MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

domenica 4 ottobre 2015

E tre...

E anche il terzo concerto è andato. Auditorium splendido:




in una città splendida:


dove si mangia bene e si beve meglio:


e dove abbiamo sperimentato un uso inconsueto dell'iPhone:


(ma in concerto il minion guardava verso la tavola armonica).

Ora ci togliamo il quarto (privato), e poi c'è il prossimo disco.

Nel frattempo avremo tante altre cose da fare, incluso il mesto officio e pio di leggere chi dice tardi e male ciò che abbiamo detto presto e bene, e il più costruttivo compito di pensare alla salute.

La cronaca di questi giorni non mi pare meriti particolari commenti...

31 commenti:

  1. Ma quali sono i canali per avervi qui a Modena in futuro a suonare? (domanda fatta da un ignorante che una conferenza saprebbe organizzarla, un concerto no (forse). P.s. e anche qui si mangia bene (troppo per far rima con salute).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse veniamo a Bologna. Per organizzare qualsiasi cosa ci vogliono... Indovina un po'? Il canale poi può essere un festival, o un'istituzione locale, o...

      Elimina
    2. Per inciso: il nostro ultimo disco è su un modenese: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Battista_Vitali e ha avuto una buona recensione. Non credo che a Modena esista un amministratore diversamente imbecille in grado di valorizzare un patrimonio di questo tipo. Puoi divertirti a smentirmi. Intanto, lo abbiamo suonato a Chiavari. Ma non vale solo per Modena. La musica non esiste, per lo stato italiano.

      Elimina
    3. Professore, ha mai suonato al teatro di Villa Mazzacorati a Bologna? http://www.artelabonline.com/article_files/art_1022_XL.jpg

      Lo conosco perché ci fanno il saggio di pianoforte ogni anno mia sorella e mia nipote. Me l'ha ricordato con la prima foto del post odierno.

      Elimina
  2. Osteria da Vittorio... lontanissimi ricordi di vacanze estive (saranno passati 20 anni). Lieto che esista ancora e continui a fare bene da mangiare.

    Saluti dalla Nuova Zelanda
    Guglielmo

    RispondiElimina
  3. Guglielmo ne approfitto se al Prof. non dispiace. Devo andare in N. Zelanda per lavoro per 1 mese: Christchurch e Wellington. Posso chiederti un'informazione logistica?
    Dovrei partire a Gennaio, da confermare. Sono su Twitter (stesso "nome": Persil)
    Grazie. Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Persil. Non sono su twitter. Scrivimi in privato: guglielmo.stecca@gmail.com . E quando sei a Christchurch non mancare di farti vivo!
      A presto
      Guglielmo

      Elimina
  4. Visto che su questo post non sono troppo off topic, approfitto per farle i complimenti per il concerto di San Gimignano. Io non sono un musicista ma... mi è piaciuto tanto lo stesso.
    Impagabile, tra l'altro, l'espressione paciosa e soddisfatta del neoborbonico mentre suona: sarebbe bastata anche quella da sola per uscire rilassati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti quando siamo in due ci divertiamo molto, e Renato in concerto si diverte molto più che in prova.

      Elimina
  5. Nulla di preoccupante.
    Prossima fermata: Bastiglia.

    http://mobile.lemonde.fr/economie/article/2015/10/05/air-france-confirmerait-2-900-suppressions-d-emplois-lors-d-un-cce-interrompu-par-les-salaries_4782576_3234.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mecojoni! Con quanti anni di ritardo?

      Ma la diagnosi?

      Urgeva immediata identificazione dei "veri colpevoli" dei problemi della Francia dopo le foto di ieri, e il Volkischer Beobachter salmonato prontamente esegue:

      "Eh sì, perché Parigi ha da pagare stipendi a un esercito di funzionari pubblici ben più potente di quello di Napoleone, visto che si ritrova con oltre 36mila comuni, più di 15mila organismi intercomunali, e poi Regioni, Province, Città metropolitane e altre frattaglie amministrative sparse. Fatti due conti, c'è da far impallidire la Grande Armée: la Francia sta sfiorando i due milioni di dipendenti pubblici, ossai il quadruplo dell'esercito di Napoleone.
      Il bello è che l'aristocratica Grande Armée degli impiegati statali e parastatali continua ad aumentare, in barba a ogni parvenza di austerity: negli ultimi sei anni, quelli della crisi, il numero degli iperprotetti e non licenziabili travet transalpini è balzato in alto di qualcosa come 100mila unità. Indispensabili per la macchina amministrativa francese? Probabilmente più per assicurare pace sociale (e magari voti)."

      Notevoli le "frattaglie amministrative sparse": quando le taglieranno ci faremo un lampredotto....

      Elimina
    2. Ma no, il vero colpevole fu Carlo Martello, per aver esercitato il potere regale per ben quattro anni (737-741), pur essendo soltanto maggiordomo di palazzo. E quelle sono spese statali non indifferenti, eh... Ci si mise poi il futuro Raimondo VII di Tolosa (1197-1249) col contrastare la crociata anti-albigese, condotta da Simone di Montfort per volere del re e del papa: quei terroni del sud della Francia proprio non ne volevano sapere di soggiacere alla corona centrale. Nazionalisti provinciali ed antieuropeisti ante-litteram!

      Elimina
    3. Toh! Ma non eravamo noi ad avere il primato della spesapubblicaimproduttiva ?

      Elimina
  6. Come si fa a tenere insieme tre paesi così diversi come Francia, Germania e Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in Francia sono abituati a fare le rivoluzioni, tagliare teste e fare tabula rasa dei regimi antichi e mica sono solo pecorai. E' nel dna di quella gente e credo che il Nasone gli abbia già rotto i coglioni con la tiritera dell'irreversibilità.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. Simpaticamente di primo getto: se si desse una mano di colore giallo, rassomiglierebbe un poco ai Minion anche Lei... Del resto, pure quelli sono tenaci e indistruttibili.

    RispondiElimina
  8. Bene, se verrà a Bologna ce lo faccia sapere (come poi fa sempre), mi piacerebbe molto venirla a vedere.

    RispondiElimina
  9. Quando il frame colpisce, la da giù dura.
    Avete voluto le regole a ogni costo (come si fa ad ignorare le regole, ma chi le scrive?) la "turbolegalità" ad ogni costo (glisso sulla forca sotto cui si è compromessa la destra romana; io quando vedo una croce, nella peggiore delle ipotesi, me la accollo, ma non ci sparo)? E ORA?

    La casa della pace, Via der monte dei cocci, Rione Testaccio, Roma.

    Ora la "fricsinistra" romanza, "chiagne", come se fino a ieri "nun ce staveno" (io c'ero, e facevano soldi a fotta, A FOTTA, al sabato mattina arrivavano i mondialpol colla camionetta). Come fanno a non capire? Esiste una elite anche tra di loro (ormai loro)?

    RispondiElimina
  10. Www.tradingeconomics.com/germany/factory-orders
    Www.theguardian.com/business/live/2015/oct/06/german-factory-orders-fall-markes-glibal-outlook-live

    Ci siamo. La sentiranno sta campana le casalinghe, e i pensionati?

    RispondiElimina

  11. Professore, off topic, ma e' troppo bella. Martin Feldstein, ex consigliere di Reagan, vero libbbberista, altro che ScacciaContadini o Cozzolone (veri personaggi mitologici suTwitter), o "Ric", afferma che l'Euro portera' la guerra all'Europa, pubblicato sul Sol dell'Avvenire:

    https://twitter.com/JerryPolemica1/status/651295400238972928

    Che dire?

    RispondiElimina
  12. OT
    E il TPP è stato approvato

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/10/05/tpp-raggiunto-laccordo-sul-trattato-di-libero-scambio-tra-11-paesi-del-pacifico/2098406/

    Arriverà anche il TTIP.Ancora una volta,i nostri fratelli tetesken si sono rivelati gli utili idioti del capitale ammeregano,'sti caxxo di Telefunken con le gambe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In arrivo una valanga di licenziamenti.
      Dopo deflazione e compressione salariale v.2 esiste solo il licenziamento. Segue la fame.
      Mangeranno sé stessi.
      Deutschland unTer alles.

      Www.theguardian.com/business/series/guardian-business-live

      Elimina
  13. Chiavari: bello, ma purtroppo detto da una quasi profana non so quanto persuasiva.

    Info per genovesi e altri interessati:

    Venerdì 9 alle ore 18 a Genova verrà proiettato il film "La Rete di Santini", alla Residenza universitaria delle Peschiere, via Parini, 5, zona Albaro, con relativa presentazione del progetto "La via dell'Anima": seguirà, nella vicina chiesa di S. Maria del Prato con inizio alle 21, l'esecuzione di mottetti di Giacomo Carissimi (1605 - 1674) e di mottetto e madrigali di Flavio Colusso, direttore di Ensemble Seicentonovecento che in tale occasione si esibisce.

    La proiezione è gratis, il concerto non so.
    Info avute dal Collegium pro musica, in seguito a una telefonata:

    010 - 86 03 597 ; 335 631 40 95.

    Parziale cambiamento di programma rispetto a quanto nell'opuscolo "Le vie del Barocco" trovato a Chiavari, con tutte le manifestazioni inerenti il ciclo.
    Se il Prof. permette, aggiornerò le notizie sulle ultime manifestazioni.

    Estraggo dal medesimo opuscolo, p.25:

    "..Fortunato Santini, musicista romano che abitava in via di Santa Maria dell'Anima. Questi cedette nel 1862 alla Diocesi di Muenster più di 20.000 titoli di meraviglie da lui riesumate dai silenziosi archivi, formati da eruditi e collezionisti, con il grande sogno che questi capolavori potessero ritornare ad essere ascoltati.
    Dalla sua passione e dal suo fuoco si accese un movimento di illustri musicisti come Mendelssohn, Liszt, Zelter, Stasov, Gaspari e altri, i quali si prodigarono per la riconsiderazione dell'antico repertorio nell'uso moderno: era l'inizio di quella che oggi chiamiamo la rinascita della 'Musica antica'.
    Le composizioni carissimiane sacre e profane eseguite nel presente concerto provengono dalla Santini Sammlung e si intrecciano con brani dell'epigono Colusso composti a Villa Lante al Gianicolo nel movimento "Seicentonovecento" da lui fondato oltre trent'anni fa".


    RispondiElimina
  14. "La cronaca di questi giorni non mi pare meriti particolari commenti..."

    Dipende dal tipo di cronaca. Se parla Zbigniew Brzezinski forse vale la pena di ascoltare, perche' non parla mai per caso.

    "Brzezinski advised President Barack Obama to attempt to disarm the Russians if they keep attacking the CIA-trained militants in Syria."

    “The Russian naval and air presences in Syria are vulnerable, isolated geographically from their homeland,” Brzezinski wrote on Sunday. “They could be ‘disarmed’ if they persist in provoking the US.”

    http://www.veteranstoday.com/2015/10/06/zbig2putin/

    Per capire le differenze tra "CIA trained militants" e gli altri combattenti anti- Hassad e' utile questa figura.

    http://www.zerohedge.com/news/2015-10-06/russian-embassy-trolls-saudi-arabia-twitter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca caro, fermo restando che l'amico Zbigniew è un noto guerrafondaio, ci siamo mai fatti due domande sull'attendibilità di Veterans Today (e due)...

      Elimina
    2. Grazie del caro, per me sono giorni brutti, chiedo venia.

      Elimina
  15. Se mai dovesse venire a suonare nei dintorni di Brescia, farò il possibile per essere presente.

    RispondiElimina