MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 16 agosto 2016

Twitter: distruzioni per l'uso

Ricevo da un caro amico:


A me sempre più caro Prof.,
pochi giorni fa, cenando a Pescara in un buon ristorante di pesce sul mare, il complessino che ci allietava con una serata a tema Santana annunciava l'esecuzione di Europa dicendo "perché Europa non vuol dire  Euro" (risate e applausi e poi il pezzo).
Ho pensato nell'euforia di crearmi subito un account Twitter per comunicarlo a lei e a chi la segue ed ecco che in automatico mi è arrivato il click, manco il tempo di configurare il profilo... E non lo posso più neanche leggere ... Ho violato qualche comandamento ? Mi mancano Lebbasi?
Mi sblocca? O mi cancello per tornare a leggere i suoi cinguettii?
Con stima

L.

Allora, rapidamente (prima dello spaghetto con le telline). Come sapete, l'ordine col quale si fanno le cose è importante (per approfondire: http://youtu.be/wObhdca59A0). Su Twitter è pieno di troll e di bot. Io su Twitter ci vado per informarmi: non per informare il nemico, né per litigare. Quindi o so chi siete, o vi blocco. 

Quando mi arriva la notifica di un nuovo follower, se ha un account:

1) non configurato (con l'ovetto);

2) senza interazioni (con zero tweet);

3) con la lista standard di follow (Renzi, Calabresi, Giannino,...)

io vi blocco subito. Se qualcuna di queste condizioni non è soddisfatta, vado a vedere, e se l'utente non mi sembra un cretino non lo blocco, tenendo presente che siccome un click non è un'iniezione letale, sono abbastanza disposto a rischiare l'errore giudiziario. 

Better safe (io), best sorry (voi).

Non chiedetemi di sbloccarvi. Non lo farò. Tipicamente chi me lo chiede non mi dice qual è l'account (vedi email sopra), in un delirio di ingiustificato iocentrismo che fatalmente lo porta a violare l'unico comandamento: non avrai me come tua segretaria. 

Se vi mando a stendere fate il cazzo che vi pare, ma non chiedetemi nulla: fatevi un altro account, andate all'anagrafe a cambiare nome, reincarnatevi in un primate. Come volete. 

Poi fate così: 

1) configurate l'account;
2) usatelo un po';
3) seguite le persone giuste

e solo dopo (dopo) seguite me, e io forse non vi bloccherò. Non è cattiveria. Seguirmi, secondo me, è un privilegio. Se non sei d'accordo, non farlo: non ti ho chiamato io. Se sei d'accordo, allora lascia decidere a me se te lo meriti. 

Relax, è solo un gioco. 

Quindi ha delle regole. 

Sicuro di averle capite?

Click. 















36 commenti:

  1. Prof, è cattivissimo e per questo è un mito!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Non è solo cattivo, mica ha fottuto quell'insulso di Adinolfi solo per questo! Il mito dipende anche dalla qualità della cattiveria!

      Elimina
  2. Prof. lungi da me voler essere puntiglioso, ma il detto Inglese è "Better safe than sorry"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché vuoi fare queste figure? Ma perché ti vuoi del male? Abbi cura di te, esci, vedi qualcuno, trovati una ragazza, invece di venire qui a fare la figura di quello che non ha capito. Eppure ho anche messo (fra parentesi) il disegnino. E gnente... Vabbè, auguri..,

      Elimina
    2. Eh vabbè ho fatto la figura del saccente pur non avendone intenzione.
      Purtroppo qua in Inghilterra in questo periodo non ci sono vacanze e non ho niente di meglio da fare che lavorare, sarà per questo che mi voglio male.
      Auguri anche a lei...

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Dio era il mio ultimo tweet a te. Per l'ultimo c'è tempo.

      Elimina
    2. Comincia la campagna per i Macchianera Awards?

      Elimina
    3. @rockapasso m'hai arrubbato la bbatuta :-)
      In questa edizione l'obiettivo sarà vincere il premio come più cattivo oltre a riconfermarsi come miglior blog di economia (se scherza)
      Ma a questo punto ti chiedo un consiglio... lo riesco ad addolcire con qualche macarons fatto di mio pugno ? :-)
      Un saluto

      Elimina
  4. Ho pensato anch'io la stessa cosa di Rockapasso:D

    Subito dopo, visto che, per seguire meglio le notizie che discutete, ho ceduto e mi sono iscritto a twitter poco più di una settimana fa, ho realizzato che ho avuto un gran c*lo perchè anch'io d'istinto, ancora prima di configurare il mio account, ho cercato e cliccato su tutte le fonti di cui avevo già stampato in mente il nome (il Prof. per primo ovviamente!).

    Forse il fatto di aver selezionato con accuratezza una prima lista di nomi mi ha salvato, o forse il fatto di contribuire mensilmente ad Asimmetrie?

    Mi verebbe di chiedere al Prof. di concedere 24 ore di limbo prime del Click, ma visto che si avvicina il tempo della campagna elettorale non oso! :P

    RispondiElimina
  5. Mi pare il minimo sindacale del buonsenso.
    Anche se posso capire l'inesperienza.

    RispondiElimina
  6. "A me sempre più caro prof" è un grande attacco, però. Merita.

    RispondiElimina
  7. "έξ ών δέ ή γένεσίς έστι τοίς οΰσι, καί τήν φδοράν είς ταύτα γίνεσθαι κατά τo χρεών • διδόναι γάρ αύτά δίκην καί τίσiν άλλήλοις τής άδικίας κατά τήν τού χρόνου τάξιν."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aἱ δὲ ἄλλαι ψυχαί, ἡ μὲν ἄριστα θεῷ ἑπομένη καὶ εἰκασμένη ὑπερῆρεν εἰς τὸν ἔξω τόπον τὴν τοῦ ἡνιόχου κεφαλήν, καὶ συμπεριηνέχθη τὴν περιφοράν, θορυβουμένη ὑπὸ τῶν ἵππων καὶ μόγις καθορῶσα τὰ ὄντα: ἡ δὲ τοτὲ μὲν ἦρεν, τοτὲ δ᾽ἔδυ, βιαζομένων δὲ τῶν ἵππων τὰ μὲν εἶδεν, τὰδ᾽ οὔ. Aἱ δὲ δὴ ἄλλαι γλιχόμεναι μὲν ἅπασαι τοῦ ἄνω ἕπονται, ἀδυνατοῦσαι δέ, ὑποβρύχιαι συμπεριφέρονται, πατοῦσαι ἀλλήλας καὶ ἐπιβάλλουσαι, ἑτέρα πρὸ τῆς ἑτέρας πειρωμένη γενέσθαι. Θόρυβος οὖν καὶ ἅμιλλα καὶ ἱδρὼς ἔσχατος γίγνεται, οὗ δὴ κακίᾳ ἡνιόχων πολλαὶ μὲν χωλεύονται, πολλαὶ δὲ πολλὰ πτερὰ θραύονται: πᾶσαι δὲ πολὺν ἔχουσαι πόνον ἀτελεῖς τῆς τοῦ ὄντος θέας ἀπέρχονται, καὶ ἀπελθοῦσαι τροφῇδοξαστῇ χρῶνται.

      Quanto alle altre anime, invece, quella che meglio riesce a seguire il dio e farsi simile a lui solleva la testa dell'auriga nello spazio che sta fuori e ruota secondo la rivoluzione, ma è comunque intralciata dai cavalli, e vede a stento gli esseri. Un'altra solleva ora la testa, e subito si immerge: strattonata dai cavalli, qualcosa vede e qualcosa no. Le altre poi, aspirando tutte a ciò che sta in alto, seguono, ma non ne hanno la forza e vengono trascinate in basso, calpestandosi, scontrandosi, ognuna cercando di sopraffare le altre. Ed ecco tumulto, lotta, uno sforzo estremo; molte si azzoppano per imperizia degli aurighi, molte si spezzano le ali, e tutte se ne vanno senza una piena iniziazione alla visione dell'essere, stremate dalla fatica; e allontanatesi, si nutrono dell'opinione.

      Platone, Fedro, traduzione di Mauro Bonazzi (Einaudi)

      Elimina
    2. Giovine Baroni, prima di attuare un affrettato copia e incolla, si assicuri che il testo non sia in un greco inesistente. Si vede davvero che lei ha fatto il classico: e lei vorrebbe la mia stima? https://www.youtube.com/watch?v=fa3a50pLmu8

      Il testo in greco corretto (citazione di Simplicio, Commento alla Fisica di Aristotele 24, 13), è:

      ἐξ ὧν δὲ ἡ γένεσίς ἐστι τοῖς οὖσι, καὶ τὴν φθορὰν εἰς ταῦτα γίνεσθαι κατὰ τὸ χρεών· διδόναι γὰρ αὐτὰ δίκην καὶ τίσιν ἀλλήλοις τῆς ἀδικίας κατὰ τὴν τοῦ χρόνου τάξιν [...]

      Ah, questi giovini...

      Elimina
    3. Guardi, trovo già un'enorme impresa quella di riuscire ad avere stima di sé, s'immagini se anche solo considero quella di pretenderla dagli altri: ognuno di noi ha una fin troppo personale scala di valori sulla cui base stabilire chi sia o meno stimabile e la vita media è eccessivamente breve da concederci il lusso di poterla sprecare alla ricerca di un consenso esterno. Che è poi - se ci si pensa - esattamente uno dei problemi che caratterizza, per diffusione, il moderno. Sicuramente italiano.

      Elimina
  8. No problem, prof, L. avrà pazienza, e quando lo conoscerà vedrà che la comunità avrà fatto un ottimo acquisto. Se non fosse per il fatto che è moooolto meglio de me, garantirei io per lui. Ma non garantirò anche per il fatto che sono geloso: cavolo, al primo messaggio si guadagna già la prima pagina,e io dopo anni... uff!
    Meno male che sono sportivo.

    RispondiElimina
  9. Chiedo scusa.
    Entrai in twitter esclusivamente per seguirti professore e ci ho l'ovetto ancora. Non sono una tanto da social, nel senso che non mi piace tanto esservi attiva interagendo più di tanto. Credo che tu non mi abbia bloccato, anche se non è che ci capisco molto.
    Comunque vivo in provincia di Teramo, operaia di lungo corso. E vedrò di togliere l'ovetto. Per me è un piacere grande leggerti, soprattutto qui sul blog: per i contenuti, per come scrivi, per come sei.
    Grazie.

    RispondiElimina
  10. C'è anche una strada alternativa: all'interno di twitter create una lista privata ed all'interno ci mettete chi volete voi senza che questi ultimi ne ricevano notifiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se ti sgamo applico la regola di Scarpetta di Venete.

      Elimina
    2. Io sono questo qui: https://www.reddit.com/r/perlediritaly/comments/4qhlmq/meta_un_piano_duscita_dalleuro_post_lungo/

      Non sono proprio un piddino.

      La seguo dall'account di una associazione che non ha nulla a che fare con l'economia né con la politica. Non ho un mio account su Twitter.

      Elimina
    3. Perdonami, caro: se sei un piddino non lo decidi tu. Tu come definisci uno che spreca il suo tempo discutendo con subumani simili?

      Elimina
    4. Io lo definirei come una persona che potrebbe usare meglio il suo tempo.

      Però, alcune di quelle discussioni mi hanno fatto rileggere per la seconda volta il suo libro "L'Italia può farcela" e vari articoli del blog.

      Ad ogni modo, se preferisce che io smetta di seguirla su Twitter ed altrove, me lo dica.

      Elimina
  11. Avendo l'account configurato, avendolo usato un po' e seguendo le persone " giuste", ai suoi occhi devo essere sembrato un cretino e devo ammettere che pur usando Twitter in modo piuttosto superficiale, la cosa mi preoccupa. Non credo di potermi reincarnare in un primate e se mai la cosa dovesse essere possibile mi auguro succeda tra molto tempo quando l'euro sarà ormai un lontano ricordo. Cambiare nome e' complesso e temo molto errori e lungaggini della burocrazia italiana. Cambiare account e' fattibile e ne varrebbe anche la pena anche perché non conoscendo bene i social non avevo messo neanche il mio vero nome. Seguirò le istruzioni e non farò mai più battute stupide sul jogging. Conto dunque di rileggerla anche lì appena pronto
    Le confesso che qualche persona "sbagliata" la vorrei seguire perché grazie ai suoi insegnamenti vedo con facilità i loro errori, le loro manipolazioni e il rumore delle loro unghie sugli specchi.
    Questo probabilmente implicherà,ad un mio probabile errore o ad una battuta fuori luogo, una veloce indagine sulla mia eventuale cretinaggine. Sono però pronto a rischiare una terribile conferma
    Ringraziandola comunque per avermi aperto gli occhi e per averli apert a molte persone le auguro di aprirne tanti altri per il bene loro e del Paese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se venisse bloccato nuovamente non ne abbia a male. Farà parte di un folto gruppo di persone. Molte di esse le trova qui sul blog. Per comunicare con noi non deve prima studiare economia, o i classici della letteratura europea. Finché il padrone di casa ce lo permette, noi ci relazioniamo con tutti: eccelsi, mediocri e dilettanti, perché possiamo permettercelo. È la nostra fortuna. Alcuni di noi li trova anche su Twitter. Se poi vuole leggere i tweet del Prof., e non conosce nessuno che glieli rituitta, li trova tutti su questo blog in basso a destra. Perché, in fondo, a lui, come a tutti, piace essere seguito.
      Benvenuto.

      Elimina
  12. non ho mai capito il funzionamento di Twitter...però i post sono visibili, anche senza essere un follower.

    RispondiElimina
  13. Miii che notiziona! Valeva proprio la pena di iscriversi a Twitter apposta per dirglielo. A me 'sto fritto misto di pesce-Santana-euro mi ricorda la tarantella di Barisoni ma anche un po' la grigliata di ferragosto della festa dell'Unità (nell'immaginario, non ci sono mai stata).

    Non vorrei abbassare il livello, con questo QED:
    "Allarme Bundesbank: tedeschi in pensione a 69 anni o conti a rischio".
    Merkel dice no.
    "Ma l'innalzamento dell'eta pensionistica sarebbe solo una delle possibili compensazioni per l'andamento demografico avverso: anche con un passaggio ai 69 anni, il sistema dovrebbe decidere comunque un aumento della contribuzione al 24% dall'attuale 18,7% e accettare un calo del tasso di sostituzione che, al momento, per il pensionato medio è del 48% dello stipendio medio. Secondo i calcoli della banca centrale tedesca, questo tasso scenderà entro il 2060 al 44% e al 42% se non si alzerà l'età pensionabile a 69 anni."

    Non manca poi un po' di autorazzismo repubblichino:
    "Un problema che ricorda da vicino quello italiano dove - tuttavia - le ultime riforme per mettere in sicurezza i conti hanno creato pericolosi paradossi come quello dell'operaia che rischia di lavorare fino a 74 anni."
    L'unico problema del sistema pensionistico italiano sono proprio le "ultime riforme" degli ultimi premier-non-eletti caldeggiate da Repubblica (che non merita neppure il link, che schifo).

    RispondiElimina
  14. "Un problema che ricorda da vicino quello italiano dove - tuttavia - le ultime riforme per mettere in sicurezza i conti hanno creato pericolosi paradossi come quello dell'operaia che rischia di lavorare fino a 74 anni."
    Direi che a questo punto potremmo fare pagare a tutti i contributi e mandarli in pensione a 80 anni, per chi ci arriva fisicamente e anche lavorativamente però.
    Ma non si può fare che ognuno va in pensione quando vuole, e riceve in base a quanto ha versato? Se io volessi andare in pensione a 50 anni e avessi diritto, per quella data, ad avere una pensione di xxx lire, non posso averla? Sarò io poi a sapere se sono in grado di sopravvivere o meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensione a 80 anni e contestualmente eliminazione fisica degli anziani; operazione in corso.
      Questa credo sia la più orribile, indegna, iniqua conseguenza dell' euro. Padri contro figli, guerra di sopravvivenza, guerra psicologica e lo stato che ci guadagna sopra! Al netto, ovvero senza GIAS e RITORNO TRIBUTARIO e per confronto, una delle più basse al mondo in termini di spesa sul PIL, e con le avvertenze di cui sotto. UNA VERGOGNA, COMPORTAMENTO INDEGNO per uno stato (in)civile, per l' ISTITUTO PREVIDENZIALE e per sindacati omertosi.

      <a href="http://goofynomics.blogspot.it/2014/06/il-libbberista-e-il-pensionato.html<b>Vediamo: pago 211 di pensioni e incasso 190 di contributi. Quindi sono sotto di 21 miliardi. Ma nel mentre pago le pensioni faccio pure 46 miliardi di ritenute fiscali ! quindi, IN REALTA’, pago solo 165 miliardi di pensioni (211-46). E se pago solo 165 miliardi di pensioni ( al netto delle ritenute fiscali) io Stato ci ho guadagnato, nel 2012 – udite udite – ben 25 miliardi di euro (190-165).

      E’ strano come una salita possa diventare una discesa e un deficit di 40 miliardi un avanzo di 25</b></a>

      Elimina
  15. Una mano al pedante per far vincere facciamocome nella categoria satira la diamo?

    RispondiElimina
  16. pure io sono bloccato (non ho l'ovetto.. ahah).
    All'inizio ci sono rimasto male (cacchio, uso twitter per informazioni e... ok, diverte leggere ogni tanto qualche cavolata) ma me ne sono fatto una ragione (mi accontento dei retweet).

    PS: quindi, seguite gli amici dell'amico.. ahahha

    RispondiElimina
  17. A proposito, chi ha vinto il "Giannino d'Oro" per l'analisi del grafico sul Pakistan?

    RispondiElimina
  18. Caro prof la seguo da anni. Perché devo subire il fuoco amico? Ero al goofy2 ci siam conosciuti è successo addirittura che mi seguiva su Twitter per qualche mese e adesso devo creare un nuovo account. Per favore le chiedo il riesame come un ricorso in cassazione. Debunker @il_mainstreamer . Merito una chance?

    RispondiElimina