MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 10 gennaio 2014

Mario? Ah Mariooo? De che stamo a parla'!?

Cominciamo da due cose delle quali tutti parlano ma che nessuno conosce (inclusi tutti gli economisti e molti giuristi, temo).

L'articolo 2 degli Statuti della Bce (il SEBC è il "Sistema" Europeo delle Banche Centrali del quale fa parte la Bce che lo coordina):

 e le norme da esso richiamate: l'art. 3 del Trattato sull'Unione Europea (TUE):


e l'art. 119 del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea (TFUE):


Carta canta, villan dorme, sogna il Fogno europeo... e i banchieri lo depredano!

Notate i soliti dettagli. Secondo l'art. 119 TFUE la Bce, una volta assicurata la stabilità dei prezzi, ha l'obiettivo complementare di sostenere "le politiche economiche generali nell'Unione", e queste politiche si presume siano improntate agli obiettivi dell'Unione, cioè "piena occupazione e progresso sociale". Chi dice che la Bce non è come la Fed perché non ha un obiettivo di crescita è un facilone, uno che ha letto i Trattati sulle carte dei Baci Perugina, che sono poi la fonte dove molti hanno studiato il Gold Standard (mentre per quest'ultimo sarebbero forse più indicati i Ferrero Rocher).

Notate un altro dettaglio. Vedete un numero? Che so, 3.14, 3457294, 0.0005, 1, o magari

2%?


No, non lo vedete perché non c'è. E allora da dove arriva il 2% di inflazione del quale tanto si parla?

Da qui, come sa chi ha letto Il tramonto dell'euro, e sa la differenza fra leggere un libro e guardarlo. Dai, su, scrinsciottiamo anche questo:



Verbum domini.

Notate il farisaico ultimo paragrafo. Se ti preoccupa la deflazione, bello de zzio (era Duisenberg), dovresti semplicemente non definire regole asimmetriche, del tipo: "meno di x". Una regola simmetrica è "in media x su un periodo di riferimento", magari con un intervallo di confidenza. Altrimenti si capisce che quello che vuoi convogliare è l'idea che chi fa una deflazione competitiva è bravo (idea scontata in un'Europa a guida tedesca, va da sé: deflation's beauty is in the eyes of the bond holder...).

Notate che di regole simmetriche qualcuno aveva parlato.  Che un governatore ti dia ragione, non c'è che dire, so' soddisfazzioni...

Notate un altro (anzi, forse dato il livello bisognerebbe scrivere un'altro) paio di cosette.

L'obiettivo del 2% di inflazione non è in alcun trattato. Lo si dice a beneficio dei coglioni per i quali il problema è quello che è scritto o non scritto nei Trattati. Diceva Vivaldi che i numeri sono "per li coglioni". Lui si riferiva ai numeri del basso continuo (vi ricordo che ho una laurea triennale in basso continuo presa niente meno che a S. Cecilia, a proposito di CV), sottolineando il fatto che se sai l'armonia puoi armonizzare un basso anche non cifrato (qualcuno ribadisce piccato: "soprattutto i suoi", ma non è proprio così...). Io mi riferisco ai numeri dei trattati, sottolineando il fatto che se sai la storia, anche epidermicamente come me, capisci che laddove un Trattato è economicamente assurdo, quando l'economia fa il suo lavoro e il sistema salta, il giorno dopo con il sullodato Trattato ti ci netti le terga. Anche l'editto di Nantes era irreversibile, credo. E 'nfatti...

L'obiettivo è riferito all'Eurozona. Ergo, è perfettamente compatibile con la presenza di differenziali di inflazione persistenti, dei quali la Bce era perfettamente consapevole, ma sui quali non mi pare abbia particolarmente emesso warning di alcun tipo, nonostante siano essi, alla fine, ad averci messo in difficoltà (alterando la competitività dei paesi in assenza del meccanismo correttivo del cambio).

E certo che non emetteva warnings. Contro i differenziali di inflazione fra paesi membri, contro quei differenziali di competitività che alimentano le esportazioni al Nord e le bolle al Sud, la Bce non può far nulla, e se potesse far qualcosa lo farebbe visto che nessun Trattato le impedisce di agire, in condizioni di deflazione come quelle attuali.

Repeat after me: single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it). Single currency does not mean single inflation (and you know it).



Quindi, caro Mario: de che stamo a parla'?

Bella pe' tte, vado a TgCom24 (alle 10:30).

















187 commenti:

  1. guardi, lei insiste con questi temi che le sono cari, evidentemente perchè dei problemi veri della ggente non gliene frega niente.
    Quello che conta oggi è il problema del lavoro, ma non in quel senso li che dice lei, nossignore, oggi dobbiamo fare un contratto a tutela progessiva, cioè un contratto con diritti crescenti. Esempio:
    1 - dopo un anno hai un posto macchina (basta doppia fila)
    2 - dopo due anni la chiavetta della macchina del caffè (basta thermos)
    3 - dopo tre anni il diritto all'uso del servizio igienico interno (basta alberi)
    4 - dopo quattro anni diritto alla mensa (basta tegamino)
    5 - dopo cinque anni primo stipendio (basta mancette in nero il sabato sera)

    e via così.

    Qualcuno ha altre proposte progressive?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suo è uno scherzo, vero?
      E' due anni che il Prof. Bagnai dimostra che l'austerity è la svalutazione del fattore lavoro a vantaggio del fattore capitale, e lei tira in ballo ancora la svalutazione interna?!

      Elimina
    2. sono cose tratte dal job-act di renzie?
      io direi una regola come monopoli, alla prima crisi si torna al punto 1 ..

      Elimina
    3. Dai ragazzi, è un renzino, cosa volete che ne capisca?

      Elimina
    4. Era da parecchio che non intervenivo; seguo giornalmente il blog ma oramai il mio contributo non aggiungerebbe nulla a quello che già altri (ed il prof ovviamente) dicono. Ma l'intervento di Bortoletto mi ha lasciato a bocca aperta: sogno o son desto? E' già carnevale? Come vola il tempo! Eh già, vola veloce: sono ben TREDICI ANNI che siamo nell'€uro e almeno 5 anni che siamo in crisi, e ancora QUALCUNO non c'ha capito una cippa.
      Da un lato sono ottimista: facendo due chiacchiere in una pizzeria pure la cameriera sapeva che il problema sono l'€uro e la Germania, e che parlare male dell'€uro è un tabù (! - non le ho chiesto se fosse laureata in economia...), dall'altro il pessimismo è dovuto al fatto che le leve del potere sono in mano a chi di come vanno le cose non gli interessa affatto (parlo anche di chi sta "facendo carriera", vedi Renzi) quindi che la gente sia consapevole del problema cambia poco: se poi quando si va a votare i partiti sono allineati (e no il partitino che è contro l'€uro purtroppo non conta o conterà pochissimo) decidere di non andare a votare NON risolve il problema. Ho paura che quando questo sistema salterà (ma salterà lui, o salteremo prima noi?) ci sarà alterttanta disinformazione, e non è detto purtroppo che TUTTI quelli che HANNO SBAGLIATO pagheranno il conto che meritano. L'unica cosa comunque è continuare ad informare, informare, informare.

      Elimina
    5. 10 - dopo 10 anni utilizzo della segretaria ma senza l'uso delle mani (basta pippe)
      11 - .....

      Elimina
    6. Ragazzi, calma, credo che l'umorismo di Bortoletto non sia stato ben compreso ...

      Elimina
    7. Se posso....

      6 - Dopo sei anni prima sedia (basta scrivere sul davanzale della finestra)
      7 - Dopo sette anni prima scrivania (scrivere sul bracciolo della sedia non è comodo)
      8 - Dopo otto anni prime matite (basta portarle da casa)
      9 - Dopo nove anni hai diritto al riscaldamento invernale (basta cappottoni fantozziani)

      Elimina
    8. e ancora

      10 - dopo dieci hai diritto di parola: puoi rispondere SI' a qualsiasi richiesta del tuo capo.

      Elimina
  2. A proposito di inflazione, deflazione e banche centrali, professore, ha visto questo? Qualche grafico è carino.
    http://www.zerohedge.com/news/2014-01-09/inflation-vs-deflation-%E2%80%93-ultimate-chartbook-monetary-tectonics

    RispondiElimina
  3. Belli i patti e i trattati. E più sono universali, più belli sono. Non si può fare questo perché il trattato... non si può fare quello perché il trattato... quando la storia insegna che patti e trattati esistono solo per essere ignorati, e non applicati, o trasgrediti, quando applicati. Dalle Tavole della Legge in poi, quando la trasgressione poteva costarti l'incenerimento senza appello e potevi essere svalutato in polvere.
    Sopra e prima (in ordine di tempo) dei patti UE c'è il DUDU, di canina ma non esatta memoria, e i suoi derivati intrnazionali come il Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali. Firmato da 160 (!) paesi sui circa 200 esistenti e in vigore in Italia dal 1978, è una brevissima e interessante lettura che dimostra l'utilità e la cogenza di simili sforzi intellettivi globali. Interessante soprattutto il comma 2 dell'Art. 6:
    "Le misure che ciascuno degli Stati parti del presente Patto dovrà prendere per assicurare la piena attuazione di tale diritto comprenderanno... , nonché l'elaborazione di politiche e di tecniche atte ad assicurare un costante sviluppo economico, sociale e culturale ed un pieno impiego produttivo, in condizioni che salvaguardino le fondamentali libertà politiche ed economiche degli individui."
    Per un'anima candida che ai patti credesse, ce ne sarebbe abbastanza per bocciare in toto l'esperimento dell'Euro e, forse (ma non sono esperto), per mettere in discussione a livello internazionale la validità di diritto di alcuni dei vincoli che ci vengono presentati come inalterabili e dei trattati che si affermano non rescindibili.
    Ad esempio, il citato vincolo del 2% potrebbe essere considerato, alla prova dei fatti, in aperto contrasto con lo scopo dello sviluppo economico e del pieno impiego e, come tale, considerato una violazione di patti internazionali. Non che serva a molto, ma almeno a non farcelo accettare supinamente. Sbaglio?

    RispondiElimina
  4. curioso, nel trattato euro è scritto con la minuscola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece è normale: i nomi delle valute vanno scritti con la minuscola (come le altre unità di misura?).
      È curioso invece che il codice ISO (EUR) non sia come gli altri, cioè le prime due lettere dal nome del Paese e l'ultima dall'iniziale della valuta (USD, GBP...); dovrebbe essere «EUE», no? Forse suona male in inglese ("i-iu-ì"!?), un po' come «ein Ecu» suonava male in tedesco...

      Elimina
    2. Capisco benissimo che aumentando il numero dei lettori si abbassa in qualche modo la media e soprattutto arrivano quelli che noi vorremmo evitare, i piddini dentro, incapaci di ironia e di autoironia. Quello che Alfonso voleva evidenziare è esattamente questo, cioè che una serie di cialtroni scrive Euro così come si scrive Dio (per distinguerlo da un qualsiasi dio). E questo antropologicamente la dice lunga.

      DISEGNINO: PROPRIO PERCHE' NON E' STRANO CHE EURO VADA SCRITTO CON LA MINUSCOLA E' INVECE STRANO CHE QUALCUNO LO SCRIVA CON LA MAIUSCOLA, COSA CHE ALFLIG CI FACEVA ANTIFRASTICAMENTE NOTARE.

      Ok, ragazzi, vi farò anche un manuale di retorica ad usum piddini, mi pare sia ora.

      Elimina
    3. esattamente!
      esistono quattro religioni monoteiste: ebraica, cristiana, mussulmana, Euro.

      Elimina
    4. Mea culpa!
      Però anche lei, darmi del piddino, quando seguo il blog da tempi non sospetti!

      Elimina
  5. Prof. buongiorno, questi trattati mi sembrano perlopiù pieni di fumo, cioè di concetti fondamentalmente vuoti e contradditori, soffermandomi sull'art.3 comma 3 del TFUE, mi chiedo come possa in un mercato interno coesistere il concetto di sviluppo sociale sostenibile che racchiude in sé sfumature così diverse: basato su una crescita economica sostenibile, sulla crescita economica equilibrata, sulla stabilità dei prezzi, che richiede a sua volta un controllo più stringente dell'inflazione (quindi con maggior disoccupazione), su un'economia sociale di mercato, (quindi capitalismo) fortemente competitiva (quindi capitalismo turboliberista ), che mira alla piena occupazione e al progresso sociale, mi pare una contraddizione assurda, come può un'economia fortemente competitiva favorire la piena occupazione? Va da sé che si tratta della "piena" occupazione di tanti, ma proprio tanti lavoratori precari, è così che hanno "fognato" la nuova €uropa: "liberamente" costituita da precari "pienamente" occupati con tanti contratti settimanali o addirittura giornalieri!

    RispondiElimina
  6. Egregio prof. Bagnai, sinceramente il suo lavoro mi ha aperto scenari inquietanti sul futuro, visto il silenzio completo dei media che per anni ci hanno spacciato l' Europa come la panacea di tutti i mali italici. Purtroppo non vorrei che l' Euro diventasse il capro espiatorio di una classe politica ed imprenditoriale incapace e colpevole di aver sfruttato le debolezze di una moneta nata, probabilmente troppo presto e lasciata in mano a speculatori vari. Per quanto possa condividere la sua analisi in merito alle politiche tedesche di espansionismo economico, non posso nascondermi il fatto che questa povera Italia è da sempre gestita male e la mia più grande illusione, come anche lei ha sottolineato, era che agganciandoci a paesi più moderni ed efficienti la nostra classe politica sarebbe stata costretta a fare i conti con la realtà. Quanto mi sbagliavo. Ma comunque noi paghiamo la nostra generale indolenza, la mancanza di una vera politica...quella con la P maiuscola. Noi abbiamo delegato il nostro futuro a dei totali incapaci e disonesti e lo abbiamo fatto più o meno consapevolmente per decenni. Se la Germania ci sta colonizzando la colpa è nostra e nasconderci dietro l' euro non ci potrà salvare. Non abbiamo una programmazione economica, energetica ne industriale. Andiamo avanti alla giornata da decenni, l' unica preoccupazione di confindustria era l' art. 18 e massacrare i salari. Adesso hanno scoperto che l' euro è cattivo? Spero solo che il suo lavoro non venga strumentalizzato da il solito politico arrivista che sfrutti il sentimento anti euro per farci la campagna elettorale, perchè è indubbio che alle prossime elezioni i partiti anti euro faranno il pieno. Questo euro non funziona, ma è la politica che deve riprendersi in mano le leve dell' economia lasciate in mano a speculatori, arrivisti e squali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia! Sono stato scoperto! Una lettura attenta della mia scarsa produzione le ha permesso di capire immediatamente che io sono pilotato da comitati di affari di politici cialtroni, e che il problema del paese sono loro, e l'euro ci sta in realtà moralizzando. Mannaggia! Dovrò chiudere il blog...

      Poi se sa l'inglese le do qualcosa da leggere.

      Elimina
    2. Quella di "agganciarci a paesi più moderni ed afficenti" era un'illusione di molti anche mia. Solo che non era un'illusone. ERA UNA TRUFFA. Un tradimento bello e buono e se c'è una cosa che mi fa infuriare (come sempre per le vittime di truffe) è di esserci caduto con tutte le scarpe. Un altra cosa che mi fa infuriare è che l'esserci cascati è dipeso anche l'omertosa complicità degi organi di stampa, degli economisti "di riferimento", quelli che andavano in TV a raccontarci una serie di menzogne, neanche troppo ben confezionate, sulla Cina e sulla globalizzazione e sulle liberalizzazioni e sulle privatizzazioni... E' vero che mi chiedevo: "ma perchè se la Cina ci fa concorrenza tenendo la sua moneta debole noi dobbiamo avere questo Euro così forte?" ma ignorante di economia non mi sapevo rispondere. E poi una vacanza in Germania e... "accipicchia ma qui le cose costano meno che da noi! Non parlo di TV al plasma, ma... anche le melanzane! come è possibile?" strano ma una spiegazione non la trovavo da nessuna parte finchè non ho scoperto che c'era chi, come il nostro ospite, la spiegazione sapeva darla e la dava in modo chiaro, razionale, analitico e comprensibile, come tutte le cose che sono vere (diffidate sempre delle dottrine fumose e incomprensibili perchè spesso nascondono nel fumo la loro pochezza). Caro Max Max a me il lavoro del Prof. Bagnai non mi ha "aperto scenari inquietanti" ma piuttosto indicato che una via di uscita c'è. Mi ha fatto capire che il destino mio e dei miei figli non è vivere in un mondo in cui l'Europa diventa sempre più povera, lo stato sociale un lusso che non ci si può permettere e il futuro dei lavoratori essere "cinesizzati" fino all'irrilevanza. Il declino dell'Italia e dell'Europa non è un destino ineluttabile ma il risultato transitorio di politiche sbagliate, questa per me è una grande notizia, perchè quelle politiche possono essere cambiate e (con le buone o con le cattive) le cambieremo. Per ora: Grazie Professore.

      Elimina
    3. In un non lontanissimo passato ci siamo già agganciati all'alleato germanico, e la Germania, allora, era un paese relativamente ancor più moderno ed efficiente di quanto oggi non sia. Non è andata proprio benissimo. Purtroppo la storia è una grande maestra che a quanto pare, insegna in un'aula vuota.

      Elimina
    4. @ Roberto Buffagni (11 gennaio 2014 18:49)

      “la Germania, allora, era un paese relativamente ancor più moderno ed efficiente di quanto oggi non sia”

      Per essere precisi anche a quei tempi i tedeschi ci marciavano: per loro eravamo gli “italiani lazzaroni, però si fregarono tutto il tessuto produttivo italiano che era in condizioni migliori del loro nonostante tutto.

      «I tedeschi esercitano il controllo sulla produzione italiana in modo raffinato attraverso propri uffici preposti a ogni singolo settore. In tutto sono dodici e coprono l'intero panorama industriale. Riguardano l'elettricità, l'acqua e il gas; la cellulosa, la carta e la stampa; la chimica e la gomma; il cuoio; le fibre e le industrie tessili; la lavorazione del legno e le industrie varie; la meccanica; le miniere e le cave, gli oli minerali e i carburanti succedanei; gli oli grassi industriali; le pietre e le terre; la siderurgia. Per poter essere operativi, si basano su ventiquattro comitati industriali, creati con un decreto del ministero delle Corporazioni di Salò il 26 giugno 1944, e hanno due presidenti, uno tedesco e uno italiano. In primo piano è sempre il secondo, che però non può prendere alcuna decisione senza il consenso degli incaricati tedeschi di collegamento.
      [...]
      A parte le spoliazioni, però, i tedeschi hanno tutto l'interesse a far funzionare gli stabilimenti, e quindi "inventano" la formula della "protezione". Lo stabilimento dichiarato protetto dai Comandi dell'economia bellica riceve il carbone (o l' energia elettrica) necessario al suo funzionamento, le materie prime fondamentali [...] e, per i propri dipendenti, l' esonero da qualsiasi chiamata alle armi da parte di Salò. È un gioco ambiguo, ma che funziona.
      Nel 1944, la Germania ha, per esempio, a disposizione, nel solo settore della meccanica di precisione e dell'ottica, ben 181 aziende specializzate (di cui 122 in Lombardia, 26 nel Veneto, 24 in Piemonte, 4 nella Venezia Giulia, 2 rispettivamente in Liguria e nell'Emilia e 1 nella Venezia Tridentina), 48 che lavorano la vergella a Lecco e dintorni (alla Fiocchi le macchine sono in funzione 17 ore su 24 per mandare vagoni di munizioni in Germania), 28 che si occupano di costruzioni aeronautiche (velivoli e motori) decentrate, e un numero impressionante di stabilimenti industriali (meccanica pesante e leggera, utensileria e filati) tra Torino e Milano che fanno anche tre turni giornalieri per 25 giorni al mese, a un ritmo superiore a quello dell'anteguerra, come precisa il comitato per la mobilitazione civile del Servizio osservatorio industriale.»
      Tra virgolette:
      Il sacco d'Italia , Ricciotti Lazzero, Arnoldo Mondadori Editore, 1994 (Pag. 171)

      È una lettura istruttiva.

      Elimina
    5. Grazie della bella citazione. Aggiungo solo che il ministro Pellegrini Giampietro, però, non si lasciò imporre dall'alleato germanico una moneta d'occupazione (per quello, avremmo dovuto aspettare le am-lire) e che ebbe il buon senso di nazionalizzare subito la Banca d'Italia. Consegnò, al momento della resa, un attivo di 20 MLD. A ciascuno il suo, nel bene e nel male.

      Elimina
  7. No ma poi, tutti i discorsi che si fanno (tutti ripeto, da qualunque parte), sono su mercato del lavoro, flessibilità ecc per recuperare competitività. Le "imposizioni" delle lettere BCE sono su riforma mercato lavoro, pensioni ecc, ovvero su sostanziale deflazione interna. Non c'è scritto mica "la Spagna emetta o ritiri tot moneta per recuperare differenziale" o l'Italia, o la Grecia ecc. Non ci crede nessuno che la BCE governi l'inflazione, o non certo la BCE visto quello che impone.

    RispondiElimina
  8. I trattati li scrivono le potenze vittoriose, e gli altri se li prendono nel "derriere" (in Francese tutto suona sempre piu' educato e fine).

    Signor Bortoletto: se esiste questo blog e' perche' a "qualcuno" della gente importa, altrimenti "nemo" potrebbe rimanersene chiuso dentro la sua torre d'avorio, sicura e tutto sommato, visti i tempi, magari discretamente pagata.
    Quindi non capisco il suo commento.

    Fa finta di non capire cosa ha originato la "macelleria sociale" in atto? E' qui per dire che i problemi sono "a valle/monte" come certa sinistra ha sempre amato dire per disinformare il popolo bue ed analfabeta? I problemi sono sempre "altri" ? Si? Quali di grazia? Ce li illustra?

    Non le viene in mente che ci siamo in un certo senso incaprettati come l'Argentina tanto tempo fa legandoci al cambio fisso con una moneta aliena che ha creato qualche piccola, me la faccia chiamare alla Draghi-Mariuccio-maniera, perche' fa tanto FIGO, "currency imbalances"?

    E a cosa porteranno mai le currency imbalances?

    E per finire, ma ci sarebbe molto da aggiungere, lei ha mai lavorato per multinazionali planetarie di piu' di 60.000 "employees" ? Per parlare di economia reale, lei SA perche' stanno lasciando l'Italia? Questa e' economia reale, niente aridi discorsi intellettualoidi che pure alla sinistra di un certo tipo piacciono, eccome! Parlo di economia che incide sulla carne della GGGGENTE, perche' anche ci ci lavora e' GGGGGENTE che paga le tasse, e tante, no? Mica sono/siamo figli di un Dio minore, si rischia l'osso del collo tutti i mesi.

    Mi spieghi lei perche' le multinazionali fanno a gara a lasciare il Bel Paese aujourd'hui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma questa è una supercazzola prematurata come fosse antani??

      nel dubbio, ho riletto il mio messaggio ed effettivamente, considerando il FonzaRenzie, potrebbe essere vero....

      Elimina
    2. La supercazzola era per dire che siamo in una fase di diritti decrescenti nel settore privato, sono chiaro adesso?
      E non basteranno supercazzole della politica politicante stile renzie che ci faranno uscire dalla macelleria, tutt'altro.
      Ma se non si capiscono i motivi alla base di questa infelice decrescita non si possono elaborare diagnosi: renzie non ha capito una mazza o ha capito...fin troppo bene.....e vuole approfittarne come gli altri.

      Elimina
    3. Mi pare che si stia un po' perdendo il senso dell'umorismo.

      Elimina
    4. lo sentite quel venticello che vi accarezza languidamente le orecchie e vi scompiglia i capelli??

      ecco, quello è il sottile vento dell'ironia....

      Elimina
    5. @Todd
      Ho avuto la stessa impressione

      Elimina
    6. @Davide
      Il senso dell'umorismo ce lo stanno facendo perdere, meglio non calcare troppo la mano (secondo me) con l'ironia... o almeno è meglio secondo me chiuderla lì dopo una prima battuta. Scusa se mi sono permesso.

      Elimina
    7. @Davide Bortoletto e Persil:

      noto una certa i gnioranza daparte vstra n'é luso de l " Agramatika " delo uebb di iGGGGGiovanni .

      noi voliamo sl aGGGGGente a 5 G è nn a ggente cualuncue ke a solo 1 o ammassimo 2 o 3 g ne sssuo curiculu è ke vota xa Ka$$$ta .

      L Agramatika ci dentifika .

      Elimina
    8. @Davide Bortoletto a me ha fatto ridere! Di più, la manderei alla Camusso così ride anche lei!

      Elimina
  9. OT. Ieri sera ,tra un vaniloquio e l'altro, ho visto "la lezione americana" da Santoro.
    Bene, ma volete mettere con questa?

    (Prof., se può, li aiuti.)

    RispondiElimina
  10. Inflazione significa perdita di valore della moneta in uso.
    Sia Lei che altri economisti sostenete che il debito nazionale NON necessariamente significa inflazione.
    Questo e'vero e sacrosanto se il debito e'alimentato dai RISPARMi, se cioe'il cittadino investe il surplus di denaro che ha in bond nazionali.
    La massa monetaria e'la stessa, invece di spendere i soldi nel mercato il cittadino li da'allo stato e questi li spende nel mercato ( pro domo sua o dei cittadini non importa)
    Se invece i bond sono comperati dalle banche che, per comperarli accedono al credito con la BCE, questa stampa NUOVO denaro dal nulla, lo cede alle banche che a loro volta lo usano per comprerare i bond statali (debito nazionale)
    Sorvolo sugli interessi, ma sottolineo il fatto che QUESTO denaro, creato dal nulla AUMENTA la massa monetaria.
    Se la massa monetaria rappresenta un'economia e se questa economia non cresce (cioe'non esporta importando moneta estera convertibile nella moneta locale) la stessa quantita'di merci e di servizi sara'rappresentata da valori numericamente maggiori e QUINDI di valore intrensicamente minore.
    Se cioe'la torta e'sempre la stessa e io faccio piu'fette, le fette ovviamente saranno piu'piccole.
    Questa e'l'inflazione e questo (il fatto che il debito sia comperato direttamente o indirettamente dalla BCE) e'il motivo per cui il debito e'piu'o meno direttamente correlato all'inflazione.
    Piu'l'economia e'stagnante (cioe'in recesso) piu'la massa monetaria perde di valore.
    Se poi olte alla recessione economica aggiungo la stampa di nuova moneta creo una situzione che prima o poi sfocera'in iperinflazione.
    Quando cioe'la massa monetaria sara'due, tre volte quella dell'economia pre 2008, in Europa avremo buone probabilita'di una implosione dell'euro.
    Questa OVVIAMENTE verra'dopo quella che si avrebbe se invece dell'euro usassimo le lire, perche'la massa monetaria di euro e'maggiore e l'economia e'la somma delle varie economie europee.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (continuiamo a farci del male)...

      Elimina
    2. Baffington post,

      Quindi chi rimborsa un debito fa un favore alla comunità, abbattendo l'inflazione?

      Elimina
    3. A ridaje, signora mia, la MASSA MONETARIA e l'INFLAZZZIONE.....

      OVVIAMENTE prima facciamo la spesa e QUINDI prepariamo
      primo e secondo.
      Un LTRO de quello bbono ce lo mette Mario....

      Elimina
    4. O mamma mia, sembra un commento di CDC, l'economia del Manuale delle Giovani Marmotte.

      Elimina
    5. Ma come si fa? Qui non serve essere economisti, basta LA LOGICA.
      La perla (se vogliamo cercare di trovarne una) per me sta qui: "Questa e' l'inflazione e questo (il fatto che il debito sia comperato direttamente o indirettamente dalla BCE) e'il motivo per cui il debito e'piu'o meno direttamente correlato all'inflazione." Ma questo l'inflazione dove la vede??????

      Elimina
    6. adesso ho capito!!!
      questo è il post dove ciascuno può scirvere la propria supercazzola prematurata come fosse antani !!

      ma bastava dirlo subito!!!!

      p.s. quando di professione facevo il preventivista, cioè stabilivo a quale prezzo dovesse essere venduto un immobile da costruirsi, mica chiedevo l'elenco delle voci di computo metrico estimativo!!!
      NNNNNOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!

      io, che ero ffuuuuurbo, cercavo il dato della massa monetaria sul sito della Banca di Italia, lo dividevo per la quantità di beni presenti sul terriotrio nazionale (dato notoriamente fornito da qualunque Camera di Commercio) ed ottenevo il prezzo di vendita.

      Ovvviamente se, dopo aver firmato il contratto di vendita, la massa monetaria cambiava, adeguavo il prezzo, non sia mai...

      Dica la verità, le sembra sensato?

      Elimina
    7. toh, e' arrivato un'iperinflazionaro! ma perche' non ti guardi i grafici degli aggregati monetari prima di sparare? magari ti risparmi figuracce ...

      Elimina
    8. Il fatto che la moneta è endogena non gli sfiora neanche l'anticamera del cervello

      Elimina
    9. Uhmmm "Piu'l'economia e'stagnante (cioe'in recesso) piu'la massa monetaria perde di valore"... mah, da profano se l'economia stagna e' perche' nessuno compra e nessuno vende, quindi i casi sono due: o ci si e' stufati di lavorare nonche' produrre, magari affascinati dalla decrescita felice, oppure le tasche sono desolatamente vuote ed i piazzali pieni di macchine invendute (ed operai irritati e decisamente al verde).

      Elimina
    10. Proviamo a farla semplice:
      Se mancano i clienti, anche le mignotte abbassano i prezzi, quindi se "'l'economia e'stagnante (cioe'in recesso)" non è la massa monetaria che perde di valore, ma le parti anatomiche della signorina oggetto della prestazione hanno un valore di scambio minore (anche se un valore d'uso identico). Dall'altra parte, per il cliente i 100 euri che prima spendeva per il singolo noleggio delle suddette parti anatomiche magari gli consentono un doppio noleggio. Per lui i 100 euri valgono il doppio rispetto a prima, per la signorina le parti anatomiche valgono la metà. Ovvero è costretta a svalutare la sua prestazione/lavoro.
      Si chiama inflazione, questa?oppure sarà deflazione? (almeno, quando non sia riferita all'organo maschile del cliente che, in questo caso, coi 100 euri si può inflare due volte invece che una)

      Ps "inflare" non è un errore di battitura

      Elimina
    11. @Velo di Maja

      Assolutamente no, non è un errore, visto che per inflare spesso si fa un lavoretto che in tedesco si chiama Blasen (cioè soffiare). I palloncini si gonfiano soffiandoci dentro.

      Vedi che bello sapere le lingue? Impara l'arte e mettila da parte...

      Elimina
    12. Renzi vorrebbe imitare il grande Bill?

      Elimina
  11. Ar cavajere nero questa gente non piace, ma quando si parla male dei piddini non riesco a resistere...

    tranquilli ce pensa er pd

    RispondiElimina
  12. Questo post è, come d'abitudine, assai bello, perché tutto rigorosamente argomentato sui documenti. Andrebbe fatto leggere al prof. Gianenrico Rusconi, noto storico della Germania, profondo conoscitore della Germania, al quale in una trasmissione ho sentito dire che la signora Merkel chiede solo di attuare insieme degli accordi sottoscritti insieme (spero di ricordare bene il senso delle sue parole, se mi sbaglio, qualcuno mi corregga per favore). Ecco, appunto, gli accordi......

    RispondiElimina
  13. Base monetaria USA

    Tasso d'inflazione USA

    Ma a un certo punto, davanti all'evidenza dei fatti, avere almeno la decenza di stare zitti?

    RispondiElimina
  14. L'inflazione e'la pardita di potere d'acquisto della moneta.
    Se si aumenta la massa monetaria si diminuisce il potere d'acquisto della moneta esistente.
    Se il debito e'finanziato col denaro esistente non si aumenta la massa monetaria, se e'finanziato con nuova moneta stampata siccome si aumenta la massa monetaria, allora si crea inflazione.
    L'inflazione in Europa al 2% e'una balla astronomica che solo chi non vive la realta'quotidiana puo'sostenere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusi, ma come povero ingegnere per definizione ritardato, le chiedo:
      1 - quale correlazione c'è tra l'andamento della massa monetaria e l'andamento dell'inflazione ?
      2 - lei parla dell'inflazione media europea o di una specifica?
      3 - se il problema è dato dal differenziale di inflazione tra nazioni diverse, cosa me ne frega del valore medio europeo?
      4 - secondo i suoi studi (parte la pernacchia...) qual è il valore reale dell'inflazione europea o italiana? su quali dati l'ha calcolata?
      5 - ma lei è un'eurotroll (con la postrofo...)?

      Elimina
    2. "Se si aumenta la massa monetaria si diminuisce il potere d'acquisto della moneta esistente." Quindi ad ogni manovra monetaria Draghi comunica a tutti i negozianti dell'€-zona che devono adeguare i prezzi e di quanto? Ah no, sono tutti i nostri fruttivendoli, tabaccai e manager industriali che ogni mattina controllano sul loro tablet le variazioni degli aggregati monetari aggiornate giornalmente sul sito della BCE.

      « Mascetti: Tarapìa tapiòco! Prematurata la supercazzola, o scherziamo?

      Vigile: Prego?
      Mascetti: No, mi permetta. No, io... scusi, noi siamo in quattro. Come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribài con cofandina? Come antifurto, per esempio.
      Vigile: Ma che antifurto, mi faccia il piacere! Questi signori qui stavano sonando loro. 'Un s'intrometta!
      Mascetti: No, aspetti, mi porga l'indice; ecco lo alzi così... guardi, guardi, guardi. Lo vede il dito? Lo vede che stuzzica? Che prematura anche? Ma allora io le potrei dire, anche con il rispetto per l'autorità, che anche soltanto le due cose come vice-sindaco, capisce?
      Vigile: Vicesindaco? Basta 'osì, mi seguano al commissariato, prego!
      Perozzi: No, no, no, attenzione! Noo! Pàstene soppaltate secondo l'articolo 12, abbia pazienza, sennò posterdati, per due, anche un pochino antani in prefettura...
      Mascetti: ...senza contare che la supercazzola prematurata ha perso i contatti col tarapìa tapiòco.
      Perozzi: ...dopo... »

      Elimina
    3. è vero, sottoscrivo, me lo diceva sempre anche la mia povera nonna

      Elimina
    4. Matrici dei flussi?

      No grazie, il mio nome e' Baffington, Baffington post!

      http://w3.uniroma1.it/econometria/teaching/econ/Macroeconomia10td.pdf

      Vedasi pag. 8:

      'sostituzione deficit privato con quello pubblico' (= 'creazione di moneta')

      ed oltre (pag. 10):

      'debito pubblico per sostenere i consumi?'

      ed ancora pag. 15 e 16 (pericoli di sistema).

      Elimina
  15. Prof, ultimamente "je stai dà giù" de diritto (ICSIDdde, giurisdizione BOT, TFEU TUE...) e c'hai preso pure 'sta volta. Questo è un punto nevralgico ed atavico del diritto internazionale delle istituzioni e -per riflesso- di quello UE: cioè che
    gli stati membri si mettono d'accordo per creare un'istituzione (SEBC e BCE) con ampissimi margini di indipendenza, ma che deve agire nei 'limiti dei poteri conferiti dei trattati' (Art 13.2- TUE). La cosa 'fica' è trattati e statuto praticamente NON METTONO LIMITI alla BCE se non quelli che essa stessa si autoimpone. Va da sè che questo è un cane che si morde la coda...

    Cosa può fare allora il periferico e hartziano cittadino che vede i suoi diritti sociali (lavoro. Art.3 TUE) distrutti dalla politica DISCREZIONALE (Art.132.1 TFUE) deflattiva del 2% della BCE? Semplicemente nulla: nonostante la Corte di Giustizia Europea sia competente nel verificare la legalità degli atti della BCE a fronte di una violazione dell'Art 3.3 TUE (piena occupazione) della regola del 2%, ad oggi i pochi interventi kamikaze di cittadini a portare in causa la BCE sono chiaramente falliti (attenzione che ce ne sono 4-5 pendenti portati avanti da cittadini greci) e gli stati membri manco ci provano... perché? Mario ne sa qualcosa, me sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma non è mica la prima volta che lo dico! È almeno un anno che faccio vedere questi articoli dei trattati (credo la prima volta ad Arezzo esattamente un anno fa, giorno più giorno meno). Fra i giuristi forse solo Barra Caracciolo ne avrà parlato (ne son praticamente certo). Altre voci che abbiano sollevato questo punto nel dibattito non ne conosco. Nelle circostanze attuali dire che la Bce non è come la Fed perché non ha obiettivo di crescita è una colossale scemenza. Full stop.

      A fructibus eorum cognoscetis eos.

      Elimina
  16. Consideriamo il seguente
    rapporto BCE
    In particolare, interessano
    - la figura 2 a pagina 25 (inflazione area euro)
    - la figura 4 a pagina 29 (prezzo Brent e materie prime non energetiche)
    - la figura 5 a pagina 30 (variazione percentuale aggregato M3 sui dodici mesi)
    I dati dicono che tra il 2003 ed il 2007 il tasso di inflazione dell'area euro è rimasto intorno al 2% , nonostante la crescita dell'aggregato monetario M3 e la crescita del prezzo delle materie prime.
    L'identità CRESCITA AGGREGATI MONETARI = INFLAZIONE sembra che abbia la stessa consistenza della nota identità SVALUTAZIONE = INFLAZIONE.
    Infatti i dati dicono che solo alla fine del 2007 il tasso di inflazione della zona euro è cresciuto, arrivando al 3% (e senza effetti persistenti)
    Domanda: se oggi il livello generale dei prezzi è 100, sarebbe preferibile
    A) che tra un anno il livello generale dei prezzi sia 102
    B) che tra un anno il livello generale dei prezzi sia 98 ?

    RispondiElimina
  17. Occhio a lasciar sguarnite le Termopili, però... potreste trovarvi presto i sassanidi parti alle terga :D

    RispondiElimina
  18. "Gajàrdo, 'na citazzione der PRETE ROSSO [NdR: soprannome dato ad Antonio Vivaldi a causa del colore dei suoi capelli]".
    "Bbono, fruttarò, che qui so' cazzi, se parla de trattati e de diritti costituzzionali! [risposta mia]".
    ******

    Dato che non è stato fatto finora, mi permetto di suggerire questo vitale ripasso.

    D'altra parte, anche ad una lettura "ingenua", la prosa degli articoli dei trattati mescola chiaramente diversi piani concettuali e livelli decisionali. Per dirla ingegneristicamente, in alcuni casi enunciano un principio, una "spacifica di sistema", in altri casi descrivono (o vincolano) un'"implementazione del sistema".
    Ne consegue, come già è avvenuto, che alcuni commi siano più stabili e meno bisognosi di modifica, altri siano più volatili (bisognosi di modifica) e rimandino a regolamenti attuativi o altri trattati che fissano valori ai parametri, dettano le procedure e i criteri di controllo, che sono i "dettagli" che fanno la differenza effettiva tra un regime autoritario e un regime democratico.

    Perché li hanno scritti così?
    Perché con la prosa "ibrida", che, per descivere la panzanella, mescola quanti pomodori servono con la marca dell'olio d'oliva da usare obbligatoriamente, si inibisce, di fatto, un corretto controllo e presidio democratico su questioni inerenti i diritti fondamentali dei popoli.

    Quindi, la domanda "de che stamo a parlà" non può avere risposta, perché ha infinite risposte possibili, e perciò la risposta "giusta" è solo quella imposta dall'establishment dominante: nient'altro. E il costo per poter dimostrare che la risposta "giusta" è in realtà "sbagliata" (cioè antidemocratica, ingiusta, immorale) viene reso deliberatamente insostenibile per un qualunque tipo di opposizione politica, grazie alla prosa ibrida e ai rimandi ai diversi piani concettuali e decisionali, che proteggono le istituzioni che gestiscono i trattati, con accorto depistaggio sistemico, da una loro imputabilità di violazione oggettiva di specifiche clausole dei trattati stessi.

    ("Hai capito, 'sti fiji...". "Bbòno...").

    Dunque, il sistema è stato pensato e regolamentato per essere blindato dall'interno e provvisto di legittimazione perenne e garantita, grazie alla completa destrutturazione delle norme. In termini pratici, abbiamo un ginepraio di direttive, leggi, regolamenti, tali da scoraggiare qualunque tentativo di modifica radicale da parte di una parte politica "patriottica" (chi tocca i fili, muore!).
    Per le parti politiche "acquiescenti", tipicamente al governo degli stati nazionali dell'Unione, il payback è un puntello alle politiche impopolari dell'austerità obbligata ("Lo vuole l'Europa!"), uno scudo transnazionale per la casta dominante ("Occorre stabilità!"), e un salvacondotto preventivo da ogni imputabilità oggettiva di indegnità costituzionale.

    In conclusione, stanti queste condizioni, non credo affatto alla possibilità di "battere i pugni", "rinegoziare i trattati", ecc. a livello europeo.
    L'embolo valutario malefico va rimosso e basta, perché la salute del Paese (con tutto quello che significa: la salvaguardia dei poteri costituzionali del popolo) viene prima di tutto.

    ("Ci hai propio raggione! Mo' vviè, annàmose a fà 'n'aranciata co' 'e sanguinelle che me so' arivate oggi...").

    RispondiElimina
  19. Per la prima volta in due anni abbondanti mi sono scompisciato dal ridere leggendo i commenti al post. Di solito mi leggo tutto, mi deprimo, tento di scrivere qualcosa di sensato, poi rinuncio sconsolato. Ma leggendo i commenti sulla massa monetaria e l'inflazione, la politica con la "P(2)" maiuscola, mi sono sganasciato.
    Vabbè, se questo è il post delle supercazzole, adeguiamoci, però.....

    Le "Istruzioni per l'uso" non le legge più nessuno?

    RispondiElimina
  20. Il valore di una fiat currency e'dato dall'economia che rappresenta.
    Il marco era una moneta forte quando l'economia tedesca era un'economia forte, mentre ad esempio era tutt'altro nella repubblica di Weimar dove il mercato e'stato "inflazionato"da una quantita'enorme di marchi stampati.
    Cosi'pure nell'altro tipico esempio di iperinflazione nello Zimbawe.

    Quello che io dico e'che l'euro e'nei confronti dello Yen e del dollaro una moneta piu'forte perche'la BCE ha stampato meno euro di quanti dollari stampati dalla FED e dalla banca centrale giapponese.
    E questa e'la lotta tra Germania che NON vuole che Draghi stampi carta moneta e la usi per comperare bond dei paesi del Sud e Draghi che ha dichiarato che fara'"tutto quello che e'in suo potere"per abbassare i tassi di interesse ( o mantenerli a livelli sostenibili).
    La Germania non vuole tanto difendere l'euro quanto difendere i crediti della Deutschebank.
    Il marco forte e la lira debole hanno si, un certo valore nel determinare la crisi odierna, non tanto perche'la Germania ha una moneta debole, ma in quanto Italia, Grecia e gli altri piigs hanno una valuta piu'forte di quanto la loro economia necessiterebbe per funzionare.
    Se non puoi competere con la qualita'devi competere col prezzo.
    Questo comunque a mio parere ha una validita'limitata.
    Abbassare il valore della propria valuta per esportare di piu'e'un trucchetto che non sempre produce gli effetti desiderati, anche perche'la stessa tecnica puo'essere afottata dagli altri e alla fine si ha la currency war che attualmente sembra l'unica arma per economie in disfatta.
    Inoltre una svalutazione progressiva della moneta nazionale puo'essere pericolosa.
    La Germania ha indubbiamente approfittato della moneta unica, ma anche l'Italia, se avesse saputo, quando l'economia tirava, approfittarne e investire in infrastrutture forse avrebbe potuto reagire in altro modo alla crisi finanziaria.
    Per capirlo basta andare ad esempio in un ufficio postale in Italia e in uno in Germania e si vede la differenza...l'abisso tra le due nazioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, ci siamo divertiti, e sei anche riuscito a chiarire il solito punto: che generalmente i giudizi razzisti e populisti come quelli che profondi a piene mani si accompagnano, chissà perché, a scarse basi analitiche in economia. Allora ciao, è stato bello...

      Elimina
    2. @Baffington post 1)peccato che l'euro non rappresenti il valore dell'economia tedesca e nemmeno degli altri paesi UE. secondo il tuo ragionamento il marco oggi dovrebbe avere un valore superiore a quello dell'euro e la lira inferiore. invece l'euro associa per la germania i vantaggi di una moneta svalutata e quelli di un economia forte, quindi il tuo ragionamento va a gambe all'aria. RIVALUTA IL MARCO OGGI E VEDI CHE FINE FA LA TUA ECONOMIA TEDESCA 2) la farsa delle infrastrutture fa ridere, è vero che ci sono state inefficienze in Italia ma spiegami perchè l'irlanda paese che aveva i conti a posto e aveva investito efficacemente i fondi UE sta col culo per terra 3) la svalutazione non genera inflazione ed è uno strumento che ha permesso a molti a paesi di riallinearsi ai propri fondamentali come la storia economica insegna

      Elimina
    3. Mi dispiace molto che lei la metta su questo tono, anche perche'io sono fondamentalmente della sua stessa idea che cioe'l'Italia avrebbe dovuto uscire dall, eurozona gia'da tempo.
      Se Berlusconi fosse rimasto e lo spread avesse continuato a salire forse saremmo falliti nel 2011 e adesso saremmo sicuramente in acque migliori.
      Le mie perplessita'sono che, essendo vissuta in tempi in cui l'inflazione era a due cifre e i tassi di interessi di conseguenza, per molti un ritorno alla lira sarebbe ancora peggio che una permanenza nell'euro.Ínfatti all'epoca chi comperava una casa lo faceva con i soldi risparmiati e le aziende usavano reinvestire gli utili.
      Oggi, era in cui tutto o quasi e'comperato a credito, come faranno coloro (e sono molti) che hanno un mutuo a tasso variabile e pochi soldi in banca, che si svaluterebbero sicuramente?
      Anche perche'il boom economico che seguirebbe il ritorno ad una divisa nazionale non sarebbe sicuramente cosi'improvviso...
      Inoltre un ritorno alla lira con una classe politica quale abbiamo e che sembra l'unico prodotto possibile degli Italiani mi fa sorgere non pochi dubbi...
      L'appellativo di razzista mi sembra poi del tutto gratuito.

      Elimina
    4. Direi che questo commento mette la parola fine al dibattito appena apertosi sulla liberalizzazione delle droghe leggere: se adesso stiamo già messi così, mejo de no.

      Elimina
    5. Ciccio pasticcio, sei nei guai, in fottutissimi guai
      Hai detto la parola sbagliata e adesso arriva il borghi aquilini che te se magna

      Abbello

      Elimina
    6. Non vale la pena,veramente,spacciare come preferibile una pianificazione sul modello di darwinismo sociale "vince la qualita",e non vedere che il banco e' truccato da sempre,e niente parte ad armi pari.Sorvoliamo sul paradigma velatamente nascosto razzista.Una sola nota su Weimar:

      L'iperinflazione ebbe cause precise,quali la distruzione del tessuto industriale tedesco imposto dal Trattato di Versailles e la "stampa" di moneta fu conseguenza di quelle, che sono di ordine di Bilancia dei pagamenti con l'estero e di speculazione sui cambi provocata dalla stessa Reichbank (privata) e dalle concessioni date alle altre banche private, non è quindi la causa, ma l'effetto.

      Elimina
    7. Carissima, io glielo dico con molta cordialità: la storia che noi siamo peggio degli altri può raccontarla a qualsiasi italiano, tranne quelli che sono qui, i quali articolano i propri ragionamenti su dati e statistiche internazionali che, come dire, favoriscono una visione certo critica, ma molto più equilibrata ed oggettiva del problema.

      Lei usa le categorie economiche in modo molto superficiale. È evidente un percorso signoraggist-aurit-ortotter-donaldiano. Per dibattere (o dibattersi) a questi livello ci sono decine di blog. Questo non fa per lei. Non posso spiegarle quello che del resto le hanno spiegato decine di lettori, ovvero che lei ha scarsa conoscenza dei principali fatti stilizzati dell'economia mondiale, e scarsa dimestichezza con il ragionamento economico (che la porta ad atti di presunzione del tipo: oggi ci sono trenta gradi perché ho deciso che ci sono trenta gradi...).

      Se vuole, ci sono le istruzioni per l'uso, altrimenti buona fortuna altrove.

      Elimina
    8. Se un qualsiasi prof mi dicesse (figurarsi Alberto) "lei ha scarsa conoscenza dei principali fatti stilizzati dell'economia mondiale, e scarsa dimestichezza con il ragionamento economico" direi che almeno qualcosina l'ho sbagliata.

      Se posso condivido un vecchio mantra imparato su Goofynomics poi personalizzato fa così...

      Se non capisci qualcosa leggi rileggi rileggi leggi ancora poi se i dubbi persistono domanda (forse). In questa élite funziona così.

      Elimina
    9. "Inoltre un ritorno alla lira con una classe politica quale abbiamo e che sembra l'unico prodotto possibile degli Italiani mi fa sorgere non pochi dubbi..."

      La permanenza nell'euro con gente come Rehn & Co, mi fa sorgere molti più dubbi. Opinione personale, per carità.......

      Elimina
  21. Con colpevole ritardo sto leggendo quel libro straordinario di Keynes che è 'Le conseguenze economiche della pace" e che Alberto naturalmente conosce. Posso consigliarne la lettura a tutti gli amici di Goofynomics?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suggerirei anche caldamente: "Le conseguenze economiche di Winston Churchill" (per capire perché stiamo dove stiamo) e "La fine del Gold standard" (per capire dove andremo).

      Elimina
    2. Insomma la Storia vince sulla Matematica perché quest'ultima è stata sopravvalutata dall' Economia ?

      Elimina
  22. Non so dove farle questa domanda Prof. Bagnai.
    Premetto che ho letto molto attentamente tutto il suo libro.
    Mi chiedevo lei dice che il calo di produttività dell'Italia è dovuto al calo di competitività a causa di una valuta sovraprezzata, questa motivazione è implicazione della legge di verdoorn dice lei. La mia domanda è questa, ma quali benefici otteremo svalutando? la legge di Verdoorn non c'entra niente con la moneta. Tale legge stima empiricamente la correlazione tra crescita dell'output di lungo periodo e produttività. Una svalutazione non crea aumento dell'offerta aggregata di lungo periodo, ma solo di breve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è così. Il cambio sopravvalutato ha depresso in modo permanente quella componente di domanda che sono le esportazioni. Rifletti sul fatto che l'economia è un sistema dinamico.

      Elimina
  23. Amo questi post, dopo una dura giornata, una caterva di minch.... e di quei luoghi a cui tutti possono accedere, anche i comunisti, apro il blog e leggo e mi sento meglio, perché una sana risata non ha prezzo (anzi uno piccolo, una donazione a a/Simmetrie).

    Stavo pensando......ma non è che potrebbe mettere giù una mappa concettuale, tipo quelle per i dislessici, con la quale anche noi comuni mortali potremmo affrontare quattro cristiani e spiegargli un minimo di verità?

    RispondiElimina
  24. Scusate, coda commenti temporaneamente chiusa. Mi guardo i Croods con i bimbi e dormo. Molte belle domande in coda, ne parliamo domani.

    RispondiElimina
  25. Oh menomale! Cominciavo a preoccuparmi... Credevo che lo Zimbabwe non esistesse piú. Era infatti da tanto che nessuno ne faceva menzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma mancano ancora le bungalire, le carriole e la benzina che costerà SETTANTA VOLTA SETTE.... dagli tempo, sono 300.....

      Elimina
  26. Udite udite, abbiamo e abbiamo avuto al governo e all'opposizione, un neo-Keynesiano il nostro piccolo grande uomo, Renato Brunetta.

    RispondiElimina
  27. Il fatto che il "sacro' limite del 2% non sia neanche scritto nei trattati ma discenda da un discorso del defunto Duisemberg di 15 anni fa è a mio avviso una prova dell'immenso potere che hanno i banchieri centrali nell'ordinamento globalizzato.

    Un altro esempio è il Giappone (Abe è primo ministro e non banchiere centrale, ma chi conta è chi fa la politica monetaria): si è visto l'effetto della sua decisione di stampare a oltranza.

    Altro esempio la Svizzera: più nessuno ha speculato al rialzo sul Franco dopo che la banca centrale ha detto stop.

    Questo potere si può tangibilmente apprezzare ogni volta che parla un banchiere centrale dalle oscillazioni che hanno i corsi azionari.
    Memorabile la salita di più di tre punti del footsie mib in un minuto MENTRE Draghi pronunciava il whatever it takes o il crollo MENTRE Bernanke annunciava il tapering.

    Del resto in un sistema imperniato sulla liquidità e sulla mobilità libera e vorticosa dei capitali quale maggior potere che la chiave della stampante di una valuta e la capacità di fissare tassi di sconto, influenzare tassi di cambio o l'acquisto di titoli di stato e di debito i più disparati.

    Con una frase di tre parole e senza dare poi neanche seguito pratico alle parole Draghi ha ridotto lo spread di trecento punti, la banca svizzera ha fissato il cross Euro Franco svizzero A 1,20 da due anni e più nessuno ha comprato franchi a scopo speculativo.

    Una volta i mercati andavano a vedere i bluff delle banche centrali, ma è sempre capitato quando il bluff era una difesa di una valuta sopravvalutata (Italia 1992,Argentina 2001) dove l'arma era una valuta straniera che la banca bluffante non poteva stampare.Adesso è più comodo speculare contro i titoli di stato dei paesi che non hanno una banca centrale che li difende(Italia 2011).

    Contro le banche centrali "forti" nessuno osa andare, e le "piccole"si sono fatte furbe e non difendono più la forza delle loro valute, ma anzi sono contente di vederle deboli.

    Contro questo potere che mai nessuno ha osato sfidare, che negli USA è riuscito a rimediare all'esplosione della bolla dei subprime (che peraltro era stata causata dai suoi stessi eccessi), che quando sembra in difficoltà si inventa manovre non convenzionali modificando a suo piacimento le regole del gioco, che cosa può essere fatto?

    Si noti che questa domanda non è sconsolata e rassegnata come può sembrare, ma sinceramente tesa a capire se è possibile sottrarre l'economia reale al gioco della finanziarizzazione e cartolarizzazione con alternanza sempre più frenetica di bolle e di crisi.

    L'Europa e la BCE sono un caso particolare di questo quadro, e non vorrei che il Drago fosse in grado veramente di fermare il sole su Gabaon e la luna sulla valle di Aialon ritardando o peggio rendendo impossibile il Tramonto che tutti aspettiamo.

    RispondiElimina
  28. Provo a rispondermi da solo, almeno all'ultimo interrogativo: la BCE non È una banca centrale come FED, BOJ, BOE etc perché dietro non c'è uno stato, un'economia, un governo, quindi il Drago abbaia, spaventa anche i mercati, ma quando sarà sfidato
    (non necessariamente dalla speculazione, potrà anche essere un evento politico come la vittoria di Marine Le PEN alle europee) ruzzolerà nella polvere e l'euro con lui.

    Possibile. Ma allora perché i mercati, che hanno buon naso finora hanno creduto al bluff?
    Chi compra adesso titoli dei periferici a piene mani a tassi calanti scommette contro un eurobreak. Si sbaglia e basta o c,'è un disegno più sottile?O è la stessa BCE che stimola questi acquisti come dice Bottarelli sul Sussidiario

    http://www.ilsussidiario.net/mobile/Economia-e-Finanza/2014/1/10/SPY-FINANZA-I-numeri-delle-banche-che-preoccupano-l-Italia/457698/

    con l'effetto collaterale di riequilibrare i saldi Target ( perché i titoli di stato dei periferici tornano in pancia alle loro banche).

    La BCE e l'euro sono come una Chimera mitologica: probabilmente troppo mostruosa per essere vitale, ma senz'altro dotata di denti e artigli molto pericolosi.

    Il grande capitale europeo, unica forza veramente transnazionale, abbandonerà molto malvolentieri la sua creatura prediletta, coltivata nell'arco di quasi vent'anni
    (75-94) e che tante soddisfazioni gli ha dato e sta dando ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. domanda interessantissima, gradirei anche io una risposta... vorrei sapere se c'è solo dietro l'irrazionalità umana o qualcos'altro.

      Elimina
  29. Bagnai, qui abbiamo bisogno di uno psicologo o qualcosa del genere, e uno bravo.
    Chiunque abbia realizzato che non siamo più nell'epoca del Gold standard, e che abbia capito come funziona modernamente il denaro, le banche, l'economia, aveva già mangiato la foglia. Se poi si guarda i grafici e i dati in questo blog, deve proprio volere *non capire*.
    Anche se certo non farebbe male un'amministrazione italiana migliore, menocorruzionetuttiacasa eccetera, cosa che deve essere fatta nel lungo periodo, non servirà a nulla se non riequilibriamo il gioco, e velocemente che più rimandiamo più veniamo piumati, ovvero delle due:
    a) o la Germania si prende le sue responsabilità, riconosce che nel sistema Euro ha approfittato della sua posizione, la smette con il surplus e fa politiche solidali
    b) o usciamo dall'Euro (o esce la Germania dall'Euro)
    Ora però qui serve lo psicologo. Per curare la maggior parte della popolazione e della politica. Quella che la Germania sono più bravi. Quella che se la Volkswagen vendesse la Trabant sarebbe migliore di quei "catorci" che fa Marchionne. Quelli appunto che avere in tasca l'Euro invece delle Lire è come avere la Golf invece della Giulietta (e sono convinti che sia davvero meglio).
    Sto parlando seriamente: siamo di fronte a un problema diffuso, mi sembra che siamo come quei monaci che sostenevano che per evitare la peste servisse l'igiene ed evitare e bruciare gli appestati, ma nessuno li ascoltava finché non era troppo tardi. Insomma non sarà divertente avere ragione.
    Dopo tutti questi secoli ci sarà un qualche modo scientificopratico di farsi ascoltare dai vari rincogl.... dalle varie persone che non riusciamo a raggiungere... del resto ci sono personaggi tv anche di modesta levatura che raggiungono milioni come niente fosse.
    Secondo me questo è un punto chiave se non IL punto chiave.

    RispondiElimina
  30. Dopo questo post e quello degli esponenziali (e logaritmi), credo che chi doveva capire ha capito. Con un piccolo ponticello mentale.... l'inflazione si accumula in modo esponenziale, quindi le differenze negli anni,,, ecc. se poi uno stato a caso, la Germania, in barba alla collaborazione europea fa politiche apposite per abbassare la propria inflazione e fott. Ehm avere un vantaggio competitivo sugli altri e questo viene visto come un esempio da seguire dai nostri impavidi piddioti beh allora....

    RispondiElimina
  31. In ogni caso la "piena occupazione e il progresso sociale" sono subordinati al regime di "economia sociale di mercato fortemente competitiva"; strictu sensu l'obiettivo è quest'ultima che mira ai primi. Tutto torna, se si guarda dove nasce l'apparato ideologico della sozial Marktwirtschaft (non è un elegante giro di parole per indicare un concetto generico, è quella cosa lì), chi si ispira ad essa, il "fortemente competitiva", la piena occupazione presentata come quasi raggiunta da chi sappiamo, eccetera.

    @Aldo B Aldo: sono molto d'accordo, è durissima, ma proprio tanto, lo è sempre di più, non di meno. Ad esempio, è crollato il mito dell'austerity, ed è crollato nel modo peggiore, perché ancora nessuno (che non sia passato di qua, o almeno qua vicino...) capisce perché, se si mantiene il vincolo di rimanere nell'area €, era necessaria. Ti guardano, ti dicono sì però... e partono con la musica di adesso, supply side, investimenti, infrastrutture, efficienza, onestà, ...
    Poi vengono citati gli articoli di micro- che cercano i motivi del plateau di produttività (tutti rigorosamente sul piano micro-, è così bello parlare solo in quest'ottica "Qui non si fanno discussioni o previsioni di alta politica od alta strategia, qui si lavora!" ma dove l'ho sentito dire....), e quando fai notare che nessuno parla di competitività di prezzo, eppure è una variabile importante ti si risponde: "in un problema di ottimizzazione a n variabili, non credo che agendo solo su una si possa trovare il massimo della funzione". Ma ma MA!
    Bisogna amare il prossimo, nel senso, quello che viene dopo questo? No, il "prossimo TUO". E cerchiamo di farlo, con amore rimbocchiamoci le mani infinite volte...

    RispondiElimina
  32. Chiarissimo Prof. Bagnai,

    Cosa ne pensa della rivalutazione del capitale di BankItalia, sia nel merito che riguardo alle "procedure" seguite. Può essere (anche) una mossa in vista dell'uscita dall'Euro ? O comunque può essere utile in previsione di tale uscita ? Grazie
    Olivier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo intanto io, rischiando di fare una brutta figura (attendo e auspico correzioni dal professore).
      La risposta è: dipende.
      L'argomentazione della vulgata è che se ciò venisse fatto per ricapitalizzare le banche sarebbe una cosa positiva, ma se a ciò venisse imposto un limite al riacquisto per i vecchi soci (le nostre banche e l'inps) il sovrappiù verrebbe collocato in mano estera, determinando a posteriori un controllo ex post della politica monetaria da parte dei nuovi soci quando non ci sarà più l'euro.
      Io resto perplesso, in quanto in un futuribile scenario sine euro, ormai prossimo vista la distribuzione dei consensi contra nei paesi core come Francia e Inghilterra, alla ritrovata sovranità monetaria si aggiungerebbe il vincolo di crescita alla politica monetaria.
      Insomma, gli stranieri si possono pappare una fetta di bankitalia ma domani con un governo realmente sovrano dovrebbero accontentarsi dei dividendi e non potrebbero imporre monetary policy in continuità con la deflazione forzosa di matrice teutonica.

      Elimina
  33. Prof,
    ha notato quella sottile striscia vuota di caratteri sul lato destro della solfa "single currency does not mean single inflation (and you know it)" ? Curioso effetto davvero ... sembra quasi un esercizio di poesia visiva ...

    Ma veniamo al dunque : mi sembra di capire, mi corregga se sbaglio, che la sua argomentazione sia fondata sul principio che "differenziali di inflazione persistenti alterano la competitività dei paesi in assenza del meccanismo correttivo del cambio".

    Da questa premessa generale si potrebbe dedurre che il meccanismo correttivo del cambio permette di correggere differenziali di inflazione persistenti e ristabilire condizioni di competitività non alterata tra paesi

    Sono deduzioni corrette ? Se il principio è giusto e se le deduzioni sono corrette allora vuol dire che ripristando il meccanismo correttivo del cambio anche la Germania sarà potenzialmente in grado di correggere a suo favore eventuali differenziali di inflazione persistenti e ristabilire a suo favore condizioni di competitività con gli altri paesi dell'UE

    Non vorrei che smantellando l'€ e ripristando il meccanismo correttivo del cambio la Germania diventasse ancora più forte e noi sempre più deboli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peter, sei un grande! Finalmente ti ho capito! Non sei un troll, sei un ellissoide...

      Allora, ti faccio il disegnino: la Germania svaluta i salari (riforma Hartz). Da qui i casi sono due.

      Caso A: il mercato (valutario) non funziona
      Conseguenza: i prodotti tedeschi sono più convenienti, la Germania va in surplus, gli altri o tagliano i salari o vanno in deficit, se tagliano i salari distruggono il mercato interno e quindi il mercato unico, se vanno in deficit rinviano la distruzione del mercato interno.

      Caso B: il mercato valutario funziona
      Conseguenza: i prodotti tedeschi sono più convenienti, la Germania va in surplus, il che significa che la sua valuta è molto domandata (perché serve per comprare dei beni molto domandati), e quindi si apprezza naturalmente, e il surplus tedesco si ribilancia, come libro di testo vuole.

      Ho l'idea che tu abbia studiato economia internazionale sul job act. Dai, su, non era una domanda seria, vero?

      Elimina
    2. Prof,
      Lei m'insegna che i fenomeni economici vanno valutati nella loro dinamica e che nel prendere certe decisioni non dobbiamo considerare solo la dimensione del passato, quella del presente e quella del futuro prossimo ma dovremmo prendere in considerazione anche la dimensione del futuro remoto ( è anche una questione di responsabilità nei confronti delle prossime generazioni)

      Inoltre, Lei m'insegna ancora una volta, che "l'economia esiste perché esiste lo scambio, ogni scambio presuppone l’esistenza di due parti, con interessi contrapposti: l’acquirente vuole spendere di meno, il venditore vuole guadagnare di più"

      Ebbene, Lei sostiene, mi corregga se sbaglio, che con un mercato valutario funzionante il surplus tedesco potrebbe ribilanciarsi.

      Già .. ma per quanto tempo ? Cioè, per quanto tempo il venditore (la Germania) si accontenterà di guadagnare di meno se lasciato libero di decidere per conto suo ?

      Elimina
    3. Più che altro era una domanda da "navigatori" (ma poi sono così diversi dai jobactivi?).

      Elimina
    4. Peter, perdonami, lo sai cos'è un mercato? Hai presente l'analisi diagrammatica di Marshall? La legge della domanda e dell'offerta? Hai presente che esiste un'elasticità della domanda al prezzo? La tua domanda è veramente insensata. Cosa dovrebbe fare la Germania? Stai dicendo che se la sua valuta fosse molto domandata ne terrebbe basso il valore per stimolare la domanda dei suoi beni e aumentare i ricavi?

      SVEJAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!

      È quello che sta succedendo adesso per colpa di tronfi saccenti come te (perdona la correzzzzzione fraterna).

      E poi che vuol dire guadagnare di meno, se il marco vale di più? Non siete voi quelli che dite che se il prezzo riequilibra il mercato, dalla transazione ci guadagnano tutti? Non siete voi quelli che dite che se svalutassimo saremmo poveri? E allora perché i tedeschi non vorrebbero essere ricchi?

      Lo vedi che il populista è Renzi (e tu appresso)?

      Torna a trovarci, è un vero piacere...

      Elimina
    5. Renzi chi ?

      ... preferisco il Renzi-Crozza perché più credibile come uomo di governo.

      Elimina
  34. OT - Quando si insiste per troppo tempo a fare solo propaganda PUDE questo e' il risultato:
    http://www.ilgiornale.it/news/interni/declino-santoro-guru-allangolo-tradito-dagli-ascolti-981675.html
    La gente che ancora guarda la televisione comincia 'a farsi' con massiccie dosi di programmi di puro intrattenimento alternativi.
    Credo quindi che richiameranno il prof. a breve....
    Per due o tre punti di share in piu' magari potrebbero pure decidere di devolvere un sostanzioso bonus ad a/simmetrie.

    RispondiElimina
  35. Telegraph: Una campagna elettorale che faccia sognare gli Stati Uniti d'Europa è la migliore arma contro gli euroscettici

    Il Telegraph scopre le carte sulla strategia della campagna elettorale per il Parlamento europeo elaborata dai funzionari di Bruxelles, diretta ai cuori e alle menti per nutrire l'illusione del "più Europa" e arginare l'avanzata dei populisti euroscettici.

    Per il vice presidente della Commissione nelle elezioni europee di questa primavera gli elettori devono schierarsi a favore o contro gli Stati Uniti d'Europa.

    Una campagna perché l'Unione europea diventi gli "Stati Uniti d'Europa" sarà la "migliore arma contro gli euroscettici", ha detto uno dei più alti funzionari di Bruxelles.

    Viviane Reding, vicepresidente della Commissione europea e commissario di Bruxelles in carica da più lungo tempo, ha chiesto "una vera unione politica" da mettere all'ordine del giorno per le elezioni europee di questa primavera:
    "Abbiamo bisogno di costruire gli Stati Uniti d'Europa, con la Commissione come governo e due camere - il Parlamento europeo e un "Senato" degli Stati membri".

    La visione della signora Reding, condivisa da molti in seno alle istituzioni europee, sarebbe quella di trasformare l'UE in un superstato, che releghi governi e parlamenti nazionali a un ruolo politico secondario, equivalente a quello svolto in Gran Bretagna dai consigli locali.

    Secondo il suo piano, la Commissione avrebbe la supremazia sui governi e i deputati al Parlamento europeo dovrebbero sostituire la sovranità dei deputati alla Camera dei Comuni. I leader nazionali, che si riunirebbero ai vertici nel Consiglio europeo, sarebbero ridotti a un ruolo consultivo simile a quello svolto da una seconda camera, come la House of Lords.

    Nigel Farade, il leader dell'Ukip, ha detto che Mrs. Reding ha rivelato la vera scelta che gli elettori britannici si troveranno a dover fare alle elezioni:

    "Per le persone al potere a Bruxelles, questa è l'unica scelta possibile, nessuna riforma, solo gli Stati Uniti d'Europa. Il 22 maggio il popolo britannico deve chiedersi se vuole questo e votare di conseguenza", ha detto "Sono sicuro che la gente dirà no a questo fanatismo centralista"… (continua)

    RispondiElimina
  36. Buon giorno Professore.
    E già parecchio tempo che la seguo con attenzione, non voglio farle perdere troppo tempo, ma quello che mi sta capitando in questi tempi merita di essere portato alla sua attenzione, perché in fondo è merito suo.
    Essendo operaio non voglio dilungarmi nel raccontarle l'effetto che hanno avuto su di me le letture del libro e del blog, le basti pensare che non parlo d'altro, al lavoro, a casa, al bar, al ristorante e in qualsiasi altro luogo dove le persone che conosco abbiamo la sfortuna di incontrarmi.
    Detto ciò, qualche piccola soddisfazione nell'opera di divulgazione che sto cercando nel mio piccolo di portare avanti comincia ad arrivare.
    Naturalmente la famiglia è stata istantaneamente portata a conoscenza della situazione ed il fratello ha cominciato anche lui a intrattenere gli amici e i conoscenti.
    Ebbene pochi giorni fa mi telefona il fratello raccontandomi che uscendo dalla libreria dove si era recato per acquistare due copie del suo libro, sa era natale e quale regalo migliore si poteva fare? Ebbene, appena uscito dal negozio il fratello incontra un collega trasfertista che aveva intrattenuto insieme ad altri trasfertisti una mattina parlandole di lei del blog e della crisi in atto, inevitabilmente complici i due libri appena acquistati la discussione ha rapidamente virato su tali argomenti.
    Il collega poco dopo tira fuori il cellulare e chiama un'altro collega presente anche lui quella mattina, gli racconta chi ha incontrato e passa il telefono a mio fratello: "Ciao Enrico che piacere sentirti!" gli dice "Sai sono andato a leggere i siti e tutto quello che mi avevi segnalato è tutto vero!!!!! Tra qualche giorno dovremmo tornare a lavorare li da voi mi farebbe piacere rincontrarti...."
    Inutile le dica che il fratello mi ha immediatamente chiamato per raccontarmi il fatto. Fatte quattro risate torno a casa, dopo poco squilla nuovamente il cellulare, questa volta era un mio collega ed amico: "Ciao Mauri guarda questa te la devo raccontare, vado dal ferramenta a comprare qualche trappola per topi perché qualche Mr. Jingles ha deciso di prendere dimora in cantina, ebbene fatto l'acquisto salgo in macchina e mi cade l'occhio sull'etichetta dove c'è scritto made in Germany, mi sei subito venuto in mente, persino le trappole per i topi arrivano da li!"
    Spero di non averla annoiata, so che il debito in un sistema capitalista non è ne bello ne brutto, mi lasci però dire che l'Italia intera ha un debito di riconoscenza con lei.

    RispondiElimina
  37. La lettera di Mauri G. fa rabbrividire, possiede e trasmette l'energia vitale del popolo italiano, quella stessa che proviene dagli archetipi antropologici della storia, della cultura, dell'identità di una nazione, che è ancora forte e che grazie a queste esperienze e a questa vitalità riuscirà a riscattarsi.

    Che la forza sia con noi !!

    RispondiElimina
  38. DRAGHI: NON SIAMO FUORI DALLA CRISI!

    Ieri Draghi nella sua consueta conferenza stampa si è arrampicato sui vetri del condizionale del Paese delle Meraviglie … niente sarebbe com’è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa! Ciò che è, non sarebbe e ciò che non è sarebbe.

    Basterebbe ricordare a tutti che ieri il governatore della banca centrale europea ha detto di non condividere l’idea, la prospettiva in base alla quale l’indebolimento della Germania possa contribuire a rafforzare l’Europa, per comprendere l’aria che tira nel board dopo che il suo alleato Asmussen se ne è tornato a Berlino.

    E certo è meglio indebolire ancor di più gli altri Paesi costringendoli ad una feroce deflazione salariale, costringendoli a svalutare il lavoro per diventare competitivi visto che non è permesso svalutare la moneta.

    PARIGI – “La Germania va bene, la Francia, l’Italia e la Spagna vanno meglio, l’Olanda meno e Grecia e Portogallo restano sotto pressione”: lo ha detto il governatore della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi, in un’intervista al settimanale francese Le Journal du Dimanche aggiungendo che “la ripresa c’è anche se non è galoppante”. Ticinoonline

    (ASCA) – Roma, 9 gen. – ”Non vedo deflazione”, così il presidente della Bce, Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa. Il numero uno dell’Eurotower non vede, conseguentemente, ”nessuno scenario giapponese”. Il Giappone dopo la bolla finanziaria e immobiliare di fine anni 80, entrò successivamente in una fase più che ventennale di deflazione.
    Ora leggete attentamente qui sotto …

    (ASCA) – Bruxelles, 9 gen. 2014 – In Grecia, Portogallo, Irlanda e a Cipro si rischia un fenomeno deflattivo che potrebbe arrivare a toccare l’intera area euro. Lo afferma Thorsten Schulten, capo unità all’Istituto di scienze economiche e sociali (Wsi), nel corso dell’audizione in commissione Lavoro del Parlamento europeo sul ruolo delle operazioni della Troika (Commissione Ue-Bce-Fmi) nei paesi in difficoltà.

    Le politiche della Troika e il rispetto delle condizionalità necessario per ottenere gli aiuti “hanno comportato cambiamenti radicali nel mercato del lavoro” di questi paesi, “con una riduzione di contratti collettivi e una riduzione dei contratti vincolanti”. Ma soprattutto, avverte Schulten, e’ stato ridotto troppo il livello degli stipendi. “C’e’ stata una pressione sui salari, e questo rischia di generare deflazione”.

    RispondiElimina
  39. "La maggiore distanza tra la Banca centrale europea e la Federal Reserve statunitense non si misura in miglia, né in chilometri, ma in obiettivi. E’ lo statuto della Bce, infatti, che per primo traccia una profonda linea di demarcazione. Lo scopo principale della Banca centrale europea (e di tutte le banche centrali dell’Eurozona) è quello di mantenere la stabilità dei prezzi con l’obiettivo di salvaguardare l’euro. Solo in seconda battuta "fatto salvo l’obiettivo della stabilità dei prezzi", la Bce e le banche centrali dell’Europa a 17 sostengono le politiche generali dell’Eurozona che impegnano il Vecchio Continente nella ricerca di una crescita equilibrata e competitiva che punta alla piena occupazione e al progresso sociale.

    Se si guarda alla Federal Reserve si scopre, invece, che il primo compito della politica monetaria degli States è il massimo impiego (ossia una disoccupazione compressa al minimo possibile), seguito dalla stabilità dei prezzi e da tassi di interesse moderati nel lungo termine. L’accento sulla stabilità del sistema finanziario e bancario degli Stati Uniti giunge in un secondo momento." tratto da http://www.borsaitaliana.it/notizie/speciali/politicamonetariaevitareale/europa/bce-fed-obiettivi-differenti/bce-fed-obiettivi-differenti.htm

    "Gli obiettivi della Fed. In particolare, la banca centrale deve perseguire 6 obiettivi: la stabilità dei prezzi, una elevata occupazione, un tasso di crescita sostenuto dell’attività economica, la stabilità del sistema finanziario, la riduzione della volatilità dei tassi di interesse a lungo termine e la stabilità del mercato valutario. Questi obiettivi hanno la stessa importanza, ovvero non è prevista alcuna gerarchia. Ciò si traduce in una molteplicità di scopi e nella flessibilità nella conduzione della politica monetaria (➔) della Fed, maggiore di quella di cui è dotata la BCE (➔), il cui obiettivo finale è il raggiungimento di un tasso di inflazione non superiore al 2%." dal Dizionario di Economia e Finanza Treccani, voce FED.

    Ecco l'art. dello Statuto FED in originale: Federal Reserve Act
    Section 2A.
    Monetary Policy Objectives
    The Board of Governors of the Federal Reserve System and the Federal Open Market Committee shall maintain long run growth of the monetary and credit aggregates commensurate with the economy's long run potential to increase production, so as to promote effectively the goals of maximum employment, stable prices, and moderate long-term interest rates. (grassetto mio).

    Prof. lei ha ragione, come lo ha Barra Caracciolo che lo illustra nel suo libro, ma i giuristi non hanno del tutto torto: di preamboli auspicanti e considerazioni generali sulla pace, cooperazione, sviluppo, occupazione, ecc. e di richiami generici a tali preamboli ne sono pieni i trattati internazionali e, purtroppo, assomigliano tanto alle dichiarazioni delle aspiranti Miss Italia quando sono intervistate.

    Negli statuti anche la formulazione delle priorità è importante, oltre alla considerazione che lo scopo di perseguire la piena occupazione alla FED lo da anche il Full Employment Act del 1978.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo, questo lo so, ma manca evidentemente la percezione di un paio di punti essenziali.

      Primo, cosa sia la stabilità dei prezzi lo decide la Bce: finora lo ha deciso in modo asimmetrico (deflazione bella), lo sa lei perché, ora si sta muovendo verso un approccio simmetrico (deflazione brutta come inflazione), ma il punto scriminate (2%) lo decide lei.

      Se un'inflazione media al 4% potesse salvare l'Eurozona, la Bce non avrebbe nessun impedimento giuridico a dire: "Contrordine compagni: 4%!".

      Chiaro il punto? Questo implica, in pratica, che parlare di priorità non ha alcun senso. Lasciamolo far agli espertoni, che fa rima con vedi tu.

      Controprova: a me pare che tutti parlino di un 2% "iscritto nei trattati", ma nei trattati non c'è. E questo cosa significa?

      Elimina
    2. Significa che di bufale per ingannare i popoli la storia ne ha sputate tante ...

      Elimina
  40. Dal blog di Panagiotis, tradotto meglio che ho potuto:

    <<…Theodoros, che non riscalda piu’ il suo appartamento dal 2011, dice “Qualunque cosa accada noi sopravviveremo alla Troika e all’Unione Europea. Anche se rimanessimo 5 milioni di abitanti dei 10 che siamo. Noi siamo qui da troppo tempo per scomparire cosi’, ed e’ piuttosto la UE che e’ gia’ morta, dapprima nella coscienza dei popoli, poi nei fatti, presto o tardi. >>

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questa frase c'è tutta la combattività che gli uomini e le donne greche tirano fuori quanto più li stringi alle corde, quanto più li hai delusi, quanto più li hai feriti e che ho visto fin troppo bene in quegli occhi neri, fieri della loro grecità.

      Elimina
  41. Che è un "ipse dixit" assurto a norma da commentatori un po' pigri :-)

    Naturalmente ha ragione nel dire che il livello dei prezzi lo stabilisce la BCE e potrebbe stabilirlo ad un livello tale da perseguire politiche di sviluppo ed occupazione, ma dovrà convenire che politicamente è più cogente un target immediato, perché espressamente definito in una norma, che un target mediato ed eventuale, perché riferito ad un richiamo.
    IMHO una certa "svogliatezza" nel perseguire obiettivi fissati aliunde, pur se nel TUE, sarebbe meno giustificata se quegli obiettivi fossero interni alle norme di funzionamento della FED.

    RispondiElimina
  42. Una domanda, nel suo libro è spiegato che il differenziale di inflazione cumulato, corrisponderà circa con la svalutazione del paese considerato che uscirà dall'euro o da un cambio fisso.
    Mi chiedo nel suo libro calcola quella dell'italia in base all'inflazione cumulata verso la Germania, ovviamente più alta, non sarebbe più corretto calcolare la svalutazione in base all'inflazione media europea per avere un'idea di una media pesata della svalutazione/rivalutazione della nuova lira? anche magari della rivalutazione rispetto ad altre valute più deboli?

    i dati li ho presi dal sito dell'IMF

    [IMG]http://i41.tinypic.com/2nr0obt.png[/IMG]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe una svalutazione verso una moneta che non c'ė
      La Germania ė il benchmark per tutti

      Elimina
    2. si ma ora in questo momento è l'euro la valuta di rifermento, la germania in questo momento ha quindi una valuta svalutata e l'italia rivalutata. QUINDI il differenziale di inflazione che ha CAUSATO la crisi non è quello verso la Germania ma quello verso l'euro e quindi l'inflazione europea! o no?

      Elimina
    3. perchè Marchionne è così proeuro e condanna un ritorno alla lira? Non ci credo alla risposta che è un idiota incompetente perchè non lo è... allora cosa mi chiedo? A rigor di logica dovrebbe vendere molte più FIAT invece?!

      http://www.youtube.com/watch?v=2wXkVxouJxs

      Elimina
    4. Caro, una valutazione più precisa andrebbe effettuata ponderandola rispetto ai partner commerciali e comunque dipende da chi si sgancerebbe e come. Il libro lo hai letto, ma le istruzioni per l'uso no... L'euro non è in nessun caso un buon benchmark.

      Elimina
    5. @kmofds

      l'inflazione riguarda le nazione e le loro economie, non la moneta adottata
      mi spiego meglio: italia e germania adottano la stessa moneta MA non hanno la stessa inflazione, ERGO la moneta non centra (fino ad un certo punto, però...)

      i confronti devono essere fatti nazione contro nazione, pesandole, se lo fai sulla media non ottieni un'informazione utile
      per esempio potresti avere l'inflazione italiana identica all'inflazione media ma essere meno inflazionato verso 14 paesi e più inflazionato verso gli altri due
      però quei due sono quelli che esportano molto verso di te, perchè sono grossi

      mi spiego?

      Elimina
    6. ok, ho capito, ma la tua risposta davide mi sembra troppo implicita. In sostanza la risposta sarebbe dato che che il valore della moneta è determinato dalla domanda e offerta di essa bisogna guardare le varie bilance commerciali fra i partner europei di maggior rilievo e l'Italia e i corrispondenti delta di inflazione ponderati per paese.

      Giusto o mi sbaglio?

      Elimina
  43. Interessante nonché pertinente

    http://blogs.telegraph.co.uk/finance/ambroseevans-pritchard/100026374/mario-draghi-strap-on-your-pickelhaube-and-buy-fistfuls-of-german-bunds/

    RispondiElimina
  44. Lo faccia, Mario: prenda bene a cinghiate il suo Pickelhaube, e lo riempia con un rotondo trilione!

    Non è necessaria una deflazione forsennata per spingere l'Europa in una complessa trappola debitoria. In base ai prezzi correnti al mercato dei futures, l'Italia già è a rischio di un aumento esponenziale nel rapporto del proprio debito pubblico. Lo stesso vale per il Portogallo. Fathom Consulting ha evidenziato un punto cruciale, spesso trascurato: la bassa inflazione è abbastanza maligna da poter avviare una spirale di fuga dal debito dell’Europa meridionale. Si può certamente dire che le cose vanno male perché nessuno farà qualcosa prima che sarà troppo tardi.

    "Basse percentuali di inflazione costituiscono un rischio per l’esistenza dell'area valutaria comune. Secondo le valutazioni del mercato, ci si aspetta che in Italia l'inflazione sarà dello 0,8 per cento nei prossimi tre anni. Se così fosse, il debito italiano prenderebbe una china insostenibile", ha detto. Il debito dell'Italia è già salito dal 119 al 123 per cento del PIL in tre anni a causa di queste dinamiche, che sono l’esito dell’eccesso di austerità. Fathom sarà sicuramente rimasta interdetta dopo le affermazioni del primo ministro greco, Antonis Samaris, secondo il quale la Grecia “si sta lasciando la crisi alle spalle”.

    Come può esser vero quando il debito pubblico sta galoppando oltre il 170 per cento del PIL? Sia come sia, Fathom ci dice che l'eurozona sta diventando un caso da libro di testo della Walters Critique, anche troppo lungo. Senza un meccanismo di trasferimento fiscale, l’Unione Monetaria Europea automaticamente ricade in cicli di feedback durante i quali i paesi in forte espansione hanno i tassi di interesse più bassi, alimentando così la bolla fino a che questa non esplode. Al contrario i paesi in difficoltà hanno tassi di interesse più alti mentre scivolano sempre più nella deflazione, dando fuoco alla crisi. La gravità dipende evidentemente dal carico debitorio iniziale. La Lettonia non è la Grecia. Questo sistema è "inerentemente instabile". …

    Nel contesto attuale, è imperativo che la BCE faccia di tutto per impedire che le economie più deboli slittino ancora di più verso la deflazione. Il modo migliore per ottenere un esito del genere sarebbe quello di incoraggiando le economie più forti a reflazionare. Le politiche monetarie dovrebbero essere allentate in modo netto in tutta l’area valutaria. Sarebbe giusto intraprendere un fitto programma di QE senza copertura, comprando principalmente obbligazioni del governo tedesco. …

    Esatto. Perseguire un rigoglioso QE comprando obbligazioni fino a che la BCE non riesca a raggiungere il suo obbiettivo di inflazione del 2%, e soddisfi anche l’altro suo obbiettivo, quello del 4,5% di incremento dell’aggregato M3, il secondo pilastro al momento non perseguito dalla BCE. Certo, è una bella tentazione poter dire di comprare “soprattutto” Bund. Ciò costringerebbe almeno il Bild Zeitung a smettere di gracchiare che gli acquisti delle obbligazioni del Club Med non sono altri che salvataggi di emergenza. (traduzione italiana)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sfugge perché dovrebbe comprare soprattutto bund.

      Un trilione sarebbe pochissimo, basterebbe per un roll over dell'LTRO e poco più'.

      Stimolare l'inflazione è difficile anche per una banca centrale, ci vuole l'azione combinata con le politiche espansive del governo (e in Europa sono 18 da mettere d'accordo), e ci vuole un mucchio di tempo (chiedere aUSAe Giappone).

      Nella gara tra banche centrali a chi è più espansivo la BCE perderà sempre (basta guardare euro-dollaro euro-sterlina ed euro -yen, per non parlare di euro -franco svizzero).

      Ha ragione il prof, l'euro da solo in piedi non ci sta, non è in grado di sopportare il benchè minimo shock esogeno, Draghi può solo allungare il brodo ma alla fine il suo bluff qualcuno andrà a vederlo e lui di gioco in mano ne ha poco....

      Il problema vero è che allungando il brodo ci può far annegare, e aver ragione da morti.....è comunque sempre meglio che niente, però.....

      Elimina
  45. Aver ragione da morti non è sempre meglio che niente ...

    forse è meglio aver torto da vivi ...

    RispondiElimina
  46. Mi spiace se in questo post suonerò un po' troppo gasato di essere italiano però, anche se è poca cosa, con molti meno fondi rispetto a Micro-Sòle, Electronic Burps e tutti gli altri, indovinate un po' chi pone un nuovo benchmark nella simulazione di guida?

    Tanto per ricordarci che non siamo innovatori, non investiamo, non siamo creativi, che i nostri prodotti non valgono nulla e bla e bla e bla!

    Ah! Mi dicono dalla regia che anche la vettura pare sia un prodotto italiano, riprodotto virtualmente su concessione e in stretta collaborazione con Ferrari...
    Ankelaaa, beccate st'asfartata, te, le "Porce" e i diritti in esclusiva alla EA...
    Chissà perché poi, leggendo sui commenti, molti appassionati americani si lamentano del prezzo di 35€: eppure è attualmente al vertice del settore. Sarà mica colpa dell'euro più forte del dollaro? Nooo...

    RispondiElimina
  47. Prof,
    ieri sera non ho replicato, ormai avevo già bruciato i miei 2 commenti pro die, Le rispondo adesso.

    Lei dice che la mia domanda (vedi sopra) "è veramente insensata" ?

    Beh, a me non sembra visto che ho già una risposta implicita. Sa chi me l'ha data ? Me l'ha data Wilhelm Vocke nel 1951 !

    Cito da pagina 232 del suo libro ;

    Già nel 1951 il presidente della futura Bundesbank, Wilhelm Vocke. affermava che "incrementare le esportazioni è vitale per noi, e ciò dipende dal mantenimento di un basso livello di prezzi e di salari... mantenere il livello dei prezzi inferiore a quello degli altri Paesi è l'obiettivo principale dei nostri sforzi"

    La morale della favola ? La Germania ha sempre trovato e sempre troverà, con o senza €, una leva per incrementare le esportazioni mantenendo un livello concorrenziale di prezzi, salari e qualità dei prodotti e non si accontenterà mai di guadagnare di meno limitando per lungo tempo il proprio Lebensraum (spazio vitale) economico (le esportazioni), soprattutto se lasciata libera di decidere per conto suo e nel proprio interesse

    Quindi ? Quindi credere di diventare concorrenziali, recuperare competitività, riconquistare quote di mercato ecc. ecc. e di poter domare la Germania con il semplicistico ripristino del meccanismo correttivo del cambio e affidandosi alle presunte virtù taumaturgiche del mercato è una pia illusione

    Buona Domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro,

      Vocke lo conosci grazie a Cesaratto o a me, con probabilità 99%. Quindi ti spiego al volo cosa non va nel tuo ragionamento.

      Punto primo, stai chiarendo che una sopravvalutazione del cambio rende più poveri e soprattutto più piagati dalla disuguaglianza i paesi (perché costringe a comprimere sempre più i salari se si vogliono mantenere alti i profitti). Ti ricordo che la svalutazione è il contrario della rivalutazione (goofynomics, sai...), il che ti spiegherà perché negli anni '70 i salari reali in Italia crescevano.

      Punto secondo, le politiche "à la Deutschland" sono socialmente insostenibili nel lungo periodo, anche per un popolo con la testa all'ammasso come i nostri cugini teutonici. Finora hanno tenuto anche perché hanno potuto contare su un bacino di poveracci (i cugini dell'Est, prima debitamente sterminati, e poi messi a dare lo straccio in terra a 400 euro al mese). Ormai molti cominciano a lamentarsi anche da quelle parti. Vai a vedere.

      Punto terzo: tu non credi nel mercato, e forse nemmeno io. Ma il mercato va regolato, e fra regolarlo e distorcerlo sistematicamente a proprio svantaggio c'è un abisso che evidentemente le tue deboli risorse non ti consentono di varcare.

      Ci sarà pure un cazzo di motivo se su Twitter hai 30 follower (o giù di lì), no? E dai, stacce. O per lo meno, se vuoi arrampicarti sugli specchi, prima non ungerti le mani!

      Elimina
    2. Altro dettaglio: se il cambio fosse così inutile, perché la Germania ha fatto tanto per abolirlo? Qui la tua risposta mi interessa, già l'anticipo e mi stralollo...

      Elimina
    3. Bella logica dei miei stivali!

      Dal momento che viene dichiarato un comportamento aggressivo in ogni caso, allora è inutile avere a disposizione un meccanismo che ne renda più difficile l'adozione.

      Credo sia difficile una dialettica che non sia uno spreco di tempo su queste basi.

      Elimina
    4. Vedi che la discussione coi troll è utile? Io in tv vado bene per due motivi: primo, perché da concertista ho imparato a dominarmi; secondo, perché dai troll ho imparato a mettermi al livello di ragionamenti assurdi. Ben vengano i Peter, servono per ridere in faccia ai Boccia!

      Elimina
    5. Chiarisco il concetto: certe volte, nei dibattiti, le obiezioni degli interlocutori sono talmente stupide (non me ne voglia il buon Peter, che oggi ha solo un calo degli zuccheri) che rischiano di lasciarti attonito. Il blog è stata una grandissima scuola.

      Elimina
  48. OT - De bitcoin
    Cosi' come il 2% di limite (come ampiamente spiegato qui asimmetrico e fissato arbitrariamente 'dalla Germania') all'inflazione interna dell'Eurozona costituisce uno degli strumenti tecnici per espropriare gli Stati nazione periferici della loro sovranita' economica, mi sembra che di attacchi ce ne siano in corso anche piu' subdoli.
    Non sappiamo ancora se il fenomeno bitcoin durera', ma, secondo il pensiero di P. Krugman, il bitcoin appare piu' come uno strumento per togliere agli Stati la capacita' di riscossione delle tasse (attraverso la sottrazione al loro controllo dell'attivita' economica degli agenti operanti nel suo territorio) che come una vera moneta (con una riserva minima di valore).

    http://krugman.blogs.nytimes.com/2013/12/28/bitcoin-is-evil/

    RispondiElimina
  49. INEQUALITY FOR ALL

    Ottimo l'intervento di Servizio pubblico, peccato che Santoro sia a favore dell'euro, l'arma di distruzione di massa in mano alle lobby finanziarie che dominano il parlamento europeo e l'Europa, e che stanno distruggendo le economie del sud …

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però Santoro non mi sembra in malafede. Con me è stato molto corretto, direi il più corretto di tutti, visto che è stato l'unico a propormi di presentare dati. Non ci ho parlato molto, ma credo che sia più vittima dello Zeitgeist che "preda" di lobby. Comunque, in entrambi i casi la musica cambierà.

      Elimina
    2. E' vero, è stato più corretto, ma ha dimostrato sempre e comunque la sua mentalità piddina ...

      Elimina
    3. Non voglio fare l'avvocato di nessuno e sono sempre stato critico con l'impostazione acriticamente focalizzata su un unico problema (Berlusconi), però secondo me Santoro, quando fa vedere Reich o (umilmente) Bagnai, è tanto più apprezzabile proprio in quanto ahimè ancora non depiddinizzato.

      Elimina
    4. Concordo col prof, per quanto Santoro mi stia cordialmente sugli abitanti di Cogliate devo riconoscere che è stato fra i giornalisti che gli hanno permesso (al prof) di esprimersi più liberamente, insieme alla giornalista di Linea d'ombra di Telenova e a quelli del TG5, in più occasioni.

      Elimina
    5. Tutto giusto.
      Resta il fatto, però, che la puntata di Servizio Pubblico mi sia sembrata molto deludente (l'audience, fra l'altro, pare sia in calo).
      La rappresentazione della crisi in Italia è stata ancora una volta confinata a livello molto "micro" e "sentimentale", senza nessun tentativo di analisi delle dinamiche in atto e delle relative cause (anzi della CAUSA, mai pronunciata in trasmissione), nemmeno traendo spunto dal filmato di Reich per tentare una contestualizzazione all'Italia.

      Alla fine, quindi, dopo tre ore, i presenti in sala (Rampini, Landini, Brunetta, i ragazzi, lo stesso Santoro), apparivano più smarriti e frustrati che all'inizio.

      La differenza la fa, come sappiamo, solo un'esposizione scientifica con dati di fatto logicamente collegati.
      Qualunque interlocutore non sia in grado di esibire le sue tesi e di ribattere alle altrui in tal modo, non ha più, ormai, nessuna credibilità e utilità nel pubblico dibattito, perché il tempo delle ipotesi è scaduto e urgono soluzioni (in senso letterale: scioglimento di nodi critici)..

      Elimina
  50. Ho appena letto il commento di un intelligente lettore all'articolo del Telegraph. Ci vuole tanto a capirlo?

    Before joining the madness called euro, unemployment in France and Italy was lower than in Germany. Italy (and France) exported to Germany more than Germany exported to Italy (and France). The Lira (and the Franc) meant german products were too expensive for italians but Italian products, although of lower quality, were much cheaper for Germans.

    It is your idea that every country on the planet must adapt to a foreign economic model, which implies a foreign life style, which is at the heart of the euro doom.

    If France, Italy and Spain left the euro tomorrow, after a couple of year of chaos, every thing would go back to normal. They'd have a little more inflation, true, but exports would rocket, liquidity would flow into the market stimulating internal demand, debt would be monetized, tourists (germans included) would double.

    They would be free to live their lives freely, without having to ask for permission to their "masters" in Brussels and Berlin.

    On the other side, Germany couldn't export goods all over the planet with a hyper-devalued currency, it would have to sell their goods to Chinese, Americans and Brazilians - not only other europeans, in D-Marks. Those who do the numbers in Schauble's office have already forecast this scenario would cause a massive loss of billions every year, that is way they're more than happy to bail-out everybody in Europe. Whatever the sum, it is lower than what Germany would lose in exports and employment, were the euro-edifice to fall apart.

    Every time somebody has tried to impose a super-state on Europe it has always failed, and always it will do.

    RispondiElimina
  51. Qualche interesse ce l'avrà pure lui, dato che la sua trasmissione somiglia sempre di più ad un pollaio, da cui emerge un'unica tesi, guarda caso sempre piddina. E poi un professionista del suo livello che non ha mai letto:
    Vladimiro Giacché, "Anschluss"
    Gianfranco Bottazzi, "Sociologia dello sviluppo"
    Aurélien Bernier, “La sinistra radicale e i suoi tabù”
    Aurélien Bernier, “Come la globalizzazione ha ucciso l'ecologia”
    Aurélien Bernier, “Disobbedire all'Unione europea”

    oltre naturalmente a "Il tramonto dell'euro", che speriamo abbia letto,

    che professionista è??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che non riesco a farmi capire e faccio un ULTIMO tentativo. Proviamo col controfattuale. Sai dirmi un'altra trasmissione dalla quale non emerga come tesi dominante una tesi piddina, e che mi abbia permesso però di argomentare con dati (dandomi il supporto della regia, la possibilità di chiamare i grafici, ecc.)? No, così, per sapere, perché eventualmente mi ricompro una televisione...

      Elimina
    2. Ah, just in case: io i lutti li elaboro in fretta...

      Elimina
  52. Non non so dirti altra trasmissione, quindi alla fine hai sempre ragione tu, lo devo ammettere. Poi del resto devo star buona se no non vieni a Parma..

    (a proposito, quando vieni?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vengo, quindi puoi essere cattiva quanto vuoi.

      Elimina
    2. Ma ci sono 200 ragazzi che ti aspettano!!

      Ci avevi promesso che venivi.

      Ti do ragione perché ce l'hai, non perché te la voglio dare.

      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA
      HAI RAGIONE TU PERCHE' HAI I MOTIVI VALIDI PER AVERLA

      Elimina
  53. Scusate, qualcuno ha postato questo articolo non nella versione originale, ma dal sito dei marxisti della Mancia.

    Ora, a parte che questi sono di per sé non particolarmente brillanti, se andate in fondo all'articolo vedrete che c'è una nota di copyright che vieta di rispostare. Quindi, per non violarla, ho cancellato il commento e postato l'originale.

    Facciamo così: chi mi porta materiale che viene ripostato dai marxisti della Mancia finisce al trash. Chiaro, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ripostare, scusate. Non perdiamoci tempo. L'articolo ha ovvi limiti (ovvi secondo me, ovviamente: spesapubblicabrutta, debbitopubblicobrutto), che purtroppo vengono dall'Italia, e una parte molto condivisibile importata dalla Francia, quindi di per sé non è che arricchisca tanto il nostro dibattito, però un suo interesse magari per voi ce l'ha.

      Elimina
  54. Nell'ultimo articolo di Ramanan, c'è uno studio recente della FED (dicembre 2013) sull'"insensitivity of Investment to Interest Rates". Molto interessante, conferma alcune intuizioni postkeynesiane peraltro, ma soprattutto pone ulteriori dubbi (uno più uno meno) sulla politica dominante, ovvero la priorità della politica monetaria rispetto a quella fiscale. è interessante anche lo stesso articolo di Ramanan.


    RispondiElimina
  55. Riporto alcuni spunti interessanti dell'articolo linkato sopra:

    «Lo Stato assorbe la metà del pil ed è l’unico settore che si è espanso nel corso della crisi, mentre tutti gli altri si sono ridimensionati. Se poi i quarantenni mettono mano, sorretti dai fautori della crisi attuale, a una maggiore patrimoniale rispetto a quella che è già stata decisa, allora l’uscita dall’euro verrà causata da chi prenderà questa decisione».

    Io non so esattamente cosa intenda Blondet con l'affermazione che lo stato si è espanso, temo come ha sottolineato Bagnai che intenda "hanno aumentato la spesapubblicaimproduttiva".
    Il problema è che non corrisponde al vero.
    Primo, la spesa sociale italiana è la più bassa d'europa, secondo il settore pubblico impiegatizio è oggetto da anni di blocchi del turn over e diminuzioni salariali, vuoi per il mancato adeguamento all'inflazione vuoi per precise scelte dei governi.
    Basta andare a vedere gli 80.000 posti di lavoro in meno creati dalla riforma Gelmini nella scuola e la procedura di infrazione UE contro l'Italia per abuso di contratti a tempo determinato, ma c'era anche il demenziale taglio delle ore di diritto ed economia (guarda caso, le materie che oggi correttamente studiate permetterebbero alle giovani generazioni di avere una coscienza di classe) negli istituti tecnico economici, che ha prodotto una bella sberlona da parte del TAR Molise ai governicchi mani-di-forbice che avevano pensato bene di disinvestire in futuro del Paese per mantenere il DMeuro svalutato rispetto al Leuro.
    Ecco spiegato cosa intendono per riforma della giustizia.

    La ricetta di tagliare il tot% di spesa pubblica per diminuire il tot% di tasse è semplicemente sbagliata ed è esattamente la ricetta delle attuali classi politiche, il tutto in un articolo che letto male potrebbe pure sembrare sensato.
    Del resto, ad aumentare, caro Blondet, è stato il debito pubblico, proprio grazie alle politiche di austerità applicate per deflazionare la domanda interna e impedire all'euro di fare quello per il quale è stato progettato, ovvero esplodere.

    C'è quindi un altro fognatore. Che si contraddice più volte e perfino dall'inizio dell'articolo, quando ammette candidamente che la Germania non vorrebbe mai (e del resto non potrebbe) effettuare i trasferimenti necessari per poter far funzionare l'eurozona ma poi si abbandona al fogno, con tanto di proposte di rinuncia della stessa Germania alla manovra della politica monetaria del cambio ("attribuzione alla BCE almeno del compito di intervenire sul cambio dell'euro").
    Insomma, ci deve spiegare perchè i tedeschi non potrebbero e giustamente vorrebbero operare i necessari trasferimenti per un'europa federale e poi improvvisamente dovrebbero rinunciare alla svalutazione competitiva del marco-euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la sintesi, meno si leggono sti fognatori meglio e'

      Elimina
  56. Chiedo venia !

    Volevo significare ulteriormente la pantomina che recitano le nuove leve della sinistra, che non porterà nulla di nuovo.

    RispondiElimina
  57. Ho appena letto una notizia sul nuovo che "avanza": Monti ed Epifani come ministri di un Letta bis?????

    Annnnamo bene....se siamo fortunati siamo rovinati.

    Manca solo Mrs Crocodile e ....mi butto dalla finestra. Ma ...non dovevamo vederci mai piu'?

    Qualcuno ha ancora dubbi su chi ha preso il potere in Italia?


    RispondiElimina
  58. “E così prosegue la nostra dannata marcia verso un futuro sempre più tragico dal quale forse dovremo difenderci con iniziative sempre più comiche”.
    Tra virgolette:
    Esclusi i presenti, Luca Goldoni, 1973 (nota in quarta di copertina).

    Sono trascorsi 40 anni e in effetti pare proprio che la previsione si sia rivelata esatta. Ad esempio, la First Utility, società britannica per la fornitura di elettricità e gas, «di fronte alla crescente difficoltà dei clienti a pagare la bolletta ha consigliato di risparmiare sul gas evitando di prendere il tradizionale the, e di risparmiare sul gas facendo la doccia in gruppo. Ne hanno dato notizia diversi quotidiani, tra cui il The Independent che riporta i risparmi ipotizzati:

    £ 34 annue risparmiate facendo la doccia in due (viene anche raccomandato di chiedere il permesso all’altra persona)
    £ 10 annue evitando di prendere the o caffè due volte a settimana
    £ 12 annue leggendo o giocando a Monopoli anziché guardare la TV».

    Ma si può andare avanti così?

    RispondiElimina
  59. L'iperinflazione c'è, e non solo è pericolosa, ma ha già fatto tanti morti. E' l'iperinflazione psichica degli euristi. Deflazioniamoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa te la rubo e la diffondo, perché è stupenda! :-)

      Elimina
  60. Altro sangue in nome di una moneta.
    Ragazzo di 29 anni si toglie la vita. Naturalmente diranno che è solo un caso che fosse disoccupato da due anni, che con la crisi non c'è nessuna causalità, che le statistiche non mostrano nessuna correlazione.
    E se anche qualche dubbio dovesse sorgere: più €uropa!

    RispondiElimina
  61. Grazie a Peter Yanez.
    Premetto che sono molto indietro con le lezioni, ma i suoi post con relativa risposta del Prof. sono una fonte formidabile per capire l'argomento.
    A parte il suo divertimento, Peter ci consente di capire (cosa che lui e il partito che rappresenta sono certo vorrebbero evitare, beninteso in nome della democrazia).
    La prego, se non da troppo distrurbo agli altri, continui a pubblicarlo (sempre con la dovuta parsimonia) e a rispondergli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dimostrare la mia gratitudine, dato (volentieri) piccolo contributo (in moneta corrente che a qualcosa serve) ad asimmetrie.

      Elimina
  62. fuori contesto, ma tanto per segnalare. Attilio Velardi, amichetto di Rondolino (quello dell'Italia furbetta perché svalutava), a Omnibus adesso (h 9,00 del 13/1/14): "dovremmo tornare indietro di 600 anni. purtroppo questo paese non ha avuto una riforma protestante, per cui non c'è una morale personale".
    quindi i paesi che hanno morale sono quelli del Nord Europa... noi no.
    tornatomi in mente un passaggio del suo libro mi chiedo: Prof. ma come si permette di avere sempre ragione? Uff, adesso esagera...

    RispondiElimina
  63. Risposte
    1. l'avevo letto anch'io - l'Organo di Disinformazione Quotidiana si fa' sfuggire che i sporchi inefficienti corrotti italioti ancora qualcosa lo san fare. Ciononostante il pezzo e' prigioniero dei soliti schemi euroti: segnala l'attivo commerciale (urrah!) ma e' omertoso sull'austerita' che causa la caduta dei consumi, per cui il confronto con Francia e UK che non fanno altrettanta austerita' mi pare sballato. Ma poi si fa' sfuggire anche che il problema e' proprio del crollo della domanda interna e della conseguente caduta dei redditi, ma dall'unire i puntini si bada bene, per carita'!
      E' proprio vero, come suggerito da Aldo B aldo, qui c'e' un problema psicologico ...

      Elimina
  64. Segnalo articolo sul Sole24 Ore
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-01-11/serve-acceleratore-crescita-082112.shtml?uuid=ABDe60o

    RispondiElimina
  65. Helmut Kohl nel 1996: avremmo perso un referendum sull’introduzione dell’Euro

    Helmut Kohl, ex cancelliere tedesco, ha ammesso di aver agito come un “dittatore” per portare alla moneta unica il paese, altrimenti se fosse stato indetto un referendum “avrebbe perso”. In un’intervista per la tesi di dottorato di un giornalista, il cancelliere tedesco più longevo del dopoguerra ha detto che avrebbe perso con una maggioranza schiacciante, ogni votazione popolare sull’euro. Ha detto:

    “Sapevo che non avrei mai potuto vincere un referendum in Germania. Avremmo perso il referendum sull’introduzione dell’euro. Questo è abbastanza chiaro. Avrei perso sette a tre.”

    L’intervista è stata condotta dal giornalista tedesco Jens Peter Paul nel 2002, l’anno in cui il marco tedesco è stato sostituito dall’euro in banconote e monete, ma è stata pubblicata soltanto ora. In questa (intervista), il signor Kohl descrive che adottando l’euro come emblema del progetto europeo, si sarebbe scongiurata la guerra sul continente. Nato nel 1930, la politica del signor Kohl è stata modellata dalla storia del suo paese negli anni ’30 e negl’anni ’40, i suoi ultimi anni al potere si sono concentrati sulla promozione dell’Unità Europea. Nel corso dell’intervista, ha detto:

    “Se un Cancelliere cerca di spingere su qualcosa, questo deve essere un uomo di potere e se è furbo, sa quando il tempo è maturo. Nel caso dell’euro, sono stato come un dittatore… L’euro è sinonimo di Europa. L’Europa, per la prima volta, non avrà più la guerra.” (????????????????)

    (la sventurata rispose …)

    RispondiElimina
  66. Probabilmente OT, ma visto che il tempo stringe...

    LO SPIRITO DI CURZIO, E IL DISPREZZO DELLA VENDETTA.

    "La notte, disteso accanto ai soldati canadesi, e ai partigiani della Divisione comunista . Avevo schifo di quell'odio che mi mangiava il cuore, ma dovevo aggrapparmi con le unghie al pavimento per non andar per case ad ammazzare tutti i falsi eroi che un giorno, quando i tedeschi avessero abbandonato la città, sarebbero usciti dai loro nascondigli a gridar , guardando con disprezzo, con pietà, con odio, i nostri visi barbuti e le nostre uniformi lacere."

    Da La Pelle, pag 317.

    Forse l'unica vendetta che potremmo applicare, sarà quella di far ballare a Wolfang e Olli, il sirtaki davanti al Partenone mentre, cittadini europei declamano versi di Byron e di Brecht. A Mario, saremo ben lieti di offrirlo noi un altro LTRO.

    RispondiElimina
  67. Date un'occhiata a questo articolocomparso su Repubblica
    http://www.repubblica.it/economia/2014/01/12/news/il_2014_sar_l_anno_dell_euro_forte_ma_l_italia_non_pu_permetterselo-75734087/?ref=HRLV-4

    RispondiElimina
  68. Potremmo chiedere a Mariuccio nostro se sa di questo, e se ci puo' dare urgentemente conferma (sulla veridicita') ?

    http://www.italiainweb.com/zapatero-shock-ecco-la-verita-su-berlusconi-che-nessun-media-ha-raccontato/

    RispondiElimina
  69. Segnalo anch'io un articolo pubblicato oggi (meglio tarid che mai) su repubblica
    http://www.repubblica.it/economia/2014/01/12/news/il_2014_sar_l_anno_dell_euro_forte_ma_l_italia_non_pu_permetterselo-75734087/?ref=HRLV-4

    RispondiElimina
  70. Benissimo, adesso il sole 24 ore (qui) da per acquisito un quadro analitico che fino ad oggi aveva negato con articoli elitisti ed etilisti facendo finta di non capire nemmeno come funziona il mercato delle valute, impianto che su questo blog è stato più volte spiegato e difeso e che gli inutili idioti mediatizzati hanno denominato "teorie di Bagnai".
    C'è però ovviamente un vulnus: la ricetta.
    Si propone di sforare il deficit per favorire investimenti e consumi e riassorbire disoccupazione, avendo come target un certo livello del pil.
    Eppure non ci vuole tanto, l'articolista poteva arrivarci dalle sue premesse, in quanto scrive che "Fra queste conseguenze (quelle delle politiche di austerity nd), vi è anche l'isolata prosperità di un grande paese europeo che gode di un tasso di cambio sottovalutato. Il suo enorme surplus commerciale drena domanda dal resto del continente; ".
    Caro Gawronski, se aumenti il reddito con il cambio fisso in un paese dove il cambio è rivalutato, essendo l'altro paese a cambio sottovalutato come tu correttamente scrivi, come fai ad evitare che quel paese dreni domanda dagli altri, segnatamente da quello che aumenta il deficit e i redditi/consumi?
    E' chiaro che si proporrebbero gli stessi squilibri di debito privato e la necessità di finti salvataggi sotto la forma di deflazione forzata.
    Eppure avevi correttamente individuato tutti gli elementi: c'era il colpevole, l'arma del delitto, il luogo dell'ammazzatina.
    Piccolo grande suggerimento: il colpevole, se così vogliamo chiamarlo, non è la Germania (oooh! colpo di scena), ma inizia con la lettera e.
    Dai che ci arrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo discutendo privatamente questo punto con Piergiorgio. Se volete, apriamo un dibattito pubblico.

      Elimina
    2. Magari professore. Attendiamo fiduciosi.

      Elimina
    3. Io apprezzerei molto se venisse aperto anche a noi. Gawronski è stato gentile ed ha risposto ad alcune osservazioni che sono state fatte nei commenti sul Fatto Quotidiano, ma mi piacerebbe che venissero approfondite. In particolare stima qui come le importazioni aumenterebbero di una percentuale non eccessiva, intorno all'1% del PIL in 3 anni.

      Elimina
  71. Mappe regionali in Europa del PIL dal 2000 in poi: la Germania si “arricchisce”, mentre rallentano le ex-aree produttive dell’Eurozona (in primis il Nord Italia)

    Domanda: Quali aree d’Europa c’hanno guadagnato e quali c’hanno rimesso con l’Euro?
    Per rispondere a questa domanda, utilizziamo un parametro: il prodotto interno lordo procapite a parità di potere d’acquisto.
    Partiamo dal Periodo 2000-2008:
    - L’area d’Europa che s’e’ maggiormente impoverita e’ il NORD ITALIA; seguono a ruota le regioni industriali e più avanzate della Francia
    - Le aree che maggiormente si sono arricchite sono: EST EUROPA, Grecia e le regioni meno avanzate della Spagna

    In sintesi si sono impoverite maggiormente le regioni forti ed industriali, competitors della Germania, e si sono arricchite maggiormente alcune aree piu’ remote ed arretrate dell’Europa, guarda caso esattamente le aree dove maggiore e’ stato l’afflusso di capitali esteri, spesso spinte da bolle immobiliari.
    Ora vediamo il Periodo 2008-2010:
    - Le aree d’Europa che si sono maggiormente impoverite sono quelle PERIFERICHE
    - Le aree che maggiormente si sono arricchite sono: GERMANIA ed alcune nazioni ad essa connesse

    In sintesi si sono impoverite ancora una volta le regioni forti ed industriali, competitors della Germania, e con esse hanno fatto un balzo all’indietro le aree dove precedentemente erano arrivati copiosi capitali esteri e dove con la crisi sono fuggiti, e sono esplose le bolle immobiliari. A questo punto la Germania ed alcune piccole nazioni limitrofe si arricchiscono.

    Tra il 2000 ed il 2013, nel complesso il prodotto interno lordo procapite a parita’ di potere d’acquisto vede:
    - Un ‘arricchimento della GERMANIA e di alcune piccole nazioni collegate
    - Un’impoverimento evidente dei maggiori Competitors continentali della Germania, aree forti economicamente dell’Eurozona, a partire dal NORD ITALIA, ma anche CATALONIA, OLANDA, IRLANDA e FRANCIA del Nord Est.
    Al di fuori di questo perimetro, rallentano Grecia e Sud Italia e si rafforzano alcune nazioni dell’Est Europa che generalmente non adottano l’Euro.


    RispondiElimina
  72. OT - (ma non troppo) Indovinate un po' chi e' appena entrato nel club dei 'sedevevisti'?
    http://www.ilgiornale.it/news/interni/cos-totem-dellausterity-ha-messo-ue-ginocchio-982124.html

    RispondiElimina
  73. Quei vincoli di Bruxelles che pagano i giovani

    Sulla disoccupazione in generale e su quella giovanile in particolare ci siamo spesso intrattenuti cercando di chiarire la complessità del problema e la necessità di affrontarlo con politiche che da un lato attenuino le urgenze presenti e dall'altro individuino strategie di durata per valorizzare al meglio le risorse umane. Nelle riflessioni ci siamo sempre interessati di Europa e Italia nella convinzione (o nella speranza) che in queste democrazie avanzate sia diffusa la consapevolezza che lavoro e occupazione sono connotati essenziali di civiltà (e quindi di progresso umano e sociale) che comportano cooperazione tra le istituzioni e le parti sociali anche per il buon funzionamento di una economia fatta di imprese sane. Ritorniamo sul tema con riferimento alla disoccupazione giovanile in Italia e nella Eurozona.

    La divaricazione dell'eurozona. Siamo di fronte a numeri impressionanti. A novembre 2013 il tasso di disoccupazione per la classe di età tra 15 e 24 anni ha raggiunto in ITALIA IL 41,7% rispetto ad una media della eurozona (Uem) del 24,3% con agli estremi la GERMANIA AL 7,5% e la SPAGNA AL 57% (con quello della GRECIA ANCORA PIU’ ALTO). Nel 2007 l'Italia era al 20,30%, la Uem al 15,10%, la Germania al 12%, la Spagna al 18,20%. Nella crisi il tasso di disoccupazione giovanile italiano è raddoppiato, quello spagnolo è triplicato, quello tedesco si è ridotto del 35%, quello della eurozona è aumentato del 56%. Questi dati peggiorano significativamente se si considerano anche i giovani che non cercano lavoro e che non sono inseriti in processi di istruzione, formazione o apprendistato (i cosiddetti Neets).

    È dunque evidente che nella crisi la Uem ha subito una grave divaricazione nei livelli di disoccupazione giovanile. Non è possibile pensare che questo sia dovuta solo alle "eccellenti" politiche per la formazione e l'occupazione della Germania rispetto a quelle "pessime" degli altri Paesi. Perchè anche la Germania si è "aiutata" in anni di sue necessità.

    Infatti dal 2001 al 2005, quando il tasso di disoccupazione giovanile tedesco saliva dall'8% circa al 15% (e quello totale sopra l'11%), la Germania ha violato il rapporto deficit sul Pil portandolo sopra il 3% per sostenere la sua crescita ed occupazione. È vero che in quel periodo fece anche delle riforme ma si guardò bene dall'attuare politiche fiscali restrittive che rispettassero i vincoli europei. E riuscì a farlo senza sanzioni malgrado i richiami della Commissione europea. (continua)

    RispondiElimina
  74. COMPLIMENTI PER IL PREMIO CANOVA PROF !!

    RispondiElimina
  75. La bolla pronta a scoppiare in Europa

    Questo quanto scritto nello studio: «Anche gli attuali tassi di bassa inflazione pongono rischi esistenziali per l’area della moneta unica. Stando al pricing del mercato, l’inflazione italiana dovrebbe restare al tasso medio dello 0,8% per i prossimi tre anni. Se questo accadrà davvero, il debito italiano entrerà in una traiettoria insostenibile». Calcolando che negli ultimi tre anni, il debito pubblico del nostro Paese è passato dal 119% al 133% attuale grazie alle politiche di austerity che hanno devastato il denominatore della crescita, c’è poco da stare allegri. Ma, come già detto, non vale solo per l’Italia questa dinamica: vale per il Portogallo di cui abbiamo parlato sabato e per la Grecia, tanto che la Fathom nel suo studio si chiede ironicamente come il premier, Antonis Samaris, possa dire che Atene si è lasciata la crisi alle spalle, quando la ratio del debito pubblico sta galoppando verso il 170% del Pil.

    Insomma, senza un meccanismo di trasferimento fiscale, l’eurozona automaticamente sarà intrappolata in un loop dove le nazioni in crescita avranno tassi di interessi reali sempre più bassi e tali da alimentare la bolla, così fino a quando questa scoppierà. Di converso, le nazioni in crisi conosceranno tassi di interesse reali sempre più alti che le spingeranno in una deflazione sempre più profonda, aggravandone la crisi. Un processo autoalimentante che diviene più pericoloso in base allo stock di debito con cui si devono fare i conti. Per la Fathom, «questa instabilità insita può rimanere in sonno fino a quando le cose vanno bene, ma alla fine si rivelerà sempre nella sua complessità e pericolosità».

    Insomma, o Unione bancaria o Eurobond, per la Fathom non ci sono altre soluzioni per eliminare alla radice gli squilibri insiti nell’unione monetaria. Stranamente, due proposte cui la Germania ha già opposto due netti no. Che fare, quindi? Una politica monetaria ultra-espansiva, incoraggiando le nazioni più forti alla reflazione e nel contempo dando vita a un programma di acquisto obbligazionario non sterilizzato. E sapete quali bonds dovrebbe comprare maggiormente la Bce per la Fathom: Bund. Il tutto per raggiungere l’obiettivo prefissato di inflazione al 2% e quello di creazione di massa monetaria M3 al 4,5%. Ma forse l’idea che potrebbe solleticare Mario Draghi in caso di attacco speculativo sull’obbligazionario sovrano è quella di acquistare bond di tutti i diciotto Stati in base al Pil o alle necessità per ricreare un margine di sicurezza contro la deflazione.

    Lo farà? Fino a dieci giorni fa avrei detto no, senza alcun dubbio. Ma con quello che sta per arrivare sui mercati, non lo posso più escludere a priori. Anzi.

    RispondiElimina
  76. http://www.repubblica.it/economia/2014/01/12/news/il_2014_sar_l_anno_dell_euro_forte_ma_l_italia_non_pu_permetterselo-75734087/

    interssante articolo di Maurizio Ricci su repubblica....i piddini esulteranno perchè leggeranno che l' Euro resterà forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca sempre un centesimo...... ovvero l'unica conclusione OVVIA: se "...il cambio sostenibile è diverso da paese a paese..", allora paesi diversi dovrebbero avere valute diverse, O NO?

      Anzi, ne mancano due: senza la leva della valuta nazionale, indipendentemente dal valore dell'euro rispetto ad altre monete, non è possibile alcun riequilibrio ALL'INTERNO dell'eurozona.

      Ormai non possono più nascondere la realtà, ma la moneta unica rimane un dogma che non è possibile discutere.

      Bispensiero puro.

      Elimina
    2. Nell'articolo si menziona per noi un cambio utile a 1.17. Da come la vedo io sarebbe ancora troppo caro.

      Googlando velocemente su lavoce.info, dal 2000 ad oggi ci siamo sorbolati lira + lira -, ad occhio, circa il 25% di export in rapporto ai crucchi.

      Per tirarci su la pettorina ci servirebbe un cambio intorno alla parità 1:1

      Elimina
  77. Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
    l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco
    lo dichiari e risplenda come un croco
    perduto in mezzo a un polveroso prato.

    Ah l’uomo che se ne va sicuro,
    agli altri ed a se stesso amico,
    e l’ombra sua non cura che la canicola
    stampa sopra uno scalcinato muro!

    Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
    sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
    Codesto solo oggi possiamo dirti,
    ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

    Eugenio Montale

    RispondiElimina
  78. Complimenti, Professore!
    Sono veramente felice per Lei.

    RispondiElimina
  79. mi ero permesso nel post precedente di postare un link, questo,
    http://www.youtube.com/watch?v=_lVSBvKMG-E
    dove il famoso cardiologo tedesco matthias rath parlava dell' europa e dell euro in maniera forte e toccante, dove fà capire da dove arrivi tuttta questa follia....

    ora ,
    ho scoperto quest' altra conferenza, tenuta in italia, dove lo stesso Rath presenta fatti e documenti incontrovertibili, che aprono gli occhi (e l'anima )sull' origine di questa "unione europea"
    una presentazione che definirla SCONVOLGENTE ancora non rende l'idea...
    prima parte
    http://www.youtube.com/watch?v=vosugYBYZgk
    seconda parte
    http://www.youtube.com/watch?v=vosugYBYZgk
    dove al minuto 4.11 , con la figura di walther Hallstein , si scopre un dettaglio agghiacciante sulla creazione dell' unione europea... moneta unica.
    terza parte
    http://www.youtube.com/watch?v=jbyh30HIALc
    dopo questa presentazione, la mia visione dell' europa, dell' euro, e della germania non sarà più la stessa, (e pensavo , con i miei viaggi e studi di davvero averle viste e sentite tutte... ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente, la mia visione della Germania non è più la stessa dopo aver letto Anschluss. Su Rath vorrei sospendere il giudizio, ma lo prenderei con le molle.

      Elimina
  80. L'UGL, ex CISNAL per chi se la ricorda, sindacato di destra....almeno lo era, afferma, testuale:

    http://www.wallstreetitalia.com/article/1658083/inflazione-ugl-crollo-e-segnale-allarmante-di-impoverimento.aspx


    RispondiElimina
  81. Segnalo un interessante (per me) articolo a firma M&G Investments, noto gestore di fondi Inglese.....che commenta sull'assenza di preoccupazioni in Alemania in merito alla deflazione:

    http://it.finance.yahoo.com/notizie/bundesbank-niente-deflazione-in-vista-160000011.html

    Sauve qui peut la vie.

    RispondiElimina
  82. perché mettere un limite massimo all'inflazione e non un limite minimo?
    sembra tutto fatto apposta per farci affogare nei debiti

    RispondiElimina