MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 26 gennaio 2016

Sebben che siamo donne...

26 commenti:

  1. Canto mondine, senza un autore preciso ma sembra originario della zona di Novara dei primi del 'novecento

    Sebben che siamo donne
    paura non abbiamo
    per amor dei nostri figli
    per amor dei nostri figli
    sebben che siamo donne
    paura non abbiamo
    per amor dei nostri figli
    in lega ci mettiamo

    A oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori, e noialtri lavoratori
    a oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori vogliam la libertà

    E la libertà non viene
    perché non c’è l’unione
    crumiri col padrone
    crumiri col padrone
    e la libertà non viene
    perché non c’è l’unione
    crumiri col padrone
    son tutti da ammazzar

    A oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori, e noialtri lavoratori
    a oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori vogliam la libertà

    Sebben che siamo donne
    Paura non abbiamo
    abbiam delle belle buone lingue
    abbiam delle belle buone lingue
    sebben che siamo donne
    paura non abbiamo
    abbiam delle belle buone lingue
    e ben ci difendiamo

    A oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori, e noialtri lavoratori
    a oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori vogliam la libertà

    E voialtri signoroni
    che ci avete tanto orgoglio
    abbassate la superbia
    abbassate la superbia
    e voialtri signoroni
    che ci avete tanto orgoglio
    abbassate la superbia
    e aprite il portafoglio

    A oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori, e noialtri lavoratori
    a oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori
    I vuruma vess pagà
    A oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori, e noialtri lavoratori
    a oilì oilì oilà e la lega crescerà
    e noialtri lavoratori vogliam la libertà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lebbbasi! Ecco, dobbiamo ristudiare le basi della lotta di classe.
      Oggigiorno tutti a pensare di esser dei Signori... Lo vediamo che c'aveva ragione il buon Padoa Schioppa! Lebbbasi si studiano solo dopo aver ri-toccato la durezza del vivere!

      Elimina
    2. Anche Padoan (che fingeva di non capire il grafico), ha fatto capire di averlo capito.
      "perché laddove non c’è tasso di cambio, «l’aggiustamento avviene con la compressione del mercato del lavoro, e la pressione che avviene in un singolo Paese può essere molto forte»".

      http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2016-01-26/padoan-serve-sussidio-comune-nell-ue-contro-disoccupazione--151735.shtml?uuid=ACp3LUHC&refresh_ce=1

      Elimina
    3. E la lega crescera'...
      Bagnai leghiiiista.

      Elimina
    4. Oggi in pausa pranzo Igor mi fa: Crisi, crisi, crisi! Senti sempre parlare di crisi. Io mi domando sempre: Chi è che fa tuto sto casino? In Moldavia sta succedendo Ucraina 2. I partiti che non vogliono € e Europa ultima volta non li hanno neanche fatti presentare. Mericani vogliono intortare popolo dicendo che stiamo falendo. Ma popolo sa che quando Stato stampa sua moneta no può mai falire!

      Ecco, invece io mi chiedo: ma quand'è che noi italiani siamo diventati così imbecilli?

      PS Igor è muratore di 53 anni, nato in Moldavia quando ancora c'era URSS

      Elimina
    5. @alessandro ballardin
      Una volta si diceva "scarpe grosse e cervello fino". Poi il motto ha assunto toni quasi canzonatori, per dire quanto davvero ci capisca chi gli ha impresso questa interpretazione.

      Elimina
    6. @Stefano Longagnani domenica 31 vado a sentire cosa dice Lotta Comunista al raduno per il loro 50 anniversario, così capisco (spero...) se v'è ancora quarcù che lebbasi le sa o se possiamo gettare ogni speranza ...

      Elimina
  2. Caro Prof. lei ci ha aperto un mondo, parlando con un piddino mi ha detto "facciamo bene a stare in europa cosi loro ci controllano i conti"...e mi ha fatto riflettere perche' anch'io la pensavo cosi prima di incontrare il blog...pero' ho la terza media e a volte ci rinuncio su certa tabelle. Ma non molli lei e' vitale. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto mai che, oltre a controllarci i conti, ci puliscano pure il...
      E niente. Il piddino incapace vuole giustificare la sua esistenza e il suo ruolo cercando di copiare dal presunto primo della classe.

      Elimina
    2. allora non sono solo qui con la terza media....
      mai mollare

      Elimina
  3. prima vi riducono alla fame e poi accelerano le pratiche per mettervi sul lastrico; ergo è stato ripristinato lo schiavismo. E' solo nazismo questo euro? No, è molto peggio, è l'antitesi dell'uomo!

    RispondiElimina
  4. ¡Que viva el KPO! ¡Que viva el comandante!

    RispondiElimina
  5. ¡Que viva siempre! ¡Hasta la cicoria! ( komitato sez. di Pescara )

    RispondiElimina
  6. E perché non pure ¡Patria o muerte!

    RispondiElimina
  7. Lebbasi moldave.
    Oggi in cantiere Igor mi fa: In Moldavia sta succedendo Ucraina 2.
    Gli americani vengono rompere i coglioni casa nostra e fano guere dapertutto tranne che da loro. Cercano di intortare il popolo dicendo che stiamo falendo. Ma popolo no crede loro. Uno stato che stampa suoi soldi no può mai falire.
    Igor è muratore di 53 anni nato in Moldavia ai tempi dell'URSS. Com'è che noi italiani ci siamo rincoglioniti così tanto?

    RispondiElimina
  8. @Nat

    Teniamoci questo (capo) e meno male che c'è, anche considerato che uno di mia conoscenza sta dando delle delusioni.

    O forse c'è chi su di lui (cioè "l'altro")
    aveva coltivate illusioni...

    RispondiElimina
  9. Uomini o donne, il fatto è che non siamo economisti, non siamo in grado di interpretare gli aspetti più tecnici e a volte scivoliamo anche sulle cose semplici (sono sempre quelle più insidiose).

    In estrema sintesi, per Piaget l'apprendimento avviene attraverso l'assimilazione (assorbimento di informazioni dall'esterno) e di accomodamento (trasformazione delle strutture mentali per integrare le nuove conoscenze quando non si "incastrano" nella struttura esistente).
    Delle due fasi la più difficoltosa, faticosa, critica e attiva è ovviamente la seconda,.
    Bene, cioè male: veniamo da decenni di informazioni che si incasellano perfettamente in un sistema falsato e fittizio (un grande frame direbbe Foa), da decenni di nozioni omogenizzate e predigerite che assimiliamo sia per pigrizia sia perché intelligenza e pensiero critico non sono mai stati premiati né, in definitiva, considerati un valori da promuovere.

    Essere qui è quindi già di per sé un traguardo, l'economia non rientra negli interessi spontanei di molti di noi e non abbiamo basi: nonostante l'immensa opera di divulgazione non siamo diventati economisti né matematici. Ci siamo liberati della zavorra del pensiero unico senza barricarci nei nostri schemi mentali. Abbiamo capito l'essenza del problema nelle sue varie e diverse sfaccettature ma siamo "tecnicamente" fragili perché se le conoscenze si possono accrescere abbastanza velocemente, le competenze maturano più lentamente e con l'esperienza.
    L'importante è esserne consapevoli, non voler fare i professori e valutare con estrema attenzione la/e persona/e in cui riporre fiducia. Non possiamo essere buoni agricoltori, muratori, sarti, musicisti... economisti, oltre al lavoro che svolgiamo.

    So di non essere completamente autonoma e di rischiare a ogni buccia di banana: decine di lobby arruolano migliaia di esperti, come posso smascherare ogni loro tranello? Non vorrei apparire rassegnata e remissiva, non lo sono. So di non essere autonoma nelle competenze/conoscenze ma mi sforzo di esserlo nel giudizio e nella scelta delle persone in cui riporre la mia fiducia. Professore non si lasci abbattere: come riesce a trasformare la rabbia provocata dalle menzogne "nemiche" in una missione costruttiva tragga dalle nostre debolezze la consapevolezza di quanto è fondamentale la sua missione.
    GRAZIE

    RispondiElimina
  10. Questa canzone l'ascoltavo nel lontano luglio 1982 in una festa dell'Avanti, dove, assieme ai porconi contro la nazionale Italiana in Spagna, c'erano dei nonni che vedevano ancora la mano di Franco nei risultati. Ma dopo il servizio alla sera iniziava la singolar tenzone tra Lombardiani e Craxiani sulla proposta che stava già circolando nel partito di una abolizione della Scala Mobile. Mi ricordo di una tirata fatta da Balzamo a favore (con tavoli rovesciati e intervento dei compagni dell'orchestrina per separare coloro che stavano pacificamente e democraticamente discutendo). Quello che m'impressionò, la domenica sera successiva fu la visita di Craxi in quella festa di un paesotto di provincia e la promessa di rimandare la questione più avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. errata corrige FESTIVAL DELL'AVANTI. Mio padre, ottanta anni compiuti l'otto di gennaio, è come un gufo che legge attentamente quello che scrivo. Questo è quello che disse a Balzamo: "porco beep, già siamo nella merda grazie a quei coglioni di terroristi. E adesso vogliono toglierci un diritto nostro? beep beep è come se ti mettessero un tappo nel culo. Ti senti pieno, così mangi meno e ti fai bastare i soldi che ti danno". Questa è la trascrizione di una parte di quel "confronto" che ho registrato all'epoca.

      Elimina
  11. La svendita dell'Europa è continua e riguarda anche lo sport: Portogallo, una Serie B cinese: sponsorizzazione e 10 giocatori asiatici (http://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/26-01-2016/portogallo-serie-b-cinese-sponsorizzazione-10-giocatori-asiatici-cina-140418748878.shtml). w l'euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qual'è il problema?
      Tutti a cercare investimenti stranieri e quando arrivano non vanno bene?
      Che investimenti vogliamo?
      Che mandassero i soldi a gratiss...?

      Elimina
    2. ...come quì in Liguria, golfo dei poeti, dove i commercianti vorrebbero i soldi dei turisti senza i turisti...

      Elimina
  12. @Gianni Chi

    La differenza non trascurabile tra le due situazioni (squadra locale di
    proprietà straniera e turisti stranieri in
    un luogo) è la seguente:

    - i turisti portano valuta al luogo che
    visitano e un minimo di salvaguardia di tale valuta guadagnata sarebbe, al momento, che chi la riceve in cambio di lavoro (vendita di merci o di servizi) non la destinasse a beni esteri;

    - la squadra di proprietà straniera e per giunta costituita da atleti stranieri porta all'estero la maggior parte dei guadagni di routine, oltre a quelli eventuali ma non trascurabili come
    introiti per pubblicità con singoli atleti per "testimonial".

    Se, poi, i discorsi del commentatore a cui rispondo volevano essere una piccola scherzosa provocazione, ci sono tranquillamente cascata, eh eh.

    RispondiElimina