MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 23 settembre 2014

Vorrei farvi notare che...

...e se ci dicono di no?


(Mitico! Il ragazzo ci sta dando soddisfazioni. Vedi al post precedente...)

49 commenti:

  1. Dedicato a quelli che "con quello si , con quello no".
    Fidatevi del prof , sa perfettamente cosa fare.
    E se dice di mettervi alla cappa fatelo.
    È navigato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa tragica è la necessità di sottolinearlo. Non voglio indagare sui perché questo non accada, ma ritengo che in un consesso civile dovrebbe risultare immediatamente evidente, data una situazione critica, chi ha dimestichezza con i meccanismi coinvolti e quindi è in grado di vedere una strada tra la nebbia.
      Fuor di metafora ieri discutevo con uno studente di giurisprudenza circa l'eventuale rilevanza penale di certe omissioni in articoli di giornale (v. alla voce "colpevole negligenza"), pare che far passare un concetto del genere sia praticamente impossibile nel nostro sistema giuridico (affermazione tutta da verificare, comunque, perché né io né il mio interlocutore siamo esperti della materia, anche se la storia del nostro giornalismo non è certo avara di esempi a sostegno dell'ipotesi).
      Rilevo comunque che è una tendenza affatto recente o isolata (ricordo solo, a titolo di esempio, che Aristotele si occupò di scienze naturali ne 'La Fisica' e di tutt'altro ne 'La Metafisica').
      Siamo pigri. Trovare un esperto in tutto è più facile che cercare n esperti in n campi (nella testa, perché nella realtà dei fatti sappiamo che non esiste esperto 'e' tale che 'e' appartenga all'insieme 'E' degli esperti in un campo 'C' per ogni possibile 'C'. Ovvero, l'isieme 'T' dei tuttologi è l'insieme vuoto), e non siamo molto bravi a valutare i costi effettivi di qualcosa quando questi costi trascendono la dimensione personale.
      Ciò detto, ammetto che ho imparato qui la sana abitudine di verificare le credenziali di chi parla, ed eventualmente a domandarmi qui prodest, e riconosco che è sia un ottimo metodo per separare il grano dal loglio, sia un grandissimo risparmio di tempo, dato che un sacco di letture non valgono la pena. Se non altro lo si scopre prima.
      Dopo di che occorre diffondere il verbo, e far sommessamente notare che l'opinione di certa gente vale quanto quella del macellaio (with all due respect to slaughters).
      Non si cerchi di spiegarlo agli ortotteri, comunque, ché l'hanno già capito da soli. Infatti hanno coerentemente riempito mezzo parlamento di casalinghe e macellai (with all due etc. etc.)

      Elimina
    2. Okkio ke a volte qui prodest, ma lì non prodest affatto, Nicola... ;-)

      Elimina
    3. E comunque, qui o lì, est o ovest, è colpa di Prodi

      Elimina
    4. @Nicola infatti è opinione comune ortottera che fra un politico che non conosce una beata fava di quello che vota (ma sa tutto di come intascare laute prebende) e gente comune che almeno legge prima di votare (e non ha ancora imparato a fregarsi nulla) sia meglio avere i secondi.
      Per trovare esperti che si prestino alla bisogna a parte l'illustre ospite e pochi altri che lui conosce come facciamo?
      Dovessero trovarsi sarò dispostissimo a votarli e fare anche propaganda.

      Elimina
    5. Perdonami, ma è un'opinione che si è dimostrata ampiamente fallace. Per quanto disonesto possa essere un dato personaggio, ciò nonostante obbedirà sempre almeno ad una legge: l'istinto di autoconservazione. Per questo l'€ finirà.
      Questo è ciò che gli ortotteri non capiscono (riguardo all'argomento in ispecie. Per un elenco più esaustivo s può consultare la Treccani): un uomo e un sistema informatico non sono molto dissimili, entrambi obbediscono a poche leggi inviolabili. Puoi sempre usarle come leva per forzare il comportamento atteso (se lo fai su un computer è un exploit, se lo fai su una persona è ingegneria sociale. Il principio è comunque lo stesso). Se non capisci questo sarai per sempre schiavo, potrai solo continuare a cambiare padrone una volta che il vecchio ti sarà venuto a noia, ma non avrai mai tu il controllo

      Elimina
  2. Improvvisamente sembra cresciuto e sicuro di sé.

    Non sarà che per "partire" aveva bisogno di interlocutori di rilievo, beninteso dopo alcune conversazioni con un oscuro professore di provincia di cui mi sfugge il nome?

    RispondiElimina
  3. Fassina ha fatto il salto... Sono incredula..Nell'incertezza brindo!

    RispondiElimina
  4. Fassina fa un salto al giorno... ma una volta tanto ha detto la cosa giusta! E gli indizi iniziano a essere tanti. Corro al fiume, può esse che tra poco ne vedremo passare parecchi, di cadaveri.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. https://www.youtube.com/watch?v=TkgDOMSv9PE

    RispondiElimina
  7. Con il nervosismo di chi la sta dicendo grossa, l'ha detta! Sembra una bella persona. As usual, tutti i complimenti al Prof. (copiato un 80 volte 80).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dacché si evince che il prof. Bagnai è un esperto di musica barocca e un intenditore di Cognac, vini, birra, vela, economia (politica e monetaria, se non ho capito male) e sa leggere le persone.
      Uno skillset mica da ridere

      Elimina
    2. Avrei tanto voluto poter dire: "Mi intendo un po' di donne", ma non è vero...

      Elimina
    3. Secondo me, anche di quelle. Altrimenti Uga, che le somiglia, da dove l'avrebbe tirata fuori? ;)

      Elimina
    4. ho pensato che avesse anche virtú veggenti circa il passato di autentici sconosciuti

      Elimina
    5. No, non lui. Google le ha. Per questo il "Diritto all'oblio" è una sesquipedale cxxxxxa, e infatti ha avuto il supporto immediato di tutti gli schieramenti praticamente ovunque, con la notevole eccezione di Jimmy Wales

      Elimina
  8. Eppur si muove... E anche oggi le increspature sulle acque della palude. Le vediamo ancora in pochi, gli altri sono ancora intenti a capire se il cielo è blu! Grande prof, speriamo che fassina abbia capito chi "seguire".

    RispondiElimina
  9. Sto ascoltando tutta la registrazione sul sito della Camera della Lectio Magistralis di Joseph Stiglitz - La crisi dell'euro: cause e rimedi.

    Anche la parte precedente, che è stata tagliata nell'estratto di rekotc, è interessante: Fassina pone la questione del controllo del movimento dei capitali, ricordando che è un tabù anche a sinistra.

    Ma persino il molto On. Boccia ha mandato ha ricordato a Stiglitz che le regole a cui siamo sottoposti non consentono di fare ciò che propone, ammettendo implicitamente che siamo in posizione di debolezza in EU. Gli ha chiesto quindi che fare in questa situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e pure Mario Pianta: «... noi non siamo tedeschi e non votiamo in Germania, dobbiamo parlare di quello che possiamo fare in Italia...» (sorvoliamo sulle proposte).

      S'avvicina il tranquillo week-end di paura? Pagliuzza che dice? È pronto per il bank run?

      Elimina
    2. (soprannominato in dipartimento: "Mario, piantala!")

      Elimina
    3. Sapevamo già che Stiglitz ha calato le braghe sul tema €/USE rispetto a posizioni precedenti:

      «"Questo è un disastro per l'essere umano, ed ha 4 lettere: l'Euro" ha detto Stiglitz. "Noi non abbiamo la solidarietà adeguata per far funzionare l'Euro".

      Stiglitz ha suggerito che potrebbe essere necessario sacrificare l'Euro e riformare "il quadro Europeo".
      » La fonte originale, citata in fondo alla traduzione, è un articolo del Columbia Spectator.

      Però c'è di buono che nella lectio magistralis ha sparato a zero sul TTIP e su flessibilità del mercato del lavoro.

      Elimina
  10. Complimenti, Bagnai. Complimenti. Ma ci eravamo già fatti una certa idea di Lei.

    RispondiElimina
  11. Professor stasera a porta a porta la Fassina si stà facendo rispettare son soddisfazzzzzzzzziioni.
    L'ho sempre pensato lei é anche un'esorcista...... esci da questo corpo libbbbbbeeeeeerismo..... hahahahah.

    RispondiElimina
  12. La Fassina ha lanciato il cuore oltre l'ostacolo a porta a porta. Finalmente qualche verità la sta urlando in faccia a Vespa e Sacconi. Ma cazzarola è l'una di notte. Il premio nobel che ha ascoltato ieri alla camera l'ha ispirato. Ma non mi fido per niente.

    RispondiElimina
  13. Ah Fassí, basta che te movi! E fatte da ma mano, che pe' sgamati l'Italia è oversupply.

    P.s.: perdonate il romanesco da non romano, ma mi diverte.

    RispondiElimina
  14. Non è che non c'era più tempo, siccome non ha detto nulla che non avesse già detto, alla Luiss a maggio per esempio, all'ennesimo prof che ne penza ha fatto clic. Comunque, caro Fassina, se hai davvero urgenza di risposte (si fa per dire, le sai da mo') sul Tramonto c'è tutto, trovi anche Stiglitz tra le fonti. So' stanco...

    RispondiElimina
  15. La fassina sente sempre più vicino il brusco rovesciamento di prospettiva, come quegli animali che capiscono quando li stai portando al macello. Fa quasi tenerezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, io credo che semplicemente non avesse la dimensione del problema. Ora ce l'ha

      Elimina
    2. Pare voglia offrirgli una via di uscita.
      Concordo.
      IMHO se si fosse esposto troppo presto si sarebbe bruciato.
      Che sia stato saggio a nascondersi fino al maturare degli eventi?

      Elimina
  16. Maestraaa Fassina è eterodiretto

    RispondiElimina
  17. Senti, facciamo come al solito: tu fai il ribelle no-euro (Fassina), agli altri facciamo fare la parte del "più europa".
    Quando tutto cadrà, rifacciamo il PD post-Euro. Ovviamente qualcuno (Renzi) dovrà essere crocifisso per dare un segno di credibilità.

    A Ste', sei proprio un paraninfo!

    RispondiElimina
  18. Non ho ancora avuto il tempo di visionare e ascoltare gli ultimi atti della tragiccomedia politica che stiamo vivendo. Ma dai commenti oggi è un giornata utile per regalare un sorriso.
    Non vedo l' ora di vedermi l' audizione.
    Un ringraziamento speciale all' Esorcista.

    RispondiElimina
  19. Ieri sera Fassina pareva un oscuro professore di provincia, ma gli avete resettato il BIOS come nel film Matrix ? :-D

    RispondiElimina
  20. Qualcun altro, a mio parere più importante di Fassina, da segni di risveglio…
    Dalla fine del 2011 mi son sempre chiesto come si sarebbe comportata la corrispettiva francese (o inglese) della nostra casta per eccellenza di fronte ad un' operazione 00Spread (uccidiamo il gatto villa-certosino) che, di fatto, ha portato il Bel Paese al macello. Vedevo questo dolce dormire come peggior conferma di una sconfitta certa. Be', è ancora presto... ma prima o poi ci potrebbe essere qualche giovane "sveglio" che sposti l'attenzione della corporazione su cosucce attinenti a "attentato alla costituzione, all'integrità e sovranità dello Stato" La stagione di "mani pulite" nacque quando lorsignori si resero conto che era cosa bella e giusta intervenire in un clima in cui la rappresentanza politica era sputtanata da lustri di ignavia, arrivismo pansechista, dialoghi sulla sessualità degli Angeli, terze teorie complottarde e dietro-logismi vari. Le barzellette sui socialisti marioli si sovrapponevano a quelle sui carabinieri, ed era, alla fine, fatto scontato.

    Be', si arriverà, presto, a quei livelli di percezione… giorno dopo giorno il socialista e demo-cristo ladro son sostituiti nei frizzi e lazzi vari dal' eurista professionista… da Chiesa, Craxi, De Michelis e Forlani a Barroso, Van Rompi, Tusk o Junker… con tutto il codazzo dei piccoli Quisling nostrani.

    Renzie sbandiera che è arrivato il momento di "riformare" - come da desiderata nordici - il magico pascolo dei venerabili sacerdoti della dea bendata? A quel punto vedremo i nostri eroi subito desti, ho idea… va be' meglio tardi che mai… XD

    Nel caso di specie, avranno il coraggio di arrivare alle logiche conseguenze dell'inchiesta? Come si comporteranno rispetto ai vertici della Quinta Colonna nostrana? Arriveranno a Capri o si fermeranno a Gaeta?

    Della truppa indottrinata, dei collaborazionisti e dei federali poco m'importa… ma gerarchi, ras e dux invitti si… quelli dovrebbero pagare dazio… senza finire appesi come da peggior tradizione patria, ovviamente.

    Una procura, casualmente, si sveglia

    RispondiElimina
  21. A me pare che Stiglitz, non per la prima volta in un discorso in Italia, alzasse la palla "l'euro si potrebbe salvare, SE..." in attesa che qualcuno facesse la schiacciata "peccato che non sia possibile, QUINDI...". Altrimenti sarebbe stato un americano importante ma senza imprimatur che veniva spiegarci quello che dovremmo fare, probabilmente contro la posizione ufficiale del suo governo.
    Concordo sul suo giudizio su Fassina.

    RispondiElimina
  22. Ma no Stefano, dai! come facciamo senza l'eurone che ci protegge dai cinesi cattivi? e poi che si fa se si esce, si riconverte tutto il business nella produzione di carriole per fare la spesa?
    Don't worry Stefano, i'm joking.
    Mi è quasi bastata la tua espressione di profonda vergogna e malcelato imbarazzo quando hai affermato che bisogna ripensare all'unione monetaria.
    E' quel quasi che dice tutto.

    RispondiElimina
  23. Quando arriverà la telefonata ce lo dica eh!? Tanto per goderci lo spettacolo, ormai manca un passo.

    RispondiElimina
  24. Personalmente troppo mitico non lo vedo. Adesso che ha capito di essere in un vicolo cieco la soluzione politica del suo partito, dopo essere stata per anni "dobbiamo imparare dai più bravi, i tedeschi", in coppia con "politica zozza brutta casta corruzione (perché all'opposizione)" diventa "la colpa è dei tecnici che non ci danno le soluzioni'?
    Mi sembra un'ipocrita arrampicata sugli specchi. Per avere un minimo di credibilità ci vorrebbero delle chiarissime scuse in ginocchio sui ceci e annesse spiegazioni delle motivazioni, per quanto possano essere disdicevoli. Opinione personale naturalmente.

    RispondiElimina
  25. Prof., ho visto l' audizione fino all' intervento di Fassina.

    RispondiElimina
  26. Non riesco a capire cosa possa spostare all'interno del PD la posizione di Fassina. E non mi aspetto che faccia il passo, almeno non sino all'anno prossimo. Il PD deve iniziare a perdere consenso perchè si verifichino certi passaggi obbligati, il numero attribuito nei sondaggi è ancora consistente, nonostante il disastro prodotto

    RispondiElimina
  27. E comunque a Fassí, Stiglitz ha detto "half lost decade", 5 anni, e se ne prospettano altri 5, un'altra "half lost decade", no 10, e 'nnamo co' st'inglese su.....

    RispondiElimina
  28. Beh, a me la fassina m'è simpatica, che ci volete fare. Mi era simpatico anche quando diceva l'opposto di quello che dice oggi, perché mi sembra uno che ci crede, in quello che dice. Cioè mi sembra onesto. Era onesto prima ed è onesto adesso. Mi piacerebbe ancora di più se poi ammettessa anche di avere sbagliato prima, e che aveva ragione il Proffe, ma la giravolta che ha fatto la prendiamo per un'ammissione implicita ... Accontentiamoci, è sempre solo una povera fassina....

    RispondiElimina
  29. Per la legge dei grandi numeri era ovvio che, prima o poi, anche Fassina ne dicesse una giusta.

    RispondiElimina
  30. Meglio tardi che mai. Un Fassina così sta quasi simpatico. Daje, Sté, vieni con noi al Fait Clebb, c'abbiamo i mezzi per curare la tua tendenza schizofrenica, arte, bellezza, realtà, e, via, pure un bicchiere di quello buono (vitigno a scelta dell'oste padrone dell'osteria, ops,del blog).

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.