mercoledì 30 settembre 2020

Falli di reazione…

 …non se ne devono fare. Ma… dimenticare mai!


(…l’editor di blogger funziona anche da cellulare - o così sembra. Ci aiuterà a restare in contatto…)

17 commenti:

  1. Ma un sano chiarimento negli spogliatoi ci sta sempre, però.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Dalle mie parti in Calabria andrebbe negata tutta la frase : non si dimentica e (sopratutto) non si perdona.

      Elimina
  3. Ieri sera, a Piazza Pulita, un memorabile scontro Calenda-Padellaro ,su cui val la pena riflettere. Il degrado mentale è ormai irreversibile.

    CALENDA :-Scrivete degli articoli dileggiando le persone, anche sull'aspetto fisico, di cui a me non ne frega niente; quindi non venire qua a fare Madre Teresa di Calcutta, perché lavori a un giornale che ha fatto del dileggio la sua ragione di esistenza.

    PADELLARO :- Non faccio Madre Teresa di Calcutta. E siccome tu giochi la partita della politica, tu vali il 2,3% e quindi parla per il tuo 2,3%. Io non sono Madre Teresa di Calcutta , ma tu non sei Winston Churchill. Vogliamo metterla così?".

    CALENDA :-Io parlo per il mio 2,3%; ma non faccio il moralista dopo aver avuto un giornale giacobino che ha detto di tutto. Io valgo per quello che dico, se dico cose sensate o no.Non si possono dileggiare i 5 Stelle? Ma fate questo dalla mattina alla sera al Fatto, non fate altro che dileggiare le persone !

    PADELLARO : -tu mi stai insultando ; stai buttando la palla in tribuna perché non riesci a giustificare la tua pochezza dal punto di vista del consenso politico. Tu sei uno che dalla mattina alla sera non fa altro che dare la lezione agli altri, ma ogni tanto puoi dare pure una lezione anche a te stesso e dire che forse hai sbagliato a entrare in politica?

    CALENDA :-Io sono il primo a prendermi in giro sui sondaggi. Non ho attaccato i Cinquestelle, ho attaccato te sul fatto che dici 'non dileggiate questi poveri 5S' quando non fai altro dalla mattina alla sera che dileggiare tutti i tuoi avversari politici da dieci anni".

    E infatti, tutti sappiamo quanto e come Berlusconi fu dileggiato; stesso destino per l'eroico Salvini.
    Quello che non sapevamo ancora è che il valore di un'idea dipenda dalla percentuale di consenso. Se così fosse, Galilei , che a suo tempo riscosse un consenso striminzito pari a 1,2%,ben si meritò condanna e divieto di parlare : le sue idee erano da condannare, in quanto false e perniciose.

    Padellaro dunque continua la buona tradizione della Suprema e Santa Inquisizione !

    RispondiElimina
  4. Cose per me arcane. Non ho capito niente.

    RispondiElimina
  5. Chiedo scusa, ho letto un tweet interessantissimo sul fatto che in Spagna c'è stato un calo consistente dei cosiddetti "contagi" dopo che sono state riviste le pratiche di preparazione dei campioni per il test Covid. Vale a dire che a causa della bassissima rilevabilità della presenza del virus, i campioni venivano sottoposti a oltre 30 RPL, cioè "amplificazioni" del campione, provocando però in questo modo la sostanziale trasformazione del campione, e rendendolo per cui del tutto inaffidabile. Da quando in Spagna hanno smesso l'arricchimento oltre i 30 RPL i casi di positività sono crollati.
    Qualcuno ha il riferimento alla notizia? Che mi sembra fondamentale.

    Grazie!

    RispondiElimina
  6. Scusate, amplificato tramite PCR...

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Prof!
    A proposito di falli di reazione mi permetto di segnalare questo problema. Io ho scoperto dell' oscuramento del sito di Project Gutenberg in Italia solo recentemente, ma il fatto pare risalga a maggio scorso.
    Non ho mai giustificato alcun tipo di pirateria, ma credo che quanto accaduto sia un ottimo esempio di fallo di reazione da parte delle associazioni degli editori.
    Mi pare inoltre sia un ulteriore segnale (in questo periodo davvero non ne mancano) che forse qualche meccanismo si è brutalmente inceppato nei gangli della giustizia italiana e che in molti palazzi di giustizia vi sia ormai un eccesso di hybris preoccupante.
    Ero solito usare Project Gutenberg per puro diletto ma posso immaginare il disagio per quanti erano soliti fruirne per studio o per lavoro. In un momento in cui le classi dirigenti e i media ce la menano con le gioie della informatizzazione e dello smart working questo oscuramente credo sia ancor più ingiustificabile.

    PS: Grazie per come sta continuando a lottare per tutti noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa cosa l’avevo vista ed è del tutto ingiustificata.

      Elimina
    2. Consiglio di installare questo:
      https://www.torproject.org/it/

      Facile, anonimo e legale e poi potrete accedere liberamente a Gutenberg o a qualsiasi altra cosa.

      Elimina
  8. Una domanda a cui spero qualcuno vorrà rispondere. Ho provato a tradurre e quindi a leggere l'articolo postato da Alberto su Telegram: The Eurosystem: an accident waiting to happen. E' una interessante riflessione (Willelm Buiter, un professore della Columbia University)sulle criticità strutturali delle Banche Centrali dell'Eurosistema. Nella parte conclusiva scrive:È giunto il momento di trasformare l'Eurosistema in una vera banca centrale. Il passo sostanziale necessario per raggiungere questo obiettivo è eliminare tutti gli asset e le attività a proprio rischio. Sta parlando di monetizzare il debito pubblico in pancia alle Banche Centrali Nazionali, come da tempo svrive Alberto? Grazie a chi vorrà rispondere.

    RispondiElimina
  9. Buonasera Bagnai non ha niente da dire in merito alle dichiarazioni rilasciate dal suo capo politico Salvini? Il quale afferma che ci vuole una rivoluzione liberale auspicando un riavvicinamento dell italia all Europa e torni ad apprezzarla

    RispondiElimina
  10. OT - Contrazione del PIL e stabilità del sistema pensionistico.

    Che i fondi esteri vogliano mettere le mani sul risparmio previdenziale (sostituendosi allo stato) per noi goofysti non è un mistero.

    È anche di tutta evidenza che ogni contrazione di PIL mette in difficoltà il nostro sistema pensionistico a ripartizione.

    Ma un sistema a ripartizione, con governi anche solo appena sufficienti, è molto resiliente.

    Mi domando: qual è la contrazione massima di PIL nel 2020/21 che il nostro sistema a ripartizione può sopportare senza minare il sostanziale pareggio trattenute-prestazioni?

    Se (come mi pare di ricordare) lo stato raccoglieva nel 2019 circa il 5% in più di quanto effettivamente erogava in pensioni nette allora una (ormai probabile) contrazione di PIL del 20% nel 2020 farà verosimilmente scattare il dissesto del sistema pensionistico.

    Qualcuno lo ha notato oppure quando accadrà tutti faranno finta di cadere dal pero?

    Mi piacerebbe che qualcuno mi dicesse che sono pazzo...

    RispondiElimina
  11. Mi scuso per il fuori tema, ma ho pensato che poteva interessarle molto questa intervista al prof. Barbero dal titolo "Hitler padre dell'Europa?" e la linko qui fuori dal rumore di Twitter:

    https://youtu.be/ea6kfQSYkw0

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.