MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 9 febbraio 2015

Il mercato è il mio pastore, non manco di nulla...

Su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce.



Il mercato è il mio pastore, non manco di nulla...






Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome.


 Il mercato è il mio pastore, non manco di nulla.




Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza.



Il mercato è il mio pastore, non manco di nulla.




Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca.



Il mercato è il mio pastore, non manco di nulla.



Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni.


 

(...si può essere perdenti in diversi modi.

Il modo più squallido resta sempre quello di mettere in bocca a un interlocutore cose che non ha detto - à la Seminerio, magari senza metterci la faccia (e perché? Di che avete paura, se non avete paura di passare per vigliacchi?). Ai gentili colleghi di fartfromamerika noisefromamerika, che forse hanno problemi di fuso orario, ritengo di dover dire esplicitamente questo, per aiutarli a rimettere gli orologi: fate con calma, ormai il dibattito è chiuso, non so se ve ne siete accorti - come non vi siete accorti delle decine di post sugli stock-flow adjustments in questo blog. A Riccardo chiederò riservatamente chi sono gli ingenui teorici della moneta unica come causa di tutti i mali, esattamente come ho chiesto a Emiliano chi fossero i gattopardi. Sono risposte sempre interessanti, che aiutano a capire chi sta dicendo cosa a chi e perché.

Non assumes nomen Bagnai in vanum, comunque...).

53 commenti:

  1. Grande professore!
    Io sarei stato un po' (parecchio) meno professionale.

    RispondiElimina
  2. Dalla gehenna per il maestro, ricevo e giro a lui:

    Dal profondo a te grido, o Cavajere; Cavajere, ascolta la mia voce.
    Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia preghiera.
    Se consideri le colpe, Cavajere, Cavajere, chi potrà sussistere?
    Ma presso di te è il perdono, perciò avremo il tuo timore.
    Io spero nel Cavajere, l’anima mia spera nella tua parola.
    L’anima mia attende il Cavajere, più che le sentinelle l’aurora.
    La Bocconi attenda il Cavajere, perché presso il Cavajere è la Canoscenza,
    grande è presso di lui la redenzione; egli redimerà la Bocconi da tutte le sue colpe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Bocconi nulla est redemptio...

      Elimina
    2. Il cavaliere nero dell'Apocalisse dev'essere un antenato di quello attuale e infatti annuncia niente popo di meno che?? Ma l'inflazzzzione ovviamente, nel caso che i palestinesi avessero avuto la malaugurata idea di uscire dal sesterzio (Vespasiano e Tito li hanno convinti a rimanerci). Inflazione ma divisa per classe, ettepareva.... i beni comuni (grano e orzo) al 1500%, il vino e l'olio (per i ricchi) rimangono invariati. Inzomma niente di nuovo sotto il sole, per rimanere in argomento biblico.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Sapevo che avrebbe apprezzato…

      … ce ne sarebbero di parafrasi da fare dei passi del Vangelo dedicati ai farisei …

      dopotutto il fariseismo oggi va su tutto

      Elimina
    2. Com'é che dicono in Germania, "Uber alles"?

      Elimina
  4. se si parla di studenti allora interroghiamo:

    Svizzera Franco alla lavagna... " Non c'è è uscito....gli è morta la nonna.. porello è la quinta che gli muore solo quest'anno"

    Danese Corona alla lavagna... " E' uscito un attimo, è al telefono con il suo babbo che il gatto è rimasto sotto alla circolare sinistra... dice che è uno spettacolo orribile"

    Del Greco Alexis alla lavagna... " ME GIUSTIFICO... non ho potuto studiare ..mi hanno menato de brutto... son gonfio come una zampogna"

    Britannico Davide alla lavagna... " A prof quello ha cambiato scuola... da Natale che non c'è piu'... e daje"

    E allora caro Matteo ci sei rimasto solo tu... vieni un po'.

    RispondiElimina
  5. Prof, senta, mi dica solo se è vero che siamo i migliori pagatori al mondo e per conto mio la chiudo lì (nel senso che non accetterò più alcun discorso riguardante la questione euro che parta dal presupposto che noi siamo degli scansafatichefancazzistinullafacentiblablabla etc etc).

    Più capisco e conosco, e più ho l'impressione che questo paese (chi ci lavora) venga costantemente preso per i fondelli e sfruttato fino all'osso.

    Quella macchietta del gianin (chi sa cosa vuol dire in piemontese?) ha detto che siamo andati due volte col cappello in mano al FMI, è vero? e quando di grazia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho conoscenza di prestiti all'Italia dall'FMI, anzi siamo un contributore per il 3,5 % (molto supreiore alla nostra quota nel commercio estero, che a spanne è intorno al 2%.
      A me risulta che l'Italia, da quando si chiama così, non abbia mai fatto default, quindi se anche avessimo ricevuto dei soldi in prestito li abbiamo restituiti, con tanto di interessi e spese di accensione.
      Sicuramente nel 1992 ci siamo (ci hanno fatto) rifinziati (rifinanziare) da soli. Ero piccolo ma me lo ricordo bene e lo ho studiato meglio, perchè mio padre era in CIGS per ristrutturazione (di un ramo d'azienda del gruppo Espresso-Repubblica, Rotocolor).

      Elimina
  6. La stima dei "valuation changes" proposta nell'articolo "NIIP, ovvero: il Professor Bagnai e la Contabilità Nazionale" comparso su Noise from Amerika credo sia molto inaffidabile. La banale equazione, D(NIIP(t)) = CA(t) + VC(t), su cui si basa il calcolo non è più tanto banale se si considera la possibilità che i dati bilancia dei pagamenti e posizione verso dell'estero non siano totalmente coerenti tra loro per la presenza di errori statistici di varia natura. Solo osservando la serie "errori e omissioni" della bilancia italiana si rileva che tra il 97 e il 2013 il valore cumulato è di circa 200 miliardi di euro. Ciò vuol dire che se tentassimo di fare la stessa stima usando i flussi del conto finanziario invece di quelli delle partite correnti otterremmo un risultato con 200 miliardi di euro di differenza. Una differenza tale da rendere secondo me totalmente instabile la stima che hanno fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poverini, scontano un forte isolamento culturale. Forse farebbero bene a leggersi qualcosa di scritto da Gian Maria.

      Elimina
    2. C'era qualche problema software, ma anche di coerenza. Qualcun altro ce n'è ancora.

      Elimina
    3. Ho fatto l'esercizio di scaricare da Eurostat i valori (in milioni di Euro) delle Current Account, del PIL nominale e del NIIP (in percentuale sul PIL), nonchè il valore degli errori e omissioni.
      Ho rifatto gli stessi calcoli di Noise from Amerika sommando anno per anno la CA al NIIP, ma aggiungendo anche gli errori e le omissioni.
      Il grafico è nettamente diverso da quello che ci propinano e la differenza al 2007 è di soli 16574 (in milioni di Euro) che vale l'1,06% del PIL. La mia conclusione, coerente con la tua, è che calcolare VC come differenza tra NIIP e CA senza tenere conto della voce "errori e omissioni" è scorretto e non dimostra un bel nulla.

      Elimina
    4. Ecco appunto. Grazie per la conferma.

      Elimina
  7. “Perciò io dico, signori miei, che cotesti trovatori a giusto titolo dovrebbero essere esiliati nelle isole delle Lucertole. Però non n'hanno colpa loro, bensì gl'ingenui che li elogiano e le sciocche che li credono: che se io fossi stata la buona maggiordoma che avrei dovuto essere, non mi avrebbero avuto a smuovere i loro raffinati concetti, né avrei dovuto credere vero quel dire: «Vivo morendo, ardo nel ghiaccio, tremo nel fuoco, sperando disperando, mi parto e rimango» nonché altre cose impossibili di questa fatta, delle quali riboccano i loro scritti. Che dire poi quando promettono l'araba fenice, la costellazione d'Arianna, i corsieri del sole, le perle del sud, l'oro del Tibar, il balsamo di Pancaia. Allora sì che essi lasciano scorrere la penna, poi ché costa loro tanto poco promettere ciò che giammai pensano né hanno possibilità di mantenere!”

    RispondiElimina
  8. “Ogni giorno esistono centinaia di esseri umani che, abbindolati dai mezzi di comunicazione, darebbero persino la vita per gli stessi uomini che li sfruttano da generazioni. Io dico: è giusto così. Che questi cagnolini fedeli privi di alcun senso critico, braccio inconsapevole della classe dominante siano in prima fila nella crociata contro l'evoluzione dell'uomo! Saranno i primi a lasciare la faccia della terra (siano benedette le loro anime) al momento della resa dei conti, nessuno ne sentirà la mancanza. Amen.” (Anti-Dühring. Friedrich Engels).

    RispondiElimina
  9. Mi perdoni l'OT e ringrazio per l'ennesima e importante comunicazione dei progressi di verità testimoniati nell'articolo.Grazie davvero.
    Vorrei segnalare agli utenti l'importante discorso della neoeletta Presidente del Parlamento greco di cui i nostri media non riferiranno,tanto per cambiare.
    Questo il link.
    Attivate i sottotitoli in italiano.
    Toccherà anche a noi italiani,spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho terminato l'ascolto commosso. Sentire in quelle parole di origine antiche il richiamo dei concetti su cui si basa il vivere civile e da cui derivano i nostri termini, lascia sgomenti quando calati nella emergenza umanitaria che vivono.
      Solo in un momento il groppo alla gola lascia il posto alla rabbia e cioè quando si sente in quell'aula a chiare lettere il nome SIEMENS.
      Spero che qualcuno trascriva l'intero testo, perchè rileggerlo di tanto in tanto sarà un'emozione forte.

      Elimina
    2. ... la legalità, la trasparenza e l'esame di tutti i casi in sospeso, chiunque sia la persona coinvolta, che si tratti di politici, parlamentari che di rappresentanti di interessi finanziari o di corruttori imprenditoriali, come ad es. nel caso della SIEMENS o degli ARMAMENTI.
      Non dobbiamo scordare che questioni del genere riguardano anche impegni internazionali di altri paesi in linea con i regolamenti internazionali contro la corruzione.
      [...] rivendicazione dei rimborsi dalla Germania [...] il nostro credito morale, storico ed economico [...] e la restituzione dei nostri tesori archeologici rubati.
      [...] per la cancellazione di gran parte del debito.
      [...] L'Europa intera, il globo intero sta guardando la Grecia con speranza. Perché sanno che il riconoscimento della giustizia e il sollievo del popolo greco sarà una vittoria delle persone contro i regimi finanziari e le nuove dittature delle banche e dei mercati che mirano a sostituire la democrazia.
      [...] Questo PATRIOTTISMO [...] lo dovrà affrontare chiunque tenti di ricattare il nostro popolo e di sopprimere la democrazia nel nostro Paese.

      Zoe Konstantopoulou, bella e brava!
      Una perfetta dichiarazione di guerra alla dittatura delle oligarchie del centro.
      Se è solo teatro con che faccia molleranno le braghe e come la prenderanno i greci?
      Io penso che la Germania non cederà di 1mm: non può cedere anche solo perché non può ammettere di avere schuld, non può accettare che a rinfacciarglielo sia proprio la Grecia e allora non si sono spinti un po' troppo oltre per un dietrofront?
      C'è speranza?

      ps Grazie Davide per la segnalazione

      Elimina
    3. Grazie del link, già girato su Fbook.

      Tra le altre cose, dice che non accoglierà inviti al fare presto e farà riferimento al diritto interno (suppongo, nazionale).

      Questo dovrebbe dirci qualcosa.

      Elimina
    4. Grazie, bel link. Quindi scambierebbero debiti esteri contro danni di guerra? Se finisse davvero così, geniale - per loro - e l'euro è salvo, per gli altri.
      Ad ogni modo, qualsiasi cosa avvenga, tanto di cappello alla deputata oratrice perfetta. Non riesco a immaginare nessuna che in Italia possa essere anche lontanamente alla sua altezza, con altrettanto stile e intelligenza. Molto emozionante poi sentire certe parole in greco, ancora così uguali a quelle di un tempo.

      Elimina
    5. Certo che dopo i "celebrati" 70 anni di pace, l'essere costretti a far riferimento ad indennizzi di guerra, e' la chiara e triste prova che siamo tornati indietro, che stiamo andando in pezzi. Da non dimenticare la sciagurata/sventurata campagna militare italiana in Grecia, risolta solo con l'intervento dei tedeschi.

      Elimina
    6. Bello! Ha parlato DRITTO a differenza di altre sue colleghe europee ...
      Speriamo che alle giuste parole seguano fatti conseguenti.
      Grazie.

      Elimina
    7. Una leader, espressione della sinistra, che, parlando di Patria, Popolo greco, interesse nazionale, patriottismo, non si è ricoperta di bolle e pustole.

      Ed a noi toccano crema di nocciola e zeppole.

      Elimina
  10. ammesso e non concesso che esistano gli "ingenui teorici della moneta unica come causa di tutti i mali" io mi sono chiesto sempre: cosa avremo rimanendo nell'euro?

    qui non abbiamo né ingenui né teorici ma il vuoto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Valsandra: completa la frase!
      "...vuoto d'aria ! (fart from amerika)
      Lo ammetto: mi piace il tifo becero a volte!!

      Elimina
    2. In un futuro molto prossimo ci saranno decine di studi su ció che è e su ció che si dice in questo blog.
      A volte qui siamo talmente avanti che se ci guardiamo alle spalle, vediamo il futuro...(thanks to AB).
      Una avanguardia molto particolare: porta con sè gli insegnamenti della Storia, non ne fa a meno, poichè comprende come l'unico equilibrio sostenibile comporti un ritorno al passato.

      Elimina
    3. ma come non lo sai? Abbiamo evitato LA GUERAAAAAA!

      Finora, perché da domani tocca invocare la buona stella e che Hollande si possa sfogare con la bella di turno perché senno', ahi ahi ahi.

      Elimina
  11. OT

    Avete visto cosa scrive repubblica?? Il re è nudo?

    .. " Notano infatti gli economisti che la competitività tedesca si deve innanzitutto a una crescita dei salari di gran lunga inferiore alla media dell'Eurozona. C'è poi il fatto che il tasso di cambio reale della Germania è molto favorevole rispetto ad altri Paesi europei del sud, come l'Italia, con un vantaggio competitivo sui mercati internazionali di presentarsi con la stessa moneta, che però ha un peso differente."

    http://m.repubblica.it/mobile/r/sezioni/economia/2015/02/09/news/bilancia_commerciale_tedesca_2014-106863496

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo avevo notato anche io!
      Ed ho anche notato che la "Corazzata Repubblica" non ha potuto (questa volta) fare a meno di avvistare l'affermazione del segretario del Tesoro statunitense Jacob Lew laddove ricorda che "politiche per promuovere la domanda interna sarebbero un bene per l'economia tedesca e quella mondiale".
      Il tutto guardandosi bene dal nominare mai la parola euro ... ma lasciando intendere (timidamente) che il surplus tedesco potrebbe essere risolto applicando alla Germania le sanzioni per violazione del six pack.
      Veramente esilaranti questi della corazzata!

      Elimina
  12. " io mi sono chiesto sempre: cosa avremo rimanendo nell'euro?"
    https://vine.co/v/OUK0J6adTua

    RispondiElimina
  13. Per i puristi metto il testo in originale translitterato:

    binə’wōṯ deše’ yarəbîṣēnî ‘al-mê mənuḥwōṯ yənahălēnî
    nafəšî yəšwōḇēḇ yanəḥēnî ḇəma‘əgəlê-ṣeḏeq ləma‘an šəmwō
    gam kî-’ēlēḵə bəḡê’ ṣaləmāweṯ lō’-’îrā’ rā‘ kî-’atâ ‘immāḏî šiḇəṭəḵā ûmišə‘anəteḵā hēmmâ yənaḥămunî:
    ta‘ărōḵə ləfānay| šuləḥān neḡeḏ ṣōrərāy diššanətā ḇaššemen rō’šî kwōsî rəwāyâ
    ’aḵə| ṭwōḇ wāḥeseḏ yirədəfûnî kāl-yəmê ḥayyāy wəšaḇətî bəḇêṯ-yəhwâ lə’ōreḵə yāmîm.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. N.B.: ho emendato "Il Signore è il mio pastore" (Yəhwâ rō‘î lō’ ’eḥəsār), perché avrei dovuto scriverlo "Šiwuq rō‘î lō’ ’eḥəsār" e a me suona(va) blasfemo...

      Elimina
  14. No professore, lei non manca di nulla, anzi è il mercato che è in deficit per Asimmetrie, il blog sul Fatto e ora anche sul Giornale.

    Le principali società di rating hanno declassato a livello SPAZZATURA i cazzoni improduttivi.
    Standard & Poor's: CCC - altamente speculativo
    Moody's: CA Investimento ad alto rischio
    Default!!!!

    Il mercato sia con lei!

    RispondiElimina
  15. Sei stato promosso ad acronimo.

    RispondiElimina
  16. Vettovaglie, non sono mai troppe.

    RispondiElimina
  17. "Uno scaffale di libri alle mie spalle, una tastiera davanti a me"

    RispondiElimina
  18. Se gli uomini si rendessero conto che non è il mercato ad essere "pastore" ma Dio, non avremmo molti problemi, incluso quello dell'euro. Ma questo è difficile da capire, ancor più da spiegare.

    RispondiElimina
  19. Possiamo con giubilo notare, che il catastrofismo è morto. Vorrei però notare che nessuno si avventura nell' analisi dettegliata dei costi della permanenza. Analisi che avrebbe bisogno di altrettante ipotesi eroiche, se non erotiche.
    Mi sembra però, di notare un certo atteggiamento mentale asimmetrico. Tutti si affrettano a specificare che la svalutazione(solo quella eh! La politica non esiste?) non ha effetti significativi sul lungo periodo. I salari nel BREVE però diminuiscono. È una furbata metterla così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il catastrofismo sta evolvendo nel "benaltrismo" come testimoniano gli alfieri di noisefromAmerika che su questa dottrina ci hanno quasi formato nientemeno che un partito politico. Non sarei così entusiasta di questa piega: il benaltrismo è molto più subdolo, perchè non attacca frontalmente il concetto della disfunzionalità della costruzione dell'euro, ma la banalizza, il che è secondo me molto peggio. La prossima fase, che si può chiamare del benaltrismo, temo sarà più frustrante delle precedenti che si possono chiamare del negazionismo prima e catastrofismo poi. Servirà costanza e impegno nella esposizione dettagliata degli effetti devastanti della moneta unica. per portare alla ovvia considerazione "Per intanto cominciamo con ..."

      Elimina
    2. Mi scusi, ma dopo morto, ci sono altre quattordici righe.
      Su questa pagina i benaltristi vengono perculati sin dai tempi della tabellina dello 0.
      Comunque la ringrazio per l' osservazione.

      Elimina
    3. Ma sono io che mi scuso se sono sembrato critico. Il mio intento era quello di recepire il suo intervento, che infatti nelle 14 righe si articola e stimola riflessioni ulteriori concludendosi con un punto di domanda. Ho colto l'occasione per ricordare il per me ben peggiore "benaltrismo" e alcuni dei suoi alfieri come sviluppo ulteriorie del suo pensiero e non in contrapposizione.

      Elimina
  20. L'attuale presidente di Confindustria è uno strenuo difensore del "sistema" BruXXXelles... Deve ogni fortuna alla preziosa opera di lobbying che un suo grande amico, esimio economista di Scandiano, già gran ciambellano di tragicomiche sedute spiritiche*, attuò per il comprensorio del settore ceramico emiliano.

    Squinzi manda avanti ENI ed ENEL perché altrimenti gli vien da ridere... :D
    Giannino comunque avrà una fornitura a gratis di leganti e colle per materiali edili in eterno... a contropartita di così grandi servigi... XD

    *« Era un giorno di pioggia, facevamo il gioco del piattino, termine che conosco poco perché era la prima volta che vedevo cose del genere. Uscirono Bolsena, Viterbo e Gradoli. Nessuno ci ha badato: poi in un atlante abbiamo visto che esiste il paese di Gradoli. Abbiamo chiesto se qualcuno sapeva qualcosa, e, visto che nessuno ne sapeva niente, ho ritenuto mio dovere, anche a costo di sembrare ridicolo, come mi sento in questo momento, di riferire la cosa. Se non ci fosse stato quel nome sulla carta geografica, oppure se fosse stata Mantova o New York, nessuno avrebbe riferito. Il fatto è che il nome era sconosciuto e allora ho riferito. »
    Stralcio della testimonianza di R. P. alla Commissione Moro, 10 Giugno 1981.

    Ecce Homo €apiens

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @hcl dignus est intrare

      Allora rimanemmo senza parole, quasi intontiti, leggendo tali parole. Oggi, tutte le volte che le rileggo, il mio animo ondeggia tra sguaiato sarcasmo e disperato sconforto. Un tale uomo ha deciso, con pochi altri, i destini di una nazione di 60 milioni di abitanti.

      Elimina
  21. La figura del gattopardo è diretta conseguenza delle considerazioni del prof. Brancaccio. Ma chi sarebbero? O sono risposte che non possiamo conoscere?

    RispondiElimina
  22. Ma la storia di Falciani circa il ricatto di Sarkozy a Papandreou per la posizione materna nell'elenco HSBC sarà vera? :D

    Il "grande" Nicholas cravattaro laqualunqe da romanzetto criminale... presto avvisate De Cataldo! Urge una nuova saga con la capitale belga al posto della città eterna... XD

    Sarko-ricatto ad Atene...
    corrierino's version:
    http://www.corriere.it/economia/15_febbraio_10/hsbc-falciani-dietro-conti-un-banchiere-clienti-vicini-politici-15ed1a38-b0eb-11e4-9c01-b887ba5f55e9.shtml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto nel club..... dei complottisti!

      Elimina
  23. Se già, almeno da due anni, Goofynomics era il benchmark politico-culturale, ora lo è anche dal punto di vista algebrico. Bisogna confrontarcisi, per determinare in assoluto il proprio valore.
    Se non è troppo invadente (allora me ne scuso in anticipo) sarebbe interessante se ci fa vedere la mappa dell'insistenza dei contatti per nazione.
    Io, dalla mia, scommeto che non sono solo europei...

    RispondiElimina
  24. Prof,
    grande inquietudine mi da questa notizia:
    http://borsaitaliana.it.reuters.com/article/businessNews/idITKBN0LE1OU20150210

    Non è che vogliono "blindare" la nostra permanenza nell'Euro incrementando le emissione sotto giurisdizione estera?

    RispondiElimina
  25. Nel frattempo un altro piccolo imprenditore si è tolto la vita nel suo capannone questa mattina qui a Casale Monferrato, aveva la mia età.

    RispondiElimina
  26. In tema di mercato per un attimo sono stato più liberista degli ammerigghani: il tempo di godermi e rigodermi questo articolo http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/13/lunita-pioggia-cause-contro-i-giornalisti-pd-si-dilegua/1421694/#disqus_thread

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.