MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 2 settembre 2016

Renzi e la crescita: un esempio (#stacce)

Roberto A ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Il partigiano Joe: una recensione di Charlie Brown...":

http://www.istat.it/it/archivio/189943

Chissá che il pil del II trimestre non venga rivisto al rialzo.

Postato da Roberto A in Goofynomics alle 30 agosto 2016 18:51



Chissà si scrive con l'accento grave, non acuto. La "a" con l'accento acuto nelle tastiere italiane non c'è. Da dove scrivi, caro? Comunque, eccoti servito:

Contento? Avevo ragione io. Il Pil è rimasto invariato. Discuteremo dopo, con calma, il dato (ma l'ISTAT lo fa benissimo nel suo comunicato stampa, che chi mi legge sa leggere).

Il resto sono opinioni. Un esempio:


Ah, naturalmente la tua opinione (che in materia economica non conta quanto la mia, perché tu non sei preparato quanto me), ha una cosa in comune con quella di Padoan, cioè il fatto di essere sbagliata, ma differisce da essa per un dettaglio importante: conta meno della sua, cioè meno di niente.

E adesso schiuma pure di livore nella tua tana. Ogni tuo messaggio è un'autentica goduria, ma non sto a spiegarti perché. Se non l'hai capito leggendo questo post, l'unica cosa che posso fare è appellarmi alla prima legge della termodidattica: ci sono cose che se potessero essere capite non andrebbero spiegate...


(...dice: "Ma tu devi aprirti ar dialogo!" Dico: scusate, ma che davéro? Allora, diamo un'occhiata al calendario... No, no, non c'è bisogno di sfogliarlo, basta guardare la copertina. Che c'è scritto? 2016, giusto? Bene. Siamo nel 2016. E io devo dialogare con uno che pensa che la Terra sia piatta? O che, magari concedendole forma sferica, la incastoni saldamente al centro dell'Universo? Alcuni secoli fa, forse... Ma oggi no. Abbiamo già dato, sia io che voi, e quando incontrate una delle tante vittime della propaganda vi suggerisco di lasciare che sia la vita ad aprirgli gli occhi. Viceversa, ai molti di voi che - nonostante quello che pensano - hanno bisogno ancora di aprirli, suggerirei la lettura delle Sei lezioni di economia di Cesaratto. Un libro che merita la vostra attenzione...)

33 commenti:

  1. Ma per loro cresce: de gustibus non disputandum est

    RispondiElimina
  2. Va bene prendere per il culo la gente ma come fa un ministro dell'economia a dire che il pil secondo lui sta crescendo quando i dati lo smentiscono? Allora ci dicano di che gioco si tratta che giochiamo anche noi. Qui siamo oltre le armi di distrazione di massa , dichiarazioni del genere hanno del criminale. Vada anche lui a lavorare in Goldman Sachs e a non rivederci. Faccio mia una sua frase: "qualsiasi cosa, purché finisca tutto questo". Con stima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sa com'è: quando si entra in politica si beneficia di una più larga libertà di espressione, e questo è senz'altro un bene. Mi sembrava di ricordare che ciò valesse per chi avesse avuto un'investitura tramite il processo elettorale, e mi srmbra di ricordare che non sia questo il caso del prof. Padoan, ma transeat. Tanto dura poco (lui), e non lo dico con particolare soddisfazione.

      Elimina
    2. La libertà di espressione non dovrebbe contemplare i rumori molesti, come quello delle unghie sul vetro.

      Elimina
    3. Politica? Questi ormai sono teatranti e come recitava Gassman: fa male, il teatro!

      Elimina
  3. E 'gnente, profe tanto non ci arrivano... in vacanza ho scambiato due parole con l'ingeggggnnnnere con cui oramai evito di discutere di certe cose (ma stavolta ha cominciato lui) coadiuvato (dio li fa poi li accoppia, e di questi tempi li accoppa) dalla gentile consorte. In passato il mantra era "berlusconicoruzzzzioneevasorebrutto"; adesso il mantra è diventato "italianocialtroneevasorebrutto". Ovviamente la consorte ha lavorato in uno studio commercialista "dovehovistocosechevoiumaninonpoteteneancheimmagggginare" per non parlare poi della parrucchiera, dell'idraulico, del barista, del... Li ho zittiti in tre secondi parlando degli USA.
    D (io): "quindi secondo voi in italia l'italiano cialtrone ladro evade le tasse; all'estero no giusto?"
    R (loro): "giusto!"
    D: "quindi all'estero sono tutti onesti?"
    R: "no, però sono meno peggio".
    D: "lo sapete che l'evazione è una stima? E che i dati dicono che siamo in linea con tutti i paesi europei?"
    R: "non lo sapevamo".
    D: "facciamo un altro esempio: lo sapete che negli USA si va in galera per evasione?"
    R: "certo! mica come qua."
    D: "infatti in galera ci vanno, anche se le tasse sono più basse. Secondo voi perché?"
    R: "i disonesti sono anche lì..."
    D: "allora nonostante tutto evadono anche negli USA. Ora, potete dirmi un motivo per cui una persona DI QUALUNQUE PAESE se può evadere le tasse (a parte le eccezioni) non le evaderebbe? E lo fanno negli USA dove si va in galera, figurati dove si rischia pure meno. Che mi dite?"
    R: "...."
    Echecazzo, sono stufo. Se gli italiani sono cialtroni, io non mi sento di farne parte. Se facciamo una media, allora forse ci rientrano loro.

    RispondiElimina
  4. Padoan è quell'ubriaco che alla guida della macchina ribaltata cambia marcia per ripartire. E tutti i fessi attorno gli suggeriscono una marcia diversa.
    Unbeliavable

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me c'è anche chi controlla se hanno forato o no. E a macchina ribaltata lo considera più agevole.

      Elimina
  5. Per non parlare della Apple... e dell'Irlanda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammesso che sia coinvolta solo la Apple.... ma poi spiegatemi, perché l'Irlanda ha fatto ricorso? (Perdonatemi l'ot)

      Elimina
    2. Perché se no la Mela saluta e si trasferisce in Gran Bretagna (dove è già stata invitata).

      A proposito di Brexit...

      Elimina
  6. Caro prof.mi permetta una umile ed ingenua domanda: questo profluvio di menzogne che esce dalla bocca di questi ignoranti si placherà solo quando riavremo la nostra bella e cara Liretta????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace: le menzogne ce le terremo, anche e soprattutto quando sarà chiaro che il male che ci viene inflitto ormai è sostanzialmente inutile a tutti, compresi quelli che finora ne hanno beneficiato, e che uscire non comportava alcun disastro.

      Elimina
  7. GrazZie della segnalazione del libro di Cesaratto Sire.

    I suggerimenti di lettura sono uno dei - tanti- motivi per i quali vale la pena di leggere questo blogghe.

    RispondiElimina
  8. Nel frattempo la conferma che privato è bello ed efficiente ci viene da Cape Canaveral.

    RispondiElimina
  9. Le opinioni di Padoan sono un po' come la storia della PERCEZIONE della corruzione: famo scienza coll'incoscienza.

    RispondiElimina
  10. Non ho fatto in tempo a gioire (sic) per un italiano nel cesso di Juncker che arriva la polemica ministro dell'economia contro i DATI Istat.
    Ecco oggi non riesco ad arrabbiarmi contro il commentatore laqualunque, perché, come Marco Triggiani, sono furiosa con Padoan.

    Nel frattempo immagino anche lei abbia sentito cosa dice lagggente sul terremoto e a soffiare sul fuoco arrivano pure quei coglioni di Charlie Hebdo. All'epoca scrissi che, nonostante disapprovassi qualsiasi forma di violenza in special modo terrorismo e attentati e umanamente mi spiacesse per i morti, solo dei coglioni potevano pubblicare certa satira contro l'Islam, ma restare muti come zerbini al cospetto dell'EU e dell'euro. Ma mi sbagliavo, sono più coglioni di quanto pensassi.
    Purtroppo non sono gli unici: dai laqualunque agli imprenditori, dai giornalisti ai politici fino ai Nobel... non vedo nessun significativo, seppur molto tardivo, cambio di linea editoriale o politica all'orizzonte: finirà così (ma in proporzioni di massa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Charlie H. a quanto pare non si/ci vuole far mancare proprio nulla e su FB ha pubblicato un'altra vignetta sul terremoto, in replica alle critiche suscitate dal paragone con le lasagne, che specifica "Italiani ... non è Charlie Hebdo che costruisce le vostre case, è la mafia!". Non so se sia satira sbeffeggiare le vittime - nel nostro caso una popolazione che subisce entrambe le disgrazie (il terremoto e la mafia) - ma allora è proprio di infimo livello.

      Elimina
    2. Vuoi dire che adesso qualcuno stia già stampando le magliette "Je ne suis pas Charlie"? (magari da distribuire ai terremotati...).
      Ma cosa vuoi, sono autori satirici; se andassimo a pisciare e cacare sulle tombe delle loro madri non se ne avrebbero affatto a male, poiché sarebbe una manifestazione spontanea di liberalità nei confronti della morte, uno spezzare gli angusti limiti del retrivo "conformismo sociale" (io però non ci tengo egualmente a farlo).

      Elimina
    3. "Italiens... C'est pas Charlie Hebdo qui construit vos maison, c'est la mafia!"
      Qualcuno dovrebbe spiegare loro che moltissime case italiane sono molto più antiche non solo della mafia ma anche dalla monumentale monotonia del barone Haussmann, della corruzione e delle speculazioni che accompagnarono la modernizzazione di Parigi, se non fosse inutile sprecare tempo con chi si occupa tanto di burkini.

      Elimina
    4. Que viva siempre la sátira, ma in queste vignette vedo solo un appiattimento sul più becero luogo comune (Italiani = mafia/pasta) applicato al bersaglio sbagliato.

      Elimina
  11. Grazie per la segnalazione del libro di Cesaratto, anche se Sraffa mi è un po' oscuro come Eraclito sarà una buona occasione per contestualizzarlo.

    RispondiElimina
  12. Sinceramente pensavo che uno come P.C.Padoan non se le potesse permettere certe dichiarazioni.
    Sono proprio un ingenuo.

    La dignità non ha prezzo, anzi si, ed è altissimo.
    Vero prof?

    Un abbraccio e sempre buon lavoro.
    Paolo

    RispondiElimina
  13. Ministro Orlando al volo A IN ONDA; l' "economia è anche percezione (riferita a Padoan e alla sua dichiarazione)".
    Una cosa mi piace di questa UEM: per chi conosce l' economia, è abbastanza prevedibile l' andamento delle sue economie, e in particolare, qui, siamo fortunati. Mi annoio!

    RispondiElimina
  14. Qualcuno mi riesce a spiegare qualcosa di Sraffa? Io ho studiato in un ateneo romano in cui il centro studi era a lui dedicato, ma ho affrontato l'argomento superficialmente (produzione di merci a mezzo di merci, non proprio la cosa più interessante del mondo, tant'è che sull'argomento se non sbaglio ci ha fatto la tesi D'Alema) e di solito quando ho letto il suo nome se ne parlava male (ricordo di aver letto una decina di anni fa un'intervista a Sen che diceva qualcosa del tipo "gran persona, ma mediocre economista").

    RispondiElimina
  15. Diceva Andreotti che il potere logora chi non ce l'ha

    E PCP non ne ha molto

    RispondiElimina
  16. Questa frase (O che, magari concedendole forma sferica, la incastoni saldamente al centro dell'Universo? ) mi ha fatto morire dal ridere. Mi ha ricordato infatti "Uno studio in rosso" quando Watson scopre che Holmes ignorava Copernico...
    Grazie prof.

    RispondiElimina
  17. Ma lo vogliamo dire che la collana "saggi" di imprimatur è fantastica?

    RispondiElimina
  18. libro comprato insieme ad uno di Taleb (già letto il cigno nero).

    RispondiElimina
  19. Ammesso ma non concesso che il PIL si sia alzato dello 0,1% (e cioè dell'1 per mille). Ammesso ma non concesso che non ci siano errori di misurazione.

    Ma che cosa cambierebbe? La mì mojie dice che c'é un problema di rigidità nominali e reali. Alzarsi in una misura così contenuta non é assolutamente rilevante e perciò trascurabile. E se lo dice la mí mojie deve essere vero!

    RispondiElimina
  20. Leggero' il libro di Cesaratto. Chi sa se spiega perché le economie devono crescere? Qualcuno mi può indicare un link ad una spiegazione?

    RispondiElimina
  21. Comunque, c'è da notare il fortissimo abbassamento qualitativo delle bufale raccontate dai nostri politicucci per nascondere la verità.

    RispondiElimina