MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 14 dicembre 2017

Che cos'è l'amore

Io: "Comunque, mi hanno accordato un'extension sulla recensione che dovevo consegnare domani: pare che possa darla sabato prossimo..."

Rockapasso: "Quindi saremo angosciati fino a sabato prossimo? Non devono dartele le extension, tu lavori solo sotto stress!"

(...exit...)

(...povero partigiano Joe...)

42 commenti:

  1. Mmm quindi il prof non ci lavorerà fino a Venerdì notte, tanto c'è l'extention. Bye. Gila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sto lavorando ora, sul maxischermo. Sai, l'obiettivo è ambizioso...

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che faccio, metto una risposta e la elimino?

      Elimina
    2. Beh, sarebbe un passo avanti!😕😠😂😉😉😉😂😂

      Elimina
  3. Le extension...pure qui impera Nando "Santi Bailor" Mericoni!

    RispondiElimina
  4. "Che cos'è l'amor ?
    E' un sasso in una scarpa"
    cit. Vinicio Capossela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo! Anche tu con Dimitri Casapulla? Lo sai, vero, che è piddino, e che quando la sua piddinitas trasparirà il cuore di una romantica donna inglese (Ro) sarà infranto? Ci consoleremo pensando che oggi anche De Andrè starebbe coi ginistradi, cogli errideluchi, con gli ascani e coi robertisaviani. Alla fine non è un male che i grandi di oggi siano così piccoli rispetto a quelli di ieri: è proporzionalmente inferiore l'entità del loro tradimento...

      Elimina
    2. Potrebbe essere utile contestualizzare, ed escludere che oggi potrebbe emergere un personaggio come De Andrè, chiaramente figlio di un altro tempo.
      I promotori di una nuova cultura non andrebbero accomunati ai passivi seguaci di quella stessa cultura, De Andrè non avrebbe mai potuto aderire al pensiero unico.
      Poi certo, confesso di avere sempre una passione per i ribelli di ogni tempo.

      Elimina
    3. condividere la responsabilità delle decisioni con i "piccoli in spirito" forse limita il male che può essere fatto, probabilmente riduce il bene che può esser creato ma sicuramente aumenta la durata della rappresentazione.

      Elimina
    4. @Vincenzo: e tu contestualizza, tanto non costa niente! Quello che invece costa molto è non capire che il potere non è lì per caso, ma perché è un pochino più intelligente di noi, ed ha quindi intuito che in una moderna democrazia non si governa organizzando il consenso, bensì il dissenso. Ora serve anche il disegnino? Tranquo, qualcuno lo farà (anzi, lo avrà già fatto).

      Elimina
    5. Povero Vinicio. Ma siamo sicuri che sia già effettivamente morto?
      Magari un ciclo di terapia intensiva potrebbe rinsavirlo?!
      (a tal proposito, visto l'andazzo, sto iniziando a covare l'idea secondo la quale servirebbe lasciare un promemoria ove sia detto; "Continuare con le cure fino a quando l'organismo non presenti CHIARI sintomi di decomposizione!".

      Elimina
    6. canalizzare il dissenso , incanalare le genti e far diventare la ragione religione . nella mia ignoranza decadi fa avevo allora visto giusto dicendo che ci sono le dittature violente e le dittature furbe ,ma erano ambe due molto pericolose che bastava un'increspatura e si passava da un sistema ad un altro

      Elimina
    7. Non solo l'amore ma anche la Grecia ispira Vinicio, così ha scritto un libro, un documentario e un disco dedicato alla musica rebetika al grido di: "Siamo tutti greci".

      (Alessandra/Cassandra da Firenze. Saranno contenti i greci di tutto questo sdebitarsi nei confronti della loro cultura. A ciascuno il suo, a noi la pizza a loro il rebetiko. Ci vediamo in taverna. Bona Ugo!)

      Elimina
    8. In difesa di Vinicio: Elio è il più piddino di tutti!
      (e ci soffro un po')

      Elimina
    9. Nel consenso e nel dissenso, è così difficile restare liberi, lucidi e non farsi contaminare.
      Gli artisti e noi che li amiamo.
      Come non percepiamo l'aria che respiriamo, allo stesso modo non siamo consapevoli di quante cose diamo per scontate o riteniamo giuste semplicemente perché ci siamo nati, le abbiamo sempre viste così, ce le hanno raccontate bene... e non le abbiamo mai esaminate con la dovuta attenzione e riflessione.
      E anche quando crediamo di essere unici e alternativi, in realtà l'alternativa è quella tracciata da altri.

      Non so quanto questi cantanti siano (siano stati) consapevoli, ma non posso biasimarli troppo se, avendo un talento, cercano di camparci e di metterlo a frutto.
      Da sempre gli artisti stanno a corte. Almeno tra quelli che sono arrivati alla fama e ci sono arrivati non carbonizzati o in estrema indigenza.
      La loro eventuale inconsapevolezza o il loro opportunismo (come quello di Brazzale) è più comprensibile e perdonabile di quella di un politico o di un economista o di un esperto che presti servizio per uno stato o per un'organizzazione che dovrebbe avere per fine lo sviluppo e l'emancipazione.

      Insomma, la domanda è sempre quella: CHI CI HA TRADITI?
      Vinicio?
      (che per me è bravo, ma non riesco ad ascoltarlo: sprofondo in uno stato di angoscia e malessere insopportabili. Lo stesso effetto che mi fa il circo e infatti è molto "circense".)

      Elimina
    10. Brava Silvia,
      una cosa che dico sempre è che l'artista è cortigiano, da sempre, e per un motivo banale: l'arte si fa con i soldi ( come la politica).
      Michelangelo senza Giulio II?
      Mozart senza l'imperatore Giuseppe?
      De Andrè e compagnia senza il PCI?
      Impossibili.

      L'idea dell'artista rivoluzionario, in senso politico, credo, anzi, sono certo, è retaggio della cultura "figli dei fiori", quindi un'americanata, e delle americanate bisogna sempre diffidare.
      Non è un caso che il piddino storico per eccellenza abbia scritto la canzone più piddina di sempre: "Imagine". E stendiamo un velo pietoso su "give peace a change". E quale movimento ha ispirato queste due canzoni?

      Da qui i mie personali consigli che ogni artista, a seconda del genere musicale, dovrebbe seguire:

      Musicista rock: drogati, fai molto sesso e non vivere più di 27 anni, se no rischi di diventare Bono Vox.
      Musicista Jazz: hai sofferto troppo, è tempo di usare un accordo a tre voci.
      Musicista pop: non parlare. Mai. Suona e basta.
      Cantautore: lavati.
      Musicista classico: iscriviti ad un poligono di tiro, Manu Chao è il tuo obiettivo.
      Metal: vedi cantautore.


      Ne approfitto per un comunicato politico ai compagni fan di Vinicio: potete commentare e difenderlo tranquillamente, mi pare di capire che i poteri forti (Rockapasso) siano dalla nostra parte. Via libera compagni!

      Elimina
  5. "Ti piacciono le mie extension?", mi domandò una volta una coatta della moda. Quelle erano le uniche extension che finora conoscevo, mentre per i rinvii temporali credevo si usassero termini quali "proroga", "dilazione". Evidentemente, dovrò aggiornare il mio barbarish.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma queste sono le estensioni della linea morta...

      Elimina
    2. A line drawn within or around a prison that a prisoner passes at the risk of being shot. Che drammatici sti anglosassoni, è chiaro che poi invidiano la saggezza mediterranea.

      Elimina
  6. Ma le extension sono tipo Lady Gaga o più come Christina Aguilera?

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Dopo questi "razza da rock'and'roll" ti salva solo Rockapasso...

      Elimina
    2. Beh, dai, l'importante è ciò che è nell'immaginario che rievoca il brano scelto accuratamente e se lo si è vissuto profondamente.
      Poi, sai, potevo mettere tanti brani, migliaia, ma non sarebbe stata la stessa cosa.

      Elimina
  8. Lo stress,quando non è eccessivo, migliora e favorisce sia le attività intellettuali che quelle operative.
    Certamente non è per nulla facile, per le persone famose, molto creative,geniali ed impegnate a perseguire nobili e difficili obbiettivi socio-politici, conciliare i propri doveri pubblici e civili con quelli privati e familiari.
    Pare,ad esempio, che il grande Luigi Pirandello,premio nobel per la letteratura,autore di immortali romanzi,novelle,commedie e, soprattutto, drammi, non avesse un ottimo rapporto con i propri familiari e con quanti altri gli stavano vicini.
    E' l'amore, il dono generoso e senza riserve di se stessi agli altri,a partire da quelli a noi più vicini,che può determinare il difficilissimo equilibrio di virtù civili e di virtù domestiche.
    Ed esso è degno di grande ammirazione sempre,ma ancora immensamente di più se è unito a brillante e somma genialità,come è il caso di qualcuno...che ben conoscono i lettori di questo blog.

    RispondiElimina
  9. Non mi dirà che anche Gaber era piddino...
    https://youtu.be/2YT_U9j32aI

    "Quando sarò capace d'amare
    probabilmente non avrò bisogno
    di assassinare in segreto mio padre
    né di far l'amore con mia madre in sogno.
    Quando sarò capace d'amare
    con la mia donna non avrò nemmeno
    la prepotenza e la fragilità
    di un uomo bambino.

    Quando sarò capace d'amare
    vorrò una donna che ci sia davvero
    che non affolli la mia esistenza
    ma non mi stia lontana neanche col pensiero.

    Vorrò una donna che se io accarezzo
    una poltrona, un libro o una rosa
    lei avrebbe voglia di essere solo
    quella cosa.

    Quando sarò capace d'amare
    vorrò una donna che non cambi mai
    ma dalle grandi alle piccole cose
    tutto avrà un senso perché esiste lei.

    Potrò guardare dentro al suo cuore
    e avvicinarmi al suo mistero
    non come quando io ragiono
    ma come quando respiro.

    Quando sarò capace d'amare
    farò l'amore come mi viene
    senza la smania di dimostrare
    senza chiedere mai se siamo stati bene.

    E nel silenzio delle notti
    con gli occhi stanchi e l'animo gioioso
    percepire che anche il sonno è vita
    e non riposo.

    Quando sarò capace d'amare
    mi piacerebbe un amore
    che non avesse alcun appuntamento
    col dovere

    un amore senza sensi di colpa
    senza alcun rimorso
    egoista e naturale come un fiume
    che fa il suo corso.

    Senza cattive o buone azioni
    senza altre strane deviazioni
    che se anche il fiume le potesse avere
    andrebbe sempre al mare.

    Così vorrei amare."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo si. Un buon esempio è; "Io se fossi Dio", che è una quintessenza del pensiero autorazzista italico e di molti luogocomunismi.

      Elimina
    2. Il più piddino di tutti; capace persino di un titolo come "la mia generazione ha perso" in un momento in cui già c'era l'evidenza che la sua generazione non solo aveva stravinto, ma aveva anche preteso un bottino di guerra tale da annichilire le quattro successive.

      Elimina
    3. We're Only In It For The Money, diceva zio Frank.

      Elimina
  10. Potrei recitare i due personaggi da sola, specie stasera... pero' quella parola barbàra che non ripeto l'avevo sentita solo per i capelli.

    RispondiElimina
  11. L'amore è un potere attivo dell'uomo;

    un potere che annulla le pareti che lo separano dai suoi simili,

    che gli fa superare il senso d'isolamento e di separazione,

    e tuttavia gli permette di essere sé stesso e di conservare la propria integrità.

    (Erich Fromm)

    RispondiElimina
  12. Insomma quando c'è l'extension, non c'è distenscion...

    RispondiElimina
  13. L'amore? Dopamina, serotonina, adrenalina e endorfine in proprzioni variabili a seconda del momento e del contesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà cosa stimola o inibisce la produzione delle molecole di emozioni?

      Elimina
    2. Le esigenze biologivhe primarie:
      1) Nutrirsi
      2) Idratarsi
      3) Evacuare scorie
      4) Riprodursi
      5) Mantenersi in vita per iterare il più a lungo possibile i punti 1, 2, 3 e 4

      Elimina
    3. Tira di più un pelo d' immaginazione che la pasta al forno di mammà.

      Elimina
  14. "Quindi saremo angosciati fino a sabato prossimo? Non devono dartele le extension, tu lavori solo sotto stress!"

    Allora nel tuo caso il vincolo esterno funziona.

    RispondiElimina
  15. Non posso sottrarmi dall'aggiungere un contributo a questo tema, in seguito probabilmente un po' troppo abusato dalla "New Age". Ma nessuno è perfetto.

    "When love beckons to you, follow him,
    Though his ways are hard and steep.
    And when his wings enfold you yield to him,
    Though the sword hidden among his pinions may wound you.
    And when he speaks to you believe in him,
    Though his voice may shatter your dreams
    as the north wind lays waste the garden.

    For even as love crowns you so shall he crucify you. Even as he is for your growth so is he for your pruning.
    Even as he ascends to your height and caresses your tenderest branches that quiver in the sun,
    So shall he descend to your roots and shake them in their clinging to the earth.

    Like sheaves of corn he gathers you unto himself.
    He threshes you to make you naked.
    He sifts you to free you from your husks.
    He grinds you to whiteness.
    He kneads you until you are pliant;
    And then he assigns you to his sacred fire, that you may become sacred bread for God's sacred feast.

    All these things shall love do unto you that you may know the secrets of your heart, and in that knowledge become a fragment of Life's heart.

    But if in your fear you would seek only love's peace and love's pleasure,
    Then it is better for you that you cover your nakedness and pass out of love's threshing-floor,
    Into the seasonless world where you shall laugh, but not all of your laughter, and weep, but not all of your tears.
    Love gives naught but itself and takes naught but from itself.
    Love possesses not nor would it be possessed;
    For love is sufficient unto love.

    When you love you should not say, "God is in my heart," but rather, "I am in the heart of God."
    And think not you can direct the course of love, for love, if it finds you worthy, directs your course.

    Love has no other desire but to fulfill itself.
    But if you love and must needs have desires, let these be your desires:
    To melt and be like a running brook that sings its melody to the night.
    To know the pain of too much tenderness.
    To be wounded by your own understanding of love;
    And to bleed willingly and joyfully.
    To wake at dawn with a winged heart and give thanks for another day of loving;
    To rest at the noon hour and meditate love's ecstasy;
    To return home at eventide with gratitude;
    And then to sleep with a prayer for the beloved in your heart and a song of praise upon your lips."


    جبران خليل جبران

    RispondiElimina
  16. Non ricordo di aver firmato la liberatoria... Sarà lo stress prenatalizio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Alberto deve conservarla in modo da poterla esibire quando occorra!
      Ocio!

      Elimina
  17. Che cos'è l'amore ?
    Quardando in retrospettiva la mia vita posso dire che il sesso è salute mentale , e l'amore una forma di nevrosi .
    IL sesso è exstension . L'amore delaying

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.