MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 16 marzo 2017

ExIT: reflections of a mainstreamer



A few days ago I had a long talk with James Politi, the Rome correspondent of FT. He gave a fair account of our conversation here, a praiseworthy achievement considering the pressure under which he was working. Many aspects of our conversation were obviously omitted, but the main message remains. In my experience this is extremely unusual, especially with the Italian media. I shall not mention all the aspects omitted, but wish to add some nuances that were lost in translation (mostly my fault).

The most important one concerns my statement about “having been saying this stuff for seven years and eventually becoming a mainstreamer”. This is exactly what I said, but it is perhaps worth adding a caveat: as readers of my blog know, the economic mainstream has always been very skeptical about the euro. As early as 2011, I reported the mainstream view here, in my baroque Italian, building on this paper, which the international reader will find more accessible. While my statement still makes sense in the framework of the very provincial debate conducted in Italy, in the light of scientific research it is just the opposite: advocates of the euro have never been mainstream in the scientific literature, and almost nothing I have been saying for seven years is original. It is all the more regrettable that so much courage was needed to say such obvious things, but that is another subject.

As for my statement that “those who are in denial are not doing a service to the country”, let me add a few words that escaped Mr. Politi’s attention: “because it is not completely up to us to decide whether the euro will stay or collapse”. In other words, in claiming that the euro is irreversible, the ruling elite, represented in the article by Mr. Padoan (my former teacher and colleague at University of Rome I), Taddei and Codogno, are simply confessing their inability to manage its end, which could come as a consequence of a major political or financial shock. This is not a judgment of their intellectual quality, it is a consequence of the “political philosophy of total optimism” on which the whole European integration process rests, in the words of Giandomenico Majone. This philosophy is now backfiring because it is preventing the ruling elite from studying events they claimed to be impossible. If they studied those scenarios, there would be leaks, and voters could suspect that another world is possible, breaking the TINA (there is no alternative) philosophy of European integration. Our only certitude about exit from the euro is that it will be managed by people who in a sense were forced to be incompetent by their flawed political discourse.

And, yes, this will inevitably lead to pain in the short-run, followed by a recovery in the medium-run (after one or two years). Nobody denies it, and again it is not my idea: it is scientific literature. The finding that adjustment after a disorderly currency collapse is normally V-shaped is not the product of a strange, marginal, provincial teacher’s mind. It is confirmed by recent scientific literature: the most comprehensive study is “Output recovery after currency crises”, published by Sheida Teimouri and Taggert Brooks in Comparative Economic Studies.

On the other hand, I have been unable to find any factual evidence that major devaluations lead to a fall in real wages. The data shows that major devaluations are generally not followed by major inflation episodes, and hence there is no fall in real wages, as I showed here (the text is in Italian, but the graphs are in the universal language of data). Again, the scientific literature has provided a number of explanations of why this must be so (the most convincing by Ariel Burstein, Martin Eichenbaum and Sergio Rebelo in the NBER working papers focuses on import substitution). We also have a blatant counterexample: the establishment guys seem to overlook the fact that Italy underwent a major devaluation (about 30%) between 2014 and 2015, when the euro fell with respect to the USD. As a consequence, inflation fell (instead of rising), which in principle should have boosted real wages. However, nominal wages were cut because of “internal devaluation” policies, as shown by Eurostat. Real wages, i.e. the ratio of nominal wages to prices, fell not because of an increase in the denominator, but because of a fall in the numerator. In other words, while we have no evidence that real wages would fall if the euro collapses, we have evidence that they did fall in an effort to defend the euro by internal devaluation policies.

Mr. Taddei’s commendable attention to the wages of the poorest is therefore completely unsupported by any evidence or by mainstream economic research, suggesting that Mr. Taddei is irrational (which as a mainstream economist, I must rule out by assumption), or that he is defending someone else’s interests. The close ties between his party and the Italian banking system could provide a clue.
A final remark: the idea that “devaluation would be minimal” is not my personal opinion but a finding common to all the available scientific research. The most recent studies estimate average misalignment of the Italian currency in a range between 2.35% (Makram El-Shagi, Axel Lindner, Gregor von Schweinitz in the Review of International Economics) and -1% (Cedric Durand and Sébastien Villemot in a Sciences Po working paper). Surprise! While the establishment guys talk about a disastrous 30% devaluation (without explaining why the previous one went completely unnoticed in 2015), there are also people who estimate that a new Italian currency would appreciate (albeit by very little).

A clever opponent (I have not found one so far, so I must play the devil’s advocate myself) could then ask: “Well OK, Italy is currently running a current account surplus. Its exit may not turn out after all to be a disaster for its currency, but why exit now, when things are going better?” The answer, my friend, is blowing in Brussels: things are certainly going better than in 2009, but they are not going well enough. With youth unemployment at around 40% and a secular flattening of labor productivity, the Italian government is prevented by the European rules from making investments that would be crucial for enhancing productivity and employment. Should we decide to implement such policies, which everybody agrees are needed, within the euro, Italy would soon hit a balance of payments constraint and the ECB would eventually blackmail us as it did with Greece in order to enforce rules that led nowhere but to foreseen disaster. The need to loosen this monetary noose is first and foremost political. The sooner this simple fact is acknowledged, the less the damage for all participants in this negative sum game.

19 commenti:

  1. Excellent. Worth to be printed in flyers and distributed over Power Houses in Rome

    RispondiElimina
  2. Congratulations! Even the FT has realized ...
    Applauses (staying in our backyard) especially for "Mr. Taddei’s commendable attention to the wages of the poorest is therefore completely unsupported by any evidence or ... irrational ... or that he is defending someone else’s interests. The close ties between his party and the Italian banking system could provide a clue.".

    RispondiElimina
  3. Abbiamo oggi un bombardamento mediatico sull' esito delle elezioni olandesi,con "reductio ad hitlerum" per i "populisti no euro".So come funzione questo lavaggio del cervello essendone stato per tanto tempo incantato anch'io.Sei buono ,inclusivo , progressista e fautore dei diritti civili delle minoranze,così non pensi al tuo lavoro che ti rende sempre meno(ciò vale sia se si è dipendenti che in proprio)e al perchè sul futuro incombe l' ombra d' un iceberg color marrone.La mistificazione più sottile dei media (quando abbandonano il terrorismo)sta nel ridurre al solo vantaggio d' un export più facile grazie ad una moneta allineata ai fondamentali economici della nostra Nazione,cioè meno importante .Il recupero delle politiche delle industriali e fiscali,oltre che a quelle monetarie, da parte della nostra Repubblica per attuare quanto prescritto dai principi fondamentali della Costituzione è la vera posta in gioco.Oltre al motivo ,di principio, del rispetto della legalità costituzionale c'è quello "funzionale" per il quale questa legalità era stata concepita perchè "non successe mai più"una crisi di domanda come quella di 80 anni fa con i conseguenti 80 milioni di persone spente con la guerra .Mantenere come riferimento quanto prescritto dalla Costituzione ,serve anche tatticamente per impedire "fughe"verso quei sub conflitti sezionali ,che appaiono utili alle dirigenze di tutti i partiti ,in cerca di facile consenso sia accarezzando l' identitarismo conservatore o il progressismo cosmetico.La sola forza che possa unire senza avere una equivoca armata Brancaleone uomini come Borghi e Boghetta ,è la scelta di rendere effettiva la Costituzione e convogliare il dibattito e le scelte politiche nell alveo della sua realizzazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Analisi lucida e condivisibile Gilberto, ma c'è un problema. Come fare per rendere "effettiva" la Costituzione in un paese come questo? L'unica via possibile, se si esclude un percorso lungo, inteso come presa di coscienza da parte della cittadinanza, che passi da una (ri)scoperta dei Valori, al rispetto del prossimo... l'unica alternativa è l'uso della forza. ma a questo punto si creerebbe un paradosso. Lo stesso paradosso che, volutamente o ingenuamente (forse) si è voluto evitare (leggi: non prendere in considerazione) quando, dopo la Liberazione, si è deciso che tutti avrebbero dovuto avere libertà, anche di voto. Ed è giusto che sia così, alla fine. Perché una Democrazia che si fonda sulla libertà di voto non può escludere talune categorie, proprio per non incorrere nel paradosso di cui sopra. Risultato? Lo abbiamo sotto gli occhi da 60 anni. Non sto parlando della solita cricca-casta-corruzzzione. Sto parlando del fatto che, ad un certo punto della storia di questo paese (complice anche la manus longa degli USA) si è deciso che la Democrazia (quella vera, dove il voto della popolazione ha un peso) andava "scavalcata" per un (ipotetico) bene superiore. Bene che poi si è visto, è andato a vantaggio di pochi.
      Anche se, comunque avevamo, almeno nel campo dell'informazione, giornalisti di tutto rispetto. Ma da 30 anni a questa parte l'informazione, che ha un peso (ed una responsabilità) enorme nella questione, è andata fuori di testa... seguono poi altri settori, come anche le cattedre universitarie.
      Queste persone non hanno evidentemente compreso che Democrazia, inteso come concetto supremo di libertà, non vuol dire che si può fare, scrivere, affermare, cospirare tutto quello che si vuole. E' venuta a mancare una certa coscienza, compresa quella di classe, che ha barattato i propri diritti in cambio di qualche artefatto tecnologico (di solito di forma rettangolare) che da contenitore dove (forse) si poteva imparare qualcosa, è diventato, via via negli anni, IL contenitore dove vengono dispensati gli ordini. Pena, per chi non segue, l'esclusione dalla "società" (in)civile e la mancanza di compagnia ... che lo sappiamo, il sesso tira, la Cultura... un po' meno.

      Elimina
    2. lo spirito di conservazione,o meglio di sopravvivenza è la molla che trasforma le persone e classi e le comunità.Io ero rassegnato di subire ,il 4 dicembre scorso, un trionfo dei media e della scelta da loro sponsorizzata:è successo ,per mia inaspettata gioia il contrario(ammetto che ho pianto dalla contentezza alla sezione elettorale dove facevo ilrappresentante di lista).Mancano ancora come scrive Caracciolo "le risorse culturali"(io ne sono particolarmente consapevole essendo un "ortottero smarrito ")ma la volontà di reperirle c'è ed in tante persone fin ad oggi anestetizzate dai media e dalle vecchie convinzioni .

      Elimina
  4. Secondo me i dati base del bollettino di guerra sono:

    1) Le forze UE hanno perso l'iniziativa (Brexit, Trump)in seguito a due errori macroscopici (Cameron che indice il referendum sicuro di vincerlo, i dem USA che candidano un mostro) ma le forze antiUE non sono in grado di prenderla loro, neanche in USA. Stallo, tipo la "phony war" del 1940/41. Tutto come prevedibile e previsto, perchè i rapporti di forza sono quelli che sono: molto più forti loro, ma impastoiati dal loro economicismo e burocratismo, Godzilla non è adatto alla guerra di manovra, infatti cerca la guerra d'attrito (dove perdiamo di sicuro, loro hanno infinite risorse in più).
    2) Il terreno di lotta elettorale funziona, e resta l'unico praticabile (lo scontro sociale è impossibile per manifesta inferiorità del Lavoro). I voti antiUE crescono molto nonostante trucchi e guerra psicologica. Attenzione però alla stanchezza del nostro fronte.
    3) I voti non crescono però abbastanza per andare al governo, perchè coalizzano contro di sè il Resto del Mondo. Bene perchè finalmente comincia a chiarirsi la linea del conflittoprincipale, male perchè non si riesce a vincere dove conta davvero, cioè qui in Europa.
    4) La sinistra socialdemocratica comincia a pagare caro il tradimento del suo bacino elettorale. Il Lavoro dipendente comincia a rendersi conto della Fregatura Epocale che ha preso, vota di conseguenza.
    5) Però crescono le formazioni di sinistra massimalista tipo Mélènchon e cosmetica tipo Verdi=troppi dei sinistri delusi riparano all'ombra del Sogno 2.0, "l'Altra Europa".
    6) Per vincere bisogna spaccare il fronte avverso. Qual è il punto debole del fronte avverso? La sinistra massimalista e cosmetica, perchè da offrire ai suoi elettori ha solo il Sogno, non si può sognare per sempre e con i sogni non si riempie lo stomaco.
    7) Nella fase attuale, l'obiettivo principale è allora spaccare la sinistra massimalista. Anche una minima crepa ha un valore incommensurabile.
    8) Come si fa? Secondo me vale la pena di aprire una bella discussione sull'argomento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimalista Melenchon? Chiunque non sbatta la porta precipitandosi fuori dalla UE e dall'euro, oggi non può essere definito nemmeno un pacato contestatore.

      Elimina
    2. ... come spaccare la sinistra beata e fumata invece è interessante tema di discussione. Dei pd ufficiali non mette conto parlare perché non sono sinistra, sono un partito di clientes che cambierebbe e cambia schieramento solo per manifesto tornaconto economico.

      All'argomento razionale non sono sensibili; ai dati di fatto meno ancora. Un ordinario (di filosofia) di quell'area mi ha detto ancora sei mesi fa che: "i dati... che importano i dati... non vogliono dire nulla [!!!] il problema è che nessuno viene a investire in Italia [affermazione per giungere alla quale i dati sono evidentemente considerati non necessari]... la mafia [che invece stando ai dati oggettivamente esiste eccome, questa persona lavora al sud]".

      Escamotage retorici?
      La sinistra più recettiva anche se non totalmente, al discorso antieuro sulla base della realtà e della sostanza economica è quella "diabolica" dei cattivi; lavorando con il precariato, la disoccupazione e prestando attenzione al lavoro dipendente, avendo a volte una formazione teorica meno nebulosa e più nettamente comunista il discorso comincia a sfiorarli.

      Il problema grosso è frantumare le certezze della sinistra perbene e "piddina", diciamo dalla zona critica pd ai vari satellitini che vengono a raccogliere i voti sotto l'eroe di turno, Vendola, Tsipras solo gli ultimi nomi, per poi riversarli nel ventre ufficiale piddino in nome dell'unità per il voto utile.

      Con questi, mediamente ignoranti come capre, cresciuti a cosmetica buonista, pressapochisti, superficiali, vagamente permeati di ideali umanitaristici che vanno dal volontariato alle donne combattenti del Rojava, incapaci di rigore e organizzazione, ma alla fin fine spesso di buoni sentimenti nel senso migliore, che fai? Forse la retorica, il rovesciamento di prospettiva, lo spaesamento che non incuta spavento possono cominciare a fare pressione.
      Il livello medio attuale di consapevolezza è: austerità problema serve altra europa grande! uscire dall'euro apocalisse, RdC santo (non dico 2.0 perché questo genere di espressioni mi fa venire l'orticaria, ma più o meno è quella roba lì, non andiamo d'accordo sugli aggettivi, pazienza).
      Insomma i luoghi comuni dell'ottusità ignorante: quelli vanno divelti, presi in contropiede, voltati in paradosso.

      Ci vorrebbe Dario Fo, questo è il tipo di persona e di approccio che potrebbero funzionare, nel senso di cominciare a far nascere qualche dubbio in costoro. Poi ovviamente non basterebbe.
      Ma i premi Nobel ça ne court pas les rues.

      Seriamente: forse bisognerebbe capire meglio quale sia la base sociale di questa sx, che con buona pace dei superficiali da blog non è il preteso intellettuale di ceto medio alto che si dà una patina di buoni sentimenti progressisti dall'alto del bicchiere giusto per il Negroni.
      Condizioni economiche non delle migliori, ma non disperate, figli, se ci sono, paradisoccupati, orizzonti non amplissimi; solo una minoranza spocchiosa e saputella quanto ottusamente mediocre nel suo perbenismo rientra nella media borghesia delle professioni anche intellettuali.

      Mi rendo conto di non aver detto nulla di molto utile, ma riconosco la necessità del punto 7 - previo abbandono dell'aggettivo in questione.

      Elimina
    3. Non capisco. In Italia esiste ancora una "sinistra massimalista"? Non mi risulta, almeno in senso tradizionale (in tal caso se volessimo "spaccarla" saremmo propriamente nel campo della fisica nucleare, fissione delle particelle).
      Massimalista la nostra "invertebrate left" (copyright P. Anderson) lo è rispetto al trattato di Maastricht e all'€uropa in genere.
      Ma allora, se di costoro si tratta, non dovremmo fare una gran fatica. Opportunisti come sono, coleranno a frotte dalla "parte giusta" appena il vento cambierà.

      Elimina
  5. Siamo immersi nella propaganda e pertanto non è garantito che durante le tornate elettorali francese e tedesca la massa critica di persone votanti consapevoli del problema sarà sufficientemente grande; per ogni individuo che si risveglia, molti permangono nel sonno; la “Legge di Céline” è straordinaria per quanto vera, ma magari darà i suoi frutti, ahinoi, fra molti anni...

    Tradotto: dobbiamo essere obiettivi e sapere che potrebbe non esserci una presidentessa Le Pen nel 2017 a tirarci fuori e far crollare l'infausto castello della moneta unica.
    Dato quanto ora asserito, mi chiedo: se purtroppo durante l'anno in corso i partiti sovranisti, pur crescendo, non si imporranno e quindi l'élite politica in Europa, ancorché indebolita, rimarrà tuttavia la stessa (cioè quella a favore di euro e UE), parlando realisticamente come possiamo sperare di uscirne relativamente a breve?
    Non è una domanda ammantata di amaro sarcasmo, ma proprio sincera: su quale cavallo puntare concretamente? Basterà il biondo The Donald da Washington?

    Grazie a chiunque vorrà abbozzare una risposta, prof. o altri lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai putroppo centrato il punto! Esiste, nell'orizzonte visibile, una sola condizione sufficiente per far saltare il banco: La vittoria di Mme Le Pen. Il resto, tutto il resto, è un rumore di fondo che potrebbe accompagnarci per anni. Vedo una sola altra condizione che potrebbe sortire lo stesso risultato, cioè quella sempre citata dal prof: una crisi finanziaria devastante con annessa recessione globale, almeno pari a quella del 2008/9. A quel punto, anche la massa di decerebrati pidioti, colpiti come tutti nel portafoglio, dovrebbe rinsavire e votare altrimenti. Ma qui i tempi e i modi sono davvero incerti. Donald può accmpagnare questo processo, favorirlo, ma la cabina elettorale resta un passaggio obbligato, purtroppo!

      Elimina
    2. Condizione sufficiente la vittoria di Mme Le Pen ? Temo che anche questa sia un'illusione. Illusorio non che possa vincere Le Pen, ma che con lei possa "saltare il banco". Ho la certezza che il politico disposto a mettere la propria firma sotto un decreto di fuoriuscita dall'eurozona non sia ancora nato. Rimarrebbe quindi solo l'ipotesi di una crisi devastante. Mah... ho l'impressione che sia come sperare nel lavacro di una terza guerra mondiale per recuperare, come avvenne all'indomani della seconda, una classe dirigente degna di questo nome. E' una domanda che mi faccio, alla mia età non so proprio cosa pensare.

      Elimina
  6. Posso essere nazzzzionalistabbbbrutttto? La posso chiamare uscITA?
    Complimenti per l'intervista e per la puntualizzazione. Sempre molto chiaro e diretto.

    RispondiElimina
  7. These rational reflections don't get reflected in the political story telling. E.g. Lettieri-Raimondi su Italia Oggi. Debito colpa della speculazzzzzzzione internazionale brutta.

    RispondiElimina
  8. And also Cottarelli sul foglio: devaluation would require also lowering of salaries, that nobody wants - therefore... salaries have to be cut...

    He does not mention unemployment, or demand crisis. After all he's head of the IMF Fiscal Affairs Department - so probably he shall not bother with other affairs...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante la tesi di Cottarelli, secondo il quale nessuno accetterebbe la nuova lira. Prima del 2001 commerciavamo, infatti, solo con le colonie d'Africa.
      Riescono sempre a stupirmi.

      Elimina
    2. Sorry, maybe I should have answered in english...

      Elimina
  9. Yes - deliberately passing over basic logic, is also one of the striking aspects.

    Clearly in this way many purposes are achieved: be able to promote hidden and untenable ideas, to obfuscate the debate, and to discredit the category.

    This last point is subtly effective - it lowers the credibility of opposing voices, while raises the one of the speaker (because it would logically be zero, e.g. after Greece)

    RispondiElimina
  10. [...Fmi: "Economia globale vicina a svolta" - "Ci siamo riuniti in un momento in cui la crescita sta guadagnando velocità e ci sono segni che l'economia globale abbia raggiunto un punto di svolta anche se restano incertezze". Lo ha detto il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, sottolineando: "Ho ribadito la disponibilità del Fmi a contribuire alla comprensione e alla cooperazione globale"...]

    Non so voi ma a me suona tnato di "ultimatum"...
    E la svolta quale sarebbe, andare a lavorare gratis?

    fonte:

    http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/g20-fonti-vicino-il-compromesso-sul-commercio-_3062379-201702a.shtml

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.