MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 7 dicembre 2015

Quod erat demonstrandum 60: e ora divertitevi...

Poracci...

Poracci ovunque...

Quindi Marine Le Pen avrebbe vinto per colpa (o merito, perché se tanti l'hanno votata tenderanno a considerarlo un merito) dell'ISIS?

Eh già, sarà l'ISIS...

Ma allora, scusate un po', quattro anni or sono, quando l'ISIS qui nessuno sapeva cosa fosse, come ha fatto una certa persona a dire:



Ah, ve lo siete dimenticato? Io no, maledetti porci! Ho rovinato la mia salute e la mia carriera, gentili colleghi, gentili intellettuali di sinistra, per mettervi in guardia, per farvi capire come sarebbe finita, e per scongiurarvi di fare il vostro dovere: denunciare, nel 2015, quello che nel 1978 riconoscevate come un accordo di deflazione salariale antioperaia.

Ma voi, no, duri!

Perché un sistema basato su Schengen e su Maastricht, cioè sulla libera circolazione del lavoro e del capitale, cioè su una fiducia sfrenata, spudorata, nel potere autoequilibrante del mercato, su un delirio mercatista che sarebbe visto con sospetto perfino a Ci Cago (perché alla fine lo zelo del neofita, si sa, è sempre controproducente), questo sistema ultraliberista, pinochettiano, andava difeso ad ogni costo, a costo delle nostre vite, naturalmente, non delle vostre, che voi ancora non percepite come in pericolo, perché voi pensate di essere per diritto divino immuni dalle conseguenze della crisi, come pensate di essere per diritto divino destinati a gestirne l'evitabile epilogo.

Eppure che questo sistema non fosse di sinistra ve l'avevo spiegato con le buone, ma in testa non vi è entrato (nonostante foste stati voi ad insegnarlo a me).

Poco male.

C'è tanto posto, da un'altra parte.

Mi avete lasciato solo, forse perché non capivate (e molti ancora non hanno capito), forse perché vi faceva comodo che qualcuno facesse il lavoro sporco al posto vostro, salvo poi inserirvi al momento giusto, come i cialtroni del Centre for Economic Prostitution, per poter dire "io l'avevo detto".

Ma non funziona così. La situazione ora vi è sfuggita di mano. Ora metteteci un toppino. Aspettiamo fiduciosi scandali che dimostrino che nel Front National "se sò magnati tutto"...

Forse non avete capito.

L'intera Europa sta rifiutando il progetto che voi soli, ormai, vi state ostinando a difendere. Ve ne rendete conto, coglioni fottuti? Anche il FT ormai si è arreso! Guardate cosa dice l'eterno terzo, il barone di Munchausen. È finita, cazzo, è finita! E l'ISIS non c'entra niente, e voi lo sapete.

Potete cavarvela dicendo che la Le Pen è fascista. Certo! Lo è. Però la Danimarca? E la Polonia? E il Portogallo?

Allora, ve lo spiego io come stanno le cose, e vi consiglio di starmi a sentire, brutti cretini.

Le cose stanno così.

Alla fine, tutta l'Europa rifiuterà, separatamente e congiuntamente, un progetto che è contro di lei. Punto. Quando ogni singolo paese avrà respinto da destra o da sinistra l'euro, gli Stati Uniti (che sono i padroni del vapore) capiranno che il loro giocattolo (quella che voi chiamate Europa) costa troppo, e  cercheranno la linea di minor resistenza, che sarà necessariamente quello di fare l'unica cosa che può far ripartire le nostre economie: ripristinare flessibilità nominale.

A quel punto, se non avrete detto la cosa giusta, sarete tagliati fuori.

Draghi non può fare nulla, non può salvarvi. Chi comanda lo sa. Il FT lo ha sputato dalla sua bocca. Quello che io dicevo tre anni fa, ciop che Draghi era inutile (quindi dannoso), oggi lo dicono anche loro, prendendo per i fondelli il simpatico poraccio.

Poracci ovunque...

Senza ripristinare la possibilità per i governi nazionali di finanziare con moneta i propri programmi di spesa la domanda e l'inflazione in Europa non ripartiranno. E senza dotare di valute nazionali i paesi europei questi programmi di spesa condurranno necessariamente a un ulteriore accumulo di squilibri esterni, perché solo un riaggiustamento del cambio può dotare i paesi del sud di sufficiente spazio fiscale. Sono cose che ho spiegato mille volte.

Ora vado a dormire, che domani vado sul Marsicano. Vi guarderò anche fisicamente dall'alto. Non vi chiedo di venire con me sul sentiero F10. Ma venite con me su Econ101, prima che sia veramente troppo tardi.

Ah, naturalmente non lo dico sperando che capiate. Voi non capite. Ma io ho una coscienza.

Non credo che la Le Pen possa essere di per sé risolutiva. Ma, ripeto, ormai il fallimento del progetto eurista è conclamato. Se aveste una coscienza, sapreste cosa fare.

Buona notte.

49 commenti:

  1. ...... sapreste cosa fare.

    Noi qua stiamo, sinistri sinistrati. La realtà avanza in modo deciso e si imporrà, nonostante la spocchiosa e inana saccenza di 'sta fava.
    Quanto dolore e altra sofferenza servono per indurre i vostri 2 neuroni a fare la scelta meno peggiore?
    Siate flessibili voi, che noi lo siamo già abbastanza.

    RispondiElimina
  2. Sghignazzo, amaramente, al pensiero che un giorno i piddini scopriranno di essere stati loro i fascisti. Le persone che oggi riempiono la mia time line di FB di perbenismo piddino, che sia Europa, economia, immigrazione, ecologia ecc. che con molta facilità appiccicano l'etichetta di 'fascista' a chi la pensa diversamente. Caro piddino: il fascista sei tu. (Hahahahaha!)

    RispondiElimina
  3. La Le Pen, per ora, non sarà risolutiva perché al ballottaggio le due correnti interne, socialisti e gollisti, del PUDE, l'unico vero partito fascista europeo degli inizi del terzo millennio, si accorderanno senza fatica per eleggere un candidato comune contro la signora.
    Ciò nonostante la signora vince lo stesso perché mette a nudo il re, per chi ancora non se fosse accorto. Un Re Euro che scricchiola sotto le varie contrapposizioni mistificatorie destra/sinistra dei suoi adepti, fascistoni e fascistelli, eichmann di turno e tenitori di famiglia vari.

    P.s.: la fetida categoria, come al solito, già spara i suoi titoli di prima pagina, come "Califfo" "Isis" e compagnia cantanti, dimostrando sempre di saper condurre raffinatissime analisi politiche, sopratutto molto centrate... Che se la bevano anche stavolta? La gente dico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi che le due correnti interne del PUDE si alleino, ma è sicuro che i francesi ci caschino e li votino? Mi sembra almeno dubbio....

      Elimina
    2. purtroppo si...chi non vuol vedere non vede!Se provi a cambiargli le carte in tavola, ti guardano come se tu scendessi da marte e quando ti va bene passi per illuso o fascista! Tra i tuoi amici soprattutto! Ne usciremo solo tra enormi sofferenze...forse...

      Elimina
    3. Mio cognato (francese doc di origini normanne clarinetto all'opera di Nizza) sentito questa mattina per telefono a mia domanda ha risposto senza esitazioni che gli toccherà al ballottaggio votare per la destra contro Le Pen...quando non si vedono alternative reali anche sbattere in un muro può sembrare la cosa giusta da fare!!

      Elimina
    4. Aggiungo che esso, micccognato, è uno che dopo aver letto il testo della costituzione europea votò contro senza ripensamenti. Scontrandosi poi verbalmente con mio zio italiano,perfetto esemplare di piddino che, come sua natura impone,manco l'aveva letta.
      Evidentemente in Francia la situazione è alquanto complicata altrettanto che da noi e con poche possibilità di un uscita da sinistra.

      Elimina
    5. @rigori
      Mi dispiace per suo cognato, per sorridere un po' potremmo dire, parafrasando questo autore, che il clarinetto non sta trovando la sua chitarrina!

      Elimina
  4. Marine Le Pen di destra? Mah, l'establishment francese non ne è più tanto sicuro. Difatti, già qualche giorno prima delle regionali, l'establishment d'oltralpe, per bocca di Pierre Gattaz, il patron d'un'associazione confindustriale francese (MEDEF), di molto preoccupato per la futura vittoria del FN, aveva provato a cambiare target per demonizzare meglio la Le Pen, accusando il programma economico del FN d'essere "d'estrema sinistra", dicendo che gli ricordava quelli dell'estrema sinistra francese tra le due guerre, e denunciando la sua pericolosità per l'industria e l'occupazione (da notare, ironia della sorte, che proprio in quei giorni le tv avevano dato notizia che la disoccupazione totale francese era aumentata in un anno del 5,2%). Gattaz aveva finito il suo attacco violento associando la Le Pen a Mélanchon. Anche Sarkozy in quei giorni aveva provato, ma in modo più discreto, a dipingere la Le Pen coi colori d'"estrema sinistra". E altri hanno continuato con quel frame. Dunque, al primo turno delle regionali francesi avrebbe stravinto l'"estrema sinistra", e devo dire che a me fa molto piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vista dalla Francia, qui nessuno pensa che la Le Pen possa minimamente accostarsi all'estrema sinistra, checché se ne dica.E' un'estrema destra legata alla piccola e media impresa, per questo non piace a Gattaz, che vuole restare nell'euro, ma nessun partito di sinistra porta un progetto credibile di uscita dall'euro (concetto fascista, razzista e xenofopo per antonomasia)ed è vero che nel FN oggi convergono persone di tutti gli orizzonti politici: è una generale contestazione dei partiti di potere, ci sono molti operai, molti giovani e molti ...musulmani!!!

      Elimina
  5. E se il colpo decisivo venisse dalla Finlandia? Non avranno il tempo di rinsavire i piddini del PUDE!

    RispondiElimina
  6. A proposito ecco un esempio:
    www.gadlerner.it/2015/12/06/destra-mangia-destra-e-la-francia-ferita-dal-fascismo-islamista-a-sua-volta-si-fascistizza

    RispondiElimina
  7. Ma loro lo sanno benissimo che fare: "modello Cipro" in tutta €uropa dal primo di gennaio e si fottono un altro po' di soldi dalle popolazioni e continuando a comprare ai saldi asset pubblici (che di saldi è pure stagione) che finché dura fa verdura (e se magna). Quando l'€uropa finirà, loro saranno più ricchi di quando è cominciata e io avrò trascorso i miei migliori anni da minchiuni, perdonandomi il francesismo. Comunque vada hanno già vinto da un pezzo...ora stanno solo cercando di rendere tale vittoria il più schiacciante possibile.

    Salutamu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti che "loro" abbiano già vinto facendo a pezzi le economie più deboli e servendosi al buffet dei prezzi stracciati è anche la mia impressione...l'ipotesi che il sistema euro finisca sembra ormai molto credibile, tuttavia in italia c'è una tale assuefazione al mantra più europa proprio da parte delle masse meno acculturate e consapevoli dei trucchi del sistema e quindi più resistenti al cambiamento, che sarà divertente e raccapricciante osservare questa contorsione; i clowns sono già all'opera e i funamboli stanno provando il numero che sarà per loro impegnativo e pericoloso perche senza rete di sicurezza

      Elimina
    2. Ma l'Italia può farcela...

      Elimina
  8. Dire la mia versione pessimista è più forte di me. Credo che faranno davvero "whatever it takes" per cercare di concludere il loro progetto infischiandosene del popolo. Ok ho scoperto l acqua calda. Ma in generale ho i miei dubbi che finirà con una presa di coscienza di aver sbagliato, credo invece, come più volte anche lei professore ha accennato, potrà finire molto male, con devastanti disordini sociali. Staremo a vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma "loro" non si salveranno comunque ovunque vadano perchè noi li inseguiremo e cercheremo come fece Wiesenthal con i nazisti(anche perchè gli oggetti/soggetti sono sempre gli stessi).

      Elimina
    2. Può essere che hai ragione ma quando io ero piccolo anche Craxi fu incriminato e condannato ma non scontò mai la pena e nessuno lo inseguì arrabbiato fino in Tunisia. Certo sono altri tempi e situazioni diverse ma quello che realmente voglio dire è che nemmeno gli italiani hanno preso coscienza di quello che sta succedendo. Io stesso se mi fermo a parlare con parenti apparentemente molto istruiti e ho sempre come risposta IL PROBLEMA NON E' LA MONETA. Per questo stiamo andando in contro ad un caos culturale vero e proprio perché è questa la strada a cui portano le ideologie. E l'euro, il neoliberismo, è un ideologia.

      Elimina
  9. Eppure io faccio ormai fatica a capire perchè "la Le Pen è fascista. Certo! Lo è", ed invece (forse) Puglisi, Boldrin, Giannino, Giavazzi e tutta la stirpe loro lo sono meno.. e chi lo dice è un 'piazzaleloretista'.
    Lo so: ho tanti limiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, direi che ne hai un pochini.

      Elimina
    2. Me ne farò una ragione.
      E mentre ci rifletto continuo a credere in chi raccoglie il voto di parecchi milioni di elettori francesi, con una posizione chiara su euro, identità nazionali, lavoro...
      Aspettando D'Attorre e Fassina, professò... trascorro il tempo, che inesorabile continua a scorrere.
      La riverisco.

      Elimina
  10. αὕτη δέ ἐστιν ἡ κρίσις ὅτι τὸ φῶς ἐλήλυθεν εἰς τὸν κόσμον καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς, ἦν γὰρ αὐτῶν πονηρὰ τὰ ἔργα.
    Gli uomini son sempre stati un po' de coccio. Non si arrenda Prof, come si dice dalle mie parti "muso duro e bareta fracada".

    RispondiElimina
  11. Stanno apostrofando la le pen in qualsiasi modo, populista,xenofoba, razzista... il vocabolario lo conosciamo tutto.
    Ma il top si è sentito in un servizio su la7. Marine ha la voce roca perché fuma troppo.
    Ero piegato in due dalle risate.

    RispondiElimina
  12. Purtroppo il Nuovo Centro Destra di Sarko' si alleera' con il paperottolo asservito Hollande per fottere la Le Pen; e i giochi son fatti. Il giochetto del "compromesso storico" tra "destra" e "sinistra" per fottere la democrazia continuera' fino all'implosione delle economie. E questa sara' violenta e caotica, come giustamente raccontato dalla Granville.

    La Le Pen e' fuori "dall'arco costituzionale"; raffinata espressione per dire che non fa parte della P2 dominante in "Europa".

    RispondiElimina
  13. due link sulla Finlandia:
    http://www.telegraph.co.uk/finance/12001895/Finlands-depression-is-the-final-indictment-of-Europes-monetary-union.html
    http://www.zerohedge.com/news/2015-12-06/it-begins-desperate-finland-set-unleash-helicopter-money-drop-all-citizens
    Problema: a che serve il People QE se non corrisponde a una reale creazione di valore con la produzione? a fare aumentare l'inflazione? a mandare in (ulteriore) deficit la bilancia dei pagamenti? a raccogliere voti alle elezioni?

    RispondiElimina
  14. No,non hanno capito niente,ma, si sa, Giove acceca coloro che vuol perdere. Ho letto Le Monde, Le Figaro, La Tribune, La Croix.....niente da fare solo Jacques Sapir nel suo blog ha inquadrato correttamente l'accaduto. Ma davvero sono così stupidi? Credono veramente che i loro "sudditi" siano felici di regalare a Erdogan tre miliardi di euro delle nostre tasse e imposte con la disoccupazione, la sottoccupazione, il taglio di prestazioni sanitarie e previdenziali che ci impongono? Non si accorgono che gli europei, nazione per nazione, li stanno letteralmente vomitando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, veramente interessante il secondo intervento di Sapir
      nel suo blog. Da notare l'assoluta indifferenza da parte della Borsa francese nei confronti dei risultati del primo turno.

      Elimina
  15. Beh, siamo stati opportuni anche in casa dei comunisti che preparano la rivoluzione, no? Abbiamo ricordato loro che la classe lavoratrice francese vota come un sol uomo FN. Sorridevano un po', ma credo che da ieri sera sorridano un po' meno. L'articolo de "Il Manifesto" è il tuo articolo che forse preferisco in assoluto (anche perché fu quello che mi rese adulto...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Abbiamo" 'sti cazzi. Sono anni che leggo il blog e non sono comunista così: [url=https://www.youtube.com/watch?v=AHRUKbr3Z6Y]so' comunista coooosìììì[/url]

      Elimina
  16. Aiutano, i sentieri, a mettere tutto in prospettiva. La salute non so, ma la carriera non ce la si può rovinare con le proprie scelte, perché queste sono inevitabili, si è quel che si è. Sono gli altri che te la rovinano, o rendono impossibile, con parole opere e omissioni.

    Un saluto dai sentieri del Gran Sasso: neve, e sole al tramonto (dell'Euro).

    RispondiElimina
  17. "Ah, naturalmente non lo dico sperando che capiate. Voi non capite."
    è parso davvero così anche a me. L'altro giorno a Firenze il tuo omonimo (Lombardo?) non è riuscito proprio ad entusiasmarmi. Sarà che son troppo 'gnorante per caprie... ma non ce l'ho fatta, verso le 5:30 me ne sono andato annoiato... D'altronde la tua domanda precisa con cui hai concluso l'intervento (mirabile, come al solito) non ha avuto una risposta: Chi sono i padroni oggi? Quelli pensano ancora all'imprenditore al piccolo industriale alle partite iva, (ha fatto l'esempio del tassista a cui comprare la licenza per poi dargli uno stipendio!).
    Questa è la mia impressione, ma come al solito mi sento sperduto, scoraggiato e non ancora all'altezza.
    un malinconico affettuoso abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. Non c'è stata risposta. E si è capito che del mio lavoro non sapeva un cazzo di niente un cazzo di nessuno. Quindi che mi cercano a fare?

      Elimina
  18. Secondo me a Firenze han capito ben poco, non solo dietro il tavolo e naturalmente a parte i "seguaci" (lo sai che almeno uno ti ha "seguito" lì fin da
    Brescia?)

    Naturalmente mi baso su un intervento che ho sentito quando quasi tutti se n'erano andati, perciò lamia affermazione non ha l'appoggio numerico.

    Invece nel.negozio in centro dove ho gustato un ottimo panino e solo incidentalmente nominata la lira, il giovane dietro il banco ha soggiunto "Magari tornasse la lira!".
    Travolta dall'appetito e dalla fretta, mi spiace non aver fatto il tuo nome, che, mi rendo conto ora, avrebbe fatto presa per l'argomento e se avessi soggiunto che sei fiorentino e spesso te ne vanti.
    Sono stata zero "seguacia" e quasi nulla divulgatrice, una delle situazioni che bisogna solo perdonarsi.

    Mi ha fatto piacere (ri)vedere seguaci e seguacie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e io che ti avevo anche imposto le mani per guarirti dalla scrofola!...

      Elimina
  19. Che bello questo blog con il greco antico! Complimenti! A me sembrano in gamba Marine e Marion. L'amico Sarkozy ha tagliato la scuola francese, Hollande ha proseguito proponendo una politica di sradicamento culturale per ciascun alunno di Francia! Doveva finire ...

    RispondiElimina
  20. Nella storia gli eventi terroristici hanno quasi sempre contribuito a consolidare il consenso nei confronti delle forze di governo. L'affermazione del FN oltre a non essere una sorpresa (con numeri più contenuti era già primo partito alle europee 2014) non è conseguenza dei fatti del 13 novembre che, azzardo, potrebbero essere stati addirittura un ostacolo.
    Prima di misurare la temperatura bisogna però aspettare ancora qualche giorno e osservare il comportamento degli elettori al ballottaggio, ma anche se il frutti non fosse maturo altri 18 mesi potrebbero essere sufficienti.

    RispondiElimina
  21. Ma l'episodio del panino è (non) accaduto prima!

    Pertanto prendo il gesto regale come
    segno di assoluzione dal.peccato di omissione e mi impegno a non più
    peccare, anche se, si sa, il lampredotto
    è debole.

    Nota turistica per i non-abitanti a Fi: il
    restauro del museo dello Spedale degl'Innocenti (e si scrive proprio
    Spedale, grafia quattrocentesca non
    cachinnabile, come fece in altri ambiente di lavoro una di Storia
    dell'arte, non la mia), è previsto per
    giugno 2016, mentre il vicinissimo
    Museo archeologico ospita fino a inizio
    febbrario una mostra d'arte
    precolombiana.

    L'info precolombiana è per quelli che
    se ne capiscono, come @roberto b, e
    per quelli no, come me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dovrebbe essere lo Spedale de'Nocentini? Ricordo male?

      Elimina
    2. Non ricordi male. I fiorentini lo chiamavano in quella maniera.

      (Alessandra/Cassandra da Firenze)

      Elimina
    3. @erne.1947

      Ho scritto la denominazione da libro. Può darsi se ne sia diffusa pure quella che riporti, mentre nei pressi ne ho sentita una terza, il Museo dell'Annunziata, dalla vicinissima chiesa.

      Elimina
  22. L'Euro finirà, sicuramente. Mi chiedo però, senza retorica, non avendo una risposta, se non finirà proprio perché ha realizzato compiutamente la trasformazione sociale e, verrebbe da dire, antropologica regressiva per cui è stato istituito.
    Diceva Henry Ford, se ricordo bene, che le crisi non durano mai abbastanza a lungo perché la gente impari qualcosa. Come per molte 'pillole di saggezza' elargiteci dal potere, credo che possa essere letta in sensi opposti, e dunque anche nel senso del potere che si lamentava di quanto ostinata fosse la plebe a non volere mai imparare le lezioni che con dura verga (absit injuria...) le vengono impartite. Ecco, temo che questa volta la lezione la stiano facendo propria in molti, tutti quelli che considerano normale e in realtà ambiscono a vivere una vita burocratica, irresponsabile e sostanzialmente antisociale e psicotica.

    RispondiElimina
  23. Non sara' facile, per nulla; non sara' indolore, per molti; non sara' permesso, per molto.
    Le forze in gioco sono potenti , ci sono eminenti studiosi che sono ben inseriti nei posti che contano e non intendono cedere il passo , costi quello costi. Convegni e nuovi studi e strategie per gestire il futuro EU e , soprattutto , EUM vengono riccamente sponsorizzate .
    http://www.iai.it/sites/default/files/fabbrini_151204.pdf Questa il convegno iai del 4 dicembre 2015. Molto interessanti gli interventi di G. Amato e S. Minossi . Quest'ultimo definisce "provinciali e solo italiani" i ragionamenti su "ci vuole piu' europa politica" , e dichiara che nelle stanze di Bruxelles i ragionamenti sono altri. Dopo l'unione bancaria e l'introduzione del bail in per le sofferenze bancarie ( per il debito privato ) , adesso il punto e' il debito pubblico con scenari tutti da scoprire. http://www.inpiu.net/economia/20151130/6609/la_vera_partita_sul_debito/ ,
    le manovre a sostegno del piano antidemocratico eu continuano https://www.radioradicale.it/download/20151207_17.11.11.mp3,

    RispondiElimina
  24. Prof. inutile farsi il sangue amaro per questi traditori della logica economica, della Costituzione Italiana e della coscienza civile che dovrebbe guidare le scelte politiche.
    Ormai siamo arrivati al redde rationem.Pensiamo alla gestione del dopo. Sul prima e sul durante non ci sono più dubbi.

    RispondiElimina
  25. "[...]Molti credono, come ho potuto constatare ancora a Berlino solo lo scorso lunedì, che vista la crisi dei profughi e il terrorismo, l’euro e la situazione economica siano passati in secondo piano. Questo è un fatale errore di valutazione. In Francia ci si occuperà probabilmente per giorni e forse settimane per lo più di terrorismo, ma la catastrofe economica tornerà immancabilmente alla ribalta, e verrà attribuita sempre più direttamente all’euro e indirettamente alla Germania.[...]"

    Sagge parole del tedesco Flassbeck: back to reality (and out of "TINA" wishful thinking...).

    RispondiElimina
  26. L'ISIS è solo il fertilizzante, purtroppo, il seme lo ha messo la sinistra. Non me ne voglia, ma speriamo che il "Quod erat demonstrandum 61" non si avveri; Altrimenti, son cavoli europei (sì, quelli di Bruxelles...)

    RispondiElimina
  27. Gallia est omnis divisa in partes tres,
    quarum unam incolunt caviar-piddinì,
    aliam vichy-piddinì,
    tertiam qui ipsorum lingua Français,
    nostra fasci appellantur.

    (e detto da me......)

    Ave, divulgatore di provincia (© Ric), morituri per Maastricht te salutant!

    RispondiElimina
  28. Grazi, l'articolo di Munchau me l'ero perso. "I would no longer hesitate to say, for example, that your average Italian is worse off because of the euro. The ­country has had no real growth since it joined the euro, while it had grown at fairly average rates before — and I have heard no rational explanation that does not attribute this to the flaws in European monetary arrangements."
    Però....

    RispondiElimina