MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 23 febbraio 2015

Varoufakis (2)



52 commenti:

  1. Oltre agli svariati meriti per il suo magistrale lavoro di divulgazione, va data tanta tanta stima al Prof. per utilizzare ancora un iPhone 4/4S con iOS 6 e Twitter via Safari :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto? Gli altri bestemmiavano, a ogni aggiornamento, e io sereno lavoravo...

      Elimina
    2. Perché non serve un tecnico, basta una persona mediamente intelligente per comprendere che un aggiornamento si esegue solo in due casi:
      - Necessiti come l'aria di una nuova funzionalità introdotta con l'update;
      - L'update risolve un bug in cui inciampi spesso e con conseguenze negative.
      Se nessuna di queste due condizioni è soddisfatta l'update non va installato. Punto.

      Elimina
    3. Sacrosanto!

      PS Renzie è un update o un restore localizzato in dolce stil novo? XD

      Elimina
  2. La facciamo troppo semplice.

    Gli USA, dopo le parole belle di Obama su la necessità di pensare alla crescita, non hanno avuto le palle di appoggiare la Grecia nella trattativa. e senza questo appoggio la Grecia si trova contro TUTTO il continente, ci sono malumori in giro ma TUTTI si guardano bene dallo sfidare apertamente la linea tedesca.

    E' emblematico il fatto che, da indiscrezioni trapelate, fra i più ostili a qualunque concessione ci sia anche il governo spagnolo...che teme nel dare qualcosa a tsipras che gli spagnoli individuino podemos come motore di cambiamento effettivo. eccola l'alleanza dei mediterranei. tutti a fianco del quarto reich. è ovvio che SENZA ALCUNA SPONDA diventa duretta per un paesello uscire e ritrovarsi il giorno dopo con blocco economico stile Cuba imposto...partendo già da una condizione di crisi umanitaria.

    Se la grecia esce dall’euro deve cercare una seconda sponda, questo è certo, tutti lo dicono, nessuno lo nega. Quella sponda sono Russia e Cina e pure questo è scontato. Ora osserviamo che in Ucraina c’è un paese in piena guerra civile dove è stato fatto un colpo di stato finanziato da Washington solo perchè il presidente uscente (ed eletto per quanto corrotto come tutti gli altri che lo hanno preceduto) aveva deciso che l’ingresso del paese nella NATO non era opportuno. Ora immaginiamo che tipo di pressione può essere giunta a un paese che chiedendo aiuto a Russia e Cina uscirebbe dalla NATO invece che limitarsi a non entrarci.

    Evidentemente Tsipras spera(va) di trovare più sponde ALMENO fra i governanti dei paesi sotto dissanguamento europeo....almeno fra i piigs. niente. e dunque? siamo pavidi noi che siamo 6 volte più grossi e vogliamo che le castagne dal fuoco ce le tolga la grecia?


    l'unica soluzione è, rimanendo gli USA sordi, rivolgersi ad est appunto. ma servono le palle....due palle grosse davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca, scusa, sei ortottero o lo sei stato in passato?

      Elimina
    2. Scusami Luca...ti sei mai chiesto quante basi militari USA ci sono in Europa?

      Fai una blanda ricerca...forse ancora non ti è chiaro chi comanda...Diciamo che la "Germagna" se magna tutto quello che vuole...perché gli è concesso?

      Elimina
    3. Se non le tiri fuori e continui a raccontarle, prima o poi fischieranno.

      Elimina
    4. perchè senza la germania l'euro crolla e gli usa sono fermamente intenzionati a mantenere l'euro in vita.

      il loro sistema finanziario ed economico è un colabrodo e non possono accettare un'europa formata di liberi stati indipendenti pena la perdita dell'egemonia sul continente.

      non è necessario esser dei geni per capirlo. basta non pensare per un attimo che l'economia sia il centro del mondo....quantomeno non l'unico.

      Elimina
    5. Non ho capito questo film dove lo danno...

      Elimina
    6. non riesco a vedere un solo nesso di causalità chiaro.E forse l'economia è il centro del mondo proprio in quanto egemonia. Non penso che gli USA amino troppo il modello deflazionario dell'UM

      Elimina
    7. ".....basta non pensare per un attimo che l'economia sia il centro del mondo....quantomeno non l'unico."

      C'è anche la fig...
      :-)

      Elimina
    8. "Se la grecia esce dall’euro deve cercare una seconda sponda, questo è certo". Non capisco perche' serva una seconda sponda quando la "prima" odierna piu' che danni non ha fatto. Semmai il problema e' che la "prima" sponda non vorra' mollare la presa.

      Elimina
    9. il problema è che bisogna conoscere le cose anche in pratica. non solo in teoria.

      in teoria senza una linea di credito dall'estero la grecia 2 mesi dopo l'uscita esaurisce i fondi e, se la UE attua una specie di blocco commerciale col paese (come mi aspetterei vista la disumanità e la determinazione dei suoi governanti) la grecia va in carestìa stile irlanda nel 1800. ecco qual è il problema.


      che si stia meglio fuori dall'euro è scontato. che sia facile uscirne senza una sponda per un paese che NON E' ECONOMICAMENTE AUTOSUFFICIENTE E NON LO SARA' PRIMA DI QUALCHE ANNO è un altro discorso.


      La grecia non ha mezzi per pagare le proprie importazioni. è un fatto oltre cui le parole e le buone intenzioni non vanno.

      ma è tutto come da copione...perchè l'eurozona rovina a tal punto i paesi che, anche quando sull'onda della disperazione questi decidano di uscirne, oramai si trovano inabili a farlo senza aiuti esterni.

      Elimina
    10. Luca, scusami, ma sei veramente così cretino? Sei grillino o memmetaro? Non capisco. Perché vieni qui con questa saccente sicumera da giovane pirla a dirci cose che sappiamo benissimo? Avrai letto in qualche blog di terz'ordine delle cose copiate male da qui e ora vieni a coprirti di merda: perché lo fai? Sinceramente non capisco. Tutto quello che dici per noi è banale, te ne rendi conto o no?

      Elimina
    11. ecco come solito: gli insulti invece del merito.

      un trademark.

      Elimina
    12. Luca: il merito non c'è. Sei solo un bambino, un ragazzetto di provincia giovane e presuntuoso che viene a farci la lezioncina su cose dette mille volte. Fatti un favore: ripijate! Stai parlando con uno che sa e vede quello che sta succedendo, non con un tuo amichetto del bar. Renditene conto, non renderti ridicolo. Te lo dico paternamente. Fidati.

      Elimina
  3. Dietro le quinte, partecipa ai lavori nientemeno che James Galbraith, il quale rivela i retroscena degli accordi con le seguenti parole a "La Stampa", 23 febbraio 2015, p. 3:

    "Nella prima delle due occasioni che le dicevo ho lavorato freneticamente con altri in una stanzetta adiacente a quella della riunione, che intanto era sospesa, cercando di trovare le parole giuste dei due testi contrapposti per redigere qualcosa che potesse essere firmato.Non ci hanno dato il tempo.Sarebbe bastata mezz'ora in più. Alla fine è intervenuta la Merkel, ha dettato la linea dicendo che un accordo andava fatto e tagliando corto sulle divisioni nel suo governo che devono averla imbarazzata non poco.(...) Le lezioni sono due: la Germania detta legge, ma il suo potere governativo è diviso e imprevedibile. Tutto questo è inquietante per il futuro dell'Europa".

    Ciò a proposito di battere i pugni, i grugni o altro a scelta, intanto è lo stesso.

    Galbraith, che di Varouf è stato collega, così poi su di lui si esprime nella medesima intervista:

    "Certo, non cederà: per lui l'importante è ripristinare la crescita in Grecia: Se dovessero metterlo in minoranza, salirebbe sulla sua moto e uscirebbe dalla scena. Lui e Tsipras sono due politici preparati e accorti".


    Boh


    "

    RispondiElimina
  4. Alla fine Varoufakis finirà all'isola dei famosi, Tsipras neppure lì.

    RispondiElimina
  5. DAR

    Ma i pugni sul tavolo li ha sbattuto veramente, solo che gli sono rimbalzati in faccia.

    RispondiElimina
  6. OT - Ultime da Rubiera (RE), Via delle Chiaviche.

    “A concerted effort to produce propaganda is a conspiracy”

    http://www.zerohedge.com/news/2015-02-23/1967-he-cia-created-phrase-conspiracy-theorists-and-ways-attack-anyone-who-challenge

    http://www.washingtonsblog.com/2015/02/trolls-guide-internet-disruption.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca, ora cominci a rompermi i coglioni, e te lo dico proprio con affetto. Io passo la vita fra politici e giornalisti. Marcello Foa, mio amico, è vicepresidente di a/simmetrie. E tu vuoi venire qui a farmi la tua lezzzzioncina del cazzo?

      Io sto dicendo un'altra cosa, che tu non capisci, e quindi ora ti mando nella Gehenna perché mi sono rotto i coglioni: non è assolutamente necessario ricorrere ad argomenti che, per quanto possano essere veritieri, danno all'avversario il vantaggio dialettico di poterti etichettare come complottista, quando l'evidenza alla luce del sole è più che sufficiente per smascherare certe ovvie dinamiche.

      Se vuoi condannare qualcuno all'inefficacia, condannaci te stesso e vai al diavolo. Qui hai finito di commentare, perché quello che dici non aggiunge nulla (ma proprio nulla) alla discussione, e rischia invece di farci passare per un CDC qualsiasi. Altri blog ti accoglieranno a braccia aperte.

      Buona vita fuori dagli zebedei.

      Yours.

      Elimina
    2. Perfettamente d'accordo Prof.
      Le evidenze sono molto più facili (piddini esclusi) da dimostrare. Un complotto, per quanto possa sembrare coerente (e a volte magari lo è veramente) invece è quasi impossibile da dimostrare con assoluta certezza.

      Credo che a ragionare sempre per complotti c'è il rischio di finire per vederli ovunque, anche dove la logica consiglia il contrario.
      L'animo umano, moltiplicato per milioni di individui, è molto complesso, lo sappiamo tutti. Quindi, parere personale, quasi mai è utile semplificare le vicende sempre e solo tramite i complotti.

      Elimina
  7. Ragazzi, ma era abbastanza scontato che la Grecia avesse seguito la linea della Troika, altrimenti lo spread sarebbe andato a 580 come per il caso Berlusconi nel 2011. I leaders greci hanno seguito l'onda euroscettica per andare al potere e sotto sotto si sono accordati con i troiki per fare il teatrino davanti ai loro elettori...in buona sostanza quello che sta facendo Grillo ed altri...

    RispondiElimina
  8. “A quel tempo, era in auge al ministero, come segretario generale, un certo Clément Chardin des Lupeaulx, uno di quei personaggi che il flusso degli avvenimenti politici mette in evidenza per qualche anno, che un giorno d'uragano trascina via e che ritrovate sulla riva, a non so quale distanza, arenati come la carcassa di una imbarcazione, ma che assomigliano ancora a qualcosa. Il viaggiatore si domanda se questo rottame non abbia contenuto mercanzie preziose, o non sia servito in qualche grande occasione contribuendo a una battaglia, portando i velluti d'un trono o trasportando il cadavere d'un re.”

    RispondiElimina
  9. Quello che pensa Costas Lapavitsas in proposito:

    http://vocidallestero.it/2015/02/24/costas-lapavitsas-la-proroga-di-4-mesi-come-potra-migliorare-la-nostra-posizione-negoziale/

    RispondiElimina
  10. Di questo passo alle prossime elezioni greche avremo più facilmente Alba Dorata come primo partito. Sono d'accordo con le tesi del Prof. su Tsipras, da capire è se tale partito neo-nazista avrà il coraggio di misure drastiche che Tsipras sembra non avere. Nel frattempo ieri ho regalato "Il tramonto dell'euro" a 2 amici piddini, credendo che rimarranno nella loro bella posizione, ma uno scossone lo avranno.

    RispondiElimina
  11. Costas Lapavitsas pone delle domande sacrosante e mette in evidenza le contraddizioni di Syriza.
    Se questa manfrina,che ha prodotto solo quattro mesi di proroga,non ha il fine di preparare l'uscita dall'euro,hai voglia a sbattere i grugni sul tavolo!
    Ma il cadavere Grecia,che farà rumore ancora per molto,non farà altro che dare ulteriori cartucce a chi l'uscita la vuole davvero.
    Ci sono varie elezioni all'orizzonte e le uniche che potrebbero dare con sufficiente certezza il colpo finale a questa follia dovrebbero essere quelle francesi.
    Ma i greci subiranno passivamente tutto ciò?
    In fondo Syriza aveva un programma (illusorio) preciso e su questo hanno votato.
    Non so se accetteranno di essere l'ennesimo campo di concentramento della SStoria,chi lo può immaginare?
    Ok,il controllo sulla popolazione può arrivare anche alla più brutale repressione ma a chi giova? Al governo tedesco,ma non solo,poco importa ma ad altri si.
    A questo punto non credo nemmeno alle proposte in via di definizione trapelate ma ad un più sostanzioso e concreto calo di braghe semanticamente corretto.Se prender tempo significa questo per i greci son cavoli amari.
    Poi se la vedranno loro all'interno del partito.
    Ma sa com'è Prof.,era tutto prevedibile ma una lumicino di speranza era umanamente comprensibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speranza è umana è vero, quello che è disumano è che continuano a illuderci a suon di menzogne populiste mentre la gente muore!

      Elimina
  12. Si è svegliato anche L'Espresso...
    http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/02/24/o-la-democrazia-o-leuro/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'hai letto? A me sembra che dormano come al solito. Russando più del solito

      Elimina
    2. io sono terrorizzato da alcuni commenti. Il lavaggio del cervello è andato oltre le (loro) più rosee previsioni.

      Elimina
    3. Vi esorterei ad apprezzare la differenza fra la posizione di Salvati (Germania brutta) e la posizione di Fassina (regole sbagliate). Sono sfumature, ma importanti. Più di questo non si può avere e vi suggerirei di seguire gli sviluppi con attenzione.

      Elimina
    4. Eppur si muove.
      Dobbiamo prendere atto che alcune luci si intravedono attraverso le prime crepe del muro PUDE.
      Ultimi bagliori di un crepuscolo oppure le prime scintille dell'alba ?
      Vedremo.

      Elimina
    5. Per capirsi prof. Chi se la prende ora solo con la Germania brutta e cattiva dimentica colpevolmente il fatto che ci siano regole che in ogni caso avrebbero portato verso fortissimi squilibri e crisi. Quindi in campana a leggere nelle pieghe per capire chi resta comunque in cattiva fede.

      Elimina
    6. @Flavio sto leggendo i commenti e sto letteralmente morendo dalle risate! Secondo me un ottimo metodo per riconoscere un Piddino seguace di Etarcos, sono le espressioni my two cents, e imho di cui peraltro non conosco il significato della prima. Già su altri forum degli argomenti più disparati ho notato questa tendenza. My two Cents :-)

      Elimina
    7. @Near: http://www.urbandictionary.com/define.php?term=my+two+cents

      Elimina
    8. Mi sembra che l'autore dell'articolo in questione finisca col dover ammettere, in qualche modo, quello che per tutti noi è ovvio: o la democrazia o l'euro? (titolo dell'articolo) è solo una domanda retorica.
      I commenti ... lasciamo perdere, in fin dei conti da quelle parti alligna uno dei focolai PUDE più virulenti, propagatore del disturbo da dipendenza da euro!

      Elimina
    9. @Near IMHO = My Humble Opinion (a mio modesto parere).
      @Nicola strada, quindi una cazzata qualsiasi, solo per partecipare (ma non sono olimpiadi) :-)

      Elimina
    10. Grazie per le risposte ragazzi!

      Elimina
    11. E' la politeness anglosassone, sovente ipocrita ma cosi' conformista. Una specie di lubrificante...

      Elimina
  13. « Se la nostra classe intellettuale non avesse ricevuto un'educazione così raffinata, e avesse imparato la boxe, si sarebbe impedito ai lenoni, ai disertori e a una tale gentaglia di fare una rivoluzione in Germania. Poiché la rivoluzione fu vittoriosa non per gli atti arditi, forti, coraggiosi di quelli che la facevano ma per la vile, commiserevole indecisione di quelli che dirigevano lo Stato, e ne avevano la responsabilità. »
    Ma come diavolo si fa a sopportare ancora tutto questo tanfo di cavolo e nazionalsocialismo

    RispondiElimina
  14. Non me ne frega niente della pubblicazione ma questa e' troppo bella!
    Ho le lacrime agli occhi dalle risate.....
    http://www.zerohedge.com/news/2015-02-24/stunning-reason-why-eurogroup-rushed-approve-greek-reform-package

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca, io soffro di permalosita' acuta... tu dimostri di non sapere cosa sia...mi dai lezioni??

      Elimina
    2. "All’uomo irrazionale interessa solamente avere ragione.
      All’uomo razionale interessa imparare."

      (Karl Popper)

      Elimina
  15. @Near. Concordo in toto sull'identificazione idiomatica del Piddino. Pensavo che gli si potrebbe rispondere, strappandogli un inebetito sorriso, MyTwoHodens.....

    RispondiElimina
  16. Dalla rassegna stampa di Giorgio Dell'Arti:
    Tsipras ha perso e non poteva fare altro. Per Alberto Bagnai «Il problema greco è e resta l’euro ma il premier lo difende anche se è insostenibile per il Paese».

    Eppoi (forse), come ottenere il massimo risultato con minimo sforzo: Marine Le Pen...
    Con il 30 per cento Marine Le Pen si appresta a vincere le provinciali . "(...) Come accade sempre più spesso, Marine Le Pen non ha bisogno di fare nulla: sono le cose a mettersi da sole in suo favore."

    RispondiElimina
  17. Ma era davvero Fassina quello che ho visto sul canale Stampa TV?

    RispondiElimina
  18. Voglio l'€uro, per la precisione queste banconote: http://www.artwort.com/2015/02/17/arte/greco-stefanos-vandalizzando-banconote/

    RispondiElimina
  19. Avrei una domanda che frulla in testa: è possibile che questa storia della Grecia e degli Tsipras alla fine insegni ai più che per sopravvivere è necessario essere grossi e/o forti? In fondo se si è piccoli e "poco furbi" si finisce come la Grecia, se si è grossi, tralasciamo che siano altrettanto "poco furbi", si finisce come la Germania ed è comunque un altro finire. Di fronte a questa osservazione quali considerazioni possiamo portare avanti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Che alla fine non siamo ancora arrivati.

      2) Che se sei piccolo rimani piccolo anche dentro un'unione, dove in più perdi la libertà e le armi per difenderti (in primis il cambio flessibile)

      3) L'EU fa male ai piccoli, siccome comanda un grande.

      4) Fuori dall'euro ci sono piccoli stati che non hanno i problemi della Grecia (e neanche dell'Italia)

      Conclusione: esatto, per sopravvivere nell'Unione Europea devi essere quello grande e forte che comanda, se sei piccolo e vuoi sopravvivere devi uscire.

      Elimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.