MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

domenica 2 ottobre 2016

QED 67: il conte zio Tom

Teoria

"Veda vostra paternità; son cose, come io le dicevo, da finirsi tra di noi, da seppellirsi qui, cose che a rimestarle troppo... si fa peggio. Lei sa cosa segue: quest'urti, queste picche, principiano talvolta da una bagattella, e vanno avanti, vanno avanti... A voler trovarne il fondo, o non se ne viene a capo, o vengon fuori cent'altri imbrogli. Sopire, troncare, padre molto reverendo: troncare, sopire”

Pratica



(...dedicato a quelli che "il classico non serve", e infatti non capiscono una fava di quanto sta accadendo...)



19 commenti:

  1. Risposte
    1. Fossi in te correggerei prima che passi il dott. Martinet

      Elimina
  2. Per quelli che non hanno fatto il classico, segnalo che oggi ne parla anche Quarantotto, e spiega pure bene.

    Grazie per il Conte Zio, Prof.!

    RispondiElimina
  3. Ma anche a quelli che "non serve nemmeno lo scientifico"....

    RispondiElimina
  4. Questo post (come altri in verità) esprime come meglio non si potrebbe IL criterio "sufficiente" per prestare credito a Bagnai ad occhi chiusi!

    Quello necessario, naturalmente, è di "essere un ottimo economista!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A cena col coautore (quello vivo).

      Elimina
    2. @Alex

      Bisognerebbe dirlo a Yanez, che nei commenti all'ultimo post su Sollevazione dice, testuale: "Fesserie di un economista" a proposito delle dichiarazioni rilasciate dal prof. a Libero, sulla simulazione di a/simmetrie circa le conseguenze di un'uscita dall'euro...

      Elimina
    3. Chi? Pedro? Ho capito!

      Non è infrequente, nei più ciaccolosi caffè del Maradagàl o del Parapagàl, venir fissati da un occhio di vetro. Di taluni reduci si sapeva che erano stati feriti, per quanto non apparisse; le cicatrici, nascoste dai panni, venivano così defraudate della quota di ammirazione a cui avevano diritto. Vi erano poi anche dei sordi di guerra. La preposizione di (de, in maradagalese) esprimente causa od origine, seguita dal sostantivo «guerra» e preceduta da un aggettivo sostantivale come «invalido», «mutilato», «cieco», «sordo», «minorato», e simili, aveva anzi dato luogo a certa facezia, di discutibile gusto, è vero: e non proibita tuttavia dalla legge, perché innocente. Accade alla loquace vita, purtroppo, di esorbitare talora dalle sacre leggi della deferenza e della compostezza. Così a Terepáttola, sulle prime pendici della Cordillera, le ragazze terepattolesi apostrofàvano «scemo di guerra!» qualche zerbinotto un po’troppo ardito di mano, a cui però, dopo un dieci minuti di broncio, finivano col perdonare e col farci la pace, come i plenipotenziari del Maradagàl l’avevano fatta coi plenipotenziari del Parapagàl. «Scemo» si dice «mocoso» con un c solo, in maradagalese, e la locuzione pretta è perciò: «¡ Mocoso de guerra!».

      Elimina
  5. OT - Pessima notizia

    Falliti i timidi tentativi diplomatici ora in Siria la parola passa presumibilmente alle armi (cioe' alla battaglia finale di Aleppo).

    Con l'occasione la Russia rilancia (togliendosi molti sassolini dalle scarpe) segnalando implicitamente che e' anche pronta alla guerra nucleare.

    http://tass.com/politics/903792?_ga=1.2972729.825046408.1466875998

    Manca solo che accusino apertamente gli USA di aver spostato la loro riserva strategica di plutonio in Giappone (50 tonnellate circa - i.e. 'noto segreto di Pulcinella') per aggirare i trattati.....

    http://www.wsj.com/articles/japans-plutonium-stockpile-creates-a-nuclear-headache-1436934838

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No comment
      http://www.zerohedge.com/news/2016-10-03/40-million-russians-take-part-radiation-disaster-drill-days-after-us-general-warns-w

      Elimina
  6. Infatti non capisco perché non la dichiarano ufficialmente, sta 3za, o aspettano le altre superfottute elezioni ...boh, comunque la tragedia è cominciata. Quella specie di impazienza che condividevo con alcuni di noi qui credo, a me è passata. Buona fortuna a tutti, siete bellissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lasciatemi tornare in Nuova Zelanda prima di cominciarla...son qui in Europa per caso..ma gia' son nervoso!

      Elimina
  7. Nel 2008 T4 e 2009 T1 il PIL andò giù fino al - 5,5 circa in Italia; si stanno accapigliando su un + 1 nel 2017!

    RispondiElimina
  8. Smettiamola di lamentarci: ce lo dice persino Gramellini che siamo diventati competitivi. Un radioso futuro ci attende…

    http://www.lastampa.it/2016/10/04/cultura/opinioni/buongiorno/il-capitale-umano-sB5BfpwZpIsrVR1OKqpXSJ/pagina.html

    Il capitale umano

    04/10/2016

    MASSIMO GRAMELLINI

    Dopo la campagna pubblicitaria sul Fertility Day che avrebbe tolto la voglia di fare figli persino al ministro Delrio, la comunicazione del governo segna un altro significativo passo avanti verso il ridicolo. Nella brochure del famoso piano Industria 4.0 (credo significhi: Industria 4 - Italia 0), che dovrebbe indurre gli stranieri a investire da noi, si legge testualmente: «L’Italia offre un livello di salari competitivo che cresce meno rispetto al resto della Unione Europea e una forza-lavoro altamente qualificata». Cioè, ci si vanta del fatto che da noi quelli bravi costano poco. L’impoverimento del ceto medio non è più una catastrofe epocale, ma un’astuta strategia per invogliare gli stranieri a derubricarci alla voce «Terzo Mondo» e farci la carità di portare qui un po’ di lavoro. A mo’ di esempio attrattivo, la brochure esibisce, gonfiando il petto, la parabola esistenziale dell’ingegnere italiano medio, che guadagna 38.500 euro all’anno contro i quasi 50.000 intascati dal suo omologo europeo (e infatti emigra appena può).

    Siamo seri: per convincere gli stranieri a investire in Italia si poteva forse esaltare la lentezza della burocrazia, la durata biblica dei processi, l’obesità delle tasse sul lavoro e l’attenzione nel non rompere troppo le scatole alla criminalità organizzata? Sbandierando l’abbassamento degli stipendi, i compilatori della brochure governativa hanno ostentato l’unico successo del Sistema Italia di cui evidentemente non si vergognano.

    RispondiElimina
  9. Il classico non è che non serve: fa male, perchè poi ti fai il sangue cattivo invece di rassegnarti e vivere felice e contento.

    RispondiElimina
  10. Davide Giacalone : con la deflazione il
    Potere d'acquisto aumenta invece che diminuire ma i padri di famiglia che fanno invece di mettere in circolo la maggiore capacità di spesa? Lo risparmiano....... sentito oggi alla radio credo 102,5 . Ho sbandato con l'auto.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa affermata da Becchetti a RaiNews24: l'economia non riparte perché la gente ha paura e risparmia, nonostante sia in crescita il potere d'acquisto. La colpa è loro, se solo avessero un po' di coraggio...
      Lui, indiscutibilmente, dimostra di averne.

      Elimina
    2. Frottole, chiunque - senza essere minimamente economista - faccia la spesa settimanale al super, vede bene che i prezzi non scendono, anzi. Costano meno le automobili, infatti nonostante tutto le vendite aumentano significativamente, anche perche' l'auto e le vacanze sono l'ultimo baluardo di identificazione della classe media. Ma a mio nipote trentenne, laureato ma con solo 15 mesi di contratto a tempo indeterminato alle spalle, il mutuo su UN TERZO del valore della casa non lo concedono, vogliono altre garanzie. Sign of the times, la garanzia di mia sorella sessantenne, separata, con solo reddito da prof (!), vale piu' di un trentenne. Se non e' follia questa.

      Elimina