MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 25 marzo 2015

Sono vivo...









20 commenti:

  1. E comunque in Romania c'è una banda larga da paüra...

    RispondiElimina
  2. A rivoluzzzzione diggggitale !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10 anni fa dicevano che con la rivoluzzzzione diggggitale avremmo tutti lavorato comodamente da casa....
      Che siamo a casa ci hanno preso, è il diggggitale e sopratutto sul lavoro (che manca) che non ci hanno preso!

      Elimina
  3. Ce face aici, lucrați? (ironic); comunque sono contento di saperti vivo.
    La revedere, drag.

    RispondiElimina
  4. Per dire, qua da me il cellulare in casa non mi prende. Per telefonare devo andare fuori in giardino.
    Altro che banda larga!
    E abito in provincia di Ferrara.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beato te, anche se ancora per poco: la normativa italiana sui valori di campo elettromagnetico ammessi è una delle più stringenti (qui, slide 18 e 19), a tutela della salute secondo il principio di precauzione, e quindi il governo Renzi (proseguendo il lavoro di Monti), sta pensando bene di allinearsi al resto d'Europa....

      Elimina
  5. Dalle foto dicevo, li ci son stato pure io un paio di anni fa. È in centro a Bucarest...

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Ma soprattutto, al momento di pagare il conto, quanti RON... quanto fa in euri? Ah, serve la calcolatrice (teribbbbbile).... così poco?! SVALUTAZZZZZZIONE COMPETITIVA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      StraDAR

      Elimina
  7. Oggi sul luogo del disastro Hollande pare abbia detto enfaticamente "l'Europa è qui" la stampa non riporta il successivo gesto scaramantico dei presenti...

    RispondiElimina
  8. È un piacere che il viaggio si andato bene. Ma attenzione alle sgnappe!

    RispondiElimina
  9. Anche in Bulgaria la banda larga in città è velocissima , ma c'è un motivo . Ai tempi del comunismo bulgaro avevano incentivato l'uso delle tv via cavo , così le trasmissioni erano praticamente totalmente controllate , quando è arrivato internet hanno usato gli stessi cavi e ci hanno fatto passare sopra il segnale tcpip , naturalmente velocissimo visto che gli stessi cavi non erano più usati ...i corsi e ricorsi storici

    RispondiElimina
  10. É a Bucarest prof? Beato lei ci sono stato un paio di anni fa vita notturna spettacolare strade pulite città viva e vivibile, ricordo che alle 2 di notte passeggiavo tranquillo in città col gps che non trovano più l'auto (la birra é buona li hehheheh).
    vespasiani nel parco pubblico principale che sembrano navicelle spaziali autopulenti Wi-Fi libero ovunque.
    Palazzi imponenti e spettacolari, prezzi bassi e non si vedevano euro in giro li rifiutavano ricordo che rimasi impressionato.
    Ah non ho avuto difficoltà con il cambio eh... ero proprio contento di maneggiare una moneta diversa!

    RispondiElimina
  11. Meno male prof,
    almeno sembra sia piacevole la sua permanenza in Romania.
    Torni presto che qui Severgnini sta esagerando... #dar

    RispondiElimina
  12. Dalle foto, sembra che ci sia vita anche fuori dal euro.

    Non capisco i maccellai rumeni è bulgari che vanno a lavorare nelle grandi maccellerie del Nord-Rhein-Westfalen per 4-5 € al ora è fare una vita da pezzenti

    RispondiElimina
  13. NonSonoMatematicoMa secondo me ha buone probabilità anche per il volo di ritorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A furia di gufargliela mo gliele fate consumare!

      Elimina