lunedì 23 ottobre 2017

One year later (Brexit)...

(...Marta: "Professore, ma che significa in agenda verificare il tweet di Myrta Merlino?" Io: "Questo...")

Tema


Svolgimento



Conclusioni
Di conclusioni ne possiamo trarre almeno tre. La prima, è che la dottoressa Merlino è una persona molto sensibile, il che la porta a preoccuparsi molto, qualche volta forse troppo, dell'altrui sorte. La seconda è che Gianni Chiodi è una persona saggia. La terza è che, che tu sia Hollande o Tsipras, che tu sia Monti o Macron, se la dottoressa Merlino te la tira, devi preoccuparti molto meno di quando te la tiro io (nei quattro grafici precedenti il puntino rosso indica la data in cui la dottoressa Merlino emise la sua infausta profezia: ricorre oggi giusto un anno...).


(...peraltro, vedo che qui, come altrove, sfugge che nell'abbandono dell'Eurozona, o dell'Unione Europea, quello economico è l'ultimo dei problemi e l'ultima delle motivazioni. I problemi sono democrazia e libertà: la necessità di abbandonare un sistema incarnazione di un nazionalismo malato perché privo per costruzione di tutti gli elementi positivi - il senso di identità e di solidarietà, la visione comune - e infestato da quelli negativi - la volontà di potenza (sconfiggere la Cina), la tensione totalitaria e repressiva; il sottrarsi a una caricatura di sistema politico nazionale pesantemente viziata da una costante, sistematica violazione del principio della separazione dei poteri, vulnerabile all'azione delle lobby, infiltrato dagli emissari di potenze a noi ostili. Poi, se volete, possiamo anche parlare di macroeconomia, e allora vedrete che a distanza di un anno il disastro ancora non c'è... e quando ci sarà, nel Regno Unito, è abbastanza probabile che intorno non sarà rimasto nessuno per goderne!...)

96 commenti:

  1. Ma si...stiam li a commentare queste nullità assolute

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, Davide! E ora dimmi: come ti senti nel constatare che queste nullità assolute (definizione tua) contano, in termini di orientamento dell'opinione pubblica, molto più di un'anima grande come la tua? De minimis non curat praetor, ti capisco. Continua così, e anzi, magari, fai qualcosa in più: invece di verificare la fondatezza delle previsioni dei media, fai un bel partito sovranista celopuredurista. Quella, sì, è una cosa utile!

      Elimina
    2. Fa bene invece il professore a stigmatizzare e rammentare le figuracce di questi "comunicatori", perché la Merlino presidia 6 giorni su 7 uno spazio televisivo su una TV nazionale generalista ed orienta migliaia di casalinghe di Voghera, pensionati, studenti universitari/lavoratori a voucher e disoccupati. Tutte persone che animano le discussioni poi al bar e creano quel clima favorevole per il quale ti ritrovi il PD da 5 anni ancora a governare il Paese... Ci rendiamo conto se il professore avesse avuto, negli ultimi 5 anni, una trasmissione su La 7 dalle 11:00 alle 13:00 dove ogni giorno poter dire televisivamente, sotto varie forme, quello che scrive sul suo blog?

      Elimina
    3. Egregio Ferrari, ho l’impressione che Lei, come molte persone di buona cultura ed intelligenza, mostri una perniciosa propensione a sottovalutare la pericolosità dei cretini.
      Rammento un episodio significativo della nostra storia nazionale. Quando Mussolini decise di nominare Starace segretario del Partito Nazionale Fascista, un gerarca andò da lui e gli disse:
      “Duce non puoi nominare Starace capo del partito!!!”
      “E perché?” chiese Benito.
      “Ma come perché! Perché Starace è un cretino!”
      “Sì, ma è un CRETINO UBBIDIENTE”
      Venendo ai giorni nostri, vogliamo ricordare le performance di certi maGnager pubblici usciti dalla Bocconi, notoriamente fucina di enciclopedici imbecilli? Emblematico il caso del presidente dell’INPS il quale ha asserito che in un paese dove la disoccupazione giovanile è arrivata al 40 per cento gli immigrati ci pagherano le pensioni, senza spiegare quale lavoro potranno svolgere e se lo vorranno svolgere uomini che vengono da paesi dove la cultura dominante considera umiliante il lavoro maschile e senza spiegare come mai ex galeotti che sono vissuti finora di grassazioni dovrebbero diventare all’improvviso provvide formichine lavoratrici.
      Le consiglio vivamente la lettura di un libro scritto da Fruttero & Lucentini intitolato LA PREVALENZA DEL CRETINO, dove si spiega come e quarmente i cretini possano essere molto ma molto ma molto molto più pericolosi dei farabutti.
      E il fatto che noi viviamo in una PEGGIOCRAZIA sembra dimostrare la giustezza del loro assunto.
      Con i migliori saluti

      Elimina
  2. A proposito di astrologia, la Merlino ci da conferma della grande massima di Galbraith senior: "La sola funzione delle previsioni in campo economico è quella di rendere persino l'astrologia un po' più rispettabile"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra un'osservazione pertinente, perché la dottoressa Merlino non è un'economista (e quindi le sue previsioni si schiantano contro i fatti perché prive di fondamento scientifico). Io lo sono e mediamente ci prendo. Aggiungo però che questa non è una critica alla dott.ssa Merlino: il problema non sono le sue competenze (lei nel suo campo è competentissima), ma le sue fonti (che per lo più sono miei colleghi). Eventualmente, quello che si dovrebbe chiedere a un giornalista sarebbe di verificare il conflitto di interessi delle sue fonti. Chiedere alla Bce (o a economisti da essa foraggiati) se l'euro è buono, per fare un esempio, non mi sembra un'idea brillante. Bisognerebbe capire perché ai giornalisti non ne vengano in mente altre, ma qui il discorso diventerebbe molto complesso (vedi alla voce "conflitto di interessi").

      Elimina
    2. "il problema non sono le sue competenze, ma sue fonti...".
      Professore, Lei è troppo buono.
      Un giornalista che tratta temi economici non è il fruttarolo di trastevere (con tutto il rispetto) e certe cose, se proprio non le comprende al 100%, almeno le percepisce fortemente e non si esprime in maniera così sbilanciata, come ha fatto la Merlino.
      Loro mentono sapendo di mentire, perchè facendo così sperano di ottenere benefici e/o scorciatoie per il proseguio della loro carriera professionale.
      Ciò in realtà non rende tali giornalisti così dissimili dalle molteplici attrici che non hanno voluto imporre la propria personalità e soprattutto la propria coscienza di fronte al ben noto produttore cinematografico.

      Elimina
    3. Scienze politiche. E poi un conflittuccio di interesse con la commissione europea...
      https://it.m.wikipedia.org/wiki/Myrta_Merlino

      Elimina
  3. In poche parole dopo la profezia "Merlino" la Sterlina si è apprezzata,la disoccupazione è scesa,la produzione industriale è aumentata ed il Pil non è crollato.
    Speriamo che la "Maghessa Merlino",prima delle elezioni,profetizzi un gran trionfo del Partito Deflazionista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farà, perché non credo possa fare altrimenti, e le cose anche in questo caso andranno esattamente al contrario, perché non credo possano fare altrimenti.

      Elimina
  4. "..il disastro ancora non c'è... e quando ci sarà, nel Regno Unito, è abbastanza probabile che intorno non sarà rimasto nessuno per goderne!..."

    Questa frase di ieri mi e' subito tornata in mente leggendo oggi questa notizia.

    https://www.thesun.co.uk/news/4749678/plague-outbreak-madagascar-worse-before-better/

    Tra le tante sciagure prospettate in caso di Brexit, non c'era pure la peste bubbonica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà si prospetta qualcosa di ben peggiore: http://www.bar.it/a-rischio-lo-scotch-whisky-la-scozia-chiede-aiuto
      Sono già corso a far scorta di Lagavulin.

      PS: siamo vicini alla scadenza delle dichiarazioni dei redditi, quindi il 5 per mille...

      Elimina
    2. Se mi dai l'indirizzo ti mando un mio amico che sostiene che l'UK sarà devastato causa Brexit
      Io ho tentato di fargli presente che è da noi e non in Inghilterra che stanno introducendo leggi per il blocco dei conti correnti e per l’istituzione di una patrimoniale “espropriativa”
      Ma non ho sortito esito.
      Spero che tu abbia miglior fortuna.

      Elimina
    3. Lascia che sia la realtà dei fatti a convincere i creduli e i riottosi.
      Sprecate tempo.

      Elimina
  5. Non capisco perchè in Italia, i "mediatici" siano così interessati ai danni per UK provocati dalla brexit, veri o presunti e non si preoccupino dei danni che da anni provoca in Italia l'appartenenza alla UEM, in particolare sull'occupazione giovanile, visto anche l'esodo con flusso positivo, piuttosto notevole, di persone che per lavoro e per studio si trasferiscono in quel paese.
    Un comportamento clamorosamente poco intelligente ed autolesionista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché di danni a buona parte dei politici l'euro non fa. Se le cose vanno benino è merito dell'euro; se vanno male è colpa delle mancate o tardive riforme (colpa dei populisti antieuro); e se perdi reddito, lavoro ed aumentano le tasse è "perché ce lo chiede l'Europa (i.e. l'euro): e voi dovete (imperativo categorico) anelare alla virtù euro-monetarista. Non vorrete esser così di sinistra (o forse destra a seconda dell'opportunità mediatica e della composizione dell'uditorio) da pretendere che vi venga pagato il lavoro in ragione della vostra produttività? Guardate piuttosto alla dissoluta e peccaminosa UK che ha ripudiato il sacro credo ed ora e condannata a pene eterne.

      Elimina
    2. Semplicemente il terrore di aver avuto torto o il sospetto che qualcuno pensi mentano sapendo si mentire.

      Ma trattandosi di piddini penso sia proprio il semplice sapere di non sapere che li terrorizzi.

      Elimina
    3. Mah... cercare di conservarsi il posto di lavoro non mi pare così autolesionista (parlando degli esecutori).
      I registi hanno altri tavoli su cui giocare e altre corde da far suonare agli esecutori di turno. Almeno, così mi sembra.

      Elimina
    4. La sinistra ha sposato l'idea che per merito suo, e solo suo, l'Italia è stata accolta tra i "grandi", i quali altrimenti "non volevano". Difficile, ma forse impossibile, ammettere adesso che si trattò di una completa cantonata, qualunque sia l'oltraggio che si deve continuare sopportare.
      Più nobile mi pare sia stata la destra, la quale, almeno a parole, quelle della Meloni ad esempio, ha riconosciuto che la sua votazione del 1978, quella dettata dalla sola smania di emettere pernacchie e fare gestacci come Alberto Sordi nei riguardi dei lavoratori, fu un errore.
      La Meloni ha avuto il coraggio di dire: “Siamo andati in Europa come degli alcolisti anonimi e abbiamo trovato un santone che si e' intestato case e conti correnti”. Non credo nella buona fede della destra italiana della prima parte di questa frase, ma credo sia onesto riconoscere l'errore compiuto.
      Al contrario la sinistra ha percorso il processo inverso: sapeva fin dall'inizio come sarebbero andate le cose, vedi discussione parlamentare nel 1978, e ora è concentrata a negare l'evidenza.
      E negare l'evidenza avrà esito fatale, come giustamente il professore ha sempre ribadito.

      Elimina
    5. Non sono pagati per farlo, oppure se lo facessero non verrebbero pagati.

      Elimina
    6. @ALBERTO49
      Certi CV, come quello della Merlino, parlano apertamente e spiegano ogni cosa. Schierati, spesso, si nasce. E si cresce. Non è stupidità o autolesionimo, è genetica. Come tale, unico modo di essere.

      Elimina
  6. Molte persone si fidano del potere costituito, questo impedisce loro di vedere oltre la siepe. Purtroppo solo quando saranno toccate sulla propria carne, si renderanno conto di cio che le circonda. Il problema è come arrivare al loro cuore in occasione delle "prossime votazioni".

    RispondiElimina
  7. "I problemi sono democrazia e libertà"
    Infatti. Trovo particolamente curioso che coloro che si dichiarano eredi dei martiri della libertà, non tengano in nessun conto questo valore, per cui i loro eroi hanno dato la vita.
    Comunque il problema della democrazia e della libertà è evidentemente un problema di informazione.
    Per cui il mio parere è il seguente, e il mio parere è anche un concreto e semplice programma politico:
    1) Alla fine della seconda guerra modiale i padri costituenti si ritrovarono allo stesso tavolo, con 2 certezze:
    1) essere fraternamente uniti dalla comune lotta partigiana
    2) essere ideologicamente distantissimi (c'erano cattolici, comunisti, liberali, socialisti, etc...)
    Per risolvere l'incongruenza, fondarono la repubblica su uno strumento peculiare: LA CONCERTAZIONE.
    Per cui, alla base della nostra democrazia il primo punto è il metodo. Quello della CONCERTAZIONE.
    Senza concertazione in italia non può esserci democrazia (magari una dittatura illuminata, ma la democrazia no).
    Per cui, occorre che tutti gli uomini di bona volontà accettino il metodo della Concertazione, in quanto è l'unico che può tenere unito il paese nel pieno rispetto di tutti.
    2) Il secondo punto è: l'INFORMAZIONE.
    Preso atto che l'informazione privata ha totalmente fallito, non riuscendo a proporre in trent'anni di crisi nulla di sensato per far ripartire il paese, occorre che il quarto potere venga gestito in analogia con terzo (magistratura).
    Quindi, a partire da un grande concorso pubblico nazionale, basato esclusivamente sulla cultura e senza possibilità di valutazioni arbitrarie da parte delle Commissioni d'esame,apertura di un nuovo giornale per ogni regione di almeno 2 nuovi canali televisivi, SENZA PUBBLICITA', perchè gli introiti pubblicitari distorcono la linea editoriale, con giornalisti pagati come i magistrati, NON licenziabili e con carriere prestabilite, assunti esclusivamente sulla base delle proprie conoscenze culturali. E SENZA linea editoriale, anzi, con l'idea di proprorre la stessa notizia dal maggior numero possibile di punti dfi vista.

    RispondiElimina
  8. Mitico prof!! La seguo sempre con vivo interesse.

    RispondiElimina
  9. Come abbiamo compreso, l'Europa esiste soprattutto come blocco geopolitico in contrapposizione alla Russia.
    La Nato e l'UE sono gemelli della politica USA in Europa in funzione anti-russa e forse la Brexit è avvenuta più per motivi geopolitici che per motivi economici.
    Il Parlamento del Regno Unito sarà così liberato dall'obbligo di approvare le misure sanzionatorie che l'Unione Europea propina alla Russia e Sua Maestà la Regina sarà libera di adottare una politica estera verso la Russia libera dai condizionamenti di Bruxelles.
    La Germania, che ha un ampio interscambio commerciale con il Regno Unito, non ha nessun interesse a giungere ad una rottura con il Regno Unito.
    La NATO ha posizionato missili a lunga gittata nella Base di Deveselu in Romania e prossimamente lo farà in Polonia.
    Essi sono in grado di minacciare l'arsenale nucleare Russo.
    Le sanzioni economiche imposte dalla UE persegue la stessa ostilità, per via economica, verso la Russia.
    Dall'altro lato Bruxelles cerca in ogni modo di evitare la realizzazione del gasdotto South Stream (progetto russo-italiano) che dovrebbe portare il gas russo in Europa dal lato del Mediterraneo.
    In alternativa ad esso c'è il progetto Nabucco sponsorizzato dagli USA......
    Gli interessi USA sono fortissimi e Bruxelles non sembra proprio fare gli interessi dell'Europa; gli inglesi lo hanno sempre sospettato e ne hanno avuto conferma, quindi hanno deciso quello che a loro conviene: essere liberi ed indipendenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel Regno Unito hanno fatto un referendum. E nonostante i media ha vinto il leave.
      Credi che il loro governo e la loro regina non hanno deciso nulla. Si sono solo adeguati.

      Elimina
  10. Come nel caso delle molestie hollywodiane in cui tutti sapevano ma tutti hanno taciuto, perfino gente che gli avevano molestato la moglie tipo tarantino. Cosi nel merdaio europeo tutti sono a conoscenza di tutto ma tengono famiglia.
    Dopo la puntata di report in cui il governo non risponde a nulla se non il compagno orlando con un: è il capitalismo baby.
    Chi non ha capito è perche sta dalla parte avversa.

    RispondiElimina
  11. E' chiaro che i "nostri" governanti non rispondono più ai loro elettori, ma ad altri interessi. Purtroppo il grosso degli elettori non se n'è ancora accorto.

    RispondiElimina
  12. Un OT a proposito degli aspetti negativi che infestano la costruzione de Leuropa: Non è che in Catalogna vedremo il battesimo del fuoco di Eurogendfor?

    RispondiElimina
  13. Solita propaganda terroristica,ormai chi la legge Prof.Bagnai,me compreso,si è svegliato da tutte le cazzate che ci raccontano.
    La cosa forse più subdola di questo sistema architettato è che ormai il lavaggio del cervello è tale che,addirittura in buonafede, i sudditi non si accorgono di esserlo e credono che diffondendo le falsità del Potere aiutino concretamente le persone e in questo caso contribuendo alla corretta informazione.

    Detto ciò,ancora grazie per la sua opera di divulgazione.

    RispondiElimina
  14. La signora Merlino si preoccupasse quando questo accadrá perché qui in Gran Bretgna non abbiamo differenziali sui titoli di Stato da usare come spauracchio.

    Tratto da:
    http://www.zerohedge.com/news/2017-10-23/gundlach-warns-order-financial-system-about-be-turned-upside-down


    European interest rates “should be much higher than they are today,”

    “...[and] once Draghi realizes this, the order of the financial system will be turned upside down and it won’t be a good thing.

    It will mean the liquidity that has been pumping up the markets will be drying up in 2018...

    ...Things go down. We’ve been in an artificially inflated market for stocks and bonds largely around the world.”

    Speriamo che quell'"upside down" non significhi anche reazione sociale violenta

    RispondiElimina
  15. manco iniziata ancora la brexit e lo sfracelo della sterlina che verrà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i nostri interlocutori non fossero degli ignoranti analfabeti come te, sarebbe più facile credere al dialogo come un valore. Si dice sfracello, non sfracelo. E ora torna a parlare il tuo dialetto nel tuo cantone (o nella tua cloaca). Te lo dico con rispetto: io rispetto tutte le forme di vita, e i ratti, quasi sempre, sono molto intelligenti. Qui però li ammettiamo se e solo se scrivono in italiano, altrimenti Yanez ci bacchetta. Quindi, niente di personale: continua ad augurarti il male dell'Inghilterra...

      Elimina
    2. Pigreco, la Regina, ad oggi, è ancora il capo di stato di Canada ed Australia, per dire. Ed è ancora ben vista dalle loro parti.
      Ed hanno tutti ottimi rapporti con gli Usa.
      I tedeschi non faranno fesserie, non se lo possono permettere.
      Soprattutto quando perderanno l'appoggio dei francesi.
      Non credo ci sarà nessun sfracello.
      Pensiamo al nostro di sfracello, che è meglio.

      Elimina
    3. Mi ha detto mio cuggino che dopo tre anni è uno sf(r)acelo.

      Elimina
  16. Signori e signori: lascienza e la scienza.
    Se la signora Merlino volesse stupirci con degli effetti speciali dovrebbe semplicemente riconoscere che la sua previsione si è rivelata assolutamente infondata, sull’esempio di M. Foa quando si scusò (qualche gg dopo) per aver pubblicato sul suo blog una notizia inesatta sulla censura tedesca relativa ai crimini degli immigrati.
    Dovrebbe, cioè, fare coscientemente il lavoro che si è scelta.

    RispondiElimina
  17. anch'io tengo memoria degli scambi nei post di fb (non mi incolla l'immagine quindi copio/incollo le lettere) Qui commento un post dell'onorevole Lulli.............
    Andrea Lulli
    24 giugno 2016 ·
    Brexit: non è una buona notizia.
    Mi piace
    Commenta
    Condividi
    13 13
    1 condivisione
    Commenti
    Antonio Russo
    Antonio Russo #brexit o #UEnd
    Mi piace · Rispondi · 24 giugno 2016 alle ore 9:00
    Gestire
    Andrea Cautillo
    Andrea Cautillo Bruttissima notizia
    Mi piace · Rispondi · 24 giugno 2016 alle ore 9:07
    Gestire
    Paolo Manzalini
    Paolo Manzalini Almeno sono democratici , hanno fatto scegliere al popolo !!!
    Mi piace · Rispondi · 1 · 24 giugno 2016 alle ore 10:13
    Gestire
    Massimo Calissi
    Massimo Calissi entrare prima e uscire dopo è la pessima notizia. Molto peggio se non fossero mai entrati
    Mi piace · Rispondi · 24 giugno 2016 alle ore 12:09
    Gestire
    Luca Tanini
    Luca Tanini perchè? La GB in pratica era già fuori, cioè non aveva moneta eu, vincoli e trattati eu non a riguardavano.(ha status speciale lo sai no?) C'era solo la bandierina con il cerchietto chiuso di stelline. Sai te che se ne fanno gli inglesi i quella bandierina!
    Mi piace · Rispondi · 1 · 24 giugno 2016 alle ore 12:47
    Gestire
    Andrea Lulli
    Andrea Lulli La Gb era ed è fuori dall'euro e aveva uno status "speciale", anche in seguito alla negoziazione condotta da Cameron (che non è servita a impedire il brexit), ma è nel mercato europeo comune e dentro il trattato europeo di Lisbona; io penso che non sarà indolore il processo di uscita della GB dalla UE. Neanche per loro (potrebbe disintegrarsi il Regno Unito) . Per noi ci saranno problemi sicuramente sul piano finanziario e bancario, per non parlare di spinte nazionali imitative nel lasciare l'UE; vedremo, ma io confermo che non è una buona notizia.
    Mi piace · Rispondi · 24 giugno 2016 alle ore 14:48on sar...Altro...
    Mi piace · Rispondi · 24 giugno 2016 alle ore 14:48
    Gestire
    Luca Tanini
    Luca Tanini sembra un progetto sbagliato perchè le disuguaglianze aumentano e non c'è crescita. Ai lavoratori cosa conviene? (credo tu stia sempre da questa parte) :)
    Mi piace · Rispondi · 24 giugno 2016 alle ore 15:08

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma benedetto, se sei capace di copiare e incollare sarai anche in grado di "pulire" il testo dalle parole non necessarie.
      Senza offesa, ma nun se po vede'...

      Elimina
  18. Prof,oggi riflettevo sul fatto di sentirmi più o meno libero di quattro o cinque anni fa,quando leggevo il Corriere e prima ancora La repubblica pensavo di esser informato,guardavo anche la tv,trasmissioni di approfondimento(ah??)sui vari canali;quelle le guardo ancora,con la differenza che ora non son più LOBOTOMIZZATO,NON MI ABBEVERO PIU'dai media come prima perchè ORA So,prima ero nella nebulosa chiamata MEDIA,tutto ovattato,una perenne cappa che non ti permette di scorgere alcuna luce,ora QUI son
    LIBERO DAVVERO.Grazie Prof.

    RispondiElimina
  19. Faccio l'avvocato del diavolo: la brexit non è ancora cominciata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per favore! Ma che scemenze sono! Il diavolo è più intelligente di così! Qui non stiamo parlando della Brexit (ne abbiamo parlato secondo scienza in altri post). Qui stiamo parlando della comunicazione sulla Brexit. La dott.ssa Merlino ha detto sì o no quello che ha detto. No? Vai dall'oculista. Sì? Vai a fare questi commenti su un altro blog. Scusami, sai, ma i media sono un grosso pericolo per la democrazia: il loro scopo immediato, ora, è censurarci. Quindi, mi perdonerai se sono un po' elettrico con chi li difende sul terreno sbagliato, quello dei fatti, che non appartiene loro per loro scelta.

      Elimina
    2. Caro avvocato, ma come, proprio lei? Mette in dubbio un dogma dell'economia mainstream, quello delle "aspettative razionali" che giustificherebbero puttanate colossali come l'austerità espansiva? La sola parola Brexit ha già sparso il terrore ... o no?

      Elimina
    3. Caro avvocato, pensa che botta per LEUROPA quando gli inglesi tireranno i remi in barca e bloccheranno i 100 mijjjjardi di euro di deficit commerciale che hanno con LEUROPA con mezzucci WTO....diventeranno better off di una bella fetta di quei 100 miliardi!

      Elimina
    4. L'obiezione di porter è molto raffinata, forse troppo (lo dico senza offesa per l'avvocato). In effetti, la mia sensazione è che i mercati non avessero scontato l'evento, e ciononostante non si siano allarmati più di tanto. Quindi?

      Elimina
    5. Non mi sembra che Colombo sia vessillifero delle opinioni di cui accusate, visto che dice chiaramente di stare svolgendo l’ingrato compito di avvocato del diavolo.
      Avete fatto il militare? Avete mai partecipato ad una esercitazione? Avete mai fatto parte della quadra che simulava l’esercito degli invasori? In tale caso avevate la seria intenzione di invadere l’Italia e saccheggiarla?(1)
      Chiunque combatte una battaglia deve essere pronto a rintuzzare ogni obiezione anche le più cretine. E serve che qualcuno le scovi e le porti all’attenzione dei combattenti. Incidentalmente: sono proprio le obiezioni cretine ad essere le più difficili da contrastare. Ne so qualcosa io che ho un amico il quale asserisce che non bisogna votare M5S perché Di Maio non è laureato. E quando obietto “Scusa ma neanche la Lorenzin è laureata” Lui risponde “Ma la Lorenzin è una persona di grande levatura”.
      Quindi, cerchiamo di essere grati a chi si prende l’ingrata croce di sollevare simili dubbi e pensiamo con affetto a quei preti che nei processi di canonizzazione hanno il triste onere di gettare ombre sulla moralità di aspiranti santi che magari hanno dato la vita per salvare degli innocenti.
      Non facciamo come il popolino napoletano che dopo le sceneggiate aspetta gli attori all’uscita e insulta pesantemente quello che nella recita impersonava la parte del cattivo.
      (1) La domanda non è rivolta ai piddini ovviamente.

      Elimina
    6. I mercati scontano nell'immediato. Come nel caso di questa intoccabile istituzione https://www.bloomberg.com/news/articles/2017-10-26/deutsche-bank-s-trading-slumps-30-as-cryan-s-revamp-sputters

      Elimina
    7. Quindi avrei iniziato il titolo del post con un bel "QED"

      Elimina
    8. Perdonami, Tenerone: non è che ogni volta possiamo ri-occuparci delle obiezioni cretine. Se volete, magari facciamo una classe differenziale dove chiunque possa venire a dire "la liretttaaaaa", "l'inflazzzzzioneeeee", ecc. Qualche ritardato (rispetto al dibattito) che dirà cose simili lo troveremo sempre nella nostra strada, ma non è per questo che dovremo continuare a occuparcene, tenendo presente che se questa obiezione viene fatta in buona fede è altrettanto dannosa che se viene fatta in cattiva fede, dal momento che ottiene lo scopo di farci perdere tempo (e comunque la risposta è in ogni caso inutile a chi fa la domanda). Chi sta qui dal giusto tempo e con il giusto rispetto della netiquette sa già come rintuzzare qualunque obiezione, perché in sei anni qui si è sentito veramente laqualunque. Le obiezioni cretine sono le più difficili da contrastare per chi si appiattisce sulla dimensione meramente tecnica, altra cosa che qui vi ho insegnato a non fare. Posso aver fallito nel mio intento: ma, se è così, questo è un ottimo motivo per NON insistere, o sbaglio?

      Elimina
    9. In effetti, il vero nemico é l'"average Joe". Questo ha sostituito la cultura della conoscenza con una non chiara mentalitá tuttologa. Farciti di presunzioni, sono l'ignobile gregge che legge Repubblica e Corriere, che si piega all'ordine prestabilito. Quello ipnotizzato dalle "series TG".

      "La cultura [... ] è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri."
      Antonio Gramsci

      Elimina
    10. Un attimo, professore. Qui c’è un equinozio. Stiamo parlando di cose diverse.
      La ragione del mio intervento risiede nell’avere constatato che si era ventilato che il buon Colombo fosse intimamente convinto delle idee che proponeva per metterci in difficoltà, in qualità di avvocato del diavolo. In sostanza di insinuava che fosse un piddino.
      Ho, pertanto, inteso chiarire che egli non era affatto assertore delle idee che proponeva e per tabulas risulta sia che il suo intento era solamente di mettere alla prova le nostre abilità logico-dialettiche (come dimostra l’espressione “avvocato del diavolo”) sia che il mio scopo era di allontanare da lui un’accusa infamante (basta leggere la frase “Non mi sembra che Colombo sia vessillifero delle opinioni di cui accusate”).
      Che poi il suo intervento abbia sortito effetti nulli o addirittura perniciosi non è mia intenzione negarlo, fidando totalmente nell’esperienza del professore, che ha maturato in anni di certami dialettici con piddini et similia.

      Elimina
  20. Chi sa come mai gli Italiani che emigrano scelgono il Regno Unito per anadre a fare forse la fame ?

    Estratto dal Fattoquotidiano del 17 ottobre 2017

    “Italiani all’estero, nel 2016 emigrati in 124mila: il 39% ha tra i 18 e i 34 anni. Regno Unito meta preferita
    Il Regno Unito registra un primato assoluto tra tutte le destinazioni, ed è il Paese che ha visto aumentare le iscrizioni all’Aire (+27.602 nell’ultimo anno). Seguono, Germania, Svizzera, Francia, Brasile e Usa.”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuramente masochisti che amano soffrire e sperano che qualche inglese, vestito con una tuta di lattice, li catturi e li sottoponga ad atroci sevizie

      Elimina
  21. La triste verità è che, come dice Alberto, si tratta di democrazia e libertà, ma non c'è verso di farlo capire

    RispondiElimina
  22. @ALBERTO49 Alla luce di quanto è sempre stato detto in questo blog, ma anche per semplice logica, il comportamento che tu descrivi come clamorosamente poco intelligente ed autolesionista risulta invece perfettamente coerente con l'assetto sociale vigente: che in un sistema capitalistico di questo stampo ci sia un classe dominante e che questa classe dominante organizzi strutture capillari di selezione dei propri volenterosi servitori mi sembra decisamente poco controverso. In altre parole: da una persona che il sistema, in questo caso nella sua componente dei media, ha accuratamente selezionato per impersonare la parte della Myrta Merlino, non possiamo che aspettarci che faccia la Myrta Merlino. A mio avviso, l'aspetto più difficile da comprendere, della questione della penetrazione ideologica, rimane quello degli individui che tutto sommato rimangono fuori, o comunque ai margini, di questo gioco di domanda (di volenterosi servitori) che plasma l'offerta (di persone che aspirano legittimamente a trovare una collocazione sociale). E ce ne sono, e sono tanti attorno noi, quelli che tecnicamente non sarebbero "obbligati" ad accogliere certe visioni da nessun particolare mandato sociale. Qua le domande si fanno davvero profondamente complesse, anche se proprio in questa sede si è fatta parecchia luce, sul tema della propaganda in primis, ma non solo. Un altro tema è certamente se sia proprio ritenere che esista un qualche individuo che possa dirsi totalmente al di fuori del gioco di domanda e offerta e se gli uomini liberi non siano coloro che, innanzitutto, lo comprendono e, successivamente, decidono di non subirlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Mattia, concordo con te, i famosi volenterosi carnefici sono scelti con cura, ma io dicevo una cosa diversa e parlavo alla "suocera perchè nuora intenda".
      Ti/vi pongo una domanda: davvero, dopo aver letto questo blog, i libri di Alberto e quanto accaduto dal 2008, ritieni che questi comportamenti siano intelligenti e lo siano per chi li pratichi e per i loro mandanti?
      Non parliamo poi dei teorici dell'economia fasulla, i quali sono alla base delle pseudo-teorie che nutrono quei comportamenti errati. sebbene già squalificati da innumerevoli rovesci verificati da previsioni fasulle anch'esse, continuano a sostenere la necessità di misure che determinino più accanimento terapeutico; costoro dovrebbero davvero vergognarsi.

      Elimina
    2. @ALBERTO49 Capisco il centro del tuo discorso. Sicuramente certi comportamenti lasciano molto sconcerto e frustrazione, come è vero che spesso schiaffeggino la nostra soglia di attenzione per le loro appartenti assurdità ed inintelliggibilità. Il mio tentativo di risposta alla tua domanda (che rimane anche una mia domanda) era incentrato sul fatto che siano perpetrati da personae sociali costitutivamente designate per quelle funzioni e che specularmente, per innumerevoli individui, non sia poi così improponibile, bensì auspicabile, impersonare quei ruoli. Quindi, per provare a rispondere: secondo me sì, sono comportamenti "intelligenti" (capisci in che senso) per i volenterosi servitori, permettendo loro di trovare una collocazione sociale, lo sono per i mandanti, perchè...beh questo è sotto gli occhi di tutti noi: mi pare che fino ad ora la loro influenza si dispieghi in lungo e in largo. Qualche problema cominciano ad averlo sul lato dei volenterosi carnefici...di se stessi, ovvero i miti carnefici, gli appartenenti alla maggioranza senza particolari mandati sociali e tuttavia inglobata nel grande gioco, i quali cominciano a vendere cara la pelle, ed infatti, cosa di cui veniamo avvertiti con lungimiranza su questo blog, l'impulso liberticida è montante.

      Elimina
  23. Professore,la vedo più incazzato del solito,o quanto meno la mostra di più.
    Siamo veramente cosi nella merda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente sono di ottimo umore perché la mia forma è molto migliorata da marzo in qua e quindi faccio molta meno fatica ad arrivare in fondo alla giornata. Noi, comunque, siamo veramente nei guai, ma a questo ormai sono rassegnato. Nessuno può aiutarci, tranne noi stessi. Quindi, fate come me: pensate (bene) alla salute.

      Elimina
  24. Eh, mah, Labrexit non c'è ancora stata!
    (detto con ditino alzato e leggermente oscillante)

    Tipica espressione di chi, dopo aver pronosticato sciagure, si scontra contro i fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure la catalogna-exit non c'è neppure lontanamente stata, eppure, nel dubbio, Madrid stava già ordinando l'evacuazione di tutte le banche.
      In Grecia, neppure avevano fatto in tempo a votare, che già da Francoforte gli avevano precluso tutta la liquidità monetaria e lo spread era alle stelle.

      Nel Regno Unito hanno già deciso di uscire eppure.... eppure ancora non è successo nulla di rilevante.... Vorrà pur dire qualcosa?

      Elimina
    2. Che la GB era dalla parte dei vincitori dopo la ww2 e che di certo gli inglesi non si fanno infinocchiare da qualche crucco che s'improvvisa manipolatore di valuta dell ultima ora.

      Elimina
    3. Il fatto che non sia successo nulla è di per sè già rilevante...

      Elimina
    4. Infatti The Max ;)
      È solo un mio pensiero ma credo che
      gli sfracelli per gli inglesi potrebbero esserci solo se qualcun'altro di forte si mettesse di traverso.
      Purtroppo per chi vorrebbe fargliela pagare (Germania?) gli inglesi non sono soli e non sono la Grecia.
      Hanno ancora un forte legame con le principali ex colonie, Canada e Australia su tutte, poi da sempre sono in rapporti privilegiati con gli americani. Forse anche per questo, a differenza nostra, si sono potuti permettere il lusso di rifiutare la moneta unica. Non potevano essere costretti.

      Elimina
  25. Se i cibi a cui devono dire addio sono gli insetti, proprio male non è andata...

    RispondiElimina
  26. Il problema è che se lo fai notare a coloro che, a suo tempo, dicevano le stesse cose della Merlino, ti rispondono che "ah beh ma la Brexit ancora non c'è stata effettivamente".

    RispondiElimina
  27. https://www.youtube.com/watch?v=JmdfQOgqSpM

    RispondiElimina
  28. Vedo che alcuni dicono che la brexit ancora non è iniziata, mi è capitato da giugno 2016 di leggere commenti analoghi di PDeurini cosidetti avveduti e particolarmente saputelli. Ovviamente, loro sarebbero, secondo loro stessi, più avveduti e furbi dei fessacchiotti che come la maga che parla di brexit come cosa che già produce effetti deleteri per UK, preannunciano ulteriori settantasettevoltesette piaghe per la perfida Albione che ha osato abbandonare un' area economico commerciale che le concedeva accordi e condizioni di favore.
    Questi nostri (nel senso di conterranei) espertoni come pigreco san alias sanpigreco per gli amici(suoi), se ne facciano una ragione, dato che chi ci avrebbe da rimettere nella faccenda non è UK ma chi comanda in UEM, e quindi pensino ai futuri problemi di chi (NOI PAESE) non contando molto, potrebbe invece risulare stritolato da accordi che favoriscano il PADRONATO UEM.

    RispondiElimina
  29. Il problema comunicazione, lo sappiamo tutti, è fondamentale e non penso che possa essere migliorato, e mi ricollego al post precedente, se a monte si colloca un sistema politico di tipo proporzionale. Perché? Beh, partiamo dalla carta stampata: il 99% dei quotidiani nazionali è tenuto in vita tramite accanimento terapeutico economico, visto che lo Stato, aka Governi, iniettano milioni di euro nei loro bilanci. Diversamente fallirebbero tutti. E volete inizino a scrivere anche solo un minimo di verità? Non scherziamo.
    L'unico che vive di vita propria è il FQ, che leggo spesso perché ha ottime firme (il Prof, Di Foggia, Palombi, Meletti) ma che ogni tanto sbarella: ad esempio proprio sulla brexit quando Stefano Feltri (responsabile economia, lui sì economista, la Merlino no) aveva previsto peste e cavallette in almeno due articoloni (come il sola 24ore).
    Sulle tv pubbliche stendiamo un velo pietoso, mediaset lascia spazio (il Prof è spesso ospite) e veniamo alla Merlino. Magari sbaglierò ma ho l'impressione che sia una che banalmente "lega l'asino dove vuole il padrone", un po' come altri nella stessa rete. Sarà anche giornalista, ma è soprattutto una conduttrice e non brilla nei ragionamenti, quando raramente ne fa' uno. E il padrone diciamo che è uno che ha un po' di interessi in giro per l'Italia (Corriere, pubblicità, etc.).
    Detto tutto questo non rimangono che i blog seri, finché ce li lasciano leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, mediaset lascia spazio e in generale sembra essere leggermente più euroscettica rispetto alla rai e la7. È strano perchè in teoria il centro destra berlusconiano non è contrario all'ue/euro ma la sua rete di riferimento si permette qualche lusso di troppo.
      Il bello è che la sinistra si è lamentata per decenni di mediaset come la morte dell'informazione e invece oggi risulta essere l'unica leggermente meno allineata.

      Elimina
  30. Grazie infinite prof.che mi permette di intervenire in questo blog. La seguo da un paio d'anni,la lettura de Il tramonto dell'euro mi ha indotto a studiare un po'di economia ( per me è stata una svolta, dato che sono laureato in filosofia ). Spero di dare il mio piccolo contributo. Ci sono tantissime cose che vorrei chidereLe, ma c'è tempo. Grazie di nuovo. :-)

    RispondiElimina
  31. A proposito di comunicazione sulla Brexit, oggi sul Corriere della sera l’ineffabile Fubini intervista la signora Miller, manager della city, definita “la leader civile - non politica - della metà dei britannici che non vogliono la Brexit”. Più che un’intervista è in realtà un pezzo di indecente propaganda, condita da terroristiche previsioni in caso di mancato accordo fra UK e Ue (“non si sa come potranno decollare gli aerei il giorno dopo, o attraccare le merci a Dover, o come si potranno importare i farmaci”). Fubini spalleggia ovviamente la Miller nella sua indignazione contro il governo di Londra, che pretende di attuare la volontà espressa dal popolo inglese, e quindi chiede: Prevede che lo schiaffo del no-deal risveglierà gli inglesi e li indurrà a riconsiderare la Brexit? E la signora risponde: “Oggi prevale un incantesimo, la percezione che c’è stato il referendum e sia irreversibile. La gente pensa che si debba comunque andare avanti, qualunque sia il risultato. Invece se ci fosse la volontà politica, legalmente si potrebbe farla finita con la Brexit domani. Dobbiamo spezzare questo stato mentale, questa apatia, questo pregiudizio”. Insomma, il voto del 52% degli inglesi è incantesimo e pregiudizio, altro che democrazia, ma i manager della city e i giornalisti sanno bene cosa si dovrebbe fare per “risvegliarli” e farli rinsavire.
    E’ proprio vero: il sistema mediatico rappresenta oggi, e di gran lunga, il principale pericolo per la nostra democrazia, o per quel che ne resta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed osserva la perversione tra le righe: il TINA funziona solo quando vogliono loro.

      Elimina
  32. Guarda tu come agisce la ssstoria di questi tempi.
    Prima ti spazzava via senza che te ne potessi accorgere.
    Ora anticipa il tuo destino trasformandoti in un pallino rosso su un grafico.

    RispondiElimina
  33. Mezzo-OT. Il terrorismo mediatico non è finito in UK. Le belle notizie non c'entrano con la brexit. Mentre "a parte" seguono i commenti catastrofici, soltanto spostati più avanti nel tempo. E così le banche chiuderanno per aprire altrove, il pound sprofonderà ecc. ecc. Il "costo della Brexit" è l'argomento di punta degli espertoni. D'altra parte, i Tory sono più ordoliberisti dei tedeschi e ogni scusa è buona per invocare "sound balance" e austerità. Così mentre in Italia c'è il vincolo esterno dello stare dentro, questi si stanno inventando il "vincolo" dello stare fuori.

    RispondiElimina
  34. Ma lei e’ un professore veramente?? Analisi a mio avviso molto sbagliata, l andamento economico si misura su serie storiche non sul trimestre. Cambiamenti economici si osservano in breve termine (5 anni), medio (20 anni) lungo (50 anni).In oltre, le ricordo che GLI UK NON SONO ancora usciti dalla Unione Europea quindi godono del libero scambio all interno del mercato comune PRIVO DI DAZI DOGANALI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è invece veramente un vigliacco, perché non si firma, e veramente un analfabeta, perché non sa usare la punteggiatura (quindi fa bene a non firmarsi). Detto questo, oltre a non capire il senso di questo articolo, che non è quello di entrare nel merito macroeconomico del problema, ma in quello della comunicazione sui temi economici, le faccio notare che il modo col quale suddivide breve/medio/lungo termine in economia, riferendosi al calendario, è così insulsamente apodittico e manifesta una così totale ignoranza di cosa sia il lungo periodo in termini economici da rendere le sue strampalate asserzioni tanto esilaranti quanto poco credibili. Il mondo è pieno di blog di economia in cerca di lettori: perché non si accomoda su lavoce.info, o su sbilanciamoci.info? Tranquillo, lì ci sono veri economisti. Veri come lei.

      Elimina
    2. Ma cosa gli vuoi rispondere ad uno messo così!
      Probabilmente si tratta di un disperso a seguito di qualche incidente aereo, un ignoto anche a sé stesso che si era perso nelle boscaglie della Transilvania.

      Elimina
    3. Non essendo un’economista non entro nel merito della diatriba riguardante la base cronologica di misurazione dei fenomeni economici e se, quindi, sia il trimestre o la mattinata o il lustro o il secolo o la calenda greca.
      Mi limito a fornirLe un lacerto di uno studio, redatto il giorno dopo il referendum, in cui un profetizzatore di sciagure a carico di Albione -un europeista convinto si direbbe- prevedeva tragedie bibliche nel breve periodo futuro basandosi su dati desunti sul breve periodo passato.
      Eccolo
      QUOTE
      La decisione dell’elettorato del Regno Unito, decisamente inattesa alla luce delle informazioni disponibili nel corso degli ultimi giorni, di uscire dall’UE dovrebbe comportare un significativo impatto negativo sulla crescita economica nel Regno Unito nel breve periodo in ragione principalmente dell’incertezza sulle modalità di “divorzio” con l’UE, soprattutto per quanto riguarda la definizione delle nuove relazioni commerciali (con l’UE e con il resto del mondo), che impatterebbe la dinamica degli investimenti già in rallentamento a inizio anno
      UNQUOTE
      Confidando di averLe recato un utile servizio La saluto cordialmente

      Elimina
    4. Sconosciuto, nel suo lungo periodo fatto di 50 (?!?) anni metà della popolazione in Europa sarà passata a miglior vita.
      Poi in qualsiasi buco del mondo dopo 50 anni l'economia è sempre cresciuta rispetto a 50 anni prima, anche senza la Ue.
      Mi spieghi che senso ha in economia ragionare per periodi così lunghi?

      "Cambiamenti economici si osservano in breve termine (5 anni), medio (20 anni) lungo (50 anni)."
      Cioè, conosci uno in grado di "osservare" il mondo del 2067?!?

      Elimina
  35. "Analisi a mio avviso molto sbagliata"

    ...e leggendo a queste parole, Bagnai, crollò. Come crollarono le sue ardite analisi e teorie. I suoi seguaci lo abbandonarono e si misero in cammino con Unknow, portatore di verità.
    Una nuova era cominciata, un nuovo mondo gli attendeva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, però ci pensa unknown a spiegare ai giovani trentenni disoccupati o precari a 900 euro al mese che nel suo lungo periodo tra 50 anni, quando chi sarà vivo ne avrà 80, che grazie alla splendida Ue non saranno più disoccupati e staranno meglio....

      Elimina
  36. Risposte
    1. Però "gli attendeva" è un arcaismo che, se non fosse stato involontario, avrebbe avuto il suo fascino.

      Elimina
    2. Nooo!Per una volta che potevo fare il figo!

      Elimina
  37. I media in uk hanno preso sul serio la lezione del referendum e sono passati dal pensiero magico a un'attenzione molto maggiore (e coi piedi per terra) ai dati, ad esempio qui (ancora un po' tendenziosi in qualche titolo forse, ma anni luce più sensati dei nostri "giornalisti").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente è educativo come una sconfitta. Per questo non capisco perché intorno a noi la "nostra" gente capisca così poco! Avevamo il vantaggio di partire battuti, ma lo hanno saputo sfruttare veramente in pochi...

      Elimina
    2. A denti stretti ammettono che si erano sbagliati a fare i catastrofisti; ma con quale aplomb!

      Elimina
  38. Dopo la brexit c' è stato un bombardamento a tappeto su tutti i media ma tra tutti rai radio tre era ossessiva oltre ogni limite. Forse, per il pubblico a quale si rivolge,quelli che sanno di sapere(in anconetano i "capiscioni").Mi viene in mente una battuta della Le Pen ,sul consenso all' euro ,che ,grosso modo faceva"Gli acculturati hanno più difficoltà a capire cosa stia succedendo "e da parte dei media assecondali in questa ottusità percepita da loro come superiorità intellettuale e morale è in fondo fare "servizio pubblico"ma non nel senso dell' informazione ma nel senso di "servizio sanitario nazionale "nell' ambito della prevenzione delle depressioni dovute al crollo dell' autostima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gilberto, mia nonna mi diceva "capiscione"... e tu ti chiami come suo figlio, che se n'è andato da poco. Volevo farti sapere che è l'unico motivo per il quale sei ancora qui... ;)

      Elimina
  39. OT: la Repubblica 27/10
    Intervista a Tito Boeri: "I sindacati ormai si battono solo per fare aumentare la spesa pansionistica. Non difendono i salari che, tra l'altro, contribuirebbero a pagare le pensioni. (...) I pensionati hanno un bisogno disperato di più giovani che lavorino con salari più alti e di immigrati regolari che versino i contributi."

    Ma va'? Chi l'avrebbe mai detto.
    Da Draghi a Boeri repente si desta(no) assurgendo a paladini del lavoro salariato. Fra un po' vedremo Monti e accessori emettere borborigmi sulla stessa melodia. Senza un cane di giornalista che osi chiedere conto della leggera contraddizione fra salari più alti e svalutazione interna, aspettando le meraviglie dell'austeritá espansiva

    OT2
    Intanto la preclara ministra Fedeli ingiunge ai genitori degli alunni della Scuola Media Inferiore di portare e andare a prendere i figli all'entrata e uscita da scuola, perdindirindina: è la legge! "Se mamma e papá lavorano vadano i nonni."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi daranno la cittadinanza anche ai nonni dei nati da stranieri?
      Li ius soli avis..

      Elimina
  40. questa mattina su radio 1 ho sentito questo servizio sulla Brexit di Anna NOtariello :il Regno Unito rischia di non poter curare i malati di cancro per l' uscita oltre che dalla Unione anche dall' euratom.Un altra perla del terrorismo mediatico dei media http://www.radio1.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-c8da0a82-ab22-4377-9100-8139023b819a.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troveremo l'isola di Gran Bretagna galleggiare sola soletta al largo del Mar glaciale Artico, in perenne balia delle onde....

      Elimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.