MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 7 dicembre 2015

Monte Marsicano (2253 mt)

Rifateve l'occhi:



(...poi parliamo di Marine, dei giornalisti italiani, degli economisti de destra e de sinistra, insomma: del falso, o comunque del transeunte. Due cose sono vere: la montagna e il mare. Oggi è stata montagna. De minimis non curat prætor...)

39 commenti:

  1. Che meraviglia!

    Complimenti al fotografo: quale macchina ha usato per una panoramica del genere?

    Grazie e buona festa dell'Immacolata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Ho usato il mio minion (con consulenza di Pietro Degli Effetti).

      Elimina
  2. Prof. posso venire con lei qualche volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gliela fai? Il Degli Effetti è provato...

      Elimina
  3. Anche il fiume ha una sua verità, specie quando vi si vede passare supino, trascinato dalla corrente, il nemico

    RispondiElimina
  4. Prof il punto più alto si trova nel Lazio o in Abruzzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il marsicano é tutto abruzzese.
      E non é una passeggiata

      Elimina
    2. il più alto dell'appennismo è il Corno Grande, Gran Sasso.
      Prof. chissà se qualche giorno ci incontreremo su qualche monte.

      Elimina
    3. La mia domanda continua a non avere risposta. Se mi incontrate in montagna non salutatemi, e statemi sottovento.

      Elimina
    4. Chiedo scusa, ho scritto male. Volevo intendere proprio il punto più alto da lei visitato, cioè la quota 2253 mt.

      Elimina
  5. Andavo su quei monti oltre 50 anni fa, con i Salesiani, in campeggio; stupendi e stupenda la Marsica.

    Oggi posso solo rispndere con una veduta di un tedesco (prussiano) che operò in Italia alla corte di Ferdinando IV di Borbone, Filippo Hackert. La valle di Roveto vicino a Balsorano, che si vede a sinistra sul colle con il suo castello; splendida opera del 1795.

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia. Bravo Prof. La montagna è rigenerante, riconcilia con il mondo è con se stessi.
    Io la saluto da Capo 'Orlando... Lavoro... E tanto pesce crudo :-)

    RispondiElimina
  7. Bello, sì, certo: però - come dire? - io non mi degno di andare se non sui 5000 m, e per il mare, bè, si sa la mia insana passione per i Caraibi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei e l'umiltà avete litigato da giovani?

      Elimina
    2. L'umiltà è per i mediocri che vogliono convincerti ad essere umile

      Elimina
  8. Per un attimo ho temuto trattarsi di Marines...della serie "un altro sbarco in Normandia ????!!!"...Oh my God !!

    RispondiElimina
  9. Certo che il sud è sottosviluppato.
    Si arriva ai soli 2000 metri poco più dopo (salutare) passeggiata mentre da noi si arriva comodamente in suv...
    Né una baita né una ricezione turistica, e come aumento il pil?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla Majelletta a oltre 2000m ci puoi arrivare col suv (ma devi sperare che non ci siano tormente in atto)...

      Elimina
    2. Bravo, continua a lavorare sull'offerta ;o)

      Roberto seven

      Elimina
    3. A Campo Imperatore, 2200 metri, ci si arriva con una comoda funivia. Poi se vuoi vedere quello che fu il ghiacciaio più a sud d'Europa, circa 2850 metri, bisogna farsela a piedi.
      Il bello di quei posti è che in un ora di auto sei sull'Adriatico e in un ora e mezza sei in a Roma o ad Ascoli Piceno... Gli altoatesini, impiegando lo stesso tempo, al massimo arrivano a Bolzano... :–)

      Elimina
    4. Ti devi fermare al rifugio Pomilio (1892 mt). Se arrivi al Blockhaus (non ci vuole un SUV) rischi, visto che la strada teoricamente è chiusa.

      Elimina
    5. occhiodifalco, visto che stiamo in clima festivo dato il ponte lungo dell'8 dicembre, volevo fare una considerazione per alleggerire il clima odierno che, fra ISIS e destra che avanza, non è certo molto simpatico.
      Come afferma la vulgata luogocomunista noi al Sud preferiamo al Pil 'u Pilu.
      Anche senza essere un conoscitore dell'Economia ho sempre sostenuto che è bene che non ci mettiamo a lavorare ... troppo anche noi, per evitare crisi di sovrapproduzione che danneggerebbero l'apparato industriale del Nord. Questa affermazione la formulai molto chiaramente nel 1973 ad un cogli1(all'inglese il numero)spedito dalla filiale milanese di primaria casa internazionale di computer. Il tapino doveva tentare di far funzionare una macchina,collegata al mainframe, come dichiarato dalle caratteristiche della macchina stessa. Avevamo un fine settimana per risolvere il problema. Il Centro Elaborazione, come in tutti i fine settimana, aveva il personale al completo, circa 900 persone che si smazzavano per aggiornare gli archivi, fare le copie di sicurezza dei dati, verificare che i dati della settimana fossero stati rilevati ed elaborati correttamente, preparare gli archivi aggiornati per metterli in linea il lunedì successivo, e, approfittando della inattività delle postazioni periferiche, cercare di far funzionare le macchine appena installate.
      Per tutto il sabato e per l'inizio della domenica ci sorbimmo le lamentazioni meneghine sulla inefficienza e sulla capacità lavorativa quasi nulla dei napoletani, mentre la nuova macchina continuava caparbiamente a non voler funzionare. La nostra diagnosi fu che la macchina era stata inviata a Napoli molto prima della data concordata e quindi aveva assorbito i nostri ritmi di lavoro. Dopo questa diagnosi mandammo affanQlo(come Q8) l'esperto molto signorilmente, facendogli altresì notare che la presenza di 900 persone "lavoranti" in tutto il Weekend doveva pur dire qualcosa. Come nota a margine aggiungemmo che, in quel periodo, il collega presente che vantava i natali più nordici era di Gaeta. Fortunatamente la primaria ditta di computer aveva nella propria sede milanese la maggior parte del personale molto diversa ... o che almeno dissimulava meglio! Se questo blog fosse già esistito allora avrei tranquillamente sentenziato di aver conosciuto un pddino ante litteram se non addirittura uno dei progenitori della stirpe.

      Elimina
    6. Anche per il Gran Sasso la strada è "ufficialmente" chiusa a Montecristo.
      Però è sgombra e i SUV vanno su...

      Sarà che il gasolio tende ormai a costare meno di un piatto di arrosticini...

      ...e il trend pare quello

      http://www.zerohedge.com/news/2015-12-08/why-20-oil-possibility

      Elimina
  10. Tre categorie dicono sempre la verità: i putei, gli imbriaghi e i leggings ;-)

    RispondiElimina
  11. Che posto magnifico e la foto è stupenda.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. In vita mia sono andato a passeggiare in montagna una sola volta questo settembre, con il CAI di Ancona. Ci siamo fatti il Siella e il Tremoggia, il Prena no che non c'era tempo. Esperienza fantastica!

    Dislivello totale: 800m, più 800m in discesa (è strano come la discesa sia molto più faticosa della salita... e ho ancora un'unghia nera....).

    Le passeggiate nella campagna marchigiana e la mia tigna sono stati molto d'aiuto, l'unico punto in cui ho avuto problemi è stato questo: https://www.youtube.com/watch?v=3nARaH6m2nY ma è stata solo un po' di paura.

    La fragile falesia di Ancona mi ha insegnato che non ci si deve arrampicare sulla roccia.

    RispondiElimina
  13. Confirming the broader economic implications of the Jubilee institution, as suggested by Smith and by Schaefer and Noell, Wright suggests the following four socio-ethical derivatives of the institution:

    • The Jubilee existed to protect a certain kind of land tenure.

    • The Jubilee existed to counter the tendency for land to accumulate in the hands of a few.

    • The Jubilee existed to support the family.

    • The Jubilee existed as a safety valve to release the pressure of economic forces on the poor.

    These four principles indicate that the Jubilee institution provided a comprehensive economic basis for right relationships between families and the land, honoring Godʼs creation ordinances. Beyond the mere notion of wealth redistribution, as is often the interpretation of the Jubilee, it is clear that the Jubilee institution was intended to assure right relationships between Godʼs people and the land, assure a reliable economic base for Godʼs people, and also to assure an equitable distribution of wealth among Godʼs people.

    Faith & Economics—Number 46—Fall 2005—Pages 25–41.
    A Biblical and Economic Analysis of Jubilee Property Provisions
    John E. Anderson T
    © Association of Christian Economists

    Forse occorrerebbe ricordarlo a qualcuno, specie nel giorno in cui Tsipras fa votare una finanziaria che condannerà a morte i debitori Greci.

    Buona vita
    Guglielmo

    RispondiElimina
  14. "ci si intrattiene con profitto soltanto con gli entusiati che hanno cessato di esserlo, con gli ex ingenui...
    Finalmente calmati, essi hanno fatto, per amore o per forza, il passo decisivo per la Conoscenza, questa versione impersonale della delusinone"

    con affetto :)
    la funambola

    RispondiElimina
  15. Pensavo fosse una barzelletta, invece è la scaletta di Ballaro':
    Giannini dice: "l'istat dice che l'Italia è un paese in letargo. Questa sera ne parliamo con un ospite d'eccezione, Piero Angela". Allucinante. Tks Prof.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'informazione (direi piuttosto disinformazione ) in Italia,ha raggiunto livelli infimi. Ormai, per come è strutturata l'informazione, accanto alla malafede, annovero schiere di veraci incapaci, che riportano le notizie solo per sentito dire.
      Questo ed altri blog, sono tra i pochissimi avamposti che si sono posti la missione di riportare alla luce la verità delle cose.

      Elimina
    2. "l'istat dice che l'Italia è un paese in letargo. Questa sera ne parliamo con un ospite d'eccezione, Piero Angela"

      in effetti sembra più una battuta di Crozza quando fa kazzenger.

      Elimina
  16. http://www.bloomberg.com/visual-data/best-and-worst/most-efficient-health-care-2014-countries

    E siccome nonostante i tagli siamo diventati più bravi della Germania e Francia, bisogna rendere cacca il pubblico per poi privatizzarlo. Magari chiamando Schauble ed invitarlo ad esprimersi come fece con le privatizzazioni della Germania est.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano che nessun tg l'abbia detto. Fossimo arrivati davanti per la corruzione sarebbe stato da prima pagina.
      Però attento, qualcuno potrebbe dire 'grazie' ai tagli, non 'nonostante'.

      Elimina
  17. Gran bella foto e splendidi posti. Complimenti. Cone gia detto anche il trekkinomics sarebbe di sicuro successo.

    RispondiElimina
  18. “Va', folle, ed affrettati sui crudeli Appennini,
    acciocché tu possa deliziare i bambini ed ispirare
    inetta adulazione”

    (sarebbe sulle crudeli Alpi, ma gli si confà uguale).

    RispondiElimina
  19. La prossima estate la vogliamo con i pupi sul bellavista in fondo alla val senales! :D

    RispondiElimina