbia modo di vedere questa intervista per capire quale occasione ha perso mercoledì. Ma si sa, a molta gente dai l'oro e loro vogliono la m....

    RispondiElimina
  24. :D QED ( mi scuserà Professore se le frego "con destrezza" la formula ) la volpe si appresta ad entrare per l'ennesima volta nel pollaio grazie alla dabbenaggine della nostra sinistra in technicolor... rotfl

    Lezione di giornalismo dalla "rainews24" di Mediaset... grandi!!!


    PS "linkato", anche questo, Orbe Terrarum

    RispondiElimina
  25. Buongiorno, quello che penso è che la tattica sia sempre la stessa: squalificare l'avversario.
    Bagnai è grillino? Certo che no, ma hai voglia a smentire e scollarti di dosso un'etichetta, apparentemente messa a caso, e così, 30 secondi di ogni intervista di 3 minuti, spariscono per rettificare l'imprecisione di turno.
    L'altra sera, secondo me, è avvenuta la stessa cosa: in una trasmissione del genere, trash all'inverosimile, sarebbe risultato male anche Ghandi, è come mettere una mela meravigliosa in una cesta di mele guaste, si guasta pure quella. Anche lo stesso Aldo grasso, che seguo e stimo da anni, ha messo Alberto Bagnai nella stessa cesta degli urlatori di professione, perché è quello che è trapelato a chi ha seguito la trasmissione senza avere conoscenza dei fatti. Da lì a Telese il passo è breve, va da sé.
    Poi però c'è tgcom24, il convegno a Roma, Il manifesto Europeo, Il Foglio, Pescara, più di 300 followers in un paio d'ore, insomma...non si ferma con le mani, il vento, figuriamoci con una gabbietta di tondini arrugginiti...

    RispondiElimina
  26. Leggendo il giudizio di Grasso sul corriere, mi e' venuto in mente il saggio Grucho Marx: "Ricordati che non bisogna litigare con i matti: la gente passando potrebbe non notare la differenza".
    Grasso e' un poco di buono e lesto ha subito utilizzato l'occasione per inserirla tra quei buffalmacchi. Mi spiace molto professore perche' lei non se lo merita. Personalmente, ho molto disgusto per la banale e feroce televisione e credo non sia uno spazio adatto a certe discussioni. Paragone, il tizio sciocco ora gongola per il 4 % ma e' solo un superficialotto, non ha capito bene cosa ha fatto e si e' fatto.

    RispondiElimina
  27. Eppure anche lei ha commesso un errore: dire, verso la fine, “gli Stati Uniti d’Europa mi sembrano una cosa molto astorica” senza avere la possibilità di spiegare cosa vuol dire; il che indurrà i soliti a dire: ”Bagnai è antieuropeista”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami: l'errore lo hai commesso tu, con tanti altri. A me non interessa convincere nessuno. Chi non sarà convinto da me sarà convinto dal sangue dei propri figli. E io non sono Gesù Cristo, sono solo un economista. Più che dire le cose come stanno non posso e non voglio fare.

      Elimina
  28. 10 e lode (di sicuro la mia di lode).
    Sto rimandando il link a tutti i miei amici.

    GRAZIE PROFESSORE!

    P.S. La societa' per cui lavoro, 150 addetti, che fu acquisita da una multinazionale nel 2012 (con un IDE da manuale...), ha appena annunciato un forte esubero... come descritto nella 'triste storia di centro e periferia'.

    RispondiElimina
  29. 23:20 secondi di pura goduria! finalmente il prof ha potuto esplicare con calma e senza disturbi parte delle sue (nostre) tesi!!

    finalmente!!

    RispondiElimina
  30. Un esempio di giornalismo televisivo corretto e utile e di un intervistato capace di argomentare e soprattutto a conoscenza del tema di cui parla (che dovrebbe essere la norma ma tutti sappiamo che non è la media). Ottimo intervento che fa il paio con quello del 12 per Europa Kaputt (nonostante l'evidente stato di prostrazione fisica...). Appena sblocco l'account di twitter (che non capisco nemmeno perchè mi hanno bloccato) faccio i complimenti anche lì. Non vedevo un'intervista condotta così seriamente e da una persona che sembrava addirittura comprenbdere ciò di cui palrava (rara avis...) da anni. Come si fa a discutere di argomenti fondamentali per un Paese e i suoi cittadini imbarbarendo tutto in una caciara organizzata e sobillata o in pseudo-salotti in cui il tempo medio per un ragionamento sono 1/2 minuti inframmezzati dall'urlatore di turno? L'esportazione dello schema della tv-spazzatura americana in cui si scannano tra casalinghe e amanti in diretta mondiale al nostro Paese è già una tragedia, il fatto che noi in Italia siamo riusciti a peggiorare la cosa trasportando format del genere dall'intrattenimento popolare a trasmissioni che dovrebbero trattare di temi fondamentali come politica ed economia meirterebbe di trasferire il dibattito sul tema dal campo della comunicazione a quello della psicanalisi/psichiatria.

    RispondiElimina
  31. Una sorta di "summa", ricca, comprensibile e scorrevole.
    O ancor meglio: il virtuoso punto di equilibrio tra i "due difetti" del pollaio e del convegno supertecnico. Già postata ovunque! grazie

    RispondiElimina
  32. E dopo questa incresciosa caduta nello stile... torniamo alla solita qualità!

    [al minuto 1:23:30]

    Tristezza infinita.

    (Non voglio essere fatwata, ho visto che l'aveva chiesto.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me l'hanno segnalato e l'ho già perculato su Twitter, povero cocco. Grazie Emanuela, ma sono triste che tu debba rovistare nei cassonetti per me.

      Elimina
    2. E' spazzatura, perché il montaggio che la accosta a visionari ed esaltati è vomitevole e fazioso.
      Però si può anche vedere un aspetto meno negativo, che è stato fatto notare anche in studio: se ne può parlare, anzi se ne dovrebbe parlare.
      L'importante è avere il tempo, come a TGcom24: Drazen Petrovic in venti minuti decideva una partita, lei può fare altrettanto. Chi la ascolta, se non è un idiota, capisce la differenza che corre tra lei, gli esaltati e i visionari.
      E se per la maggioranza siamo idioti, be' allora non ci sarebbe speranza comunque. Ma almeno ci ha provato.

      P.S. A me è capitata una cosa del genere: girovagavo senza molta soddisfazione cercando spiegazioni a quel che stava succedendo (per esempio ai salvataggi che non ci stavano salvando...); l'ho ascoltata ad Agorà, quando ancora conduceva Vianello (credo fosse il giugno 2012). Solo di sfuggita, poche battute, dovevo uscire di casa. Ma ricordo l'impressione ("però, questo mica è un pirla! mi segno il nome"); da lì, qualche tempo dopo, sono arrivati Goofynomics e il Tramonto. E quando uno comincia a unire i puntini poi non si ferma più (anche perché più si uniscono più sale la rabbia).

      Elimina
    3. Si dovrebbero vergognare di esistere , questi parassiti di ossigeno .

      Elimina
    4. In effetti qui si parla davvero di spazzatura. Il fatto è che ormai non possono più ignorarla e ignorarci. Stanno giocando le loro sporche e ultime carte.
      Complimenti invece per l'intervista. Mi è sembrata impostata molto bene. Ha risposto a tutte le domande con una calma insolita per eretico. Ancora complimenti.

      Elimina
    5. Quando inizia il tentativo di confonderti in quella mischia, significano che stai smuovendo qualcosa e che hanno paura. Si sono messi in moto per distruggere subdolamente la credibilità. Allora capisco che hanno paura. Non è un caso la comparsa del professore a metà della carrellata. Non è casuale mescolare cialtroni a persone serie. Confonde le idee alle persone. Perfino Facci (Ron?) mi sembrava un tantino confuso.
      Prima la gabbia, adesso questo. Non è certamente una combinazione. Ma a questi non è detto che gli dica sempre bene... magari questa è la volta buona che hanno trovato pane per i loro denti.

      Elimina
    6. Caro prof, se non fosse per lei non saprei manco che in Italia è disponibile qualcosa di diverso dal pattume. Il saldo è dunque in super-attivo, anche se in questi caso trattavasi con tutta evidenza di cassonetto della indifferenziata.

      Elimina
  33. dopo averla vista sia alla presentazione del libro alla Camera dei Deputati ( non portavoce. ndr) ed anche al TGCom24, sono arrivato alla conclusione del perché lei non e' ben visto dai piddini:
    in base alla storia ed agli avvenimenti concreti di come e' stato fatto fuori il "nano" nel non molto lontano 2011 sembra, e dico sembra, che lei difenda l'innominabile, portando acqua al mulino del Cavaliere ( la letterina della BCE, Bini Smaghi ecc.). di conseguenza la sinistra cieca di rabbia, esultante della cacciata del berlusca e della venuta del senatore a vita piu' veloce del west, non gliela perdonera' mai.
    ma noi la ringrazieremo sempre per averci aperto gli occhi.

    RispondiElimina
  34. Caro prof, l'avevo scritto a lei e Borghi, ormai preparatevi ad una lunga serie di inviti in tv per questo autunno-inverno. Sarete gli economisti di riferimento per una "nuova discussione sull'euro".Paragone ha fatto la sua parte, mi creda.Anche se l'ha lasciata in panchina per 88 min. gliene sono bastati 2 per fare gol! (E la partita e' finita 1 a zero!)
    La breccia nella "menzogna istituzionalizzata" e' aperta, diventera' una grande falla dalla quale si disperderanno preconcetti e luoghicomuni. E' appena iniziata una diversa discussione sull'euro (gia' questo basta)ma ancora fatta soprattutto da economisti e giuristi ed ora?
    Ora viene il bello...tocchera' anche a loro, si proprio a loro... a quelli capaci di saltare sul carro del vincitore al primo accenno di successo, dopo averlo combattutto o, peggio ignorato. A quelli "capaci di interpretare le esigenze della gente" , "di risolvere i problemi dei cittadini" etc. etc. bla bla bla...
    Come diceva lei, purtroppo, la destra fara' prima (Alemanno,mi pare, senza peli sulla lingua, ha gia' espresso il suo...pensiero anti-euro).
    Mi ha colpito il taglio professionale della sua intervista su tgcom24...incredibile!...fuori dal mondo! Mica tanto, e' stata voluta ed organizzata, guarda caso dopo le rilevazioni (che erano gia' scritte, ma se lette da pochi non fanno notizia) di Bini Smaghi sul tentativo di B. si smontare il sistema euro e del conseguente rialzarsi dello spread! Quell'episodio, ora, potrebbe cominciare ad assumere una nuova lettura...(sulle reti Mediaset!).
    Avanti tutta prof!
    (prenda anche lei le proteine, come la Santanche'!...)

    RispondiElimina
  35. Vergognoso... ma dovete capire.. sapete chi è Telese, no? E cosa c'è di peggio di un exprcexpiccino-piddinorimastosempreunpocogretino? Uno che per non sentirsi dire per strada "a zozzo communista" va a lavorare dal "porco nemico" a mediasette... dai Matrix è gia annoverato fra i flop della stagione appena iniziata.

    Povera Cagliari... aver perso un si fulgido genio! :D

    RispondiElimina
  36. Mancava solo che in questo video accostassero Bagnai agli U.F.O. ....che giornalisti dementi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un dettaglio sorprendente, almeno per me, nello spezzone di matrix in questione: Marco Lillo. Ma lo sa che Alberto Bagnai scrive sul suo stesso giornale, lo sa che parla solo di cifre, dati, tendenze, insomma di economia, e di politica? Lo sfoglia mai Il Fatto Quotidiano?

      Elimina
    2. Marco Lillo... Chi era costui? Chiederò a Feltri e Palombi, magari lo conoscono e lo inducono fraternamente a ravvedersi...

      Elimina
  37. Sarà buono quando Paragone sarà costretto dai fatti a invitarla di nuovo in trasmissione ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non avete capito: saremo noi, la prossima volta, a invitarlo nella nostra gabbia. E anche in questo caso saremo noi a scegliere la compagnia di giro. Che sarà senz'altro più elegante.

      Elimina
  38. L'ho vista in gran forma prof.,dopo le due sconcertanti puntate Paragoniane (ultima RAi e prima La7) nelle quali lei appariva decisamente un corpo estraneo (e non per colpa sua) in un contesto cabarettistico di personaggi che possiamo definire "originali".
    Le ultime due apparizioni sono di altissimo spessore, la prima perchè alza di molto il livello della discussione finalmente in un contesto adeguato, con Professori all'altezza, che aiutano ad un ulteriore approfondimento dell'argomento in questione. La seconda per esposizione abbinata ad un dono della sintesi che ha migliorato in maniera eccezionale adeguandola anche al pubblico di riferimento.
    Complimenti prof.Bagnai continui così e grazie di tutto.

    RispondiElimina
  39. Il servizio proposto ad uso delle masse è stato perfetto. Se è risultato comprensibile persino a me, che non sono un tipo snob(per dirla alla Jannacci),deve aver fatto presa su tutti gli ascoltatori. Unico pelo sull'uovo quel "Guardi,.." all'inizio di ogni risposta. Pignolerie...

    RispondiElimina
  40. A proposito di spread: qualcuno sa se la BCE ha pubblicato i dati dei suoi acquisti di titoli di Stato italiani nel 2011-2012?

    RispondiElimina
  41. il comportamento dell'autore, complice lo squallido spettacolino che ha mandato in scena mercoledì sera, mi ricorda il principio di Peter: ogni dipendente in una gerarchia tende a salire di grado fino al proprio livello di incompetenza ovvero fino al raggiungimento di una mansione in cui è totalmente incapace ad assolvere il compito che gli spetta.

    direi che è questo il caso. se poi è quello sarà il tenore delle prossime trasmissioni, si è ingabbiato da solo

    RispondiElimina
  42. Risposte
    1. Sicuramente più di tanti odierni abitanti dell'Illinois.

      Elimina
  43. Non avendo avuto tempo né occasione di scrivere a Paragone e soci per l'imbarazzante lavoro compiuto mercoledì, ho scritto a quelli di Matrix - con tanto di indirizzo email .edu - per il servizio sopracitato che mi ha senz'alcun dubbio molto più indignato.

    "Vorrei esprimere il mio disagio per il servizio sui cosiddetti "guru del complotto" messo in onda nella puntata del 13 settembre. In questo servizio si rappresentavano per lo più personalità accademiche e giornalistiche favorevoli all'abbandono dell'euro da parte dell'Italia, i quali venivano accostati a personaggi più o meno coloriti quali lo scrittore Marra e il parlamentare del Movimento 5 Stelle che mette in dubbio la versione ufficiale sullo "11 settembre".

    In particolare, è del tutto inappropriato per un qualsiasi giornalismo di qualità accostare il Prof. Alberto Bagnai a codeste personalità. Il Prof. Alberto Bagnai sta portando avanti in Italia, che ne ha tremendamente bisogno (e non dovrebbe essere così), un lavoro fondamentale per diffondere nell'opinione pubblica un punto di vista scientifico riguardo le cause della crisi economica europea e del ruolo che la moneta unica ha avuto nell'amplificarla. Tale punto di vista è attualmente dominante ai massimi livelli tra gli economisti nella comunità accademica internazionale.

    Ho massima stima del conduttore Telese e della redazione tutta nei confronti del trattamento degli argomenti di attualità politica; non altrettanto posso dire del trattamento degli argomenti economici, rispetto a cui la trasmissione Matrix dimostra, al pari di molti altre trasmissioni televisive di "approfondimento", un pressappochismo e un appiattimento nei confronti di opinioni largamente diffuse. Opinioni queste dalle scarse basi analitiche, farcite di luoghi comuni e troppo viziate dall'aura del politicamente corretto (per quanto scientificamente scorretto).

    Sono certo che in una prossima occasione la redazione saprà come riparare a questo madornale e triste errore.

    Cordialmente,

    Paolo Zacchia
    Ph.D. Candidate in Economics
    University of California, Berkeley"

    RispondiElimina
  44. a vedere l'intervento verrebbe da chiedersi: e che ci vuole? eppure vedere lei che in una ventina di minuti espone con la solita chiarezza e semplicità argomenti economici e politici è piuttosto raro!
    faccio quindi i miei complimenti al conduttore, che ha dato l'impressione di essere preparato, visto le domande che le ha posto, e a lei prof che ha risposto con la solita chiarezza che la contraddistingue. Mi è piacita in particolare la "piega" politica che ha voluto dare nell'ultima parte dell'intervista. Certo non posso dire le stesse cose per l'intervento fatto alla camera per la presentazione del libro del prof Rinaldi: l'impressione è che avrebbe voluto sbarazzarsi di tutto e tutti per farsi una bella e sana dormita. Mi dispiace che sia arrivato a quell'appuntamento così stremato! Ci vediamo alla Link...spero!

    RispondiElimina
  45. prof, che bello sentirti argomentare nel tuo modo pacato e convincente, senza interruzioni. "il premier Letta sta dicendo una lieve imprecisione ....." ridevo da solo come un demente :-)

    RispondiElimina
  46. minuto 3:10 ... uhahahahahaha! grande Prof, a presto

    RispondiElimina
  47. A me lo schema 'proiezione film dei Vanzina + cineforum aziendale' piaceva.
    Travaglio e Santanché sono così televisivi...
    Peccato.

    Franco

    RispondiElimina
  48. Scusate non so se sono OT, ma parlando di telelvisione ho letto in rete, da voci dall'estero sono capitata su byoblu e scorrendo i commenti sembra che stasera, udite, udite, Riccardo Iacona parlerà del fallimento dell'euro. Sono curiosa di sapere quello che ha prodotto e soprattutto se non è riuscito ad intervistare lei Prof. chi ha portato sullo schermo. Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  49. Si potrebbe parlare di marZIani e miracolo tedesco, come suggerisce oggi Lucrezia:

    "Dai giorni della crisi più profonda .. l'Italia non ha fatto niente per rilanciare la competitività. Né quella intesa in senso stretto, determinata, cioè, dal tasso di produttività e dal costo del lavoro.."

    Non vorrai mica dirci che dobbiamo fare così:

    "Insomma, il miracolo tedesco, il boom delle esportazioni, il gap di competitività aperto con gli altri paesi, dalla Francia in giù, è solo il risultato di bassi salari. Ma non è questa la base, avverte Adam Posen, presidente del Peterson Institute for International Economics, su cui un paese avanzato dovrebbe fondare la propria competitività. Gli altri fattori, tuttavia, mancano. Anzi, sono negativi. Nonostante i brillanti successi delle singole aziende tedesche, il tasso medio di investimenti continua a calare: in vent'anni, è passato dal 24 al 18 per cento del Pil. Di fatto, sistematicamente inferiore a quello di qualsiasi altro paese dei G7.
    Contemporaneamente, latitano gli investimenti pubblici nelle infrastrutture, nella scuola, nella ricerca, regolarmente inferiori a quelli di paesi come Francia, Austria, Finlandia."

    Ma niente paura, se si trattiene solo un giorno in più il nostro marZiano potrà incontrare Olli, venuto a trasmettere gli ordini di Berl... ehm Bruxelles, come una volta faceva il plenipotenziario tedesco in Italia con il governo di Salò...

    Nel frattempo il nostro marZiano potrà intrattenersi con alcuni "utili idioti", anch'essi autori di un accorato appello, guarda caso proprio di ritorno da Berlino.

    P.S.: Lucrezia, finalmente qualche buona notizie per il marZiano!

    RispondiElimina
  50. Me l'aveva segnalato il buon Jean Lucidi (se non erro) e sono andato subito a vederlo: mirabile forma, precisione, verve e chiarezza espositiva. forse il suo miglior intervento! Ho apprezzato molto la serietà e la competenza del conduttore che sembrava si fosse preparato per la sua intervista (cosa rara...). Una boccata d'aria di montagna dopo il noto olezzo prime time...
    E' vero, cominciano ad aver paura ed hanno intensificato gli attacchi, almeno su internet; ne ho visti parecchi, anche volgari e sbracati, che ovviamente non mi sogno nemmeno di indicarle (non sono mica matto, io a Pescara ci voglio essere...), segno che, non avendo contenuti, usano l'insulto e la derisione come ultima arma per scalfirla. Sono arrivati anche a minacciare il bando dai loro siti per chi la segue! Dajearide e continui così!

    RispondiElimina
  51. accidenti...temo che Amoroso abbia scambiato il termine "inflazione" del 20% considerata dalla giornalista di Presa Diretta come probabile conseguenza dell'uscita dall'euro con "svalutazione", rispondendo "è proprio per questo che si esce!"...inflazione del 20%-30% è talmente assurda che giustamente non l'ha neanche presa in considerazione...la lezione è mai sottovalutare il potere dell'indottrinamento ossessivo e terroristico della crociata eurista. Tra quelli che hanno ascoltato Amoroso, solo io ho notato questa incomprensione? spero di non essermi sbagliata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un errore del genere può capitare a tutti, tranne uno. Ma quello basta invitarlo all'ultimo minuto, non citarlo in trasmissione finché non si viene coperti da una valanga di insulti su Twitter (forse da qui non avete seguito la dinamica), e si mettono le cose a posto, cioè le si lasciano come stanno. Una persona della quale mi fido ha detto che Iacona è una persona per bene. Avrà allora modo di dimostrarlo.

      Elimina
  52. Evidentemente il redde rationem sta arrivando, osservate come l'organo di disinformazione Repubblichina si stia riposizionando .... #saltodalcarrodelperdente

    RispondiElimina
  53. Caro Professore, forse non mi sono spiegato .

    Se vuole risolvere il problema del video che non riesce ad embeddare , e che fra parentesi io trovo molto interessante, deve fare copia incolla nel Suo post del seguente codice html , fatta eccezione per la prima ed ultima riga che io ho dovuto aggiungere solamente perché il software di protezione di Blogger mi impedisce di aggiungere in un post



    MA ATTENZIONE , PER VEDERE IL CODICE DI CUI  STO' PARLANDO DEVE ANDARE IN MODIFICA DI QUESTO MIO POST ED ATTIVARE LA VISUALIZZAZIONE HTML , NON QUELLA ATTIVA DI DEFAULT CHE E' 'SCRIVI'.

    Saluti.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ti sei spiegato benissimo. Credi che io sia un cretino. E io ricambio con affetto. Guarda che come si fa lo so. Quanti anni hai? Scommettiamo che quando io giocavo col VM/SP tu pettinavi ancora le Barbie? Dai, va, che il mondo è pieno di persone che aspettano le tue lezzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzioncine! Qui però no, su, ormai lo sapete...

      Elimina
  54. Guardi che è stato lei a dire che non riusciva ad embeddare quel video, io ho solo cercato di darle una mano non pensavo di turbarla in questo modo.
    Quando lei giocava con il VM/SP io ci lavoravo.
    E poi non ho mai pensato che lei fosse un cretino.Al massimo , dato il tono della sua risposta, un maleducato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo i bei tempi nei quali si pensava che l'informatica fosse roba per ingegneri. I quali hanno tante virtù, ma non quella di capire alcune strategie di comunicazione. Eppure doveva essere chiaro (perché l'avevo scritto), che l'uso del verbo "embeddare" era solo una provocazione rivolta a porter. E dovrebbe anche essere chiaro che io, quando ho bisogno di aiuto, lo chiedo. E dovrebbe anche essere chiaro che chi mi aiuta a fare una cosa banale mi sta insultando, pensando di essere educato.

      Dovrebbe.

      Una volta era così.

      Ma poi è arrivato il XIX secolo, portando con sé la facoltà d ingengnieria...

      Elimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.