MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

sabato 26 gennaio 2013

Contraddizioni ortottere

Ma gli ortotteri non erano quelli che la democrazia diretta si fa sul web 2.0? E allora perché non riescono a comunicare per email? Perché hanno questa libidine di scassarmi i cabbasisi al telefono (ovviamente con la retorica del contatto umano, come se l'umanesimo fosse un contratto TIM)? Ci deve essere qualcosa che non funziona. Sarà colpa della casta? Della nube tossica? Del debito pubblico?

Amici cari, la prova provata del fatto che il telefono è stato inventato da un italiano risiede nel fatto che il telefono è lo strumento dei rompicoglioni. Prendiamo dall'Amerika quel poco di buono che ha: una bella email, dove si dice chiaro e tondo chi, dove, quando, come e perché, e poi si passa avanti.

Basta poco per chiarire i dubbi.

Dans le doute, abstiens-toi...


(avviso a chi mi cerca. Siccome siete tanti, o si lavora come lavoro io, o vi cercate un altro economista "critico". Fra un po' lo saranno tutti, farete poca fatica).

16 commenti:

  1. Roland Barthes inseriva "telefonare" nella lunga lista delle sue idiosincrasie ed era anche lui musicista (per quanto dilettante) e proustiano.
    Bagnai è in ottima compagnia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si te dico che questa cosa mi è successa a Parigi (ma con italiani), capisci bene che il problema è culturale, quindi non c'è speranza...

      Elimina
  2. Er cavajere se 'incazza,e a ragione.

    Io se voglio contatto umano sai che faccio ???
    Non lo dico per decenza,e perchè mia moglie s'incazza pure lei !!

    E se voglio affetto me compro n'cane.
    Ma nun ce lassa !!!

    Er cavajere nero,assendo cavajere se comporta come tale,o no ??
    Abbi pazienza per l'amor di conoscenza !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mica me 'ncazzo con te. Quando ci sono problemi di email, poi ci sono problemi e basta, e pure grossi. Questa è la mia esperienza. La vostra?

      Elimina
  3. Direi che Zingales vince il mio personale premio: Deuterostomo della settimana.
    La settimana scorsa lo aveva vinto Sechi a 8 e 1\2, ma questo articolo lo batte di due lunghezze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo blog è fantastico.... Deuterostomo... non ha prezzo...

      Elimina
    2. Fantastico! Un vermone, insomma! Da sbellicarsi!

      Elimina
    3. .. Un vermone in cui non si distingue bene la faccia dal culo... almeno la avevo intesa così, sbaglio?

      Elimina
  4. Letta l'intervista di cui al link: un esempio di opportunismo nel senso proprio, cioè di sfruttamente del momento favorevole, e di cerchiobottismo.

    Inotre certe affermazioni echeggiano quanto letto qui da tempo: ha copiato oppure sapeva le cose e le ha taciute finora? Per me, peggio ancora la seconda ipotesi, che confermerebbe l'opportunismo come minimo, e la volontà di celare le cose (scelta ideologica).

    Ma, a prescindere, è l'insieme a suonarmi opportunista (si vede che oggi mi piace questo campo semantico...ops).

    RispondiElimina
  5. Fra un po' saranno forse tutti economisti critici, ma conteranno come nessuno.
    Perché a leggere i 10 interventi per la crescita, ai quali rimanda l'articolo-intervista (http://www.fermareildeclino.it/10proposte ), mi pare che non abbiano esattamente colto la natura e la gravità del problema.
    A parte la palese erroneità di alcune proposte che fanno talvolta rabbrividire (ad es. se per crescita intendono quella del PIL, come penso, allora come fanno a tagliare la spesa pubbbbbbblica-causadituttiimali? Un ripassino di contabilità e una breve introduzione ai concetti macroeconomici no eh?), i punti dal 5 al 10 sono ottimi esempi di insignificante vaghezza. In particolare trovo ammirevole la maestria raggiunta con la proposta 5: "Far funzionare la giustizia" (l'approfondimento lascia un po' interdetti).
    Ma dai, davvero? Non ci avevo proprio pensato. La giustizia? Finalmente qualcuno che ne parla. Poi ci penso e mi salta in mente che ci hanno già provato i governi che si sono succeduti negli ultimi 20 anni, facendo più danni che benefici. E mi chiedo: ma siete proprio sicuri? Ma cosa intendete voi per giustizia? E perché voi dovreste riuscire dove tanti altri hanno fallito? Non saranno mica le solite chiacchiere?
    Malgrado questi interrogativi rimango affascinato. L'interrogativo che mi affascina però è un altro: mi chiedo se ci sono o ci fanno. E poi mi affascina la totale assenza di pudore, la sfacciataggine, con la quale alcune persone, ritenute istruite, fanno delle proposte di così elevato spessore.

    Comunque, al di là del fascino, non li voterò, perché non hanno inserito il principio fondamentale del "volemose bene".

    A pensarci bene, se questo è il livello del confronto, mi viene voglia di fondare un nuovo partito, il partito del “VOLEMOSE BEN”, con la proposta di creare almeno due nuovi ministeri, il ministero per “TARALLUCCI E VINO” e il ministero “OBIETTIVO CUCCAGNA”.
    Inoltre rinominerei alcuni ministeri in:“0 TASSE”, “0 LAVORO E SALARIO MASSIMO”, “COPPIE, MATRIMONIO, GRUPPI E POLIGAMIA”. Abolirei il ministro della giustizia, in quanto superfluo nel paese di cuccagna.
    Sarebbe il consiglio dei ministri più all'avanguardia rispetto a tutti i precedenti.


    Mi votereste?
    Cercasi candidata Bianca Neve, può anche essere il nome d'arte.
    Raccolgo volentieri suggerimenti per altri ministeri essenziali.

    RispondiElimina
  6. Mi ero perso questo post: come sa sono un pessimo scrittore di mail, ma me la incornicio - chissà che non impari..

    Peraltro Zingales, all'auditorium qualche sera fa, è riuscito nell'impresa di mettere di fila le seguenti affermazioni:
    - testuale, "La crisi è colpa dell'Euro"; seguito da
    - "Monti mi ha deluso: doveva RINEGOZIARE IL DEBITO."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarò una cima, ma da quel punto di vista era difficilissimo farsi deludere da Monti. Era talmente chiaro che che, per restare in tema, non voleva rinegoziare una beata fava.

      Elimina
  7. E Zingales cadde sulla via di Damasco, ma rimase impigliato nella staffa e venne trascinato via dal cavallo...urlando..."più Europaaaaaaa!!!"

    Scusate, senza offesa per l'uomo, piegare la propria intelligenza fino a questo punto...che sofferenza...

    Vabbè forse esagero, ma mi tocca pure studiare i suoi testi all'Uni, emmò basta !!!

    RispondiElimina
  8. Questa di Zingales é fenomenale: "Ora dobbiamo evitare gli incentivi sbagliati: se noi mutualizziamo il debito, premiamo chi si è comportato male e tassiamo chi si è comportato bene. Non è un bell’ese[m]pio. Io propongo un sussidio di disoccupazione europeo, con controlli incrociati (un tedesco controlla i greci, un greco i francesi e così via) e pagato con fondi comuni: basta sussidi solo per le banche. Ovviamente parlo di un sussidio organizzato in maniera giusta, che incentivi un ritorno sul mondo del lavoro, un sussidio destinato ai Paesi più in difficoltà – come guarda caso era la stessa Germania, 7 anni fa. È un provvedimento popolare, è economicamente giusto e servirebbe a sgessare le relazioni tra i Paesi. Non capisco perché non lo attuino."

    Ma non gli viene il sospetto che dopo un po' chi sussidia si stanca, specie se il sussidiato parla un altra lingua?

    RispondiElimina
  9. Zingales avrà anche letto l’ammissione degli errori del FMI per voce del suo maestro Blanchard

    RispondiElimina
  10. @Giacomo Gabbuti

    Appunto. Opportunismo, la prima; ignoranza o menzogna ideologica, la seconda; cerchiobottismo, l'insieme VUOTO.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.