MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

sabato 23 maggio 2015

Comunicazzione di servizzio: #goofy4

Si farà allo stesso posto dello scorso anno (Serena Majestic di Montesilvano) nel weekend del 14 e 15 novembre 2015. Non sarete delusi (se verrete: se non verrete sì, ma la vita è fatta di scelte sbagliate)...

Aggiungo, al volo: ricordatevi che ora c'è il volo Alitalia Roma-Pescara. Se venite da lontano può essere una buona opportunità. Poi, piano piano, gli altri dettagli (la scheda di prenotazione penso già da luglio, e i nomi un po' alla volta...).

57 commenti:

  1. L'anno scorso ero al battesimo del mio figlioccio e ho avvertito il peso delle "scelte sbagliate". Quest'anno vengo anche se partorisce mia nonna.

    RispondiElimina
  2. Anche se piovessero lacrime dell'artico , ci saremo

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. "Ha mandato per errore al quotidiano Guardian una e-mail coi dettagli su un progetto segreto per valutare i rischi finanziari nel caso di una 'Brexit', l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea. "

      Un portavoce dell'istituto ha definito l'incidente "increscioso".

      Grazie, sto ancora scompisciandomi; una delle cose lette più divertenti dell' ultimo periodo. Classico Humor inglese!

      Elimina
  4. In bocca al lupo e buon lavoro.

    RispondiElimina
  5. Professore mi chiamo Mario Lorenzi e ho 75 anni.
    Lei avvolte parla di svalutare del 20%.
    Ma intende mettere in giro nuova moneta (300md) o intende che se si esce dall'euro poi col cambio flessibile piano piano ci svalutiamo perchè siamo anche troppo sopravalutati.
    Grazie del disturbo:
    Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cala a Pescara Mario. Dai che facciamo il tavolo dell'andropausa, io pure ho la barba bianca. Vediamo insieme la bicicletta di Frenkel, facciamo due capannelli con Borghi, se c'è D'attorre vediamo anche un po' di gioventu',magnamo, bevemo e stiamo in allegria.

      Dai Mario che quando torni a casa sarai un altro uomo,non ti far pregare che poi al prof viene il sistema nervoso.

      Elimina
    2. Comunque è la seconda che ha detto.
      Che sarebbe poi lasciare che una moneta si quoti a prezzo di mercato, e non è proprio la stessa cosa di svalutare

      Elimina
    3. @ Stefano.

      Non capisco l'affermazione. Se la Banca Centrale interviene su tassi di interesse, sulla variazione delle riserve, sugli acquisti di titoli di Stato, può decidere di svalutare o rivalutare. Il mercato risponde a queste decisioni. Al momento l'Italia non gestisce autonomamente queste leve.

      In merito alla svalutazione, ormai nel mondo è una folle corsa a chi svaluta di più. Con l'effetto che ci sono enormi immissioni di valuta elettronica che spinge di fatto i rendimenti dei titoli di stato sottozero.
      Il che è una GRAN BRUTTA COSA per coloro che hanno la pensione nei...fondi pensione. Quindi per i giovani. Prepariamoci ad anni futuri con crollo delle pensioni per i poveri disgraziati che oggi hanno meno di 50 anni.

      Elimina
    4. appunto: ma perchè tutti chiamano svalutazione la "giustavvalutazione" al libro mercato valutario? Basta con la logomachia (termine inventato da non ricordo chi per indicare il travisamento dei significati attraverso le parole che significano)

      Elimina
    5. Ogni cosa ha la sua misura. A tuo avviso la Abenomics è un "normale" processo di svalutazione dovuto alla fuga di capitali stranieri da un paese ritenuto inaffidabile? oppure la decisione di un esperimento collettivo sulla pelle di milioni di giapponesi?
      Il maledetto QE americano è un normale processo di svalutazione, oppure un sistematico mezzo per sottrarre ricchezza dalla classe media per darla ai fondi di investimento speculativi, mantenendo il mercato immobiliare americano in bolla perenne?

      Ormai con le monete fiat è possibile fare tutto e il contrario di tutto senza avvertire nel breve periodo le conseguenze di scelte scellerate.
      Spiace per l'Italia che ha politici che non vedono oltre il proprio naso.

      Elimina
    6. "Spiace per l'Italia che ha politici che non vedono oltre il proprio naso."

      Però ci vedono bene oltre il proprio culo. E quello se lo guardano per bene.

      Elimina
  6. OT - Mentre la Siria sta (probabilmente) per cadere sotto i colpi dell'IS (che e' una creatura dei servizi USA, Israele, Arabia Saudita e Turchia) ecco cosa veniamo a sapere dei fatti della guerra in Cecenia e delle varie stragi degli 'estremisti islamici' negli anni novanta.

    http://www.zerohedge.com/news/2015-05-23/original-chechnya-bombers-cia-saudis-and-bin-laden

    Considerando i fiumi di inchiostro versati da allora per dipingere un improbabile scenario da 'guerra di religione' e di 'scontro di civiltà' ognuno ne tragga le conseguenze logiche.

    Il terrorismo e tutti i fenomeni di 'insurgents & proxy war' sono sempre finanziati da stati esteri (o da organizzazioni sovranazionali).

    RispondiElimina
  7. Meno male, una buona notizia! Intendo il volo Alitalia Roma-Pescara ...
    OK, si scherzava! In fin dei conti da Roma con l'auto è una passeggiata.
    A corollario dell’ottimo articolo del Prof. sul FQ di oggi, leggo notizie di stampa secondo le quali il nostro illustrissimo concittadino, orgoglio delle italiche genti, Sua Eccellenza il Presidente della BCE Draghi ha esternato le sue profonde preoccupazioni: “Troppe divergenze tra paesi, l’euro è in pericolo … in una unione monetaria non ci si può permettere di avere profonde e crescenti divergenze strutturali tra paesi, perché queste tendono a diventare esplosive … possono arrivare a minacciare l’esistenza dell’unione monetaria”. Il sacro totem dell’euro, per cui ogni sacrificio è dovuto! La soluzione proposta è la solita: “un’ulteriore condivisione di sovranità” rectius cessione della sovranità dello stato, attraverso “le riforme”. Naturalmente bisogna fare presto perché: “ogni ritardo può essere pericoloso: restano forti divergenze interne in termini di disoccupazione, crescita e produttività; diversi paesi devono ancora ricondurre i propri bilanci su un percorso di sostenibilità di lungo periodo”. Siamo pure fortunati in quanto, ci rassicura S. E. Draghi, per le riforme “non c'è momento migliore di questo”.
    E’ incredibile, sempre le stesse argomentazioni, ripetute all’infinito. Ci vogliono prendere, anche, per sfinimento?
    In sintonia con lo spirito “riformista” della BCE può essere vista pure la sortita di Renzi: “Mi piacerebbe che prima o poi si arrivasse a un sindacato unico” come ha detto venerdì sera in TV , suscitando le ovvie reazioni polemiche dei destinatari che lo accusano di concezioni proprie del totalitarismo. Ma dai! Non ci credo!
    Poi dice che uno vorrebbe emigrare, magari in Gran Bretagna (pare che a Londra i ns. connazionali siano ormai 200.000) il cui Governo almeno sta per iniziare dei negoziati per recuperare una serie di poteri già delegati alla UE e dove pare che la Banca centrale stia lavorando ad un progetto sui rischi finanziari derivanti dall’eventuale “Brexit” conseguente al referendum (The Guardian: Secret Bank of England taskforce investigates financial fallout of Brexit).

    RispondiElimina
  8. Canone Rai: ”di tutto, di più”...
    Si parte da questo trenino e si arriva a... Di Mare!

    RispondiElimina
  9. Prof,
    lei non vede alcun secondo fine dietro notizie come queste? http://it.blastingnews.com/lavoro/2015/05/pensioni-e-scuola-ultime-news-la-politica-di-spesa-shock-dello-stato-italiano-00408819.html

    http://www.giornalettismo.com/archives/1814155/pensioni-i-14mila-super-assegni-retributivo/

    Un bel mix di metodo Juncker + Spin Doctor non crede ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La corsa degli amici a saltare sul carro del pifferaio di turno; metti zizzania e vedrai che la discordia tra poveracci renderà tutto più semplice.
      Il caso del nonus pensionati è esemplare, mi ricorda certe campagne elettorali anno '70 a Napoli; ci si vende per un panino con la mortadella ormai!

      Elimina
  10. segnato in agenda!
    non mancherò!

    david

    RispondiElimina
  11. ci sono pure le frecce milano-pescara..
    per dire!
    ihihi

    RispondiElimina
  12. e poi, potremmo invitare Zingales.. se Goofy fa 4 anni, lui con la Grecia-Giappone ne fa proprio tre
    E i tre anni sono scaduti
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-11-06/tokyo-sembra-atene-063652.shtml?uuid=AbR71Q0G

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il debito pubblico giapponese è in mano ai giapponesi, di fatto è neutralizzato. I profitti per interesse che la BOJ ricava dai bond al governo, viene rigirata, come una partita di giro, al governo attraverso le tasse sui profitti che la BOJ paga al governo.
      Il debito pubblico dei greci è in mano al EMF, cioè è debito in mano a stranieri.
      Il Giappone ha assets industriali, la Grecia ha le coste e il mare.

      In Giappone la piramide anagrafica è terribile, e non vogliono immigrati...infatti investono sui robot, anche sulla cura dell'anziano. Non è un caso.

      Molti economisti purtroppo guardano due numeri e non vedono il contesto.

      Elimina
  13. Scendo giù a prendere la valigia, così mi avvantaggio...

    RispondiElimina
  14. Prof, sono diversi giorni che, sostanzialmente, tace. Si sta approssimando qualche, molto grossa, novità in seguito al casino ellenico? Buon 24 maggio: dopo la IV guerra di indipendenza aspettiamo la V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sopraffatto dagli avvenimenti, dal lavoro scientifico e da quello organizzativo, appena mi distraggo mio figlio prende un 4 in qualcosa (come i gatti che pisciano sul tappeto se non li fili), e mi è stato detto di provare ad avere per qualche tempo una gionrata di 24 ore come tutti (quindi niente PC dopo le 9). Sto dormendo meglio, ma naturalmente devo limitare la produzione, e dovendo scegliere mi esprimo sui giornali, a futura memoria.

      Elimina
    2. Messaggio per i neofiti der blogghe: questo è un campo minato.

      (Poi, fate voi)

      (Entro nel bunker)

      Elimina
    3. "...nella necessità di sostenere l’acquisto di beni in un capitalismo che non vuole distribuire ai lavoratori un potere di acquisto proporzionato al valore aggiunto che essi hanno contribuito a creare."

      Prof. complimenti. Certe sintesi sono come la punta dell'iceberg, sotto ci sono toste tonnellate di studio & sudore.

      Elimina
  15. Se qualcuno viene in macchina da Roma, ed è disponibile a dare un passaggio, pagherei volentieri la mia parte di benzina ed autostrada. Da sola non posso, la mia pensione - euro 1340 - non me lo consente.

    RispondiElimina
  16. Data segnata. Ora devo aprire la complessa e laboriosa trattativa (voce maschile fuori campo: "Fai sempre e solo quello che vuoi, almeno fammi il favore di non lamentarti").
    Lanam fecit, domum servavit, comunque.
    Complimenti per l'articolo sul FQ di oggi, prof. Ultimamente compro spesso il FQ per premiarli di pubblicare il mio commentatore economico preferito (dopo Galli della Loggia, ovviamente).

    RispondiElimina
  17. Bene, ottima notizia.
    Cercherò di esserci come l'anno scorso, ma stavolta spero di essere accettato come socio.
    Non vedo l'ora di sapere qualche dettaglio in più.
    Buon lavoro.

    RispondiElimina
  18. Oggi, 24 maggio, centenario dell’entrata in guerra, ho avuto un’idea creativa:

    il gooofy4 lo facciamo con un bel ring; al centro si sfideranno i giornalisti della rai a chi riesce a usare più a sproposito la parola ‘nazionalismo’, secondo me ci si stanno preparando proprio bene a questo incontro. Esempio: oggi non è sembrato il caso, alla redazione del tg1, di accostare la parola ‘nazionalismo’ alla prima guerra mondiale, con il preciso scopo di impedire una corretta interpretazione dei fenomeni storici; non è stata forse una guerra causata dal nazionalismo? Non è stata forse una tragedia voluta dalle elitès italiane per prendersi i porti in Albania e Croazia e per stamparsi un facile biglietto da visita elettorale conquistando Trento (abbiamo liberato l’Italia! Purtroppo anche la Meloni la vede così)? Non è stato forse un sacrificio di cittadini italiani per scopi che per nulla riguardavano molti di loro (che gli frega a un calabrese di essere affratellato ad un abitante di Trento??? Siamo sempre lì, all’algonchino e al samoiedo)? Non sono stati questi cittadini ingannati col raccontargli che gli austriaci volevano invaderci? No… una tragedia, un fenomeno naturale, una disgrazia mamma che brutta cosa.

    Nazionalista è Bagnai…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo esserci anche io e Xabax, nel ring? (giusto per avvicinare un po' gli individui alla durezza del vivere)

      Elimina
    2. Ogni tanto mi imbatto negli scritti di chi negli anni 20 e 30 del novecento aveva capito tutto (IMHO in ogni secolo ci sono stati pensatori giunti ad analoghe conclusioni) e cercava di mettere (inutilmente) in guardia i suoi concittadini.

      J.M. Keynes, Merriner Eccles ed anche un tale US Marine General Smedley Butler.

      http://en.wikipedia.org/wiki/War_Is_a_Racket

      Ieri 24 maggio e' stato anche il 'Memorial Day' negli USA e nei vari blog anti-militaristi e' ricomparso un estratto del celebre discorso del generale Butler.

      "War is just a racket. A racket is best described, I believe, as something that is not what it seems to the majority of people. Only a small inside group knows what it is about. It is conducted for the benefit of the very few at the expense of the masses.
      I believe in adequate defense at the coastline and nothing else. If a nation comes over here to fight, then we’ll fight. The trouble with America is that when the dollar only earns 6 percent over here, then it gets restless and goes overseas to get 100 percent. Then the flag follows the dollar and the soldiers follow the flag.
      I wouldn’t go to war again as I have done to protect some lousy investment of the bankers. There are only two things we should fight for. One is the defense of our homes and the other is the Bill of Rights. War for any other reason is simply a racket.
      There isn’t a trick in the racketeering bag that the military gang is blind to. It has its “finger men” to point out enemies, its “muscle men” to destroy enemies, its “brain men” to plan war preparations, and a “Big Boss” Super-Nationalistic-Capitalism.
      It may seem odd for me, a military man to adopt such a comparison. Truthfulness compels me to. I spent thirty-three years and four months in active military service as a member of this country’s most agile military force, the Marine Corps. I served in all commissioned ranks from Second Lieutenant to Major-General. And during that period, I spent most of my time being a high class muscle- man for Big Business, for Wall Street and for the Bankers. In short, I was a racketeer, a gangster for capitalism.
      I suspected I was just part of a racket at the time. Now I am sure of it. Like all the members of the military profession, I never had a thought of my own until I left the service. My mental faculties remained in suspended animation while I obeyed the orders of higher-ups. This is typical with everyone in the military service.
      I helped make Mexico, especially Tampico, safe for American oil interests in 1914. I helped make Haiti and Cuba a decent place for the National City Bank boys to collect revenues in. I helped in the raping of half a dozen Central American republics for the benefits of Wall Street. The record of racketeering is long. I helped purify Nicaragua for the international banking house of Brown Brothers in 1909-1912 (where have I heard that name before?). I brought light to the Dominican Republic for American sugar interests in 1916. In China I helped to see to it that Standard Oil went its way unmolested.
      During those years, I had, as the boys in the back room would say, a swell racket. Looking back on it, I feel that I could have given Al Capone a few hints. The best he could do was to operate his racket in three districts. I operated on three continents.
      Most American soldiers died fighting foes who posed no threat to the United States. Our soldiers died for secret agendas of which they knew nothing. Capitalists hid their self-interests behind the flag, and our boys died for the One Percent’s bottom line."

      Elimina
  19. OT Celestini ha risposto, esattamente come ci si poteva aspettare: un quarto d'ora di pippone per non entrare nel merito e mistificare la parte in cui Bagnai elenca i propri titoli accademici (per dire che lui potrebbe benissimo fare l'economista di regime e crepare nel lusso dei Parioli in cui vive già adesso, ma che non lo fa proprio perchè al volgo ignorante ci tiene molto di più di quelli come Celestini) spacciandola per una versione moderna di "io sò io e voi nun sete un cazzo":
    https://www.youtube.com/watch?v=uAbW_Ui26C4
    Populismo degno dei peggiori Salvini e Grilli.

    RispondiElimina
  20. Ascanio ha risposto. Io non seguii la questione per i noti motivi legati all' infortunio di mia moglie, ma mi chiedo, se come Ascanio dice in tutta la risposta, non sa un cavolo, perchè ha firmato quel documento che dice di non ricordare? Ma Ascanio, che vorrebbe incontrare Bagnai al Bar, per parlare di economia e pensa che Bagnai parlerà di arte e letteratura in quella sede, secondo me ha peggiorato la sua posizione; era meglio che si fermasse alla frase: " ribadendo la mia intenzione di parlare pubblicamente solo di argomenti sui quali sono preparato.", lasciandoci così nel dubbio sulle sue competenze, che potevano contemplare anche arte e letteratura, magari allargando il discorso, potrebbe studiare anche un minimo di ciò che l' euro ha provocato in una delle culle della Civiltà. Roba che sarebbe meglio evitare di affrontare in un Bar con lo spirito del disimpegno tipico di coloro che parlano di calcio o di politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto la risposta di celestini. Che si sentisse di rispondere con qualche commento sul personale ci stava, ma cosi' ha completamente travisato la lettera. I riferimenti alla madre parrucchiera sono penosi. Non e' piu' un ragazzino. Comunque ha risposto evocando duelli personali per evitare di discutere della causa eurista che ha (incautamente?) sposato e che non vuole rinnegare. Meglio passare per ignorante e orgoglioso di esserlo in economia. Pero' sempre pronto a firmare appelli e lettere in materie economiche. Mi ha deluso piu' di quanto mi aspettassi.

      Elimina
    2. Perdonami, Orazio, ma evidentemente ti sfuggono alcuni meccanismi di comunicazione del potere. Comunque, il sistema in equilibrio. La madre di Ascanio era parrucchiera e lui oggi sta dalla parte del capitale, la mia era insegnante delle medie e io oggi sto dalla parte del lavoro. Dici: "Ma lui non se ne rende conto!" Appunto...

      Elimina
    3. ma è normale invocare la non-conoscenza di quel minimo di economia valutaria a sette anni da questa crisi devastante? Lo si poteva fare prima, quando l'evidenza empirica ancora non ci parlava e le previsioni alla Bagnai sembravano il solito giochino esoterico per la setta accademica. Se ho capito io i rudimenti della macroeconomia e dell'economia valutaria perchè non avrebbe dovuto e potuto farlo Iulo. Ma bisogna per forza attraversare la vita senza mai capire un cazzo? Non è una negligenza grave di per se stessa?

      Elimina
    4. Certo che lo è, ma se sei parte del sistema è piuttosto un merito. Chiaro, no? Su, volevo solo fargli dire da che parte sta, lo ha detto, lo sapevamo già, direi che mobbasta, no? Chi pensate che andrà in TV nel 2018 a dire che l'euro è stato un errore?

      Elimina
    5. 1. Il monologo è la cosa più antiteatrale che esista.
      2. Ma come può piacere uno che ha un tono solo?
      Non lo considero un collega.
      Per me il discorso era chiuso prima ancora di cominciare.

      Elimina
  21. Andiamo piano col dire che gliene frega al calabrese del trentino. Ero bambina piccola quando ho sentito le campane a stormo per Trieste tornata all'Italia. Papà mamma e nonno piangevano....eppure papà era napoletano e mamma e nonno siciliani. L'Italia come Nazione esisteva e come.

    RispondiElimina
  22. Ho conosciuto Ascanio Celestini! (stikazzi)

    Ecco perché l'ha chiamato Iulo!

    Meglio i peli della Nappi comunque.

    Riverisco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono capelli, gira lo schermo!

      Elimina
    2. No no sono peli, ti garantisco.

      Elimina
  23. Ieri ci sono stati i ballottaggi in 11 comuni del Trentino Alto Adige. A Bolzano il candidato di Svp e Pd, Luigi Spagnolli, ha preso 17.630 voti, pari al 57%, in un clima di sostanziale indifferenza, dal momento che l'affluenza è scesa al 40% rispetto al 57,7% del primo turno e al 65,7% di cinque anni fa. Va poi notato che il Pd esce sconfitto a Merano, Laives, Rovereto e Borgo Valsugana.
    Il che ci dice che Renzi non è il grande trascinatore di masse celebrato dai media e che l'assunto “con Renzi il Pd vince” si rivela ingannevole.
    A ciò si deve aggiungere che mentre il Pd non fa che ripetere che il futuro dell'Italia è indissolubilmente intrecciato a quello dell'Ue, ieri in Polonia e in Spagna gli elettori hanno detto che di questa Europa ne hanno invece abbastanza e ne vogliono sempre meno. È un evento che potrebbe indurre Renzi il magnifico a ritoccare lo storytelling, come lui definisce quel suo incessante profluvio di slogan dietro cui dissimula la sua esigua formazione culturale e le sue smodate ambizioni personali.
    Detto questo, resta comunque il fatto che sul piano dell'alternativa politica siamo ancora in alto mare e che per la popolazione non cambia granché.

    RispondiElimina
  24. cq suo suo profile fb il buon esperto di minestrone si guarda bene dal commentare alcuni utenti che hanno colto il punctum dolens della diatriba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la pena di parlarne? Il mio compito è aiutarvi a capire i fatti e le persone, però poi risparmiamoci er dibbattito. Se la Tarantola mi ha chiuso la Rai e lui ci va, chi darà più fastidio alle banche? Er povero proletario? E su, dai, questo è veramente Politics 101!

      Elimina
  25. Scusate: mobbasta. Avete saputo come stanno le cose. Come al solito, se non vi fa piacere non è colpa mia. L'unica previsione che posso fare è che al prossimo cambio di regime (if any) le riverginations saranno più difficili. Sto lavorando su questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al prossimo cambio di regime si andrà ben oltre la necessità di rivirginations, e qualcuno sta pensando bene di portarsi avanti (per la serie "I veri problemi dell'Europa")

      Elimina
    2. E la lunghezza e l diametro delle melanzane e il diametro dei piselli? Non sono problemi fondamentali per l' Europa?

      Elimina
    3. Non siamo tutti uguali.
      Ad esempio per la signorina Nappi, europeista convinta, stabilire le esatte dimensioni è questione importante a cui dedicare.... ehm.... tutte le "attenzioni" necessarie.
      Ad ognuno i suoi ortaggi.

      Elimina
  26. Egregio Prof. Leggo le dichiarazioni di Varoufakis, assieme al vario terrorismo mediatico, e non me la sento di festeggiare con i festeggiatori (sarà che ormai è storia, sarà che ormai invecchio). Staro' (le tastiere francesi non hanno la "o" accentata) diventando complottista, ma ho come l'impressione che, si', la Grecia sarà il capro espiatorio - e assieme il monito per gli altri.
    Buona parte del debito greco è ormai espresso in valuta estera e, quindi, non ricadrebbe più sotto la "lex monetae". Quindi, in caso di uscita della Grecia dall'Euro, il loro debito (salvo ristrutturazione o tagli) continuerebbe ad essere impagabile, anzi, sarebbe ancora peggio.
    Cosi', la divina trimurti potrebbe "sollecitare" un cambio di governo in Grecia e, al tempo stesso, "dare un esempio" ad altri incauti (no, non Podemos...) che si volessero avviare sulla medesima strada.
    Magari sbaglio, ma temo di esser diventato alquanto Andreottiano, ultimamente.

    Buona vita

    RispondiElimina
  27. visto che vi ho destinato il 5xmille, posso entrà aggratis?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggratis non ti danno neppure la povertà, pure quella paghi.

      ps. ci si potrebbe imbucare di nascosto. Al goofy 3 ho capito eventualmente come fare..... :-D

      Elimina
  28. Proprio il 15 che è l'undicesimo compleanno di mio figlio..
    Se ci sono altri con figli con cui fare la festa (è poi doppia a casa con gli amici) però mi organizzerei!

    RispondiElimina
  29. Prof., se continua così, ci sono discrete probabilità che al #goofy4 ci accolga seduto sulla poltrona "in pelle umana" che fu di Guido Carli... (#sischerza, non sono un economia ma... io mi porto avanti con la captatio benevolentiae!).

    RispondiElimina