MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 12 dicembre 2012

Tranquilli!

Ho moltissimo da fare e non ho tempo per gestire la coda del blog. Nessun complotto, nessun problema tecnico. In questo momento potrei sbloccare da iPhone gli ultimi commenti arrivati, ma poi qualche imbecille salterebbe fuori col "perché hai sbloccato lui che ha scritto dopo di me? Tu mi censuri!". E allora, per colpa di una minoranza rumorosa di puerili imbecilli, fermamente convinti di essere l'ombelico del mondo, preferisco gestire la coda se e quando avrò tempo per farlo, onde evitare di ricevere messaggi che mi infastidiscano, in un momento nel quale non ce n'è proprio bisogno.

A stasera!



(oh, naturalmente io non sono elitista, sono solo etilista, quindi potrei anche accettare, avendo un dottorato in economia e un paio di diplomi in conservatorio, di fare da segretario al primo che passa. Ma non gratis. Chiaro? Se non capite questo, l'euro ve lo meritate...)

43 commenti:

  1. Tragico. Ieri sera a ballarò De magistris era l'unico a far notare che la mensa dei poveri a napoli è strapiena e di gente normale. E' stato zittito in malo modo e sono tornati alla carica tutti insieme con la produttività. Da paura. Il programma è inguardabile, ho retto 5 minuti ma quel flash su De Magistris è stato da brividi lungo la schiena. Campagna elettorale a tinte fosche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene così, anzi meglio, avevo paura che tu stessi male.(Capita...!)

      Elimina
    2. A Ballarò fanno di tutto per farti stare tranquillo ma a Roma si sa come è finito tranquillo...ci vogliono illudere di essere come il cane di Mustafà...

      http://www.youtube.com/watch?v=ACogHja4aGo&feature=share&list=PL5CBE1B73C6723AB3

      Elimina
    3. Beati voi, io non ce la faccio più a seguire trasmissioni come quella, almeno non a lungo... Prima o poi devo girar per casa a cercar le mie povere palle cadute chissà dove... Quanto vorrei avercele quadrate!

      Ps. Professore, non si preoccupi di non pubblicarmi, dato il livello piuttosto basso dei miei commenti.... Mi limito a comprendere o imparare, so già che se parliamo di economia per me dare un apporto decente alla discussione è circa impossibile, purtroppo sono solo un gradino sopra ai piddini :(

      Elimina
    4. Figurati poi quando scopriranno di non essere l'ombelico del mondo ma il buco del culo....

      Elimina
    5. In una democrazia la qualità dell'informazione è il bene supremo.

      Purtroppo gli interessi lobbistici sono evidenti.

      La ridicolizzazione è lo strumento principale per colpire le idee ostili, altrimenti vige il solito strumento: il non parlare delle cose scomode.

      Elimina
    6. Io lo guardo per farmi del nervoso e poi venire in posti come questo e trovare un po' di conforto.
      Sarà che forse sono un po' masochista e mi piace stare prima male per poi stare un po' meglio...sono malato.. :)

      Elimina
  2. Dal Corriere di oggi sui "CONTRATTI VINCOLANTI" di proposta tedesca.

    Cari lettori, dopo aver firmato il trattato di lisbona a ferragosto 2008, dopo aver fatto modificare alla chetichella la costituzione, gli eurocrati pensano sempre a nuove strategie per imbavagliare i paesi deboli, forse più nelle loro democrazie che nelle loro economie.
    Il corriere di oggi riporta quanto segue:
    Il presidente francese François Hollande ha fatto capire la sua contrarietà sollecitando, implicitamente e provocatoriamente, un impegno della Germania a «ridurre le sue eccedenze commerciali e a sostenere la domanda interna» per compensare gli sforzi per i Paesi che devono migliorare la «competitività». Ma la richiesta tedesca di introdurre nell'eurozona dei contratti vincolanti per evitare gli squilibri macroeconomici non piace anche all'Europarlamento, al Belgio, all'Austria e viene esaminata con prudenza dall'Italia. Il timore è che a Berlino vogliano imporre, tramite Bruxelles, una ampia cessione di sovranità nelle politiche economiche nazionali e di fatto la possibilità di «commissariare» un governo.

    anvedi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo di fatto grazie ai tecnici ogni possibilità di agire per contrastare la crisi è praticamente inesistente, dato che hanno sterilizzato ogni possibile strumento (prima la moneta, poi il fiscal compact con cui hanno persino sporcato la nostra povera costituzione senza chiedere il permesso ai suoi padroni, che saremmo noi...).

      Lo so che non è niente di nuovo, ma m'è venuta tristezza vedendo Monti su rainews che faceva il gonzo vantandosi di ogni chiodo che ha piantato sul coperchio della bara.

      Hollande stà solo prendendo atto del fatto che la prossima grana è tutta sua, ma mi sa che non la potrà evitare, almeno non fino alle elezioni tedesche.

      Elimina
  3. non vedo l'ora che il nostro prof sia invitato in uno di questi marci programmi di "prima serata", per vederlo fare a pezzi, con la sua aria serafica, quella massa di bugiardi e traditori della mia bella Italia. è una cosa deprimente sentire questa finta classe dirigente sparare balle a raffica senza che nessuno dica uno straccio di verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le guerre si vincono con pazienza, studio e perseveranza; dalle retrovie e con una grande visione d'insieme. Lasciamo la prima serata a chi se la merita...

      Elimina
    2. Sai Albertino, mi domando spesso se: sono bugiardi sapendo di mentire, o sono: ignoranti pensando di dire la verità. E, non saprei dirti quali delle 2 cose sia peggio!

      Elimina
    3. Sai che invece a me delle loro intenzioni non me ne frega proprio niente? E comunque non preoccupatevi, se continuiamo (plurale non majestatis) a lavorare, arriverà anche la prima serata e arriveranno strumenti più potenti per diffondere il nostro messaggio.

      Elimina
  4. Una domanda dall'amico der cavajere nero :
    Arbè me chiedevo, ma visto che sei tanno etilico, che dici rischia de più l'euro o er tu fegato?

    RispondiElimina
  5. La Germania sta rompendo le balle!!!
    I tedeschi sono convinti, da buoni calvinisti, di essere "uber alles" perchè gli altri sono visti da loro come cicale col mandolino... Sono solo un popolo razionale disposto a passare sopra tutto e tutti e sacrificare gli incidenti di percorso, come la storia dimostra. In Grecia hanno foraggiato per anni, con la loro finanza, i consumi di beni tedeschi, poi c'è stata la stretta finanziaria e, con il fondo salva stati, hanno fatto pagare a tutti i paesi europei i crediti privati delle loro banche che avrebbero rischiato con un default della Grecia. Della serie: utili e proventi tedeschi e debiti a carico degli stati europei... e poi vengono quì a dirci cosa è morale e cosa no. Se adesso l'Italia uscisse dall'euro, gli sfascerebbe il giocattolino di avere una moneta relativamente debole per loro (e le loro esportazioni) e troppo forte per i loro consumatori europei col mandolino. Usciamo da questa europa cinica e senza solidarietà! Meglio soli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa chiara è che per la Germania l'eurozona (com'è strutturata oggi) è uno strumento di perseguimento dei propri interessi nazionali. A qualcuno sembrerà paradossale, ma questo per me è un grande fattore di ottimismo. Perchè implica il loro rifiuto a quanto serve a rendere l'eurozona attuale un sistema permanente: i trasferimenti finanziari e le cessioni di sovranità (che oggi andrebbero a loro favore in quanto stato egemone, ma in futuro non è detto - e lo sanno).

      Elimina
  6. Dall'introduzione del professor Giulio Sapelli al recente libro di Gianluigi (non Vittorio) Da Rold "Assalto alla diligenza - Il bottino delle privatizzazioni all'italiana"......Esiste ormai una tale pressione mediatica e subliminale su alcune vicende essenziali della vicenda storica italiana, che nessuno di noi può essere certo di non cadere nei luoghi comuni fabbricati ad arte da una produzione attentissima della menzogna, che veramente ha dello sconcertante.

    RispondiElimina
  7. Ahò regà fermateme prima che a marzo faccio 'na pazzia e voto er Berlusca...

    ...sto a scherzà... ma mica tanto...

    RispondiElimina
  8. Pare che banana, durante la presentazione del libro di vespa, abbia spiegato che l'euro non funziona perché la BCE non garantisce i debiti pubblici e non stampa denaro all'occorrenza.
    Inoltre il banana stesso, ha rivelato, dicendo di poter citare le fonti, che la BuBa, la scorsa estate, abbia ordinato alle banche tedesche di vendere BTP, e che questo abbia innescato una serie di vendite a catena sui nostri titoli. dice il banana che gli lo ha detto qualcuno, è può riferire i giorni precisi in cui questo è avvenuto, che lavora nella filiale tedesca di una banca italiana, che ha ricevuto questo ordine di vendita, sotto minaccia di revoca di licenza bancaria.
    robbe da matti...
    campagna elettorale inizia col botto

    RispondiElimina
  9. Lei deve andare a Ballarò... deve legare Floris ad una sedia,imbavagliarlo e fargli vedere tutte le sue diapositive con tutti i grafici davanti al pubblico,i politici e gionalisti di turno.Poi dice:"HO FINITO, POTETE PROSEGUIRE.."e se ne va.

    RispondiElimina
  10. Ho visto su Voci dall'estero e altrove che è molto impegnato in questi giorni, professore. Il che mi fa molto piacere. Lei sta facendo un grande lavoro. Inoltre, ciò che aveva preannunciato si sta puntualmente verificando.
    Ora tocca ad Anghéla – come la chiama Mineo -, fare i compiti a casa: la festa è finita:

    «La Bundesbank ha tagliato le sue previsioni del Pil per il 2013 dal 1,6% al 0,4% e ha detto che ci potrebbe essere una crescita negativa nel quarto trimestre del 2012 e il primo trimestre del 2013, gettando la Germania in una recessione.
    [...]
    A causa della difficile situazione economica in alcuni paesi dell'area dell'euro e dell'incertezza diffusa, la crescita economica sarà inferiore a quella stimata in precedenza.
    Tuttavia, la Bundesbank ha previsto una crescita del 1,9% nel 2014, ma a condizione che la crisi dell'EZ non aumenti ulteriormente».
    Che è come attendersi che Monti diventi intelligente.

    Evans Pritchard: "Mario Monti sarà pure un grande gentleman eropeo, ma è anche un sommo sacerdote del progetto UE e un protagonista dell'adesione dell'Italia all'euro, la valuta sbagliata".

    Ed è solo l'inizio.

    RispondiElimina
  11. Prof.volevo un vostro commento.....http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=LbDxsoTIupE
    NON CERA NESSUN BARATRO! IL "FATE PRESTO" ERA UNA SOLA!

    RispondiElimina
  12. Sono "reduce" dalla presentazione di Parma...

    Grazie Prof, di essere venuto in terra piddina.

    Quel giorno è stato presentato anche il libro di Daveri "Crescere si può". Dalla presentazione ho capito che Daveri è il figlio della Fornero (la gente vuole il lavoro sotto casa) e che Piero Angela avrebbe spiegato meglio. A parte l'ironia ho sentito una tesi ben argomentata contro una serie di luoghi comuni che detti da un professore universitario mi han lasciato perplesso...ma forse io sono ingenuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rimasto anch'io colpito da quel tipo di argomento, per diversi motivi. Il primo è che in effetti dopo la gaffe della Fornero sul "choosy" ci avrei pensato un po' su. Il secondo è che qui pare che lo scopo sia andare a lavorare in un posto distante da quello nel quale si è nati per vendere a persone ancora più distanti le merci prodotte. Il terzo è che il richiamo alla mobilità è controproducente, se si vuole difendere l'euro, perché la mobilità dei fattori è esattamente quello che occorre per tenere insieme una unione monetaria sbagliata, secondo la teoria economica. Teoria che, ovviamente, non si preoccupa dei sacrifici che questa mobilità comporta, come non se ne preoccupano i teorici.

      Elimina
  13. Mi scusi prof. sono quella che ha grattato la porticina e fuori fa tanto freddo, sto seguendo le vicende del torno/non torno del berluska e noto che i suoi ultimi discorsi sono fortemente imperniati sull'anomalia dell'euro/bce.
    Ma, secondo Lei, 'sto giullare inguardabile, ha cominciato veramente a ragionare e, casomai fosse eletto, potrei sperare che con intelligenza e aiutato (da Lei magari) ci navigherà fuori dalla n-euro-zona, o ha in mente giochini sado-europeisti a danno di noi cittadini purtroppo 'normali'?
    Il soggetto è talmente liberista che ho più fiducia nel programma di albadorata-forzanuova-destradistorace che dei suoi 'moderati' mercantilisti.
    Dio che orrore questo periodo politico, mi fa rimpiangere craxi che arrubbacchiando, ha però sganciato la vecchia liretta cara dall'ecu o eku, insomma quella cosa là astratta, e ha svalutato.
    Vorrei un Suo parere, se può darmelo, o il parere di chi ci vede più di me. Grazie.
    Buona giornata.
    Bianca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, ormai stai dentro, ti sei acciambellata vicino al caminetto, ma così, per curiosità: pensi ancora che le importazioni nette siano ricchezza per il paese? Perché se non chiariamo questo, le eventuali risposte sarebbero inutili...

      Elimina
    2. Ma, io speriamo che me la cavo, visto che non sono proprio economista per niente, ma, data la situazione ho dovuto per forza spremere il cervello per capire.

      Se importo della merce è chiaro che devo pagare qualcuno in valuta estera, se esporto qualcuno mi pagherà. Se importo quanto esporto la mia partita è zero. Quindi se importo troppo dovrò sempre del danaro a qualcuno.

      Elimina
  14. la reputazione del prof si basa sul fatto che i fatti gli danno ragione.
    ma il punto è.. come cavolo far girare questa realtà?
    il rapporto della Deutch Bank mi ha fatto letteralmente girare le balls.. la faciloneria con cui si parla di USE (united states of europe) come se la UE fosse tutta l'Europa altrettanto.. sono zozzoni!
    qualcuno che si chieda sulla costituzionalità di questo percorso? nessuno!

    RispondiElimina
  15. Mi sono sempre chiesto difatti come riesca a fare tutto:
    lavoro - libro - articoli - blog - ospitate varie e rispondere pure all'ultimo dei "pistola" qua dentro... :)

    RispondiElimina
  16. Ad ogni modo la cosa più ostica per riuscire a lasciare un commento qua è il codice di verifica rischiesto in automatico, difficilmente compresibile al primo tentativo .. :D

    RispondiElimina
  17. Vi segnalo un video satirico dell'amico Massimo e il suo compagno Tony. Molto divertente.
    http://www.youtube.com/watch?v=8UyLFrWmy6s

    RispondiElimina
  18. Scusi Prof Bagnai, perchè non iscrive il suo blog a Tzetze.it? avrebbe molta ma molta piu visibilità!
    non sarebbe utopia pensare di arrivare ai 5 milioni!

    RispondiElimina
  19. se na va anche Parlato......
    http://www.repubblica.it/politica/2012/12/13/news/parlato_addio_manifesto-48652002/?ref=HREC2-2

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inesorabile maledizione del cavajerenero colpisce ancora. Ma non ammetteranno mai la verità: stanno affondando perché sono dei collaborazionisti.

      Elimina
  20. Un paio di cose che in questi giorni mi hanno dato da pensare:

    - grazie ad ecodellarete un imperdibile Aristide che argomenta di Europa, Cina, globalismo, alta politica , statisti mano nella mano, riuscendo a dire in un ora tutto ed il contrario di tutto (ma ai suoi convegni, prof, i pezzi grossi dei carabinieri e della guardia di finanza ci vengono? :-D )

    - sul sito di Noam Chomsky , una interessante storia di pensiero critico e ricerca della verità contrapposti al pensiero dominante. Dobbiamo attendere anche noi che sia una "comunità intellettuale straniera" a mettere il bollo definitivo di "paccottiglia" al main-think economico che ci sta affossando? Insomma, più passa il tempo e più mi convinco che una certa politica inetta e pusillanime sia in attesa dell'ennesimo vincolo esterno - magari una Francia che si tira fuori, tirandoci fuori nostro malgrado - per non farsi scoprire a nascondere i cocci sotto il tappeto quando il vaso di mammà si sarà rotto.

    - curioso scoprire che un working paper di Ugo Panizza pubblicato dal FMI sia stato ripreso da molti giornali come "pronunciamento ufficiale" dello stesso Fondo. Questo la dice lunga sulla competenza e serietà di chi scrive o, spesso, trascrive sulla stampa italiana.

    - il buon Messora fa un gran bel lavoro ma la sta buttando un po' troppo sul complottistico. Ho il timore che mischiare "sacro e profano" non faccia bene all'immagine del suo blog, e la qualità di alcuni commenti ai video ed agli articoli mi fanno pensare che non stia attirando il meglio sulla piazza. Ciò detto, continuerò a seguirlo quotidianamente, sia chiaro.

    Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aristide non è prodi ...se leggerai il blog dall'inizio vedrai
      che indizi per scoprire chi è verosimilmente aristide ce ne sono (anche se non è esplicitato si puo' intuire...)

      Elimina
    2. Uff!
      Pensavo d'avere in tasca l'orsacchiotto!
      Grazie, indagherò meglio.

      Franco

      Elimina
  21. Sappiamo bene entrambi che in alcuni casi, come i miei messaggi, è proprio censura. Semplicemente questo blog non è libero, c'è un filtro ad alcune informazioni come succede in molti blog, quello di Grillo compreso. Pazienza... ma è un vero dispiacere per me vedere rinunciare al confronto aperto e a viso aperto. Personalmente faccio così, non scappo davanti a nulla, se non sono in preda al panico (cioè in pericolo di vita)... ma mi rendo conto che non tutti vogliono, possono o riescono a farlo. Due diplomi in conservatorio in quale strumenti? Io suono il pianoforte e i sintetizzatori e sto imparando la batteria. Chitarra e basso li strimpello. Obbiettivo: suonare tutti gli strumenti o almeno più strumenti possibile. Sempre se il 22 dicembre si continua... :) Buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché non lasci perdere? Oppure, perché non apri gli occhi? Chiediti perché Wray si è dissociato e datti una risposta. Per il resto, questa è casa mia, e discuto di quello che mi interessa. Gli stupidi lo chiamano censura, ma tu non sei stupido, vero? Altrimenti, puoi sempre lasciare un commento sotto un post del tuo guru. Ah, ops, non si può fare... Eh già, lui ama il popolo e lo sta a sentire...

      Ma dai...

      Elimina
    2. Ti sbagli. Non c'è nessun guru. E non mi do mai risposte, soprattutto su cose e persone che non conosco. Preferisco sempre le domande alle risposte. OK, va bene, non parlo di censura, l'interesse in fondo è cosa buona e comprensibile. E la buona economia penso sia un interesse comune, oltre alla musica. Perché devo lasciare perdere?

      Elimina
  22. Tranquilli! facile dirlo!

    poi uno si trova per caso davanti a questo Barigazzi:

    http://www.linkiesta.it/italia-ue

    e si ritrova pieno di pulsioni omicide

    RispondiElimina
  23. Incontro molto interessante quello di Roma ai Magazzini Popolari. Il Prof. Bagnai è riuscito ancora una volta ad evidenziare la distanza interpretativa, rispetto ai temi economici della sinistra italiana. So che c'era il bravissimo Fraioli di ecodellarete,comunque, se vi fa piacere, potete vedere anche qui i filmati relativi all'incontro.
    http://www.lolandesevolante.net/blog/alberto-bagnai-e-il-perche-del-tramonto-delleuro/

    RispondiElimina
  24. Ho trovato questo su youtube http://www.youtube.com/watch?v=JMl98m0_JNQ
    Non so se la conoscete già, se può servire alla causa, se è una voce in più... O se può aiutare i piddini a usare i neuroni se gliene resta ancora qualcuno non ossidato.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.