sabato 1 dicembre 2012

Wish I was there...

55 commenti:

  1. Consiglio di leggere il nuovo articolo di questa mattina su Byoblu di Messora. Fantascienza? L'unica cosa stonata l'uso esclusivo di moneta elettronica o digitale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu intendi l'articolo di Zibordi, immagino. Evento che mi ha fatto tanto girare i cojoni ieri. Ho chiesto a Messora se l'autore non è forse lo stesso che ha scritto questa merdaviglia e, in caso affermativo, perché sta legittimando un soggetto del genere. Ad oggi non mi ha risposto.

      Elimina
    2. Comunque io ho ancora dei dubbi su alcuni punti dell'articolo di Zibordi. La merdaviglia ovviamente la ritengo tale, però l'osservazione che "i mercati finanziari sono oramai così separati dall'economia reale tanto che i semplici economisti forse, e dico forse, non sono più in grado di comprenderli appieno", ecco questo punto mi lascia ancora perplesso.

      Elimina
    3. A me sono talmente girate sul discorso moneta elettronica che il resto è passato in secondo piano!

      Elimina
    4. @ CorrettoreDiBozzi01 dicembre 2012 12:25

      Sono stato al link della merdaviglia. Che merdaviglia! (ovvero dare l'emoteca nazionale in gestione alla "Conte Dracula S.p.A.")

      Elimina
    5. Jacopo a me sembra di aver capito, leggendo questo blog, che la tendenza in tutto il mondo è quella di un ritorno ad un assetto tale per cui i mercati finanziari non siano lasciati a sé stessi e non possano produrre danni su vasta scala.

      Quindi, aldilà del fatto che dire ad un econometrista che non ha un modello è una vaccata che cozza contro il significato stesso del termine econometrista (notare che lo dice uno che dichiara di avere un dottorato in economia), gli sfugge completamente il senso del dibattito a cui (presumo) Alberto si riferisce nella risposta riportata dal grande genio del trading.

      Notate anche che per lui il mercato finanziario è IL mercato, perché lui magna di quello. Ma vi ricordo che senza l'economia reale non magna nessuno in realtà.

      Come al solito, se ho scritto lievi inesattezze correggetemi.

      Elimina
    6. forse bisognerebbe che si tornasse ai fondamentali, il buon K.Marx ad esempio.L'esplosione del capitale fittizio (ad interesse) rispetto al capitale produttivo (profitti industriali) è una CONSEGUENZA logica della non profittabilità dell'investimento produttivo. ciò si verifica, secondo Marx e secondo Keynes, allorchè l'aumento della produttività del lavoro (si producono le stesse merci con meno personale) provoca contrazione dell'esercito dei salariati (Marx) e crollo della domanda effettiva (Keynes). allora gli investimenti capitalistici si rivolgono verso il settore finanziario, ingrossano le bolle che poi esplodono.adesso ci troviamo in una fase post-atomica e gli stati devono dimagrire per consentire di foraggiare il capitale fittizio.

      Elimina
  2. Ah dimenticavo l'apologia degli IDE nel finale, in perfetto stile donaldiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ho notato il riferimento agli IDE, e su twitter ho scritto a byoblu "MMT?".. no answer

      Elimina
  3. Un plauso al direttore del dipartimento, prof. Piergiorgio Landini.
    MI piacerebbe essere lì, non vedo l'ora che Eco carichi i filmati (GRAZIE sei fantastico).
    Mais, où est le Roi-Soleil?

    ps Non che sia importante, però la tovaglia potevano stenderla un po' meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia trovi un'anteprima qui su YouTube. L'incontro era filmato in streaming e quindi è rimasta disponibile la registrazione. Il video di Eco della rete sarà di qualità migliore e resterà come documento di riferimento, ma intanto questa è una buona anticipazione. Un ringraziamento agli attivisti del M5S di Firenze che hanno provveduto a queste riprese.

      Elimina
    2. Ah però, i M5S di Firenze...Ma lo sanno Casaleggio e, in seconda battuta, Grillo? In ogni caso han fatto un bel lavoro!

      Elimina
    3. Li ho conosciuti ieri sera a cena e vi posso assicurare che sono più due entomologi appassionati di grilli che non due grilli eterodiretti.

      Elimina
    4. Era impossibile organizzare 4 ore più gratificanti . Emulare una presenza in diretta voleva solo lenire quella lontananza che io stesso avrei sentito se fossi dovuto restare a casa. Una mattinata indescrivibile ,sia per i contenuti , sia per aver materializzato così tanti nick nella stessa stanza , sia per averci dato modo di conoscere altre fonti di informazione altrettanto valide che spero prima o poi decideranno di avvicinarsi a questo misterioso mondo virtuale per divulgare conoscenze che NON devono restare confinate in un'aula universitaria ( nessuno ha la mail di Cesare Pozzi e Luciano Barra Caracciolo ) .
      Io e l'altro entomologo abbiamo soltanto messo una webcam . La speranza è che questo streaming unito all' Eco dei video ( o viceversa ) possano destare interesse in tante altre persone e ortotteri ; lo stesso che ci spinse alcuni mesi ad approdare su quest'isola felice .
      Se è vero che il buon giorno si vede dalla cena , vorrei ringraziare anche tutti coloro che durante la sera precedente hanno condiviso sinceramente i loro timori politici ,che per certi versi condivido anch'io , nella speranza di aver alleviato almeno in parte anche grazie al pesante contributo alcolico ....

      https://fbcdn-sphotos-g-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/148176_10200143942666709_1752966140_n.jpg

      Frase della serata :" sei il primo grillino che vedo dal VIVO !!! " . Lo vedete che pian piano ci stiamo materializzando ?
      Purtroppo la splendida giornata è finita troppo presto . Siamo dovuti tornare a casa di corsa . La caserma chiudeva alle 20:00 spaccate. Un ritardo e mia moglie mi avrebbe fatto capire quanto sia compassionevole la Merkel .
      Quindi oltre a scusarmi con Alberto e tutti i goofyfan per non aver potuto trasmettere in streaming la presentazione del suo libro ,voglio ringraziarlo per la fantastica giornata e vorrei estendere questo ringraziamento anche alla sua famiglia che ci permette ormai da un anno di vivere una risorsa tanto preziosa .

      Elimina
    5. Gli effetti del pesante contributo alcolico alla cena etilista-non-elitista si possono chiaramente vedere nella foto: uno dei commensali era così brillo che prima ha rovesciato il vino alla sua sinistra e poi l'olio alla sua destra... :)





      Elimina
  4. il suo libro è giunto pure ad Oristano, in libreria, e non l'ho dovuto nemmeno prenotare, era disponibile in negozio. Mentre la commessa lo cercava pensavo si stesse confondendo con un altro libro, e invece...
    Ma il fatto più piacevole è un altro: "Per curiosità, ne avete altre copie?" "No,era l'ultima"... anche nella spenta,conservatrice,anonima,tranquilla Oristano c'è ancora qualcuno che cerca le risposte nel posto giusto. Speriamo che venga un giorno in Sardegna. Io studio in Scienze politiche a Cagliari, la Preside della facoltà è pure vicesindaco del comune di Cagliari, guidato dal centrosinistra, e ho molti professori vicini al PD, nel polo giuridico-economico so che ve ne sono altri. Quanto mi piacerebbe vedere le loro facce mentre la sentono parlare, chiedere loro cosa ne pensano dei suoi discorsi,davanti al pubblico. sarebbe un piccolo fogno. saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualcuno mi ha segnalato l'utilizzo di questo neologismo (merdaviglia) riferito ad un mio scritto che trattava il tema del mercato finanzario che è fatto dai trader i quali forse per questo ne capiscono di euro più degli accademici. Peccato che sul web si proceda a compartimenti stagni e ognuno se ne stia confinato nel suo fan club senza come si suol dire dialogare con alieni. Auguri comunque per i vostri studi in economia, un giorno quando li avrete completati e andrete a lavorare ad esempio appunto sul mercato finanzario vi si apriranno altri orizzonti

      Elimina
    2. Ho letto un po' alla buona il link postato dal correttore, ed in effetti mi lascia perlesso. Non ricordo di quando Bagnai si sia riferito a se stesso come "eterodosso", ne si è mai definito come geniale e rivoluzionario, giacchè di solito cita conclusioni di altri, che non mi sembrano affatto meno autorevoli di un Mosler. Mi chiedo sinceramente se lei c'è o ci fa, scusi.

      Poi è normale che la gente possa restare merdavigliata ._.

      Elimina
    3. È di Donaldo il fin la merdaviglia...

      Elimina
    4. gz: bello de zzio... perché piazzi il tuo commento qua sotto? Sono stato io a proporre qui per primo il neologismo merdaviglia (non lo gradisci? Ciò mi impensierisce assai.)

      Guarda non ho voglia di perdere troppo tempo con te, basterà proporre un semplice esperimento. Vai da Barnard e fagli leggere questo brano tratto dalla tua merdaviglia, basta solo questo:

      «… 1) "il dibattito internazionale" sul Debito, la Moneta e le Banche lo fa il mercato finanziario in cui operano i trader, gli hedge funds, i fondi e le Goldman o Morgan, Bridgewater o Soros, sia in pratica, cioè sbriciolandoti le valute e i bonds o BTP, sia in teoria cioè discutendo su Bloomberg, Financial Times, Reuters e nei report di banche e fondi, FMI e Bank of England. Mi spiace per i professori italiani, ma il il dibattito internazionale" su moneta, debito e banche non avviene nelle facoltà di economia, nemmeno in quelle americane, per non parlare poi di quelle quelle nostrane. Io riporto, a tempo perso, di cosa di discute sul Financial Times o alla Bank of England o a Bridgewater, cioè dentro al mercato finanziario e alle istituzioni finanziarie, ma se leggo i blog dei prof di economia mi sembra di essere su un altro pianeta. Qui hai dei professori che non leggono il Financial Times e Bloomberg, ma il Manifesto e il Fatto Quotidiano (questa è sempre stata la mia esperienza di frequentazione dei prof...), non sanno come funziona il mercato finanziario, i cambi e i bonds e pretendono di spiegarti cosa fare con il BTP e l'Euro.…»

      Poi torna a riferire qual'è stata la sua reazione. Se ti sputa in entrambi gli occhi vuol dire che è coerente con quello che scrive da circa 2 anni a questa parte.

      Vai caro, vai... evvai!

      [Goofynomisti: ma davvero vi devi spiegare perché?]

      Elimina
    5. Ecco cosa significa avere una scuola pubblica del cazzo, continui a fare gli stessi errori che non ti hanno corretto quando eri piccoletto.

      Errata corrige: qual è!

      Elimina
    6. In pratica Zibardi ci sta invitando a seguire il modello irlandese. Dumping fiscale e capitali esteri....una favola merdavigliosa.

      Elimina
    7. Signor gz, sono stanco. Non ci capisco più niente. Non so cosa sia un ED né come passi le giornate un treader, non ho mai giocato una schedina al Superenalotto figuriamoci se m'intendo di mercati finanziari. Però non capisco perché avercela se qualche professore fa una po' di sana opera divulgativa per noi ignoranti. E basta polemiche, Mosler qui, Mosler là, Cesaratto è un maiale (ma perché?! ce la spiega anche a lezione la MMT oggni tanto!), la Kelton è più figa di Bagnai, ect. Si potrebbe unire le forze, con serenità e tranquillità? Ci troviamo tutti d'accordo che l'Euro faccia schifo. Possiamo partire da lì? Perché mentre discutiamo Monti & company ci inculano a sangue. Grazie, scusate se provo ad aggiungere qualcosa al dibattito senza averne i requisiti, spero di non creare disturbo.

      Elimina
  5. Premesso che non sono laureato in Economia,
    premesso che la materia mi sta appassionando NON POCO,
    premesso che sono venuto a conoscenza del suo blog grazie a quello di Messora,
    premesso che ho DIVORATO il suo libro,
    premesso che non sono un signoraggista [almeno spero ;-) ]
    premesso che penso che Lei, prof. Bagnai, stia facendo una a dir poco LODEVOLE opera di divulgazione sull'eurotrappola che ci sta lentamente portando alla "macelleria sociale" (lo dico in modo serio, senza piaNgeria),
    premesso che ogni volta che incontro qualcuno e si casca a parlare di politica lo INTIMO a visitare il suo blog, a comprare il suo libro e in genere a non appaltare il suo cervello a dei contractors piddini


    io mi/(vi)/(Le chiedo prof.) chiedo una cosa molto semplice, e mi scuso in anticipo se la cosa è già stata delucidata (mi accontenterei di un link eventualmente): all'atto PRATICO, CHE DIFFERENZA SOSTANZIALE C'È TRA

    a) l'obbligare la Banca Centrale di un paese X ad acquistare titoli di stato emessi dal Ministero del Tesoro di quello stesso stato X ad un tasso di interesse diciamo "di comodo" (e se ce n'è bisogno anche allo 0% o il tasso che volete voi)

    b) immettere moneta direttamente nel sistema economico *** (ad esempio stampando la moneta che serve a pagare dipendenti pubblici, ma è giusto un banale esempio) senza una contropartita di emissione di titoli di debito pubblico? Cioè emettere moneta senza "indebitarsi"?

    ***(e poi nel frattempo gestire la tassazione in modo che EVENTUALI effetti inflattivi estremamente improbabili in un momento come questo vengano gestiti nel migliore dei modi)

    Detto in altri termini: quando si dice che il dogma dell'indipendenza della banca centrale, tanto caro agli amici della BCE, si è rivelato a dir poco FALLACE (e fin qui credo di "giocare in casa"), possiamo dire che sarebbe bello se la Banca Centrale e il Ministero del Tesoro fossero in realtà la stessa "persona"?

    Cosa succede se domattina va un pazzo al governo (tanto ormai siamo abituati) e dice:

    "EDIZIONE STRAORDINARIA A RETI UNIFICATE, MESSAGGIO AL GLORIOSO E PRODUTTIVO POPOLO ITALIANO: Non solo cari miei cittadini da stanotte a mezzanotte torniamo alla nostra liretta, quindi cara Merkel 'fanculo, ma pure disintegriamo il debito pubblico "in un attimo" anzi ma che dico in un attimo, in una decina di anni circa, e sapete perché? stampiamo due mila miliardi di nuove lire, le mettiamo in un simpatico cassettino, poi quando coloro che possiedono titoli di debito pubblico scaduti ci vengono a bussare alla porta noi gli diamo il controvalore in nuove lire, poi gli sfiliamo di mano i famigerati titoli e li termovalorizziamo, e quando gli stessi signori ci diranno che vogliono comprare altri titoli di debito noi gli rispondiamo che lo stato italiano non emetterà MAI PIÙ (http://www.youtube.com/watch?v=rvgT8Hs78NI) titoli di debito pubblico perché abbiamo cambiato politica monetaria".

    Risultato: a) Weimar, b) Zimbabwe o c) Danimarca "Giapponese"?

    Quando all'anteprima dell'Ultima Parola della settimana scorsa Lei (giustamente secondo me) in risposta ad una domanda ben specifica sulla MMT si è dissociato dal "sapore complottista" delle tesi di Barnard, mi sembra però che sia stato molto cauto su dare un giudizio completamente negativo della serie "quelli sono fuori di testa sparano solo una massa di minchiate".

    Ho cercato una risposta a questa domanda estremamente specifica in tutto il blog ma non l'ho trovata.

    Se la risposta a questa domanda dovesse essere negativa "per colpa del fatto" che al Mondo non esiste solo lo stato Italiano, allora vi chiedo: questa politica della MMT applicata ad Atlantide funzionerebbe? Sarebbe l'equivalente di avere un Ministero del Tesoro che FA la Banca Nazionale Centrale di Atlantide? Oppure non c'ho capito una beneamata?

    Vi ringrazio per la pazienza infinita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la moneta circolante è il "controvalore"di QUANTO una Nazione produce (salari + profitti), se raddoppio il circolante rispetto al pil si ha iper-inflazione.( i titoli del debito pubblico servono tra l'altro a dare allo stato il potere di controllare i tassi d'interesse).se poi non siamo isolazionisti e i titoli sono posseduti (anche) dall'ESTERO con la tua moneta cattiva (iper-svalutata-inflazionata) come fai a comprare la moneta buona e tramite questa ricomprarti i titoli di debito pubblico?

      Elimina
    2. Fatti prestare la stampante da Mossler! E procurati anche una bella dose di cartucce...

      Elimina
    3. First of all
      Happy Goofy-birhday to you, to the happy few and to all of us too.
      Dato che ho mancato l'appuntamento dal vivo, mi tocca impegnarmi in qualche risposta sommaria.
      @Cartalista
      L'entusiasmo per aver colto implicazioni sul piano civile e democratico della divulgazione economica su goofynomics è comprensibile.
      Purtroppo l'entusiasmo non deve far dimenticare che l'Italia è una "piccola economia aperta agli scambi internazionali": per prosperare (crescere) deve scambiare merci e servizi con altri Paesi, soprattutto i vicini e i fornitori di risorse energetiche e di materie prime.
      Questi scambi devono essere regolati in una valuta di riserva internazionale (che l'euro non è, come chiarito anche qui sul blog), accettata dai partner commerciali. In tal senso, la disponibilità di valuta di riserva costituisce un vincolo esterno all'attuazione della politica monetaria, anche in condizioni di "sovranità".
      Il guaio dell'euro, in estrema sintesi, è che non favorisce gli "aggiustamenti" agli shock esterni (perché l'area euro non è una AVO-OCA). O meglio, li scarica solo sul lavoro. Con una valuta nazionale sarebbe possibile ripartire i "sacrifici" su una base più ampia, corrispondente a tutti i detentori di crediti (principalmente attività finanziarie) denominate in moneta nazionale, con una migliore reattività del sistema produttivo agli shock esterni e una minore durata delle "crisi".
      Questo per dire che con la sola moneta (sovranità monetaria) non si può sistemare tutto, come alcuni possono semplicisticamente pensare.
      La moneta (e le riserve valutarie) vanno comunque oculatamente gestite. Questo lo può fare opportunamente una banca centrale collegata al Tesoro.
      Ammessa l'opportunità dell'esistenza di una banca centrale, la modalità b) di "immissione" della moneta nel sistema non è attuabile direttamente (perché riservata alla banca centrale). Come nel blog è stato pure precisato, una modalità equivalente è quella della "retrocessione" (restituzione) al Tesoro degli interessi sui titoli acquistati dalla banca centrale nella modalità a).
      Il Tesoro immette quindi nel sistema la liquidità - indirettamente procurata in cambio dei titoli sottoscritti della banca centrale - nel momento in cui acquista beni e servizi utili alla collettività, favorendo la crescita economica e sociale.
      Il risultato finale non sarebbe né Weimar, né Zimbabwe e, suppongo, neanche Danimarca (poiché l'Italia è un tantino più grande e con un sistema produttivo ancora ben strutturato), ma un benessere meglio distribuito, anche se con una moderata accettabile inflazione dovuta alla maggiore crescita.
      Il controllo sui tassi d'interesse e la stessa inflazione aiuterebbero a rendere sostenibile il servizio del debito pubblico, senza depauperare lo stato sociale.
      In estrema sintesi, il sistema desiderabile per la nostra "piccola economia aperta" è quello preesistente al famigerato "divorzio" Tesoro-Banca d'Italia del 1981.
      Desiderabile perchè consente, con minori vincoli artatamente costruiti, l'attuazione dei principi di eguaglianza statuiti nella Costituzione della Repubblica Italiana.
      Spero di essere riuscito a chiarire qualche dubbio.

      Elimina
    4. @balduin
      Ti comunico che da oggi l'acronimo AVO e' abolito : da oggi sono AVA !!
      AVA COME LAVA

      Elimina
  6. Altrimenti detto: finanziare incrementi di spesa o riduzioni di tasse mediante emissione di strumenti monetari non solo e' possibile ma permette all'economia di uscire da una situazione di depressione. Occorre solo evitare di spingersi oltre il livello di pieno utilizzo dei fattori produttivi, perche' a quel punto non si avrebbe piu' crescita ulteriore di PIL reale ma solo inflazione. Se questo e' vero - e non ho trovato nulla che indichi il contrario - funziona la mia proposta di risolvere l'eurocrisi mediante emissione di Certificati di Credito Fiscale che vanno ad abbattere il cuneo sul costo del lavoro.

    RispondiElimina
  7. Ma che è successo in questo post?
    Una invasione dei donaldiani e MMTers assortiti?

    RispondiElimina
  8. L'Italia è una "piccola economia aperta agli scambi internazionali"

    Ho notato che si dimentica facilmente questo importante assunto.

    RispondiElimina
  9. per tornare all'EVENTO :


    nella foto vediamo in azione l'autore della svolta semantica,
    mirabilmente culminata nella
    teoria dell'AVA, l'area valutaria armonica.


    Ironia a parte, un apprezzabile strumento di approccio al piddino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate l'ignoranza, ma in cosa consisterebbe un'area valutaria armonica?

      Elimina
  10. desidererei sapere perché il mio commento di ieri sera, del tutto rispettabile non offensivo e di tono assolutamente "didattico" non è stato pubblicato mentre quello di LTCM1990 sì. grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggi le istruzioni per l'uso. Con questo simpatico commento ti sei autobandito dal blog. Non sono qui al servizio del primo che passa per dire la sua opinione senza seguire il percorso consigliato. Si tenga le sue certezze e non si permetta mai più di prendermi per suo segretario. Un atteggiamento che la dice lunga...

      Elimina
  11. http://www.youtube.com/watch?v=yrSzv4hGF2M

    A tutti: sentitevi quello che Brancaccio dice sulla MMT a partire da 2h 20 minuti circa, o poco dopo. Lui è in collegamento telefonico. Esattamente quello che diciamo da mesi, ma Brancaccio lo dice in maniera molto completa e soprattutto parla di tutto: follia dell'export come costo, presunta novità della MMT, idiozia del consolidamento BC-Tesoro ecc, dollarocentrismo, BdP. Bravo veramente. Per me ovvietà, però sentitevelo perché Brancaccio è sempre molto capace a divulgare, a mio parere. Anche perché poi lui conosce il contesto (e infatti cita Marc Lavoie).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di Brancaccio, ho letto il suo ultimo libro ed e' interessante la sua proposta sulla pianificazione pubblica citando il lavoro sviluppato da Leontief. Conosco poco l'economista russo, a parte le poche pagine sulle tavole intersettoriali imparate nei libri universitari. Conoscete qualche lettura reperibile velocemente in rete? Anche in forma wp in inglese. Brancaccio mi ha suggerito di leggere un libro degli anni 80 edito da il mulino. Il prof che ne pensa?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. @istwine

      attenzione che Brancaccio non dice questo :'idiozia del consolidamento BC-Tesoro' , dice che :è un presupposto degli MMTrs che nella realta' non esiste ma che magari potrebbe essere auspicabile ...

      grazie del link molto interessante (da vero ^fanatico MMtrs ;)^ )

      comunque piu' andava avanti l'intervento di brancaccio
      e piu' si manifestava una certa ^costernazione^ nei 3MMtrs
      (perchè in fondo sono persono ben intenzionate )
      mi rendo conto che per un americano sia difficile capire
      che esiste un vincolo esterno...che l'italia -e non solo l'italia- sia una stato a sovranita' limitata
      Mosler/Zibordi portano come esempio Australia e NuovaZelanda per la non cogenza del vincolo esterno ma sono appunto stati che hanno un rapporto speciale con gli Usa e fanno parte della rete informale degli stati anglosassoni ...quindi sono l'eccezione (anche se non penso proprio la nuavazelanda abbia molta sovranita' con un CA e una Bop in deficit sistematico e la moneta costretta a svalutazoni veloci e violente)

      Quanto a brancaccio lui propone la terza via la mediazione europea...per quanto mi riguardo non esiste
      la mia bandiera (Sarabbe ) è protezionisto (anche e soprattuto implicito) e limitazione dei capitali
      ogni opzione diversa per l'italia sara' disastrosa

      http://www.youtube.com/watch?v=KkhyyESYE5I
      (un amaericano che ama l'italia :mike patton ;) )


      Elimina
    4. Bello l'intervento critico di Brancaccio.Chiaro,preciso ed educato

      Elimina
    5. sì R, mi riferivo alla costruzione teorica del consolidamento, che porta appunto a incomprensioni e fraintendimenti. ma senza dubbio Mike Patton è molto più interessante di tutti quelli di cui abbiamo discusso da un anno a questa parte.

      Elimina
    6. Ragazzi, se a qualcuno interessa, qui c'è la trascrizione integrale dell'intervento di Brancaccio menzionato sopra: http://vocidallestero.blogspot.it/2012/12/pubblico-la-trascrizione-dell.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+VociDallestero+(Voci+dall'estero)

      Utile per chi ha qualche difficoltà a decifrare l'audio del video youtube, piuttosto disturbato

      Elimina
    7. Infatti Brancaccio, nel collegamento, fa gli stessi errori del libro. Tra la pubblicazione e l'intervento calabrese non ha letto i post di Bagnai anche a lui dedicati. Interessante, invece, le critiche alla MMT, che sono le stesse riproposte ad esempio da Bellofiore al convegno MMT di Milano con Parguez. Divertente, infine, l'etichetta del giornalista che presenta Brancaccio come un grande Neo-keynesiano.

      Elimina
    8. Bellofiore sul 'consolidamento'
      www.youtube.com/watch?v=9rAqUhqpLm8

      Elimina
    9. credo che la questione più rilevalte dell'argomentazione di Brancaccio sia questa: se l'obiettivo della sinistra deve essere quello della PIENA OCCUPAZIONE (e quale altro se no?) allora alla riconquista-difesa della sovranità nazionale deve LOGICAMENTE accompagnarsi un certo grado di PROTEZIONISMO (in mancanza di accordi internazionali che volti a ripianare gli squilibri ecc.); Brancaccio dice questo perchè si può essere sovranisti e nel contempo difensori del liberismo o meglio del liberoscambismo, e in tal caso sarà sempre e comunque la deflazione interna (e la conseguente DISOCCUPAZIONE)ad aggiustare gli squilibri coll'estero.

      PS.Non son potuto venire alla riunione goofista di Pescara e me ne rammarico. Ma ho perso l'aereo, come se non bastasse avevo l'auto in panne, e c'era lo sciopero dei treni.allora mi sono appostato nei pressi dell'autostrada per chiedere un passaggio. le auto mi sfrecciano davanti,quindi una Volkswagen rossa rallenta,frena e poi si ferma.mi precipito in dirazione dell'auto, ma uno stiramento al polpaccio mi affloscia per terra, la smorfia di dolore mi fa chiudere gli occhi ma riesco ad intravvedere l'auto che riparte accelerando e sgommando. non mi perdo d'animo, mi rialzo da terra e torno a casa svelto ma zoppicante. arrivato a casa balzo sulla mia carrozzina ortopedica , voglio andare a Pescara a bordo della mia carrozzina,che c'è di strano?, ma il mio peso non indifferente (un quintale e mezzo) la fa schiantare e mi ritrovo col culo per terra. disperato grido con tutto il fiato che ho nei polmoni: VOGLIO ANDARE A PESCARA!,e incredibile a dirsi,un'auto arriva , anzi un furgone bianco con una strana luce lampeggiante sul tetto.due omaccioni mi caricano sul furgone e mi stendono su un lettino.
      -allora, andiamo a Pescara?-dico alla giovane donna bionda seduta davanti a me, col camice bianco,i seni prosperosi,la gonna corta e stretta che lascia intravvedere l'orlo delle calze scure.
      -no, andiamo all'ospedale.
      -ma è solo uno stiramento!
      -e infatti non andiamo all'ospedale dove si curano le malattie fisiche.






      Elimina
    10. @Salvatore

      Non ho tempo di ascoltare l'intervento di Brancaccio, quello che dici somiglia a quanto ho sentito dire altre volte da lui e mi trova totalmente in dissenso, e questo non perché io creda nelle virtù del libero scambio (lo dico per chi non ha gli strumenti per valutare il mio percorso scientifico), ma perché le esperienze precedenti ci insegnano che il protezionismo NON sarebbe necessario ed è evidentemente un argomento fragile e controproducente dal punto di vista politico a fronte di elettorati martellati da 30 anni dai messaggi liberoscambisti (col beneplacito o il benign neglect degli economisti "de sinistra"). A me sembra politicamente più valida l'analisi di Meade: in mancanza di accordi, la difesa è la fluttuazione del cambio. E anche in presenza di accordi (a differenza di quello che sostengono Brancaccio e svariati altri).

      Elimina
    11. non ho le basi culturali (studi ingegneristici alle spalle), per contrapporre alcunchè alle argomentazioni di Alberto.E chiaro che la svalutazione dei capitali nazionali è già avvenuta e quindi il 20% del 20% ecc.,epperò senza CONTROLLI e LIMITAZIONI le acquisizioni estere sarebbero cosa facile in ogni caso.ma il punto rilevante, secondo me, è che l'obiettivo della piena occupazione,in condizioni di liberoscambismo, ANCHE col cambio flessibile, ,produce inevitabilmente inflazione cattiva,cioè foriera di deficit commerciali.come se ne esce?

      Elimina
    12. La questione del consolidamento è una scemenza per dei motivi molto semplici: se tu dici che il sistema è consolidato fai passare l'idea che la FED, per dire (nel caso MMT, visto che solo di FED parlano loro), sia pubblica e trasparente. Non è vero e non voglio avere a che fare con nessuno che mi dice "leggi lo Statuto". Trattasi di Banca Centrale totalmente asservita al potere di Wall Street. Loro decidono, pochi cazzi. Lo stesso vale per l'Italia, l'idea che siccome c'è scritto "istituto di diritto pubblico" Bankitalia sia pubblica è ridicola. Il fatto è che se ne deve discutere di queste cose, e se tu fai consolidamento, mettendo Tesoro e BC assieme, non solo fai delle grosse imprecisioni dal punto di vista dei sistemi di pagamento e del funzionamento delle transazioni reali, ma automaticamente hai tutta una serie di leggi come il Divorzio, l'abolizione dello scoperto di Tesoreria, la decisione del Tasso ufficiale ecc che non significano nulla, in teoria.

      Questo è il problema. Ma mica devo essere considerato complottista se dico che la FED è privata, suvvia. Idem se ti dico che Banca d'Italia è un conflitto d'interessi grande come una zona residenziale. Lo stesso vale per la BCE. C'è qualche demente in internet che ti dice che siccome ... [segue il nulla statutario] ... allora la BCE è pubblica. Ma per carità, manda lettere e tutti obbediscono. Qualunque cosa voglia dire poi pubblico, e anche lì è un bel discorso.

      Ecco, questo è il danno del consolidamento, perché è politicamente insostenibile, oltre che teoricamente (o tecnicamente).

      Ma poi, questo è anche un discorso lungo, Brancaccio dice cose giuste su MMT, sacrosante. Ma l'approccio al dibattito su Europa è totalmente sbagliato a mio avviso. Lui la pone su un piano teorico, come se di fronte (Monti e governo) avesse colleghi di parte opposta. Ma questo è un altro discorso in effetti.

      Elimina
  12. Buongiorno Prof. Bagnai

    desidererei semplicemente ringraziarLa per l'interessantissima e piacevole giornata. Spero che Le capiti presto di passare dalle parti di Bari.

    Saluti

    RispondiElimina
  13. Prof. Bagnai le faccio i complimenti per il libro veramente notevole.un essere con un minimo di intelletto si puo togliere il minimo dubbio sulle scelte necessarie a far tornare dove merita il nostro amato(da noi) paese.
    posso avere se possibile una spiegazione da lei o da qualche amico del blog su un aspetto negativo ulteriore che ha l'euro rispetto ad una moneta nazionale?non so se è stato gia trattato se si chiedo venia.
    Riguarda le rimesse degli immigrati che ovviamente inviano denaro a residenti esteri.é vero che quando avevamo la lira comunque le banche estere dovevano investire questi soldi inviati in attività in lire ?e con l'euro ovviamente abbiamo perso anche queste risorse?
    è solo una curiosità giusto per aggiungere un altro tassello da aggiungere in un confronto antipiddino.grazie anticipate a chi mi riponderà

    RispondiElimina
  14. a proposito di svalutazioni che ci renderebbero più aggredibili..
    pensiamo a Nord-Sud in Italia ed Ovest-Est in Germania.
    teoricamente in entrambi in casi (che barzelletta ragazzi) il cambio doveva essere 1:4 mentre è stato 1:1.
    quindi praticamente Sud ed Est hanno IPER Rivalutato rispetto a Nord ed Ovest e teoricamente quindi dovevano mangiarseli.
    Ma praticamente sono stati Nord ed Ovest a ruttare i resti di Sud ed Est.

    RispondiElimina
  15. salve a tutti! mi presento!! seguo questo blog da quando è nato, ma è la prima volta che provo a scrivere e mi sembra di entrare in un campo minato. Dipende sicuramente dalla mia ignoranza in macroeconomia (e non solo), avendo quinta elementare e licenza media presa alle 150 ore, ma ho la fortuna di essere il compagno di vocidallestero e quindi di ricevere ogni tanto un po di luce. Delegato nel consiglio di fabbrica dell'alfa di arese ho fatto politica fino al 77, sono stati anni eccezionali sotto tanti aspetti, chi conosce la storia lo sa. Sono sempre stato un movimentista, si occupavano le case le fabbriche dismesse, si facevano lotte 25 ore al giorno con gli straordinari!! Nel 77 tutto questo finisce arriva l'eroina, le brigate rosse, i nap, e chi più ne ha ne metta, quindi o spari anche tu o entri nel sindacato. Io ero uno di quelli che gridavano né con lo stato né con le brigate rosse, e partito me ne sono in una isoletta in un atollo maldiviano a pesce e cocco e anche cocco e pesce. Fortuna vuole che ero un buon sub. Non puoi cambiare il mondo cambia te stesso, ma questa è un'altra storia. Ok. buon compleanno goofisti vari e belli, a pescara c'ero anch'io e ringrazio tutti i relatori, che hanno fatto studi esagerati e si impegnano a mettere in mano a me ignorante, strumenti di autodifesa x la guerra in corso. sono entrato col metal detector ma se sono andato fuori fammi pure saltare in aria. Io continuerò a seguire goofy perché lo trovo illuminante !!!!10 100 1000 goofy, produttori di luce !!

    RispondiElimina