MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 24 giugno 2016

A British requiem


(...which is neither British, nor a Requiem...)

(...linea editoriale della giornata: [1] oggi Obama è veramente nero; [2] ora vediamo er Rotella cosa fa: come al solito la Germania si è messa in una situazione nella quale può solo perdere - vedi alla voce "il problema è la democrazia"; [3] un abbraccio a Pier Carlo che ora ha un'ottima scusa per buttarla in caciara; [4] io continuerò a bere whisky; [5] la Gran Bretagna ha trovato un modo molto scaltro di fare una cosa di cui aveva bisogno - svalutare - senza nemmeno stampare un penny in più (anche se sulla svalutazione ho dei dubbi: presto si capirà che la sterlina è bene rifugio ora più di prima); [6] ci toccherà andare in televisione più spesso; [7] con il Remain vinceva Cameron e perdeva la sinistra, con il Leave perde Cameron e perde la sinistra; [8] sarò sempre grato all'euro di avermi fatto conoscere uomini come Claudio Borghi e Mentana: quest'ultimo ha dato prova di grandissima professionalità, imparzialità, e resilienza ai sassi e dardi dell'avversa fortuna, mi dicono, che poi è quello che tutti ci aspettavamo dal nostro Federico. Io ne ero tanto sicuro che ci ho dormito benissimo sopra...)

(...e ora inizia la staffetta: il testimone lo prendo io, e ci vediamo a Uno Mattina dalle 7:30, poi da Pancani con Andrea Romano [chi?]...)

(...al #goofy5 il promotore del referendum per l'uscita della Finlandia. Just so you know...)


257 commenti:

  1. Dice che Junker stia brindando comunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta saltando. Ubriachezza molesta o colica renale (oppure entrambe).

      Gli auguriamo una pronta guarigione ma nel frattempo dia l'esempio: si dimetta.

      Elimina
  2. Complimenti ai sondaggisi di Goldman Sachs. Sono giusto un po' meglio dei loro banchieri.

    RispondiElimina
  3. La nazione europea che godeva di maggiori privilegi, quella che non ha aderito a Schengen, che non ha aderito al fondo salavastati, che non ha aderito all'euro, si è rivelata decisiva ai fini di un ripristino della democrazia in Europa.

    La libertà è arrivata da chi era piu' libero di noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dimentichiamo che UK è stata sempre dalla parte giusta nelle drammatiche prove del secolo scorso, contro la volontà di aggressione e annessione della Germania. La memoria conta.

      Elimina
    2. Loro erano liberi e hanno deciso di rimanervi. Questa mattina, in ufficio, da me è una valle di lacrime: tutti quelli che votano Pd sono qui tristi, capiscono che il loro FFogno si sta rovinando, per colpa degli inglesi.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Si certo. Come l'accordo navale anglo-tedesco del 18 giugno 1935, che regolamentò il riarmo navale tedesco, legalizzando la violazione tedesca delle clausole navali della parte V del Trattato di Versailles e violando di fatto l'accordo in funzione anti-tedesca del fronte di Stresa, fatto insieme a Francia e Italia. Il tutto per tutelare gli interessi commerciali e dando conferma alla figura di Hitler e spianando ancor più la strada alla guerra. La memoria conta tutta, non in parte.

      Elimina
    5. L'accordo navale fu fatto dalla Gran Bretagna perché sapeva benissimo che un paio di corazzate tedesche in più di fronte alla Royal Navy non avrebbero fatto la differenza (che fine ha fatto nel 1941 la Bismarck?). Chamberlain in fondo stava cercando di guadagnare tempo, sapeva benissimo che la guerra ci sarebbe stata ed infatti l'ha dichiarata LUI nel settembre 1939, non Churchill che arrivò a Downing Street solo il 10 maggio 1940. Intanto nel frattempo gli inglesi riuscirono a completare la rete radar "Chain Home" e a fornire i propri Squadrons di Spitfire e Hurricane e così vincere la Battaglia d'Inghilterra. L'establishment tedesco non è "fuuuuurbbooo", perché è sempre stato eccezionale nella tattica ma tonto (è il termine meno cattivo che mi viene) nella strategia; l'establishment inglese sì invece è "fuuuuurbbooo", perché, come si dice, gli inglesi perdono le battaglie (cioè il momento tattico) ma vincono le guerre (cioè il momento strategico). L'élite finanziaria inglese, ne sono sicuro, avrebbe vinto qualsiasi fosse il risultato del referendum, altrimenti Cameron non lo avrebbe permesso. Mi fa ridere il clima da catastrofe planetaria che impera nei mass media nostrani.

      Elimina
  4. Vedere le facce e sentire le voci e gli argomenti delle Erinni Europeiste nella giornata di oggi non ha prezzo, e ce lo godremo intensamente, visto che la MasterCard non la possiamo più usare!

    Le segnalo che fuori da Saxa Rubra su a'Flaminia ce sta un chioschetto che vende asfalto, ce l'hanno bello liquido liquido che si versa che è un piacere; con una tanica le regalano anche due cuscini di piumino DANESE!

    RispondiElimina
  5. Per il punto 8: ho capito male io o intendeva Enrico (Mentana) al posto di Federico?
    Ps: per quanto mi riguarda, un bel paccheetone di Digestive non me lo leverà nessuno..

    RispondiElimina
  6. Aaahh, volevo ben dire che lo stratega non vegliasse dagli spalti...

    RispondiElimina
  7. Guru, grazie per avermi dato la possibilità di capire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci associamo tutti facciamo un coro di stonati, lasciamo fare a Charpentier
      Grazie per avercelo fatto sentire, è bellissimo!

      Elimina
  8. A proposito di sinistra alla Bertinotti che sta per andare a casa...insieme a Cameron!

    http://www.telegraph.co.uk/news/2016/06/24/labours-chris-bryant-attacks-ed-miliband-as-he-blames-him-for-de/

    RispondiElimina
  9. St. Thomas on the road to Downing Street...

    RispondiElimina
  10. Federico Mentana si preoccupava di chi deteneva Sterline.Cosa gliene fregasse a lui ancora non si è capito.

    RispondiElimina
  11. Meno male che i Britannici non si sono fatti impressionare dalle mezze tacche alla Juncker ed hanno rispedito le minacce ai mettenti. Speriamo che ora si avvii un processo a catena.

    RispondiElimina
  12. Caro Professore,

    la seguo dal 2012 e contribuisco regolarmente ad Asimmetrie da anni. Vivo e lavoro nella città di John Maynard Keynes. In questo momento così delicato, volevo ringraziarla per avermi dato gli strumenti per comprendere quello che sta accadendo attorno a me. Soltanto una parola: grazie!

    RispondiElimina
  13. Ti scongiuro asfalta il romano chi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con british humor, però! Un pensiero anche agli amici ortotteri e alla loro retromarcia di ieri.
      (E anche uno Scalfarotto che parla di fine di un "periodo di 70 anni di pace" garantiti dal l'UE premio Nobel contro le "piccole patrie brutte e cattive", nonché di "sconfitta della generazione Erasmus", merita qualche parola..in trasmissione avverto sospiri di insofferenza mentre parla, credo di sapere a chi appartenon! )

      Elimina
    2. Sono ortottero e confermo che la genialata della comunicazione "devono decidere i cittadini, ma noi non vi diciamo come la pensiamo" é una colossale cazzata, anche perché si sono appiattiti sulle posizioni pd. E il tutto per banale marketing elettorale al fine di non spaventare i "moderati". Ora gli tocca riposizionarsi pure su questo.

      Elimina
    3. (Oops, su La 7 ci va dopo. Ero ancora assonnata, chiedo scusa. In ogni caso, Scalfarotto inascoltabile).

      Elimina
    4. Hai voglia come lo ha asfaltato! Chiunque stamane avesse orecchi per intendere, ha inteso! E poco ci mancava che scoppiasse a piangere Romano chi!

      Elimina
  14. Non dimentichiamoci del nostro amico Grillo.. Della serie: le verità vengono sempre a galla; oggi ha dichiarato nel suo blog che dovremo impegnarci a cambiare l' Europa dall' interno e non ad uscire. Ho un dejavu, ho già sentito queste parole da un ingegnere che ha tradito il suo popolo in un piccolo stato del sud.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle mie parti si dice che le stronzate vengono sempre a galla... Ortotteri avvisati!

      Elimina
  15. Io mi sono seguito tutta la maratona.....pensavo a Crozza e alle sue imitazioni di Mentana.......che poveraccio ha tirato per 9 ore di fila. Borghi è davvero persona gradevole, il solo a far compagnia a Mentana fino alla fine, una trasmissione graziosamente surreale soprattutto per il risultato finale che ha clamorosamente smentito i sondaggi.
    Vedendo le quotazioni sui mercati mi sfugge il perché il rand sudafricano perda cosi tanto nei confronti dell'euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Sud Africa sono in atto rivolte e saccheggi, non c'entra il Brexit a quanto pare.

      Elimina
    2. Grazie. Si, questo lo sapevo.....ma è da qualche giorno che ci sono rivolte e lo zar aveva tenuto. Comunque sta recuperando.

      Elimina
  16. Evviva!!

    Faccio notare che la Scozia, animata da volontà indipendentiste dal Regno Unito, ha votato in netta maggioranza per restare nelle mani delle istituzioni non democratiche europee.

    In ciò dimostrando vera l'intuizione di Luciano Barra Caracciolo secondo cui i movimenti indipendentisti locali, pur animati da sana volontà partecipazione popolare, non riescono a cogliere il problema che viviamo noi europei.

    Ciò dimostra una volta in più, come il professor Bagnai intuì e fu dimostrato alle ultime elezioni europee in Italia dal successo della Lega, quale dovrebbe essere la priorità per questi partiti anzichè perdersi in egoismi miopi, lotte tra poveri disgraziati, alleanze con partiti e persone che hanno ormai voltato le spalle da anni agli interessi dei cittadini.

    Alberto Monaco

    RispondiElimina
  17. Oggi è una giornata grande, grande, grsnde.

    RispondiElimina
  18. E in virtù d’una parola
    Ricomincio la mia vita
    Sono nato per conoscerti,
    Per chiamarti

    Libertà

    RispondiElimina
  19. È ancora possibile sperare nell'impossibilità di condizionare mediaticamente i popoli, per me il segnale più bello e significativo del risultato inglese. Al di là della rilevanza per euro e EU, un messaggio che durerà nella memoria dei veri demagoghi e dei loro servi, quelli che vogliono guidare con il terrore. La prima vera gioia politica da anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, e' la prima cosa che ho pensato. Democrazia (lasciano votare e non brogliano) e liberta' di informazione (according to Foa, gli anglosassoni sono comunque ancora meglio degli altri). Chissa' se le loro elite sono convinte che un pizzico di democrazia faccia bene al business, speremm.

      Elimina
    2. Verissimo e ancor più alla presenza delle giravolte e dei contorsionismi degli ultimi arrivati: vedi i cambi di rotta degli ortotteri sul blog di Grillo, rilevati dal Fatto Quotidiano. A maggio scrivono che bisogna lasciare la voce al popolo sul tema Europa, poi cambiano lo stesso testo asserendo che loro sono per la UE e per questo si presentano ai cittadini. Cosa scriveranno domani???

      In compenso Renzi straparla di Italia che è così stabile da diventare l'asse di riferimento, il bastone di sostegno di questa Europa, e da domani andrà a proporsi ai partner come muratorino per ricostruire la casa...etc.etc.
      Da sbellicarsi...

      Grazie prof

      Tito Casali

      Elimina
  20. Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhh ... uno mattinaaaaa............ la generazione Erasmusss... ma dai.......... dite un'altra cazzata dai ancora una vi prego... e poi, la faccia di Ollio Friedmann ..... non ha prezzooooooo.... dai Alberto alè alè, tira la bomba tira la bomba ...

    RispondiElimina
  21. Spegnendo la tv alle 7.50 dopo aver apprezzato la sua partecipazione pensavo : sta' giornalista sta' proprio inc** ...eem scusi volevo dire delusa.
    Lei e ' stato veramente abile negli interventi specialmente sul finale.
    Grazie!

    RispondiElimina
  22. https://www.youtube.com/watch?v=fNIrEYimmXs

    RispondiElimina
  23. Grande giorno!

    Peccato che per vedere il prof., toccherà anche ascoltare e vedere quell' a. romano!

    RispondiElimina
  24. Grazie professore per avermi aperto gli occhi, i suoi libri sono come la luce in fondo al tunnel.
    E questa luce in fondo al tunnel ora la vedo!!!
    God save the queen

    RispondiElimina
  25. Molinari: un uomo distrutto che parla come un robot stordito...

    Poverello, va capito: ieri il primo Farò della Appendino per la Festa di San Giovanni che cade dalla parte giusta, questa notte il Brexit, oggi Bagnai: di peggio c'è solo la mia cervicale che mi ha tormentato questa notte.

    RispondiElimina
  26. Chi va a dormire piromane si risveglia pompiere (saranno tanti).
    Italexit è brutto, proporrei EXITALY.

    RispondiElimina
  27. Che dite, amici, vogliamo rivedercelo? :-)

    we few, we happy few, we band of brothers!

    https://www.youtube.com/watch?v=fNIrEYimmXs

    RispondiElimina
  28. Non ci posso credere!!!...Speriamo che adesso diverrà una moda andare contro la UE come una possibile mossa di propaganda per i politici italiani al fine di prendere voti...

    Speriamo!

    RispondiElimina
  29. Professore: il suo paragone tra la Grecia con l'Euro e la Gran Bretagna con la Sterlina ha deformato i tratti somatici della bionda alla sua sinistra!

    RispondiElimina
  30. Il punto 4 "io continuerò a bere whisky" è super approvato. Questa sera vado al bar vicino a casa e al posto del solito caffè chiedo whisky scozzese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi stappo l'ultima bottiglia di Blair Athol ormai 30 years old!

      Se passate da quelle parti https://www.discovering-distilleries.com/blairathol/ non mancate di approfittare della momentanea debolezza della Sterlina!

      Elimina
  31. Non è che Cameron farà come Trippas dopo il referendum sull'austerità? Adesso, come risposta, aderirà anche all'eurozona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo un flop così dovrebbe dimettersi tutta la commissione EU.

      Comunque ieri sera ho guardato fino a mezzanotte poi delusa ho spento la TV.
      Al risveglio ho aperto Goofy e non riuscivo a crederci, da un anno a questa parte è la prima volta che mi sento contenta per qualcosa.
      Grazie agli inglesi e soprattutto a lei, professore, che mi ha permesso di capire e apprezzare il valore della democrazia.

      Elimina
  32. I colonizzati invece di sognare scellerate unioni con i colonizzatori dovrebbero imparare da quest'ultimi che oggi hanno mostrato come ci si comporta quando si è a rischio colonizzazione

    RispondiElimina
  33. I Britannici non sono stupidi, già avevano fiutato che l'euro non era un affare ma una gabbia ed oggi hanno chiuso il cerchio. God save the Queen.

    RispondiElimina
  34. !!!!!!!!!! :D

    Peccato per Milano che non è caduta tre giorni fa, ma dovrebbe bastare comunque.

    Prossimo appuntamento ad ottobre!

    RispondiElimina
  35. La solita figura di cacca dei nostri soloni... sentire quel tal Serra sproloquiare sull'industria inglese dell'auto e sui suoi destini non ha prezzo, comunque XD.

    RispondiElimina
  36. Alla lettura del titolo del video ho fatto una delle più sincere risate che ricordi (lo piraterò mi sa). Great UK. Bella esecuzione.

    RispondiElimina
  37. Caro Prof, la sua gufata (insieme con quella di Marcello Foa) è stata provvidenziale! Ma non si preoccupi, nessuno è perfetto...#BREXIT

    RispondiElimina
  38. Dunque,

    - a Firenze è S. Giovanni, come ogni 24 giugno;
    - Lùlu e Gògo (la gatta nera e la squama di tartaruga) mantengono intatto l'istinto alla caccia.
    Ma vi dirò di più, stamani, di levata, ci hanno fatto trovare la preda più ambita che si possa nascondere in un terrazzo al terzo piano in città: quel geco;
    - il sole è sorto e riscalda ancora (28 gradi).

    E' tempo di un "Forte Tutti".

    (Alessandra Bacci/Cassandra da Firenze. Buona giornata a tutti!)

    RispondiElimina
  39. Attention safer and stronger chickens!

    WE ARE BETTER OFF OUT!!!

    https://www.youtube.com/watch?v=a49Zgna_4Y4

    RispondiElimina
  40. I mercati non hanno bisogno di controllo perché sono perfetti e si autoregolano; infatti hanno scommesso sul remain e hanno sbagliato #DAR

    E ora nell'ordine:
    - Attendiamo i disastri annunciati che però non succederanno.
    - Godiamoci le contorsioni da cambio di linea editoriale.
    - Monti che fra tre mesi sul corrierore scriverà: uscire dall'UE alla Gran Bretagna ha fatto bene.

    Grazie Prof, senza questo blog mai avrei potuto godere del lato comico di questi momenti difficili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le Borse politiche hanno cambe corte. :-)))
      Lo stesso vale per l'euro Break-up, forse con reazione piu violenta, in questo caso sopratutto per la Germania.
      Le Borse anticipano sempre i dati fondamentali, per l'Italia migliorerebbero è la borsa italiana recuperebbe in poche settimane o mesi il terreno perduto, situazione decisamente più complicata per la Germania, sempre in caso di euro-break-up.

      Elimina
    2. @ Paolo Corrado

      Non credo.
      Il problema in Italia sono le sofferenze bancarie. Le piú alte in Europa (Grecia a parte) in relazione al PIL. Infatti al momento Unicredit fa circa -20%.

      Unicredit é una banca sistemica per l'Italia. Anzi, forse, LA banca sistemica.

      Credo che semplicemente il Brexit, che i sondaggi non hanno previsto e i mercati non hanno prezzato, ha messo a nudo il re davanti all'opinione pubblica. Forse troppo a nudo: attendiamoci contromisure di Bruxelles intese a invalidare il voto, chiedere un secondo referendum etc.

      Elimina
    3. Detto fra noi, i mercati non hanno scommesso sul remain: hanno incastrato i polli. Un mese fa Soros (cioè Quantum fund, cioè… vabbé… diciamo che ha informazioni privilegiate) ha detto che aveva venduto tutto l'azionario e si era messo long sull'oro. Fino all'omicidio della Cox, le borse scendevano tutte manina per manina del 10%. Ieri l'apoteosi, con la falsissima salita dopo il sondaggio privato dell'Ipsos. La salita puzzava di marcio lontano un miglio. I mercati, almeno quelli azionari, sono autoregolati nel senso che alcuni, che ne fanno parte, li manipolano. Per definizione, sennò le c.d. mani forti non potrebbero accumulare (a prezzi bassi) e distribuire (a prezzi alti).

      Detto ciò, sto godendo come un cammello, un abbraccio a Alberto e a tutta la comunità.

      Elimina
    4. @ Mikez73

      Io stesso ho aumentato un mese fa quei pochi spiccioli che ho investendoli in oro. Ma non per il Brexit, ma per i tassi negativi e per il fatto che se non sale l'inflazione, allora la FED opterá per un altro QE, il quarto. Il che fará schizzare in alto le valute rifugio e le commodities. Oro in primis.


      Soros ha scritto sul Financial Times che lui era per il Bremain. Due giorni prima del referendum. Quindi, puó anche scrivere una cosa e poi investire nell'opposto, ma dubito. Gli statistici hanno preso una toppa colossale, e non é l'ultima.

      Post-scriptum: aspettiamo l'esito dell'alta corte austriaca in merito ai brogli nelle ultime elezioni a Vienna.

      Elimina
    5. Se avessi posseduto un milione in titoli, li avrei venduti ieri sull'onda dell'entusiasmo per i sondaggi sfavorevoli al brexit a più di un milione, per poi riacquistarli oggi a meno di un milione, intascandomi la differenza.

      Elimina
    6. Secondo me i sondaggi hanno toppato perchè non hanno letto bene il voto nelle campagne. Ho seguito lo spoglio ed era evidente che ogni grande città che inviava gli esiti faceva propendere per l'in e il risultato momentaneamente cambiava, ma lentamente la somma di tutti i piccoli centri pro-leave rierodeva il vantaggio. Infatti nelle grandi citta i sondaggi sono stati giusti. Quasi tutte le gradi città hanno confermato o migliorato il risultato dell'in previsto. Sicuramente le banche avranno commssionato molti exitpoll e sondaggi privati e su questa base hanno comprato a piene mani, quindi non penso ci sia stata manipolazione dei sondaggi pubblici, ma proprio non hanno funzionato.

      Elimina
    7. Ringrazio @mikez73 per il saluto collettivo,
      ma io non sono tranquillo.
      Hanno dimostrato di saper superare tutti gli shock (endogeni ed esogeni) che si sono presentati. I sondaggi non hanno toppato, una toppa così è impossibile, Impossibile, impossibile. Hanno marciato "beside".
      Conservo una grande paura, perché continuo ad avere una (marginale) proprietà, ma sono privo di reddito.
      Realisticamente, presto ne sarò privo.

      Conservo la mia epidermica, ormai consolidata, pelle d'oca, perché ad oggi, ogni variazione dello status quo è stata utilizzata per dare un giro alla ruota (non alla giostra). Mi auguro sinceramente che si possa influenzare il voto di ottobre, ma lo temo come Renzo la peste (ma, mi adopro, e adopererò, per condizionarlo, con tutti i miei limiti).

      Ma dopodomani è il mio fottuto compleanno, e ho già ricevuto un bel regalo: otto ore di Borghi "in the brexit", con un Mentana grandissimo, semi equilibr/ato(ista). Alle 5 sono venuto meno, ma ho colto i dialoghi migliori.

      Mi spiace, non voglio contagiarvi col mio pessimismo, ché sono un ottimista "sismico": ma leggete le carte.

      A noi è uscito "L'appeso".

      Elimina
  41. Io non credo che sia ancora il momento di festeggiare. Mi sembra chiaro dalle prime reazioni che ci sarà un irrigidimento ulteriore dell'UE ed una ulteriore stretta democratica come contromisura al possibile pacifico disfacimento dell'Unione. La guerra civile europea è sempre lì, forse più vicina anche se da oggi è chiaro che non si combatterà in Gran Bretagna.

    RispondiElimina
  42. Vedere in TV il livore astioso mattutino dei vari Scalfarotto e l' imbarazzo serale di Monti, incapace di rispondere alle osservazioni pertinenti e puntuali di Claudio Borghi, non ha prezzo.
    Vedete cosa succede a fare incazzare er Cavajere Nero ?

    RispondiElimina
  43. In attesa di eine deutsche requiem oggi ricevo il commento di una vecchia amica: iononcicapisconiente MA è meglio l'Europa perché cosi non devo fare il cambio di moneta...

    RispondiElimina
  44. E se proprio volessimo trovare un lato negativo, beh... professore, questa è la prima volta da diversi anni a questa parte che lei NON azzecca una previsione! :D

    RispondiElimina
  45. Questa sera berrò un whisky. Poco, ma buono! Sarà uno di quelli che producono in quelle isole su su della Scozia. E quando assaporerò i forti sentori di smoke provenienti dalla torba di tostatura, penserò ai sogni berlinesi andati in fumo ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che gli scozzesi non se lo meriterebbero (sono eurofili) ma tu bevilo lo stesso!
      Meglio etilisti che elitisti, anche se le due cose alle volte coincidono...

      Elimina
  46. Sono rinc.......to dal sonno (chissà perché...). Dopo l'attentato e le quote dei bookmaker a favore del remain non me lo aspettavo. Mi ero assopito davanti alla TV quando mi ritrovo Borghi tutto solo. Lo avevano abbandonato tutti anche gli exit poll. Stavano uscendo i dati veri... No! non era un sogno ma nemmeno un fogno...

    RispondiElimina
  47. Ieri sera nella maratona di Mentana era ospite Enrico Letta che, dall'alto della statura di statista internazionale, interviene dicendo che (sintetizzo...) uno dei vantaggi dell'€ è che oggi i giovani possono viaggiare e girare l'Europa con i voli low cost!!!
    Era Presidente del Consiglio.
    Non uno in studio che gli abbia detto: maccheccazzostaidìì.
    Prof, picchi duro su Romano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puttanate riprese stamattina a Unomattina dalla conduttrice: i ggggiovani per l'Europa, la generazione Erasmus, I VOLI A 20 €.."

      MA LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE (E NON SOLO)?
      E LA PRECARIZZAZIONE E LE CONDIZIONI DI LAVORO PER ARRIVARE A QUEI FOTTUTI 20 EURI?

      Elimina
    2. Ti quoto, Son proprio dei venduti.
      Tornando alla Brexit

      "Amo l'odore del napalm la mattina. Ha il profumo della vittoria." cit.

      Elimina
    3. Infatti, nel resto del mondo i voli aerei sono pochi e riservati solo ai ricchi e soprattutto non esistono compagnie low cost. Che fortuna che abbiamo noi europei...

      Elimina
  48. anche se mi hai mandato a fanculo, grazie per le info che hai dato a noi. Oggi son felice anche grazie a te strunz. Un abbraccio albè

    RispondiElimina
  49. Per via del fatto che lavoro in un ambiente pieno di europei, e la lingua che parliamo é inglese (inglese continentale), alla fine ho la fortuna di poter seguire interviste fatte da giornalisti inglesi a uomini e donne intelligenti euroscettici inglesi, in inglese. Senza traduzioni o giornalisti italiani che traducono "ordinary man"in uomo ordinario (che in italiano suona come un insulto) anziché "uomo normale, comune".

    Bene, sono rimasto profondamente colpito dalla profonditá di pensiero di un Bernard Connolly o di un Nigel Farage. Due caratteri agli opposti, esperienze diverse e tuttavia a mio modesto avviso due veri patrioti.

    Ieri ho letto che Grillo ha detto che si sgancia da Farage e che l'Europa va combattuta dall'interno (come un certo Varoufakis..); peccato, un'altra occasione persa per stare zitto.

    RispondiElimina
  50. In una giornata storica per l'Europa, mi sento di dire una sola cosa: grazie per il suo lavoro e per questo blog, professore.

    RispondiElimina
  51. E' un primo passo,insperato visto la campagna 'diluvista'propinata a martellatate dentro le zucche dei cittadini albionici,comunque un Prime Minister pro-Brexit che avesse fatto la 'chiamata patriottica'avrebbe portato il leave a vincere con percentuali bulgare.'Inglese europeista'e' un ossimoro.l'unico voto libero e' stato quello per il Leave,chi ha votato il remain lo ha fatto per lo piu perche impaurito dalla propaganda e dai ricatti.Non illudiamoci che in Italia per ora succeda granche'.La sinistra che critica e magari anche odia Renzi vuole Euro e 'piu Europa'esattamente come lui,l'odio per Renzi e' per motivi di potere e per dare un ossicino da rosicare all'elettorato classico dei'sinistri di sinistra':quello degli statali e degli insegnanti.l'elettorato del 'c'e' la crisi perche c'e' la corruzzzzione'.i 5 Stelle sono un partito liquido capace di tutto,piu o meno degli ascari.Berlusconi e il suo partito si definiscono 'moderati'perche'i ceti imprenditoriali che vogliono rappresentare vogliono ancora l'Euro a spada tratta.il P.U.D.E.N.D.A. Partito Unificato Dell'Euro Non Disponibile Autocritica e' ancora troppo forte in Italia,se ci si pensa bene e' incredibile ma somma posizioni politiche che vanno dalla 'sinistra radicale'(quella che sa parlare solo di gay e barconi)ai padroni delle ferriere.Un 25 Luglio all'orizzionte?Adesso dobbiamo sperare in un leave imitativo da parte di uno stato di area Euro,tipo Olanda....per ora cantiamo quella canzone di epoca beat,ve la ricordate?Viva Viva viva l'Inghilterra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...pace, donne, amore e libertà (se non ricordo male)

      Elimina
  52. Non me la sarei mai aspettata, grazie inglesi.

    RispondiElimina
  53. Sto tenendo aperto questo sito per vedere in diretta la pioggia di fuoco, l'invasione di cavallette, l'onda di tsunami nel Tamigi, l'arrivo di tutta la famiglia Godzilla, la resurrezione di King Kong accanto al Big Ben, ma ho la sensazione che ci sia qualcosa di sbagliato...

    RispondiElimina
  54. Per questa sera ho messo in frigo una bottiglia di quello buono. Grazie al popolo UK.
    It' democracy, baby.

    RispondiElimina
  55. Per questa sera ho messo in fresco una bottiglia di quello buono. Grazie al popolo UK.
    It's democracy, baby.

    RispondiElimina
  56. cari amici di questo blog, voi che avete sofferto come me negli anni passati perché tante parole apparivano stonate ma non si capiva bene il perché finché non abbiamo incontrato 'sto "professorino di Pescara" che ci ha insegnato ad unire i puntini dei nostri dubbi, oggi possiamo parafrasare un nostro presidente del consiglio per un ventennio e dire: Dio strabenedica gli inglesi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo la giornalista di una recente intervista e' prof. della luiss....
      ... Va bene sbagliare, ma proprio della luiss!

      Elimina
  57. Il presidente del consiglio €uropeo fa sapere che finché UK non sarà ufficialmente fuori, resteranno in vigore tutte le leggi €uropee quindi diritti e doveri per gli inglesi. Nello stesso tempo viene convocato un consiglio €uropeo a 26 perché UK non è invitata a partecipare in quanto ha scelto di uscire. È inutile, non è che lo fanno apposta, l'unione €uropea è proprio fatta così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì? E se loro se ne sbattono cosa fa, gli manda il pizzardone con la multa? Tira fuori dal cassetto qualche Vergeltungswaffe o usa "arma di fine Engeland"?

      Si€g H€il!

      Elimina
    2. Sai come godono dopo sto schiaffone!

      Elimina
  58. Gli inglesi " scarsamente scolarizzati"(!!!) hanno votato per l'uscita.
    Per fortuna!
    Solo ottant'anni fa usavano le armi piuttosto della matita...







    RispondiElimina
  59. E' sempre forte il rammarico per Teutoburgo.
    Avanti cosi'.

    RispondiElimina
  60. Diamo voce al Teutone Cherusco:ma come,perche' ce l'avete tanto con noi?Stavolta non abbiamo usato lo Stuka il carroarmato Tigre e i Messerschmitt,non siamo diventati 'liberaldemocratici'(non sono socialdemocratico anch'io cantava Guccini)?'Caro Teutone Von Klausewitziano che non sei altro,se tu usi spread,surplus, ed Euromarco secondo il detto'l'economia e' una continuazione della guerra con altri mezzi'poi non ti devi meravigliare se il britanno tira fuori dagli hangar il referendum-brexit come un tempo fece decollare Spitfires e bombardieri Lancaster!I Letta dell'Euro fantastico perche ha dato ai gggggiovani(con tante g)Erasmus-Orgasmus e voli Low Cost dimostra l'idea che gli eurocrati hanno del 'popolo minuto',una massa di armenti corruttibile con un po di pane e circense.Letta,si corichi a letto che e' meglio

    RispondiElimina
  61. Diamo voce al Teutone Cherusco:ma come,perche' ce l'avete tanto con noi?Stavolta non abbiamo usato lo Stuka il carroarmato Tigre e i Messerschmitt,non siamo diventati 'liberaldemocratici'(non sono socialdemocratico anch'io cantava Guccini)?'Caro Teutone Von Klausewitziano che non sei altro,se tu usi spread,surplus, ed Euromarco secondo il detto'l'economia e' una continuazione della guerra con altri mezzi'poi non ti devi meravigliare se il britanno tira fuori dagli hangar il referendum-brexit come un tempo fece decollare Spitfires e bombardieri Lancaster!I Letta dell'Euro fantastico perche ha dato ai gggggiovani(con tante g)Erasmus-Orgasmus e voli Low Cost dimostra l'idea che gli eurocrati hanno del 'popolo minuto',una massa di armenti corruttibile con un po di pane e circense.Letta,si corichi a letto che e' meglio

    RispondiElimina
  62. Gentile Prof, perchè la sterlina dventerà un bene rifugio ora più di prima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può sempre fare comodo un conto dove lo Stato non ti può rapinare legalmente con il bail-in (vedi Cipro) anzi nazionalizza le banche in difficoltà (vedi RBS eccetera) e non ti può bloccare il prelievo se il tuo governo non obbedisce al Reich (vedi Grecia). Chiamali stupidi nazionalisti quelli che votano per rimaner fuori da questo "paradiso".

      Elimina
  63. Ah, che bel risveglio, stamattina!

    RispondiElimina
  64. Io sono più cauta. Di tutti gli interventi contro la Brexit, l'unico forse vero era quello di Obama. Gli interventi europei da Juncker in su, specialmente quelli tedeschi, erano talmente grossolani, da essere chiaramente controproducenti. Forse hanno pensato che è più governabile una Europa dove non ci sono guastafeste che non hanno euro, two packs, six packs, fondo salvastati e compagnia seguente....se questo era l'obiettivo nascosto, nonostante l'effetto positivo del Leave, siamo purtroppo ancora ai piedi della salita....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ho un po' di perplessità , sarebbero troppo sciocchi per non aver manovrato nell'ombra , fossi al loro posto avrei almeno una visione del futuro di 12- 24 mesi abbastanza realistica poi puo anche essere che abbiano preso una cantonata ma dubito

      Elimina
    2. Forse non hanno tenuto conto della Legge di Murphy.

      Elimina
  65. Che giornata.
    Mi sono svegliato presto (e non mi capita spesso ultimamente), corsetta mattutina (e non mi capita mai... sa, ho 23 anni ma lei è probabilmente più in forma di me), e... ah già, quella cosa dell'UK.
    A tal proposito la mattina mi ha portato a pensare una cosa. Dopo la fine del nazismo, i nazisti non sparirono nel nulla. Ci volle la fucilazione di decine di migliaia di sostenitori del partito, l'inclusione di alcuni di essi nelle fila dei vincitori (come sappiamo) ed una propaganda che dura da 70 anni; eppure i nazisti esistono ancora.
    Ora, l'UE sarà pure destinata a crollare, ma gli europeisti non svaniranno nel nulla. Milioni di giovani e meno giovani sono cresciuti "sognando", e non sarà facile svegliarli. Il mio timore è che spiegare le ragioni del perché l'Unione è stata un errore risulterà quasi inutile, perché la maggior parte del pensiero non si svolge nella logica, ma nei principi cosmologici, nella basi sulle quali la gente crede che si regga il mondo.
    Sarà dura, ma il voto britannico mi da speranza: se nonostante tutto ha vinto il leave, forse i miracoli esistono veramente e ci aiuteranno anche in futuro.

    (Mi scuso se questo tema era già uscito in precedenza, potrei essermelo perso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te che hai 23 anni

      Secondo una ricerca riportata dall'Espresso, "il 75 per cento dei britannici tra i 18 e i 24 anni ha votato per restare all'interno dell'Union".

      E' un dato che dovrebbe far riflettere ...

      Elimina
    2. ah beh, se lo ha detto l'espresso allora....

      Elimina
    3. @ Caloger

      Puoi dimostrare che è un dato falso?

      Elimina
    4. Si sa che i ggggiovani non hanno esperienza: credono ancora nelle favole. Non si ricordano chi sono i tedeschi e credono che il nazismo sia una cosa del passato...

      Elimina
    5. @ Peter Yanes

      Cosa dovrebbe far riflettere scusa? che i giovani senza lavoro in Europa del Sud sono emigrati in massa a Londra?
      Mentre in Francia gli scettici sono tra i 30 e i 44 anni? forse perché sono stati colpiti dalla disoccupazione mentre i piú giovani ancora devono entrarci nel mondo del lavoro e gli anziani campano di pensione che se crolla l'euro gli dicono che perderanno?

      Se é questo che fa riflettere, riflettiamo!

      Elimina
    6. Sembra un dato attendibile, e non mi stupisce nemmeno. Da qualche parte dicono che la percentuale remain tra i miei coetanei sia una decina di punti più bassa, ma sempre maggioritaria. Il punto è proprio questo: la stragrande maggioranza degli europeisti ha meno di trent'anni, e questo perché non ha mai vissuto alcuna alternativa. Immagino che il leave abbia vinto grazie a quelli che già cominciano a denigrare come "vecchi" (ma vecchi de che, poi? Che c'hanno 50 anni e magari ancora 40 anni da vivere!) perché hanno vissuto parte della loro maturità prima di Maastricht, e penso che la situazione in italia sotto questo punto di vista sia più o meno equiparabile. Ma tra venti o trent'anni gli europeisti che adesso sono gggiovani potrebbero essere una silenziosa maggioranza, e allora si rischierà di ripetere nuovamente tutto. Per questo mi chiedo che cosa bisognerà fare DOPO la fine dell'UE, posto che l'UE finirà presto.
      La vista di ragazzi della mia età che credono che fuori dall'UE si cacci con arco e frecce mi lascia dei dubbi sul fatto che la pura spiegazione scientifica basti. Occorrerà ridiscutere le fondamenta del modo in cui ci hanno portati a vedere e leggere il mondo.

      Elimina
    7. Peter, per te che spulci km di commenti in cerca dell'appiglio giusto per attaccar bottone

      Secondo una ricerca che ognuno può fare sappiamo che usi un nome farlocco per gestire un blog farlocco inattivo da mesi.

      È un dato che dovrebbe far riflettere...

      Elimina
    8. La ricerca è totalmente falsa: basta andare su facebook e vedere i followers dei due schieramenti. Dato che gli ultraottantenni non usano facebook e il rapporto è TOTALMENTE SQUILIBRATO PRO BREXIT si capisce che è un falso dato per condizionare.

      Elimina
  66. ...dato la giornata gaudiosa, non è che mi sbloccherebbe su twitter?
    ...improbabile non vuol dire impossibile!! @Luca_torresan_

    RispondiElimina
  67. Ma questo Junker che imperversa da anni e che ha un ruolo sproporzionato rispetto allo stato che rappresenta....a cosa deve questa sua 'carriera'?....quanti 'liberi muratori'ci sono in questa eurocrazia e quanto la posizione gerarchica all'interno di questa 'libera muratoria'determina la composizione della setta eurocratica?ah saperlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricordi lo scandalo dell'enorme sconto sulle tasse delle multinazionali con sede in Lussemburgo? Che poi sostanzialmente sottraeva tasse agli altri stati europei dove queste multinazionali svolgevano la loro attività, se la memoria non mi inganna! Beh, lui era primo ministro!

      Elimina
  68. Quindi hanno ucciso quella poveretta per niente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parrebbe di si ma come facilmente si può intuire l'ordine è arrivato dai "collaborazionisti" in seno all'UK , quando poi si è mossa la Regina sono stati messi in disparte.

      Elimina
    2. Capisco il senso intrinseco della frase, però non è che se avesse vinto il Bremain l'omicidio sarebbe "servito" a qualcosa... (è pur sempre un omicidio).

      Elimina
    3. Forse solo i veri europeisti come noi, oggi piangeranno Jo Cox!

      Elimina
    4. Bravo Alberto49! Mai rinnegare del tutto la propria umanità, nemmeno se devi combattere serrato in prima linea, contro un nemico subdolo e sleale.

      Elimina
  69. Una piacevolissima sorpresa: l'unica previsione sbagliata del Professore dal 2011, fatto salvo lo short sul bund, due previsioni sbagliate su cento in 5 anni, alla GS stipendiano draghi e monti, che figure,
    Un grazie formato gigante da parte di mio figlio !

    RispondiElimina
  70. Fantastico Romano e le scopate a basso costo dei giovani inglesi in Spagna a Coffee Break: generazione Orgasmus.
    Ora attendiamo fiduciosi l'estinzione della stirpe britannica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, visto. Romano ha raggiunto un livello tale di squallore che oramai è una macchietta che gira di trasmissione in trasmissione a dire cretinate. E il Prof è stato anche troppo "polite" on gold standard, bloomberg e altri temi che non capiva. E penso non li capisse sul serio.

      Elimina
  71. Oggi è una di quelle giornate che danno un senso alla vita. Ringrazio per essere vivo e vedere tutto questo. Stamattina ascoltando uno mattina ho veramente goduto per la risposta di un deputato inglese ad una allucinante affermazione di M. Monti. Impagabile! Grazie Popolo Britannico. Grazie Professore.

    RispondiElimina
  72. Fantastico, professore! Lei è fantastico!

    Baci.
    M.

    RispondiElimina
  73. Orgoglioso di avervi conosciuto e di aver imparato tanto da questa comunità.

    RispondiElimina
  74. Intanto la sterlina è in gran spolvero a .8084 (quasi il 6% di recupero, ai massimi da inizio 2016,) ma sale così veloce che non si fa in tempo a scriverne il valore...

    RispondiElimina
  75. Prof,
    adesso, con il Brexit, abbiamo un caso paradigmatico per fare ipotesi abbastanza realistiche su quanto potrebbe accadere con un Italexit.

    Per ora abbiamo reazioni negative molto pesanti ma è bene aspettare un po' prima di fare un bilancio provvisorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di Itexit ci saranno altri paesi nella zona euro che usciranno. E poi la UK ha la sterlina. Non é possibile fare confronti.

      Adesso semplicemente i mercati stanno riprezzando quello che li ha presi completamente in contropiede.

      Aspettiamo Ottobre per tirare qualche somma.

      Io intanto compro sterline, appena scendono ancora.

      Elimina
    2. Chissà cosa e quanto compreranno i Rothschild in questi giorni...

      Elimina
  76. Segnalo l'interessante articolo di Romaric Godin su La Tribune di oggi, scusandomi per la mia inettitudine a segnalare il link.

    RispondiElimina
  77. Grande Prof! Romano: " sensazionale, Bagnai smentisce il F.T. ..." Bagnai "Guardi, ho qui - sull'iPhone ndr - il grafico di Bloomberg... non c'è bisogno di comprarci il giornale, oggi c'e internet..." XD XD XD
    E' il loro, vero, problema... non lo hanno ancora capito, infatti perseverano a spacciare "gazzettieri che fanno propaganda " bellissima la faccia del distinto giornalista de "La Busiarda" XD

    RispondiElimina
  78. della serie ma cosa ne parliamo a fare........ Monti Mario :"Non sono d’accordo con chi dice che questo referendum sia una splendida forma di espressione democratica – prosegue Mario Monti – Le dico di più. Sono contento che la nostra Costituzione, quella vigente e quella che forse verrà, non prevede la consultazione popolare per la ratifica dei trattati internazionali”
    questo se le va a cercare

    RispondiElimina
  79. Caro prof complimenti per l'aplomb a Coffee Break, a me solo a vederlo, Andrea Romano mi fa venire il prurito alle mani... averlo accanto e dover sentirlo borbottare... non oso immaginare!!!

    RispondiElimina
  80. Sui mercati finanziari il putiferio e la gioia di chi è short, ma tra tanti segni meno l'anomalia è sull'indice del mercato azionario greco perchè, se pensate che l'indice inglese FTSE(diretto interessato in queste ore)segna un -4,75% il corrispettivo greco è a -17,54%.

    RispondiElimina
  81. Certo che tra il crollo della borsa, l'incertezza del domani, la notte drammatica appena trascorsa, la Gran Bretagna che ormai è un'isoletta alla deriva e altre catastrofi imminenti non capisco proprio cosa abbiate da festeggiare...


    Un eterno GRAZIE Prof. a lei, a Borghi e a tutti voi eroi di questa nostra guerra per avermi fatto capire da quale lato della trincea stare e perchè vale la pena combattere.

    RispondiElimina
  82. Te lo volevo dire alle 02:30, ora in cui era ormai palese la vittoria del Leave, che saresti stato chiamato moooolto più spesso in TV, ma ero troppo stanco e mi sono svegliato solo adesso.
    La faccia terrea di Mentana, quando ha capito, appunto verso le 02:30, era una cosa che non si poteva vedere, pover'uomo, a prendere botte al vetriolo di Borghi e dopo che non era riuscito a tenerlo a freno con uno smemorato e particolarmente livoroso, Monti.

    RispondiElimina
  83. "The final section of this volume, Part III, reproduces papers written in the course of the “Great Debate” on the question of British Membership of the Common Market in 1970 and 1971, and includes as a postscript a lecture on Free Trade written in 1977. As this debate came to an end when Britain entered the market, a decision which was later confirmed in popular referendum with a 2:1 majority, the reproduction of these papers may strike as otiose and serving little purpose other than somewhat ignoble one of self-vindication in the eyes of future historians. However, if the long-run effects of our membership turn out to be as disastrous as I feared they would be in 1971—and nothing that has happened has caused me to change my views—I think it is of the utmost importance that the true arguments against membership should be accessible to successive generations of students, the more so since the political debate continues to be dominated by issues (such as our effects of membership on the cost of food, on our agriculture, or the net budgetary cost of membership) which I regard as secondary and which could be brushed aside if the long-run effects on Britain’s manufacturing industry and on our capacity to provide employment were favourable.



    [page xxviii] … the last essay of this volume, “The Nemesis of Free Trade”, which recounts the arguments in the great debate on Free Trade and Protection conducted at the beginning of this century between Herbert Asquith and Joseph Chamberlain. The points made on both sides seem to have lost none of their freshness or relevance in the intervening years. What has changed is our freedom to act. In 1905 we were free to decide whether to continue with the policy of free imports or to protect our industries. In 1977 the choice is no longer open to us, except at a political cost of withdrawing from the Common Market, an act which few people would contemplate seriously so soon after accession.". Così Kaldor nel 1977. Il suo "desiderio" si è avverato, ben 39 anni dopo.

    RispondiElimina
  84. trovo incredibile che,oggi, molti giornali italiani "autorevoli" così come alcuni telegiornali propaghino con nonchalance che la sterlina è al minimo da trent'anni. E lo ripetono come pappagalli SENZA verificare se sia vero, contando solo sul fatto che i loro lettori/ascoltatori siano piddini o piddinoidi.La sterlina è scesa molto di più durante il periodo 2008/2010 quando senza Brexit il cambio ha toccato 0.99 contro euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per qunto riguarda il cambio EUR/GBP hai ragione, mentre sul cambio GBP/USD è vero che per un attimo è scesa sotto 1,3470 che non si vedeva dal 1985 (per verificare http://it.investing.com/currencies/gbp-usd-advanced-chart con time frame MENSILE)

      Elimina
  85. Il sabato di Bagnai:

    Questo di sette è il più gradito giorno,
    Pien di speme e di gioia:
    Diman tristezza e noia
    Recheran l'ore, ed al travaglio usato
    Ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Garzoncello scherzoso,
    Cotesta età fiorita
    E' come un giorno d'allegrezza pieno,
    Giorno chiaro, sereno,
    Che precorre alla festa di tua vita.
    Godi, fanciullo mio; stato soave,
    Stagion lieta è cotesta.
    Altro dirti non vo'; ma la tua festa
    Ch'anco tardi a venir non ti sia grave.

    RispondiElimina
  86. Ineffabile, come suo solito, Giorgio Napolitano:"incauto proporre questo tipo di referendum".

    RispondiElimina
  87. E' partita la controffensiva!
    Squadra rossa evita goal, e con fulminante contropiede segna.
    Squadra blu in shock.
    Shining city on the hill un par de palle!

    RispondiElimina
  88. Quella di stamattina è stata davvero una grandissima notizia, inaspettata peraltro, quindi la gioia si amplifica. Quello che fa riflettere è come la propaganda (che ha assunto toni pazzeschi) abbia fatto un gigantesco buco nell'acqua; ergo, anche la potenza dei media può essere sconfitta. E adesso riprendiamoci il nostro Bel Paese!

    p.s.: sentire tutte le scemenze sulle "borsechecrollanolafinedelmondo" fa sbellicare; non solo questa gente non non sa nemmeno come funzionino le borse, ma sono convinto che, nei restanti 364 giorni dell'anno, nemmeno gliene freghi qualcosa.

    RispondiElimina
  89. I britannici hanno avuto il piu grande impero della storia, hannno vinto 2 guerre mondiali. Erano gli unici a poter vincere i crucchi per la 3 volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sono i tedeschi che saranno capaci di mettersi tutti contro e perdere per la terza volta, causando danni immani nel percorso.....

      Elimina
  90. Profe, già si sospettava, ma ora sembra evidente che molti personaggi "eterogenei" stiano leggendo Goofy. Penebianco, poco fa, su RaiNews24, ha tenuto a precisare che la pace in Europa non ce l'ha assicurata l'Unione Europea, bensì la Nato. E Tremonti, ieri sulla 7, ha puntato il dito sulla contraddizione tra la recessione dall'UE d'uno stato membro sancita dall'art. 50 del Trattato di Lisbona e le minacce e gli anatemi rivolti all'UK che ha inteso avvalersi di quell'articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Tremonti avevo appena parlato. Panebianco non lo conosco.

      Elimina
    2. Non lo conosce? Non s'è perso niente, professore. Era il mio docente di Scienza della politica. E' il ceffo che, sulla prima del Corriere, ha fatto il panegirico della tortura nell'agosto 2006, con la geniale argomentazione: se sappiamo che un terrorista è in possesso di informazioni che potrebbero evitare un attentato e salvare molte vite umane, siamo moralmente giustificati a torturarlo (o meglio, siete, perché io non mi sporco certo le mani con telefoni da campo e stracci bagnati, bvutti pessenti...). Che, ne converrà, sembra un po' la tipica argomentazione da economista neoliberale: se dobbiamo tagliare il debito pubblico, allora...

      Elimina
    3. Panebianco, come lei scrive giustamente, e non Penebianco: mi scusi il lapis freudiano

      Elimina
  91. "Dio strabenedica gli Inglesi!" (semicit.)
    Mi dispiace molto, professor Bagnai, che gli impegni di lavoro mi impediscano di seguire puntualmente i vostri interventi in TV, cercherò di reperire le registrazioni di Uno Mattina di stamane.
    Intanto le manifestazioni di "varia umanità/bestialità", specialmente in merito alle vaticinazioni sul "cosa accadrà ora", che mi stanno offrendo i miei contatti di Facebook, parte importante dei quali costituita da persone di una certa formazione intellettuale e perfino accademici (sì, vostri colleghi; aggiungo: purtroppo), in proposito alla BrExit, è un tripudio di farneticazioni autoreferenti.

    RispondiElimina
  92. La Merkel avverte i membri UE del pericolo di scelte semplici ed affrettate.
    Non ci preoccupiamo;le scelte saranno macchinose e tardive,come al solito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che non scelgano affatto (per me ipotesi più probabile).

      Elimina
  93. Chi ha correttamente notato prima che in Scozia si sono in gran maggioranza espressi a favore del "remain", se/quando si recherà in Scozia comprenderà il motivo. Ci sono un sacco di "cose" (boschi, ruderi, infrastrutture, piccole attività) con delle belle targhette che ricordano come la tal opera si sia potuta realizzare o sistemare grazie ai contributi (sghei...) dell'unione europea. Ovvero la Scozia, come territorio meno sviluppato, ha beneficiato di molti fondi stanziati dalla comunità europea (quindi da noi, e pure dagli stessi inglesi). Perciò a me sembra comprensibile che lassù abbiano visto di buon occhio il "pastore" della comunità europea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diamogli tempo di capire il rapporto tra petrolio del Mare del Nord e Sterlina debole.

      Elimina
    2. e comunque, mettiamo il caso che si arrivi a questo secondo referendum "secessionista" scozzese... riescono a fare campagna convincendo i compatrioti che aderendo al fantastico mondo del N€uro starebbero meglio che con i pounds in saccoccia? Perché deve essere chiaro a tutti che una Scozia indipendente nell'EU non potrebbe avere di certo una moneta estera come divisa corrente... ;-)

      Gli scozzesi non sarebbero coXXXoni fino a questo punto, credo.

      Elimina
    3. Stesso discorso, ovviamente, per l'Irlanda del nord... a conti fatti la sola ipotesi per alloro elettorato di entrare nel magico mondo del N€uro trasformerebbe di colpo quelle percentuali pro-remain in fumo... credo.

      Elimina
  94. Provo a puntualizzare alcune riflessioni:
    dopo aver fatto mattina con Borghi, stamane in viaggio ascoltavo radiouno. Interventi di Napolitano, Borghi (è chiaramente alimentato a energia rinnovabile...ma come fa a reggere?) e Monti. Il buon conduttore Giorgio Zanchini ha dato onestamente atto della molteplicità di messaggi pro Brexit, alcuni dei quali ha letto in diretta, quasi stupito. Eh sì, perché non si trattava di messaggi di ultrà, ma messaggi che esprimevano argomentati ragionamenti. Un ascoltatore, in particolare, ha chiosato gli interventi degli ospiti evidenziando come alle argomentazioni di Borghi si contrapponesse l'autoreferenziale ed apodittico paternalismo di Napolitano e Monti. Ecco, credo si tratti dell'effetto della vostra (La accomuno a Vladimiro Giacchè, Luciano Barra Caracciolo e agli Autori che ci avete fatto via via conoscere) opera di divulgazione scientifica. Non ci avete reso tifosi, ma avete sollecitato riflessioni. Ve ne va dato merito.
    Sotto il profilo politico, molti hanno espresso sorpresa per la conversione sulla via di Bruxselles della leadership ortottera. Io mi limito a constatare come si tratti dell'ennesimo QED. Una conversione un tantino fantozziana sotto il profilo del tempismo, ma pur sempre prevista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche il tempo di finire di scrivere il commento che dal fronte ortottero arriva la conversione della conversione. Delle due l'una. O si è trattato di un singolare caso di folgoratio bruxsellensis precox o questo movimento persegue solo ed esclusivamente l'intercettazione del dissenso conto terzi. In tale ultimo caso, credo si allunghi la serie dei QED
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/24/brexit-blog-grillo-ue-o-cambia-o-muore-ora-parola-ai-cittadini-polemiche-per-post-pro-europa-e-stato-modificato/2857190/

      Elimina
    2. Sarò troppo esigente o schizzinoso, ma a mio modo di vedere Grillo s'era presentato per quel che è (rimasto) già quando, per protesta contro l'elezione di Napolitano, aveva invitato i cittadini ad andare a manifestare sotto il Palazzo del Quirinale (mi sembra). Quando s'è accorto che la gente, dietro sua indicazione, s'era adunata davvero là e che il gioco cominciava a farsi duro, prima ha tardato a presentarsi, poi, arrivato, è salito sul tetto della sua auto invitando tutti a tornare a casa. In quel momento mi son detto: 'sto qui no tiene los huevos

      Elimina
    3. Dal min.18 circa

      https://m.youtube.com/watch?v=Ju8iVSFsG0M

      "Anch'io come David Borrelli,che conosco e che stimo,penso che bisogna cambiare profondamente l'Europa e dall'interno" M.Monti

      Elimina
  95. La propaganda mediatica e' scatenata,tutta una promessa di disastri,crolli,implosioni,esplosioni,deflagrazioni,detonazioni,tuoni,fulmini e saette a punire l'empieta' della perfida Albione che ha osato rifiutare la mano santa della meravigliosa e pacifica Euralemannia!E' tutto un segno meno:Meno esportazioni per il Regno Unito(e perche'?Ma mica lo spiegano)piu disoccupati,soprattutto nel settore della banche di affari(e qui francamente potrei anche fottermene con tutto il rispetto)....si sono spinti a dire che 'se ci fosse stata la brexit lo scorso anno diversi giocatori di calcio,e' stato fatto il nome tra gli altri di Lukaku,non avrebbero potuto giocare in Premier League.Ah si? E perche'?Ovviamente e' una cazzata ma e' giusto per far capire il tono del discorso.e poi non potevano mancare 'le reazioni della comunita italiana nel Regno Unito','e ora che ne sara' di noi?'....hanno intervistato una 'gallerista' che si e' dichiarata traumatizzata neanche fossimo alle deportazioni nei vagoni piombati.Ovviamente gli Italiani potranno continuare a starsene li,si raccontano minchiate sparate come verita inconfutabili...e la 'comunita italiana in Italia?Che ne sara' di noi schiavi del PUDENDA (partito unificato dell'euro non disposto all'autocritca?)E di Renzi-Pavolini?

    RispondiElimina
  96. Adesso a mio avviso la Francia é sola di fronte allo strapotere tedesco. Cominceranno di certo a farsi delle domande (e forse darsi delle risposte)

    RispondiElimina
  97. Una domanda così, tanto per farla: Che succede se la City si sposta a Francoforte? La germagna diventa ancora più bionda e ariana?

    RispondiElimina
  98. https://www.youtube.com/watch?v=NWMm6bOAmws

    Dedicato ai miei amici (e parenti) in Inghilterra. La mia reazione alla Brexit.

    RispondiElimina
  99. La7: "Scontro Alberto Bagnai vs Andrea Romano (PD) su Brexit, sterlina e guerre mondiali"

    Eeehh, quante storie per un moscerino stampato su un parabrezza!
    E intanto prendiamo appunti preziosi su come mantenere la calma innanzi a certi agglomerati di menzogne e malafede, brillanti d'intelligenza propria come i topi a molla.

    RispondiElimina
  100. Su Radio Tre stanno lanciando l'idea di far finta di niente, in fondo è solo un referendum consultivo.
    Il loro ospite, lo storico Paul Ginsborg, ha detto che si può fare. Non subito, ma si può fare. In fondo il margine di vittoria non è stato così ampio, ha sottolineato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrano mezzucci pericolosi. Non penso si possano applicare ad una consapevole e consolidata democrazia.

      Elimina
  101. I beg your pardon e mi scappa di postarvelo: "Più Europa".

    (Alessandra Bacci/Cassandra da Firenze)

    RispondiElimina
  102. Ora il problema è il 5S(SSSSS).Sono più che raddoppiate;ne abbiamo fatta di strada dagli anni '30...

    RispondiElimina
  103. Caro Ginsborg,si' si puo fare forse in Italia ma li' in England no,li' non hanno una idea 'sostanzialista'della democrazia,li' la forma e' sostanza, non sabbe consentito ri-defecare la volonta popolare in nome della superiore saggezza di alcuni 'illuminati',non dimentichiamo che gli Inglesi non hanno una costituzione scritta e non conoscono i flaccidi perfidi acrobatismi dei nostri Cattocomunisti,il Cattocomunismo e' una pianta esotica che li' non ha mai attecchito

    RispondiElimina
  104. Ragazzi, oggi godiamocela. Da domani la battaglia interna mi sa che si fa proprio tosta. Il coccodrillo ferito darà codate pazzesche prima di schiattare...

    RispondiElimina
  105. Caro prof , sono sbigottita della pazienza che ha dimostrato in tutte le odierne interviste (le sto guardando adesso ), son sinceramente ammirata della continua propensione al dialogo che manifesta in ogni occasione, anche di fronte a un Fridman che nel discorso tira dentro Trump, Lei dimostra coi fatti e ogni giorno come ognuno di noi dovrebbe essere. Non so come dimostrarLe la nostra grattudine ( mia e della mia famiglia ) , già mio marito è socio di asimmetrie , ma cercheremo di fare di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso me le guardo tutte anch'io, per festeggiare
      IL PIÙ GRANDE SUCCESSO DELL'UNIONE EUROPEA

      Elimina
  106. Finalmente una gioia. Giornata davvero storica. God save the Queen!!!

    RispondiElimina
  107. Ci vuole pazienza, davvero tanta pazienza, per sopportare gente che non è degna di vivere in democrazia. Se fossero degni non oserebbero scrivere cose del genere:
    Brexit, l’uso irresponsabile del voto
    Trovo piuttosto irresponsabile che gente laureata in economia (Bocconi) e che per di più ricopre un ruolo rilevante in una società democratica, possa permettersi di dire, senza perdere il proprio posto di lavoro, che «Si possono trovare mille ragioni per criticare l’Unione europea, nessuna razionale per sostenere che dopo la Brexit l’economia della Gran Bretagna sarà più prospera, la sua società più coesa, le frontiere più sicure.»
    Di sicuro la razionalità del Dr. Feltri è molto diversa dalla mia.

    RispondiElimina
  108. Curioso il destino di Radio Popolare. Ormai non sono più in grado di commentare nulla che esuli dalle questioni dei migranti e degli omosessuali. Anche sulla Brexit stamattina si sono limitati alla notizia. Un notaio l'avrebbe resa sicuramente più interessante. Patetico tale Di Stefano, direttore di "Valori", uno che si fa chiamare "professore" e pensa di essere pure spiritoso. Ha sostenuto che già da oggi l'UE può bloccare l'importazione di auto inglesi...

    RispondiElimina
  109. mi sono piegato dal ridere quando ho letto che Letta, per combattere la disoccupazione giovanile, propone
    "l’Erasmus pro, ovvero la possibilità per i neolaureati europei di fare un anno di apprendistato in un’impresa di uno dei Paesi membri dell’Ue".
    http://www.ilgiornale.it/news/politica/letta-senza-far-nulla-16-mesi-non-c-pi-leuropa-1275736.html

    Ma giustamente, tra pareggi di bilancio e moneta unica, per combattere la disoccupazione giovanile alla fine non ti rimane altro da fare che pensare all'orgasmus pro...

    RispondiElimina
  110. Poco fa Ezio Mauro su radio Capital si chiede come faremo a spiegare ai giovani ventenni che per andare in Inghilterra sarà necessario esibire i documenti e cambiare la moneta.
    E' spaventato perchè c'è un possibile contagio. E soprattutto l'Europa ci ha dato settanta anni di pace.
    A dire il vero ha detto pure che in questa Europa i popoli vedono un carrozzone burocratico che invece non c'è.

    Il repertorio è lo stesso di sempre, non sono mica loro a soffrire le politiche che ci hanno imposto, vivono talmente lontano dalla realtà che quando succedono cose come la Brexit continuano a non capire i perchè.

    RispondiElimina
  111. Quando il professore intervenne nel convegno "euro contro l'Europa" sostenne che quando si farà la campagna elettorale per eleggere il presidente dell'impero europeo la stessa sarà fatta in lingua inglese cioè la lingua di quel paese che nel frattempo sarà uscito dall'unione europea e,infatti,l'uscita c'è stata.

    RispondiElimina
  112. Siamo davvero nel delirio totale. Ho alcuni parenti che lavorano in UK e temono non so cosa, ma sono affranti. La "comunità scientifica" frigna di paure ( http://www.sciencemag.org/news/2016/06/researchers-deplore-uk-decision-leave-european-union ). Paure a mio avviso più dovute alla propaganda che altro: "miagolano nel buio", pur avendo (teoricamente) gli strumenti per capire che non è il caso di stracciarsi le vesti e ricoprirsi il capo di cenere. ho letto e sentito persone della quale avevo stima, sedicenti "desinistra" , sostenere che il suffragio universale è il problema. Che il proexit è "ignorante" per definizione. Plebeo oserei dire. Mi ha ricordato l' apertura di "Duck You Sucker", nella quale i ricchi possedenti terrieri insultano i peones ( https://www.youtube.com/watch?v=SQh-Kq6CoEA ).Io sono ancora più affranto di loro, vedo una società spaccata dalla propaganda, per queste persone non c'è speranza di capire, quando la "piddinitas" ha ormai lasciato le sue metastasi nel sentire comune di persone intellettualmente valide, io vengo colto da un senso di impotenza e rassegnazione. E se davvero questi giovani, nati con l'europa come mito, con nessuna memoria storica e una kultura da almanacco delle giovani marmotte, un giorno decidessero di "fare l'europa o la morte?" Sono pensieri che mi terrorizzano. Quando leggo certe frasi di amore incondizionato per l'europa e le sue cosmesi, i pianti per questo evento che dovrebbe essere un caso di normale democrazia, io provo davvero paura.

    RispondiElimina
  113. Una delle settimane più memorabili ed inenarrabilmente gioiose degli ultimi anni, aperta lunedì con il piddino tragicamente sballottato, e chiusa oggi con l'unbeLEAVEble esito referendario britannico.

    Et maintenant....
    USC-ITA
    USC-ITA
    USC-ITA

    E' bello poter gioire qui, a casa del Prof., con tutti voi, anzi: tutti noi.

    USC-ITA
    USC-ITA
    USC-ITA!

    RispondiElimina
  114. Oggi la borsa inglese é quella che si é comportata meglio in tutta Europa.

    Da ridere, ditelo alla stampa italiana, perché é vero.

    "In fact the British stock market is the best performing European stock market today."

    http://www.zerohedge.com/news/2016-06-24/who-are-biggest-losers-brexit

    RispondiElimina
  115. La SSStoria, di tanto in tanto, fa capolino, a dispetto di tutti gli spin (e la statura politica riacquista la sua dimensione, v. ortottero).

    Sempre grazie, prof.!

    RispondiElimina