MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

domenica 2 luglio 2017

Banche: il peggio è passato (spin euristi con QED 77 postumo)

(...a/simmetrie è understaffed, ma ci stiamo lavorando. La sede attuale è una stanza di sei metri quadri, nella quale riunirsi diventa un problema: stiamo lavorando prima su questo. Tracciare tutti i contatti con voi, ricordarsi di chi sa fare cosa, per chiedervi un parere o un aiuto, è un compito molto al di sopra delle mie possibilità: sto lavorando anche su questo - per inciso: se magari la piantassimo col "Professore, io non sono nessuno, sono solo un suo lettore, un umile verme della terra, lei non può sapere chi sono..." E cazzo no che non posso saperlo, se non aderisci a quel minimo standard di civiltà e di buona educazione che prevale in ogni e qualsiasi comunità civile e militare: presentarsi con nome e cognome! Poi, magari, anche dire cosa fai nella vita, parlarmi un po' di te, che di me ne parlo già abbastanza io... Chiuso inciso. Gestire i contributi che inviate è un compito assolutamente in eccesso rispetto alle mie forze: quando avrò lavorato sui primi due aspetti - provvedere l'associazione di una sede decente, provvedere me stesso di una rubrica decente - passerò a questo terzo punto, provvedendo l'associazione di un coordinatore redazionale. Chi pensa di saperlo fare è pregato di continuare a vivere nell'illusione senza inviare candidature: so io come e dove cercare, e soprattutto so quando farlo. Il punto tre viene dopo il punto due che viene dopo il punto uno. Sembra strano, ma è così: prima ci vuole un tavolo intorno al quale sedere, poi ci vuole una rubrica dalla quale prendere gli indirizzi, e poi si può fare un colloquio di lavoro.

Nel frattempo, questa situazione di perenne scarsità di risorse umane - determinata ovviamente da un problema che i think tank europeisti hanno brillantemente risolto: la scarsità di risorse finanziarie - ci causa delle piccole criticità, cui una volta ovviavo facendo tutto io, con l'aiuto di qualche molecola complicata. Ora ho detto basta alle molecole (ma non sono ancora riuscito a dirlo al colesterolo, o per meglio dire lui non mi ha ascoltato...). Capita quindi che qualcosa rimanga indietro, e che molti vostri contributi brillanti e anticipatori vengano negletti o pubblicati in ritardo. Qui un esempio, riferito a un contributo del caro e sagace Charlie Brown, un professionista che preferisce non essere nominato, dato che occupa ruoli di responsabilità, e che mi stupisce spesso con la preveggenza delle sue analisi, che ho condiviso spesso con voi. I contributi sono due, uno in allegato. Ve li cito - contributi e lettere di trasmissione - in ordine di apparizione. Sono brevi, piacevoli da leggere, e vi daranno argomenti con cui adornare le conversazioni coi vostri piddini preferiti, quelli che Macron ha salvato Leuropa e Padona ha salvato Lebanche...)

Prima lettera (di Charlie Brown, che è lui, perché non sono io, che sono Alberto Bagnai, quindi non sono lui). "Professore, complimenti per il suo post!..."

Il 30/06/2017 10:07, Charlie Brown ha scritto:

Mancava una parola: “prossimo” shock esterno.
Primo allegato (di Charlie Brown, che non sono io, perché sono Alberto Bagnai, quindi non sono lui). A proposito: avete visto che per distinguere i contributi altrui uso sempre il Courier?



Il Peggio è Passato 
(3 Spin Euristi sulle Banche)
Occhio ai seguenti tre spin euristi  sulle banche italiane.

1° Spin:
Il peggio è passato. Le sofferenze non crescono più in modo allarmante e oggi, dopo le cure di Padoan e Mustier, gli accantonamenti le coprono più o meno adeguatamente. MPS e le sorelle venete erano il pus nel sistema. Quel pus è stato disinfettato. Abbiamo fatto il giro di boa.

2° Spin
Le sofferenze di MPS e delle sorelle venete erano anomale, ed erano largamente dovute alla mala gestio di Mussari, Zonin e Consolo. Mussari ha giocato al casinò finanziario con i soldi dei depositanti. In veneto si facevano catene di S. Antonio di prestiti finti che poi venivano riversati in banca come capitale. E' stato un problema di mancanza di o-n-e-s-t-à,  non un fenomeno collegato all'euro.

3° Spin
I crucchi &. C. si sono sistemati prima, noi dopo. #Hastatoilbailin.  #HastatolaValchiria. #Hastatoipoliticiitalinitonti. Tutto qui.

Critica al 1° spin:
Ancora oggi gli accantonamenti in gran parte non tengono sufficientemente conto dei cosiddetti "incagli" né della vistosa perdita di valore degli immobili a garanzia. Il principio contabile IFRS 9 (si contabilizza la malattia del babbo, non solo la sua morte) non è ancora ben incorporato nel sistema il quale si basa ancora su perdite storiche, non prospettiche.

Critica al 2° spin:
Quella mal gestio non sarebbe stata necessaria né utile ai d-i-s-o-n-e-s-t-i  se l'economia reale non si fosse piantata mettendo a rischio la redditività delle loro banche.  Mussari è ricorso alla finanza derivata per sanare una crisi strutturale del credito commerciale di MPS. In veneto - salvo i casi di merende tra maggiorenti amici -  non era il 100% del prestito "baciato" ad essere reinvestito nelle azioni delle banche venete, ma solo una frazione dello stesso. Il problema era che la banca non poteva erogare restando abbastanza solida, perché l'economia veneta non lo permetteva.

Critica al 3° spin:
Due problemi non fanno una soluzione. E nessuno ha dimostrato che le perdite potenziali di natura finanziario- valutativa nelle banche nordiche più grandi sono effettivamente state adeguatamente coperte, come nessuno si fida dei loro bilanci.  Le Sparkassen, poi, sono una terra di nessuno regolamentare, quindi lasciamo stare con il "Così fan Tutte" e con il #HastatoVisco.

Conclusione de-spinnizata:
La Valchiria AC-DC aggrava ma non determina  i problemi di fondo del nostro sistema finanziario .
La crisi della finanza privata italiana è strutturale, non episodica. Il problema è una economia stagnante nella palude eurista, che perde competitività vis à vis il fratello-coltello teutonico ogni giorno che Odino manda in terra.
E che sarà troppo fragile per reggere il prossimo shock esterno.

(...apro e chiudo una parentesi per segnalarvi che fra un po' di IFRS9 ne parleranno tutti. Noi abbiamo cominciato a parlarne qui... Ai nuovi del blog segnalo anche che Charlie Brown ci sta dicendo che nelle condizioni attuali potremo rispondere al prossimo shock esterno - per indicazioni su quale potrebbe essere suggerisco di farsi un giro sul blog di Andrea Mazzalai - noi potremo reagire solo innalzando il tasso di disoccupazione per far flettere i salari, far diventare i nostri prodotti più competitivi - che significa convenienti - per gli acquirenti esteri, e rianimare così la domanda estera - ma solo dopo aver depresso tagliando i salari quella interna!...)

Seconda lettera (con QED 77 postumo).


Il 01/07/2017 18:02, Charlie Brown ha scritto:
Strepitoso (di oggi) – ma leggono le nostre mail?? :-)!!

Quella che ha colpito l'Italia negli ultimi dieci anni è stata la crisi "più grave della sua storia", ma le banche "non sono andate a rotoli". L'analisi arriva dal governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, in occasione del Festival dei due Mondi, dove il numero uno di palazzo Koch ha sottolineato come forse nemmeno "in tempo di guerra" la crisi sia stata così pesante come quella che ha attraversato recentemente il Paese.
[EPISODIO VIRULENTO, SUPERATO]

Visco ha difeso il salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza, definendo l'accordo raggiunto con le istituzioni di Vigilanza "importante e ottenuto in pochissimo tempo". Non ha nascosto che quanto accaduto con le venete e con Mps "non è una bella cosa", ma ha spiegato che i casi di mala gestio ci sono sempre stati e che il problema è "come si circoscrivono".
[ERA MALA GESTIO]

Nell'analisi del governatore anche l'euro. "Il Paese non reggerebbe" in caso di uscita dalla moneta unica perché sarebbe "un elemento di isolazionismo disastroso", ha sottolineato Visco.
[L’EURO NON C’ENTRA, ANZI!]

Sintesi
Siamo una community fortissimi! Riusciamo a scrivere gli articoli dei media di regime prima di loro! Non riusciamo sempre a pubblicarli prima, per mancanza di struttura. Ma alla struttura stiamo lavorando. E, sì, sono anche convinto che non leggano solo il nostro blog, e non ascoltino solo le nostre conferenze. Meglio così: impareranno qualcosa. Male non fare, paura non avere.


(...p.s.: chiaro per chi lavorano quelli che "ha stato la malagestio"? Lavorano per Leuropa, e lo fanno per il motivo per il quale si collabora con una potenza occupante: per odio etnico verso il proprio paese - non è strano: le guerre più feroci sono quelle "civili" - e per regolare meschine vicende personali. Non è un bel periodo da vivere, ma con calma e prudenza ne usciremo...)

(...strano come quando un macellaio si aggira per l'Europa, da Dijsselbloem a Vestager, invariabilmente indossi il grembiulino rosa...)

28 commenti:

  1. Ho devoluto il mio 5x1000.
    Lieto di contribuire in qualche modo alla buona causa...
    Rampado Roberto MD

    RispondiElimina
  2. Ma se la Danimarca non ha l'euro che viene stampato da BCE e la banca centrale danese stampa corone danesi perchè abbiamo la Vestager? Forse perchè ci serviva una al di sotto di ogni sospetto, perchè nessuno potesse sospettare che l'oste è l'unico che mangia cibo non avvelenato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Vestager in teoria ha un mandato non circoscritto all'Eurozona: la tutela della concorrenza.

      Elimina
  3. Finanze particolarmente provate causa scadenza fiscale appena onorata. 5 per mille ok. Appena finanze si riprendono da shock, grazie a taglio costi in costanza di ricavi, provvedo ad aiutino per quanto posso. Promesso.

    RispondiElimina
  4. Prof il 5x mille "hastato versato". Però io, come la baronessa senza mutande sul pavimento di specchi urlo: "LA VEDO NERA". Rifugio in valle Verrà è pronto ospita comodamente sei famiglie, E la valle può essere ulteriormente abitata.

    RispondiElimina
  5. Ieri sera. Scena: zona discoteca all'aperto di un Golf Club nel lecchese, bordo piscina. Luce azzurra, mezza luna splendente in cielo. Musicaccia brutta (ma come fanno i giovani? bleah). Amici vari. Uno che conosco da poco si approssima, chiacchieriamo. Dirigente in una Grossa Banca Multinazionale, responsabile per un pezzo di Lombardia.
    - Sono stato a vedere quattro aziende belle, sane, floride, vorrei farle diventare nostre clienti.
    - Eh
    - Il problema è che loro lavorano con le BCC locali. Gli lasciano fare degli scoperti da 100.000€ come niente fosse, perché poi sanno che rientrano in breve. Funzionano benissimo.
    - Eh
    - Se io provo a dire alla mia Grossa Banca Multinazionale di gestire così un cliente mi sputano in faccia. Appena ho inserito i loro dati per avviare la pratica si sono accesi tutti gli alert e i semafori di questo mondo.

    Ne evinco due cose: 1) la banca locale è ancora quella che conoscendo il territorio sa di chi può fidarsi e fino a che punto. Ed è grazie a loro, penso, che ancora qualche azienda riesce a lavorare; 2) il prossimo obiettivo dei cattivi saranno le BCC.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'hanno già pensato, googla visco bcc. Tutte ste bcc maledette le raggruppano in pochi gruppi e tanti saluti al territorio. Bye. Gila

      Elimina
  6. Sono anche io convinto che Essi leggano con attenzione questo blog, così come Renzi quando parlava di "gufi" volesse dire "goofy".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggono, leggono, commentano e nel blog sperimentano pure la reazione a nuove strategie di comunicazione.

      Non sarei sorpreso se gli ortotteri usassero nella prossima campagna elettorale lo slogan:

      "Basta austerità, più spesa pubblica e MENO dipendenti pubblici".

      Ai fini del progetto imperiale EU, ottenere l'assegnazione con gara europea, ad entità no-profit (ONG), di gran parte delle attività economiche ancora gestite direttamente dallo stato sarebbe il massimo.

      La massa di scontenti grillini, che magari si sentono orfani del vecchio slogan 'debitocastacorruzionebrutto', credo abboccherebbero volentieri ad un tale amo.

      L'odio sociale verso i dipendenti pubblici è molto diffuso in Italia.

      Un tale slogan permetterebbe pure di intercettare il voto cattolico, da sempre allineato con la dottrina sociale della Chiesa di Roma, che è ispirata al principio (liberista) della sussidiarietà.

      Elimina
    2. @ Cellai

      Il progetto per la liberalizazzione del settore pubblico, in primis, energia, scuole, acqua, sanità, trasporti, banche è già in lavorazione. A Ginevra e in segreto.
      In più si vuole liberalizzare il mercato del lavoro, questo vuol dire che agenzie di lavoro turche, bulgare o rumene possono mandare lavoratori di quei paesi in Germania, Svizzera, Italia ecc. con salari turchi, bulgari e rumeni.
      Una cosa simile esiste già in Germania, dove macellai bulgari e rumeni lavorano a 400-500 € nelle grandi macellerei del Nord-Reno-Vestfalia. Questi lavoratori vivono in tende o in 5-6 in una stanza di 5x4 m. Nelle grandi macellerie tedesche ormai lavorano pochissimi tedeschi.

      Il progetto si chiama TISA

      Sè questo progetto dovesse passare, siamo a 2 passi dal neo-feudalismo.

      Altro che TTIP.


      Elimina
    3. Tisa? È la sorella della Tina?

      Elimina
    4. I privatizzatori per me sono come I nazisti.

      Elimina
    5. Gentile Luca,
      poiche' la frase e' presa pari-pari da un mio commento qui e molti commenti su Beppegrillo , va completato con il contesto nel quale lo sostengo da tempo.
      Cioe':
      -acqua, aria, sanita' , scuola , risparmio SONO a carico dello stato come prevede la costituzione.
      -uscire da Euro e trattati senza se e senza ma per fare i nostri interessi
      -"Disintermediare la pubblica amministrazione" non significa solo meno dipendenti pubblici ma togliere alla P.A. la discrezionalita' ovunque sia possibile

      Solo che il rapporto fra lo stato e ed i cittadini sara' organizzato attraverso un uso molto elevato di informatica e intelligenza artificiale.
      Esempio di soluzione:
      Il notaio non e' dipendente pubblico eppure svolge un servizio pubblico , i suoi dipendenti sono dipendenti di un soggetto privato . Il notaio usa i software dell'agenzia delle entrate e del territorio per svolgere il suo servizio.

      La ragione di tale scelta e' semplice:
      -la P.A. non e' riformabile e crea (allo stato attuale di funzionamento) piu' problemi di quelli che risolve
      -le tasse sono troppo elevate
      -non si tolgono servizi ai cittadini ma stipendi ove l'informatica puo' sostituire il lavoratore pubblico dipendente .

      Pertanto: non sono un privatizzatore dei beni dello stato ma della struttura di funzionamento del sistema con totale protezione del lavoro italiano (comwe nel caso del notaio)
      Non sono ne' ortottero ne' euroinomane , solo che ne ho le tasche piene di vedere i garages dei dipendi della P.A. piu' pieni di salumi e formaggi di quelli delle aziende italiane che vedo.






      Elimina
  7. Aprendo il link sulla Vestager, leggo: "è una politica danese della Sinistra Radicale, o Radikale Venstre, un partito social-liberale di centro, membro nel Parlamento Europeo del gruppo dei Liberaldemocratici (Alde)"
    Cioè, sinistra radicale di destra di centro.
    A parte la labirintite che è venuta a me, ora capisco i suoi voltafaccia. Era schizofrenia.

    RispondiElimina
  8. Sull'importanza delle comunicazioni cifrate per vincere una guerra, fin da tempi antichi, segnalo

    Cod1c1 e Segret1 - La storia affascinante dei messaggi cifrati dall'antico Egitto a internet

    Inoltre attenzione nella pubblicazione di troppi post anonimi per nascondere l'identità. Non mi sorprenderebbe l'esistenza di tecniche automatiche che permettono, analizzando lo stile dei testi, di risalire all'identità dello scrivente anonimo se questo ha anche abbastanza pubblicazioni firmate.

    RispondiElimina
  9. Buonasera..è la prima volta che scrivo sul blog anche se lo seguo da circa 5 anni ormai. Colgo l'occasione per dare un contributo sul tema IFRS 9 che, grazie alla mia professione sto vedendo da molto vicino in questo periodo...
    L'IFRS 9 è determinante per le banche come perfettamente spiegato da Charlie Brown, ma non sottovaluterei un altro aspetto del principio contabile che, oltre le banche ovviamente, ha un forte impatto sulle compagnie assicurative italiane. L'IFRS 9 permette un'opzione che è la cosiddetta "low credit risk exemption" che prevede la possibilità di non prevedere una perdita attesa lungo tutta la vita utile dell'attività finanziaria se si hanno motivazioni valide di ritenere questa "low credit risk", ovvero a basso rischio di credito. Come sappiamo (o forse no ma possiamo immaginarlo..) le compagnie assicurative italiane sono imbottite di titoli di stato italiani: imprese come Generali o la divisione assicurativa di Intesa possono arrivare ne hanno per circa il 75-80% del loro portafoglio (e se vi andate a prendere il valore degli attivi di queste compagnie il conto è presto fatto...). Posto che può sembrare ragionevole per molte imprese assicurative avvalersi dell'opzione di "low credit risk exemption", sappiamo bene che i titoli italiani sono a pochi passi dall'essere classificati come "speculative" e non più "investment grade" (bastano un paio di nocht di downgrade..). Un'attività "speculative" non potrà per definizione essere ritenuta "low credit risk" e pertanto il rischio che la perdita attesa lungo tutta la vita utile dell'attività finanziaria possa essere rilevata nei bilanci è pressoché certa in caso di downgrade. Questo, combinato con le regole sul requisito di capitale stabilite da Solvency II potrebbe tradursi in un ulteriore elemento che rende sempre più probabile una potenziale corsa a liberarsi dei titoli di stato italiani.
    Tutto ciò a livello tecnico.. ma facendo un passo in più risulta evidente quanto politicamente possano essere determinanti le scelte di società di rating e BCE (via tapering)..

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. Scusami ma nel primo link Cerved scrive:

      "Nel quarto trimestre 2016 è proseguito il calo dei prestiti (-0,2 vs 2015), che hanno raggiunto un nuovo massimo"

      Come fanno i prestiti a raggiungere "un nuovo massimo" a fronte di un calo?

      Elimina
    2. forse intendono che il calo, ha raggiunto il massimo in valore assoluto.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Quando i testoni del Comitato di Basilea e i "ragionieri" dello IASB si ignorano a vicenda, accade che l'IFRS39 sostituito dal piú recente #9 non trova punti in comune con la direttiva EU nata da Basilea 2 e 3.
    Le due direttive sono una gran bella rottura per chi deve identificare i criteri minimi e soddisfare con pacche sulle spalle i regolatori locali e l'EBA.
    Secono i preliminari di calcolo esistono differenze in EL (Expected Losses - ndr Perdite Attese= PDxLGD) tra il metodo del Comitato e quello dei ragioneri.

    Accantonare capitale per coprire la volatilitá o disposizioni per coprire il valore di perdita stimato?
    ...per non parlare della ragnatela nata dai requisiti di FRTB che regola finalmente i prodotti derivati.

    Le regole sono spesso soggette a discrezioni nazionali. Tedeschi, olandesi e belgi ne hanno fatto AAAAAAmpio uso per coprire la cacca dei loro "books".
    Stessa discrezionalitá per l'Italia? Campa cavallo.

    Le nuove regole spingeranno ad acquisizioni straniere di istituti di credito italiani con l'avallo del governicchio Gentiglioni.

    RispondiElimina
  13. In quanto musicista squattrinato ho destinato il 5 per mille di mio padre e quello della mia compagna ad asimmetrie.

    RispondiElimina
  14. Come mai una persona tanto intelligente come Charlie Brown deve mantenere nascosta la propria identità?

    Ecco, la risposta a tale domanda dovrebbe far riflettere coloro i quali sono in grado di ragionare al livello Di Real Politic (non è certo rivolto a Lei).

    Gli sforzi compiuti da A/Simmetrie non hanno pari in Italia, e probabilmente in gran parte dell'UE, certo.
    Ma resta il fatto che, sia Confindustria e sia la CGA non abbiano dato alcun segnale credibile al riguardo di politiche nazionali tese a difendere l'interesse nazionale.

    Non posso, e non devo, certo spiegarLe io le complicazioni (politico/economiche) di questa condizione.

    Ma è chiaro che senza "l'aiuto" di chi avrebbe tutto l'interesse a intraprendere una certa via, le difficoltà reali superano "la buona volontà" e le indubbie capacità, di chi sta sacrificando la propria vita, ma soprattutto quella della propria famiglia, per un futuro più Umano.

    Senza voler andare a toccare implicazioni internazionali, credo che, innanzi a tutto, debba aversi una classe imprenditoriale che sappia discernere e valutare la priorità dei problemi.

    (per quanto mi riguarda, quando posso aiuto, e non si stufi di ricordare che la libertà ha un costo, spesso me ne dimentico anche io).

    RispondiElimina
  15. Siamo alle solite,l'Italia non cresce come gli altri perchè c'è la corruzzzione,il MEGA debito pubblico,non siamo competitivi e quindi RIFORME RIFORME RIFORME STRUTTURALI STRUTTURALI,Mister Draghi lo ripete prima e dopo i pasti;poi scopri, siamo quelli hanno fatto più austerità degli altri,DISTRUGGENDO LA DOMANDA INTERNA,però le banche sono in sofferenza per la MALA GESTIO. MIgliaia di imprese fallite,deindustrializzazione,disoccupazione che non si schioda dall'undici per cento,qusi fosse il livello naturale per l'Italia,QUASI? MALA GESTIO MALA GESTIO,nuovo mantra del pensiero unico. Ma chi segue questo Blog non è lobotomizzato,siam tanti,nel mio piccolo lo pubblicizzo,e poi quando li sento,mi ringraziano per esser approdati a un'isola di VERITA'.

    RispondiElimina
  16. Qual'è la differenza tra un vincolo esterno ed una guerra civile? (cit.)

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.