sabato 7 maggio 2022

Domandare è lecito (le portinaie)…

(...non rispondere sarà un'ammissione di colpevolezza...)


BAGNAI – Ai Ministri dell’istruzione e della salute

Premesso che:

lo stato di emergenza dichiarato con deliberazione del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020 e da ultimo prorogato con l'articolo 1, comma 1, del decreto-legge n. 221 del 2021, convertito dalla legge n.11 del 2022, fino al 31 marzo 2022, non è stato ulteriormente rinnovato, con conseguente cessazione dello stesso alla data del 31 marzo 2022 e introduzione nell'ordinamento di nuove disposizioni ai fini del superamento delle misure di contrasto alla diffusione della pandemia;

in ottemperanza alle disposizioni previste dal decreto-legge 24 marzo 2022, n. 24, recante “Disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza”, per il personale docente ed educativo della scuola, “la vaccinazione costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni” (ai sensi del comma 2 dell’articolo 4-ter.2 del decreto-legge 1° aprile 2021, n. 44, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 maggio 2021, n. 76, come modificato dal decreto-legge 24 marzo 2022, n. 24) fino al 15 giugno 2022; la predetta norma ha abrogato tacitamente la precedente disposizione che prevedeva la sospensione dall’attività lavorativa del docente inadempiente e della relativa retribuzione;

in particolare, dal 1°aprile 2022 e fino al termine delle lezioni dell’anno scolastico 2021/2022, il personale docente inadempiente sarà destinato ad attività di supporto all’istituzione scolastica, la cui discrezionalità operativa è in capo ai singoli Dirigenti scolastici;

nel frattempo le linee operative del Ministero della Salute hanno sostanzialmente equiparato gli effetti dell'evento "vaccinazione" agli effetti dell'evento "guarigione da Covid-19", come è dimostrato dal fatto che entrambi gli eventi sono condizione sufficiente per ottenere il cd. green pass rafforzato, come risulta ad esempio dal sito https://www.dgc.gov.it/web/faq.html;

ciononostante, risulta all’interrogante che alcuni dirigenti scolastici, col sostegno degli Uffici Scolastici Regionali, stanno propugnando un’interpretazione restrittiva del citato disposto del DL 24 marzo 2022, n. 24, in virtù della quale al personale docente in possesso di una certificazione verde da guarigione (e quindi di un green pass rafforzato), ma privo di vaccinazione, viene preclusa l’attività di docenza frontale;

a parere dell’interrogante, vista anche l’assenza di un’espressa previsione normativa, l’esclusione dall’insegnamento che riguarda specificamente i lavoratori non vaccinati ma guariti dal COVID-19, e quindi dotati di green pass rafforzato, è illegittima nella sua applicazione, poiché il soggetto non è giuridicamente inadempiente all’obbligo vaccinale;

inoltre, l’infezione da virus SARS-CoV-2 determina un differimento dell’applicazione del suddetto obbligo, secondo i termini temporali indicati dalla circolare del Ministero della salute del 3 marzo 2021, prot. n. 8284, e dalla circolare del Ministero della salute del 21 luglio 2021, prot. n. 32884, parzialmente modificativa della prima circolare; sulla base di queste circolari, ai fini della determinazione della decorrenza dell’obbligo in oggetto, si fa in genere riferimento, in via interpretativa, al termine di sei mesi dalla guarigione;

pertanto, il presente quadro normativo genera una disparità di trattamento fra soggetti vaccinati e soggetti guariti dall'infezione, equiparati solo per l'ottenimento di una certificazione amministrativa, ma impossibilitati a svolgere la medesima mansione lavorativa, sulla base di tempistiche dettate dal Ministero della Salute nelle circolari sopra richiamate;

questa interpretazione è avvalorata dalla giurisprudenza, che si sta orientando nel senso di ripristinare la parità di trattamento fra tutti i docenti dotati di green pass rafforzato, comunque conseguito, come dimostra la sentenza R.G. n. 203/2022 del 3 maggio 2022 emessa dal tribunale del lavoro di Grosseto.

è chiaro, pertanto, che l’attuale assetto normativo non solo non abbia prodotto gli effetti sperati, ma ha dato luogo a diverse storture del sistema post-emergenziale: ne è un esempio la Circolare 461 del Ministero dell'Istruzione del 1° aprile 2022, nella parte in cui si rappresenta “In ogni caso, per tutti l’accesso alle strutture scolastiche è subordinato, fino al 30 aprile 2022, al possesso del green pass base ed è consentito, fino al 15 giugno 2022, lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni soltanto al personale docente ed educativo non inadempiente con l’obbligo vaccinale, che risulti quindi in possesso di green pass rafforzato, nonché ai soggetti esentati dalla vaccinazione.”;

si chiede di sapere:

valutati gli effetti applicativi delle disposizioni in materia, se intendano intraprendere delle iniziative urgenti, anche di carattere normativo, al fine di rimuovere ogni forma di disparità di trattamento tra docenti, al fine di garantire lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni sia per i docenti vaccinati sia per coloro che risultano guariti dall'infezione da COVID-19.


(...in verifica presso il nostro legislativo e i colleghi della Commissione 12a, perché in fondo questa non sarebbe la mia materia, anche se lo è dovuta diventare, perché la mia materia siete voi. Ma è cazzo possibile che io debba distruggere tempo, mentre il Paese è sotto altri attacchi, in questo modo, perché burocrazie incompetenti si muovono solo se portate in Tribunale? Certo che è possibile, e per noi, purtroppo, non è una novità! Vi dice niente la parola "aiuti di Stato"? Ma il dato nuovo e antropologicamente devastante della pandemia - perché un dato nuovo, oggettivamente, c'è - è quello di aver dato poteri troppo grandi a persone troppo piccole, a partire dalla più piccola delle persone grandi, quella che in aula non risponde, e di aver trasformato una pletora di presidentucoli di ordinicchi, dirigentucoli di ufficiastri, e via delirando, nella tanto archetipica quando indimenticabile portinaia di Aldo, Giovanni e Giacomo. Essi sono Legione, e essi sono il Male, un male per cui non ci sarebbe prevenzione se non il voto, perché in fondo è il male radicale del grillismo, l'invidia sociale nemica della libertà, che pervade questi ominicchi di un piacere quasi erotico nel comprimere i diritti altrui. Ma non è detto che a questo male, di cui è largamente responsabile chi ha votato ortottero, non ci sia una cura. Ci stiamo lavorando...)

3 commenti:

  1. Grazie prof. per aver pensato anche alla Scuola. Un docente scettico sui vaccini ma guarito dalla malattia lavora oggi con questa spada di Damocle: potrebbe essere allontanato dai ragazzi proprio a maggio, che è un mese cruciale per la fine dell'anno scolastico: specie per le classi che dovranno affrontare l'esame di Stato. L'impressione è che i presidi meno ottusi capiscano l'assurdità di misure di allontanamento nella parte finale dell'anno scolastico e facciano finta di niente cercando di avvicinarsi il più possibile al termine delle lezioni. Certo è difficile non avere la sensazione di essere vittime di vessazioni di Stato. D'altra parte una misura assurda e vessatoria sarebbe perfettamente coerente con la sistematica e pluriennale demolizione della Scuola Statale: quindi non mi meraviglierei affatto di vederla imposta.

    RispondiElimina
  2. Redigere tale "roba" comporta un bello stomaco, una bella pazienza e un bel senso della giustizia.

    RispondiElimina
  3. ... e se ci sta lavorando il generale Kutuzov, forse si riesce pure a salvare l'esercito (magari acciaccato ma salvo)

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.