MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 3 ottobre 2014

S. Firenze

...aiutami a non strozzare Ric Puglisi!

10 commenti:

  1. Saluti a tutti i fiorentini del blog, che spero di conoscere una volta o l'altra.

    Anche senza impegni familiari sopravvenuti, non sarei riuscita ad essere presente causa orari di lavoro.

    RispondiElimina
  2. ...siamo in mezzo ad una battaglia ideologica nella quale si continuano a ripetere slogan senza senso da parte di entità politiche e organi di informazione che sono espressione dirette degli interessi finanziari che ci hanno messo in crisi e che ce l'hanno con lo stato perchè lo stato in una società socialdemocratica europea normalmente svolge un ruolo di intermediazione del risparmio, per esempio attraverso il sistema pensionistico, quindi maneggia dei soldi che il settore privato vorrebbe per sè, e poi perchè lo stato detta le regole e sono le cose che il sistema finanziario non vuole. Quindi è ovvio che poi la colpa venga data allo stato.
    http://www.youtube.com/watch?v=EI0StoZsF9A

    Finalmente qualcuno che dice papale papale quello che è sotto gli occhi ma su cui nessuno in televisione e sui giornali ha il coraggio di puntare il dito.

    RispondiElimina
  3. Meglio "impegni di famiglia", così si evita il tormentone di scrivere "familiari" - come mi viene automatico e forse errato, a questo punto della storia della lingua e dell'uso - o "famigliari", e si evita pure l'ambiguità di senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti viene automatico e forse giusto. L'altra grafia è stata sdoganata da una mediocre scrittrice che sbagliò il titolo di un suo ingiustamente famoso libro. Ciao da uno a te vicino ma anche lontano (cioè: di Siena).

      Elimina
  4. E’ sempre un piacere ascoltarla Prof, e stasera in Piazza S.Firenze è stata la terza volta quest’anno: Civitavecchia a gennaio e Roma ad aprile. La prossima sarà Pescara.
    E’ stato per me un grande piacere e un onore averle stretto la mano.
    Però Ric Puglisi nei panni dell’assente Friedman, ma come si fa!

    RispondiElimina
  5. Mentre l'America è in allarme per il primo caso di ebola, tra i clinici italiani va destandosi preoccupazione per quella che è stata definita "Bagnai disease".
    Dalle prime informazioni trapelate sembrerebbe trattarsi di una sindrome che colpisce relatori e partecipanti a convegni e conferenze che prevedono la presenza dell'economista Alberto Bagnai (da cui la denominazione del misterioso morbo).
    La sintomatologia varia da lievi fastidi quali secchezza delle fauci, tremore agli arti inferiori, balbuzie transitoria fino a quadri di maggiore entità che includono confusione mentale, agorafobia, tendenze all'isolamento e all' annullamento improvviso e non motivato di impegni pubblici precedentemente assunti.
    Ancora vaghe le ipotesi sull'eziopatologia tuttavia lo studio dei primi soggetti colpiti ha evidenziato l'esistenza di fattori che potrebbero avere un ruolo predisponente tra cui: interesse (più o meno dilettantistico) a temi e problemi di tipo economico, spiccato eurismo, piddinismo (malattia, questa, già tristemente nota alla comunità scientifica), permeismo.
    Ad oggi non esistono cure riconosciute efficaci tuttavia, nella maggior parte dei casi, è stata osservata remissione spontanea dei sintomi favorita dalla riduzione dell'esposizione del soggetto colpito al fattore scatenante la malattia (il suddetto Bagnai Alberto).
    Degne di attenzione anche le implicazioni etiche connesse alla valutazione di una reale necessità di cura della "Bagnai disease"; la domanda che prepotentemente la comunità scientifica si pone è: "siamo veramente in presenza di una situazione patologica che richiede il nostro intervento? Può la medicina spingersi oltre il limite e l'onere della cura, per inoltrarsi nel più vasto campo dell'utilità antropologica della malattia? Può una malattia essere considerata utile all'umanità tanto da non essere curata?
    Ferve il dibattito.

    RispondiElimina
  6. Professore ha portato Puglisi all'osteria dopo il dibattito? Perché l'ho visto sciupatino e troppo dimagrito, mi sa che troppo liberismo fa male alla salute, può darsi sia per quello che non salta via dal carro dei perdenti, gli mancano le energie! Lo aiuti, in fondo gli vogliamo bene

    RispondiElimina
  7. Bagnai c’è!
    Ti vede e
    Non c’è trippa per gatti.
    (smetto i panni della groupie)

    Le mie sono parole un tanto al chilo, chiedo venia: ma anche il Prof. Puglisi…ah l’Ammeriga e gli occupati che aumentano e però…a che lavoro si lavora? Davvero davvero un lavoro purchè sia? (mi aggancio al commento di @chinacat); e poi, avrò anche il nervo scoperto (più di me, sempre lui, mio marito), ma per sentir dire (fresche l'ova) di liberalizzare le licenze taxi, posso scendere in ciabatte, vestaglia e bigodini dal “Sali e Tabacchi” sotto casa.

    Ah già, che beata, le scelte politiche non c’entrano una mazzafionda.

    Concludendo: le donne di casa mia dicevano che il mómmo a stomaco vuoto fa male.

    Caro Prof. Alberto,
    mi ha fatto molto piacere presentarmi (lo stesso vale per mio marito). Spero che vorrà tornare a Firenze, in alleggerimento, con Rockapasso e i vostri diletti Uga e Er Palla.

    (Alessandra da Firenze. La trippa alla fiorentina l’ho cucinata prima di arrivare a San Firenze mentre Gildagigi, la gatta, dormiva sul cuscino di picchè – la mia mamma era ricamatrice e tanti me ne ha lasciati di tessuti ricamati - sopra il baule. In bocca al lupo, viva il lupo)

    RispondiElimina
  8. Ma c'è un video online der dibbbbbbbbbbattito di ieri?

    RispondiElimina
  9. Almeno per chi stava tra le prime file, l'acustica era pessima o c'era il volume degli altoparlanti troppo alto.
    Per chi segue il blog, nulla nova, ma un argomentare sempre godibile.
    Confronto impari anche sul piano della capacità comunicativa.
    Ho fatto 45+45 km per la novità del dibattito con Friedman e questi non è venuto con giustificazioni risibili. Bah!
    Pancani ha lasciato andare ed i tempi si sono dilatati.
    Sarebbe stato interessante uno scambio sulle liberalizzazioni: liberalizzazioni false, come gran parte di quelle fatte da fine anni '90, perché ce lo chiede l'europa?.
    Prima dell'evento, dopo l'intervista al prof. fuori dalla sala, l'addominevole cameraman ha detto: "... certo, simpatia che spacca ...".

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.