MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 3 aprile 2017

Als ob es nur eine Mutter gäbe...

(...al termine di una giornata nella quale sono iniziate tante cose, e tante altre devono ancora iniziarne, mi fermo per condividere questo testo con voi. Perché? Chissà...)

Einmal, am Morgen, ist ein Reiter da, und dann ein zweiter, vier, zehn. Ganz in Eisen, groß. Dann tausend dahinter. Das Heer. Man muß sich trennen. »Kehrt glücklich heim, Herr Marquis. –« »Die Maria schützt Euch, Herr Junker. « Und sie können nicht voneinander. Sie sind Freunde auf einmal, Brüder. Haben einander mehr zu vertrauen; denn sie wissen schon so viel Einer vom Andern. Sie zögern. Und ist Hast und Hufschlag um sie. Da streift der Marquis den großen rechten Handschuh ab. Er holt die kleine Rose hervor, nimmt ihr ein Blatt. Als ob man eine Hostie bricht. »Das wird Euch beschirmen. Lebt wohl. « Der von Langenau staunt. Lange schaut er dem Franzosen nach. Dann schiebt er das fremde Blatt unter den Waffenrock. Und es treibt auf und ab auf den Wellen seines Herzens. Hornruf. Er reitet zum Heer, der Junker. Er lächelt traurig: ihn schützt eine fremde Frau.


(...eh, mi rendo conto... In giro è tutto un "ma cos'ha Bagnai che io non ho?" Ecco, cominciate da qui, cominciate da lebbasi...)

(...un giorno apparirà das Heer. Quel giorno saprete quanti siamo. Ora bisogna cavalcare, cavalcare, cavalcare, per tutto il giorno, per tutta la notte, per tutto il giorno. Cavalcare, cavalcare, cavalcare...)

(...quello che ci ha reso fratelli ci sembrerà così assurdo, così lontano...)

11 commenti:

  1. "..Wein, leuchtend in eisernen Hauben. Wein? Oder Blut ? - Wer kanns unterscheiden?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sto organizzando un convegno: http://www.asimmetrie.org/upcoming-events/wine2017/

      Elimina
  2. Caro prof. non conoscendo il tedesco (ognuno ha i suoi limiti ed io ne ho tantissimi) penso: "ci provo col traduttore di google, giusto per curiosare".

    Ah ah ah, di seguito la traduzione ma la notizia bella che mi fa ridere è questa, stiamo tranquilli, prima di venir soppiantati dai robot ne dovrà passare di tempo, basta leggere cosa ha scritto il traduttore.

    Una volta, al mattino, un pilota è lì, e poi una seconda, quattro, dieci. Molto di ferro, di grandi dimensioni. Poi un migliaio di dietro. L'esercito. Bisogna separare. »Home felice mano, signor marchese. - "" The Mary ti protegge, il signor Junker. "E non possono reciprocamente. Sono amici in una sola volta, fratelli. Devono fidarsi l'uno dell'altro più; perché sanno così tanto l'uno dall'altro. Essi esitano. E la fretta e gli zoccoli intorno a loro. Come il marchese spoglia grande guanto destro. Tira fuori la piccola rosa, prendendola un foglio. Come se uno si rompe un host. "Che vi difenderti. Addio. "Le meraviglie della Langenau. Mentre si guarda dopo il francese. Poi si spinge la foglia straniero sotto la tunica. E si spinge su e giù sulle onde del suo cuore. Horn chiamata. Cavalca per l'esercito, il Junker. Sorride tristemente: protegge una donna sconosciuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi avvalgo dell'uso di google translator per leggere il blog di Panagiotis Grigoriou,scritto nella lingua per me più ostica,il Francese.
      Io faccio così:leggo il testo originale,imposto traduzione,rileggo cercando di ottenere un significato dal raffronto.
      A volte si capisce;altre si verificano meraviglie di questo genere:
      "Analisi del traffico.Le informazioni sul Tuo sito del utilizzo SETTORE condivise sono con Google.Se ti prosegui navigazione acconsenti all'uso dei biscotti."

      Elimina
    2. :-D
      Sai una cosa strana? Uso il traduttore saltuariamente da diversi anni ma sembra che con l'avanzare del tempo invece di migliorare peggiori!

      C'è qualcuno che ha la stessa sensazione?

      Elimina
  3. Des armes, des chouettes, des brillantes
    Des qu'il faut nettoyer souvent pour le plaisir
    Et qu'il faut caresser comme pour le plaisir
    L'autre, celui qui fait rêver les communiantes

    Des armes bleues comme la terre
    Des qu'il faut se garder au chaud au fond de l'âme
    Dans les yeux, dans le cœur, dans les bras d'une femme
    Qu'on garde au fond de soi comme on garde un mystère

    Des armes au secret des jours
    Sous l'herbe, dans le ciel et puis dans l'écriture
    Des qui vous font rêver très tard dans les lectures
    Et qui mettent la poésie dans les discours

    Des armes, des armes, des armes
    Et des poètes de service à la gâchette
    Pour mettre le feu aux dernières cigarettes
    Au bout d'un vers français brillant comme une larme

    Des armes... des armes... des armes...

    (L.F)

    RispondiElimina
  4. Non so se ricorda, avevo fatto una battuta dicendo: "Che bisogno c'è di leggere Proust, quando sul blog abbiamo il Reader's Digest?"
    Come tutti gli scherzi era una stupidaggine con un fondo di verità. Un giorno (quando sentirò la chiamata; non voglio leggerlo perché "si deve" e poi lasciarlo alla polvere, cioè per piddinaggine) leggerò Proust e sarà grazie al suo lavoro. Oggi ho letto questo poema - seppur tradotto, e per questo mi sento di nuovo motivato a studiare il tedesco.
    Ma soprattutto a continuare a cavalcare. Ne avevo un gran bisogno, proprio oggi.
    Grazie, a lei e a Rockapasso.

    Raffaele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beati gli invitati alla mensa del guru... Se lo sa il giovine Baroni quello che ti è capitato!

      Elimina
  5. Rilke.
    13,51. Cercando, apro un articolo di Carlo Bianchi, "Il «Cornet» di Rainer Maria Rilke fra Martin e Viktor Ullmann. Un testo letterario e due poetiche dei dodici suoni" ed ecco la voce (radio rai3) del Prof. e padrone di casa. Per me, che sono - anche - Cassandra: un segno.
    Nella susta: Pe-da-la-re!
    Ma che dico, Reiten, Reiten, Reiten....


    (Alessandra/Cassandra da Firenze)

    RispondiElimina
  6. http://www.ilsole24ore.com/art/casa/2017-04-04/i-prezzi-case-tornano-positivo-2011-01percento-fine-2016-base-annua-114727.shtml?uuid=AEvet9y

    RispondiElimina
  7. Caro Prof.forse è off topic (in comune solo la lingua)ma è anche irresistibile.Vista la situazione internazionale, questo memorabile spezzone del DoTT.Stranamore che inizia con un 'Un Tedesco è sempre un tedesco' detto da un generale americano invasato e che termina con un 'Mein Furher!' su sedia a rotelle....ogni commento è superfluo.Ogni riferimento a situazioni e persone esistenti è assolutamente casuale ma coerente col 2017.

    https://www.youtube.com/watch?v=8v5bRhrWiD0

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.